L'esecuzione

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
2
20%
2 - mi piace pochino
3
30%
3 - si lascia leggere
2
20%
4 - è bello
1
10%
5 - mi piace tantissimo
2
20%
 
Voti totali: 10

Leonardo74
Foglio bianco
Messaggi: 16
Iscritto il: 26/11/2019, 17:30

Author's data

L'esecuzione

Messaggio da leggere da Leonardo74 »

L’inizio della fine è un suono stridulo, come quello di un maiale scannato. Però più metallico e squillante, come una lama. Come il coltello del macellaio affilato sull’acciaino. Come un rapace a cui hanno appena sottratto i cuccioli.
I condannati giunsero al patibolo con una carrozza da piazza noleggiata dal negoziante di vetture Francesco Fedeli, trainata adagio e con pigrizia da un ronzino indolente.
Dai sedili del calesse, immersi nell’aria frizzante del primo mattino, osservarono la loro ultima alba, arancione e zuccherina come un pompelmo. L’amata città tributava loro l’ultimo saluto, avvolgendoli nello straripante spettacolo di monumenti, di botteghe, di ciabattini e friggitori, di carrozze e vetturini, di orti e di fienili. Sotto la Torre del Papito incapparono in un carrettiere in panne. Bestemmiava nell’impresa di riparare la cerchiatura in gomma di una ruota. Poco più avanti era tutto un brulicare di mendicanti, pezzenti di professione che - bastone in mano, baciando l’immagine della Vergine - offrivano al passante la possibilità di redimere i propri peccati esigendo in cambio un obolo. Era una Roma interlocutoria, quella lì, affossata nel suo passato di malaffare e delinquenza, ma in potenza già capitale di un nuovo avvenire. In quella pittoresca e sudicia indeterminatezza c’era spazio per tutto e il contrario di tutto. In quel vuoto pieno di contraddizioni, quasi ognuno riusciva a trovare la propria dimensione.
I due morituri erano stati assolti dai loro peccati durante la notte, grazie al gesuita Padre Blosio, al Reverendo Padre Giuliano e al canonico Pigliacelli. Così le loro teste sarebbero rimbalzate più leggere sul palco di legno di Piazzale de’ Cerchi al Velabro, dove il boia li attendeva.
L’ombrellaio Giovanni Battista Bugatti, vale a dire il famigerato Mastro Titta, s’era ormai ritirato. Per più di sessant’anni aveva avvolto le spalle nella mantella scarlatta da carnefice, e per meno di trenta scudi al mese aveva attraversato ponte sant’Angelo per portare la morte in città. Stavolta la sentenza di morte sarebbe stata eseguita dal suo aiutante e successore, il meno esperto Vincenzo Balducci. Si vocifera che gli spettatori più disturbati già fantasticassero di qualche errore: una testa che rotolasse troppo, fin giù dal palco; una giugulare mal recisa che imbrattasse di sangue le prime file.
Quel giorno i più morbosi auspicavano lo squartamento. Perlomeno che la testa dei rei venisse conficcata su una pica, a margine del palco. I giocatori di lotto s’apprestavano a contare gli schizzi di sangue lasciati a terra, auspicio di possibili vincite. I più compassionevoli s’auguravano in extremis un gesto di pietà del Santo Padre, che invece le malelingue volevano fosse sotto l’influsso nefasto del gesuita Pierre-Jean Beckx, il papa nero. Altri confluivano con lo stesso spirito col quale si recavano a uno spettacolo circense: era la folta schiera dei curiosi, che non si potrebbero ascrivere a nessun’altra categoria. Nella folla si confondevano personaggi poco raccomandabili, loschi figuri e una pletora di viziosi e buoni a nulla. Come il campagnolo forlivese Luigi Ceccoli, ozioso, habitué di uno scantinato presso Porta Castello dove si giocava d’azzardo. Oppure il vetturino della carrozza 1341, Michele Galloni, che si