L'uomo che spazza

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
2
13%
4 - è bello
6
40%
5 - mi piace tantissimo
7
47%
 
Voti totali: 15

Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

C'è un uomo che spazza tutto il quartiere.
Non il mio quartiere, uno limitrofo che raggiungo in pochi minuti, nelle mie ormai abituali passeggiate urbane.
In breve tempo l'ho esplorato tutto, si trova in una tranquilla zona residenziale; la strada principale che l'attraversa si interseca con angoli retti alle tante traverse, a loro volta ramificate a formare un complicato disegno labirintico fra le villette, le case unifamiliari e qualche spazio verde attrezzato, utile per le passeggiate dei cani, molto più numerosi dei bambini, da queste parti.
L'uomo è anziano, di più non so dire riguardo alla sua età, potrebbe essere un settantenne in ottima forma o un ottantenne in forma straordinaria. Ha movimenti svelti, decisi, direi nervosi, usa la scopa e la paletta con maestria, è quasi ipnotico nella sua azione di pulizia. Niente lo distrae dalla sua missione – non saprei con quale altro nome definire la sua attività – ben diversa dal lavoro di un netturbino, anche del più solerte. Il suo spazzare non è semplicemente pulire i marciapiedi e badare al decoro del vicinato, ha un che di ascetico, di indaffarata meditazione.
Lo avevo già notato passando in macchina, ma l'attenzione che richiede la guida ci permette solo un quadro grossolano dell'ambiente che attraversiamo, i dettagli sfuggono; la velocità ci dà qualcosa e ci toglie tanto.
Passeggiando, invece, ho iniziato a prestare attenzione a questa figura singolare, alla sua opera insistita. È un po' come quando vediamo un modello di auto che non avevamo notato prima e poi ci accorgiamo che ce ne sono molti in giro. Oppure come ascoltare distrattamente una nuova canzone alla radio e alla lunga iniziare a canticchiare il ritornello a ogni nuovo passaggio. In questo modo l'uomo che spazza ha conquistato la mia attenzione. Lo osservo a distanza, giro intorno a un isolato e quando l'ho di nuovo a tiro ne studio i progressi, fingo disinteresse mentre valuto i risultati del suo operare che, è questa la cosa sorprendente, sono ineccepibili: niente sfugge alla sua scopa. Mi sembra di avvertire il suo disappunto quando non trova qualcosa da raccogliere e vaga con lo sguardo in cerca di un rimasuglio da spazzare via, allora procede velocemente in avanti, sempre con gli occhi puntati verso il basso incurante del caos che lo circonda, la vita mentre si svolge, attento a cancellarne le tracce inevitabili che lascia dietro di sé.
Passeggiare, per come lo intendo io, non ha niente a che vedere con il footing, lo jogging, il walking o qualsiasi altra attività che finisca con –ing, è un esercizio più filosofico che fisico. Lascio vagare i miei pensieri e perdo la cognizione del tempo, ora, però, ho iniziato a fare una tabella mentale degli orari e dei luoghi dove lo incontro, cercando di indovinare i nostri incroci prima che avvengano. A volte ci riesco, altre volte no, probabilmente deve seguire un complicato piano operativo che per il momento non mi è del tutto chiaro.
Credo di aver individuato la sua casa, una villetta a un piano con giardino – curatissimo, ça va sans dire – perché è in quei paraggi che lo incontro più di frequente.
Ammetto di aver atteso con una certa impazienza e una punta di sadismo – di carattere puramente scientifico, per carità – che arrivasse la stagione del vento e delle foglie gialle, solo per vederlo alle prese con quella contingenza. A riprova della mia buonafede posso vantarmi di aver affrontato il freddo e le raffiche della tramontana, quando potevo starmene rintanato in casa al caldo in compagnia di libri e caffè, giusto per spiarne l'opera. L'uomo che spazza ha ripagato i miei sacrifici, l'ho visto intrepido sfidare gli elementi, caparbio nella sua missione, solo un po' rallentata dai più frequenti viaggi verso i cestini pubblici per svuotare la paletta ricolma del fogliame raccolto. Mi sono chiesto anche come avrebbe affrontato la neve, rara da queste parti, ma il clima mi è stato avverso in questo inverno mite e la mia curiosità è rimasta insoddisfatta.
Queste giornate di pioggia primaverile sottile e persistente, invece, mi invogliano a rimanere a casa e quasi mi dimentico dell'uomo che spazza. Ma è in quel "quasi" che abita la mia ossessione; basta un mattino di sole perché mi venga la smania di uscire e andare a cercarlo.
