La pecorella smarrita

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
13%
3 - si lascia leggere
3
38%
4 - è bello
3
38%
5 - mi piace tantissimo
1
13%
 
Voti totali: 8

Letylety
Foglio bianco
Messaggi: 2
Iscritto il: 21/03/2020, 12:12

Author's data

La pecorella smarrita

Messaggio da leggere da Letylety »

La luce arancione di una miriade di raggi sottili illumina l’aeroporto di Barcellona. Sono le venti di una sera di metà settimana e un centinaio di passeggeri stravaccati sulle panchine attende la partenza del volo AZ8547 per Milano Malpensa.
La speaker catalana ha appena diramato il comunicato relativo al ritardo di un’ora causa un forte temporale che imperversa sull'aeroporto milanese.
La notizia arriva come una randellata sulla testa dei viaggiatori e il mormorio di sconforto raggiunge i decibel che si odono al Camp Nou, quando una punizione di Messi finisce fuori di un palmo di mano. Gran parte di loro sono italiani che hanno passato alcuni giorni di lavoro nella città spagnola. Stanchi e affamati, non vedevano l’ora di imbarcarsi e di atterrare un’ora e mezzo dopo a Milano. Una vana speranza.
Ernesto riprende il giornale dalla valigia e prosegue nella lettura. A ogni paragrafo si guarda attorno infastidito dal ticchettio di polpastrelli ansiosi che ritmano il tempo d’attesa, mentre alcune voci si ergono imponenti nel silenzio. Improvvisamente i soloni di meteorologia e aviazione escono allo scoperto, impazienti di erudire il resto del pubblico.
Dal fondo del corridoio vede avanzare una signora a passo svelto e deciso. Subito pensa che con quella donna sia meglio non litigare, tanto sembra sicura di se stessa. Si siede proprio nella panchina davanti a lui. E’ bionda, abbastanza alta e con un seno prosperoso che attira lo sguardo. Lui rimane perplesso, cominciando a chiedersi dove ha già visto quel volto e quelle tette. Scopre che la memoria non l’ha abbandonato. E’ una nota presentatrice e showgirl italiana. Come una spia internazionale, dopotutto siamo a Barcellona, alza il giornale quel poco che basta a coprirgli lo sguardo. Ogni tanto lo abbassa per lasciare libera la vista e curiosare il personaggio. Il seno è parecchio cadente, e anche il contorno degli occhi ha qualcosa di strano. E’ rifatta, pensa. Il chirurgo plastico non ha badato al consumo di filo, botox e colla perché ha tirato troppo sugli zigomi e sotto le tempie. Ora non c’è più una ruga ma l’espressione del viso sembra di plastica, come una Barbie di seconda mano.
Ha lo sguardo sfuggente di chi non vuole incrociare in maniera continua qualche occhiata e per evitare ogni tipo di rapporto si rifugia nello schermo del cellulare.
Ormai anche Ernesto non ha più interesse a fare la spia internazionale e si butta nella lettura del quotidiano. All'attacco della terza pagina sente, improvviso e acuto, un fortissimo CHICCHIRICCHIII, CHICCHIRICCHIII.
Come prima impressione pensa di essersi appisolato e di aver sognato di esser finito in un pollaio ma le tette della soubrette lo riportano dolcemente alla realtà. Si gira con calma e vede un uomo sulla quarantina con i capelli ricci e gli occhiali. Ha in mano il cellulare.
“Ciao frate, sto di bestia. Hanno appena detto che c’è un ritardo di un’ora. Non ne posso più. Oggi non ho combinato un cazzo, adesso ci mancava il ritardo. Me lo fa salire lui, l’autista dell’aereo, il fatturato?”
