Scherzi da prete

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
10%
3 - si lascia leggere
8
80%
4 - è bello
1
10%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 10

Stefano M.
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 14/09/2021, 23:48

Author's data

Scherzi da prete

Messaggio da leggere da Stefano M. »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

SCHERZI DA PRETE
La preoccupazione principale di Cosimo, nei dieci minuti a seguire, sarebbe stata solo una: che non toccassero le pareti del Ducato con la cassa imballata. Vide malauguratamente uscire dal portone della Serio Utensili Speciali un muletto stracolmo, condotto da un ragazzotto un po' scuro col viso deturpato da due orecchini e un piercing. Finendo a tutto gas su un tombino evitabilissimo, per poco non aveva ribaltato il carico: la sua fronte già imperlata di sudore cominciò a gocciolare, quel giovanotto spericolato e irresponsabile verso i beni altrui gli aveva fatto più paura del fantasma della nonna. Doverosa una precisazione: a Cosimo non importava nulla del carico, poteva contenere lingotti d'oro quanto letame, per lui valeva sempre diciotto centesimi al chilo per i primi 50 chilometri. A spaventarlo era l'effetto che una manovra troppo garibaldina avrebbe potuto causare al Ducato quasi immacolato.
Il quasi era d'obbligo in quanto la settimana prima, appena uscito dal concessionario, una sgualdrinetta sui venticinque anni l'aveva tamponato. Proprio lui, un onesto cittadino al lavoro dalle sei del mattino e che aveva atteso con ansia di ritirare il furgone pagato la bellezza di quarantatremila euro! In fondo stava seduto lì tutto il giorno, forse sentiva più suoi sedile e contagiri che divano e TV: voleva stare comodo, ecco tutto. Sedili ergonomici, aria condizionata a controllo elettronico, navigatore con comandi vocali e tanti altri gadget facevano spiccare il nuovo cabinato bluette dall'indistinguibile banalità di tutti gli altri furgoncini, rigorosamente modello-base e tristemente bianchi per risparmiare qualcosa sul metallizzato.
Deborah Rodriguez si chiamava la tamponatrice, Deborah con l'acca, chissà da dove veniva con quel nome! E aveva anche fatto finta di provarci con lui, per giunta! Tante scuse, qualche sorrisino buttato lì non a caso, le gambe che si accavallavano… Lusinghe sicuramente collaudate per una buzzicona con quel nome e con quelle mosse, per giunta truccata in quel modo e con quei capelli di un biondo così finto. Come se quelle zinnone ciondolanti e un po' strizzate nella camicia, ovviamente semi-sbottonata, avessero avuto il potere di ipnotizzarlo. Lui non ci era cascato, per nulla: chi tampona ha sempre torto. Aveva visto all'ultimo momento il rosso? È vero, ma l'aveva pur sempre visto, non stava armeggiando con il telefono per chiamare il moroso, come quella lì.
Che Cosimo fosse ultimamente un po' affaticato alla guida non era un mistero. Pochi mesi prima quasi benedisse l'improvvisa dipartita dei fratelli Marzouk dalla sua microazienda di trasporti: una coppia di sfaticati buoni a nulla che gli riconsegnava il furgone sempre ammaccato o malfunzionante, lamentandosi di continuo per sciocchezze indegne di trentenni robusti e vigorosi. Un bel giorno la Finanza scoprì che i due non solo non avevano la patente, ma da accurati controlli risultavano pure immigrati irregolari; del resto, lavorando in nero, non avrebbero potuto mettersi in regola nemmeno volendo. Per quell'inghippo Cosimo era stato persino sottoposto ad un piccolo procedimento per riduzione in schiavitù ma poi, essendosi i Marzouk dati alla macchia, finì tutto nel nulla; con la sola seccatura, peraltro non trascurabile, di aver sborsato qualcosa come cinquanta piotte per le spese legali. Ecco la ricompensa per averli trattati come fratelli, levandoli dalla strada e dai barconi! Li aveva accolti a braccia aperte nonostante i fondati sospetti che i fratelli fossero decisamente poco raccomandabili: una volta si erano persino scordati un sacchettino di marjuana nel cassetto portaoggetti. Per fortuna che Cosimo se ne fosse accorto prima del controllo doganale di Chiasso, altrimenti gli si sarebbero dischiuse le porte di San Vittore per chissà quanti anni. Rimasto così a corto di dipendenti, il padroncino era ritornato infine alla guida, al motto di "chi fa da sé fa per tre". Si rese conto presto però di non avere più vent'anni e quel continuo svegliarsi alle sei del mattino per rientrare a sera inoltrata iniziava a pesargli. Prese alfine in considerazione l'idea di assumere un aiutante ma, alla prova dei fatti, finì per cacciare a pedate almeno una dozzina di ragazzini che pretendevano di essere pagati milleduecento euro al mese, per giunta in regola. Ai suoi tempi era già un onore guidare il furgone, altro che stipendi principeschi!
