Il cavaliere del cielo

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Votazione

1 - non mi piace affatto
1
8%
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
3
23%
4 - è bello
4
31%
5 - mi piace tantissimo
5
38%
 
Voti totali: 13

Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Il cavaliere del cielo

Messaggio da leggere da Messedaglia »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

Che ci faccio qui? E come ci sono arrivato? Non ricordo nulla… Non so come e perché, ma mi ritrovo in un ambiente rurale, forse in aperta campagna. La fitta nebbia che mi circonda non mi concede altri indizi, fatta eccezione per un casolare che si erge di fronte a me. C'è una porta socchiusa, dall'interno filtra una luce tremolante. Tanto vale entrare, non ho molte alternative…
Mi trovo ora in una sala dove ci sono delle tavole apparecchiate: su ognuna di esse, sopra una tovaglia a quadretti, sempre la stessa, sono disposte con meticolosa precisione piatti, posate e un immancabile fiasco di vino rosso. Sembra di essere in una bettola dei primi del Novecento. Ma di avventori nessuna traccia. Mi guardo intorno. Appeso alla parete c'è un quadro con l'effigie di un pilota francese: è in piedi davanti al suo aereo, un Newport 11, la mano appoggiata sull'elica. Anche i nostri aviatori, soprattutto durante i primi mesi della Grande Guerra, hanno volato con questo splendido caccia: Francesco Baracca, Pier Ruggero Piccio, Fulco Ruffo e tanti altri… Mi gratto la testa. Da una stanza alla mia sinistra sento provenire dei rumori, simili a schiamazzi di bambini che giocano. Appoggio l'orecchio alla parete: sì, sembra proprio che ci siano dei ragazzini che si stanno trastullando. Cammino lungo il muro, apro con cautela la porta che ancora mi separa da quel trambusto. Mentre lo spazio visivo aumenta gradualmente, le immagini si fanno sempre più nitide e chiare. Un uomo, con la divisa militare degli Ulani, sta giocando a fare la carriola con un cane di notevoli dimensioni, verosimilmente un danese. Poi entrambi, animale e padrone, perdono l'equilibrio e cadono a terra. L'uomo ride a crepapelle, quasi gli lacrimano gli occhi. Si accorge della mia presenza e, visibilmente imbarazzato, si alza in piedi e si aggiusta la divisa. In silenzio raccoglie il cappello da cui, con gesti energici della mano, toglie via la polvere. Se lo mette in testa. Poi non lo guardo più. La mia attenzione viene infatti catturata dal suo compagno di giochi. Paradossalmente, il cane sembra vergognarsi ancor più del suo padrone e, per qualche istante, ho persino la sensazione di percepirne i foschi pensieri. A testa e orecchie basse si muove verso il fondo della stanza, sale sul tetto della sua cuccia e si mette comodo, con l'espressione imbronciata di chi è stato colto in fallo.
"Buongiorno, piacere di conoscerla, io sono il l'Oberleutnant Manfred Von Richthofen, caposquadriglia della Jasta 11. "
Giro la testa, rimango senza parole. Sì, davanti a me c'è proprio lui, il leggendario Barone Rosso. L'ufficiale tedesco si è completamente ricomposto e non mostra più alcun segno di imbarazzo. O forse è semplicemente più bravo del suo cane a mascherarlo. Non posso credere ai miei occhi. Lui, un giovane Sigfrido, l'incarnazione di un eroe medioevale. Sulla sua giacca fa bella mostra la Pour le Merite, croce smaltata di blu e d'oro, la più alta onorificenza prussiana, che gli fu concessa alla fine del 1916, dopo che gli venne riconosciuta la sedicesima vittoria in aria. Durante la Grande Guerra le nazioni coinvolte nel conflitto iniziarono a usare il termine "asso" per indicare i piloti che avessero abbattuto almeno cinque aerei nemici. Ogni aviazione applicava regole specifiche per la conferma o il rigetto di una vittoria. In media i criteri erano piuttosto