Distopia alimentare

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
1
8%
2 - mi piace pochino
3
25%
3 - si lascia leggere
4
33%
4 - è bello
4
33%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 12

Macrelli Piero
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 73
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

Distopia alimentare

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

DISTOPIA ALIMENTARE
(Cronache dal post Covid)

Mi è rimasto solo un colpo e se lo spreco dovrò affidarmi al pugnale e la cosa mi preoccupa un po'.
Potevo limitarmi a tirare il collo a una gallina davanti a una commissione comunale per avere il permesso "basic", ma la cosa avrebbe escluso tutti i mammiferi. In realtà io puntavo a un permesso completo e sgozzare un maiale con le proprie mani sotto la supervisione della stessa commissione non mi preoccupava. Non mi preoccupava neppure l'esame di uno psicologo per valutare la mia propensione alla violenza e la pericolosità sociale. Per finire c'era anche una pesante tassa di concessione governativa da pagare, ma che potevo affrontare tranquillamente e quindi non mi perdono di aver accettato di partecipare alla trasmissione televisiva "Only The Braves" che mi avrebbe coperto le spese e aggiunto anche qualche privilegio esclusivo da V.I.P. con la licenza "Totally Omnivorous".

E dire che quando, anni fa, introdussero l'obbligo del "Green Pass", l'obbligo vaccinale e l'identità genetica la cosa mi aveva lasciato indifferente. Non consideravo la cosa un limite e mi sembrava come quando fuori dai locali c'è uno che decide se sei abbastanza figo da entrare.
Per il "Green Pass" molti protestarono, ma la maggioranza silenziosa, compreso me, fece spallucce.
Così quando i Vegetariani Radicali (spalleggiati da Animal Liberation) presero il potere, non ci fu più nessuno a protestare per le forti limitazioni al consumo della carne.
Venne introdotto un permesso speciale nel quale dovevi dimostrare di non essere un carnivoro ipocrita. Dovevi dimostrare di essere in grado di catturare e macellare gli animali di cui ti volevi nutrire. Fatto questo, con rinnovo biennale, potevi acquistare e consumare carne.

Adesso che la pausa pubblicitaria è finita sono costretto da contratto a rientrare subito nell'arena. Un medico della redazione mi ha suturato la ferita all'arteria femorale, mi ha iniettato un potente antidolorifico e con un po' di fortuna i punti dovrebbero tenere.
Il cinghiale femmina che ho accettato di affrontare è ferito, ma non i maniera seria e ho il sospetto che oltre averla privata dei cuccioli l'hanno anche drogata per aumentare la sua furia e aumentare l'indice di gradimento della trasmissione.
Ora il cinghiale mi ha visto e ha abbassato il capo per attaccarmi.
Sulle sue zanne c'è ancora il sangue della ferita che mi ha procurato.
Tutto il pubblico è in silenzio.
Io carico il fucile con l'ultimo colpo e prendo la mira.
Ultima modifica di Macrelli Piero il 23/09/2021, 13:26, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 66
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Commento : Distopia alimentare

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

“Periodone” iniziale. Al momento non saprei come spezzettarlo, ma per me va fatto.
Secondo periodo troppo lungo:
“La cosa comprendeva anche una pesante tassa di concessione governativa, ma che potevo affrontare tranquillamente e quindi non mi perdono di aver accettato di partecipare alla trasmissione televisiva "Only The Braves" che mi avrebbe coperto le spese e aggiunto anche qualche privilegio esclusivo da V.I.P. con la licenza "Totally Omnivorous".”
In un corto letterario che si rispetti le frasi sono brevi.
"Green Pass" e passaporto sanitario non sono la stessa cosa?
“ come quando l'ingresso dei trovavi un tipo che giudicava se eri abbastanza elegante o figo per entrare. La frase zoppica: serve una revisione.
C’è dell’altro ma per ora basta così.
Il racconto merita veramente quindi per ora non voto. Attendo una nuova versione.

