Quando il mondo va a rotoli…

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 22/12/2020, 23:00

1 - non mi piace affatto
3
21%
2 - mi piace pochino
1
7%
3 - si lascia leggere
6
43%
4 - è bello
3
21%
5 - mi piace tantissimo
1
7%
 
Voti totali: 14

Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 225
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Quando il mondo va a rotoli…

Messaggio da leggere da Stefyp »


L’aveva detto quella santa donna di sua moglie che era malato e allora doveva essere vero. A lui non sembrava di stare male, ma lei aveva sempre ragione. Era cosa risaputa.
 «Cosa vuoi che sia un dolorino al petto che va e che viene e un po’ di fiatone quando faccio le scale!» aveva tentato di replicare lui.
 «Lascialo dire al medico quel che hai. Alla tua età, Peppino, se non ti tieni curato finisci male e in fretta.» Santa donna sua moglie, forse un pochino troppo ansiosa.
 Non gli era rimasto altro da fare, quindi, che andare dal dottor Bianchini per un controllo.
 Bravo medico il dottor Bianchini, fidato, preciso, paziente. Talmente bravo che la fila fuori dal suo ambulatorio era sempre molto lunga, come pure l’attesa.
 Peppino era arrivato presto e s’era portato un giornale. Prima di lui c’erano solo tre persone, con un rapido calcolo stabilì che se la sarebbe cavata con un’oretta di attesa.
 «Beh, poteva andare peggio» mormorò inforcando gli occhiali.
 Indeciso tra la pagina sportiva e quella della politica, optò per l’articolo dell’ultima sconfitta della sua squadra di calcio. «Ma guarda questi! E danno pure la colpa all’allenatore…» borbottò sbuffando dopo poco.
 «Hai ragione Peppino, guadagnano più dello scia di Persia e neanche passano il turno.»
 «Oh, ciao Mario. Non t’ho visto arrivare» rispose chiudendo il giornale, una chiacchierata con l’amico era decisamente meglio che leggere certi articoli.
 «Come mai sei qui?» gli chiese Mario.
 «Ah, non lo so, chiedilo a mia moglie, e tu?»
 «Artrite da non dormirci la notte, spero mi cambi la cura il dottore, altrimenti son rovinato.»
 «Che ci vuoi fare, siam proprio vecchi! Sembriamo…» La fine della frase gli morì sulle labbra.
 La porta d’ingresso s’era aperta all’improvviso e insieme ad una ventata di aria frizzante stava entrando in ambulatorio un giovanotto «sulla trentina occhio e croce» stimò Peppino.
 L’uomo si guardò intorno senza dire una parola e si appoggiò al muro. Lo sguardo cupo e l’espressione accigliata avevano zittito tutti quanti, nessuno osava più fiatare. Sembrava irrequieto, spostava il peso da una gamba all’altra piegandosi sulle ginocchia e girando lo sguardo a destra e a manca alla ricerca probabilmente di un posto libero.
 «Vuole sedersi? Si accomodi, sto volentieri un po’ in piedi» Peppino si alzò e cedette il posto all’uomo il quale si sedette rapido e silenzioso.
 «Ohé giovanotto, non si ringrazia alla tua età?» lo apostrofò la signora Ilde.
 In quel momento la porta dello lo studio si aprì e ne uscì un paziente. «Tocca me» squittì la signora Rosalinda alzandosi lentamente appoggiata al suo bastone. Fu più veloce di lei il nuovo arrivato, con uno scatto fulmineo si tirò su dalla sedia ed entrò nello studio.
 Tutti i presenti ammutolirono sbalorditi. Dal dott. Bianchini una cosa così non s’era mai vista.
 «Ma chi si crede di essere quello lì? Roba da entrare e tirarlo fuori.»
 «Sarà un forestiero, non è mica uno dei nostri quello lì, poco ma sicuro.»
 «Straniero o italiano quanto esce mi sente» sentenziò indignata la signora Rosalinda.
 «Sua madre, sua madre è da biasimare per non avergli insegnato un po’ di educazione, ai miei tempi la insegnavano l’educazione, eccome! Se non dicevo grazie e buona sera mi beccavo uno scappellotto sulla testa» borbottò il signor Aristide.
 «Peppino non dici niente te? Gli hai ceduto il posto e neanche grazie ti ha detto!»
 «Va beh, che ci vogliamo fare, avrà avuto altro per la testa.»
 «Altro per la testa? Ma cosa stai dicendo, perché io forse non ho altro per la testa? Ma non divento mica maleducata quando ho altro per la testa. Peppino sveglia! Sei troppo buono tu, qui a essere troppo buoni ci fregano tutti.»
 «Ma avete visto che faccia aveva? Magari stava proprio male…» provò a insistere Peppino.