Si muove come un esagitato e urla talmente forte che Ernesto pensa potrebbe non usarlo neanche il telefono, forse il suo amico lo sentirebbe direttamente. Tutti lo guardano, sorpresi da quell'esibizione di machismo meneghino. Inizialmente ha almeno il pregio di aver distolto l’attenzione a decine e decine di persone da quell'oziosa attesa.
La telefonata continua, ora parla l’amico; poi riprende la parola il nostro uomo, che per convenienza chiameremo Riccio.
“Ok, ok, ora li chiamo. Ciao frate, salutami i raga. Vadavialcù.” Finisce la telefonata.
Sbuffate, gesticolazioni, circuito ovale in senso orario a velocità incredibile. Il Riccio è agitato quasi come il Milanese Imbruttito della celebre parodia.
Non da spunti su quale possa essere il suo lavoro. A prima vista sembra lo spot di un ex paninaro.
Si siede dietro a Ernesto. Queste panchine schiena contro schiena non sono il massimo della privacy, soprattutto se uno ha l’abitudine di urlare.
Lo sente comporre un numero di telefono.
“Pronto Umberto? Ciao, senti dovevo chiamare l’ufficio reclami ma non trovo più il numero. Ti do il mio e gli dici di chiamarmi domani mattina perché oggi è un casino dimmerda.”
Prevedibile assenso dall'altra parte del telefono.
“Allora, tretrenovedueduetre………Spero di partire, quest’aereo è peggiore del PD.”
Ernesto ascolta indifferente. Prende subito in mano il cellulare e riscrive il numero che ha appena sentito. Fa in fretta, conscio di avere un’ottima memoria. All'ultimo numero indugia. Nel suo schema mnemonico tiene i numeri tre alla volta, cercando di ricordare soprattutto il primo numero della terzina, da ripetere come fosse una filastrocca. L’ultimo, che sembrerebbe il più facile da ricordare, gli da sempre qualche problema. Un sei o un sette?
Non gli rimane che fare una prova. Chiamare.
Corregge le impostazioni in modalità privata e compone il numero dell’esagitato.
Tiene il cellulare tra le mani appoggiate sulle gambe, come se guardasse distrattamente qualche social.
Un paio di secondi e la zona è risvegliata da un CHICCHIRICCHIII potentissimo. Una volta, due volte, tre volte. E poi ricomincia.
“Prooonto.” Risponde il Riccio
Silenzio dall'altro capo.
“Prooonto.” Continua.
“Proooontoooo.” Esplode.
Tanti lo guardano stancamente, alcuni voltano le spalle per il fastidio. Anche la soubrette inarca le sopracciglia non ancora rifatte, e osserva.
“Checcazzo.” Il Riccio chiude la comunicazione con il noto francesismo. Anche Ernesto la interrompe.
Si alza e va a fare un giro. Manca ancora più di mezz'ora, vorrebbe passare al Duty free ma poi desiste. Cerca con lo sguardo il Riccio. Si è seduto. Cerca anche la soubrette. E’ sempre al suo posto, ora sta leggendo una rivista.
Prende il telefono dalla tasca e ricompone il numero.
CHICCHIRICCHIII. Una volta, due volte, tre volte. Il Riccio sobbalza sulla panchina, prende un bel respiro e si alza.
Risponde con lo stesso tono della prima volta, forse più ingrugnito. Comincia a scuotere la testa, cammina pensoso mentre urla il suo ormai celebre Prooonto.
Ernesto chiude la comunicazione e il Riccio al clic si porta lo schermo vicino agli occhi, come se da lì potesse svelare l’arcano.
Ernesto è impietoso.
Attende trenta secondi e lo richiama. Come un pugile sente l’odore del sangue quando l’avversario è alle corde, così lui sente l’odore acre e dolciastro della bile che questo facsimile di milanese imbruttito secreta.
Riccio riprende il cellulare, controlla e vede ancora una volta la dicitura numero privato. Diventa rosso, non si alza più dalla panchina.
