Le rondini di Hafsah

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
3
33%
4 - è bello
6
67%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 9

Mariovaldo
Foglio bianco
Messaggi: 5
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Le rondini di Hafsah

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Il cielo era percorso da piccole forme scure e veloci che lo riempivano di grida: le rondini migravano a migliaia e si perdevano oltre l’orizzonte.
Hafsah le guardava con occhi sognanti mentre, vestita di un logoro abitino a fiori, trascinava con fatica un secchio dalla fonte limacciosa verso la baracca che chiamavano casa.
Provava una grande invidia per quei piccoli uccelli. Venivano dal sud e volavano liberi verso un nuovo cielo, verso una terra ricca.
- Fortunate quelle rondini che non sono costrette a rimanere in questo posto per tutta la vita - sospirò la ragazzina, fermandosi un momento per posare con attenzione il secchio, le braccia dolenti per lo sforzo.
Aveva ancora molta strada da fare, e forse in futuro sarebbe stato ancora peggio: i vecchi dicevano che il sole era sempre più caldo e l’acqua si sarebbe nascosta ancora più in profondità.
Quel giorno stesso al villaggio fece ritorno Jummai, un cugino di Hafsah che era riuscito ad andarsene qualche anno prima. Era venuto per salutare i genitori e i due fratelli, almeno questo era ciò che diceva. Ma si capiva che era tornato soprattutto per esibire la sua nuova ricchezza e i suoi vestiti occidentali. Con quello che era costato il suo orologio d’oro sarebbe stato possibile portare l’acqua in ogni casa del villaggio; non se ne curava, e fingeva di ignorare gli sguardi di suo padre che non aveva mai approvato la sua partenza.
Jummai fissò Hafsah con uno sguardo che la turbò: c’era una luce stana in quegli occhi. Durò un istante, poi un sorriso allegro cancellò nella ragazzina quella sensazione spiacevole.
- Cugina, sei cresciuta, ora sei una donna. Vieni con me in Italia, c’è lavoro, si guadagna tanto e si sta bene.-
Questo era stato, più o meno, il discorso che Jummai le aveva fatto e poi aveva ripetuto ai genitori di lei, aggiungendo che le spese del viaggio non erano un problema, le avrebbe anticipate lui, Hafsah avrebbe potuto rimborsarlo con il denaro che avrebbe guadagnato in seguito; intanto loro, al villaggio, avrebbero avuto una bocca in meno da sfamare. -Inoltre, proseguì Jummai,- gli uomini di scienza, quelli che sanno tutto, dicono che presto dovremo comunque lasciare la nostra terra, non ci sarà più acqua per tutti. Meglio dare a Hafsah l’opportunità di una vita infinitamente migliore prima che sia troppo tardi.-
concluse Jummai in tono molto convincente.
A Hafsah non sembrò vero quando i genitori decisero di lasciarla partire, era la realizzazione di un sogno: avrebbe seguito le rondini e sarebbe arrivata dove facevano il nido, un posto al di là del mare pieno di meraviglie, come l’acqua che a volte diventava bianca e copriva le montagne, così aveva sentito dire; in ogni caso, anche lei avrebbe esibito vestiti e collane meravigliose.
Il viaggio fu lungo, faticoso e pericoloso, suo cugino le aveva spiegato che non potevano viaggiare insieme, lei doveva entrare di nascosto in quel paese del quale lui invece oramai aveva le chiavi. Ma di sicuro l’aspettavano una bella casa, un buon lavoro e presto i soldi, tanti soldi, era più di una promessa.
All'arrivo Jummai non c’era, e Hafsah non lo rivide più. Al suo posto, alcuni connazionali sconosciuti l’avevano prelevata direttamente dalla spiaggia dove era approdata, fradicia, affamata e spaventata, e l’avevano portata in una lurida casa nella campagna.
La ragazza scoprì molto presto che suo cugino l’aveva semplicemente venduta a un’organizzazione di sfruttatori e che sopra quella casa non volavano le rondini: là, dove lei e alcune altre erano tenute segregate mentre imparavano a forza il mestiere, non c’era posto per i sogni.