Che questa sia un'ossessione ormai mi è chiaro, la conferma l'ho avuta stanotte, in sogno. Lui non faceva niente di diverso da quello che fa nella realtà, spazzava la via e i marciapiedi, ma mi sembrava più cupo, per qualche indefinibile ragione meno concentrato nel suo compito, come se ci fosse un pensiero che lo distraeva. Ho visto che dopo il suo passaggio uno scontrino accartocciato era rimasto per terra, l'ho raccolto e gliel'ho mostrato. Mi ha guardato come se non capisse l'importanza di quella piccola mancanza, come se fosse una cosa da nulla, mentre per me era il segno di una sconfitta inaspettata, una crepa nella monolitica stabilità degli eventi.
Nel mondo delle cose reali non abbiamo dialogo, in questa dimensione, invece, è stato fin troppo loquace.
Mi ha tediato con una filippica sulle onde elettromagnetiche e sui loro effetti sull'organismo, forse per giustificare il grosso cavo nero che, ho notato, gli spuntava dall'orlo dei pantaloni e si avvolgeva in spire ronzanti, come un serpente in agguato, nell'erba del giardino di quella che credo essere casa sua.
Poi mi ha parlato a lungo – per ore? Il tempo onirico non si misura con l'orologio – della vita e della morte, ma non ha detto niente di nuovo, di interessante e rivelatore, niente che chiunque con una certa esperienza non sappia già.
Mi sveglio un po' demoralizzato, mi ci vuole del tempo per realizzare pienamente che il fascino di quella figura non sia uscito ridimensionato dalla sua deludente versione che mi è apparsa in sogno.
Ma la luce del giorno ristabilisce l'ordine naturale delle cose: lui non è cambiato, è la mia fase REM che mi ha teso un tranello, tentando di sminuire la sua ortodossia.
Con la bella stagione le mie passeggiate si fanno sempre più mattutine, qualche volta mi capita di anticipare le sue uscite, ma di solito lo trovo già al lavoro, in pantaloncini e scarpe da ginnastica, a torso nudo, con la pelle del colore del cuoio, come quella dei vecchi marinai bruciati dal sole.
A volte vorrei sapere perché fa quello che fa. Mi aspetto una complicata teoria filosofica secondo la quale l'ordine e l'armonia dell'esistenza si conquistano con un rito quotidiano di purificazione; ognuno deve trovare il proprio e quello è il suo.
Andando avanti in questo dialogo immaginario gli chiedo perché si limiti a pulire una zona circoscritta quando potrebbe estendere il suo compito ad altri quartieri, a tutta la città e poi, in un delirio metafisico, al mondo intero.
"Un uomo dovrebbe conoscere i propri limiti" è la sua risposta. Sorrido per la citazione e per questo gioco fra di noi. Il mio gioco, lui ne è del tutto ignaro.
Questa terza versione, tutta mia personale, dell'uomo che spazza si pone un po' a metà fra quella ciarliera e fatua del sogno e quella rigorosa e distaccata che vedo tutti i giorni. Probabilmente è il mio bisogno di diventare parte del suo mondo, di esserne attore, seppure comprimario, e non semplice spettatore.
Forse è proprio questo quello che temo, che non voglia rispettare il copione che scrivo per lui, che mi deluda con spiegazioni del suo comportamento banali e fuori dai miei schemi e aspettative. Meglio rimanere nel non detto, in una zona nebulosa del dubbio, dove il mistero conserva intatto il suo fascino.
Peggio ancora sarebbe scoprire che il suo agire deriva da una tara caratteriale o cognitiva. È facile immaginare quanta preoccupazione ne deriverebbe per i suoi familiari. Mi figuro l'imbarazzo di un nipote che paga l'eccentricità del nonno con gli sfottò degli amici, la pena di una figlia impotente di fronte a quella mania incomprensibile, la rassegnazione di una moglie ormai messa da parte nelle priorità e negli affetti.
Ma, in fondo, della sua vicenda umana poco m'importa, la cosa che mi affascina è la sua azione: spazzare non è come passeggiare, del mio vagare non rimane segno tangibile né ricordo, quello che fa lui lascia una traccia per sottrazione. Dove prima c'erano mozziconi di sigaretta, cartacce e foglie ingiallite ora non rimane più niente, la strada ha ritrovato la sua verginità.
Stamattina c'è uno sfaccendato che osserva l'uomo che spazza. Lo noto mentre passo e sulle prime spero che sia intento a guardare qualcos'altro, invece no, mi volto a controllare e non ci sono dubbi, è qui proprio per lui. Se ne sta lì con le mani in tasca, nella posizione del fenicottero, cioè in equilibrio su una gamba, mentre l'altra è ripiegata ad appoggiare il piede a un muretto di cinta. Lo studia con una sfrontatezza che mi irrita, io non ho mai osato arrivare a tanto. Vado avanti per qualche decina di metri e poi torno sui miei passi, rallento quando sono davanti a questo tipo, fingo di armeggiare con il cellulare e mi soffermo frapponendomi fra lui e il mio protetto. Lo sconosciuto mi ignora e si sposta un poco per non perdere la visuale dell'uomo che spazza, aumentando il mio fastidio. Riprendo il cammino e devo far appello al mio autocontrollo per non tornare indietro e dirgliene quattro, come meriterebbe. Più tardi, a mente fredda, rifletto sui motivi del mio disappunto.