 «Ah, adesso dovrebbe farmi pure pena? No, caro mio! Mi ha fatto più pena la Rosalinda che doveva entrare e invece ha perso il posto» ribatté la signora Ilde.
 «Mah, aveva una faccia... di uno che non se la sta passando troppo bene.»
 «Ah, perché noi ce la spassiamo tutti quanti, invece. Siam tutti qua per divertirci e stare un po’ in compagnia!»
 «Vero, però…» mormorò Peppino, poi si fermò. Non aveva voglia di continuare la discussione, quel giovane gli era sembrato innocuo tutto sommato, forse un filo maleducato, sicuramente preoccupato. All’improvviso sentì il bisogno di uscire da quella stanza, faceva troppo caldo e s’era annoiato ad ascoltar tutti quei discorsi da comari.
 «Vado a prendere una boccata d’aria, tanto a me tocca tra un po’» disse a mo’ di saluto.
 «Certo che ti tocca tra un po’, se lasciamo passare chiunque a noi non tocca più» gli rispose secca la signora Ilde.
 Appena fuori Peppino si lasciò cadere sulla panca sotto il grande tiglio al di là del marciapiede. Chiuse gli occhi e appoggiò il capo al tronco dell’albero; il tepore del sole che filtrava tra i rami e il fruscio delle foglie placarono a poco a poco il suo malumore.
 Cercò nella tasca la sua pipa, sentiva il desiderio di farsi la prima fumatina della giornata. Quella santa donna di sua moglie gli stava facendo la testa grossa così in quei giorni: «Smetti di fumare prima che sia troppo tardi, pensa ai tuoi polmoni, pensa alla tuo cuore.» «Quasi quasi smetto davvero, non fosse altro che per non sentirla più borbottare» pensò lui per la milionesima volta.
 Il cigolio della porta lo ridestò dal torpore. Sull’uscio era apparso il giovane sconosciuto. Fermo sulla soglia con lo sguardo fisso ai fogli che teneva tra le mani parve in procinto di scoppiare in lacrime. Peppino balzò in piedi, si avvicinò e tenendolo per un braccio lo accompagnò verso la panchina. L’uomo si lasciò cadere, lasciò cadere anche quel che aveva in mano e con la testa tra le mani cominciò a piangere. Un pianto silenzioso, sommesso, disperato.
 Peppino raccolse i fogli e si sedette accanto a lui, in silenzio. «Cosa gli dico? Cosa si dice a un uomo che piange?» pensò «bisognerà pur dir qualcosa. Non sono bravo in queste cose io, ci vorrebbe quella santa donna di mia moglie, lei sì che saprebbe cosa fare.»
 Dopo un tempo che a Peppino parve interminabile la porta dell’ambulatorio si aprì di nuovo e ne uscì la signora Rosalinda la quale, scorto Peppino e l’uomo seduto accanto a lui, si avvicinò con fare deciso e l’aspetto di chi non vede l’ora di sistemare la faccenda.
 Avvicinandosi però, rallentò il passo e le parole gli morirono tra le labbra.
 «Peppino, che succede?» chiese con lo sguardo.
 «Non so» rispose muto l’uomo. La donna fissò ancora per un attimo la scena, poi girò intorno alla panca e attraversò la strada.
 Peppino allungò il suo fazzoletto lindo e ben stirato. Un abbozzo di sorriso sfiorò il suo viso dell’uomo.
 «Ora me ne vado, mi scusi lei con gli altri dentro, non volevo…»
 «Tenga, penso ne abbia bisogno» tuonò una voce dietro di loro. «Sono stata al bar qui dietro» continuò la signora Rosalinda con una tazza di caffè tra le mani «ho pensato che le potesse fare bene. Con me funziona, quando ho un diavolo per capello bere del caffè mi fa stare meglio.»
 Il volto dell’uomo si fece paonazzo, con la mano tremante prese il caffè mormorando un «grazie e mi scusi per prima.»
 «Lasci perdere, piuttosto si faccia in là e mi dica cosa le è capitato. Se un uomo giovane come lei piange a dirotto allora vuol dire che è successo qualcosa di grave. Peppino fammi un po’ di posto, voglio capire cos’è successo, magari possiamo fare qualcosa.»
 Peppino si scostò al bordo della panca e la signora Rosalinda si insinuò tra i due. «Giovanotto cominci con dirmi il suo nome.» «Drinat, mi chiamo Drinat»
 «Bene, io sono la signora Rosalinda e adesso mi dica perché sta piangendo.»
 Peppino alzò gli occhi al cielo, per come la vedeva lui, i modi della donna erano un po’ troppo bruschi. Ma forse andava bene così. Lui non aveva neanche avuto il coraggio di chiedergli il nome…
 Drinat trasse un profondo sospiro e iniziò a parlare, il suo italiano era buono, la pronuncia un tantino incerta. «Sono malato» disse «devo stare fermo a casa per tre mesi e se non miglioro dovrò essere operato.»
