Il tempo è mistificatore

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
9
90%
4 - è bello
1
10%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 10

Roberto
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 17/05/2020, 18:34

Author's data

Il tempo è mistificatore

Messaggio da leggere da Roberto »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

Voleva terminare in fretta il lavoro al computer. L’ala d’aereo che aveva progettato era bellissima, più bella di quelle disegnate finora. Il programma di disegno tecnico era incredibile, gli permetteva di muovere, di vedere tutti gli aspetti del componente, meglio che se fosse in presenza.
Era già in piedi, chino sulla scrivania, pronto ad andare; spense il monitor. Infilò la giacca che pendeva dalla spalliera della sedia e si girò per uscire dal suo cubicolo.
“Che c’è? Cos’è tutta questa fretta? E’ un po’ di giorni che ti osservo. A mezzogiorno in punto esci di corsa, quasi non saluti”.
Giorgio, il suo collega, non finiva mai di sfotterlo per la sua indolenza, per quel suo ‘lasciar stare’. Lui che, al contrario, passava con disinvoltura da una all’altra.
“Chi è la ragazza? Dev’essere speciale perchè non ti ho mai visto così…così preso? Innamorato? Allora? non dici niente?”
“Scusa, Giorgio, ho fretta, devo andare. E poi non saprei cosa dire e mi prenderesti per matto. Magari un giorno…”
“Già, già un giorno. Ciao, vai dalla tua bella, ci sentiamo dopo pranzo.
Il parco distava un paio di chilometri, prese la macchina.
La primavera era inoltrata e nell’abitacolo faceva caldo. Allentò il nodo alla cravatta, mentre cominciava a sudare; aprì il finestrino. L’aria entrava calda, ma pareva rinfrescare comunque.
Parcheggiò a lato del marciapiede, scese e si avviò correndo verso la grande quercia, messa quasi a guardia del parco un centinaio di metri più avanti.
Sedette fra due grosse radici che sporgevano, poggiò la schiena sul tronco rugoso, mentre con una mano coglieva una ghianda caduta l’anno prima.
Un paio di respiri profondi, occhi chiusi, liberò la mente e lasciò che i pensieri fluissero.
Ecco…la sentiva, era lì. I pensieri di lei bussavano delicatamente alla porta della sua mente, quasi una carezza.

Erano passati due mesi da quando, appena iniziata la bella stagione, s’era seduto in quello stesso posto e aveva iniziato a scartare il panino preparato a casa.
Dapprima ci fu lo stupore, poi un senso di smarrimento.
Stava forse impazzendo? Cosa gli stava accadendo?!
Gli parve di sentire delle parole nella testa, frasi, la percezione di una presenza. Allucinazioni? Dissociazione della personalità? Fra non molto l’avrebbero rinchiuso chissà dove e lui non avrebbe nemmeno saputo chi era?
<Ciao…>
Una semplice parola, chiara come fosse stata pronunciata da qualcuno lì vicino. Ma non c’era nessuno, solo una donna che teneva per mano un bimbo di pochi anni molto più in là.
<Ciao, ti sento… c’è qualcuno?…Chi sei?>
‘Io dovrei chiedere chi sei, pensava lui. Che succede?’
<Ti ho sentito, ti ho sentito benissimo>.
Di nuovo parole chiare, come fluttuanti nell’aria.
<Anch’io ti sento, anch’io penso di stare impazzendo. Chi sei tu!?>
<Sono Lisa, ho paura! E’ forse il demonio che parla? devo correre subito a casa!>
<No, aspetta, aspetta…Lisa. Non sono il demonio. Mi sono seduto sotto la quercia del parco e all’improvviso sento le tue parole nella testa. E’ tutta una mia fantasia? Che sta succedendo!>
<Anch’io sono seduta su una seggiola sotto la quercia. Ma non c’è nessuno qui, sono sola!>
Erano nello stesso posto, si disse, ma non si vedevano. Riuscivano, per qualche stranezza, a sentire ciò che pensavano.
Il suo cervello lavorava frenetico, pensieri assurdi gli attraversavano la mente. Sentiva, nel frattempo, che questa Lisa era consapevole del fatto che lui stesso stava pensando e sentiva i pensieri di lei; così come lui avvertiva la sua presenza come se fosse lì davanti.
Se erano nello stesso posto e non si vedevano, l’unica spiegazione che gli si presentava alla mente era… assurdo, era essurdo!
<Che dici, che significa?> era lei che aveva ‘parlato’.
<Come sei vestita?>
<E’ una domanda indiscreta, direi>
<Ti prego, Lisa, non voglio essere indiscreto. Dimmi, per favore: come sei vestita?>
<Ho la gonna lunga a piegoni. E larga e la crinolina la tiene vaporosa tutto intorno>
<Oddio, in che anno sei?>
Anche lei cominciava a essere allarmata.
<Sono nel 1500, che vuoi dire?>
Così tutto era cominciato. Per qualche strana ragione quel luogo, proprio e solo quello, lì presso la quercia, metteva in comunicazione le loro menti.
In nessun’altra parte era possibile, avevano provato più volte da allora.

