L'uomo che spazza

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
2
13%
4 - è bello
6
38%
5 - mi piace tantissimo
8
50%
 
Voti totali: 16

Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

C'è un uomo che spazza tutto il quartiere.
Non il mio quartiere, uno limitrofo che raggiungo in pochi minuti, nelle mie ormai abituali passeggiate urbane.
In breve tempo l'ho esplorato tutto, si trova in una tranquilla zona residenziale; la strada principale che l'attraversa si interseca con angoli retti alle tante traverse, a loro volta ramificate a formare un complicato disegno labirintico fra le villette, le case unifamiliari e qualche spazio verde attrezzato, utile per le passeggiate dei cani, molto più numerosi dei bambini, da queste parti.
L'uomo è anziano, di più non so dire riguardo alla sua età, potrebbe essere un settantenne in ottima forma o un ottantenne in forma straordinaria. Ha movimenti svelti, decisi, direi nervosi, usa la scopa e la paletta con maestria, è quasi ipnotico nella sua azione di pulizia. Niente lo distrae dalla sua missione – non saprei con quale altro nome definire la sua attività – ben diversa dal lavoro di un netturbino, anche del più solerte. Il suo spazzare non è semplicemente pulire i marciapiedi e badare al decoro del vicinato, ha un che di ascetico, di indaffarata meditazione.
Lo avevo già notato passando in macchina, ma l'attenzione che richiede la guida ci permette solo un quadro grossolano dell'ambiente che attraversiamo, i dettagli sfuggono; la velocità ci dà qualcosa e ci toglie tanto.
Passeggiando, invece, ho iniziato a prestare attenzione a questa figura singolare, alla sua opera insistita. È un po' come quando vediamo un modello di auto che non avevamo notato prima e poi ci accorgiamo che ce ne sono molti in giro. Oppure come ascoltare distrattamente una nuova canzone alla radio e alla lunga iniziare a canticchiare il ritornello a ogni nuovo passaggio. In questo modo l'uomo che spazza ha conquistato la mia attenzione. Lo osservo a distanza, giro intorno a un isolato e quando l'ho di nuovo a tiro ne studio i progressi, fingo disinteresse mentre valuto i risultati del suo operare che, è questa la cosa sorprendente, sono ineccepibili: niente sfugge alla sua scopa. Mi sembra di avvertire il suo disappunto quando non trova qualcosa da raccogliere e vaga con lo sguardo in cerca di un rimasuglio da spazzare via, allora procede velocemente in avanti, sempre con gli occhi puntati verso il basso incurante del caos che lo circonda, la vita mentre si svolge, attento a cancellarne le tracce inevitabili che lascia dietro di sé.
Passeggiare, per come lo intendo io, non ha niente a che vedere con il footing, lo jogging, il walking o qualsiasi altra attività che finisca con –ing, è un esercizio più filosofico che fisico. Lascio vagare i miei pensieri e perdo la cognizione del tempo; ora, però, ho iniziato a fare una tabella mentale degli orari e dei luoghi dove lo incontro, cercando di indovinare i nostri incroci prima che avvengano. A volte ci riesco, altre volte no, probabilmente deve seguire un complicato piano operativo che per il momento non mi è del tutto chiaro.
Credo di aver individuato la sua casa, una villetta a un piano con giardino – curatissimo, ça va sans dire – perché è in quei paraggi che lo incontro più di frequente.