 «È una cosa grave?»
 «No, non tanto grave, ma non posso lavorare.»
 «Perché disperarsi allora, stia a riposo e se la goda un po’, tornerà a lavorare quando sarà guarito» rispose Rosalinda.
 «Non è così facile, se non lavoro perdo il posto, il mio capo mi manderà via, non avrò più un lavoro quando sarò guarito. Ho fatto finta di stare bene per tanto tempo, ma adesso non ce la faccio più.» A quel punto le lacrime ricominciarono a scendere senza che lui riuscisse a fermarle.
 Un’ombra oscurò per un attimo la panchina, dall’ambulatorio era uscita la signora Ilde, la quale s’era avvicinata silenziosa al gruppetto e osservava incuriosita l’insolita scena.
 «Non capisco quale sia il problema, a tutti capita di farsi un periodo di malattia e non ti licenziano mica per questo. Non possono, la legge parla chiaro» stava sentenziando Rosalinda.
 «Io non sono assunto, io lavoro in nero. Ho chiesto il contratto, ma lui non me l’ha dato: “o così o te ne vai” mi ha detto e adesso io non posso stare a casa, ma non riesco più a lavorare.»
 «Non è giusto, non è giusto per niente, deve fare qualcosa, deve protestare!»
 «Ma Rosalinda dove vivi? Sei proprio fuori dal mondo» la interruppe Peppino. «D’altra parte lei, con il marito notaio e i figli accasati, ‘sti problemi non li ha certo mai avuti, mica ha idea di come gira il mondo» si ritrovò a meditare l’uomo.
 «Non posso protestare, se protesto mi licenzia e tanto adesso mi licenzia lo stesso.»
 «Sei solo o hai una famiglia?» chiese la signora Ilde che fino a quel momento aveva ascoltato senza fiatare. «Sono sposato, ma mia moglie e mia figlia sono al mio paese, io voglio portarle qui, voglio che mia figlia cresca qui con me. Stavo risparmiando per prendere una casa in affitto, ce l’avevo quasi fatta, ma adesso…»
 Peppino guardò l’uomo e un velo di malinconia gli entrò nel cuore. Doveva essere ben duro vivere lontano da casa e dalla famiglia. Stare lontano dai suoi figli e da quella santa donna di sua moglie a lui non sarebbe piaciuto per niente.
 «Peppino, vieni dai, che tocca a te» la testa di Mario fece capolino dalla porta dell’ambulatorio. «Cosa sta succedendo?» chiese guardando sbalordito l’amico.
 Peppino si alzò e si girò verso il gruppetto «devo andare, è il mio turno…»
 «Vai, vai Peppino, qui ci pensiamo noi. Ilde avvicinati, aiutami a pensarla bene. Questo ragazzo, va aiutato.»
 «Dici bene Rosalinda, qui bisogna far qualcosa.» La signora Ilde si sedette accanto a lui e appoggiò una mano sulla sua spalla.
 Peppino si allontanò lanciando un’ultima occhiata all’uomo. Lo lasciava in buone mani, quelle due insieme si sarebbero di sicuro inventate qualcosa di utile per lui, non aveva dubbi.
 Drinat rispose al suo saluto con un debole sorriso e un «grazie» sussurrato a fior di labbra.
 Peppino si girò scuotendo la testa e meditando che il mondo sembrava andare a rotoli ancora una volta, ma la colpa non era certo di chi ti ruba il posto dal dottore.
Ultima modifica di Stefyp il 05/11/2020, 19:31, modificato 1 volta in totale.
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Bella storia. La questione del lavoro nero tocca tanta gente ed è quando succedono queste cose che poi ti accorgi del dramma.
La scena dentro la sala d’attesa è lo specchio di quello che siamo: una società di individualisti poco inclini a cercar di mettersi nei panni del prossimo come tenta di fare Peppino. La scena sulla panchina ci dice invece che non siamo affatto cattivi, è che a volte c’è bisogno di una “spintarella” per capire.
Peppino però lo sa che se il mondo va a rotoli la colpa non è di quelli con cui ce la prendiamo.
Solo una cosa: “quella santa donna di mia moglie” è ripetuto troppe volte.
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 252
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ho valutato positivamente, calandomi nei panni del recensore obiettivo a prescindere dalle mie idee, anche racconti di cui non condivido la mia visione del mondo. Non è questo il caso. Qui sono anche solidale col "messaggio". Il racconto mi piace, scorre, e forse manca un poco di una sorpresa finale. Comunque, un plauso e un buon voto.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 564
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

