Quel che a volte rimane dell'amore

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 22/12/2020, 23:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
5
29%
3 - si lascia leggere
6
35%
4 - è bello
3
18%
5 - mi piace tantissimo
3
18%
 
Voti totali: 17

Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 310
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Quel che a volte rimane dell'amore

Messaggio da leggere da Namio Intile »


Dal suo studio in via Argiropoulos, a Siracusa, l’avvocato Santo Corbera rientrava sovente poco prima dell’ora di cena, verso le sette del pomeriggio.
 In quell’ora, in cui un tempo spesso si sentiva terribilmente infelice riandando al comportamento indifferente di Monica, la donna che adesso era sua moglie, egli non si chiedeva più cosa lei stesse facendo come non lo disturbava il fatto che fosse ancora fuori casa o che rimanesse al telefono ignorando il suo ritorno.
 Ricordava che una volta, alcuni anni prima, si erano da poco sposati, approfittando di un suo momento di distrazione, aveva provato a leggere qualche SMS custodito nella memoria del suo cellulare, alla ricerca di una prova che potesse dar corpo ai suoi sospetti di una relazione tra lei e Claudio.
 Questo ricordo in qualche modo lo inquietava, ma piuttosto che approfondire la sensazione che emergeva, di disgusto e di rancore misto a vergogna, per quel suo dubbio, preferiva lasciare che una leggera smorfia gli increspasse le labbra insieme a una scrollata del capo che significava: Che me ne importa?
 Certo adesso ne era sicuro e pensava che l’ipotesi che un tempo l’aveva tanto disturbato, che fossero soltanto quelle immagini della sua mente, la sua gelosia, a inquinare l’esistenza altrimenti limpida di Monica, non era la vera, e che i suoi sospetti avevano in realtà visto giusto e che, se pure Monica l’avesse amato più di quanto oggi poteva credere, l’aveva anche preso in giro di più.
 In quei giorni, mentre soffriva per la sua gelosia, aveva giurato a se stesso che appena non l’avesse più amata, quindi non temendo di irritarla o peggio di perderla, si sarebbe preso la soddisfazione di chiarire con lei certe sue assenze, silenzi e negazioni, o circostanze, come quella volta che, rientrando di proposito prima del solito orario, gli era parso di scorgere Claudio uscire di fretta dal portone della loro casa.
 Ma questi problemi che aspettava di poter metter in chiaro quando la sua gelosia fosse finita, avevano perso ogni interesse quando aveva cessato di esser geloso.
 E ora, quando tornava a casa e non la trovava, gli era del tutto indifferente, non gli importava che lo avesse ingannato o che lo ingannasse ancora. Per tanti anni invece aveva cercato di sapere quel che lo ossessionava: se Monica avesse una relazione con Claudio e, più tardi, con qualche altro. Ma adesso non riusciva neanche più a rappresentarsi quell’angoscia che significava perderla, vederla con un altro uomo, un’angoscia tanto grande che pensava di non potersene mai liberare, se non con la propria morte o con la morte dell’amata. E alle volte ci aveva pensato a quell’estrema soluzione, sempre fermandosi sulla soglia di ogni azione.
 A quel tempo chiarire un giorno gli avvenimenti della vita di Monica che gli avevano causato tante sofferenze, conoscere questi avvenimenti, non era stato il suo solo desiderio: egli aveva pensato anche di vendicarsi quando, non amandola più, non l’avrebbe più temuta; ora si presentava appunto l’occasione di esaudire questo secondo desiderio, perché da qualche tempo si era innamorato di un’altra donna; una donna, seppur ancora giovane, che, a differenza di Monica, non gli dava motivo di esser geloso, ma che tuttavia lo ingelosiva in quanto egli non era in grado di cambiare il suo modo di amare, perché il modo che aveva adoperato con sua moglie usava ora con lei. Perché la sua gelosia si ripresentasse infatti non era necessario che quella ragazza gli fosse infedele; bastava che per una ragione qualunque fosse lontana da lui, con delle amiche per esempio, per risvegliare in lui tutta l’antica angoscia, inquietante e contraddittoria escrescenza del suo amore, che in definitiva lo allontanava dall’oggetto stesso di quell’amore. Perché l’avvocato Corbera aveva frapposto tra sé e la sua amante un intero informe ammasso di sospetti anteriori che avevano la loro causa proprio in Monica o forse in qualche altra che aveva preceduto Monica.
 Sospetti che non gli permettevano di conoscere l’amante di oggi se non attraverso l’idea originaria e cumulativa della donna che aveva eccitato la sua gelosia, una donna che impersonava anche quel nuovo amore.
 Tuttavia, talvolta l’avvocato Corbera raggiungeva la consapevolezza che fosse proprio questa sua gelosia a portarlo a credere in tradimenti immaginari; ma proprio in quel preciso momento si rammentava che lo stesso ragionamento gli aveva fatto credere un tempo che Monica fosse innocente.
 Così tutto quanto la sua nuova e giovane amante faceva quando non era con lui cessava di apparirgli innocente. Ma mentre in passato aveva fatto il giuramento, se mai avesse cessato di amare colei che non immaginava che un giorno diventasse sua moglie, di manifestarle la propria indifferenza, finalmente genuina, per vendicare il proprio orgoglio così a lungo umiliato, a queste rappresaglie, che poteva ormai esercitare senza rischi (perché quel che poteva pensare o fare Monica non gli importava più), a queste rappresaglie l’avvocato Corbera non teneva più; insieme all’amore era scomparso anche il desiderio di mostrare che non provava più amore.
 E lui, che da quando aveva iniziato a soffrire per colpa di Monica aveva tanto desiderato di lasciarle vedere un giorno che era innamorato di un’altra, adesso che l’avrebbe potuto prendeva mille precauzioni perché sua moglie neppure sospettasse di questo nuovo amore.
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 139
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Dell'amore rimane SEMPRE la coazione a ripetere gli stessi errori (e, forse, anche a innamorarsi delle persone sbagliate). La ginnastica introspettiva dell'avvocato Corbera non lo salverà dall'ennesimo fallimento.
Un racconto con descrizioni dettagliate di auto-analisi, mi è piaciuto.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 310
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Quel che a volte rimane dell'amore