La risposta è un Prontooo, questa volta scarica l’energia sulla seconda o.
Chi gli sta vicino leva gli occhi al cielo e si alza infastidito. Tanti lo guardano. Ernesto chiude la comunicazione e il Riccio riporta il cellulare davanti agli occhi. Vuole mangiarselo.
“Ma lo spenga quel telefono o abbassi la suoneria.” Gli urla una signora.
“Perché? Aspetto la telefonata del fatturato di oggi. Uh, che giornata.” Risponde il Riccio guardandosi intorno.
“Che giornata anche per noi, non siamo venuti in passeggiata.” Lo incalza un uomo sulla settantina con una telecamera.
“Mi devono chiamare tre venditrici per darmi l’importo delle vendite.”
“Eh, anche noi abbiamo i nostri interessi ma non facciamo il casino che fa lei.” Ribatte una giovane donna in tailleur.
“Ma lo sa lei che io quando chiamo le mie dipendenti capisco se stanno bene oppure se hanno litigato con il fidanzato? Io senza vederle so se hanno il ciclo oppure no. Lo capisco dal fatturato.” Insiste il Riccio con gli occhi fuori dalle orbite.
“Ma cosa dice?” Ribatte la giovane donna.
“Senta la smetta.” Lo rimbrotta il settantenne.
Il Riccio non risponde, incurante e perso nel suo mondo, ripone nella tasca il cellulare.
Il tempo durante queste attese scorre molto lento. L’aeroporto è un paesaggio impersonale, la freddezza delle sue strutture e l’anonimato dei passeggeri lo rende un luogo quasi virtuale. Avere la fortuna di appisolarsi e di raggiungere un piccolo nirvana è un’ottima cosa, altrimenti il nervosismo può solo che aumentare.
Ernesto ride sotto i baffi che si è tagliato il giorno prima e imperterrito richiama.
Il Riccio ridiventa rosso, si alza, guarda lo schermo e risponde.
“Prontoooooo.”
E’ fuori di sé.
All'improvviso la speaker catalana dice che a breve comunicherà l’ora esatta dell’imbarco. Il Riccio sente questa comunicazione in stereofonia. Al cellulare posto sull'orecchio destro e anche all'altro orecchio libero. E’ stupito, tira leggermente indietro la testa abbassando la fronte come veramente fanno i galli e le galline.
E ragiona.
Ernesto chiude la linea. Il Riccio comincia a girare per le panchine.
“Chi è? Chi cazzo mi chiama?” urla sconvolto.
“Signore, si calmi.” Gli dice una ragazza.
“Si calmi? Qui c’è qualcuno che mi prende per il culo, che continua a chiamarmi.”
“Senta, se non può spegnere il telefono, lo silenzi oppure cambi suoneria.” Gli consiglia un uomo.
Il Riccio non parla e si risiede. Distende le gambe e inarca la schiena. Forse pensa alla telefonata che sta aspettando e che non arriva. Teme per il suo fatturato, il suo agnello d’oro. Con un braccio urta il vicino di poltrona. Si volta e lo degna a malapena di uno sguardo. Normale, per i tipi come lui tutto è dovuto. Armeggia al telefono e poi lo ripone nella tasca della camicia.
Ernesto gli gira intorno, un cerchio largo da dove invia qualche rapida occhiata di controllo. Pensa che il gioco sia bello quando dura poco, come gli diceva sua madre. Si è divertito, si sente sagace e un po’ impertinente. Vede il Riccio sudato. Vestito con un giubbotto arancio-marrone e con i pantaloni sformati, non s’immagina che genere di negozi potrebbe gestire. La tensione e la stanchezza possono provocare varie reazioni. Una di queste è il cattivo odore, quell'acre effluvio invasivo al sapor di cipolla. Pensa che il Riccio stia cominciando a emanare un afrore veramente sgradevole. Ha proprio trovato la persona giusta per questo genere di scherzi.