Erano le cinque di un pomeriggio d’autunno inoltrato ma i giorni erano ancora roventi come ad Agosto.
Hafsah aspettava sullo spiazzo della statale. Il trucco volutamente pesante cercava di celare il volto da bambina, indosso portava solo una minigonna rossa e una maglietta gialla, attillata e scollata in modo che il suo seno quasi straripava; le scarpe dai tacchi altissimi le rendevano difficile camminare, così stava ferma. Aspettava.
Il furgone bianco frenò poco più avanti, poi retrocedette lentamente.
Un altro cliente, il pomeriggio era stato fiacco, forse sarebbe riuscita a farla diventare una buona giornata, pensò Hafsah.
L’uomo al volante era trasandato, i capelli lunghi raccolti sulla nuca, la barba unta e incolta e quando la apostrofò volgarmente il suo alito puzzava di vino.
Hafsah ebbe un attimo di esitazione, ma sapeva cosa le sarebbe accaduto se, alla fine della giornata, non avesse portato tutto il denaro che si aspettavano da lei. Pensò che non sarebbe stata la prima volta, né l’ultima, che avrebbe accettato un cliente che la disgustava.
La contrattazione fu veloce e lei salì, indicando all’uomo la piccola strada sterrata dove appartarsi.
L’uomo la fece sdraiare brutalmente, poi si mise sopra di lei senza il minimo riguardo.
Hafsah aveva imparato a estraniarsi e persino a sorridere, seguendo il filo dei suoi pensieri mentre gli uomini facevano quello per cui l’avevano pagata. Non era difficile: lei non sentiva nulla, l’al uasat, una tradizione del suo popolo che veniva rispettata puntigliosamente per tutte le bambine e che lei aveva subìto quando ancora prendeva il latte, l’aveva resa incapace di provare qualunque piacere sessuale.
In ogni caso, con quel cliente non avrebbe fatto la minima differenza: a volte ne capitava uno gentile, ma non era certo la persona che in quel momento stava sopra di lei, bestemmiando e alitandole addosso odio e puzza di vino.
- Cos’hai da sorridere, puttana, mi prendi in giro? Stronza di una negra, non sei nemmeno capace di farmelo venire duro! -
Lo schiaffo arrivò violento, tra la tempia e la bocca, facendole uscire il sangue dall’angolo del labbro.
Anche a questo Hafsah era abituata, non era la prima volta che un uomo, sfruttatore o cliente, la picchiava.
- Non mi picchiare, tu stai buono, faccio io tutto, tu vedrai, io sono brava -.
- Ma cosa vuoi fare?- sibilò con rabbia l'uomo - Mi fai schifo, non dovevo prendere su una lurida negra come te, rendimi i soldi.-
L’uomo adesso era in ginocchio e le aveva messo una mano sul collo; Hafsah iniziò ad avere paura.
- Tu lasciami, va bene, io ti do i soldi, mi fai male -.
Una strana luce si accese negli occhi dell’uomo che iniziò a serrare la mano, appoggiandosi con tutto il suo peso.
-Ti faccio male? Ecco, questo sì che mi eccita, dillo ancora, brutta troia!-
Ma Hafsah non poteva parlare, apriva la bocca e l’aria non arrivava ai polmoni, si dibatteva, mentre il terrore s’impossessava di lei. L’uomo era forte, le teneva serrati entrambi gli esili polsi dentro una mano, mentre con l’altra alternava strette al collo con schiaffi spietati. Poi, per sua fortuna, Hafsah perse i sensi e non fu più preda del dolore e della paura, ma solo di una bestia accecata dalla follia.
Passarono pochi minuti e il furgone ripartì, vagando tra le stradine sterrate della pineta. Alla fine si fermò dove un fiumiciattolo si avvicinava al mare tra cespugli e basse dune di sabbia. L’uomo si guardò intorno, quindi trascinò fuori senza sforzo apparente la ragazza. La finì di spogliare, la fece rotolare lungo il corto declivio dell’argine, poi mise i pochi vestiti vicino alla borsetta, sul sedile; se ne sarebbe disfatto da qualche altra parte. Mise in moto e si allontanò velocemente in un sollevarsi di polvere e cartacce.

Il cielo era percorso da piccole forme scure e veloci che lo riempivano di grida: le rondini roteavano a centinaia ma non si allontanavano: con l’autunno così caldo non sentivano più il bisogno di tornare in quelle terre lontane..
Hafsah le guardava con occhi sbarrati mentre, vestita delle foglie di un cespuglio ingrigito dalla polvere, trascinava con fatica il respiro rantolante attraverso la gola martoriata.
Provava una grande invidia per quei piccoli uccelli.
-Almeno voi potete tornare, siete libere, non fatevi ingannare dalle false promesse.-
mormorò Hafsah mentre si abbandonava al buio che la stava avvolgendo.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 408
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

racconto molto triste che rispecchia bene la realtà dei fatti, quello che molte donne sono costrette a passare e nella fattispecie un peggioramento piuttosto che il raggiungimento della "Terra promessa".
Le rondini l'hanno accompaganta fino alla fine, una bella scena, una goccia di felicità velata dal rammarico di quello che non è potuto essere e dalla invidia verso gli uccelli migratori, da sempre sua ispirazione.
Alla prosisma
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 190
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Draper »