a parte qualche refuso, è scritto molto bene e risulta piuttosto coinvlgente.
buone le descrizioni, così come la caratterizzazione dei personaggi.
però non riesco a farmelo piacere più di tanto, sinceramente, e non ne comprendo il motivo.
forse c'è qualche messaggio subliminale, qualche cosa di nascosto...
boh.
in ogni caso si lascia leggere bene
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 132
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Il racconto si lascia leggere e non è scritto male, solo che mi prende pochissimo a livello di lettura, anche se solleva un problema importante. Ho trovato il ritmo lento e poco avvincente, anche se rende bene la realtà oggettiva dei fatti. Di sicuro non è il mio genere: scrivo fantasy proprio per sfuggire la realtà o, meglio, per renderla in modo metaforico.
Non mi è piaciuto il finale, che finale non è, anche se comprendo benissimo che il problema portato all'attenzione dei lettori non abbia facile soluzione, salvo la bacchetta magica o la discesa di un angelo dal cielo. Resta il fatto che per me il finale è debolissimo.
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 225
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Re: Quando il mondo va a rotoli…

Messaggio da leggere da Stefyp »

Francescopino grazie per le te per aver colto quel che volevo dire.

marcellorisso grazie anche a te per le tue gradite parole

Faustoscatoli: ho provato a rileggerlo per vedere se beccavo i refusi, ma non li ho trovati, me li evidenzieresti?

Ida-59 mi spiace che il finale risulti debole. Il senso del racconto non era narrare la storia di Drinat e quindi dire come finirà la sua vicenda. Ho scritto questo racconto perchè mi è capitato spesso di notare come alcuni nostri atteggiamenti nei confronti dell'altro cambino quando da entità astratta ( extracomunitario, giovane, vecchio adolescente ecc,) si fa persona con nome cognome e storia personale. Evidenziato questo per me la storia doveva finire. Evidentemente non mi sono spiegata bene. Grazie a te per la pazienza.
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 132
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Uno stralcio di vita quotidiana e la constatazione che il mondo va a rotoli. Non è difficile incorrere in una situazione come quella descritta di un uomo alla prese col lavoro nero che non può salvaguardare la sua saluta. L'espressione quella santa donna di mia moglie ripetuta più volte e il fatto che l'uomo delega alle donne il compito di capire il problema sembra porre l'accento sulla figura femminile alla quale affidarsi e mi dona una bella immagine materna, di speranza. Un buon racconto.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 515
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Cercare di mettersi nei panni non è sempre facile; Peppino è una persona molto sensibile e ci riesce molto bene. Forse il modo in cui accoglie Drinat, pur col suo silenzio senza particolari consigli o soluzioni, non risolverà la situazione ma per lo meno ha dimostrato vicinanza e non credo verrà dimenticato. Ho letto il racconto con piacere.
RobediKarta
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 02/11/2020, 2:14