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ti ringrazio, Andr. Mi sono concentrato sulla scrittura questa volta e su di un paio di aspetti psicologici dei rapporti umani.
Spiace che vi siano giudizi non esplicitati. Un paio di parole, se si è letto un testo e ci si è fatta un'idea, potrebbe esser buttato giù.
Pazienza
Mauro Conti
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 85
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Questo avvocato Corbera se non mi sbaglio è presente in altri tuoi racconti che ho letto. Ma correggimi se sbaglio, comunque il nome mi dice qualcosa.
Quella che mi è piaciuta meno è la trama, per il semplice fatto che preferisco leggere qualcosa di più movimentato e dinamico, questo racconto è prettamente descrittivo/introspettivo. Ma questa è una cosa personale.
Quello che mi è piaciuto di più è che è scritto sicuramente molto bene e fluisce tranquillamente dalla prima riga all'ultima; i "contorti" pensieri e i patemi d'animo del povero avvocato sono descritti molto efficacemente e ci si immedesima senza problemi nella "testa" del protagonista.
Concludendo: a parte il gusto personale direi che come composizione è buona.
Non mi permetto di dire nulla sulla punteggiatura, la tecnica descrittiva, la costruzione dei periodi, a me sembrano perfetti, un'ottima "qualità" senza dubbio e - fatemelo dire - non comune.
Per me è un 4.

P. S qualcosa di più intrigante mi piacerebbe leggere composto te Namio e trovarlo in gara. Un bel giallo fatto bene, un bel thriller. Può essere che magari non sei attratto dal genere, ma mi piacerebbe.
Alla prossima. :D
Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 132
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Uhm… stile piuttosto pesante da leggere. Forse vuole rendere tutte le complicazioni psicologiche che si fa il personaggio, è probabile, per questo la lettura è contorta e difficle dato che si insinua in meandri quasi patologici di pensiero.
Per me, però, la lettura è risultata molto pesante e poco coinvolgente: opinione personalissima, può anche darsi che ci siano persone che ragionano così e si fanno molto, molto male da sole.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 310
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, Ida, grazie. La pesantezza, solo apparente, è cercata. Ho provato a scrutare dentro l'anima e a lasciare la superficie. Sono stufo della leggerezza, un po' di pesantezza ogni tanto non può che far bene.
Quanto alle complicazioni psicologiche: si vede che non sei mai stata in analisi. Guardare dentro se stessi è un'arte che si apprende col tempo e la pratica e non poca fatica; ho provato a restituire in carta quanto appreso con tanta fatica. Ma ho messo nel conto anche il non esser compreso.

