Caro Babbo Natale...

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2020/2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
1
10%
2 - mi piace pochino
6
60%
3 - si lascia leggere
3
30%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 10

Antonella martino
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 8
Iscritto il: 09/06/2020, 18:51

Author's data

Caro Babbo Natale...

Messaggio da leggere da Antonella martino »


Caro Babbo Natale,
 spero vorrai scusarmi se questa lettera si intrufolerà tra le tante dei bambini che come ogni anno ti scrivono, lo so, ho passato gli anni gioiosi da tanto ormai ma ho un estremo bisogno di chiederti in dono qualche regalino speciale e in tutta onestà sento di avere un cuore più vicino a quello dei fanciulli che a quello della gente della mia età perciò guarda quello, guarda un po’ dentro di me.
 Questo è stato un anno veramente difficile per tutto il genere umano, da gennaio siamo entrati in un vortice di situazioni mai vissute prima e le perdite di vite umane sono ancora oggi troppe ma carissimo Babbo Natale qui la vita per molti è difficile a prescindere da questo virus, qui la gente muore ancora di malattia, muore persino di fame e a volte annegata, a volte assassinata, uccisa si.
  La gente , carissimo Babbo Natale, non ha pari opportunità in tutto il mondo, ci sono dei divari che mi fanno sentire cosi ingrata nei confronti della vita perché io davvero questo miracolo cosi grande non l’ho ancora mica capito e qualche volta la mia testa fugge lontano alla ricerca di un senso che in realtà è già nel mio cuore.
 Bhè non voglio tediarti troppo perciò giungo alle mie richieste:
 Elimina le malattie, tutte, le nuove e le vecchie e soprattutto quelle mortali e quelle debilitanti. Puoi lasciarci un semplice raffreddore che quello lo curiamo anche con la tanto decantata camomilla che la mia mamma dice di prepararmi e in tre giorni voglio che tutti siano guariti ma ehi non osare concedere un solo giorno di più. Non ce la faccio proprio ad accettare che nel 2020 debbano morire bambini, mamme, papà , ragazzi, uomini e donne, gente che avrebbe ancora una vita davanti e che certi reparti siano cosi stracolmi di gente, quei reparti non dovrebbero proprio esistere per carenza di pazienti. Non ti chiedo di eliminare la morte , beh potrei farlo, un regalo è pur sempre un regalo ma carissimo Babbo Natale mi sta bene se ci veniamo incontro l’un l’altro. Mi sta bene accettare che la morte potrà coglierci ma alla fine di una lunga e intensa vita per tutti senza alcuna minima distinzione, un giorno tutti dovremo sdraiarci nel nostro letto , circondarci dei nostri cari e aspettare con la pace nel cuore di chi sa che gli è stato concessa la stessa opportunità che a chiunque altro. E farà meno male a tutti, pensaci , saremmo tutti più felici, potremmo vivere senza le ansie nel cuore sapendo di avere tanto anni a disposizione. Decidi tu quanti, oltre i 90 mi stanno bene, non benissimo si intende ma è un buon compromesso.
 Il secondo regalo che ti chiedo forse è un po’ più difficile ma ci ho pensato bene, è qualcosa di radicale che eliminerebbe molte altre cose negative, come si suol dire” uno e buono”. Elimina l’egoismo, lascia che gli uomini scoprano la gioia condivisa , la fratellanza , l’amore e il rispetto, farai salve tante persone che vivono in posti del mondo dove c’è troppo divario tra il ricco e il povero, nessuno dovrà sentirsi costretto a mettersi su imbarcazioni di fortuna per andare alla ricerca di una vita migliore, ognuno avrà possibilità di una vita degna nel suo paese. Non ci sarebbero guerre per la gestione delle ricchezze della Terra perché tutti riusciremmo a goderne in pacifica convivenza. Osserva bene Babbo Natale, una miriade di problemi di meno.
 E in ultimo ma non meno importante ti chiedo di donare a tutto il genere umano la pace nel cuore, sembra un po’ una cavolata ma io voglio che tutti siano in grado di apprezzare un tramonto e di emozionarsi, di riuscire a ringraziare per la vastità di doni che la vita molto spesso ci fa. Non è affatto scontato Babbo Natale perchè c’ è un male oscuro che tenta di divorarci ogni giorno. Illumina le nostre vite e i nostri cuori, lasciaci intravedere la strada così che possiamo diventare davvero persone migliori.
 Proteggi i bambini che sono la parte innocente e vera del genere umano e che sanno sempre strapparmi un sorriso anche quando i sorrisi finiscono.
 Proteggi gli adolescenti che si preparano ad affrontare la vita e dona loro tutte le armi di cui hanno bisogno ma soprattutto la capacità di credere in se stessi.
 Proteggi le donne che spesso devono affrontare guerre nel silenzio del loro cuore.
 Proteggi tutti coloro che si sentono in difficoltà e non hanno il coraggio di chiedere aiuto.
 Credo possa bastare Babbo Natale, ti ringrazio in anticipo e so che esaudirai le mie richieste, non mi resti che tu perché tutto è diventato estremamente difficile.
 Con affetto , Antonella.
Ultima modifica di Antonella martino il 25/12/2020, 21:02, modificato 2 volte in totale.
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