avvinazzava presso il caffè di Luisa Zeppi, lasciando sempre incustodita la carrozza e prendendo a malaparole le guardie. Sopra il caffè si incontrava con Cecilia, un’avvenente signorina maggiorata, frivola e sensuale, che lo riceveva in un boudoir profumatissimo. Lo sapevano bene i suoi colleghi vetturini Giovanni Cameli e Antonio Gunter, più volte pizzicati per contrabbando di volpi e quel giorno avvistati in compagnia di Paolo Galli, che aveva un’incredibile collezione di cacciagione clandestina in via della Salara: allodole, tordi, merli, pavoncelle. C’erano perfino i fratelli Canestri, grassatori nei cui volti da predoni non c’era traccia di pietà. L’occasione era propizia anche per Lorenzo Ruja e Dario Antini, due infidi manutengoli e smaltitori di oggetti furtivi. Addirittura erano accorsi da fuori il diciassettenne Pietro Valenti, detto Pietruccio, e il ventiquattrenne Luigi Botti, detto il Marinese, del giro di grassatori di Rocca di Papa.
Tutti loro ammutolirono alle ore 7 in punto di quel 24 Novembre dell’anno del Signore 1868, quando Mastro Peppe - al secolo Giuseppe Monti - udì quel suono stridulo che conduceva al trapasso. Quel rumore lacerante fu accompagnato da un’espressione collettiva di stupore. L’aria scintillò d’adrenalina mentre la mannaia veniva liberata, pronta per l’impietosa discesa. È proprio in quelle frazioni di secondo che preludono ai rimbalzi della testa sanguinante sul patibolo, che sempre una macabra e vergognosa eccitazione si disperde e serpeggia tra gli astanti.
Con la mascella appesa rimasero il macellaio Persigo e l’agente della polizia pontificia Paolo Brulsini, stanziato presso la Mole Adriana. Brividi percorsero le schiene della guardia pontificia Rapini, in servizio presso Porta Pia, come quella dell’impiegato doganale Fraschetti, stanziato presso il movimentato porto di Ripa Grande, sempre affollato di velieri e di lance. Allo straziante spettacolo aveva voluto presenziare perfino il sacerdote ottuagenario Don Angelo Argenti, abitante in Piazza dell’Apollinare 38. In quel periodo il vecchio prete era inconsolabile, per essere stato derubato dal suo ex servitore Luigi Corradi, che era fuggito fuori città dopo avergli sottratto un’importante somma di denaro.
Quella di Monti fu un’esecuzione pulita, impeccabile. Da manuale. Con buona pace dei morbosi. Alla fine si contava una vedova in più, due ragazzini (uno di soli tre anni) rimasti senza padre e un rivoluzionario in meno. Aveva trentatré anni, come Nostro Signore, ed era morto quasi come lui. Bell’aspetto, baffi curati, mosca nera e carnagione bronzina. Faceva il muratore a Trastevere, prima di finire decollato dal Papa sanguinario, l’imbelle Re che con una mano tagliava teste e con l’altra predicava la sacralità della vita umana.
Non distanti dal macchinario mortifero, il barone Rulli, il cavalier Scala e il cavalier Forte – che avevano tutti fama d’esser personaggi poco specchiati – fecero capannello nel disquisire i dettagli del reato di cui s’era macchiato il condannato. Si dà il caso che tutto fosse cominciato il 22 ottobre dell’anno precedente, nell’osteria della Sora Rosa, presso la Chiesa Nuova. All’ingresso campeggiava un’epigrafe in marmo con su scritto “Omnium rerum vicissitudo est”, cioè “Tutte le cose cambiano”. In quella taverna la luce del giorno stentava a penetrare, le sedie in legno scricchiolavano implorando riposo, per i troppi fondoschiena di ubriaconi sostenuti negli anni. Monti e Tognetti erano assembrati proprio lì dentro agli ordini di Ansiglioni, con una squadriglia di congiurati. Mastro Peppe, insieme allo stagnaro Achille Semprebene, aveva caricato un trippone d’esplosivo che il cocchiere avrebbe condotto fino alle cantine della Caserma di Serristori.