E grazie a te, Mauro. Sì, l'avvocato Corbera si trova in tre miei racconti: L'Amante e un altro che qui non ho pubblicato.
L'Amante lo trovi nella mia pagina personale insieme ad altri due gialli un po' particolari: Sette spighe e Un'indagine privata.
Altri ne ho scritti, almeno cinque o sei, e prima o poi mi deciderò a postarli.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 564
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

uhm, sinceramente parlando, non lo trovo all'altezza dei tuoi precedenti.
o forse non sono riuscito io a entrare bene nella storia, il che può essere.
in ogni caso è ben scritto e con ottime descrizioni, anche se a tratti diviene pesante (sempre stando al mio personale gusto) e forse troppo ricercato.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Mauro Conti
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 85
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Re: Quel che a volte rimane dell'amore

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Ecco esatto, questo avvocato l'avevo trovato nell'Amante che ho già letto. Mi piacciono i personaggi ricorrenti. Andrò sicuramente anche a leggere gli altri che hai citato, Namio (tempo a disposizione permettendo).
Io non l'ho trovato pesante. O almeno non più pesante di altri che volevano intenzionalmente apparire più leggeri. Va letto con una certa attenzione e un discreto impegno senza ombra di dubbio.
Non lo trovo cosi' pesante forse perché sono stato assieme a una psicologa per qualche anno. Non potete capire. :cry:
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 458
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Ho trovato il racconto non troppo scorrevole pur se scritto con molta correttezza. Il narrato introduce bene negli stati d'animo del protagonista in quanto li hai descritti minuziosamente e bene. Però, devo dire, di non essere riuscita a farmi coinvolgere più di tanto dalla storia letta. Ecco, direi che è un testo piuttosto sofisticato e profondo, e forse non per tutti.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 310
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Quel che a volte rimane dell'amore

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ti ringrazio per l'intervento, Laura, preciso e vero, come sempre.
Spero di rileggerti, come vedi pur di esserci mi cimento con letture che so quante difficoltà possano incontrare in una gara come questa.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 310
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Quel che a volte rimane dell'amore

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ti ringrazio per l'intervento, Laura, preciso e vero, come sempre.
Spero di rileggerti, come vedi pur di esserci mi cimento con letture che so quante difficoltà possano incontrare in una gara come questa.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 310
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Quel che a volte rimane dell'amore

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ti ringrazio per l'intervento, Laura, preciso e vero, come sempre.
Spero di rileggerti, come vedi pur di esserci mi cimento con letture che so quante difficoltà possano incontrare in una gara come questa.
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 515
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Non so bene perché ma anche in questo racconto sento il mare, non il profumo di sale, sabbia e alghe di altri tuoi racconti, ma il ritmo, l’andirivieni delle onde. Il pensiero avanza e retrocede, si contorce su se stesso, si infrange. Secondo me hai reso davvero bene il rimuginare di quest’uomo; vero non è una lettura che si inghiotte in un sol boccone, si apprezza di più alla seconda lettura, o alla terza, o alla quarta... comunque a me è piaciuto, ottimo pezzo.
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 141
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

È un testo introspettivo sulle emozioni e i complicati sentimenti che emergono dopo la fine di un amore. Anch'io avrei preferito un testo più dinamico, dopo un'introduzione introspettiva iniziale. Ho trovato alcuni passaggi un po' tortuosi da seguire, anche a livello di struttura della frase. Sinceramente, Namio, nell'altra gara ti avevo chiesto più romanticismo, invece mi accorgo che era più nelle tue corde l'altro testo, marinaresco, dinamico e coinvolgente. Magari andrò a leggere i racconti che hanno questo avvocato come protagonista, perché sono curiosa.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 310
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Quel che a volte rimane dell'amore