Ammetto di aver atteso con una certa impazienza e una punta di sadismo – di carattere puramente scientifico, per carità – che arrivasse la stagione del vento e delle foglie gialle, solo per vederlo alle prese con quella contingenza. A riprova della mia buonafede posso vantarmi di aver affrontato il freddo e le raffiche della tramontana, quando potevo starmene rintanato in casa al caldo in compagnia di libri e caffè, giusto per spiarne l'opera. L'uomo che spazza ha ripagato i miei sacrifici, l'ho visto intrepido sfidare gli elementi, caparbio nella sua missione, solo un po' rallentata dai più frequenti viaggi verso i cestini pubblici per svuotare la paletta ricolma del fogliame raccolto. Mi sono chiesto anche come avrebbe affrontato la neve, rara da queste parti, ma il clima mi è stato avverso in questo inverno mite e la mia curiosità è rimasta insoddisfatta.
Queste giornate di pioggia primaverile sottile e persistente, invece, mi invogliano a rimanere a casa e quasi mi dimentico dell'uomo che spazza. Ma è in quel "quasi" che abita la mia ossessione; basta un mattino di sole perché mi venga la smania di uscire e andare a cercarlo.
Che questa sia un'ossessione ormai mi è chiaro, la conferma l'ho avuta stanotte, in sogno. Lui non faceva niente di diverso da quello che fa nella realtà, spazzava la via e i marciapiedi, ma mi sembrava più cupo, per qualche indefinibile ragione meno concentrato nel suo compito, come se ci fosse un pensiero che lo distraeva. Ho visto che dopo il suo passaggio uno scontrino accartocciato era rimasto per terra, l'ho raccolto e gliel'ho mostrato. Mi ha guardato come se non capisse l'importanza di quella piccola mancanza, come se fosse una cosa da nulla, mentre per me era il segno di una sconfitta inaspettata, una crepa nella monolitica stabilità degli eventi.
Nel mondo delle cose reali non abbiamo dialogo, in questa dimensione, invece, è stato fin troppo loquace.
Mi ha tediato con una filippica sulle onde elettromagnetiche e sui loro effetti sull'organismo, forse per giustificare il grosso cavo nero che, ho notato, gli spuntava dall'orlo dei pantaloni e si avvolgeva in spire ronzanti, come un serpente in agguato, nell'erba del giardino di quella che credo essere casa sua.
Poi mi ha parlato a lungo – per ore? Il tempo onirico non si misura con l'orologio – della vita e della morte, ma non ha detto niente di nuovo, di interessante e rivelatore, niente che chiunque con una certa esperienza non sappia già.
Mi sveglio un po' demoralizzato, mi ci vuole del tempo per realizzare pienamente che il fascino di quella figura non sia uscito ridimensionato dalla sua deludente versione che mi è apparsa in sogno.
Ma la luce del giorno ristabilisce l'ordine naturale delle cose: lui non è cambiato, è la mia fase REM che mi ha teso un tranello, tentando di sminuire la sua ortodossia.
Con la bella stagione le mie passeggiate si fanno sempre più mattutine, qualche volta mi capita di anticipare le sue uscite, ma di solito lo trovo già al lavoro, in pantaloncini e scarpe da ginnastica, a torso nudo, con la pelle del colore del cuoio, come quella dei vecchi marinai bruciati dal sole.
A volte vorrei sapere perché fa quello che fa. Mi aspetto una complicata teoria filosofica secondo la quale l'ordine e l'armonia dell'esistenza si conquistano con un rito quotidiano di purificazione; ognuno deve trovare il proprio e quello è il suo.
Andando avanti in questo dialogo immaginario gli chiedo perché si limiti a pulire una zona circoscritta quando potrebbe estendere il suo compito ad altri quartieri, a tutta la città e poi, in un delirio metafisico, al mondo intero.