Mi fa male ammetterlo, ma devo accettare questa irritazione per quello che è: gelosia. L'uomo che spazza è mio, l'ho scoperto io! Che cosa vuole questo intruso, questo parvenu del voyerismo antropologico? Perché non si cerca un soggetto tutto per sé, che diamine!
Sono turbato da questo sentimento, forse per una ragione più profonda che, finora, non ho afferrato in pieno.
Talvolta mi chiedo se l'uomo che spazza, tutto preso in un'attività che per lui dev'essere dilettevole e terapeutica come lo è per me camminare, segretamente spii il mio vagare senza che me ne renda conto; magari mi ha anche definito l'uomo che passeggia. O forse, semplicemente, vorrei che il nostro rapporto avesse questa natura speculare, ma temo che sia solo una mia chimera, perché lui, ostinatamente, a capo basso, spazza e non si cura di me.
Ultima modifica di Roberto Bonfanti il 04/10/2021, 7:34, modificato 3 volte in totale.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 66
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Commento : L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Scrittura di indubbia qualità, ma d'altronde siamo tutti "bravi autori".
Pochissime segnalazioni:
1 - Sorrido per la citazione e per questo gioco fra di noi. - Forse è meglio: per questo gioco fra noi.
2 - incurante del caos che lo circonda, la vita mentre si svolge, attento a cancellarne le tracce inevitabili che lascia dietro di sé.
Mi sembra che il periodo: "la vita mentre si svolge, " zoppichi un po', ma potrei sbagliare.
3. "con spiegazioni del suo comportamento banali. " Io direi: con spiegazioni banali del suo comportamento.
4 – "cioè equilibrio su una gamba, " forse sarebbe meglio - cioè in equilibrio su una gamba,
Concludendo:
Non so. Questo uomo che spazza spicca talmente nel racconto, che alla fine mi sarei aspettato un azzardo dell'autore sul significato del suo personaggio.
È evidente come il racconto rappresenti l'eterna metafora umana. Ci diamo tanto da fare per tutta una vita, ma alla fine cosa resterà del nostro incessante agire? Una folata di vento ne cancellerà ogni traccia, proprio come per l'uomo che spazza?
Ci tengo a precisare che la mia speranza personale non è esattamente quella di finire come l'uomo che spazza. Io sono un credente. Ma questo è un altro discorso.
La mancanza di un finale mi costringe a ridurre il voto a 4.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Grazie Alberto, per la lettura, il voto e le osservazioni, la 4 è un refuso prontamente corretto, sulle altre ci rifletto ancora un po', la 3, per esempio: ne sarei convinto se dopo banali ci fosse il punto, per come l'ho scritta continua a suonarmi meglio così.
Per quanto riguarda la mancanza di finale che hai avvertito, ho preferito rimanere in quella zona grigia che ho riassunto nella frase del dubbio, del mistero. Come hai giustamente detto si parla di metafora della vita, io non sono credente e forse per questo non mi aspetto sempre un disegno compiuto.
Si sa, i testi appartengono a chi li scrive e a chi li legge, la tua analisi è molto gradita.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Macrelli Piero
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 73
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Per me la mancanza di finale non è una mancanza, ma un punto di forza, quando il racconto è bello e questo è bello.
Se vogliamo dire qualcosa di più, direi che si potrebbe scavare di più nella psicologia della voce narrante e caratterizzare l'antagonista che appare a un certo punto. Ma appare veramente o è frutto della mente del narrante? E l'uomo che spazza, esiste veramente?
Vogliamo dare un finale (di cui non sento la mancanza)? L'uomo che spazza e la voce narrante sono la stessa persona!
Vogliamo rubare una idea a Matheson in "Regola Per Sopravvivere"? Allarghiamo la scena: la città è distrutta e lui è l'ultimo uomo che spazza fra le macerie.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Che mi hai fatto ricordare, Piero, la raccolta di Matheson nei Classici di Urania! Grazie per l'apprezzamento e per questa lettura "da dopobomba" del mio racconto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Ibbieffe
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 29
Iscritto il: 20/08/2021, 11:12