Poi il boato.
Si era udita in tutta la città un’unica grande esplosione. Una polvere densissima, spinta dal vento, aveva volteggiato intorno all’angolo esterno della fortezza, tra la via dei Penitenzieri e quella di Borgo Vecchio. La caserma s’era inabissata come un veliero impallinato dai cannoni, era sprofondata capovolta. Il fitto polverio aveva invaso l’aria in ogni parte. Al cessare degli echi del boato tutto era divenuto tenebre e mortale silenzio.
Venticinque zuavi erano rimasti uccisi.
Con loro morì anche il civile Francesco Ferri, che passava di lì, mano nella mano, con la figlioletta Rosa di soli sei anni. La bambina l’attimo prima stava saltellando allegra nel suo vestitino azzurro, e l’attimo dopo era stata dilaniata dall’esplosione. Sua madre, Giuseppa Cecchi, era stramazzata anch’essa al suolo, con la sventura di sopravvivere al marito e alla creatura.
Monti veniva mandato alla forca per questo? Certo, ma in realtà quella testa veniva separata dal corpo perché rea di voler risvegliare il popolo romano, da tempo assopito all’ombra del potere temporale dei papi.
Nonostante tutto, il chiacchiericcio non accennò a diminuire. Parlottavano fitto-fitto Longo-Vignataro, il barone Malvica e il Conte di Chiaramonte, quest’ultimo iscritto come sovversivo nei registri italiani ma gradito ospito nelle terre di Pio IX. Lo stesso facevano, poco oltre - verso il palco - galantuomini come Giovanni Ruiz, il Cavalier Raucci e il commendator Volpicelli. Non erano da meno i vetturini Girolamo Giorgi e Francesco Martini e dietro di loro un certo Francesco Celletti, manigoldo di Trastevere, che aveva abbandonato il tetto coniugale e tre figli per andare a stare con l’amante – tale Cecilia Piccinilli, vedova Monti - in Via de’ Vascellari.
La giugulare del povero decollato sprizzava ancora sangue, quando il boia fece cenno di far entrare l’altro, Gaetano Tognetti, detto Gaetanino: giovanissimo, celibe, garzone e muratore. Il giovanotto aveva avuto un ruolo cruciale nel permettere ai dinamitardi l’accesso alla caserma degli zuavi. L’unica possibilità d’ingresso era allora rappresentata da un viottolo, nel quale si trovavano due feritoie, di cui una sprovvista di inferriata. Per raggiungere quel vicolo bisognava passare attraverso il Casamento Moroni, il cui stalliere era un ex garibaldino che si sarebbe lasciato corrompere. Ma Roma pullulava di spie, e ben presto quel vicolo era stato piantonato giorno e notte dagli zuavi, che avevano provveduto anche a far chiudere le feritoie sul muro di cinta della caserma. Tognetti era divenuto fondamentale perché aveva coinvolto l’amico chiavaro Giuseppe Moresi, che sapeva falsificare la chiave della porta di un locale terreno a uso di munizione del Genio Pontificio.
La sua testa ruzzolò vicino a quella del consorte. Morì con serenità e consapevolezza, da rivoluzionario e da uomo, a soli ventitré anni.
Il giustiziere di Dio raccolse entrambe le teste, una per mano, afferrandole dai capelli. Spostandosi sui quattro lati del palco, le esibì alla folla. Gli zuavi soddisfatti rullarono i tamburi. In molti si fecero il segno della croce, mentre alcuni menarono un ceffone ammonitore ai figli: ecco cosa succede a chi non rispetta il papa e la legge, a chi si mette contro la giustizia!
Una giustizia al sapor di ritorsione, già iniziata un anno prima in via della Lungaretta, con la strage al lanificio Agliani.
Quella fu l’ultima volta che a Roma venne azionata una ghigliottina. Non si udì mai più quel suono stridulo.