Passano circa dieci minuti dove il silenzio diventa irreale, i passeggeri sono sempre più stanchi e mancano ancora notizie sull'orario d’imbarco.
L’unico modo per liberarsi di una tentazione è cedervi, predicava Oscar Wilde.
Ed Ernesto cede.
Prende il telefono e si prepara la schermata delle chiamate effettuate. Basterà un solo click per far ripartire la telefonata, tenendo il cellulare in tasca con un atteggiamento indifferente.
Preme l’icona e cammina. Nel silenzio generale si sente un BEEE BEEE BEEE.
Il Riccio guarda il cellulare con aria stanca. Ha cambiato la suoneria inserendo il belato della pecora. Non sembra stupito da questa novità, forse non ha neanche sbagliato nella scelta dell’animale. O forse è troppo stanco per avere una qualsiasi reazione.
Ernesto lo guarda fisso, ormai sa che il suo uomo da quella poltrona non si muoverà più.

La sorpresa è tanta tra i passeggeri. Si avvicinano alla panchina. Lo guardano e cominciano a ridere, ridere, ridere sempre di più con le fauci sguaiate.
Sembrano tanti zombies pronti ad attaccare la vittima di un sacrificio rituale. Arrivano tutti, in una coda interminabile e uno per volta gli passano davanti. La soubrette attende il suo turno allenandosi a sostenere le tette sudate e cadenti. Gliele sbatte in faccia insozzandogli gli occhiali. Forse anche i capezzoli sono artificiali, pensa Ernesto.
Il Riccio vede offuscato. Risponde alla chiamata con voce flebile.
“Pronto.”
L’ululato gutturale degli zombies risuona nell'aeroporto ormai deserto. Hanno annusato la paura di questa ignara preda, inebriandosi le narici allargate.
La giovane donna in tailleur si umetta le labbra rosso fuoco e il serpente corallo che ne esce sa dove colpire. L’uomo di una settantina d’anni gli presenta il pugno, dove l’indice e il mignolo si allargano a dismisura come le corna di una vacca indiana.
Ernesto è rimasto fuori dal gruppo e osserva silenzioso le donne mature che mimano fellatio sgocciolanti e i giovani manager internettiani esibenti le proprie virilità. Il Riccio accoccolato e rimpicciolito nella sua poltrona ha gli occhi aperti e il cellulare in mano.
Quanto sarà il fatturato?
La speaker dell’aeroporto ha appena comunicato l’orario di partenza ma nessuno ci ha fatto caso. Tutti sono impegnati nell'assurda pantomima.
Il grafico delle vendite deve avere la freccia verso l’alto, sempre, come un mantra tibetano, come un dogma cristiano, come una verità esibita e certificata.
Ernesto con i gomiti in fuori si fa largo tra gli zombies, si avvicina al Riccio e lo prende per mano. Lo fa alzare. Lui lo segue calmo e indifferente.
Lo annusa, puzza di stalla e di pollaio.
“Vieni amico, andiamo a bere un caffè. Abbiamo ancora un po’ di tempo.” Gli sussurra Ernesto, pensando che una pecorella smarrita si deve sempre aiutare.

Gino Savian
Foglio bianco
Messaggi: 11
Iscritto il: 18/02/2020, 18:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Gino Savian »

Leggendo le prime righe pensavo il racconto andasse in tutt'altra direzione, e invece sorpresa! Mi ha divertito molto la storia, ma sopratutto la descrizione del milanese è stata molto efficace e penso sia il punto di forza dell'umorismo del racconto.

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Scritto veramente bene, non hai nessun problema nelle descrizioni, nei commenti e nei dialoghi. Il milanese è sicuramente imbruttito, ma non abbastanza visto che nel finale cala le brache, quando non sono certo che un milanese veramente imbruttito lo farebbe. Forse un po' troppa insistenza sulla fisicità della showgirl rifatta, specie nel momento in cui riesce a insozzare gli occhiali con le tette sudate, come pure sulle reazioni del branco nei confronti dell'ex CHICCHIRICCHIII, mentre le donne mature che mimano fellatio sgocciolanti e i giovani manager internettiani esibenti le proprie virilità mi sembrano francamente un'esagerazione, ma l'intento satirico è molto chiaro. Un bel testo da leggere tutto d'un fiato.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Roberto Ballardini
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

Concordo sulle esagerazioni, che mi hanno fatto venire il dubbio di essermi perso qualcosa. Per il resto, simpatico e scorrevole. Forse qualche anno fa, showgirl rifatte e imprenditori burini mi avrebbero stimolato di più. Oggi che la puerilità ha oltrepassato qualsiasi limite e non si prende nemmeno la briga di spacciarsi per qualcosa di diverso, il sarcasmo al riguardo mi prende di meno. Comunque scritto bene, anche se un po' sopra le righe.