"Un uomo dovrebbe conoscere i propri limiti" è la sua risposta. Sorrido per la citazione e per questo gioco fra di noi. Il mio gioco, lui ne è del tutto ignaro.
Questa terza versione, tutta mia personale, dell'uomo che spazza si pone un po' a metà fra quella ciarliera e fatua del sogno e quella rigorosa e distaccata che vedo tutti i giorni. Probabilmente è il mio bisogno di diventare parte del suo mondo, di esserne attore, seppure comprimario, e non semplice spettatore.
Forse è proprio questo quello che temo, che non voglia rispettare il copione che scrivo per lui, che mi deluda con spiegazioni del suo comportamento banali e fuori dai miei schemi e aspettative. Meglio rimanere nel non detto, in una zona nebulosa del dubbio, dove il mistero conserva intatto il suo fascino.
Peggio ancora sarebbe scoprire che il suo agire deriva da una tara caratteriale o cognitiva. È facile immaginare quanta preoccupazione ne deriverebbe per i suoi familiari. Mi figuro l'imbarazzo di un nipote che paga l'eccentricità del nonno con gli sfottò degli amici, la pena di una figlia impotente di fronte a quella mania incomprensibile, la rassegnazione di una moglie ormai messa da parte nelle priorità e negli affetti.
Ma, in fondo, della sua vicenda umana poco m'importa, la cosa che mi affascina è la sua azione: spazzare non è come passeggiare, del mio vagare non rimane segno tangibile né ricordo, quello che fa lui lascia una traccia per sottrazione. Dove prima c'erano mozziconi di sigaretta, cartacce e foglie ingiallite ora non rimane più niente, la strada ha ritrovato la sua verginità.
Stamattina c'è uno sfaccendato che osserva l'uomo che spazza. Lo noto mentre passo e sulle prime spero che sia intento a guardare qualcos'altro, invece no, mi volto a controllare e non ci sono dubbi, è qui proprio per lui. Se ne sta lì con le mani in tasca, nella posizione del fenicottero, cioè in equilibrio su una gamba, mentre l'altra è ripiegata ad appoggiare il piede a un muretto di cinta. Lo studia con una sfrontatezza che mi irrita, io non ho mai osato arrivare a tanto. Vado avanti per qualche decina di metri e poi torno sui miei passi, rallento quando sono davanti a questo tipo, fingo di armeggiare con il cellulare e mi soffermo frapponendomi fra lui e il mio protetto. Lo sconosciuto mi ignora e si sposta un poco per non perdere la visuale dell'uomo che spazza, aumentando il mio fastidio. Riprendo il cammino e devo far appello al mio autocontrollo per non tornare indietro e dirgliene quattro, come meriterebbe. Più tardi, a mente fredda, rifletto sui motivi del mio disappunto.
Mi fa male ammetterlo, ma devo accettare questa irritazione per quello che è: gelosia. L'uomo che spazza è mio, l'ho scoperto io! Che cosa vuole questo intruso, questo parvenu del voyerismo antropologico? Perché non si cerca un soggetto tutto per sé, che diamine!
Sono turbato da questo sentimento, forse per una ragione più profonda che, finora, non ho afferrato in pieno.
Talvolta mi chiedo se l'uomo che spazza, tutto preso in un'attività che per lui dev'essere dilettevole e terapeutica come lo è per me camminare, segretamente spii il mio vagare senza che me ne renda conto; magari mi ha anche definito l'uomo che passeggia. O forse, semplicemente, vorrei che il nostro rapporto avesse questa natura speculare, ma temo che sia solo una mia chimera, perché lui, ostinatamente, a capo basso, spazza e non si cura di me.