Fatto sta che quella Deborah-con-l'acca l'aveva proprio infastidito. Melensa e sorridente durante tutta la constatazione amichevole, pareva fregarsene di aver provocato un danno così evidente al suo furgone nuovo; anzi, peggio ancora, pareva fregarsene pure di aver causato un danno ancor più evidente alla propria Pixo. Per potersi permettere tutto quel menefreghismo, era sicuramente una delle tante pigre e viziate cocche di papà, come sua figlia del resto: quelle da "Papi, ho fatto un incidente" – "non ti preoccupare tesoro, sistemo tutto io!" A quell'età Cosimo era invece già al lavoro da più di un lustro, anni costellati di privazioni e fatica, arrivando perfino a fumare le MS anziché le Marlboro pur di risparmiare qualche -milalire da investire nell'acquisto di un mezzo tutto suo. "Gioventù scapestrata e fancazzista, potessero andare tutti a lavorare per davvero in miniera!"
Poiché lo scatolone fu incredibilmente caricato senza intoppi né incidenti, Cosimo uscì dalla Serio Utensili Speciali con un umore leggermente migliore del solito. Si fermò al semaforo fra Via Aldo Moro e Via Ornato quando una bottarella da dietro, in tutto e per tutto simile all'incontro ravvicinato con Deborah, lo fece tornare indietro di una settimana. Ci risiamo! Chi poteva essere questa volta? Samantah? Sarah? Norah? Scese così dal furgoncino a grandi passi, lasciando aperta la porta e tirando su le maniche della camicia per sembrare ancora più minaccioso, sebbene il broncio acuito dall'accaduto e la corporatura temprata da anni di carichi pesanti fossero già più che sufficienti per incutere timore.
Si ritrovò invece davanti un pretino piccino piccino che, tentando di uscire dalla sua Smart gialla, pareva un pulcino intento a rompere l'uovo. Se non fosse stato per qualche capello grigiastro e due profonde rughe sulla fronte lo si sarebbe detto appena uscito dal seminario, impaurito anche della sua ombra.
«Mi scusi signore, mi scusi davvero, non so come scusarmi… è da poco che ho cambiato gli occhiali e faccio ancora fatica a prendere le misure.»
Era così imbarazzato da stentare a guardare negli occhi Cosimo, ormai rabbonitosi vedendo davanti un omettino del genere e, soprattutto, dopo aver constatato che sul furgone non erano stati prodotti danni visibili. Il pretino riprese:
«Caspita, proprio oggi che rientro a Kinshasa per la missione dei Salesiani! Spero che il contrattempo non mi faccia perdere il volo!»
«Ma no, si figuri, non stiamo nemmeno a fare la constatazione amichevole! Tanto mi pare che nessuno dei due abbia riportato danni ai mezzi!» Terminò Cosimo, di umore decisamente migliore.
Era sempre stato generoso con il clero, non crediate: una volta aveva persino concesso al suo neo-parroco, durante il trasloco, di pagare metà tariffa. Con uno slancio di pietà e di commiserazione verso il sacerdote davanti a lui e alla Chiesa intera, estrasse stentoreamente il portafogli dalla tasca posteriore dei jeans, sgranò una banconota da venti euro e sventolandola con solennità davanti al malcapitato, col petto gonfio, non poté trattenersi dal declamare:
«Ecco Padre, penso che possano esserle d'aiuto per la sua missione!»
«Grazie, davvero non doveva!» e tutti i salamelecchi del caso. «Le chiedo solo un ultimissimo favore. Potrebbe controllarmi un attimo le gomme davanti? Mi è già capitato qualcosa di simile in un villaggio del Kenya, l'urto ha danneggiato gli pneumatici a tal punto da farli scoppiare una ventina di chilometri dopo, quando ero nella savana… Lei mi sembra così esperto!»
«Ma certo, non si preoccupi!»
Buttò il portafogli sul sedile e indietreggiò verso la Smart. Quel piccoletto in Africa? Avrebbe potuto essere sbranato da un gatto o da una nutria, figuriamoci faccia a faccia con un leone o un rinoceronte! È proprio vero che la forza della fede e la provvidenza del Signore valgono più di mille fucili e cento cannoni!
«Padre, qui è tutto a posto, può pure riprende il cammino. Buon viaggio!»
«Grazie figliolo, sia lodata la tua gentilezza e la tua generosità! Sia lodato Gesù Cristo!»
«Sempre sia lodato!» ancor prima di finire la frase, la Smart si era dileguata scattando nel traffico: quel prete doveva essere davvero in gran ritardo, ma del resto con le nuove norme anti-Covid le attese in aeroporto non gli sarebbero mancate. Nel trambusto non si era nemmeno accorto di aver perso la targa anteriore, che Cosimo raccolse e mise sul furgone. Riprendendo le consegne, gli venne l'idea di riportarla al Comando dei Carabinieri.
Si trovò davanti il brigadiere Serbini, sui cinquant'anni, passati in massima parte in ufficio a redigere verbali di poco conto. L'azione non aveva mai fatto per lui, i casi più importanti passavano tassativamente dagli ufficiali, così si era bevuto l'ultimo quarto di secolo come un sorso di vino fermo cartonato, senza guizzi ma onestamente. Aveva solo maledetto il giorno in cui era entrato in vigore il divieto di fumo nei locali pubblici; ormai costretto a ritagliarsi improbabili pause per soddisfare il vizio, già da cinque minuti guardava stizzito l'orologio al polso, bramando il cambio dal collega Guspetti, leggermente in ritardo. Quando entrò Cosimo in ufficio, il graduato non nascose la sua impazienza, ma non ci sarebbe voluto molto.
«Prego, mi indichi chiaramente le modalità del ritrovamento di suddetta targa per la redazione del verbale.»
«Ma non basta che ve la consegni, semplicemente?»
«Signore, questo non è un oggetto qualsiasi, è un prezioso strumento identificativo del Ministero dei Trasporti, vale quanto un documento ufficiale. La preghiamo pertanto di essere preciso e di non omettere nulla.»