rigidi e il successo veniva riconosciuto unicamente nel caso in cui l'abbattimento fosse stato confermato da fonti indipendenti, quali altri aviatori o testimoni da terra. A volte la conferma poteva arrivare da fonti d'intelligence o a seguito di interrogatori di prigionieri e disertori. E lui, il Barone Rosso, con le sue 81 vittorie accertate, fu il miglior pilota di caccia che la storia ricordi. Nel corso della guerra si guadagnò la stima dei superiori e il rispetto e l'ammirazione dei camerati. Capace di trasmettere fiducia e coraggio ai commilitoni, divenne un modello da emulare per tutti coloro che aspiravano a guadagnarsi la gloria in sella a un destriero fatto di metallo.
"Guardi che si sbaglia, finora sono accreditato di sole 60 vittorie, non certo 81, anche se confido di raggiungere presto il numero di abbattimenti che generosamente mi ha attribuito, piuttosto e anzichenò!"
Sono sconcertato, il mio interlocutore ha indovinato esattamente il senso dei miei ragionamenti. Ride.
"Sì, certo che sono in grado di capire quello che le passa per la testa. Perché è così stupito? Ah, si chiede come ciò sia possibile. Ma è ovvio, no? Io e lei percepiamo i pensieri del mio cane, io i suoi, ma non succede il contrario. Davvero non riesce a comprenderne il motivo? Signor mio, mi sembra che lei sia un po' ignorante in tema di leggi della fisica, scusi se glielo dico. E le assicuro che non c'è sarcasmo nelle mie parole. Le faccio una domanda: in che direzione si muovono i pensieri? Non lo sa? Non ci credo… Ma insomma, i pensieri, essendo più leggeri dell'aria, salgono verso l'alto. Beh, ecco che, essendo lei, senza offesa, un po' bassino, io riesco a captare i suoi. Lei invece non è in grado di intercettare i miei. Come? Crede che, grazie a questo, io sia in posizione di vantaggio rispetto a lei? Non è proprio così, sa? Percepire i pensieri degli altri significa anche comprenderne il travaglio interiore e fare nostre sofferenze che nostre non sono. E io, che volo alto nel cielo, dove si raccolgono gli afflati umani che salgono dai campi di battaglia, ne so qualcosa. Ma ora bando a queste inutili tristezze. Io mi sono presentato, i principi della buona educazione esigono che lei faccia lo stesso. Di sicuro non è un pilota tedesco. È forse un asso francese? Come? Lei non è un aviatore? E tantomeno un asso? Ciò non va bene, sa? In questo posto sono ammessi solo coloro che si possono fregiare del titolo di asso. Dovrei chiederle di andarsene, ma oggi mi sento particolarmente di buonumore, e per lei farò un'eccezione. Mi palesi almeno il motivo per cui è giunto qui… Non lo sa? Com'è possibile? Le capita forse di girovagare come un sonnambulo, per poi risvegliarsi all' improvviso in un posto sconosciuto? E va bene, le parlerò un po' di me, visto che lei ha così poco da raccontare… Ogni tanto vengo in questa osteria, al confine tra Francia e Germania, per incontrarmi con gli assi inglesi e francesi. Ci unisce una profonda stima reciproca, anche se in aria ci affrontiamo in duelli all'ultimo sangue. Mangiamo e beviamo insieme e, naturalmente, ogni volta commemoriamo i caduti, brindando al loro coraggio e al loro valore. Come può vedere, le pareti sono tappezzate di ritratti di piloti tedeschi, francesi e inglesi che hanno sacrificato la vita per la patria. Si guardi intorno, è circondato da assi!"
Addita le immagini di decine di giovani eroi mentre, con la voce rotta dalla commozione, cita i nomi di commilitoni e di piloti nemici: "Georges Guynemer, Albert Ball, Max Immelman, Hans Berr, Sebastian Festner, Lanoe Hawker. A voi la gloria eterna! E poi lui, il più grande di tutti, Oswald Boelcke!" Mi mette una mano sulla spalla.