* Questo racconto è liberamente ispirato alla decapitazione dei rivoluzionari Monti e Tognetti, fatti realmente accaduti, adattati alle esigenze narrative ma ricostruiti attraverso numerose fonti, tra cui documenti originari dell’epoca (compreso il processo) reperiti presso l’Archivio di Stato di Roma (presso Sant'Ivo alla Sapienza, in Corso Rinascimento). Tutti i nomi presenti si riferiscono a persone non necessariamente presenti all’esecuzione ma realmente vissute a Roma e nello Stato Pontificio in quegli anni.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 432
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Un racconto storico davvero molto interessante con una marea di nomi e personaggi da far venire la voglia di sapere la storia di ognuno di loro. Mi è piaciuto moltissimo, specie come è stato raccontato e descritto, anche la descrizione di Roma e dell'aria che si respirava e viveva all'epoca, veramente ben fatto.
A presto.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 375
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

più che un racconto lo definirei una narrazione storica.
in linea di massima è ben scritto e discretamente esposto, però mi permetto di fare degli appunti.
intanto ci sono molte ripetizioni a stretto contatto. per esempio, nel primo capoverso la parola "come" è ripetuta 4 volte e il fatto si ripete altrove. in alcuni casi la si potrebbe omettere, in altri cercherei parole alternative.
il secondo appunto che faccio è relativo ai personaggi presenti: troppi, a mio personale parere.
è vero che si tratta di una narrazione di fatti accaduti, ma mi pare superfluo egnalare la presenza di tanti elementi che, alla fine, col succo della storia poco c'entrano.
buon lavoro, comunque, e con una revisione può diventare splendido
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 395
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Concordo con Eliseo quando dice che verrebbe la voglia di approfondire la storia di tutti i (moltissimi) personaggi che vengono nominati.
Mi è piaciuta questa narrazione, anche se romanzata è la ricostruzione storica di uno degli episodi chiave della cosiddetta “Questione Romana”, nei primi anni dall’Unità d’Italia.
Ben scritto, bel lavoro.

Fedegarba
Foglio bianco
Messaggi: 1
Iscritto il: 20/05/2020, 0:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fedegarba »

Mi é piaciuta moltissimo la cronaca del.momento storico a Roma e la descrizione, seppur breve, dei personaggi chiave. In particolare sono personalmente coinvolta in quanto Giuseppe Moresi, er chiavaro, era mio trisnonno da parte di madre e conosco a grandi linee la.storia ma vorrei tanto avere maggiori informazioni su di lui. Grazie per averlo nominato e collocato: non è sempre indicato nel racconto del processo.

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


L'arca di Noel

L'arca di Noel

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Da decenni proviamo a metterci al riparo dagli impatti meteoritici di livello estintivo, ma cosa accadrebbe se invece scoprissimo che è addirittura un altro mondo a venirci addosso? Come ci comporteremmo in attesa della catastrofe? Potremmo scappare sulla Luna? Su Marte? Oppure dove?
E chi? E come?
L'avventura post-apocalittica ad alta tensione qui narrata proverà a rispondere a questi interrogativi.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (188,99 KB scaricato 18 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 478 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Il Bestiario del terzo millennio

Il Bestiario del terzo millennio

raccolta di creature inventate

Direttamente dal medioevo contemporaneo, una raccolta di creature inventate, descritte e narrate da venti autori. Una bestia originale e inedita per ogni lettera dell'alfabeto, per un bestiario del terzo millennio. In questa antologia si scoprono cose bizzarre, cose del tutto nuove che meritano un'attenta e seria lettura.
Ideato e curato da Umberto Pasqui.
illustrazioni di Marco Casadei.

Contiene opere di: Bruno Elpis, Edoardo Greppi, Lucia Manna, Concita Imperatrice, Angelo Manarola, Roberto Paradiso, Luisa Gasbarri, Sandra Ludovici, Yara Źagar, Lodovico Ferrari, Ser Stefano, Nunzio Campanelli, Desirìe Ferrarese, Maria Lipartiti, Francesco Paolo Catanzaro, Federica Ribis, Antonella Pighin, Carlotta Invrea, Patrizia Benetti, Cristina Cornelio, Sonia Piras, Umberto Pasqui.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,15 MB scaricato 310 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 60 - Metropolis

La Gara 60 - Metropolis

(agosto/ottobre 2016, 24 pagine, 745,43 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Massimo Tivoli, Mirtalastrega, Gabriele Ludovici, Ilaria Rucco, Eliseo Palumbo.
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (745,43 KB) - scaricato 54 volte.
oppure in formato EPUB (490,62 KB) (vedi anteprima) - scaricato 87 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2017 -  (a colori)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2017 - (a colori)

(edizione 2017, 4,25 MB)

Autori partecipanti:
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (4,25 MB) - scaricato 10 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 49 - La contrapposizione

La Gara 49 - La contrapposizione

(novembre/dicembre 2014, 34 pagine, 560,91 KB)

Autori partecipanti: Umberto Pasqui, Nembo13, Nunzio Campanelli, Annamaria Vernuccio, Patrizia Chini, Milicianto, Ser Stefano, Francesca Santamaria, Lodovico, Giorgio Leone, Cladinoro, Silvia Torre.
a cura di Maddalena Cafaro.
Scarica questo testo in formato PDF (560,91 KB) - scaricato 155 volte.
oppure in formato EPUB (319,02 KB) (vedi anteprima) - scaricato 207 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.