Il loro era diventato un appuntamento fisso, ormai, poco dopo mezzogiorno.
<Guardati nello specchio, vuoi? Portane uno piccolo con te, proprio qui, sotto la quercia>
<Perché?>
<Perché così vedrò nel tuo pensiero l’immagine che tu stessa stai vedendo e saprò come sei>
< D’accordo, domani lo porto. Ma tu fai lo stesso , va bene?>
Era bellissima, capelli lisci lunghi e quasi neri; occhi scurissimi lievemente orientaleggianti, dolci.
Ma, meglio di tutto, era il suo animo, dispiegato come un libro aperto nella sua mente ed era buono, gentile. Allo stesso modo l’anima di lui non aveva segreti per lei.
Parlavano e parlavano e il tempo passava veloce.
<Devo rientrare, mio padre mi sta chiamando. Ci vediamo domani?>
<Sì, stessa ora!>
Si stava alzando a fatica tutto anchilosato. Nel mettersi in piedi lo sguardo cadde sul tronco di quella pianta maestosa.
Non ci aveva mai fatto caso prima: su un lato la corteccia era stata intagliata a forma di cuore, trapassato da una freccia. Il solito graffito di due innamorati. C’erano anche le iniziali dei nomi, due L. Chi sarà stato? L’incisione era vecchissima, a malapena visibile. Ne avrebbe parlato con Lisa.
<No, diceva lei, qui non vedo proprio nessun cuore nel punto che indichi. Non c’è niente>
Possibile? Possibile che quelle fossero le iniziali dei loro nomi?

La vecchia indovina del luna park gli aveva preso la mano e l’aveva fissato negli occhi.
Una lunga treccia grigia le pendeva dal lato destro e scendeva sul davanti, oltre la spalla. Sopracciglia folte, trasandate, facevano da guardia a due occhi quasi ciechi, vinti dalla cataratta.
Non aveva fatto domande, in compenso aveva parlato: ‘solo la forza del tuo amore e del tuo spirito possono riuscire a superare i confini del tempo’.
Cosa voleva dire?
Quella notte non riuscì a chiudere occhio.
A mezzogiorno, il dì seguente, era di nuovo sotto le fronde della quercia.
<Verrò da te, le diceva, aspettami>
<Come farai? Come ti riconoscerò?> chiedeva lei.
<Mi riconoscerai, saprai che sono io>

Il suo pensiero era saldo, ora. Concentrato. Solo un’idea, chiara nella sua mente.

“Mamma, mamma, vieni c’è un uomo addormentato sotto l’albero!”
Il bambino tirava la mamma per un braccio e indicava col dito.
“Aspetta qui, non ti muovere”
Sembrava proprio che dormisse, sul viso quasi un sorriso sereno. Ma non respirava più.

Il suo spirito fluttuava libero. Sul bordo della strada assolata un giovane stava morendo.
L’anima l’aveva appena abbandonato e lui veloce ne prese il posto. Quel corpo, morto da poco, si riscosse, si alzò da terra e si avviò.