"Venga, sediamoci a tavola, oggi è un giorno speciale". Appena seduti prende un fiasco e riempie due bicchieri di vino rosso. "Esattamente un anno fa moriva il mio maestro, l'asso degli assi, Oswald Boelcke."
Che affermazione insensata, devo dare fiato ai miei pensieri, seppur consapevole che il Barone Rosso sarebbe in grado di percepirli anche se inespressi. "Ehm, il valore dell'asso Boelke è fuori discussione ma è lei, Oberleutnant Von Richthofen, il miglior pilota di caccia di sempre! Se ricordo bene Oswald Boelke ha ottenuto solo 40 successi, lei ha già da tempo superato tale traguardo."
"Ah, allora anche a lei è stato concesso il dono della favella… Comunque, non è questo il punto. Non sono i numeri che fanno grandi gli uomini. E ad ogni modo, sappia che se Boelcke fosse sopravvissuto a quell'incidente, a quest'ora ne avrebbe abbattuto almeno cento, di aerei nemici. Non ci sono dubbi. La sua tecnica era ineguagliabile. Quando gli ho chiesto qual era il suo segreto, sa cosa mi ha risposto? 'Mio Dio, è piuttosto semplice, punto direttamente il mio nemico, prendo la mira, faccio fuoco e lui va giù.' Per essere un grande pilota da combattimento non devi essere un acrobata o un tiratore provetto. Devi avere il coraggio di volare diritto contro il tuo avversario. Io sono un anonimo manovratore di aeromobili, lui è una leggenda".
Il tono della sua voce si fa sempre più cupo, in un misto di sconforto e disillusione. Guardandolo attentamente, mi accorgo che il suo volto è solcato da profonde rughe. Nonostante abbia poco più di vent'anni. È stata la guerra a scavare quelle voragini di solitudine e tristezza? Dopo aver tracannato in un unico sorso l'intero bicchiere di vino, probabilmente l'ultimo di una lunga serie, lo sbatte sul tavolo con un gesto energico.
"Lo confesso, dopo la morte del mio maestro ho pensato di mollare tutto, mi sentivo completamente svuotato. Dalle alte sfere arrivarono persino a propormi di smettere con le missioni e di svolgere incarichi amministrativi, lontano dal fronte. A detta dei superiori ormai ero diventato un simbolo per la Germania, e come tale non potevo rischiare di morire, l'effetto sul morale dei miei compatrioti sarebbe stato devastante. Sì, avevo quasi preso una decisione in questo senso… Ma quando ne ho parlato con mio fratello Lothar, lui mi ha dato un sonoro ceffone e mi ha detto: 'Manfred, non ti riconosco più! Davanti a me ora vedo solo un vigliacco, succube delle sue paure, incapace di trovare il coraggio di assumersi le proprie responsabilità!' Aveva pienamente ragione. Mi sarei sentito un verme se, col peso delle decorazioni e della gloria, avessi salvato la mia vita, mentre tutti i poveracci in trincea sopportavano sofferenze inaudite. E così ho continuato a volare. Perché un Richthofen non si tira mai indietro di fronte alle difficoltà che il destino gli riserva."
Il Barone si alza in piedi, inizia a girovagare inquieto per la stanza, si risiede.
"Alcune settimane fa sono tornato a casa, a Schweidnizt, nella bassa Slesia, per una breve licenza. Speravo di trascorrere qualche giorno di serenità con mia madre. Ricordo che un pomeriggio stavo guardando delle vecchie fotografie, mentre il cuore mi si gonfiava di gioia e nostalgia. Mi scorrevano sotto gli occhi le immagini dei miei vecchi compagni della 69a unità in Russia. Mia madre si alzò improvvisamente dalla poltrona dove era seduta, mi si avvicinò, indicando un pilota e chiedendomi cosa ne fosse stato di lui. 'Caduto in battaglia', risposi. Indicò poi un altro giovane. 'Anche lui morto', mormorai con un filo di voce. 