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, Selene. Hai ragione, per la struttura degli incisi è un testo che richiede attenzione e sono felice che tu lo abbia riletto. È il più grande complimento che potevi farmi.
Ciao, Lucia grazie per il bel commento, scrivere è un'avventura e spesso mi avventura in posti poco frequentati. L'Amante è l'altro racconto con l'avvocato Corbera, ma e di segno diverso da questo: amaro, però più leggero.
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

C'è quella canzone di Nilla Pizzi che fa "amore vuol dir gelosia"... La gelosia dell'avvocato fa parte del suo amore e quando smette di essere geloso è perché ha smesso di amare, e senza amore non gli importa più dei tradimenti della moglie. Il suo modo di amare rimane lo stesso anche con un'altra donna, c'è, solo più forte di prima, la paura di scoprire un'altra delusione.
Ho provato a mettermi nei panni dell'avvocato e questa è la mia interpretazione del racconto. Ma poi c'è il finale che mi spiazza un po': è quello cio' che resta dell'amore?
Un racconto che porta a ragionare su quel che si sta leggendo (a costo di non capire al primo impatto) e che puo' riportare il lettore a personali esperienze passate. Bello.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 310
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Quel che a volte rimane dell'amore

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, Francesco, grazie per la lettura. Quello che descrivo è l'amore degli amanti, dove lo sconvolgimento dei sensi, la straripante estasi dell'unione di due corpi e quindi la gelosia la giocano da padroni. Ma dopo? L'avvocato Corbera quando l'amore degli amanti è terminato riversa la sua attenzione sopra un'altra donna. E della moglie non gli importa più nella maniera in cui poteva interessargli una volta. L'amore degli amanti si trasforma, può decadere in indifferenza, o può maturare in affetto.
Ecco, forse il mio protagonista nutre dell'affetto per la moglie e nel silenzio della passione amorosa tutto quello che desidera è di non ferirla.
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 225
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Ho trovato anch'io il testo un pochino pesante. Non per l'argomento trattato, anzi questo è un punto a suo favore. Tutto il gioco introspettivo rispetto alla gelosia e all'amore mi ha convinto. Faticoso ma fondamentale guardarsi dentro, sempre. Quello che mi ha convinto meno è lo stile. Ci sono tanti di quei "che" da perderci il conto. A un corso di scrittura mi dissero che toglierne almeno la metà rende tutto più fluido. L'ho provato ed è vero!!
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 132
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

L'amore è legato alla gelosia in maniera più o meno evidente. il tuo protagonista ne è ossessionato e questo logora molto il rapporto con la moglie. l'analisi introspettiva è molto accurata e ben descritta, ma il lungo discorso con se stessi risulta a volte poco accattivante. L'uomo che smette d'amare, smette anche di essere geloso ci troviamo a considerare, ma per tutte le volte che l'avvocato nomina la sua ex moglie, forse si può dire che nessun amore finisce del tutto c'è sempre qualcosa che resta.
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattyManf »

Lo stile è un po' pesante, sopratutto in alcuni passi. Tuttavia, è perfetto per rendere il tormento ed i penseri che si rigirano nella testa del protagonista.
Mi è paicuta l'atmosfera di intrigo, questa voglia di ostentare qualcosa che diviene bisogno di segretezza allorchè si realizza di non voler più perdere ciò che per capriccio si era cercata.
Ho trovato invece migliorabile la lunghezza. Mi spiego meglio, è lungo il giusto, ma snellendo in alcuni punti si sarebbe dato più risalto ad altri che trovo più importanti e ricchi di significato.
L'ho trovata una lettura piacvole, ma non di svago.
Ti ringrazio per avermi fatto riflettere.
Ultima modifica di MattyManf il 16/11/2020, 17:27, modificato 1 volta in totale.
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiata a "Rose Nere" in Concorso FLASH.

sono FELICE perché...
:bicipit"Il Carillon di Absindaele" ,
si è piazzato al 3° posto su 45 concorrenti in Gara d'Autunno 2020!!!!
Fatemi sapere cosa ne pensate!
Illustrazioni: @chinevesperiane
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 310
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Quel che a volte rimane dell'amore