Allora, è un racconto molto bello, ma in due punti molto delicati tende a diventare parecchio retorico. Credo che modifcare quei periodi possa rendere più potente il testo, ovviamente è solo un consiglio. Te li segnalo di seguito:

"La ragazza scoprì molto presto che suo cugino l’aveva semplicemente venduta a un’organizzazione di sfruttatori e che sopra quella casa non volavano le rondini: là, dove lei e alcune altre erano tenute segregate mentre imparavano a forza il mestiere, non c’era posto per i sogni."

se fosse direttamente: "La ragazza scoprì molto presto che sopra quella casa non volavano le rondini: là, dove lei e alcune altre erano tenute segregate mentre imparavano a forza il mesterie, non c'era posto per i sogni."

Qui c'è già tutto, mi sembra ridondante segnalare che il cugino l'abbia venduta. E' chiarissimo prima ancora che si spieghi.

Il secondo punto è il finale. Anche lì, ribadire il concetto credo non serva. Secondo me sarebbe molto più potente, il messaggio, se il finale terminasse a "provava una grande invidia per quei piccoli uccelli". Penso sia stata ben spiegata la similitudine già dal resto del racconto, ecco perché sarebbe pleonastico.

In ogni caso, un bel lavoro!
Immagine
Immagine

Letylety
Foglio bianco
Messaggi: 2
Iscritto il: 21/03/2020, 12:12

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Letylety »

Un racconto molto bello. Questa giovane ragazza che parte dalla sua terra per raggiungere un luogo di speranza magari è inflazionato però la descrizione è semplice e sentita. Mi è piaciuta la leggerezza e delicatezza usata nell'esporre la storia. In certi punti è poetico.
Ultima modifica di Letylety il 26/03/2020, 9:18, modificato 1 volta in totale.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 233
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Mi è piaciuta la delicatezza e il rispetto con cui è stato trattato il tema. Trovo sia importante parlarne e discuterne, anche all’infinito se fosse necessario a cambiare, almeno un po’, le cose. Si legge volentieri, anche perché non è eccessivo, retorico, non so se mi spiego. Voto 4.

Roberto Ballardini
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

Per certi contenuti non c'è inflazione che tenga. E' giusto parlarne, foss'anche tutti i giorni (se Barbara D'Urso può triturarci i maroni con la sua stucchevolezza, perché fotografie di questo tipo non debbono poterci ricordare sempre cosa non va?). Ma il valore del racconto non è solo nel contenuto. Nella sua semplicità mostra come i sogni di una ragazza come Hafsah siano gli stessi di ognuno di noi, e cioè quelli di migliorare la qualità della propria vita. Mostra anche in modo semplice, poco sensazionalistico, come il denaro corrompa ogni cosa e ogni persona, come un virus (e daje). Nella brevità del testo vengono toccati tutti gli aspetti salienti della questione, da quello umanitario a quello ambientale (ecologico si può ancora dire o è un termine inflazionato anche quello, malgrado non sia mai stato preso in considerazione?) e se l'impianto narrativo non genera tensione o suspence è solo perché una storia di ordinario degrado sociale non può farlo. Può solo fare inorridire. Ma questo, nello specifico, non è certo un demerito. Per quel che riguarda la retoricità, io non l'ho ravvisata per niente. Il pezzo ha tutta la forza di un buon articolo, e come racconto è costruito bene. Toglierei le ultime due righe, soltanto perché ripetono ciò che le parole precedenti hanno già espresso più che bene.

Avatar utente
Teseo Tesei
Apprendista
Messaggi: 118
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Il racconto descrive una triste odissea di una ragazza piena di speranze, ingannata, tradita e resa schiava.
Rispecchia la storia di tante ragazze che purtroppo sono costrette a questo genere di vita proprio nella nostra Nazione, ancor oggi nel 2020 in Italia.
Finché esisteranno organizzazioni criminali nostrane o straniere in grado di commettere questi scempi, ma sopratutto finché ci saranno animali sotto spoglie umane disponibili ad alimentare questo giro di sfruttamento, finché il nostro Stato non deciderà di intervenire con polso di ferro, tutto ciò continuerà ad accadere. Altre Hafsah chiuderanno gli occhi da schiave, sognando di essere rondini.
Ognuno di noi deve fare il proprio dovere, in casi simili girarsi dall'altra parte e fingere di non vedere è da vili.
Voto 4.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Mai Più

Mai Più

Antologia di opere grafiche e letterarie aventi per tema il concetto del MAI PIÙ in memoria del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, di AA.VV.

