Cronache romane

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
7
47%
3 - si lascia leggere
5
33%
4 - è bello
2
13%
5 - mi piace tantissimo
1
7%
 
Voti totali: 15

Avatar utente
Maria Spanu
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 18
Iscritto il: 16/09/2014, 18:09

Author's data

Cronache romane

Messaggio da leggere da Maria Spanu »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

Mercato Magnagrecia, quartiere San Giovanni. Anno solare 2030.
Non ero mai entrata qui nonostante abitassi nel quartiere da oltre 30 anni ma subito mi trovai immersa nel caos tipico, un rumore frastornante ma allo stesso tempo armonioso e coordinato come un richiamo. Quel richiamo affascinante che attrae inesorabilmente verso Roma, o come la chiamo io “il frullatore”.
Vieni sommerso completamente da quando esci la mattina per andare al lavoro a quando metti la testa sul cuscino, per venire poi cullato da dieci ambulanze ogni due ore, traffico e comitive di ragazzi che chiacchierano tutta la notte. (Sic!)
Mentre mi avvicino allo stand dei casalinghi vedo un uomo che fugge con una cassetta di legno in mano; dietro di lui si ode una voce che grida:

- al ladro, al ladro!

Tutti i mercanti si riversano in una folla armata di scope e palette che corre verso il ladro. L’uomo, impaurito e scoordinato, inciampa e cade sulla cassetta di verdura.

Ha degli occhi pieni, così li chiamano quelli esclusi: “i pieni”. Coloro che hanno rifiutato l’integrazione bio-robotica, hanno deciso di rimanere “puri”, seguaci delle regole naturali del vivere e del morire.
Gli "hu-bot", invece, erano coloro che si ritenevano superiori alla morte, incuranti delle regole divine e capaci di sfidare ogni regola naturale.
Intorno all'anno 2027, dopo la catastrofe mondiale chiamata "La Grande Piaga", i Governi di tutto il mondo hanno redatto un trattato con cui mettevano al bando ogni individuo reticente in materia di bio-robotica, dando la possibilità di circolare liberamente ma non di instaurare rapporti sociali, avere cariche pubbliche o rivestire ruoli d'importante calibro.
Essendo ritenuti responsabili delle malattie si conveniva, inoltre, un diverso sistema di retribuzione che prevedeva la defalcazione del 60% della paga che, di fatto, veniva recepita come una sorta di sanzione pecuniaria per i cosiddetti "esitanti" all'inserimento di un nano-controllore delle patologie.
Erano, però, troppo pochi per poter cambiare qualcosa, fare la "rivoluzione". Scelsero di accettare ogni discriminazione, ogni sopruso, in cambio della propria "libertà di scelta".
Oltre a queste misure, i Governi decisero all’unanimità una serie di azioni che gli individui dovevano eseguire durante la loro giornata per mantenere in forma fisico e spirito, con divieto assoluto di consumo di alimenti diversi da quelli assegnati settimanalmente dal Banco Alimentare della città.
Successivamente all’inquinamento del pianeta e all’eccessivo consumo di carne e similari si scatenò una specie di follia collettiva di “malattie” vere ed immaginarie. La maggior parte erano immaginarie, ma le altre forme erano talmente gravi da ridurre la popolazione di un terzo. Questo eccessivo uso di steroidi e prodotti chimici per accelerare la crescita di un animale provocava nel cervello umano una sorta di produzione infinita di adrenalina e somatotropina scatenando una crescita anomala del corpo umano.
La somatotropina, per chi non sa, è l’ormone della crescita che, prodotto in quantità eccessive, scatena una serie di malformazioni e masse, oltre che a provocare il gigantismo nei bambini. Questi ultimi dovevano indossare una targa con la copia della carta d’identità in quanto non venivano distinti dagli adulti.
Da lì a poco le persone morivano improvvisamente con gli organi ingigantiti di un terzo del loro volume normale come il cuore che, dilatandosi, provocava insufficienza cardiaca e conseguente morte se non si interveniva nell’arco di pochi minuti. Oltre alle ripercussioni sul corpo delle persone, questa situazione di caos e paura provocò un’isteria di massa, una corsa alla “VITA” spasmodica, talmente incontrollabile da far impazzire tutti. Complice anche la produzione dell’adrenalina che provocava nei soggetti più sensibili paura, ansia perenne e varie forme di disturbo paranoide. Tutto il mondo cadde così in un incubo senza fine, ospedali al collasso, cliniche private e persino i veterinari si erano attivati per aiutare le persone. Fu così che si dovettero prendere delle decisioni drastiche a tal punto da mettere d'accordo, per la prima volta nella storia, tutta l'umanità. Questo sentimento di unione e fiducia reciproca permise alle Nazioni di uscire pian piano dalla crisi e poter ricominciare da zero, anche se hanno dovuto escludere una fetta di popolazione contraria alle misure.
"In situazioni così difficili bisogna prendere scelte altrettanto difficili" era la prima frase che si udiva dalle radio prima delle comunicazioni urgenti dei Governi.