Lei era lì, all’ombra dell’albero. Adesso era reale, la vedeva e la poteva toccare.
“Ciao Lisa”
Si girò e seppe subito che era lui.
“Sei tu, sei venuto!”
Le prese una mano e la baciò sulle labbra.

Qualche anno dopo erano nella sua officina.
“Cosa disegni? Cosa sono queste cose?”
“Sono ali, Lisa, ali con cui volare”
“Ma…solo gli uccelli volano, no?”
“Già, ma tutto cambierà. Voglio farti un ritratto, ti spiace?”
“Sei bravo a dipingere. Questo vuol dire che dovrò stare ferma per giorni e giorni, Leonardo?” era un po’ imbronciata, come i bambini quando fanno i capricci.
“No cara Lisa, ti prometto che sarò velocissimo”.




Scrivi qui il tuo racconto...
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 460
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Questo commento racchiude uno spoiler. Sarebbe scorretto leggerlo prima di leggere il racconto dell'autore. Consiglio vivamente di leggere prima il racconto e poi il commento, per rispetto all'autore.








Il racconto è scritto bene. Rilevo un refuso, una "è" non accentata a inizio frase, ma è una quisquilia a fronte di una scrittura valida, ovviamente una svista. È il racconto in sé, con validi spunti, che però non mi convince. Anche il titolo non lo vedo azzeccato, è pretenzioso, che cerca l'effetto senza incidere. È un racconto "vintage", scritto come lo scrivevano i proto scrittori di fantascienza. Vale a dire, spero l'autore mi possa perdonare, ingenuo. L'autore parte con un accenno al lavoro del protagonista, che avrà un senso quando si scoprirà quando lo stesso si incarnerà (?) in Leonardo da Vinci (?) . Sempre l'autore presume (ci può stare, seppure senza riscontri storici) una passione con Monna Lisa, seppure ci siano indizi di omosessualità (legittima, ma stiamo parlando della credibilità del racconto) sulle inclinazioni del Sommo. Ma oggi, quando si scrive, anche di fantascienza, anche di fantasia, ci sono parametri di credibilità anche nell'incredibile che vanno innanzitutto spiegati e poi rispettati, o innanzitutto rispettati e spiegati. Inoltre riscontro una poca originalità nel tema, a prescindere dal Sommo, perché è stato usato e super codificato nel passato in molti racconti di genere. Concludendo, vedo una buona stoffa, una buona e corretta scrittura, una trama debole se il racconto viene visto da chi conosce il genere. A rileggere l'autore, in una prova più completa. Voto "3" perché chi ha scritto il racconto maneggia la scrittura con evidenti capacità.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Commento Il tempo è mistificatore