'Non farmi più domande, le dissi, 'sono tutti morti'. Mi comprenda, già dopo i primi combattimenti aerei avevo capito che la guerra non consiste solo nella gloria e nel perverso compiacimento di avere ingannato la morte una volta di più, ma ne maturai la piena consapevolezza allorché il colonnello Von Riezenstein, comandante dell'87° reggimento della fanteria di riserva, mi inviò la fotografia del cadavere del pilota nemico da me abbattuto quando conseguii la mia 27a vittoria. In quell'occasione compresi che le mie vittime non erano macchine fatte di metallo, ma persone in carne e ossa. Da allora mi sono sempre portato dentro questo segreto, mascherando la sofferenza interiore con l'ardore giovanile e la posizione di comandante di squadriglia. Io sono il Barone Rosso e come tale mi sento carico di pesanti responsabilità. Il mio dovere è proteggere gli uomini della mia squadriglia, prepararli alle asperità del combattimento, mantenere alto il loro morale anche quando tutto sembra andare a rotoli. Per questo non potevo e non posso tuttora mostrare all'esterno quello che provo veramente."
L'espressione del viso e la postura, con la schiena ricurva e il capo leggermente piegato in avanti, le braccia allungate sul tavolo, quasi non avesse la forza di sollevarle, mostrano in modo esplicito il vuoto interiore che ha dentro. Repentinamente il Barone Rosso si gira verso l'entrata, dando l'impressione di essere in attesa di qualcuno. Ma non si fa vivo nessuno. A causa di quel movimento, scorgo un bendaggio voluminoso sulla sua testa, all'altezza dell'occipite.
"Vedo che ha notato la ferita… Circa due mesi fa stavo combattendo contro un velivolo biposto. A un certo punto l'osservatore ha cominciato a mitragliarmi da una posizione impossibile. Pensavo, che pivello, non riuscirà mai a colpirmi. Eppure, all'improvviso ho provato un forte dolore alla nuca e tutto è diventato nero. Ho perso il controllo del mio Fokker e ho iniziato a precipitare. Ero praticamente spacciato. Poi, di colpo, ho riacquistato la vista. L'altimetro segnalava 800 metri d'altezza. Riavviai il motore e ripresi quota. Guardi, la ferita non si è ancora rimarginata, in questo punto è larga all'incirca come un Taler." Mi soffermo a guardare quel profondo taglio da rispettosa distanza, mentre si toglie e si rimette la benda.
"Da allora, sono perseguitato da terribili emicranie. A volte mi sento quasi svenire dal dolore. Ma per quanto fastidiosa, non è questa la conseguenza più nefasta dell'incidente". Io lo guardo incuriosito.
"Da allora, soffro di allucinazioni… Ho avuto la prima circa tre settimane più tardi, dopo che il medico mi diede finalmente il permesso di tornare a volare. Stavo guidando la mia squadriglia, la Jasta 11, quando, tutto ad un tratto, il mio Albatros si imbizzarrì e puntò in alto, verso il sole. Naturalmente ne rimasi accecato. Quando riuscii a riprendere il controllo del velivolo, dovevo trovarmi a un'altezza inusitata, forse oltre i 10000 metri. Consideri che di solito non voliamo mai oltre i 5000 metri. Beh, appena mi tornò la vista guardai in giù, dove stava infuriando la terza battaglia di Ypres. Con immenso stupore mi resi conto che, da lassù, potevo distinguere nitidamente i volti dei soldati che combattevano sotto di me. Come se al posto degli occhi avessi avuto dei cannocchiali, capisce? Fui preso da sgomento. Nel giro di qualche istante quelle visioni scomparvero e mi convinsi che fosse stato tutto frutto della mia immaginazione. Mi lanciai allora in picchiata, per correre in soccorso dei miei commilitoni. Tuttavia, subito dopo aver sparato una prima raffica di mitra contro i fanti nemici, l'orrore si impossessò di me. Pensai di essere prossimo a impazzire…"
Di colpo si interrompe, assalito da ricordi così drammatici, Io pendo dalle sue labbra: "Perché, perché ha pensato di impazzire? Mi risponda."
Il Barone è visibilmente scosso, grosse gocce di sudore gli rigano il viso:" ebbene, la mia intenzione era quella di continuare a mitragliare la fanteria britannica ma…"
"Continui il suo racconto, la prego, mi dica cosa è successo!"