Author's data

Commento: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Ibbieffe »

Voto 5: l'ho davvero apprezzato molto.
Partire da un tema così semplice e "quotidiano" e tirar fuori un racconto che funziona alla perfezione e non è per niente banale merita complimenti sinceri.
Non ho ben capito la cosa del grosso cavo che, nel sogno, sbuca fuori dall'orlo dei pantaloni dell'uomo che spazza.

La "gelosia" verso il terzo incomodo che osserva l'uomo che spazza, perchè il narratore lo vorrebbe "tutto per sè", è stata il massimo.
Nel mio isolato c'è una donna che spazza: dopo aver letto il tuo racconto la guarderò in modo diverso...
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Grazie mille Ibbieffe, sono contento che ti sia piaciuto il racconto.
Il cavo, potrei dire che simboleggia un legame, un controllo di qualche volontà oscura che lo manovra, cose del genere, in fondo siamo dentro a un sogno… la verità è che mi piaceva quell'immagine e ce l'ho messa.
Il mio personaggio si ispira un vero uomo che spazza e, per certi tratti, gli assomiglia. Osservare le piccole crepe della normalità è una cosa che mi piace molto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Letylety
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 21/03/2020, 12:12

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Letylety »

Bel racconto. Se cominciassimo a osservare una persona presa a caso troveremmo tanti argomenti per scrivere un racconto. Le abitudini, gli orari, gli incontri o, come in questo caso, una mania. Non sapremo mai perché quest'uomo passa il suo tempo a spazzare, ma è proprio questo che ce lo rende interessante. Se ti capita leggi L'uomo della folla di Edgar Allan Poe. Anche lui segue un uomo nei meandri della città e alla fine desiste pensando che è un uomo che non vuol star solo.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Grazie del commento Letylety, in effetti mi capita di prendere spunto osservando chi incontro.
Quello che citi è un ottimo racconto, come tutta l'opera del grande Poe.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 423
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Buongiorno Roberto. Vorrei darle del "tu" ma mi astengo, aspetto il suo permesso. Le sarei grato se lo desse a me. Il suo racconto non è nelle mie corde. E quando mi trovo in questa situazione mi estraneo, guardo il quadro da un punto di vista squisitamente letterario e provo a essere obiettivo. Non ho trovato refusi. Il suo racconto è assolutamente valido. Indaga tanto la semplicità genuina dell'operatore ecologico quanto lo "sguardo" quasi ossessivo, e certamente geloso, del narratore. Non è "verboso". È capace di giungere, non si fatica a comprendere il positivo messaggio, ancorché filtrato dal "carattere" del narratore. Mi è piaciuto? Mi piace altro, non saprei dire. Merita un voto alto e "altro"? Assolutamente si. Per me è un "5".
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Buongiorno Marcello, ma non eravamo già al "tu", com'è normale su un forum, tempo addietro? Perché tornare al "lei"? Mi sono perso qualcosa?
Grazie per l'apprezzamento, ancora più gradito visto che il racconto non è nelle tue/sue (ora sono un po' confuso) corde, quindi complimenti per l'obiettività.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Roberto
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 17/05/2020, 18:34

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto »

Per quanto ben scritto e intriso di significati, l'ho trovato modesto nella trama, che non è riuscita a intrigarmi. L'ho trovata a tratti ripetitiva e poco avvincente. Mi scuso del mio pressapochismo, ma è quel che ho provato nel leggere.
Ciao e comunque un caro saluto,
Roberto
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Ma no, non devi scusarti, Roberto. Siamo qui per ricevere consigli e critiche, da me sempre ben accette. Non c'è niente da spiegare, concordo, anch'io nel gradimento dei racconti vado molto a sensazione.
Grazie per il tempo che mi hai dedicato e ricambio il caro saluto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 423
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Roberto Bonfanti ha scritto: 28/09/2021, 12:36 Buongiorno Marcello, ma non eravamo già al "tu", com'è normale su un forum, tempo addietro? Perché tornare al "lei"? Mi sono perso qualcosa?
Grazie per l'apprezzamento, ancora più gradito visto che il racconto non è nelle tue/sue (ora sono un po' confuso) corde, quindi complimenti per l'obiettività.
Hai ragione Roberto. Sono io che sono confuso. Proseguiamo col "tu". Mi sono trovato a chiedermi se fosse corretto usare il "tu", per rispetto. Non farci caso, sono un po' in cerca di correttezza.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Figurati Marcello, sei sempre misurato e cortese nei commenti, la correttezza non ti fa certo difetto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 643
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Bello, mi è piaciuto; trovo che ciò che scrivi è sempre ricco di riferimenti che permettono a chi legge di rispecchiarvisi, in un modo o nell’altro. Ad esempio io quando l’ho letto ho pensato a quando si nota una persona, che, non si sa perché, ci attira e ci “piace” cominciamo a osservarla e ci costruiamo un mondo. Poi quel mondo diventa più importante della persona stessa e abbiamo paura di provare ad accennare un saluto per paura di rimanere delusi. Mi piace sia come hai descritto l’uomo che spazza, perché ha una gustosa dose di mistero, che i pensieri dell’osservatore. Tra un 4 e un 5 scelgo questa volta un quattro perché rispetto ad altre cose tue che ho letto mi ha coinvolto emotivamente meno.
Come scrittura non ho niente da dire, sempre ottima.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 344
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Io l'ho trovato magnifico: triste, profondo, onesto, autentico. L'uomo che spazza è l'alter ego del protagonista, il quale passeggia, cammina, e non fa quelle cose che finiscono in ing che amano gli impegnati. Il suo modo di camminare somiglia molto al mio, lo confesso, ed è la quotidiana occasione per riflettere su se stessi e sul mondo che lo circonda attraverso ciò su cui l'attenzione si sofferma, come l'uomo che spazza, da cui alla fine il lettore si aspetta qualche complicata teoria filosofica che sorregga il suo stambo agire, e che invece non c'è. Si fa ciò che ci aiuta a stare meglio.
E il protagonista, nel tentativo di comprendere l'uomo che spazza, prova a capire sé, a riflettere su di sé e sul mondo. Questo è lo scambio più riuscito, davvero ben fatto, del racconto, che ho trovato del resto un po' pirandelliano, da Così è se vi pare. Dove ciascuno assume le forme e la sostanza che gli altri, a torto o a ragione, gli affibbiano, immaginano, perfino sognano.
Si è ciò che gli altri assumono noi siamo?
Dal punto di vista formale nulla da segnalare, eccetto forse uno o due imperfetti di troppo. In un racconto al presente l'imperfetto si può usare, non siamo latini, l'italiano sui tempi verbali è accomodante. Sarà che io sono maniacale e mi scervello per trovare la soluzione che meglio mi suona.
Bel racconto, Roberto, pieno anche di speranza, e questo tuo ritorno spero che sia il segno di una sorte meno avversa.
Un caro saluto e voto massimo.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Ciao Selene, sei sempre generosa con i miei scritti, anche questa volta hai colto la natura del racconto, che ha a che fare con le piccole ossessioni della vita comune.
Grazie mille per gli apprezzamenti di forma e contenuto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Grazie Namio, per l'analisi attenta del mio racconto, non avrei saputo riassumerlo meglio.
Fai bene a essere maniacale, le osservazioni sono sempre preziose, io imparo molto da tutte e dalle tue in particolare.
Per il resto, diciamo che la nottata sta passando e non aggiungo altro, non vorrei sfidare la sorte.
Un carissimo saluto anche a te.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Andr60
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 218
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Un racconto dalla trama semplice e con un finale senza sorprese: un pregio, un difetto? Dipende dalle intenzioni dell'autore: se il suo intendimento è (come penso che sia) far riflettere sulla routine quotidiana e le sue piccole manie, va benissimo così. Poi
ognuno gli può dare un significato diverso (se non è esplicitato), in fondo è questo il fascino della letteratura.
Un saluto
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Ciao Roberto, e bentornato!| Mi fa veramente piacere leggere ancora i tuoi racconti. Anche questo mi è piaciuto molto: contiene una scrittura fluida, corretta e semplice da seguire. La trama, poi, è proprio su ciò che mi piace leggere. Trovo che l'osservazione che hai descritto porti a profonde riflessioni. Il finale aperto, poi, per me è un punto di forza al tuo racconto. Il mio voto, pertanto, è il massimo, 5
Giovangal
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/04/2016, 18:52

Author's data

Trama esile, ma fa riflettere

Messaggio da leggere da Giovangal »