Dopo il mio piccolo deja-vu torno alla realtà per osservare quella scena del ladro che tanto mi ha incuriosito, a tal punto da rimanere lì a dare una mano, se dovesse servire...
Questo ruvido individuo con un camice intriso di acqua e terriccio inveisce contro il ladro.

-come hai osato rubare? Esclama il mercante.
-ma signore ho tanta fame e la mia famiglia non mangia da giorni, nella disperazione ho commesso uno sbaglio. Risponde il ladro affannato per colpa della pressione del ginocchio metallico sul suo petto.
-ma vai a trovarti un lavoro, non ci fanno pena le persone come te. I parassiti del mondo che pretendono aiuto, ma in cambio cosa date voi alla società? Solo malattie e carestia, per colpa vostra, io oggi cammino con una ferraglia attaccata alla gamba. Ribatte con tono arrogante.

L'uomo non fa in tempo nemmeno a rispondere che la folla si scaglia su di lui e iniziano a malmenarlo con i bastoni delle scope. Nel trambusto non si capisce più nulla, urla e bastonate si mescolano come una bestia che si muove uniformemente sulle carni del “malfattore”. Ma chissà per quali altre ragioni queste figure sfogano la loro rabbia, il loro odio.

-tutto questo per una cassetta di verdura? Esclama un’anziana in lontananza.

Le persone, sentendo questa voce rauca e spezzata, si fermano attonite. La consapevolezza comincia ad inondare le loro vene, ma questo non basterà.
Lui, a terra, è ormai senza vita, la sua anima si è separata dal suo contenitore; tutto ciò per una misera cassetta di verdura, che poi, avvicinandoci sempre di più si scoprono essere gli avanzi della pulitura di alcuni ortaggi.

Ai posteri lascio giudicare codesta storia, veduta con i miei stessi occhi e scritta di mio pugno in questa giornata di cronache romane.
Roma, 13 Maggio 2030
Ultima modifica di Maria Spanu il 30/11/2021, 16:49, modificato 1 volta in totale.
Immagine

Immagine

Immagine
Io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 567
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Brava Maria! Molto avvincente e commovente il tuo breve e completo racconto. E mi vien da dire, sperando di non aver sbagliato nel cogliere il messaggio, ma non credo: "a buon intenditor poche parole...". Tra l'altro, il contenuto degno di nota è sostenuto da una scrittura direi perfetta. Massimo dei voti: 5
Avatar utente
Maria Spanu
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 18
Iscritto il: 16/09/2014, 18:09

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Maria Spanu »

Laura Traverso ha scritto: 06/10/2021, 15:33 Brava Maria! Molto avvincente e commovente il tuo breve e completo racconto. E mi vien da dire, sperando di non aver sbagliato nel cogliere il messaggio, ma non credo: "a buon intenditor poche parole...". Tra l'altro, il contenuto degno di nota è sostenuto da una scrittura direi perfetta. Massimo dei voti: 5
Grazie Laura, sono lusingata delle tue parole. Cerco di scrivere quello che sento, nella maniera più chiara possibile e sono contenta che il contenuto venga compreso e apprezzato. Per quanto riguarda il messaggio vedo che sei una buona intenditrice... :wink: :D
Immagine

Immagine

Immagine
Io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it
Giovangal
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/04/2016, 18:52

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giovangal »