L'ufficiale tedesco respira affannosamente, lo sguardo perso nel vuoto. "Il mio Albatros, grondava sangue… In quantità tale da sommergere tutti i soldati che si fronteggiavano sul campo di battaglia, tanto che non ero più in grado di distinguere i nostri uomini dai nemici. Quel fiume di sangue aveva ricoperto completamente le uniformi dei fanti di entrambi gli schieramenti. Sì, era come se tutti i soldati indossassero delle divise rosso sangue… Preso dallo sconforto, decisi di tornare alla base. Ma il mio biplano non rispondeva ai comandi, e cominciò a spostarsi avanti e indietro lungo il fronte. Ero impotente, fui costretto ad assistere al massacro che si stava compiendo sotto di me. I soldati combattevano con una violenza inaudita. Tutti avevano un unico obiettivo: sterminare i nemici, non importa in che modo. Ho visto persino uomini disarmati affrontarsi a mani nude. Lottavano per interminabili minuti a calci e pugni, fino a quando uno dei due stramazzava a terra, esausto. E allora l'altro, con ferocia animale, si lanciava sul caduto per finirlo, strangolandolo con le mani o con una cintura. In qualche caso il colpo di grazia veniva dato con un morso alla giugulare… Dopo un tempo che mi era sembrato non finire mai, l'aereo ebbe pietà di me, e mi ricondusse al campo base. Mentre ero sulla via del ritorno, un turbinio di pensieri si affollava nella mia mente. Uno, in particolare, mi divorava l'anima: il colore del mio Albatros, di cui tanto andavo fiero, non era rosso fuoco, ma rosso sangue… Per la prima volta in vita mia non sono più stato sicuro dei valori in cui ho sempre creduto. Da generazioni noi Richthofen abbiamo raggiunto posizioni di prestigio nell'esercito tedesco, convinti che fosse nostro imprescindibile dovere obbedire ai dettami della madrepatria, anche a costo della vita. Per noi l'onore è una virtù irrinunciabile e la certezza di essere dalla parte del giusto ci ha sempre consentito di affrontare e superare difficoltà altrimenti insuperabili. Ma da allora tutto è cambiato. Quando, alla guida del mio velivolo, volgo lo sguardo in giù, vedo cose inenarrabili: uomini che si affrontano e si uccidono come bestie, ufficiali che sparano alla schiena dei commilitoni che esitano nell'andare all'assalto delle fortificazioni nemiche, gas che s'infilano negli stretti corridoi delle trincee compiendo silenziose stragi…". Scuote mestamente la testa.
"Non è così che deve morire un soldato. Quaggiù non c'è più onore, non c'è più dignità. No, non mi sento più di appartenere a questa razza terrestre. Ogni volta che rimetto piede nel campo d'aviazione, dopo una missione, mi rinchiudo nei miei alloggi, non voglio vedere nessuno, né fare nulla. Bastano tuttavia poche ore trascorse a terra che già mi sento soffocare, mentre un disperato bisogno di tornare a volare mi lacera dentro…" Il Barone Rosso sembra ridestarsi, batte un pugno sul tavolo.
"Si, perché in alta quota tutto è diverso, solo nell'immensità della volta celeste riesco a respirare liberamente. Lassù noi ci sfidiamo a singolar tenzone. Ogni battaglia aerea, non importa quanti velivoli siano coinvolti nel combattimento, si risolve sempre in duelli singoli. Lassù i valori dei nostri avi regnano incontrastati!"
All'improvviso un orologio a pendolo appeso al muro batte due rintocchi. Il Barone Rosso si alza in piedi, il mento in su, il portamento nuovamente fiero e marziale. "Mi scusi, ma ora devo proprio andare, un asso francese mi attende in alto tra le nubi." Batte i tacchi e fa una piroetta su se stesso. Dopo qualche passo si ferma e si volta verso di me, gli occhi gli brillano di vivida luce: "Sa, noi siamo i cavalieri del cielo…"
Ultima modifica di Messedaglia il 26/10/2021, 22:36, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