La scrittura è certamente di qualità a parte questo periodo che non mi convince:
- sempre con gli occhi puntati verso il basso incurante del caos che lo circonda, la vita mentre si svolge, attento a cancellarne le tracce inevitabili che lascia dietro di sé.
La trama è abbastanza esile, le considerazioni mi appaiono invece più profonde e tendenti al filosofico è per questo che ho dato un 4, interessante il sogno con il non senso che si porta dietro, intrigante l'aspetto della gelosia, surreale l'ipotesi del ribaltamento: l'uomo che spazza osserva l'uomo che passeggia.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Grazie Andr60, hai ragione, ho solo provato ad aggiungere un tassello al catalogo delle manie comportamentali. Sono in completa sintonia con te sul fascino della letteratura.
Ricambio il saluto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Ciao Laura, eccomi, a volte ritorno :D
Grazie davvero per tutte le belle parole, sono molto contento che tu abbia apprezzato il mio racconto.
Aspetto una storia delle tue, a presto!
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Grazie Giovangal, mi fa piacere che tu abbia colto questi aspetti; come dici, la trama è quasi solo un pretesto per le considerazioni del narratore.
Riguardo a quel periodo, sei il secondo che me lo segnala come difettoso, evidentemente ci devo rimettere mano, accetto suggerimenti.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 195
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Credo che la scrittura spesso sia ispirata dalla realtà. È interessante osservare figure singolari, con le loro abitudini, con le loro "fissazioni " per farne oggetto di un racconto, di una riflessione. L'uomo che spazza offre al narratore-osservatore spunti di riflessione sull'esistenza umana. Che ognuno abbia bisogna ogni giorno di un suo rito di purificazione per sentirsi in pace con se stesso? Questa è una delle riflessioni che più mi ha colpito. Il racconto funziona, è scorrevole, non stanca e anch'io apprezzo che il finale sia aperto, come la vita.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: L'uomo che spazza

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Grazie per la lettura e il gradito commento, Lucia.
Anch'io credo che la scrittura sia spesso ispirata alla realtà che ci circonda, poi ognuno la filtra come vuole.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Giovangal
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/04/2016, 18:52

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giovangal »

La scrittura è certamente di qualità a parte questo periodo che non mi convince:
- sempre con gli occhi puntati verso il basso incurante del caos che lo circonda, la vita mentre si svolge, attento a cancellarne le tracce inevitabili che lascia dietro di sé.
La trama è abbastanza esile, le considerazioni mi appaiono invece più profonde e tendenti al filosofico è per questo che ho dato un 4, interessante il sogno con il non senso che si porta dietro, intrigante l'aspetto della gelosia, surreale l'ipotesi del ribaltamento: l'uomo che spazza osserva l'uomo che passeggia.
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 292
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Dire che sono entusiasta di questo racconto è limitativo: è la dimostrazione che si può scrivere bene anche dell'aria, se le idee sono chiare e si hanno i mezzi per esporle! Qui non manca né l'una né l'altra cosa.
Intimista? Soggettivo? Eppure capace di oggettivizare quella soggettività e quell'intimismo, e quindi far sentire il lettore nella mente del protagonista: colui che "spia" l'uomo che spazza.
In effetti, forse questo sarebbe un titolo più indicato, dal momento che dell'uomo che spazza alla fine continuiamo a non sapere niente.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Egidio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Mi è piaciuto molto questo tuo racconto per le sue implicazioni di varia natura: filosofiche, religiose, ecc. La trama quasi non occorre: non si tratta forse di un unico fluire di pensieri, anche inconsci? Mi ricorda, per certi versi, il monologo interiore di Mr. Bloom. Concordo con chi, più sopra, ci ha visto una metafora della condizione esistenziale umana. Voto: 5
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 59 - Siamo come ci vedono o come ci vediamo noi?

La Gara 59 - Siamo come ci vedono o come ci vediamo noi?

(giugno/luglio 2016, 35 pagine, 1,73 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Nunzio Campanelli, Massimo Tivoli, Carlocelenza, Stefania Di Giannantonio, Mirtalastrega, Skyla74, Patrizia Chini, Gabriele Ludovici, Giorgio Leone,
a cura di Alberto Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (1,73 MB) - scaricato 174 volte.
oppure in formato EPUB (583,49 KB) (vedi anteprima) - scaricato 165 volte..
Lascia un commento.

La Gara 64 - L'amore e le sue sfumature

La Gara 64 - L'amore e le sue sfumature

(maggio/giugno 2017, 45 pagine, 924,70 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Lodovico, Ser Stefano, Alberto Tivoli, Mirtalastrega, Fabrizio Bonati, Mastronxo, Daniele Missiroli, Angela Catalini, Skyla74, Angelo Manarola, Patrizia Chini, David Cintolesi, Manuel Crispo,
a cura di Massimo Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (924,70 KB) - scaricato 105 volte.
oppure in formato EPUB (826,28 KB) (vedi anteprima) - scaricato 82 volte..
Lascia un commento.