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Un refuso: “era essurdo!”
Che posso dire? Siamo anche qui nel racconto fantastico che costringe il lettore a tenere il fiato sospeso sperando che arrivi presto la spiegazione dell’enigma.
Forse potrebbe esserci anche una forzatura delle regole che pur sono da rispettare anche nel racconto fantastico. Esempio, secondo me, la quercia che già esisteva alta e rigogliosa nel 1500, ma non è un racconto in cui ci si devono fare troppe domande, altrimenti si rovina l'incanto.
Rispetto ad altri ha il pregio di scorrere bene e per me è ben scritto.
Voto dal 3 al 4. Mi riservo di decidere in seguito. Prometto comunque che farò prevalere la correttezza della forma. Per mia sventura non vado matto per questo genere.
Inviterei tutti a comportarsi in questo modo. Ognuno ha i suoi gusti, ma non siamo obbligati a comperare il racconto in libreria, basta commentarlo con sincerità, onestà e impegno.
Se giudico il racconto ben scritto, ma non è il mio genere: voto 4, voto 5 se lo ritengo anche particolarmente ricco di genialità.
Se il racconto è ben scritto e in più appartiene al mio genere: voto 5
A scalare verso il basso se la forma è zoppicante.
HO SCIOLTO IL DUBBIO. VOTO 4
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 514
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Ricetta non nuovissima ma sempre gustosa, giocare con il mito e stravolgerne gli aspetti consolidati, si può fare, non ci trovo sacrilegio.
È un racconto fantastico, quindi si possono perdonare alcune debolezze (la quercia, "siamo nel 1500" – scusami ma mi ricorda Benigni-Troisi: 1400, quasi 1500 – le parole un po' troppo moderne di Monna Lisa).
Oltre alle cose già segnalate ho trovato un "perché" con l'accento invertito, alcuni difetti di formattazione (lo spazio dopo i tre punti… ecc.), i <> al posto dei caporali nei dialoghi.
Lo stile è scorrevole e la lettura è simpatica.
Questo è il secondo racconto in gara che, in qualche modo, cita la Gioconda; a me, che sono nato nel paese del Genio, non può che fare piacere.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Qualche piccolo refuso, qualche incertezza nella punteggiatura, ma soprattutto nell'introduzione (dà per scontata una confidenza col progetto di superfici alari che è forse dell'autore, non certo del lettore), rende al principio rugginosa la "sospensione dell'incredulità", che in questo tipo di narrativa dovrebbe essere la pietra angolare.
Quando il racconto finalmente decolla, è anche già finito, senza aver perfettamente limato alcuni dettagli, alle volte introdotti in maniera estemporanea, artefatta, e senza aver considerato del tutto i loro effetti sul flusso della vicenda.
Carina l'idea, un po' breve lo svolgimento, soprattutto in considerazione della grandezza del personaggio coinvolto.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Bel racconto pieno di dialoghi serrati che lo fanno scorrere velocemente. Nello stile niente da dire, buono e senza errori. I personaggi sono caratterizzati senza stonare o essere noiosi. Non ho critiche da fare anche se racconto non è il mio genere.
Egidio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 53
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Concordo con chi, nei commenti precedenti, ha affermato che si tratta di un racconto scritto in bello stile e grammaticalmente corretto. La storia è molto fantasiosa e insolita, anche se io non credo alla teoria della reincarnazione.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 679
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

racconto piuttosto particolare che parte in un certo modo per sfociare poi nel fantastico, almeno come genere.
simpatica l'idea, buona la stesura ma deboluccio il contenuto, nonostante alcuni discreti spunti.
non ho notato refusi particolari, ma non sono riuscito a entrare completamente nella narrazione.
lo trovo incompleto, anche se non ti saprei dire cosa manca, onestamente.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
RobertoBecattini
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 25/11/2018, 0:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobertoBecattini »

L'ho letto con piacere nel complesso, anche se il dettaglio della stessa quercia a 500 e passa anni di distanza non mi torna molto, io sapevo che una quercia arriva massimo a 300 anni. Il racconto è forse penalizzato anche dall'inevitabile brevità, perché si presta a molti spunti interessanti che non possono essere approfonditi, per cui si ha l'impressione che sia tirato via, ma non è così, di sicuro non nella forma. Il modo di parlare di Lisa forse potrebbe essere meno moderno. Finale devo dire simpatico, una mezza sorpresa)
RobediKarta
Francesco Pino
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 235
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Il racconto è carino (a parte gli errori già segnalati negli altri commenti) e il finale lo impreziosisce. Secondo me, dati i personaggi, potevano essere sviluppati meglio i dialoghi. Che so… aggiungere delle cose in più sui tempi in cui i due protagonisti rispettivamente vivevano o su quello che vedevano nel parco attorno a loro… Nel complesso si lascia leggere favorevolmente.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Temistocle
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 79
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Il fantasy non è il mio genere prefertito, perché spesso mi perso tra un 'volo' e l'altro.
Quindi ho letto il racconto soprattutto per guardare alla scrittura.
Che, a mio parere, è abbastanza fluida e adatta al genere.
Penso che Leonardo approverebbe!
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Human Take Away