Racconto ambientato in un futuro prossimo, dove avanza la biorobotica, ci sono gli hu-bot e gli irriducibili puri al naturale.
Mi sembra questo l'elemento originale del racconto ed ho apprezzato più questo che il racconto in sè.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

commento : Cronache romane

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Per una volta sarò netto: questo "corto" non mi è piaciuto. Non lo dico a cuor leggero. Quando devo scartare qualche cosa, sapendo che l'autrice ci ha messo tanto impegno, ne soffro. Per farmi perdonare mi affretterò a leggere qualche altro scritto della stessa autrice, certo di trovare opere di mio gradimento.
Mi è sembrato di trovare della analogie con i tempi odierni: vaccini si, vaccini no e polemiche annesse.
Voto 2
Avatar utente
Maria Spanu
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 18
Iscritto il: 16/09/2014, 18:09

Author's data

Re: commento : Cronache romane

Messaggio da leggere da Maria Spanu »

Alberto Marcolli ha scritto: 07/10/2021, 9:14 Per una volta sarò netto: questo "corto" non mi è piaciuto. Non lo dico a cuor leggero. Quando devo scartare qualche cosa, sapendo che l'autrice ci ha messo tanto impegno, ne soffro. Per farmi perdonare mi affretterò a leggere qualche altro scritto della stessa autrice, certo di trovare opere di mio gradimento.
Mi è sembrato di trovare della analogie con i tempi odierni: vaccini si, vaccini no e polemiche annesse.
Voto 2
Ti ringrazio per il tuo commento, fanno piacere i complimenti ma le critiche, quando fondate, ancor di più.
Mi dispiace che tu non abbia gradito questo "corto" e vorrei, se avrai tempo e voglia, approfondirne i motivi(tecnici, di argomento ecc) anche per poter migliorare alcuni aspetti della mia scrittura.
Ti confermo, inoltre, che non vi è nessuna analogia con i tempi odierni, ne ho fin sopra i capelli di storie sul coronavirus. Questa storia l'ho scritta nel lontano 2017, quando lessi sul Wall Street Journal l'intenzione di Elon Musk di collegare il cervello umano ai computer e l'avvio della società, da lui controllata, Neuralink.
Musk ritiene di poter curare le malattie neuropatologiche attraverso l'inserimento di un chip nel corpo umano.
Iniziativa lodevole, poter curare malattie come il Parkinson o Alzheimer rappresenta una scoperta scientifica di livello altissimo. Ma le iniziative fatte a fin di bene, come ne abbiamo avuto riprova nelle pagine della storia, possono essere utilizzate anche per scopi malvagi. Basti pensare al cloro, scoperta geniale, che però veniva usata dai tedeschi nelle trincee per uccidere i nemici(lentamente e di stenti aggiungerei).Ne avrei altri mille di esempi ma mi fermo qui. Ogni buona scoperta nelle mani sbagliate diventa un arma.
Questo è, sostanzialmente, il senso del mio racconto.
Grazie ancora per il tempo dedicato.
Immagine

Immagine

Immagine
Io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Re: Cronache romane

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Lasciami un po' di tempo e prometto che t'invierò in privato una dettagliata analisi del racconto. Non sono una autorità in materia, quindi prendi pure con le molle ogni mia riga.
Non mi hai detto se hai altri lavori che posso leggere.
Un saluto
Alberto
Andr60
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 242
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Un solo appunto: nei dialoghi, all'inizio si usa la maiuscola. Il racconto è molto interessante e il fatto che sia stato scritto nell'era A.C (Ante Covid) è significativo. Lorsignori hanno in progetto di cambiare la natura umana, e non ne hanno mai fatto mistero anzi, si sono messi di buona lena, e da anni, per farlo.
Finalmente ora, nell'era D.C., potranno operare in tutta tranquillità col plauso dei governi e il timbro papale dispiegando così tutte le loro "migliori" intenzioni.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Re: Cronache romane

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

"vorrei, se avrai tempo e voglia, approfondirne i motivi(tecnici, di argomento ecc) anche per poter migliorare alcuni aspetti della mia scrittura."
Ho provveduto ad approfondire, ma il documento in word con le note di revisione non è riproducibile all'interno di questi commenti. Solo inviando il file via posta elettronica questo sarebbe possibile.
Se vuoi, dovresti leggere il messaggio privato che ti ho inviato. Grazie.
Anto58
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 07/03/2021, 18:21

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Anto58 »

Anche se il racconto appare originale a mio parere ci sono troppi rimandi e allusioni a temi politico-sociali che lo fanno apparire più un "manifesto" ideolgico che un racconto frutto della fantasia. Nell'ultimo capoverso credo che "codesta storia" debba essere sostituito con "questa storia"....Si legge piacevolmente.
RobertoBecattini
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 25/11/2018, 0:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobertoBecattini »

Occorerebbe una revisione accurata del testo, ci sono molte cose che rendono la lettura non agevole: la punteggiatura specie nei dialoghi, tempi verbali altalenanti, alcune scelte lessicali che non mi sono piaciute. Per esempio non si capisce con immediatezza se i "puri" sono anche "pieni", e chi sono gli "esitanti". La storia potrebbe essere interessante, ma viene risolta forse troppo facilmente con la distopia Covid-microchip sottopelle. Il finale è discreto, occhio però alla sintassi, quell' "avvicinandoci sempre di più" è di troppo, la frase funziona anche senza.
RobediKarta
Avatar utente
Maria Spanu
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 18
Iscritto il: 16/09/2014, 18:09

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Maria Spanu »

Anto58 ha scritto: 10/10/2021, 23:11 Anche se il racconto appare originale a mio parere ci sono troppi rimandi e allusioni a temi politico-sociali che lo fanno apparire più un "manifesto" ideolgico che un racconto frutto della fantasia. Nell'ultimo capoverso credo che "codesta storia" debba essere sostituito con "questa storia"....Si legge piacevolmente.
Grazie per il tempo dedicato. L'intento sicuramente non era quella di scrivere un "manifesto" ideologico. Non credo che quando si leggono storie simili si vada ad indagare sulle intenzioni dello scrittore, mi sembra un po' ingiusto e scorretto verso il proprio lavoro (non credo che capolavori come Il Racconto dell'Ancella o The Circle possano essere giudicati politicamente o ideologicamente. Premetto che non voglio dire di essere all'altezza di questi romanzi, intediamoci ;-) ). Soprattutto perchè altrimenti lo avrei modificato e reso un articolo di giornale, qualora le mie intenzioni fossero di natura politico-sociale.
Un racconto, secondo la mia onestà di lettrice, andrebbe giudicato nella forma e nel gusto personale, senza però dargli un colore politico, religioso o di alcun tipo.

Chiedo scusa per lo sfogo e ti ringrazio nuovamente per le tue parole, ogni opinione è sempre preziosa.
Immagine

Immagine

Immagine
Io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 514
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Visto che il racconto è stato scritto prima della pandemia del covid-19 mi pare che si sia rilevato profetico (oltre alle analogie con i vari dibattiti odierni, come non paragonare la riduzione del salario alle preannunciate restrizioni sul lavoro per chi non intende vaccinarsi, per esempio).
Ho trovato un po' frettoloso il passaggio dall'inserimento di un chip controllore delle patologie alla trasformazione in cyborg (mezzi uomini e mezze macchine…), nel flashback che spiega gli avvenimenti degli anni precedenti.
Dei difetti formali ne hanno già parlato gli altri commentatori, per cui non mi dilungo, ti segnalo solo "dietro di se si ode una voce che grida" (a parte il sé senza accento), direi "dietro di lui si ode una voce che grida".
Ritengo che sia un discreto racconto che, forse, avrebbe bisogno di un ulteriore sviluppo.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Avatar utente
Maria Spanu
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 18
Iscritto il: 16/09/2014, 18:09

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Maria Spanu »

Roberto Bonfanti ha scritto: 12/10/2021, 20:04 Visto che il racconto è stato scritto prima della pandemia del covid-19 mi pare che si sia rilevato profetico (oltre alle analogie con i vari dibattiti odierni, come non paragonare la riduzione del salario alle preannunciate restrizioni sul lavoro per chi non intende vaccinarsi, per esempio).
Ho trovato un po' frettoloso il passaggio dall'inserimento di un chip controllore delle patologie alla trasformazione in cyborg (mezzi uomini e mezze macchine…), nel flashback che spiega gli avvenimenti degli anni precedenti.
Dei difetti formali ne hanno già parlato gli altri commentatori, per cui non mi dilungo, ti segnalo solo "dietro di se si ode una voce che grida" (a parte il sé senza accento), direi "dietro di lui si ode una voce che grida".
Ritengo che sia un discreto racconto che, forse, avrebbe bisogno di un ulteriore sviluppo.
Grazie Roberto per la tua riflessione. Non so se sia stato profetico è presto per dirlo, ma penso che con l'avanzare della scienza sia probabile che si adottino parti meccaniche per sostituire quelle biologiche(già oggi si utilizzano protesi meccaniche, organi creati in vitro ecc). Già da quando guardavamo film come Atto di forza o Johnny Mnemonic o ancora Demolition Man ci sembravano futuri alquanto probabili. Queste scoperte, che reputo all'avanguardia e geniali, oltre a far del bene potrebbero, se messe nelle mani sbagliate, essere usati a scopi malevoli. Dall'inserimento del chip all'integrazione meccanica il passaggio è strettissimo, non mi sono dilungata(anche se, leggendo avrebbe bisogno di qualche riga in più che sicuramente scriverò) pensavo fosse abbastanza come flashback. Comunque adesso mi metterò al lavoro per una pulizia degli errori formali e cercherò di migliorarlo sia nella lettura che nelle informazioni.
Un saluto
Immagine