commento :Il cavaliere del cielo

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Daje con i racconti storici immaginari.
Qui su "Bravi autori" vanno alla grande e forse ti classifichi addirittura nei primi dieci.
Onestamente te lo auguro. È ben scritto. È scorrevole. La narrazione funziona e penso segua le regole di questo genere letterario che non necessita di molta fantasia, né ragionamenti complicati o sforzi per lanciare messaggi impegnati. Basta un libro di storia dove apprendere quanto ci interessa, un pizzico di inventiva per divagare un po' sul tema e il gioco è fatto.
Come scrittore noto con piacere una notevole capacità di scrittura che vorrei veder impegnata, più proficuamente, su altre sponde.
Voto 5
Egidio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 52
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Scritto davvero bene. Hai imbastito una storia di fantasia con ambientamento storico, immaginando un dialogo-monologo tra il protagonista e il leggendario barone rosso. Nel suo genere, è ottimo. Per questo motivo, mi sento di darti il punteggio più alto.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 361
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Innanzitutto, benvenuto.
Scrivere un racconto con ambientazione storica non è facile come a primo acchitto potrebbe sembrare. Anzi è piuttosto complicato proprio perché la fantasia deve viaggiare lungo una strada già tracciata. Il passato è struttura e dentro questa struttura bisogna sapere muoversi.
Detto questo il tuo più che un racconto con ambientazione storica mi è sembrato un tentativo di racconto biografico, attraverso un artificio che è quello del vedersi catapultati, come per magia, ai primi del Novecento a dialogare, si scoprirà solo nel finale, con un morto, e dove il tuo obiettivo non è di raccontare una storia dentro la Storia, ma di farci scoprire un personaggio storico attraverso gli occhi di un novello Dante.
Tentativo che ritengo in parte riuscito.
A mio avviso questo è il lungo periodo meno riuscito cheaffatica la lettura dell'intero testo: " Durante la Grande Guerra le nazioni coinvolte nel conflitto iniziarono a usare il termine "asso" per indicare i piloti che avessero abbattuto almeno cinque aerei nemici. Ogni aviazione applicava regole specifiche per la conferma o il rigetto di una vittoria. In media i criteri erano piuttosto rigidi e il successo veniva riconosciuto unicamente nel caso in cui l'abbattimento fosse stato confermato da fonti indipendenti, quali altri aviatori o testimoni da terra. A volte la conferma poteva arrivare da fonti d'intelligence o a seguito di interrogatori di prigionieri e disertori. E lui, il Barone Rosso, con le sue 81 vittorie accertate, fu il miglior pilota di caccia che la storia ricordi. Nel corso della guerra si guadagnò la stima dei superiori e il rispetto e l'ammirazione dei camerati. Capace di trasmettere fiducia e coraggio ai commilitoni, divenne un modello da emulare per tutti coloro che aspiravano a guadagnarsi la gloria in sella a un destriero fatto di metallo."
Qui provi a dare spiegazioni, ma anziché lasciarlo fare ai due protagonisti attraverso i dialoghi, come poi in realtà riesci, o far intervenire la voce narrante, ti intrometti nella qualità di autore e dunque a gamba tesa. Cosa che a mio avviso è quasi sempre errata. E per di più cambi il tempo verbale virando al passato così da sottolineare ancor più il distacco con il resto del testo.
Nel finale provi poi una spiegazione razionale di quanto accaduto al Barone Rosso, del suo essere morto ma vivo (ma la presenza dell'altro protagonista?), ma data la situzione volutamente surreale io lo avrei evitato.
Dal punto di vista formale ti segnalo solo un aviere al posto di aviatore, e forse l'uso insistente del verbo essere (lo fanno in molti in realtà) quando potrebbero adoperarsi dei verbi più precisi atti a descrivere la situazione in svolgimento, ad esempio: "dovevo essere a un'altezza inusitata" dovevo trovarmi... dovevo volare... ecc.
A ogni modo, un buon racconto, a rileggerti
Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Re: commento :Il cavaliere del cielo

Messaggio da leggere da Messedaglia »

Alberto Marcolli ha scritto: 17/10/2021, 20:48 Daje con i racconti storici immaginari.
Qui su "Bravi autori" vanno alla grande e forse ti classifichi addirittura nei primi dieci.
Onestamente te lo auguro. È ben scritto. È scorrevole. La narrazione funziona e penso segua le regole di questo genere letterario che non necessita di molta fantasia, né ragionamenti complicati o sforzi per lanciare messaggi impegnati. Basta un libro di storia dove apprendere quanto ci interessa, un pizzico di inventiva per divagare un po' sul tema e il gioco è fatto.
Come scrittore noto con piacere una notevole capacità di scrittura che vorrei veder impegnata, più proficuamente, su altre sponde.
Voto 5
Buongiorno Alberto, grazie per il tuo giudizio, lo apprezzo molto. Per una serie di circostanze, in primis una passione per la storia che coltivo praticamente da sempre, attualmente sono focalizzato su questo genere di racconti, finalizzati a dare una chiave di lettura personale e alternativa agli eventi bellici e non del passato. Intanto grazie mille!
Ultima modifica di Messedaglia il 28/11/2021, 7:55, modificato 1 volta in totale.
Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Messedaglia »

Egidio ha scritto: 18/10/2021, 7:16 Scritto davvero bene. Hai imbastito una storia di fantasia con ambientamento storico, immaginando un dialogo-monologo tra il protagonista e il leggendario barone rosso. Nel suo genere, è ottimo. Per questo motivo, mi sento di darti il punteggio più alto.
Grazie Egidio per il tuo commento!
Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Messedaglia »