La prima cosa che balza agli occhi è totalmente negativa: la punteggiatura è completamente da rifare e ci sono anche alcuni refusi. Di solito non mi permetto mai di giudicare un racconto da queste cose, ma nel tuo caso è troppo evidente. La lettura ne viene disturbata.
Detto questo sono colpito dalla semplicità di quello che hai scritto: una letterina a Babbo Natale e dei sogni che tutti noi (quasi) vorremmo che si avverassero.
Si, morire fa schifo, anche a 90 anni. E non è giusto che muoiano tanti giovani e tanti bambini per malattie infami. Woody Allen ci scherzava su: "morire non mi piace per niente, credo che sarà l'ultima cosa che faro'".
La seconda richiesta va all'essenza, alla radice: l'egoismo. E' vero, se l'uomo non avesse questo sentimento non ci sarebbero neanche le differenze sociali.
Il terzo desiderio mi sembra quello più difficile da esaudire, anche per Babbo Natale. Alcuni di noi non trovano pace senza alcun motivo… semplicemente non hanno pace.
Chissà quanta gente attorno a noi troverebbe questo tuo scritto banale, dunque altrettanto banalmente ti dico che il pensiero va d'istinto alla devastante semplicità di Immagine di John Lennon.
RobediKarta
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 02/11/2020, 2:14

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobediKarta »

Più che una lettera a Babbo Natale una preghiera a un Dio indifferente alle sorti umane. Ma non è un racconto, avevo capito che bisogna inviare storie, almeno è stato l'appunto principale che mi avete fatto in molti in autunno. Apprezzo il fatto che hai scritto col cuore, traspare la tua sincerità. Credo però che il nocciolo della soluzione dei problemi (per esempio le guerre) stia nell'individuo. La fine dell'egoismo e l'accettazione, o meglio la comprensione della morte, sono due fenomeni strettamente correlati; tu quasi vorresti l'immortalità ma alla fine chiedi una lunga vita per tutti e la fine dell'ego, per me chiedi la botte piena e la moglie ubriaca. Avendo conosciuto un paio di persone a me vicine guarite miracolosamente e diventate angeli in carne ed ossa rispetto a prima posso affermare che la dissoluzione dell'ego o la sua riduzione ad una giusta dimensione hanno bisogno dell'idea concreta di morte. Questa è la strada più breve e dolorosa. Altrimenti ci si arriva con anni di meditazione. Concettualmente quindi non riesco a farmi piacere la tua lettera, scusami. La morte è solo un passaggio. Il casello non è il contrario dell'autostrada.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 564
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

se da un lato è sempre piacevole leggere una letterina con richieste di cose belle e buone, dall'altro mi sarei aspettato qualcosa di diverso, che esca dallo schema classico.
cosa che qui non accade.
non avertene, è una pura riflessione personale.
poi devo, purtroppo, segnalare tanti errori e refusi, nonché una punteggiatura completamente da rivedere.
a rileggerti
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 458
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

E si Antonella, qui ci si è anche per imparare dai nostri errori e migliorarci; non è una critica, è stato così per tutti: devo pertanto dire, anch'io, che ci sono davvero troppe cose da rivedere nel tuo racconto, che con un poco di attenzione in più andrebbero al loro posto (virgole staccate dalla parola, periodi lunghissimi senza la punteggiatura...). Circa il contenuto della tua narrazione, poi, sembra di ritornare al passato quando, da bambini, dovevamo recitare le "preghiere" pre-confezionate e intrise di buoni sentimenti. A rileggerti con piacere, ciao
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 141
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Anche secondo me questo testo non è un racconto, quindi forse sembra poco idoneo alla gara e la punteggiatura va rivista. Mi ha colpito però la purezza d'animo dell'autrice. In particolare, mi sono sembrate importanti la richiesta di eliminare l'egoismo, come risoluzione di parecchi mali, e quella di fare in modo che le persone possano trovare la pace nel cuore.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 454
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Sfido chiunque a non essere d’accordo con le richieste di questa “lettera”.
Ci sono molti refusi e imprecisioni, te ne segnalo qualcuno: sì (affermativo), beh, perché; anche la punteggiatura è da rivedere.
Babbo Natale è già passato, non ci resta che sperare che il nuovo anno ci porti un po’ di quelle cose che chiedi.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 515
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Ciao; fermo restando che sarebbe bello che le tue richieste vengano soddisfatte, forse tutte tutte no (ad esempio non ho personalmente il bisogno di vivere fino a 90 anni), trovo questo tuo pezzo davvero un pò troppo carico. Come ti è già stato segnalato poi sarebbe da rivedere a livello formale. Globalmente mi spiace ma non mi è piaciuto molto.
Roberto Virdo'
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 208
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Re: Caro Babbo Natale...