Immagine

Immagine
Io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

il racconto secondo me è buono, ma visto i contenuti davvero interessanti è troppo breve per quello che potrebbe esprimere. Le riflessioni potrebbero essere moltissime, forse troppe per un romanzo così breve, mi sarebbe piaciuto leggere di più. la scrittura è buona, si cerca un empatia che secondo me c'è.
Avatar utente
Maria Spanu
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 18
Iscritto il: 16/09/2014, 18:09

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Maria Spanu »

Giovanni p ha scritto: 15/10/2021, 16:47 il racconto secondo me è buono, ma visto i contenuti davvero interessanti è troppo breve per quello che potrebbe esprimere. Le riflessioni potrebbero essere moltissime, forse troppe per un romanzo così breve, mi sarebbe piaciuto leggere di più. la scrittura è buona, si cerca un empatia che secondo me c'è.
Grazie Giovanni per la tua riflessione. Penso che dovrò rimettermi sotto e continuare a scrivere per togliere anche qualche dubbio, arricchire la storia e dare più risposte. Ovviamente questo scritto, essendo vecchio, non l'ho più revisionato e mi dispiace avrei dovuto e potuto fare di meglio.
Quando sarà finito, lo ripubblicherò magari sul sito, se ti farà piacere saperne di più :D .
Ti mando un saluto.
Immagine

Immagine

Immagine
Io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it
Stefyp
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 332
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Ho trovato anch'io analogie con quello che sta succedendo in questo momento storico da noi, ma poi tu hai detto di averlo scritto prima e quindi sei stata forse involontariamente profetica.
L'hai ambientato nel 2027, io sposterei le date, sono troppo vicino a noi per risultare credibili, non penso che fra 6 anni noi saremo messi così, dubito anche che in 3 anni tutti i capi delle varie nazioni siano riusciti messi d'accordo per trovare una soluzione comune. Quelli di adesso non riuscirebbero.
Le spaziature che hai lasciato mi disturbano un pochino, non sono necessarie, basta andare a capo al momento giusto.
"Mentre faccio le compere" non mi convince.
"Le persone, sentendo questa voce rauca e spezzata, si fermano attoniti" attonite.
"Tutti i mercanti si riversano in una folla armata di scope e palette che corre verso il ladro." Mi sembra troppo elaborata, io avrei fatto: tutti i mercanti armati di scope e palette corrono verso il ladro.
La punteggiatura è un po' da rivedere, specialmente nei dialoghi.
In generale il racconto non mi è dispiaciuto, anzi l'ho trovato interessante come inizio, ma andrebbe sviluppato di più, il focus secondo le tue intenzioni era sicuramente la vicenda del ladro, ma noi, che non sappiamo niente dei retroscena, abbiamo bisogno di saperne di più su chi sono i nuovi umani mezzi robot e su come si è arrivati a questo punto.
Potrebbe essere interessante per te riprenderlo e ampliarlo, potrebbe pure diventare un romanzo, io ci tenterei.
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Iiih... Stride!
Per carità, la riflessione sulle conseguenze di qualcosa di simile a ciò che stiamo vivendo oggi ci sta tutta, e il brano è meritevole di puntare il dito accusatore non su questa o quella causa, quanto piuttosto sul fatto che stiamo tutti diventando sempre meno umani accettando come "normali" imposizioni che tali rimangono, addirittura diventando noi stessi i peggiori zeloti.
Cionondimeno, trovo acerba l'espressione, non necessaria (s'era già capito che viene narrato nel 2030) e fredda la forma del commiato, isolata la "spiegazione" di cos'è successo nel 2027 (un unico blocco di testo in mezzo a una serie di paragrafi più corti e slegati). In una sola parola, pecca un po' di armonia che non dovrebbe essere impossibile recuperare.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Egidio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 53
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Anche per me questo racconto andrebbe revisionato e ulteriormente sviluppato. Trovo "attuale" l'idea di fondo di unire la natura umana con parti meccanico-elettroniche. Si tocca il tema dell'intelligenza artificiale e suoi futuri sviluppi. Anche se qui si resta in un ambito più di fantascienza che di scienza.
Ibbor OB
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 62
Iscritto il: 13/06/2020, 18:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ibbor OB »