Ultima modifica di Roberto Bonfanti il 20/10/2021, 8:47, modificato 4 volte in totale.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 75
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Commento : L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Scrittura di indubbia qualità, ma d'altronde siamo tutti "bravi autori".
Pochissime segnalazioni:
1 - Sorrido per la citazione e per questo gioco fra di noi. - Forse è meglio: per questo gioco fra noi.
2 - incurante del caos che lo circonda, la vita mentre si svolge, attento a cancellarne le tracce inevitabili che lascia dietro di sé.
Mi sembra che il periodo: "la vita mentre si svolge, " zoppichi un po', ma potrei sbagliare.
3. "con spiegazioni del suo comportamento banali. " Io direi: con spiegazioni banali del suo comportamento.
4 – "cioè equilibrio su una gamba, " forse sarebbe meglio - cioè in equilibrio su una gamba,
Concludendo:
Non so. Questo uomo che spazza spicca talmente nel racconto, che alla fine mi sarei aspettato un azzardo dell'autore sul significato del suo personaggio.
È evidente come il racconto rappresenti l'eterna metafora umana. Ci diamo tanto da fare per tutta una vita, ma alla fine cosa resterà del nostro incessante agire? Una folata di vento ne cancellerà ogni traccia, proprio come per l'uomo che spazza?
Ci tengo a precisare che la mia speranza personale non è esattamente quella di finire come l'uomo che spazza. Io sono un credente. Ma questo è un altro discorso.
La mancanza di un finale mi costringe a ridurre il voto a 4.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Grazie Alberto, per la lettura, il voto e le osservazioni, la 4 è un refuso prontamente corretto, sulle altre ci rifletto ancora un po', la 3, per esempio: ne sarei convinto se dopo banali ci fosse il punto, per come l'ho scritta continua a suonarmi meglio così.
Per quanto riguarda la mancanza di finale che hai avvertito, ho preferito rimanere in quella zona grigia che ho riassunto nella frase del dubbio, del mistero. Come hai giustamente detto si parla di metafora della vita, io non sono credente e forse per questo non mi aspetto sempre un disegno compiuto.
Si sa, i testi appartengono a chi li scrive e a chi li legge, la tua analisi è molto gradita.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Macrelli Piero
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 73
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Per me la mancanza di finale non è una mancanza, ma un punto di forza, quando il racconto è bello e questo è bello.
Se vogliamo dire qualcosa di più, direi che si potrebbe scavare di più nella psicologia della voce narrante e caratterizzare l'antagonista che appare a un certo punto. Ma appare veramente o è frutto della mente del narrante? E l'uomo che spazza, esiste veramente?
Vogliamo dare un finale (di cui non sento la mancanza)? L'uomo che spazza e la voce narrante sono la stessa persona!
Vogliamo rubare una idea a Matheson in "Regola Per Sopravvivere"? Allarghiamo la scena: la città è distrutta e lui è l'ultimo uomo che spazza fra le macerie.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Che mi hai fatto ricordare, Piero, la raccolta di Matheson nei Classici di Urania! Grazie per l'apprezzamento e per questa lettura "da dopobomba" del mio racconto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Ibbieffe
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 29
Iscritto il: 20/08/2021, 11:12