Gara d'autunno 2020 - Beu, e gli altri racconti

Gara d'autunno 2020 - Beu, e gli altri racconti

(autunno 2020, 46 pagine, 543,51 KB)

Autori partecipanti: Mariovaldo, Roberto Virdo', MattyManf, Marcello Rizza, Liliana Tuozzo, Anna Gri, Angelo Ciola, Carol Bi, Letylety, ElianaF,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (543,51 KB) - scaricato 27 volte.
oppure in formato EPUB (354,64 KB) (vedi anteprima) - scaricato 32 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


L'anno della Luce

L'anno della Luce

antologia ispirata all'Anno della Luce proclamato dall'ONU

Il 2015 è stato proclamato dall'Assemblea generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) Anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce. Obiettivo dell'iniziativa adottata dall'ONU è promuovere la consapevolezza civile e politica del ruolo centrale svolto dalla luce nel mondo moderno. Noi di BraviAutori.it abbiamo pensato di abbracciare questa importante iniziativa proponendo agli autori di scrivere, disegnare o fotografare il loro personale legame con la luce, estendendo però la parola "luce" a tutti i suoi sinonimi, significati e scenari.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Carnier, Amelia Baldaro, Andrea Teodorani, Angelo Manarola, Anna Barzaghi, Annamaria Vernuccio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Camilla Pugno, Cinzia Colantoni, Claudia Cuomo, Daniela Rossi, Daniela Zampolli, Domenico Ciccarelli, Dora Addeo, Elena Foddai, Emilia Cinzia Perri, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Francesca Santucci, Furio Detti, Gilbert Paraschiva, Giorgio Billone, Greta Fantini, Ianni Liliana, Imma D'Aniello, Lucia Amorosi, Maria Rosaria Spirito, Maria Spanu, Marina Den Lille Havfrue, Marina Paolucci, Massimo Baglione, Mauro Cancian, Raffaella Ferrari, Rosanna Fontana, Salvatore Musmeci, Sandra Ludovici, Simone Pasini, Sonia Tortora, Sonja Radaelli, Stefania Fiorin, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (1,65 MB scaricato 202 volte).
info e commenti compralo su   amazon


256K

256K

256 racconti da 1024 Karatteri

Raccolta delle migliori opere che hanno partecipato alla selezione per l'antologia 256K. Ci sono 256 racconti da non più di 1024 battute. A chiudere l'antologia c'è un bellissimo racconto del maestro della fantascienza italiana Valerio Evangelisti. Ogni pagina, è corredata da una cronologia dei vecchi computer dagli anni '50 agli '80. A ogni autore è stato inoltre assegnato un QR Code. Da non perdere!
A cura di Massimo Baglione e Massimo Fabrizi
con la partecipazione di: Alessandro Napolitano e Paolo Oddone.