I commenti per questo racconto mi hanno schiarito le idee. In particolare mi ritrovo molto nel commento di Roberto Bonfanti.
Sono combattuto tra tre e quattro. Come sempre arrotondo al 4.
Ultima modifica di Alberto Marcolli il 05/10/2021, 20:40, modificato 1 volta in totale.
Ibbieffe
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 29
Iscritto il: 20/08/2021, 11:12

Author's data

Commento: Distopia alimentare

Messaggio da leggere da Ibbieffe »

A me è piaciuto, anche se personalmente non vedo come potremmo arrivare a quanto hai descritto tu partendo dal Green Pass; ma questa non è una critica perchè, giustamente, quando uno scrive immagina ed ipotizza quello che gli pare e tu hai tirato fuori cose davvero particolari ed innovative.
Lì per lì ho pure pensato -Diamine, sarebbe figo se davvero prendessero il potere i Vegetariani Radicali, visto chi sembra proprio destinato a salire al Governo con le prossime elezioni-; ma alla fine l'Estremismo è sempre maledettamente sbagliato, in ogni sua forma.
Non appartengo al filone estremista ma sono animalista e limito al massimo il consumo di carne e, non riuscendo a mangiare qualsiasi cosa sanguini o abbia chiare fattezze da creatura che un tempo era vivente, nel mondo che hai immaginato io in quell'arena non ci entrerei di certo. Ancora complimenti: una storia davvero originale!
Macrelli Piero
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 73
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

Re: Distopia alimentare

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Il racconto è molto breve che si presta molto a modifiche e revisioni (Che sono il mio dramma).
Ho seguito i consigli del primo commento e ho spezzato i periodi lunghi.
A me i periodi lunghi piacciono, ma sono difficili da scrivere bene.
Per chi ama le "Short Story" dell'epoca d'oro della fantascienza non farà a meno di notare un po' di Matheson, Brown e, spero, il mio amatissimo Sheckley.

Noto che alla pubblicazione non viene rispettata la formattazione che avevo scelto, in particolare i rientri che non avevo fatto.
Pazienza, proverò a modificarli.
Stefano M.
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 13
Iscritto il: 14/09/2021, 23:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefano M. »

Mi ispiro al nome del sito: Bravi Autori, non Professoroni Bacchettoni; pertanto mi sembra doveroso selezionare quanto c'è di buon in un elaborato, piuttosto che esibirmi in critiche puramente tecniche (magari anche Pirandello, una volta, ha saltato una virgola, chissà…).
Trovo il racconto molto interessante e originale, di grandissima attualità: bella l'idea di richiamare il Green Pass per ambientarlo in un futuro non molto remoto. A chiunque, penso, una forzatura del genere è venuta in mente almeno una volta ma il politically correct ci costringe a legarci le mani, quindi l'autore merita la massima stima anche solo per il coraggio.
Se proprio devo evidenziare un piccolo difetto, forse, trovo la parte relativa al "suin pass" un po' troppo corposa in relazione alla narrazione, che avrebbe potuto essere leggermente più lunga e sviluppata pur senza perdere di incisività. Si tratta proprio di una sciocchezza però! Buona bistecca (o tofu) a tutti!
RobertoBecattini
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 41
Iscritto il: 25/11/2018, 0:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobertoBecattini »

E' un bozzetto interessante come idea distopica, meritava qualche riga in più. Così com'è sembra un po' troppo semplificato. Forse anche troppe spiegazioni, avrei puntato più sull'atmosfera, sullo scontro col cinghiale in modo da suggerire mille ipotesi al lettore sul perchè il protagonista si trova lì. Forse non era necessario il riferimento al Green Pass, anche se è quello che ti ha dato l'idea, che, ripeto, è buona.
RobediKarta
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Come detto in precedenza anche secondo me il racconto avrebbe bisogno di qualche riga in più.
L'idea non è nuovissima (ma che ci può essere di nuovo nel campo della distopia? O nella letteratura in generale?) però è resa contemporanea dagli accenni all'attualità.
Certo che imbracciare un fucile non mette il protagonista alla pari con il cinghiale, queste cose vanno fatte a mani nude, poi vediamo chi la spunta.
Ciononostante la carne (ops…) c'è, quindi il racconto merita un buon voto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Anto58
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 25
Iscritto il: 07/03/2021, 18:21

Author's data

Re: Distopia alimentare

Messaggio da leggere da Anto58 »

Sono concorde con tutti i commenti precedenti. Penso anche io che nei commenti non bisognerebbe andare troppo sul "tecnico", bensì verificare l'originalità e il ritmo della scrittura, è escluso che si possano trovare errori grammaticali o di interpunzione degni di nota. Il racconto mi è piaciuto, se devo fare qualche obiezione, posso dire che c'è sproporzione tra la prima parte, verbosa e un po' confusa, la seconda rapida e breve. Voto 3
Anto58
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 25
Iscritto il: 07/03/2021, 18:21

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Anto58 »