Erano parole ripetitive e pronunciate milioni di volte ma che fecero un certo effetto sull'esacerbato Cosimo: avrebbero di certo significato un'ulteriore perdita di tempo sulle consegne. Rifletté un attimo e decise di non raccontare proprio tutta la verità, omettendo l'incidente con il prete che, per l'inconveniente, avrebbe probabilmente perso il volo: a quell'ora era sicuramente già al gate. Per che cosa poi? Una placchetta di ferro con scritte quattro lettere e tre numeri? Ecco cosa si guadagna ad essere cittadini onesti e coscienziosi, solo un sacco di perdite di tempo! Si inventò così la scusa che, sceso dal camioncino per controllare il carico, aveva trovato la targa a bordo strada nell'incrocio in questione intorno alle 15:30.
«Mi favorisca i documenti per l'identificazione.» concluse il brigadiere che, scorgendo la sagoma del collega al di là della porta di vetro, si era messo a ticchettare sulla tastiera con il ritmo ronzante di una gara di stenografia.
Cosimo tastò la tasca posteriore dei jeans ma era inesorabilmente vuota. Corse fuori seguito dal carabiniere per verificare di non aver lasciato il portafogli sul furgone, frugò in tutto l'abitacolo ma non trovò nulla. Eppure si ricordava benissimo di averlo usato pochi minuti prima per l'offerta al sacerdote!
«Non importa, signore, il collega che mi sostituisce le fornirà tutte le indicazioni per la denuncia di smarrimento.» Intanto il brigadiere si era già acceso la sigaretta e, portatala alle labbra, riassaporava il maggior piacere della sua vita fra sbuffi e volute.
Rientrato in caserma, Cosimo si trovò davanti l'Appuntato Guspetti, un bel pezzo d'uomo di un metro e novanta, atletico e pronto a rincorrere i più efferati criminali pure disarmato.
«Dunque ha smarrito i documenti, giusto? Una bella sfortuna, non le pare?»
Nella sua voce, il trasportatore trovò un tono leggermente indagatorio e retorico. Probabilmente il portafogli gli era scivolato dalla tasca quando aveva controllato le gomme del prete; anzi, quasi sicuramente. Di fronte a quel marcantonio, tuttavia, non voleva fare la figura del fesso sbadato, era pur sempre un imprenditore di successo! E poi la deposizione non avrebbe combaciato con la mezza verità raccontata prima. Trovò così la scusa:
«Me lo avranno rubato in metropolitana questo pomeriggio… Verso le tre e mezzo, sono andato da Duomo a Bignami, ricordo di averlo aperto per comprare il biglietto.»
L'appuntato non fece obiezioni, trascrisse tutto nel solito gergo burocratese, rilesse il documento e fece firmare la denuncia a Cosimo. Il Guspetti, dopo i fasti dell'antimafia, aveva preso quel trasferimento a Milano come una degradazione, ma fonti certe lo designavano da lì a poco quale infiltrato in una pericolosa banda di narcotrafficanti. Lontano dall'azione, in attesa di quella chiamata che non sarebbe tardata ad arrivare, si prodigava annoiato in qualche inutile esposto fra vicini rissosi o denunce di gattini scomparsi, senza perdere tuttavia la professionalità, lo zelo e la vicinanza al cittadino che sempre distinsero la Benemerita fra tutte le Forze Armate.
Cosimo, senza portafogli, guidò così il furgoncino con il fanale rotto verso le ultime consegne della giornata, in ritardissimo, sorbendosi le proteste dei clienti furibondi, condite da bestemmie tanto ardite da poter scatenare un nuovo diluvio universale.
Rientrato in sede dopo le 18, quasi al buio, salutò a malapena la sciatta segretaria all'ingresso, si tuffò nell'ufficio e con le ultime forze residue si accasciò sulla scrivania, senza alcuna voglia di visionare i percorsi del giorno successivo. Voleva andarsene, ma non avrebbe dato il buon esempio ai suoi dipendenti. Aprendo il primo cassetto trovò così un portamonete nuovo, che la figlia gli aveva regalato quando aveva sette anni, a fiorellini e con una grande zip rosa. Non era proprio mascolino ma meglio di nulla, per il momento. Sicuro di non essere visto si adagiò sullo schienale reclinato al massimo, in posizione da siesta, ma prima ancora di chiudere gli occhi fu disturbato da una voce stridula:
«Signor Cosimo, c'è qui per lei una certa Deborah!»
Quel nome, proprio quello, con l'acca finale, gli fece pensare di cadere in un incubo; invece era tutto vero. Non desiderava certo vederla, ma quella stordita della segretaria l'aveva fatta entrare nello studio senza nemmeno aspettare una risposta. Se la trovò davanti prima ancora di ricomporsi e faccione sferico pitturato alla Picasso rese vana anche la fioca speranza di una possibile omonimia. Dopo saluti non troppo calorosi la donnona iniziò:
«Signor Cosimo, non è che per caso questo pomeriggio è venuto al McDonald's di Sesto?»
Che domanda era mei quella? E cosa importava a lei dove andava a mangiare? Ma a prescindere, cos'era tutta quella confidenza? Replicò burbero:
«Neanche per sogno! Non mi piace quella robaccia!»
Anziché stizzire la ragazza, la brusca risposta fu presa da Deborah come una battuta e iniziò a stamparsi sul volto quel sorrisetto fra il dolce e il beffardo tanto irritante per Cosimo, fino a quando riprese con:
«Sa, io lavoro lì e ho ritrovato questa patente su un tavolino. Ho visto che era la sua e così ho voluto riportargliela, tanto avevo l'indirizzo. In effetti quello che c'era seduto al tavolo poco prima non era lei, era un po' più basso!»