Author's data

Commento: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Ibbieffe »

Voto 5: l'ho davvero apprezzato molto.
Partire da un tema così semplice e "quotidiano" e tirar fuori un racconto che funziona alla perfezione e non è per niente banale merita complimenti sinceri.
Non ho ben capito la cosa del grosso cavo che, nel sogno, sbuca fuori dall'orlo dei pantaloni dell'uomo che spazza.

La "gelosia" verso il terzo incomodo che osserva l'uomo che spazza, perchè il narratore lo vorrebbe "tutto per sè", è stata il massimo.
Nel mio isolato c'è una donna che spazza: dopo aver letto il tuo racconto la guarderò in modo diverso...
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Grazie mille Ibbieffe, sono contento che ti sia piaciuto il racconto.
Il cavo, potrei dire che simboleggia un legame, un controllo di qualche volontà oscura che lo manovra, cose del genere, in fondo siamo dentro a un sogno… la verità è che mi piaceva quell'immagine e ce l'ho messa.
Il mio personaggio si ispira un vero uomo che spazza e, per certi tratti, gli assomiglia. Osservare le piccole crepe della normalità è una cosa che mi piace molto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Letylety
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 21/03/2020, 12:12

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Letylety »

Bel racconto. Se cominciassimo a osservare una persona presa a caso troveremmo tanti argomenti per scrivere un racconto. Le abitudini, gli orari, gli incontri o, come in questo caso, una mania. Non sapremo mai perché quest'uomo passa il suo tempo a spazzare, ma è proprio questo che ce lo rende interessante. Se ti capita leggi L'uomo della folla di Edgar Allan Poe. Anche lui segue un uomo nei meandri della città e alla fine desiste pensando che è un uomo che non vuol star solo.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Grazie del commento Letylety, in effetti mi capita di prendere spunto osservando chi incontro.
Quello che citi è un ottimo racconto, come tutta l'opera del grande Poe.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 425
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Buongiorno Roberto. Vorrei darle del "tu" ma mi astengo, aspetto il suo permesso. Le sarei grato se lo desse a me. Il suo racconto non è nelle mie corde. E quando mi trovo in questa situazione mi estraneo, guardo il quadro da un punto di vista squisitamente letterario e provo a essere obiettivo. Non ho trovato refusi. Il suo racconto è assolutamente valido. Indaga tanto la semplicità genuina dell'operatore ecologico quanto lo "sguardo" quasi ossessivo, e certamente geloso, del narratore. Non è "verboso". È capace di giungere, non si fatica a comprendere il positivo messaggio, ancorché filtrato dal "carattere" del narratore. Mi è piaciuto? Mi piace altro, non saprei dire. Merita un voto alto e "altro"? Assolutamente si. Per me è un "5".
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Buongiorno Marcello, ma non eravamo già al "tu", com'è normale su un forum, tempo addietro? Perché tornare al "lei"? Mi sono perso qualcosa?
Grazie per l'apprezzamento, ancora più gradito visto che il racconto non è nelle tue/sue (ora sono un po' confuso) corde, quindi complimenti per l'obiettività.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Roberto
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 17/05/2020, 18:34

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto »

Per quanto ben scritto e intriso di significati, l'ho trovato modesto nella trama, che non è riuscita a intrigarmi. L'ho trovata a tratti ripetitiva e poco avvincente. Mi scuso del mio pressapochismo, ma è quel che ho provato nel leggere.
Ciao e comunque un caro saluto,
Roberto
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Ma no, non devi scusarti, Roberto. Siamo qui per ricevere consigli e critiche, da me sempre ben accette. Non c'è niente da spiegare, concordo, anch'io nel gradimento dei racconti vado molto a sensazione.
Grazie per il tempo che mi hai dedicato e ricambio il caro saluto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 425
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Roberto Bonfanti ha scritto: 28/09/2021, 12:36 Buongiorno Marcello, ma non eravamo già al "tu", com'è normale su un forum, tempo addietro? Perché tornare al "lei"? Mi sono perso qualcosa?
Grazie per l'apprezzamento, ancora più gradito visto che il racconto non è nelle tue/sue (ora sono un po' confuso) corde, quindi complimenti per l'obiettività.
Hai ragione Roberto. Sono io che sono confuso. Proseguiamo col "tu". Mi sono trovato a chiedermi se fosse corretto usare il "tu", per rispetto. Non farci caso, sono un po' in cerca di correttezza.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Figurati Marcello, sei sempre misurato e cortese nei commenti, la correttezza non ti fa certo difetto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 645
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Bello, mi è piaciuto; trovo che ciò che scrivi è sempre ricco di riferimenti che permettono a chi legge di rispecchiarvisi, in un modo o nell’altro. Ad esempio io quando l’ho letto ho pensato a quando si nota una persona, che, non si sa perché, ci attira e ci “piace” cominciamo a osservarla e ci costruiamo un mondo. Poi quel mondo diventa più importante della persona stessa e abbiamo paura di provare ad accennare un saluto per paura di rimanere delusi. Mi piace sia come hai descritto l’uomo che spazza, perché ha una gustosa dose di mistero, che i pensieri dell’osservatore. Tra un 4 e un 5 scelgo questa volta un quattro perché rispetto ad altre cose tue che ho letto mi ha coinvolto emotivamente meno.
Come scrittura non ho niente da dire, sempre ottima.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 345
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Io l'ho trovato magnifico: triste, profondo, onesto, autentico. L'uomo che spazza è l'alter ego del protagonista, il quale passeggia, cammina, e non fa quelle cose che finiscono in ing che amano gli impegnati. Il suo modo di camminare somiglia molto al mio, lo confesso, ed è la quotidiana occasione per riflettere su se stessi e sul mondo che lo circonda attraverso ciò su cui l'attenzione si sofferma, come l'uomo che spazza, da cui alla fine il lettore si aspetta qualche complicata teoria filosofica che sorregga il suo stambo agire, e che invece non c'è. Si fa ciò che ci aiuta a stare meglio.
E il protagonista, nel tentativo di comprendere l'uomo che spazza, prova a capire sé, a riflettere su di sé e sul mondo. Questo è lo scambio più riuscito, davvero ben fatto, del racconto, che ho trovato del resto un po' pirandelliano, da Così è se vi pare. Dove ciascuno assume le forme e la sostanza che gli altri, a torto o a ragione, gli affibbiano, immaginano, perfino sognano.
Si è ciò che gli altri assumono noi siamo?
Dal punto di vista formale nulla da segnalare, eccetto forse uno o due imperfetti di troppo. In un racconto al presente l'imperfetto si può usare, non siamo latini, l'italiano sui tempi verbali è accomodante. Sarà che io sono maniacale e mi scervello per trovare la soluzione che meglio mi suona.
Bel racconto, Roberto, pieno anche di speranza, e questo tuo ritorno spero che sia il segno di una sorte meno avversa.
Un caro saluto e voto massimo.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Ciao Selene, sei sempre generosa con i miei scritti, anche questa volta hai colto la natura del racconto, che ha a che fare con le piccole ossessioni della vita comune.
Grazie mille per gli apprezzamenti di forma e contenuto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Grazie Namio, per l'analisi attenta del mio racconto, non avrei saputo riassumerlo meglio.
Fai bene a essere maniacale, le osservazioni sono sempre preziose, io imparo molto da tutte e dalle tue in particolare.
Per il resto, diciamo che la nottata sta passando e non aggiungo altro, non vorrei sfidare la sorte.
Un carissimo saluto anche a te.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Andr60
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Un racconto dalla trama semplice e con un finale senza sorprese: un pregio, un difetto? Dipende dalle intenzioni dell'autore: se il suo intendimento è (come penso che sia) far riflettere sulla routine quotidiana e le sue piccole manie, va benissimo così. Poi
ognuno gli può dare un significato diverso (se non è esplicitato), in fondo è questo il fascino della letteratura.
Un saluto
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Ciao Roberto, e bentornato!| Mi fa veramente piacere leggere ancora i tuoi racconti. Anche questo mi è piaciuto molto: contiene una scrittura fluida, corretta e semplice da seguire. La trama, poi, è proprio su ciò che mi piace leggere. Trovo che l'osservazione che hai descritto porti a profonde riflessioni. Il finale aperto, poi, per me è un punto di forza al tuo racconto. Il mio voto, pertanto, è il massimo, 5
Giovangal
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/04/2016, 18:52

Author's data

Trama esile, ma fa riflettere

Messaggio da leggere da Giovangal »