Author's data

Re: Quando il mondo va a rotoli…

Messaggio da leggere da RobediKarta »

E' un bozzetto che mi ha suscitato molta tenerezza verso i personaggi; in questo senso sei stat* bravissim* e dimostri molta sensibilità. Il messaggio è chiaro: quando cominciamo a dare un nome alle persone, a conoscerle, a conoscere i loro problemi, il nostro egoismo si dissolve o almeno vacilla il più delle volte. L'unico difetto però è che mi sembra un po' edulcorato, quasi come una fiction della Rai. Manca uno scarto, non per forza un finale a sorpresa, ma una piccola deviazione, che in un racconto breve è fondamentale. Sei rimast* sullo stesso binario dall'inizio alla fine.
Mauro Conti
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 85
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Nulla da dire sulla struttura, scritto abbastanza bene ma poco "gustoso" e non "stuzzichevole" (chiedo scusa per i termini poco tecnici ma non saprei che definizioni usare per farmi capire). Lo si legge ma non entusiasma. Forse perché effettivamente non si legge altro che valanghe, dighe che cedono, terremoti, naufraghi in mezzo al mare, lavoratori sfruttati, traversate degli immigrati… il morale qui se ne va in basso :-(
già il periodo è quello che è.
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 141
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il racconto mi è piaciuto, innanzitutto per i personaggi, per la loro "umanità " concreta, in particolare trovo adorabili Peppino e la moglie, probabilmente napoletani. Mi hanno colpita per il loro rapporto, fatto di complicità, piccoli borbottii, comprensione, ma anche per la loro generosità e disponibilità verso il prossimo Inoltre, è apprezzabile che un tema tanto attuale venga affrontato con semplicità, visto nella quotidianità di una situazione concreta, che ha un volto e un nome, quello dell'uomo della storia. Il linguaggio è piano, adatto al ritmo lento, che si confà alla lentezza tipica della voce narrante, Peppino. Il testo è apprezzabile.
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 458
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Il racconto, sostenuto soprattutto dai dialoghi, è tenero e ben rappresenta uno "scorcio" di vita quotidiana: sembra davvero di esserci in quello studio ambulatoriale ad aspettare il proprio turno... La storia narrata è molto triste e, secondo me, scorre un poco lenta. Da bambina soffrivo al pensiero che in alcune epoche remote ci fossero stati gli schiavi. Il racconto fa ben intendere che nulla è cambiato, gli schiavi ci sono ancora oggi, e ci saranno sempre. La natura umana è feroce, purtroppo. Brava per aver trattato l' argomento impegnativo con personaggi comuni e, a tratti, divertenti.
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattyManf »

Un buon racconto, scritto bene. Mi piace molto questo peppino ed il suo pensiero schietto ma non scontato. Il racconto vuole mettere in luce un problema moderno e purtroppo diffuso, ci riesce in manier semplice, senza scene drammatiche. Un piccolo ondo in cui un piccolo problea diventa enorme per qualcuno... Gli spettatori fanno quel poco che possono: consolano.

A fine lettura, forse, non c'è stato un colpo di scena o una doccia fredda... ma non sempre un racconto finisce "col botto". Come Peppino, che vorrebbe fare tanto, ma quel poco che può.
Mi è piaciuto!
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiata a "Rose Nere" in Concorso FLASH.