Che storia era mai quella? Non metteva effettivamente piede in un fast food da dodici o tredici anni, da quando la figlia lo scocciava per portarla a prendere l'Happy Meal con annesso regalino. Poi era cresciuta e aveva cominciato ad andarci con le amichette o il fidanzatino di turno, scampandolo dalla necessità di ingurgitare quelle americanate così falsamente gustose. Però c'era qualcosa che non andava, quella Deborah lo stava proprio prendendo per il naso. Sicuramente, sbadata com'era, gli aveva sottratto per sbaglio la patente al momento della constatazione amichevole e ora non osava dichiararlo apertamente, per timore di fare una figuraccia. Però lui non gliel'avrebbe data vinta, l'avrebbe fatta infine crollare a dichiarare il vero come il suo idolo Montalbano. Pensò per un attimo la sua linea accusatoria quando squillò il telefono:
«Pronto, sono l'appuntato Guspetti, ci siamo visti poco fa, vero?»
«Buonasera appuntato, come posso esserle utile? Mi avete trovato i documenti o mi chiama così per piacere? Sappia che sono sposato…»
«Qui c'è poco da scherzare: che cosa ci faceva con la targa di un veicolo rubato? E poi, confrontando il verbale con quello del collega, qualcosa non torna: possibile che guidasse il furgone e viaggiasse in metropolitana nello stesso momento? La preghiamo di non allontanarsi dalla città e di venire al Comando domani mattina alle 9 per gli accertamenti del caso!»
Cosimo fissò la porta ancora semiaperta nel vuoto: questa volta le grane non sarebbero mancate, eppure lui non aveva fatto nulla. Gli era andata bene con la bamba nel furgone e con gli immigrati al volante ma questa volta l'angelo custode pareva voltargli le spalle.
«Scusi signorina, non è che per caso il signore del panino era Don Pino, il coadiutore della parrocchia?» Inventò un nome tanto per dire.
«Caspita, come ho fatto a non ricordarlo, era proprio un prete: aveva anche il collarino!»
Cosimo si sforzò un attimo di trovare una scusa plausibile per giustificare il fatto che la sua patente fosse nelle mani di un sacerdote, anzi di un lestofante, ma era troppo sfinito e provato per ragionare razionalmente. La ragazza invece non ci trovava nulla di particolare né pareva aver intuito che qualcosa non quadrasse. Lo guardava e sorrideva, pareva sorridere pure agli uccellini dell'orrendo cucù cinese che campeggiava sopra di lui. Era da anni che la moglie o la figlia non gli sorridevano, se non a corto di liquidi.
Dalla porta semiaperta, gli occhi di Cosimo passarono indifferentemente al volto della ragazza, tanto vacui da poter fissare qualsiasi cosa nel raggio di un chilometro. Rimase così per una decina di secondi, senza che nessuno facesse nulla per stemperare l'imbarazzo. Che cos'era quel neo sulla guancia destra di Deborah? Possibile che, grosso com'era, non se ne fosse accorto il giorno dell'incidente? Anche il colore era particolare, un po' troppo traslucido e scintillante, semisolido. Sembrava quasi fatto di… salsa?
L'uomo si diresse con circospezione ma abbastanza deciso verso la giovane, alzò minacciosamente una mano verso di lei, che teneva stretta stretta la borsetta a mo' di scudo per le parti più delicate del suo generoso corpo: avesse avuto uno spray al peperoncino gli avrebbe fatto provare l'inferno di Soverato.
«Scusi signorina, ma lo devo proprio fare.»
Il pervertito sguainò l'indice destro dalla tasca dei pantaloni e lo passò sulla guancia sinistra della ragazza, paffuta e soffice ma un po' scabra e butterata come i panini al latte che farciva tutti i giorni. Che porco! Al massimo, al fast food, qualche vecchietto le fissava il sederone quando si chinava per raccogliere i vassoi ma mai nessuno aveva osato toccarla senza permesso! Rimase pietrificata, distogliendo lo sguardo dall'uomo nella speranza di provocarlo il meno possibile. Non poteva essere secca e insignificante come tutte le sue colleghe? Di sottecchi distinse chiaramente che il maiale aveva fissato il dito, se l'era messo in bocca e gustato per bene, quasi l'avesse intinto in un barattolone di Nutella per tastarla prima di affondare con il cucchiaio. Il dessert, questa volta, sarebbero state le sue grazie altrettanto morbide e grassocce.
Il terrore fu scosso da una sonora risata, seguita da qualcosa di incomprensibile tipo:
«Sì, è proprio salsa… salsa barbecue per la precisione!» poi verso la giovane, che aveva il cuore a mille: «ma lei non se la lava la faccia finito di lavorare?» sembrava un ammonimento, ma lo prese ancora per una battuta e rise anche lei di gusto, rinfrancandosi dopo lo scampato pericolo. Cosimo riprese a voce alta, per farsi sentire dalla segretaria nell'altra stanza. «Luisa, mi assento per una decina di minuti; vado a prendere un caffè al bar con la signorina. Sa, è un'ospite di riguardo, non posso offrirle quello della macchinetta che sa di segatura!»
Ritirata la patente nel ridicolo portafogli nuovo, superando il Ducato con il fanale ancora inesorabilmente rotto, i due si allontanarono così dalla rimessa.
Ultima modifica di Stefano M. il 28/09/2021, 8:11, modificato 4 volte in totale.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Commento : Scherzi da prete