Namio Intile ha scritto: 18/10/2021, 17:00 Innanzitutto, benvenuto.
Scrivere un racconto con ambientazione storica non è facile come a primo acchitto potrebbe sembrare. Anzi è piuttosto complicato proprio perché la fantasia deve viaggiare lungo una strada già tracciata. Il passato è struttura e dentro questa struttura bisogna sapere muoversi.
Detto questo il tuo più che un racconto con ambientazione storica mi è sembrato un tentativo di racconto biografico, attraverso un artificio che è quello del vedersi catapultati, come per magia, ai primi del Novecento a dialogare, si scoprirà solo nel finale, con un morto, e dove il tuo obiettivo non è di raccontare una storia dentro la Storia, ma di farci scoprire un personaggio storico attraverso gli occhi di un novello Dante.
Tentativo che ritengo in parte riuscito.
A mio avviso questo è il lungo periodo meno riuscito cheaffatica la lettura dell'intero testo: " Durante la Grande Guerra le nazioni coinvolte nel conflitto iniziarono a usare il termine "asso" per indicare i piloti che avessero abbattuto almeno cinque aerei nemici. Ogni aviazione applicava regole specifiche per la conferma o il rigetto di una vittoria. In media i criteri erano piuttosto rigidi e il successo veniva riconosciuto unicamente nel caso in cui l'abbattimento fosse stato confermato da fonti indipendenti, quali altri aviatori o testimoni da terra. A volte la conferma poteva arrivare da fonti d'intelligence o a seguito di interrogatori di prigionieri e disertori. E lui, il Barone Rosso, con le sue 81 vittorie accertate, fu il miglior pilota di caccia che la storia ricordi. Nel corso della guerra si guadagnò la stima dei superiori e il rispetto e l'ammirazione dei camerati. Capace di trasmettere fiducia e coraggio ai commilitoni, divenne un modello da emulare per tutti coloro che aspiravano a guadagnarsi la gloria in sella a un destriero fatto di metallo."
Qui provi a dare spiegazioni, ma anziché lasciarlo fare ai due protagonisti attraverso i dialoghi, come poi in realtà riesci, o far intervenire la voce narrante, ti intrometti nella qualità di autore e dunque a gamba tesa. Cosa che a mio avviso è quasi sempre errata. E per di più cambi il tempo verbale virando al passato così da sottolineare ancor più il distacco con il resto del testo.
Nel finale provi poi una spiegazione razionale di quanto accaduto al Barone Rosso, del suo essere morto ma vivo (ma la presenza dell'altro protagonista?), ma data la situzione volutamente surreale io lo avrei evitato.
Dal punto di vista formale ti segnalo solo un aviere al posto di aviatore, e forse l'uso insistente del verbo essere (lo fanno in molti in realtà) quando potrebbero adoperarsi dei verbi più precisi atti a descrivere la situazione in svolgimento, ad esempio: "dovevo essere a un'altezza inusitata" dovevo trovarmi… dovevo volare… ecc.
A ogni modo, un buon racconto, a rileggerti
Grazie Namio per il benvenuto e per l'accurata e approfondita analisi del mio racconto.
La parte, che ritieni essere la meno riuscita, nasce da un mio eccesso di zelo: in questi racconti, tra le altre cose, mi propongo di divulgare qualche dettaglio storico che, pur non essendo di per sé particolarmente significativo (e che per questo magari sfugge alle fonti più generaliste), ha attratto per qualsivoglia motivo la mia curiosità, come appunto quello relativo ai criteri utilizzati nella prima guerra mondiale per attribuire ai piloti il titolo di asso. Il rischio, così come è successo, è quello di appesantire la narrazione. In futuro cercherò di tenere a freno, o almeno di rendere meno invasiva, la mia vena storiografica.
Sulla morte del Barone Rosso c'è un fraintendimento. Nel racconto, fatta eccezione per le infarciture di fantasia, ho riportato eventi realmente accaduti o presunti tali (la morte di Boelke in seguito a un incidente aereo, la devozione del Barone nei confronti di quest'ultimo, l'iniziale proponimento di non partecipare più ai combattimenti aerei, il soggiorno a casa per ritrovare almeno un po' di serenità etc…) Tra questi c'è anche il ferimento alla testa causato dal mitragliere di un velivolo biposto, a cui lui miracolosamente sopravvisse. Questo incidente gli causò in seguito delle forti emicranie, io ho aggiunto il particolare, ovviamente inventato, delle allucinazioni ricorrenti di cui ipoteticamente soffriva ogni volta che, a bordo del suo aereo, volgeva lo sguardo verso il basso. Ma nel racconto l'ufficiale tedesco non muore. Perirà, ironia della sorte, pochi mesi dopo i fatti raccontati, a causa di un proiettile vagante sparato da terra. Tra l'altro avevo pensato di inserire questo dettaglio nel racconto, presentando la sua morte come strettamente collegata al fatto che, incautamente, si era avvicinato troppo al suolo, simbolo della guerra nella sua accezione più bestiale. Ma poi non ho trovato un modo decente di mettere insieme i pezzi e ho desistito. Ma ora che ci penso, considerando il tuo commento, un finale alternativo potrebbe essere il seguente: il Barone Rosso, colpito a morte dalla contraerea nemica, non accetta di essere stato ucciso dalla vile e odiata terra e per questo continua imperterrito a battersi in duelli all'ultimo sangue nell'alto dei cieli.