sono FELICE perché...
:bicipit"Il Carillon di Absindaele" ,
si è piazzato al 3° posto su 45 concorrenti in Gara d'Autunno 2020!!!!
Fatemi sapere cosa ne pensate!
Illustrazioni: @chinevesperiane
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
Roberto Virdo'
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 208
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Stefy, letto e il racconto si muove bene, scritto per la mi modesta opinione in modo corretto e fluido. Confesso che è difficile dare un giudizio basato su criteri "gara", peraltro io non è che mi senta proprio un campione dei commentatori/recensori.
Quindi, pur nel rispetto di tutte le opinioni lette, opterò come sempre per una linea "emotiva". Veramente buono lo spunto della sala d'attesa: quale occasione più quotidiana e anonima? Ed ecco che lentamente ci conduci al dramma nascosto. Un comportamento ingannevole che nasconde in sè la tragedia. Coinvolge, sinceramente, come il bel personaggio di Peppino che, non so come, a me appare come un vero e proprio "sapiente" che, dall'alto della sua saggezza, attende senza lanciarsi in spropositi. Non credo sia un caso che fumi la pipa. Come fatto notare acutamente da qualcuno, molto molto bello quel "lasciar fare" alle donne, gesto maturo, affettuoso, pieno di rispetto consolidato da una vita insieme a colei che dimora nel più profondo, quella santa donna. Una linea che approvo pienamente, senza alcuna retorica. Ti assegno un voto alto per aver portato una realtà alla ribalta, forse non ce n'era bisogno ma il modo è stato ben concepito e portato avanti con guizzi di sentimento a volte intensi: "Cosa gli dico a un uomo che piange" è la frase che scelgo personalmente. Brava Stefy.
M.perrella
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/03/2020, 19:22

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da M.perrella »

Ho cercato di capire cosa vuole comunicare il racconto, ma fra articoli di calcio, frasi scambiate in un ambulatorio e riflessioni del personaggio Peppino, ho avuto l'impressione che per buona metà racconto si siano voluti riempire dei vuoti per concludere che il mondo ( rispetto a quale periodo?) va a rotoli a causa del lavoro nero e malpagato. Non mi sembra una novità. Si potrebbe dare più spazio alla descrizione dei personaggi che risultano appena tratteggiati, la storia ne trarrebbe dei vantaggi in più. Non perché non sia valida, ma le considerazioni che facciamo partono sempre da un punto di vista personale.
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 160
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Il racconto risulta scritto bene ed è facilmente fruibile, ciò che non mi ha lasciato molto è il messaggio e tema dello scritto che per quanto faccia riflettere non mi ha dato spunti nuovi. Carine le caratterizzazioni dei personaggi. Buona scrittura
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Downgrade

Downgrade

Riduzione di complessità - il libro Downpunk

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
è probabilmente il primo libro del genere Downpunk, ma forse è meglio dire che il genere Downpunk è nato con questo libro. Sam L. Basie, autore ingiustamente sconosciuto, presenta una visione dell'immediato futuro che ci lascerà a bocca aperta. In un futuro dove l'individuo è perennemente connesso alla globalità tanto da renderlo succube grazie alla sua immediatezza, è l'Umanità intera a operare su se stessa una "riduzione di complessità", operazione resa necessaria per riportare l'Uomo a una condizione di vita più semplice, più naturale e più... umana. Nel libro, l'autore afferma che "anche solo una volta all'anno, l'Essere umano ha bisogno di arrangiarsi, per sentirsi vivo e per dare un senso alla propria vita", ma in un mondo dove tutto ciò gli è negato dall'estremo benessere e dall'estrema tecnologia, le menti si sviluppano in maniera assai precaria e desolante, e qualsiasi inconveniente possa capitare diventerà un dramma esistenziale.
Di Sam L. Basie
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (2,50 MB scaricato 232 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Human Takeaway

Human Takeaway

(english version)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
What if we were cattles grazing for someone who needs a lot of of food? How would we feel if it had been us to be raised for the whole time waiting for the moment to be slaughtered? This is the spark that gives the authors a chance to talk about the human spirit, which can show at the same time great love and indiscriminate, ruthless selfishness. In this original parody of an alien invasion, we follow the short story of a couple bound by deep love, and of the tragic decision taken by the heads of state to face the invasion. Two apparently unconnected stories that will join in the end for the good of the human race. So, this is a story to be read in one gulp, with many ironic and paradoxical facets, a pinch of sadness and an ending that costed dearly to the two authors. (review by Cosimo Vitiello)
Authors: Massimo Baglione and Alessandro Napolitano.
Cover artist: Roberta Guardascione.
Translation from Italian: Carmelo Massimo Tidona.
Vedi ANTEPRIMA (494,48 KB scaricato 172 volte).
info e commenti compralo su   amazon

77, le gambe delle donne

77, le gambe delle donne

ovvero: donne in gamba!