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Questi i refusi che ho trovato:
Dati alla macchina ?
figuriamoci a faccia a con un leone ?
Poi era cresciuta ad aveva cominciato a ?

A mio parere c'è qualche periodo in cui la punteggiatura potrebbe essere migliorata.
Questo periodo è troppo lungo per i miei gusti. " Vide malauguratamente uscire dal portone della Serio Utensili Speciali un muletto stracolmo, condotto da un ragazzotto un po' scuro col viso deturpato da due orecchini e un piercing; finendo a tutto gas su un tombino evitabilissimo, per poco non aveva ribaltato il carico: la sua fronte già imperlata di sudore cominciò a gocciolare, quel giovanotto spericolato e irresponsabile verso i beni altrui gli aveva fatto più paura del fantasma della nonna."

Il falso prete chiede a Cosimo: "Potrebbe controllarmi un attimo le gomme davanti?" Onestamente sono abbastanza pratico di auto per avere più di un dubbio che Cosimo potesse veramente controllare, in strada, la pressione delle gomme. Al più avrebbe potuto semplicemente verificare che non fossero a terra. Allora che bisogno c'era di abbandonare il suo portafogli sul sedile? Capisco il trucco del prete, ma a me non sembra azzeccato come espediente, e Cosimo non era certo uno sprovveduto.

Il racconto avrebbe potuto durare ancora per un bel po'. Infatti, non tutti "fili pendenti" (preferisco il tenente Colombo a Montalbano) sono stati riannodati nel corso della storia. Alla fine sono rimasto pure deluso.
Quando si semina così tanto, poi non si può troncare così, o no?
Capisco tuttavia l'esigenza di rimanere entro un limite accettabile di caratteri, viste le regole della gara e anche per non abusare della pazienza dei commentatori che la voglia di leggere con attenzione le altrui "opere" forse non ne hanno così tanta. (premetto che sono nuovo in questo ottimo portale e sarei contento di sbagliarmi).

Voto dal 3 al 4. Arrotondo al 4 per la bontà della scrittura.
Stefano M.
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 14/09/2021, 23:48

Author's data

Re: Scherzi da prete

Messaggio da leggere da Stefano M. »

Ti ringrazio per i suggerimenti sui refusi, che provvedo ora stesso a modificare.
In effetti sono piuttosto nuovo del genere racconti con un limite di battute e forse per questo può apparire magari un po' troncato.
Grazie per i suggerimenti e la valutazione!
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 460
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ho letto il commento di Alberto e mi sono stupito del fatto che avesse individuato i refusi che anche io avevo notato. Peraltro, hai poi risposto che li avresti risolti subito e purtroppo sono ancora lì. Non concordo invece con Alberto sulla brevità. L'ho trovato eccessivamente lungo, faticando a arrivare in fondo. Entrando più nel dettaglio, avendo un trascorso nelle FF. OO con compiti di responsabilità, trovo poco credibile che il processo penale per aver "assunto" extracomunitari, reato molto grave, possa essere stato risolto così facilmente, senza condanna. Hai alternato passaggi di buona scrittura (non ricordo una frase ma so che ho pensato che avrei voluto scriverla io) con altri momenti meno alti. Ecco, è un racconto che con una buona revisione, con una sforbiciata e forse insistendo un poco sul carattere umoristico, potrebbe valere un voto più alto. Così il voto è, non averne a male, "si lascia leggere". A rileggerti presto.
Stefano M.
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 14/09/2021, 23:48

Author's data

Re: Scherzi da prete

Messaggio da leggere da Stefano M. »

La ringrazio Sig. Rizza per l'aver dedicato tempo (e non poco, data la lunghezza del racconto...) alla lettura e sono felice che l'abbia comunque apprezzata, anche se parzialmente. Forse in effetti, pubblicando più su carta che su web, il taglio è superiore a quanto vedo degli altri racconti in gara.
Le chiedo invece qualche gentile delucidazione sui refusi, che a quanto vedo invece sullo smartphone mi risultano invece corretti... Non vorrei che la mia imperizia sull'uso del portale li faccia magari ancora vedere agli altri.
Grazie ancora e buona serata
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 460
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: Scherzi da prete