Human Take Away

Umani da asporto

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma appartiene a un amico "speciale" dell'Associazione culturale.
"Human Take Away" è un racconto corale dove gli autori Alessandro Napolitano e Massimo Baglione hanno immaginato una prospettiva insolita per un contatto alieno. In questo testo non è stata ideata chissà quale novità letteraria, né gli autori si sono ispirati a un particolare film, libro o videogioco già visti o letti. La loro è una storia che gli è piaciuto scrivere assieme, per divertirsi e, soprattutto, per vincere l'Adunanza letteraria del 2011, organizzata da BraviAutori.it. Se con la narrazione si sono involontariamente avvicinati troppo a storie già famose, affermano, non era voluto. Desiderano solo che vi gustiate l'avventura senza scervellarvi troppo sul come gli sia venuta in mente.
Vedi ANTEPRIMA (497,36 KB scaricato 485 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
Vedi ANTEPRIMA (941,40 KB scaricato 77 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Il Bene o il Male

Il Bene o il Male

Trenta modi di intendere il Bene, il Male e l'interazione tra essi.

Dodici donne e diciotto uomini hanno tentato di far prevalere la propria posizione, tuttavia la Vita ci insegna che il vincitore non è mai scontato. La Natura ci dimostra infatti che dopo un temporale spunta il sole, ma ci insegna altresì che non sempre un temporale è il Male, e che non sempre il sole è il Bene.
A cura di Massimo Baglione
Copertine di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Antonella Cavallo, Michele Scuotto, Nunzio Campanelli, Rosanna Fontana, Giorgio Leone, Ida Dainese, Angelo Manarola, Anna Rita Foschini, Angela Aniello, Maria Rosaria Del Ciello, Fausto Scatoli, Marcello Nucciarelli, Silvia Torre, Alessandro Borghesi, Umberto Pasqui, Lucia Amorosi, Eliseo Palumbo, Riccardo Carli Ballola, Maria Rosaria Spirito, Andrea Calcagnile, Greta Fantini, Pasquale Aversano, Fabiola Vicari, Antonio Mattera, Andrea Spoto, Gianluigi Redaelli, Luca Volpi, Pietro Rainero, Marcello Colombo, Cristina Giuntini.
Vedi ANTEPRIMA (455,65 KB scaricato 149 volte).
info e commenti compralo su   amazon





Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 13 - Per modo di dire

La Gara 13 - Per modo di dire

(maggio 2010, 64 pagine, 857,12 KB)

Autori partecipanti: Stefy71, Bonnie, Magasulla, Ser Stefano, GiuseppeN, Vit, Manuela, Vecchiaziapatty, Carlocelenza, Lunanera, Mastronxo, Arianna, Gigliola, Giacomo Scotti, Alessandro Napolitano, Lucia Manna, Michele, Macripa,
A cura di Arditoeufemismo.
Scarica questo testo in formato PDF (857,12 KB) - scaricato 502 volte.
oppure in formato EPUB (525,77 KB) (vedi anteprima) - scaricato 199 volte..
Lascia un commento.

La Gara 49 - La contrapposizione

La Gara 49 - La contrapposizione

(novembre/dicembre 2014, 34 pagine, 560,91 KB)

Autori partecipanti: Umberto Pasqui, Nembo13, Nunzio Campanelli, Annamaria Vernuccio, Patrizia Chini, Milicianto, Ser Stefano, Francesca Santamaria, Lodovico, Giorgio Leone, Cladinoro, Silvia Torre,
a cura di Maddalena Cafaro.
Scarica questo testo in formato PDF (560,91 KB) - scaricato 167 volte.
oppure in formato EPUB (319,02 KB) (vedi anteprima) - scaricato 222 volte..
Lascia un commento.

La Gara 5 - A modo mio

La Gara 5 - A modo mio

(giugno 2009, 40 pagine, 758,80 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Pia, Massimo Baglione, Bonnie, Miriam, DaFank, Rona, Manuela, Massimo, Clali, Alessandro Napolitano, Gio, Snuff, Aigor, Yle,
A cura di Pia.
Scarica questo testo in formato PDF (758,80 KB) - scaricato 339 volte.
oppure in formato EPUB (555,57 KB) (vedi anteprima) - scaricato 211 volte..
Lascia un commento.