La scrittura è certamente di qualità a parte questo periodo che non mi convince:
- sempre con gli occhi puntati verso il basso incurante del caos che lo circonda, la vita mentre si svolge, attento a cancellarne le tracce inevitabili che lascia dietro di sé.
La trama è abbastanza esile, le considerazioni mi appaiono invece più profonde e tendenti al filosofico è per questo che ho dato un 4, interessante il sogno con il non senso che si porta dietro, intrigante l'aspetto della gelosia, surreale l'ipotesi del ribaltamento: l'uomo che spazza osserva l'uomo che passeggia.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Grazie Andr60, hai ragione, ho solo provato ad aggiungere un tassello al catalogo delle manie comportamentali. Sono in completa sintonia con te sul fascino della letteratura.
Ricambio il saluto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Ciao Laura, eccomi, a volte ritorno :D
Grazie davvero per tutte le belle parole, sono molto contento che tu abbia apprezzato il mio racconto.
Aspetto una storia delle tue, a presto!
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Grazie Giovangal, mi fa piacere che tu abbia colto questi aspetti; come dici, la trama è quasi solo un pretesto per le considerazioni del narratore.
Riguardo a quel periodo, sei il secondo che me lo segnala come difettoso, evidentemente ci devo rimettere mano, accetto suggerimenti.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 195
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Credo che la scrittura spesso sia ispirata dalla realtà. È interessante osservare figure singolari, con le loro abitudini, con le loro "fissazioni " per farne oggetto di un racconto, di una riflessione. L'uomo che spazza offre al narratore-osservatore spunti di riflessione sull'esistenza umana. Che ognuno abbia bisogna ogni giorno di un suo rito di purificazione per sentirsi in pace con se stesso? Questa è una delle riflessioni che più mi ha colpito. Il racconto funziona, è scorrevole, non stanca e anch'io apprezzo che il finale sia aperto, come la vita.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Grazie per la lettura e il gradito commento, Lucia.
Anch'io credo che la scrittura sia spesso ispirata alla realtà che ci circonda, poi ognuno la filtra come vuole.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Giovangal
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/04/2016, 18:52

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giovangal »

La scrittura è certamente di qualità a parte questo periodo che non mi convince:
- sempre con gli occhi puntati verso il basso incurante del caos che lo circonda, la vita mentre si svolge, attento a cancellarne le tracce inevitabili che lascia dietro di sé.
La trama è abbastanza esile, le considerazioni mi appaiono invece più profonde e tendenti al filosofico è per questo che ho dato un 4, interessante il sogno con il non senso che si porta dietro, intrigante l'aspetto della gelosia, surreale l'ipotesi del ribaltamento: l'uomo che spazza osserva l'uomo che passeggia.
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 305
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Dire che sono entusiasta di questo racconto è limitativo: è la dimostrazione che si può scrivere bene anche dell'aria, se le idee sono chiare e si hanno i mezzi per esporle! Qui non manca né l'una né l'altra cosa.
Intimista? Soggettivo? Eppure capace di oggettivizare quella soggettività e quell'intimismo, e quindi far sentire il lettore nella mente del protagonista: colui che "spia" l'uomo che spazza.
In effetti, forse questo sarebbe un titolo più indicato, dal momento che dell'uomo che spazza alla fine continuiamo a non sapere niente.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Egidio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Mi è piaciuto molto questo tuo racconto per le sue implicazioni di varia natura: filosofiche, religiose, ecc. La trama quasi non occorre: non si tratta forse di un unico fluire di pensieri, anche inconsci? Mi ricorda, per certi versi, il monologo interiore di Mr. Bloom. Concordo con chi, più sopra, ci ha visto una metafora della condizione esistenziale umana. Voto: 5
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

(soprattutto a letto)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma appartiene a un amico "speciale" dell'Associazione culturale.
Marika è una giovane ragazza. Non ha avuto alcuna esperienza sessuale e sta per sposarsi. Essendo molto intelligente, si accorge presto di essere una bella donna e sente di non poter rinchiudersi per tutta la vita in un contesto matrimoniale forzato e prematuro. Conosce un uomo, il quale la porta per gradi a conoscere tutto ciò che c'è da sapere sul sesso. è un uomo speciale, totalmente diverso dal suo fidanzato e ne nasce una relazione molto particolare. Molto di quello che Marika impara può non corrispondere a quello che le donne desiderano, ma sono certa che, segretamente, prima o poi ci avranno pensato. è un racconto erotico, scritto però senza parole scurrili od offensive.