Contiene opere di: Alberto Tristano, Roberto Guarnieri, Ramona Cannatelli, Ser Stefano, Giorgio Aprile, Gianluca Santini, Matteo Mancini, Giorgia Rebecca Gironi, Mariella Vallesi, Tommaso Chimenti, Diego Salvadori, Giulia Conti, Beatrice Traversin, Maria Cristina Biasoli, Massimiliano Campo, Il Cazzaro di 6502, Polissena Cerolini, Patrizia Birtolo, Paolo Capponi, Paolo Cavicchi, Luca Romanello, Igor Lampis, Diego Di Dio, Leonardo Boselli, David Parronchi, VS, Antonella Tissot, Sam L. Basie, Annamaria Trevale, Bruno Ugioli, Ilaria Spes, Bruno Elpis, Massimiliano Prandini, Andrea Marà, Riccardo Fumagalli, Joshi Spawnbrød, Daniele Picciuti, Gian Filippo Pizzo, Flavio Valerio Nervi, Ermanno Volterrani, Manuela Costantini, Matteo Carriero, Eva Bassa, Lorenzo Pompeo, Andrea Andreoni, Valeria Esposito, Stefano Caranti, Riccardo Carli Ballola, Stefano Pierini, Giuseppe Troccoli, Francesco Scardone, Andrea Cavallini, Alice Chimera, Cosimo Vitiello, Mariaeleonora Damato, Stefano Mallus, Sergio Oricci, Michele Pacillo, Matteo Gambaro, Angela Di Salvo, Marco Migliori, Pietro Chiappelloni, Sergio Donato, Ivan Visini, Ottavia Piccolo, Ester Mistò, Alessandro Mascherpa, Gianmarco Amici, Raffaella Munno, Michele Campagna, Diego Bortolozzo, Lorenzo Davia, Marco Solo, Gianluca Gendusa, Caterina Venturi, Lorenzo Crescentini, Silvia Tessa, Simona Aiuti, Chiara Micheli, Anna Tasinato, Valentina Giuliani, Giulio D'Antona, Maria Francesca Cupane, Veruska Vertuani, Giacomo Scotti, Chiara Zanini, Lorenzo Fontana, Tiziana Ritacco, Margherita Lamatrice, Aurora Torchia, Luigi Milani, Maurizio Brancaleoni, Gloria Scaioli, Filomena, Piergiorgio Annicchiarico, Morik Chadid, Chiara Perseghin, Massimo Ferri, Simone Messeri, Davide Dotto, Serena M. Barbacetto, Roberto Bernocco, Anthony Strange, Cristian Leonardi, Fabiola Lucidi, Roberto Bommarito, Antonio Russo De Vivo, Giacomo Gailli, Giovanni Duminuco, Federico Pergolini, Fabrizio Leonardi, Amigdala Pala, Natale Figura, Celeste Borrelli, Francesca Panzacchi, Andrea Basso, Giacomo Inches, Umberto Pasqui, Mario Frigerio, Luigi Bonaro, Luca Romani, Anna Toro, Giuseppe Varriale, Maria Lipartiti, Marco Battaglia, Arturo Caissut, Stefano Milighetti, Davide Berardi, Paolo Secondini, Susanna Boccalari, Andrea Indiano, Alexia Bianchini, Penelope Mistras, Anna Grieco, Samantha Baldin, Serena Bertogliatti, Valentina Carnevale, Gloria Rochel, Andrea Leonelli, James Carroll Wish, Marco Ferrari, Giovanni Ferrari, Mew Notice, Maurizio Vicedomini, Paride Bastuello, Alessandra Lusso, Mirko Giacchetti, Francesco Manarini, Massimo Rodighiero, Daniela Piccoli, Alessandro Trapletti, Marco Tomasetto, Conrad, Giovanni Sferro, Morgana Bart, Omar Spoti, Massimo Conti, Andrea Donaera, Roberto Alba, Libeth Libet, Angela Rosa, Valentina Coscia, Antonio Matera, Fabio Brusa, Stefano Olivieri, Isabella Galeotti, Chiara de Iure, Ilaria Ranieri, Lorenzo Valle, Francesco Fortunato, Valentina Tesio, Elena Pantano, Maria Basilicata, Antonio Costantini, Riccardo Delli Ponti, Giovanna Garofalo, Eliseo Palumbo, Federica Neri, Alessandro Napolitano, Stefano Valente, Linda Bartalucci, Luisa Catapano, Diego Cocco, Riccardo Sartori, Dario Degliuomini, Gianni Giovannone, Nicola Fierro, Federico Marchionni, Romeo Mauro, Francesco Azzurli, Filippo Pirro, Luca Marinelli, Triptil Pazol, Marco Sartori, Iunio Marcello Clementi, Maria Lucia Nosi, Valentina Vincenzini, Jacopo Mariani, Diletta Fabiani, Lodovico Ferrari, Paolo Franchini, Tullio Aragona, Davide Corvaglia, Davide Figliolini, Beniamino Franceschini, Roberto Napolitano, Valeria Barbera, Federico Falcone, Stefano Meglioraldi, Eugenia Bartoccini, Andrea Gatto, Sonia Galdeman, Filomena Caddeo, Dario D'Alfonso, Chantal Frattini, Viola Cappelletti, Maria Stella Rossi, Serena Rosata, Francesco Di Mento, Giuseppe Sciara, Mario Calcagno, Tanja Sartori, Andrea Giansanti, Lorenzo Pedrazzi, Alessio Negri Zingg, Ester Trasforini, Daniele Miglio, Viola Killerqueen Lodato, Delos Veronesi, Giuseppe De Paolis, Diego Capani, Stefano Colombo, Aislinn, Marco Marulli, Sanrei, Emanuele Crocetti, Andrea Borla, Elena Noseda, Anna Notti, Andreea Elena Stanica, Marina Priorini, Lucia Coluccia, Simone Babini, Fiorenzo Catanzaro, Francesco Mastinu, Cristina Cornelio, Roberto Paradiso, Andrea Avvenengo, Maria Boffini, Mara Bomben, Alex Panigada, Federico Iarlori, Marika Bernard, Alessandra Ronconi, Francesco Danelli, Gabriele Nannetti, Salvatore Ingrosso, Paolo Oddone, Valerio Evangelisti.
Vedi ANTEPRIMA (566,01 KB scaricato 861 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Mai Più

Mai Più

Antologia di opere grafiche e letterarie aventi per tema il concetto del MAI PIÙ in memoria del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, di AA.VV.

Nel 2018 cade il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, perciò abbiamo voluto celebrare quella follia del Genere umano con un'antologia di opere grafiche e letterarie di genere libero aventi per tema il concetto del "mai più".

Copertina di Pierluigi Sferrella.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Alessandro Carnier, Romano Lenzi, Francesca Paolucci, Pasquale Aversano, Luisa Catapano, Massimo Melis, Alessandro Zanacchi, Furio Bomben, Pierluigi Sferrella, Enrico Teodorani, Laura Traverso, F. T. Leo, Cristina Giuntini, Gabriele Laghi e Mara Bomben.
info e commenti compralo su   amazon