Il tema del racconto mi è piaciuto. Forse ci sono un po' troppi argomenti e idee in poco spazio. Non essendo io un esperto di scrittura mi limito a esprimere questa impressione generale. Detto questo ho letto volentieri il testo e credo ci siano vari spunti interessanti. Mi sono divertito a visualizzare le scene del racconto come se fosse un breve film distopico e forse chissà per certi versi pure profetico.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 679
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

scritto piuttosto male, pieno di refusi ed errori, purtroppo.
l'idea non è per niente male, anche se l'avrei ambientata più avanti nel tempo, però lo sviluppo lascia parecchio a desiderare.
perlomeno dal mio punto di vista.
non ci sono grandi descrizioni, solo un senso di paura e terrore su quanto può accadere.
mi lascia neutrale.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Temistocle
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 79
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Penso che un testo di questo genere (protesta sociologica) male si presta ad essere trattato in un racconto così breve. Richiederebbe, secondo me, un testo più lungo; altrimenti si corre il rischio (come si sembra sia successo) di far diventare la narrazione un manifesto politico e null'altro.
La scrittura invece mi sembra pulita, anzi forse anche troppo didascalica.
Gabi Celeste Pisani
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 34
Iscritto il: 10/11/2021, 12:25

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Gabi Celeste Pisani »

A me personalmente non è dispiaciuto. Ho trovato l'idea originale e leggendo anche io avevo colto dei riferimenti circa il neuralink, però effettivamente data la situazione che ci troviamo a vivere al momento il fraintendimento è dietro l'angolo;
Credo che il racconto sia interessante e secondo me è un buon punto di partenza per provare a scrivere qualcosa di più lungo, arricchendo la storia con spiegazioni più chiare circa il contesto di riferimento.
Il messaggio che traspare comunque, è sicuramente molto interessante.
Complimenti e buona fortuna!
Avatar utente
Maria Spanu
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 18
Iscritto il: 16/09/2014, 18:09

Author's data

modifica testo

Messaggio da leggere da Maria Spanu »

Ciao a tutti, ho provato a modificare il brano anche in base alle vostre gradite e utili critiche. Ho lasciato, inoltre la possibilità di modificare il proprio voto così avete piena libertà. Spero vada meglio, se così non fosse prometto che lo riscriverò e lo pubblicherò sul sito successivamente alla gara.
Ringrazio veramente tutti quelli che hanno avuto tempo per cercare di migliorare sia il brano che le mie capacità, lo apprezzo moltissimo.
Immagine

Immagine

Immagine
Io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: Cronache romane

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Ciao Maria,
perché non lasci che la storia ti narri sé stessa? O hai paura di dilungarti troppo? Lo dico perché mi sembra che la storia abbia le potenzialità per dare MOLTO di più.
Quello che qui hai riportato è solo un crudele linciaggio, un episodio corto, spiacevole, abominevole, per contestualizzare il quale è eccessivo l'excursus storico: troppo lungo/dettagliato. Stai sparando a una mosca (il linciaggio: infimo, come purtroppo se ne racconteranno tanti, nel 2030) con un cannone (l'excursus storico).
Come li vedo? Bene, se ne fai un romanzo breve (almeno 80 pagine?) nel quale il tuo excursus diventa una degna ambientazione, il linciaggio diventa 30 secondi di telecamera in un notiziario, e poi scopri un universo.
Quindi, sì, ti incito a una riscrittura.
Per carità, so benissimo che 80 pagine in una gara non sono proponibili, quindi il consiglio è individuare quei frammenti dell'excursus storico strettamente indispensabili per mettere a fuoco il linciaggio. Il racconto/romanzo lo sviluppi a parte.
Per il resto, noto che non solo la consecutio è da armonizzare e i tempi da rivedere. Infine, l'epilogo "Ai posteri lascio giudicare codesta storia, veduta con i miei stessi occhi e scritta di mio pugno in questa giornata di cronache romane." fa tanto 1030, non 2030.
Un saluto.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 13 - Per modo di dire