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ringrazio Stefyp, Liliana e Mattymanf, ogni commento mi ha restituito qualcosa, e ne sono lieto.
Mi chiedo se la pesantezza possa essere un pregio. Considerando i commenti fin qui ricevuti devo dire di sì. Mi aspettavo molta più insofferenza con questo racconto. Forse bisogna essere pesanti per dire cose pesanti, o meglio, complicati per dire cose non banali. O forse molti si stanno abituando a quel che scrivo.
Io ci provo sempre.
Tagliare va bene, Stefyp, e io taglio sempre almeno i tre quarti di quanto produco, ma qualcosa sulla carta deve pur rimanere: est modus in rebus, soprattutto in un racconto di cinquemila battute.
M.perrella
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/03/2020, 19:22

Author's data

Re: Quel che a volte rimane dell'amore

Messaggio da leggere da M.perrella »

Le tribolazioni di un animo irrequieto, che rimugina in continuazione sul rapporto amoroso che si viene a creare, insieme alla consapevolezza della fine proprio in virtù di una gelosia onnipresente, sono rese alla perfezione e danno l'idea di cosa rimane davvero dell'amore.
Un buon testo
Roberto Virdo'
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 208
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Lascio questo testo come ultimo da commentare in questa gara. Spiego il perché: appena pubblicato, la prima lettura mi è sembrata distorta, e ho rimandato. Poi letto, riletto. Riletto ancora. Non volevo rinunciare a torturarmi. E' il caso di spiegare, parto con le mie "sconsiderazioni" perché come ben sapete, al cuor non si comanda.

Un disagio irresistibile, incantevole, pauroso quanto i desideri proibiti. Siamo fatti di questo e tant'altro. Un mostro di cui ci si innamora. Lei non uccide, ferisce mortalmente in un ciclo senza fine. Come il dipendente dal gioco d'azzardo, nel più intimo, non desidera che perdere, il prigioniero di questo essere tentacolare brama, vuole, rincorre l'infedeltà.
Santo Corbera non amerà l'amore ma la gelosia e la insinuerà nel corpo di una donna, per poi spostarlo su un'altra e un'altra ancora poiché essa è un parassita: ha bisogno di un organismo per trovare il suo nutrimento. Santo Corbera, incolpevole perdente per natura, ma vivo e scalpitante nel suo circolo vizioso fatto di sofferenza e intimi, dolorosi piaceri.

Un linguaggio tenuto sotto controllo in modo invidiabile, studiato ad arte, che si pone alternativo al "monologo interiore" manifestando quasi visivamente gli incroci di pensieri tortuosi. Questa prova è eccezionale per la capacità introspettiva del personaggio. Credo si sia capito, il mio cuore batte per questo: lo spazio sterminato sopra di noi, e il suo riflesso dentro di noi. Ci vuole coraggio per entrare così in profondità, ma proprio tanto coraggio. Siamo fatti di questo e tant'altro.

Resto stupito e incantato da questa capacità di analisi applicata a un personaggio che non è un alieno ma cammina, parla, forse ride con noi. In qualcosa mi ha ricordato il protagonista del tuo "Il calvario di uno scrittore di gialli", testo che ho apprezzato moltissimo, dove con potente lente d'ingrandimento scruti i torbidi e profondi torrenti che scorrono nel profondo dell'anima coniugale di un marito, come lo hai definito tu, "in mutande". Ma mentre nel "Calvario" questa analisi si muove in una trama, qui c'è il puro tuffarsi dentro di sè.
Per me, bravissimo. Prova di una difficoltà notevole, il cui spunto voglio "rubare" per lanciarmi anch'io in questa sfida così ardua.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 310
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Quel che a volte rimane dell'amore