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Stefano M. ha scritto: 27/09/2021, 23:54 La ringrazio Sig. Rizza per l'aver dedicato tempo (e non poco, data la lunghezza del racconto...) alla lettura e sono felice che l'abbia comunque apprezzata, anche se parzialmente. Forse in effetti, pubblicando più su carta che su web, il taglio è superiore a quanto vedo degli altri racconti in gara.
Le chiedo invece qualche gentile delucidazione sui refusi, che a quanto vedo invece sullo smartphone mi risultano invece corretti... Non vorrei che la mia imperizia sull'uso del portale li faccia magari ancora vedere agli altri.
Grazie ancora e buona serata
Le chiedo scusa, Signor Stefano, per averle dato del tu. Nel suo commento al mio ero convinto che l'avesse usato con me, ma l'ho riletto ed effettivamente non è così. Non volevo mancare di rispetto. Nel merito, dicendole che anche io sto leggendo dal cellulare, rilevo che la frase lunga segnalatale da Alberto, e che anch'io avevo notato, la vedo ancora così, pari pari. Dove Alberto segnala "macchina" anziché "macchia" leggo "macchi". Ho ancora visto un refuso, mi sembra un "fosse" anziché un "sia" ma non ricordo esattamente la frase, mi sembra di ricordare che riguardasse un documento. Presumo che sia nella parte centrale del suo racconto perché fino a lì (pur con quella frase lunga) avevo trovato ben scritto il tutto e in quel frangente, di colpo, appunto due o tre refusi, certamente sviste. Anche perché poi la scrittura è tornata corretta. Poi, sa, non è che debba per forza accogliere i suggerimenti che arrivano dai commenti. Se, ad esempio, quella frase lunga la ritiene opportuna va benissimo così. In effetti, pur non interrompendola col punto, ciò nonostante utilizza i due punti e il punto e virgola, e mi sono chiesto io stesso se fosse sufficiente. Vorrà però rilevare che se siamo stati in due a segnalarlo, forse quella frase arriva al lettore in un certo modo. Spero di esserle stato utile. Spero anche, come collega di gara, che voglia invitarmi a darle del "tu", ma le ripeto che non intendevo mancarle di rispetto. Sinceramente, a rileggerla, magari anche su carta.
Stefano M.
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 14/09/2021, 23:48

Author's data

Re: Scherzi da prete

Messaggio da leggere da Stefano M. »

Ti (a questo punto uso anche io il tu...) ringazio per la prontissima risposta e per le segnalazioni. Provo a rileggere a questo punto anche io quel periodo con maggior calma per valutare eventualmente di dividerlo, poiché se entrambi lo segnalate come "difficoltoso", effettivamente qualcosa di sbagliato ci sarà...
Buona gara a te e a tutti gli altri partecipanti!
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 514
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Racconto umoristico sulle disavventure di un "italiano medio", piccolo imprenditore nel settore dei trasporti, dedito a tutti i consueti sotterfugi del genere, i cliché della furbizia ottusa che viene beffata da chi è furbo davvero.
Trovo che la narrazione sia un po' troppo diluita, si perde in tanti rivoli che distolgono dal focus della vicenda, al punto che questa risulta secondaria rispetto alla costruzione del protagonista.
La scrittura di buon livello e spigliata è un punto a favore, nel complesso il racconto risulta gradevole.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Stefano M.
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 14/09/2021, 23:48

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Stefano M. »

Roberto Bonfanti ha scritto: 28/09/2021, 22:25 Racconto umoristico sulle disavventure di un "italiano medio", piccolo imprenditore nel settore dei trasporti, dedito a tutti i consueti sotterfugi del genere, i cliché della furbizia ottusa che viene beffata da chi è furbo davvero.
Trovo che la narrazione sia un po' troppo diluita, si perde in tanti rivoli che distolgono dal focus della vicenda, al punto che questa risulta secondaria rispetto alla costruzione del protagonista.
La scrittura di buon livello e spigliata è un punto a favore, nel complesso il racconto risulta gradevole.
Salve Roberto,
ti ringrazio per aver apprezzato la scrittura e, in generale, l’idea di fondo del racconto, che non ha certo pretese letterarie di altissimo livello ma solo quella, nel mio piccolo, di divertire il lettore.
Accolgo molto positivamente anche l’osservazione circa lo “sbilanciamento” del racconto verso la costruzione del personaggio piuttosto che la fase narrativa. In parte la cosa è voluta (altrimenti non si riuscirebbe a capire la sua natura di “furbetto”), tuttavia mi sono reso conto che, leggendolo dal sito, la formattazione renda tutto piuttosto “pesante”. Ne terrò sicuramente conto per eventuali altre partecipazioni, cercando magari di proporre qualcosa di più corto e incisivo, similmente alla maggior parte degli altri autori.
Grazie e a presto,
Stefano
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9447
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Scherzi da prete

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ricordatevi di specificare esattamente "Commento" nel campo "Titolo" del messaggio usato per commentare le opere in Gara (senza prefissi come "Re:" o altro), altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 341
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Sì, ok, c'è una storia, ma di cosa? Ci sono i personaggi, c'è una vicenda, c'è un approfondimento (leggermente macchiettistico, ma alla Vanzina) del protagonista, però non vedo una scintilla: il racconto chiude come un'altro (yet another) tramonto.
Ben scritto, certamente ci sono gli strumenti tecnici, ma manca un po' d'anima a una vicenda che poteva essere riassunta più brevemente senza perdere troppa verve. Insomma, è come se la retorica della quale è intriso il racconto non fosse commisurata al racconto stesso.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Stefano M.
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 14/09/2021, 23:48

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Stefano M. »