Sono concorde con tutti i commenti precedenti. Inoltre penso che nei commenti non bisognerebbe essere troppo "tecnici" ma esprimersi soprattutto all'ideazione e sul ritmo narrativo. La prima parte del racconto è un po' confusa, la seconda troppo concisa e rapida. Voto 3
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 643
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Premessa: quando ho letto “cronache da post COVID” mi è venuto un moto di nausea, perdonami ma come direbbe mia nonna “ne ho piene le scuffie”. Però non giudico mai un racconto dall’argomento/ideologia (es.: non amo l’economia ma se mi si presenta un racconto su wall street non gli do a prescindere un voto basso)

Detto questo trovo che ci siano degli aspetti interessanti nel racconto e altri che funzionano così così. La prima parte è troppo spiegata, non credo che nei momenti concitati poi descritti il pensiero vaghi sul perché e per come si è arrivati a quel punto. In secondo luogo non vedo il nesso tra green pass e animalisti radicali, posso capire alla lontana che in breve si passi a un controllo sempre più invasivo, ma mi sembra un po’ troppo presentato così, in poche righe.

La parte finale è secondo me la più riuscita, diretta, cruda e sentita.

Voto 3 per me
Avatar utente
Maria Spanu
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 16/09/2014, 18:09

Author's data

Re: Distopia alimentare

Messaggio da leggere da Maria Spanu »

Beh, il futuro ipotizzato, visto che oggi mira sempre di più alla "salubrità" delle persone e visto che parte della critica considera già il nostro attuale stile di vita insano, non è così lontano dalla realtà. Considerato che gli allevamenti intensivi in futuro non esisteranno più , la carne in vitro costerà talmente tanto che le persone normali non se la potranno permettere, è immaginabile una sorta di caccia nell'arena della preda che poi si porta a casa per nutrirsi, perchè no. siamo sempre rimasti sorpresi dagli accadimenti della storia, perchè dovremmo sorprenderci di questo.
A livello di racconto, però, è un pò frammentario. Ci si inciampa alcune volte sulle frasi ma l'idea è buona. Lavoraci su, la base di partenza c'è, mancano un pò di bulloni e viti qua e la. :) :D
Voto 3
Immagine

Immagine

Immagine
Io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
Vedi ANTEPRIMA (941,40 KB scaricato 75 volte).
info e commenti compralo su   amazon


A Quattro mani

A Quattro mani

antologia di opere scritte a più mani

Una collaborazione, di qualunque natura essa sia, diventa uno stimolo, la fusione di peculiarità ben definite, la concretizzazione di un'intesa, la meraviglia di scoprire quel qualcosa che individualmente non si sarebbe mai potuta fare. È una prova, una necessità di miglioramento, il superamento dei propri limiti stilistici o di quei blocchi creativi che sovente ci pongono di fronte a un disarmante "foglio bianco". Gli autori di questa antologia ci hanno voluto provare.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Antonio Abbruzzese.

Contiene opere di: Chiara Masiero, Mauro Cancian, Stefania Fiorin, Anna Rita Foschini, Ida Dainese, Alberto Tivoli, Marina Paolucci, Maria Rosaria Spirito, Marina Den Lille Havfrue, Cristina Giuntini, David Bergamaschi, Giuseppe Gallato, Maria Elena Lorefice.
Vedi ANTEPRIMA (802,46 KB scaricato 120 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 59 volte).
info e commenti compralo su   amazon





Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 50 - La Verità

La Gara 50 - La Verità

(gennaio 2015, 24 pagine, 2,01 MB)

Autori partecipanti: Ser Stefano, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Nembo13, Mastronxo, Michele, Eliseo Palumbo,
a cura di Cladinoro.
Scarica questo testo in formato PDF (2,01 MB) - scaricato 112 volte..
Lascia un commento.

La Gara 37 - Il trinomio Fantastico

La Gara 37 - Il trinomio Fantastico

(aprile/maggio 2013, 50 pagine, 1,25 MB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Marino Maiorino, Lodovico, Patrizia Benetti, Antares, Monica Porta may bee, Licetti, Yendis, Carlocelenza, Scrittore97, Anto Pigy, Pardan, Freecora, Lorella15, Polly Russell, LeggEri,
A cura di Mastronxo e Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,25 MB) - scaricato 378 volte.
oppure in formato EPUB (1,30 MB) (vedi anteprima) - scaricato 224 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2021 - (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2021 - (in bianco e nero)

(edizione 2021, 973,27 KB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (973,27 KB) - scaricato 16 volte..