Andr60
Pubblicista
Messaggi: 51
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Ebbene sì, lo confesso: gli str.... non conoscono latitudine ma i milanesi str... non li batte nessuno (con tutto il rispetto per il 99,9% dei milanesi che non lo sono, naturalmente!).
Racconto divertente di uno scherzo al limite del sadismo, per il povero galletto meneghino; chissà, forse dopo sarà più saggio? Nooo...

Avatar utente
Teseo Tesei
Apprendista
Messaggi: 118
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Mi ha divertito parecchio e mi è decisamente piaciuto il finale a cui si rifà lo stesso titolo. Prendendo in giro diversi costumi moderni è stuzzicante e devo dire che mette di buon umore il lettore. Almeno per me è stato così. Quindi voto massimo, per me è cinque.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Intellinfinito (un passo avanti)

Intellinfinito (un passo avanti)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Questo libro è il seguito di "Un passo indietro". Come il primo, è autoconclusivo.
"Esistevano davvero, gli dèi. Ma non erano dèi. Non lo erano stati per un'oscura volontà divina, ma lo erano semplicemente diventati mediante un'accanita volontà terrena di sopravvivenza".
L'Evoluzione umana (e non) come non l'avete mai immaginata.
Un romanzo postumano e transumano che vi mostrerà un futuro che forse non tarderà a divenire.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (206,96 KB scaricato 65 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Rosso permissivo

Rosso permissivo

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Una bambina e alcune persone subiscono una crudele e folle violenza. Cosa potrebbe fare una donna per vendicarsi e scongiurare la possibilità che anche sua figlia cada vittima dei carnefici? Lo scopriremo in questo racconto, dato che il rosso ce lo permette.

Copertina di Roberta Guardascione
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (382,46 KB scaricato 169 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

(soprattutto a letto)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Marika è una giovane ragazza. Non ha avuto alcuna esperienza sessuale e sta per sposarsi. Essendo molto intelligente, si accorge presto di essere una bella donna e sente di non poter rinchiudersi per tutta la vita in un contesto matrimoniale forzato e prematuro. Conosce un uomo, il quale la porta per gradi a conoscere tutto ciò che c'è da sapere sul sesso. è un uomo speciale, totalmente diverso dal suo fidanzato e ne nasce una relazione molto particolare. Molto di quello che Marika impara può non corrispondere a quello che le donne desiderano, ma sono certa che, segretamente, prima o poi ci avranno pensato. è un racconto erotico, scritto però senza parole scurrili od offensive.

Copertina di Roberta Guardascione
di Mary J. Stallone
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (252,71 KB scaricato 176 volte) -
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 -  (a colori)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 - (a colori)

(edizione 2015, 4,32 MB)

Autori partecipanti: Anna Rita Foschini, Marco Bertoli, Nunzio Campanelli, Laura Chi, Cladinoro, Angela Di Salvo, Bruno Elpis, Frinia, Giorgio Leone, Lodovico, Annarita Petrino, Anto Pigy.
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (4,32 MB) - scaricato 359 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 -  (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 - (in bianco e nero)

(edizione 2016, 5,44 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra)
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (5,44 MB) - scaricato 96 volte..
Proposta indecente - Le Lido

Proposta indecente - Le Lido

(aprile 2010, 22 pagine, 570,67 KB)

Autori partecipanti: Arditoeufemismo, Bonnie, Carlocelenza, Rita di Sano, Stefy 71, VecchiaZiaPatty.
A cura di Bonnie.
Scarica questo testo in formato PDF (570,67 KB) - scaricato 542 volte.
oppure in formato EPUB (355,52 KB) (vedi anteprima) - scaricato 202 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.