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Caspita, che recensione, Roberto. Ti sono debitore.
Ero consapevole di avere materiale non facile da gestire, ma, al di là della classifica che mi interessa poco, i riscontri di molti mi ripagano della fatica. E a questo punto non so se augurarmi di continuare a torturarti in futuro con qualcosa di simile o di provare a scrivere in modo più divertente e facile, come nei Tre Capitani.
Un caro saluto
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 160
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Un racconto decisamente introspettivo dove l'azione è spesso il contrario del pensiero, il contrario della riflessione sull'azione che in futuro si vorrebbe compiere. Il personaggio risulta molto credibile all'interno dello scritto, anche se un po' pesante nei pensieri. Buona scrittura
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 5 - A modo mio

La Gara 5 - A modo mio

(giugno 2009, 40 pagine, 758,80 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Pia, Massimo Baglione, Bonnie, Miriam, DaFank, Rona, Manuela, Massimo, Clali, Alessandro Napolitano, Gio, Snuff, Aigor, Yle,
A cura di Pia.
Scarica questo testo in formato PDF (758,80 KB) - scaricato 329 volte.
oppure in formato EPUB (555,57 KB) (vedi anteprima) - scaricato 195 volte..
Lascia un commento.

La Gara 7 - L'Incubo

La Gara 7 - L'Incubo

(agosto 2009, 38 pagine, 1,54 MB)

Autori partecipanti: Yle, Gerardo, Rona, Valentina, Manuela, Devil, Arditoeufemismo, Macripa, Pia, Bonnie, Piero Macrelli, Alessandro Napolitano, Dafank, Miriam,
A cura di CMT.
Scarica questo testo in formato PDF (1,54 MB) - scaricato 364 volte..
Lascia un commento.

La Gara 3 - C'era una volta...

La Gara 3 - C'era una volta...

(febbraio 2009, 35 pagine, 645,23 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Federica, DaFank, Alessandro Napolitano, Yle, Ranz, Carlocelenza,
A cura di Bonnie.
Scarica questo testo in formato PDF (645,23 KB) - scaricato 301 volte.
oppure in formato EPUB (781,77 KB) (vedi anteprima) - scaricato 215 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
Vedi ANTEPRIMA (941,40 KB scaricato 65 volte).
info e commenti compralo su   amazon

BReVI AUTORI - volume 4

BReVI AUTORI - volume 4

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Angela Catalini, Mirta D, Umberto Pasqui, Verdiana Maggiorelli, Francesco Gallina, Francesca Santucci, Sandra Ludovici, Antonio Mattera, Francesca Paolucci, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Romina Bramanti, Alberto Tivoli, Fausto Scatoli, Cinzia Iacono, Marilina Daniele, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Isabella Galeotti, Arcangelo Galante, Massimo Tivoli, Giuseppe Patti, SmilingRedSkeleton, Alessio Del Debbio, Marco Bertoli, Simone Volponi, Tiziano Legati, Francesco Foddis, Maurizio Donazzon, Giovanni Teresi, Sandro Pellerito, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (730,53 KB scaricato 70 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Il Bene o il Male

Il Bene o il Male

Trenta modi di intendere il Bene, il Male e l'interazione tra essi.

Dodici donne e diciotto uomini hanno tentato di far prevalere la propria posizione, tuttavia la Vita ci insegna che il vincitore non è mai scontato. La Natura ci dimostra infatti che dopo un temporale spunta il sole, ma ci insegna altresì che non sempre un temporale è il Male, e che non sempre il sole è il Bene.
A cura di Massimo Baglione
Copertine di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Antonella Cavallo, Michele Scuotto, Nunzio Campanelli, Rosanna Fontana, Giorgio Leone, Ida Dainese, Angelo Manarola, Anna Rita Foschini, Angela Aniello, Maria Rosaria Del Ciello, Fausto Scatoli, Marcello Nucciarelli, Silvia Torre, Alessandro Borghesi, Umberto Pasqui, Lucia Amorosi, Eliseo Palumbo, Riccardo Carli Ballola, Maria Rosaria Spirito, Andrea Calcagnile, Greta Fantini, Pasquale Aversano, Fabiola Vicari, Antonio Mattera, Andrea Spoto, Gianluigi Redaelli, Luca Volpi, Pietro Rainero, Marcello Colombo, Cristina Giuntini.
Vedi ANTEPRIMA (455,65 KB scaricato 144 volte).
info e commenti compralo su   amazon