Marino Maiorino ha scritto: 16/10/2021, 5:16 Sì, ok, c'è una storia, ma di cosa? Ci sono i personaggi, c'è una vicenda, c'è un approfondimento (leggermente macchiettistico, ma alla Vanzina) del protagonista, però non vedo una scintilla: il racconto chiude come un'altro (yet another) tramonto.
Ben scritto, certamente ci sono gli strumenti tecnici, ma manca un po' d'anima a una vicenda che poteva essere riassunta più brevemente senza perdere troppa verve. Insomma, è come se la retorica della quale è intriso il racconto non fosse commisurata al racconto stesso.
Salve Marino, innanzitutto grazie per aver dedicato del tempo al mio racconto. Spero sia benaugurante l’avermi affiancato a Vanzina, che ha fatto dell’accoppiata voto (della critica) basso/tanto incasso la principale chiave del suo successo. In effetti il racconto (scritto la sera stessa, non è che ci sia dietro chissà quale studio…) mi è venuto in mente vedendo entrare in ditta un corpulento corriere romanesco, un po’ grezzo e gradasso, che ricordava tantissimo Mattioli o, per i più nostalgici, “Er Principe” di Mario Brega. Sono pertanto molto felice che sia riuscito a riconoscere il personaggio (preferisco raccontare le persone piuttosto che i fatti, compito che delego molto volentieri alla cinematografia), al di là di qualsiasi valutazione o altro commento. Grazie ancora e buona gara!
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 341
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: Scherzi da prete

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Ciao Stefano,
non uso nomi e parole a vanvera: davvero ho riconosciuto lo stile e ho voluto apprezzarlo per quello che vedevo.
Le critiche dovrebbero essere fatte di questo, no? Riconoscere il buono affinché sia esaltato, indicare quello che piace di meno per pensarci su (vengo spesso criticato per stile o altro, e riconosco o meno la critica a seconda dei casi, del contesto, delle mille variabili che chi scrive sa, e chi legge un po' meno).
Buona gara anche a te.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Egidio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 52
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Anche a me sembra un racconto ancora da sfrondare e limare, che presenta alcune imperfezioni e incongruenze. Ha però un taglio umoristico ben riuscito, sebbene un po' grossolano. Noto anch'io una sua lunghezza eccessiva e un finale un po' inconsistente.
Stefano M.
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 14/09/2021, 23:48

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Stefano M. »

Egidio ha scritto: 20/10/2021, 15:26 Anche a me sembra un racconto ancora da sfrondare e limare, che presenta alcune imperfezioni e incongruenze. Ha però un taglio umoristico ben riuscito, sebbene un po' grossolano. Noto anch'io una sua lunghezza eccessiva e un finale un po' inconsistente.
Salve Egidio, ti ringrazio per il tempo dedicato alla lettura del racconto e che abbia ne abbia apprezzato il “taglio”, premiandolo anche con una valutazione tutto sommato positiva. Non è certo una storiella che vuole aprire nuove frontiere letterarie o logico-filosofiche, ma giusto strappare un sorriso al lettore (credo che nessuna azienda usi parafulmini umani, però a Fantozzi viene concesso…). Purtroppo non sono molto avvezzo a leggere su device e mi sto accorgendo solo ora che, rispetto alla carta, tutto tende ad essere un po’ “appesantito”, come testimonia il maggior successo che stanno riscontrando racconti decisamente più brevi e/o densi: vedrò di adeguarmi per eventuali future gare. Grazie ancora e buona continuazione di gara.
Stefyp
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 332
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Lo stile è buono, scorre via senza intoppi, si vede che c'è esperienza dietro.
È un po' lunghetto, di per sé non sarebbe un difetto, non ho nulla contro i racconti lunghi. In questo caso però alcuni dettagli, alcuni passaggi avrebbero potuto essere tagliati rendendo così il racconto più immediato e meno dispersivo.
Il finale ha un po' rovinato tutto, la macchietta sulla guancia non mi ha convinto e il caffè al bar sa un po' di scontato.
Stefano M.
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 14/09/2021, 23:48

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Stefano M. »

Stefyp ha scritto: 03/11/2021, 7:56 Lo stile è buono, scorre via senza intoppi, si vede che c'è esperienza dietro.
È un po' lunghetto, di per sé non sarebbe un difetto, non ho nulla contro i racconti lunghi. In questo caso però alcuni dettagli, alcuni passaggi avrebbero potuto essere tagliati rendendo così il racconto più immediato e meno dispersivo.
Il finale ha un po' rovinato tutto, la macchietta sulla guancia non mi ha convinto e il caffè al bar sa un po' di scontato.
Ti ringrazio Stefyp per aver apprezzato lo stile di scrittura (sono lusingato che mi abbia attribuito un’esperienza che effettivamente non ho… spero sia buon segno). Come già risposto ad altri commentatori, in effetti la lettura da device e questa formattazione (non giustificata, interlinea stretto e righe molto “lunghe”) tendono ad appesantire un po’ il tutto: per eventuali altre partecipazioni conto di proporre racconti con molte meno battute (sempre che il sito, da BraviAutori, non si trasformi in BreviAutori).
Mi dispiace che non abbia apprezzato il finale, ma qui si scende decisamente nel campo della soggettività e sono piacevolmente colpito che non ti sia lasciata influenzare troppo da ciò nell’attribuzione del punteggio. Grazie ancora e buona continuazione di gara.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 677
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

diciamo che nel complesso è scritto piuttosto bene, con pochi refusi, viste anche le correzioni fatte aseguito dei precedenti commenti.
già il fatto di aver corretto ti da un punto a favore.
venendo alla storia, direi che è deboluccia, poco incisiva, forse troppo allungata.
a mio parere un po' di sforbiciate la renderebbero più godibile.
alcune descrizioni sono buone, come buona è la caratterizzazione del personaggio principale, ma spesso ho l'impressione che tutto si dilunghi troppo.
rimane un discreto lavoro.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Temistocle
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 79
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Il racconto, a livello di narrazione, mette tante belle premesse ma mi sembra che non ne concluda neanche una.
Il caffè con Samantah non 'risolvè nessuna delle vicende narrative.
Sinceramente mi aspettavo qualcosa di più, anche perché la scrittura è bella, aggressiva al punto giusto, leggera e vivace, ironica; e i personaggi sono ben descritti.
Voto: 3, ma con una trama meno 'provvisoria' poteva essere molto di più.
Francesco Pino
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 235
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Re: Scherzi da prete