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

C'è una richiesta che vorrei aggiungere. Forse una dimenticanza da parte dell'autrice, o semplicemente una mia visuale più allargata. E siccome un po' di musica non guasta: "Uomini Soli", Pooh, 1990.
Nando71
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 07/01/2021, 1:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Nando71 »

Una bella lunga confessione piena di desideri personali ma che si vogliono estendere e condividere con tutti. Hai chiesto un mini Paradiso in Terra, leggo tra le righe più la paura di vivere che di morire.
Ilario Iradei
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 14/02/2020, 9:06

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ilario Iradei »

Non ho mai creduto a babbo natale neanche quando ero piccolino. E non capivo come facevano gli altri bambini a crederci. Detto questo mi viene da scrivere che non credo neanche a questo racconto proprio perché è rivolto a un'entità immaginaria. Scrivere i propri desiderata a chi non esiste, e lo sappiamo che non esiste, è come scrivere che questi desiderata rimarranno tali in eterno. Significa che non si crede a quel che si scrive. E allora perché darsi la pena di scriverlo?
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9455
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ilario Iradei ha scritto: 14/01/2021, 14:48E allora perché darsi la pena di scriverlo?
Non è molto piacevole questa tua domanda.
Diamine, siamo scrittori, mica giornalisti!
La tua domanda la dovresti allora rivolgere anche a circa metà degli scrittori di tutto il mondo che scrivono favole, fiabe, fantasy, fantascienza e horror, non credi?
Chiedi perché darsi la pena di scrivere?
Perché sì!, e se non ti piace il contenuto, commenta quello, non lo stimolo che ha spinto lo scrittore a scriverlo.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Ilario Iradei
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 14/02/2020, 9:06

Author's data

Re: Caro Babbo Natale...

Messaggio da leggere da Ilario Iradei »

Era una domanda retorica in un periodo ipotetico. Non volevo offendere nessuno, se l'ho fatto chiedo venia, non era mia intenzione.
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 132
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Ho trovato molto tenera questa lettera, i tuoi desideri sono i desideri di tutti e se fossi babbo Natale li esaudirei senz'altro ma sono solo una vecchia signora col cuore bambino che crede nelle favole e so che a volte è bello sognare.
Peccato per gli errori di punteggiatura, mancano accenti e virgole ad esempio.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2020/2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Downgrade

Downgrade

Riduzione di complessità - il libro Downpunk

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
è probabilmente il primo libro del genere Downpunk, ma forse è meglio dire che il genere Downpunk è nato con questo libro. Sam L. Basie, autore ingiustamente sconosciuto, presenta una visione dell'immediato futuro che ci lascerà a bocca aperta. In un futuro dove l'individuo è perennemente connesso alla globalità tanto da renderlo succube grazie alla sua immediatezza, è l'Umanità intera a operare su se stessa una "riduzione di complessità", operazione resa necessaria per riportare l'Uomo a una condizione di vita più semplice, più naturale e più... umana. Nel libro, l'autore afferma che "anche solo una volta all'anno, l'Essere umano ha bisogno di arrangiarsi, per sentirsi vivo e per dare un senso alla propria vita", ma in un mondo dove tutto ciò gli è negato dall'estremo benessere e dall'estrema tecnologia, le menti si sviluppano in maniera assai precaria e desolante, e qualsiasi inconveniente possa capitare diventerà un dramma esistenziale.
Di Sam L. Basie
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (2,50 MB scaricato 232 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Human Takeaway

Human Takeaway

(english version)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
What if we were cattles grazing for someone who needs a lot of of food? How would we feel if it had been us to be raised for the whole time waiting for the moment to be slaughtered? This is the spark that gives the authors a chance to talk about the human spirit, which can show at the same time great love and indiscriminate, ruthless selfishness. In this original parody of an alien invasion, we follow the short story of a couple bound by deep love, and of the tragic decision taken by the heads of state to face the invasion. Two apparently unconnected stories that will join in the end for the good of the human race. So, this is a story to be read in one gulp, with many ironic and paradoxical facets, a pinch of sadness and an ending that costed dearly to the two authors. (review by Cosimo Vitiello)
Authors: Massimo Baglione and Alessandro Napolitano.
Cover artist: Roberta Guardascione.
Translation from Italian: Carmelo Massimo Tidona.
Vedi ANTEPRIMA (494,48 KB scaricato 172 volte).
info e commenti compralo su   amazon

77, le gambe delle donne

77, le gambe delle donne

ovvero: donne in gamba!