Nel 2018 cade il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, perciò abbiamo voluto celebrare quella follia del Genere umano con un'antologia di opere grafiche e letterarie di genere libero aventi per tema il concetto del "mai più".

Copertina di Pierluigi Sferrella.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Alessandro Carnier, Romano Lenzi, Francesca Paolucci, Pasquale Aversano, Luisa Catapano, Massimo Melis, Alessandro Zanacchi, Furio Bomben, Pierluigi Sferrella, Enrico Teodorani, Laura Traverso, F. T. Leo, Cristina Giuntini, Gabriele Laghi e Mara Bomben.
per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Downgrade

Downgrade

Riduzione di complessità - il libro Downpunk

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
è probabilmente il primo libro del genere Downpunk, ma forse è meglio dire che il genere Downpunk è nato con questo libro. Sam L. Basie, autore ingiustamente sconosciuto, presenta una visione dell'immediato futuro che ci lascerà a bocca aperta. In un futuro dove l'individuo è perennemente connesso alla globalità tanto da renderlo succube grazie alla sua immediatezza, è l'Umanità intera a operare su se stessa una "riduzione di complessità", operazione resa necessaria per riportare l'Uomo a una condizione di vita più semplice, più naturale e più... umana. Nel libro, l'autore afferma che "anche solo una volta all'anno, l'Essere umano ha bisogno di arrangiarsi, per sentirsi vivo e per dare un senso alla propria vita", ma in un mondo dove tutto ciò gli è negato dall'estremo benessere e dall'estrema tecnologia, le menti si sviluppano in maniera assai precaria e desolante, e qualsiasi inconveniente possa capitare diventerà un dramma esistenziale.
Di Sam L. Basie
a cura di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,50 MB scaricato 213 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

(soprattutto a letto)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Marika è una giovane ragazza. Non ha avuto alcuna esperienza sessuale e sta per sposarsi. Essendo molto intelligente, si accorge presto di essere una bella donna e sente di non poter rinchiudersi per tutta la vita in un contesto matrimoniale forzato e prematuro. Conosce un uomo, il quale la porta per gradi a conoscere tutto ciò che c'è da sapere sul sesso. è un uomo speciale, totalmente diverso dal suo fidanzato e ne nasce una relazione molto particolare. Molto di quello che Marika impara può non corrispondere a quello che le donne desiderano, ma sono certa che, segretamente, prima o poi ci avranno pensato. è un racconto erotico, scritto però senza parole scurrili od offensive.

Copertina di Roberta Guardascione
di Mary J. Stallone
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (252,71 KB scaricato 176 volte) -
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 44 - Il potere della parola

La Gara 44 - Il potere della parola

(gennaio 2014, 33 pagine, 948,65 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Lodovico, Eddie1969, Anto Pigy, Skyla74, Scrittore 97, Daniela Rossi, Marina Paolucci, Silvia Torre.
A cura di Marino Maiorino.
Scarica questo testo in formato PDF (948,65 KB) - scaricato 198 volte.
oppure in formato EPUB (312,42 KB) (vedi anteprima) - scaricato 244 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

(gennaio 2012, 80 pagine, 1,06 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Ardito eufemismo, Skyla74, Nathan, Feffone, Mariadele, Stilledernacht, Tania Maffei, Angela di Salvo, Unanime uno, Cordelia, Ritavaleria, hellies15, Manuela, Tuarag, Licetti, Roberta Michelini, Antonella P., Kutaki Arikumo, Ser Stefano, Alessandro Napolitano, Alessandra 90, Alheli, Triptilpazol.
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,06 MB) - scaricato 439 volte.
oppure in formato EPUB (668,88 KB) (vedi anteprima) - scaricato 196 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 45 - Due personaggi in cerca d'autore

La Gara 45 - Due personaggi in cerca d'autore

(aprile 2014, 30 pagine, 454,14 KB)

Autori partecipanti: Annamaria Vernuccio, Anto Pigy, Nunzio Campanelli, Ser Stefano, Daniela Rossi, Alphaorg, Eddie1969, Marina Paolucci.
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (454,14 KB) - scaricato 128 volte.
oppure in formato EPUB (613,40 KB) (vedi anteprima) - scaricato 239 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.