La Gara 13 - Per modo di dire

(maggio 2010, 64 pagine, 857,12 KB)

Autori partecipanti: Stefy71, Bonnie, Magasulla, Ser Stefano, GiuseppeN, Vit, Manuela, Vecchiaziapatty, Carlocelenza, Lunanera, Mastronxo, Arianna, Gigliola, Giacomo Scotti, Alessandro Napolitano, Lucia Manna, Michele, Macripa,
A cura di Arditoeufemismo.
Scarica questo testo in formato PDF (857,12 KB) - scaricato 502 volte.
oppure in formato EPUB (525,77 KB) (vedi anteprima) - scaricato 199 volte..
Lascia un commento.

La Gara 49 - La contrapposizione

La Gara 49 - La contrapposizione

(novembre/dicembre 2014, 34 pagine, 560,91 KB)

Autori partecipanti: Umberto Pasqui, Nembo13, Nunzio Campanelli, Annamaria Vernuccio, Patrizia Chini, Milicianto, Ser Stefano, Francesca Santamaria, Lodovico, Giorgio Leone, Cladinoro, Silvia Torre,
a cura di Maddalena Cafaro.
Scarica questo testo in formato PDF (560,91 KB) - scaricato 167 volte.
oppure in formato EPUB (319,02 KB) (vedi anteprima) - scaricato 222 volte..
Lascia un commento.

La Gara 5 - A modo mio

La Gara 5 - A modo mio

(giugno 2009, 40 pagine, 758,80 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Pia, Massimo Baglione, Bonnie, Miriam, DaFank, Rona, Manuela, Massimo, Clali, Alessandro Napolitano, Gio, Snuff, Aigor, Yle,
A cura di Pia.
Scarica questo testo in formato PDF (758,80 KB) - scaricato 339 volte.
oppure in formato EPUB (555,57 KB) (vedi anteprima) - scaricato 211 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Human Take Away

Human Take Away

Umani da asporto

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma appartiene a un amico "speciale" dell'Associazione culturale.
"Human Take Away" è un racconto corale dove gli autori Alessandro Napolitano e Massimo Baglione hanno immaginato una prospettiva insolita per un contatto alieno. In questo testo non è stata ideata chissà quale novità letteraria, né gli autori si sono ispirati a un particolare film, libro o videogioco già visti o letti. La loro è una storia che gli è piaciuto scrivere assieme, per divertirsi e, soprattutto, per vincere l'Adunanza letteraria del 2011, organizzata da BraviAutori.it. Se con la narrazione si sono involontariamente avvicinati troppo a storie già famose, affermano, non era voluto. Desiderano solo che vi gustiate l'avventura senza scervellarvi troppo sul come gli sia venuta in mente.
Vedi ANTEPRIMA (497,36 KB scaricato 485 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
Vedi ANTEPRIMA (941,40 KB scaricato 77 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Il Bene o il Male

Il Bene o il Male

Trenta modi di intendere il Bene, il Male e l'interazione tra essi.

Dodici donne e diciotto uomini hanno tentato di far prevalere la propria posizione, tuttavia la Vita ci insegna che il vincitore non è mai scontato. La Natura ci dimostra infatti che dopo un temporale spunta il sole, ma ci insegna altresì che non sempre un temporale è il Male, e che non sempre il sole è il Bene.
A cura di Massimo Baglione
Copertine di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Antonella Cavallo, Michele Scuotto, Nunzio Campanelli, Rosanna Fontana, Giorgio Leone, Ida Dainese, Angelo Manarola, Anna Rita Foschini, Angela Aniello, Maria Rosaria Del Ciello, Fausto Scatoli, Marcello Nucciarelli, Silvia Torre, Alessandro Borghesi, Umberto Pasqui, Lucia Amorosi, Eliseo Palumbo, Riccardo Carli Ballola, Maria Rosaria Spirito, Andrea Calcagnile, Greta Fantini, Pasquale Aversano, Fabiola Vicari, Antonio Mattera, Andrea Spoto, Gianluigi Redaelli, Luca Volpi, Pietro Rainero, Marcello Colombo, Cristina Giuntini.
Vedi ANTEPRIMA (455,65 KB scaricato 149 volte).
info e commenti compralo su   amazon