Antologia di 77 opere e 10 illustrazioni per esplorare, conoscere e rappresentare la complessità e la varietà dell'universo femminile. Ognuno dei testi presenti in questa antologia riesce a cogliere tanti aspetti, anche contrastanti, di questa creatura affascinante e sorprendente che assieme agli uomini per millenni ha contribuito, nell'ombra o sul palco della storia, all'evoluzione della civiltà così come la conosciamo oggi. è inutile aggiungere che 77 opere soltanto non hanno la presunzione di fornire una rappresentazione esaustiva, ma lasciamo che la parte di questo "iceberg" femminile ancora sommerso rimanga pronto per emergere in prossime indagini e, perchì no, per costituire ancora la materia prima di altre future opere di ingegno.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Tullio Aragona, Maria Basilicata, Mara Bomben, Alessandro Borghesi, Emanuela Bosisio, Nunzio Campanelli, Paolo Caponnetto, Alessandro Carnier, Gino Centofante, Polissena Cerolini, Antonio Ciervo, Luigi Andrea Cimini, Giacomo Colosio, Cristina Cornelio, Marika Davoli, Stella Demaris, Maria Rosaria De Simone, Cetta de Luca, Cristoforo De Vivo, Roberta Eman, Luca Fadda, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Raffaella Ferrari, Virginia Fiorucci, Anna Rita Foschini, Franco Frainetti, Manuela Furlan, Nicola Gaggelli, Isabella Galeotti, Rebecca Gamucci, Lucilla Gattini, Michela Giudici, Antonino R. Giuffrè, Alessandro Kabon, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Greta Leder, Silvia Leuzzi, Yuleisy Cruz Lezcano, Libero, Marina Li Volsi, Rosalia Maria Lo Bue, Diego Luci, Sandra Ludovici, Verdiana Maggiorelli, Marino Maiorino, Angelo Manarola, Myriam Mantegazza, Germana Meli (geMadame), Roberta Michelini, Samuele Mocellin, Maurizio Nequio, Teresa Pace, Marina Paolucci, Roberto Paradiso, Umberto Pasqui, Viviana Picchiarelli, Daniela Piccoli, Anna Pisani, Luciano Poletto, Monica Porta, Pietro Rainero, Gianluigi Redaelli, Maria Rejtano, Stefania Resanfi, Franca Riso, Massimo Rosa, Francesca Santucci, Libera Schiano Lomoriello, Daniele Schito, Veronica Sequi, Salvatore Stefanelli, Stella Stollo, Paola Tomasello, Sonia Tortora, Liliana Tuozzo, Alessandro Zanacchi.
Vedi ANTEPRIMA (317,09 KB scaricato 345 volte).
info e commenti compralo su   amazon




Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 44 - Il potere della parola

La Gara 44 - Il potere della parola

(gennaio 2014, 33 pagine, 948,65 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Lodovico, Eddie1969, Anto Pigy, Skyla74, Scrittore 97, Daniela Rossi, Marina Paolucci, Silvia Torre,
A cura di Marino Maiorino.
Scarica questo testo in formato PDF (948,65 KB) - scaricato 214 volte.
oppure in formato EPUB (312,42 KB) (vedi anteprima) - scaricato 256 volte..
Lascia un commento.

La Gara 58 - A volte ritornano

La Gara 58 - A volte ritornano

(marzo/aprile 2016, 18 pagine, 500,19 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Laura Chi, Alberto Tivoli, Annamaria Vernuccio,
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (500,19 KB) - scaricato 40 volte.
oppure in formato EPUB (1,03 MB) (vedi anteprima) - scaricato 78 volte..
Lascia un commento.

La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

(luglio/agosto 2012, 42 pagine, 720,59 KB)

Autori partecipanti: Nathan, Umberto Pasqui, Ardito Eufemismo, Lodovico, Ser Stefano, Maria92, Lorella15, Alhelì, Mastronxo, Monica Porta may bee, Exlex, Tuarag, Licetti, Angela Di Salvo,
A cura di Mastronxo.
Scarica questo testo in formato PDF (720,59 KB) - scaricato 128 volte.
oppure in formato EPUB (936,83 KB) (vedi anteprima) - scaricato 232 volte..
Lascia un commento.