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

E' un racconto che per i miei gusti parte fortissimo. Un piccolo imprenditore piuttosto grezzo con una visione della vita e della società anch'essa piuttosto grezza. Il linguaggio usato è ben azzeccato rispetto al personaggio, il tutto è condito da una vena di umorismo piacevole che ha il culmine in quel "Samantah? Sarah? Norah?". Poi via via qualcosa si perde. A mio parere la parte dai carabinieri va in qualche modo sfoltita e il finale è deludente.
Nel complesso un racconto sicuramente piacevole.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


IperStore - il lato oscuro dello Shopping

IperStore - il lato oscuro dello Shopping

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma appartiene a un amico "speciale" dell'Associazione culturale.
È il giorno dell'inaugurazione di un supermercato, uno davvero grande, uno iper, uno dei tanti che avrete voi stessi frequentato e arricchito. Durante questa giornata di festa e di aggregazione sociale, qualcuno leggerà un dattiloscritto ancora inedito il cui contenuto trasformerà l'impossibile in normalità.
"...come se dal cielo fosse calata la mano divina di un Dio stanco e dispiaciuto dei propri errori, o come se tutte le altre grandi divinità fin'ora inventate dal Genere umano per compensare la propria inconsapevole ignoranza tribale e medievale verso i misteri della Natura e della Vita, si rivoltassero ai propri Creatori e decidessero di governare le loro fantasie".
La storia è leggermente erotica, vagamente fantasy, macchiata di horror e forse un po' comica.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (166,68 KB scaricato 49 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

(soprattutto a letto)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma appartiene a un amico "speciale" dell'Associazione culturale.
Marika è una giovane ragazza. Non ha avuto alcuna esperienza sessuale e sta per sposarsi. Essendo molto intelligente, si accorge presto di essere una bella donna e sente di non poter rinchiudersi per tutta la vita in un contesto matrimoniale forzato e prematuro. Conosce un uomo, il quale la porta per gradi a conoscere tutto ciò che c'è da sapere sul sesso. è un uomo speciale, totalmente diverso dal suo fidanzato e ne nasce una relazione molto particolare. Molto di quello che Marika impara può non corrispondere a quello che le donne desiderano, ma sono certa che, segretamente, prima o poi ci avranno pensato. è un racconto erotico, scritto però senza parole scurrili od offensive.

Copertina di Roberta Guardascione
di Mary J. Stallone
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (252,71 KB scaricato 190 volte).
compralo su   amazon


Cuori di fiele

Cuori di fiele

antologia di opere ispirate all'ineluttabile tormento

A cura di Roberto Virdo'.

Contiene opere di: Marcello Rizza, Ida Daneri, Francesca Paolucci, Enrico Teodorani, Mario Flammia, Francesca La Froscia, Ibbor OB, Alessandro Mazzi, Marco Fusi, Peter Hubscher, Marco Pugacioff, Giacomo Baù, Essea, Francesco Pino, Franco Giori, Umberto Pasqui, Giacomo Maccari, Annamaria Ricco, Monica Galli, Nicolandrea Riccio, Andrea Teodorani, Andr60.
Vedi ANTEPRIMA (428,62 KB scaricato 14 volte).
info e commenti compralo su   amazon





Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 6 - Un racconto in una fotografia

La Gara 6 - Un racconto in una fotografia

(luglio 2009, 34 pagine, 309,09 KB)

Autori partecipanti: Massimo Baglione, Candido Bottin, Carlocelenza, Cmt, Manuela Costantini, Gio, Jean, Dino Licci, Macripa, Miriam, Pia, Ranz, Snuff,
A cura di Alessandro Napolitano e Dafank.
Scarica questo testo in formato PDF (309,09 KB) - scaricato 426 volte.
oppure in formato EPUB (230,74 KB) (vedi anteprima) - scaricato 233 volte..
Lascia un commento.

La Gara 66 - Onirica

La Gara 66 - Onirica

(settembre/ottobre 2017, 30 pagine, 1,04 MB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Angela Catalini, Enrico Gallerati, Mastronxo, Roberta Michelini, Lodovico, Daniele Missiroli, Ilaria Rucco, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Fabrizio Bonati, Ida Dainese, Michele,
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,04 MB) - scaricato 75 volte.
oppure in formato EPUB (1,52 MB) (vedi anteprima) - scaricato 75 volte..
Lascia un commento.

La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

(dicembre 2009, 46 pagine, 456,32 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Manuela, Daniela, Arditoeufemismo, Mario, Augusto, Magnonove, Cosimo Vitiello, Miriam, Snuff, Phigreco, Pia,
A cura di Alessandro Napolitano.
Scarica questo testo in formato PDF (456,32 KB) - scaricato 493 volte.
oppure in formato EPUB (343,81 KB) (vedi anteprima) - scaricato 205 volte..
Lascia un commento.