Antologia di 77 opere e 10 illustrazioni per esplorare, conoscere e rappresentare la complessità e la varietà dell'universo femminile. Ognuno dei testi presenti in questa antologia riesce a cogliere tanti aspetti, anche contrastanti, di questa creatura affascinante e sorprendente che assieme agli uomini per millenni ha contribuito, nell'ombra o sul palco della storia, all'evoluzione della civiltà così come la conosciamo oggi. è inutile aggiungere che 77 opere soltanto non hanno la presunzione di fornire una rappresentazione esaustiva, ma lasciamo che la parte di questo "iceberg" femminile ancora sommerso rimanga pronto per emergere in prossime indagini e, perchì no, per costituire ancora la materia prima di altre future opere di ingegno.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Tullio Aragona, Maria Basilicata, Mara Bomben, Alessandro Borghesi, Emanuela Bosisio, Nunzio Campanelli, Paolo Caponnetto, Alessandro Carnier, Gino Centofante, Polissena Cerolini, Antonio Ciervo, Luigi Andrea Cimini, Giacomo Colosio, Cristina Cornelio, Marika Davoli, Stella Demaris, Maria Rosaria De Simone, Cetta de Luca, Cristoforo De Vivo, Roberta Eman, Luca Fadda, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Raffaella Ferrari, Virginia Fiorucci, Anna Rita Foschini, Franco Frainetti, Manuela Furlan, Nicola Gaggelli, Isabella Galeotti, Rebecca Gamucci, Lucilla Gattini, Michela Giudici, Antonino R. Giuffrè, Alessandro Kabon, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Greta Leder, Silvia Leuzzi, Yuleisy Cruz Lezcano, Libero, Marina Li Volsi, Rosalia Maria Lo Bue, Diego Luci, Sandra Ludovici, Verdiana Maggiorelli, Marino Maiorino, Angelo Manarola, Myriam Mantegazza, Germana Meli (geMadame), Roberta Michelini, Samuele Mocellin, Maurizio Nequio, Teresa Pace, Marina Paolucci, Roberto Paradiso, Umberto Pasqui, Viviana Picchiarelli, Daniela Piccoli, Anna Pisani, Luciano Poletto, Monica Porta, Pietro Rainero, Gianluigi Redaelli, Maria Rejtano, Stefania Resanfi, Franca Riso, Massimo Rosa, Francesca Santucci, Libera Schiano Lomoriello, Daniele Schito, Veronica Sequi, Salvatore Stefanelli, Stella Stollo, Paola Tomasello, Sonia Tortora, Liliana Tuozzo, Alessandro Zanacchi.
Vedi ANTEPRIMA (317,09 KB scaricato 345 volte).
info e commenti compralo su   amazon




Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 44 - Il potere della parola

La Gara 44 - Il potere della parola

(gennaio 2014, 33 pagine, 948,65 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Lodovico, Eddie1969, Anto Pigy, Skyla74, Scrittore 97, Daniela Rossi, Marina Paolucci, Silvia Torre,
A cura di Marino Maiorino.
Scarica questo testo in formato PDF (948,65 KB) - scaricato 214 volte.
oppure in formato EPUB (312,42 KB) (vedi anteprima) - scaricato 256 volte..
Lascia un commento.

La Gara 58 - A volte ritornano

La Gara 58 - A volte ritornano

(marzo/aprile 2016, 18 pagine, 500,19 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Laura Chi, Alberto Tivoli, Annamaria Vernuccio,
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (500,19 KB) - scaricato 40 volte.
oppure in formato EPUB (1,03 MB) (vedi anteprima) - scaricato 78 volte..
Lascia un commento.

La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

(luglio/agosto 2012, 42 pagine, 720,59 KB)

Autori partecipanti: Nathan, Umberto Pasqui, Ardito Eufemismo, Lodovico, Ser Stefano, Maria92, Lorella15, Alhelì, Mastronxo, Monica Porta may bee, Exlex, Tuarag, Licetti, Angela Di Salvo,
A cura di Mastronxo.
Scarica questo testo in formato PDF (720,59 KB) - scaricato 128 volte.
oppure in formato EPUB (936,83 KB) (vedi anteprima) - scaricato 232 volte..
Lascia un commento.