Copertina di Roberta Guardascione
di Mary J. Stallone
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (252,71 KB scaricato 189 volte).
compralo su   amazon


Dieci

Dieci

antologia di opere ispirate dal numero dieci, in omaggio al decimo compleanno dell'associazione culturale BraviAutori.it

Non amiamo l'auto-celebrazione, tuttavia ci è piaciuto festeggiare il nostro decimo compleanno invitando gli autori a partecipare alla composizione di un'antologia di opere di genere libero che avessero come traccia il numero 10. Ventidue autori hanno accettato l'invito e ciò che ci hanno regalato è stato confezionato in queste pagine.
Con la presente antologia abbiamo voluto ringraziare tutti i collaboratori, gli autori e i visitatori che hanno contribuito a rendere BraviAutori.it ciò che è oggi, e che continuerà a essere finché potrà.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Giuseppe Gallato.

Contiene opere di: Ferruccio Frontini, Giuseppe Gallato, Mirta D, Salvatore Stefanelli, Gabriella Pison, Alberto Tivoli, Massimo Tivoli, Francesca Gabriel, Francesca Santucci, Enrico Teodorani, Gabriele Ludovici, Martina Del Negro, Alessandro Borghesi, Cristina Giuntini, Umberto Pasqui, Marezia Ori, Fausto Scatoli, Arcangelo Galante, Giorgio Leone, Fabio Maltese, Selene Barblan, Marco Bertoli.
Vedi ANTEPRIMA (869,97 KB scaricato 88 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Human Takeaway

Human Takeaway

(english version)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma appartiene a un amico "speciale" dell'Associazione culturale.
What if we were cattles grazing for someone who needs a lot of of food? How would we feel if it had been us to be raised for the whole time waiting for the moment to be slaughtered? This is the spark that gives the authors a chance to talk about the human spirit, which can show at the same time great love and indiscriminate, ruthless selfishness. In this original parody of an alien invasion, we follow the short story of a couple bound by deep love, and of the tragic decision taken by the heads of state to face the invasion. Two apparently unconnected stories that will join in the end for the good of the human race. So, this is a story to be read in one gulp, with many ironic and paradoxical facets, a pinch of sadness and an ending that costed dearly to the two authors. (review by Cosimo Vitiello)
Authors: Massimo Baglione and Alessandro Napolitano.
Cover artist: Roberta Guardascione.
Translation from Italian: Carmelo Massimo Tidona.
Vedi ANTEPRIMA (494,48 KB scaricato 179 volte).
info e commenti compralo su   amazon





Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Gara d'Estate 2018 - Incontri, e gli altri racconti

Gara d'Estate 2018 - Incontri, e gli altri racconti

(estate 2018, 50 pagine, 840,41 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Carlo Celenza, Gabriele Ludovici, Draper, Nunzio Campanelli, Pierluigi, Roberto Bonfanti, Fausto Scatoli, Edoardo Prati, SmilingRedSkeleton, Daniele Missiroli, Lodovico,
a cura di Massimo Baglione e Laura Ruggeri.
Scarica questo testo in formato PDF (840,41 KB) - scaricato 62 volte.
oppure in formato EPUB (370,75 KB) (vedi anteprima) - scaricato 46 volte..
Lascia un commento.

La Gara 30 - La verità è là fuori

La Gara 30 - La verità è là fuori

(aprile-maggio 2012, 33 pagine, 1,57 MB)

Autori partecipanti: Nathan, Lodovico, StillederNacht, Licetti, Lorella15, Mastronxo, Selene B, Alhelì, Antonella P, Tuarag, Kutaki Arikumo,
A cura di Diego Capani e Luigi Bonaro.
Scarica questo testo in formato PDF (1,57 MB) - scaricato 471 volte..
Lascia un commento.

La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

(dicembre 2009, 46 pagine, 456,32 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Manuela, Daniela, Arditoeufemismo, Mario, Augusto, Magnonove, Cosimo Vitiello, Miriam, Snuff, Phigreco, Pia,
A cura di Alessandro Napolitano.
Scarica questo testo in formato PDF (456,32 KB) - scaricato 493 volte.
oppure in formato EPUB (343,81 KB) (vedi anteprima) - scaricato 200 volte..
Lascia un commento.