Ti ringrazio infine per avermi segnalato alcuni errori e imprecisioni formali, se ho capito bene è possibile apportare delle piccole modifiche ai racconti pubblicati, provvederò a sistemarli.
Mariovaldo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Re: Il cavaliere del cielo

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Con piacere scopro un brano del genere che adoro: storia e fantasia mescolati a dovere.
Il racconto e' molto buono, si legge con facilita' ed è piacevole scoprire i personaggi tratteggiati con cura. Curiosamente, m sono cimentato pure io in questo genere, con una serie di racconti ambientati nella prima guerra mondiale, dove non manca un accenno al nostro asso Baracca, ma non cercarli qui, in futuro puo' darsi che li sottoponga a questi lettori esigenti e competenti,
Complimenti e voto alto
Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Re: Il cavaliere del cielo

Messaggio da leggere da Messedaglia »

Grazie Mariovaldo per il tuo commento! Fammi sapere dove e come posso trovare i tuoi racconti ambientati nella prima guerra mondiale, come puoi intuire l'argomento è di mio grande interesse…
Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Messedaglia »

Namio Intile ha scritto: 18/10/2021, 17:00 Innanzitutto, benvenuto.
Scrivere un racconto con ambientazione storica non è facile come a primo acchitto potrebbe sembrare. Anzi è piuttosto complicato proprio perché la fantasia deve viaggiare lungo una strada già tracciata. Il passato è struttura e dentro questa struttura bisogna sapere muoversi.
Detto questo il tuo più che un racconto con ambientazione storica mi è sembrato un tentativo di racconto biografico, attraverso un artificio che è quello del vedersi catapultati, come per magia, ai primi del Novecento a dialogare, si scoprirà solo nel finale, con un morto, e dove il tuo obiettivo non è di raccontare una storia dentro la Storia, ma di farci scoprire un personaggio storico attraverso gli occhi di un novello Dante.
Tentativo che ritengo in parte riuscito.
A mio avviso questo è il lungo periodo meno riuscito cheaffatica la lettura dell'intero testo: " Durante la Grande Guerra le nazioni coinvolte nel conflitto iniziarono a usare il termine "asso" per indicare i piloti che avessero abbattuto almeno cinque aerei nemici. Ogni aviazione applicava regole specifiche per la conferma o il rigetto di una vittoria. In media i criteri erano piuttosto rigidi e il successo veniva riconosciuto unicamente nel caso in cui l'abbattimento fosse stato confermato da fonti indipendenti, quali altri aviatori o testimoni da terra. A volte la conferma poteva arrivare da fonti d'intelligence o a seguito di interrogatori di prigionieri e disertori. E lui, il Barone Rosso, con le sue 81 vittorie accertate, fu il miglior pilota di caccia che la storia ricordi. Nel corso della guerra si guadagnò la stima dei superiori e il rispetto e l'ammirazione dei camerati. Capace di trasmettere fiducia e coraggio ai commilitoni, divenne un modello da emulare per tutti coloro che aspiravano a guadagnarsi la gloria in sella a un destriero fatto di metallo."
Qui provi a dare spiegazioni, ma anziché lasciarlo fare ai due protagonisti attraverso i dialoghi, come poi in realtà riesci, o far intervenire la voce narrante, ti intrometti nella qualità di autore e dunque a gamba tesa. Cosa che a mio avviso è quasi sempre errata. E per di più cambi il tempo verbale virando al passato così da sottolineare ancor più il distacco con il resto del testo.
Nel finale provi poi una spiegazione razionale di quanto accaduto al Barone Rosso, del suo essere morto ma vivo (ma la presenza dell'altro protagonista?), ma data la situzione volutamente surreale io lo avrei evitato.
Dal punto di vista formale ti segnalo solo un aviere al posto di aviatore, e forse l'uso insistente del verbo essere (lo fanno in molti in realtà) quando potrebbero adoperarsi dei verbi più precisi atti a descrivere la situazione in svolgimento, ad esempio: "dovevo essere a un'altezza inusitata" dovevo trovarmi... dovevo volare... ecc.
A ogni modo, un buon racconto, a rileggerti
Grazie in particolare per avermi segnalato la parola aviere, l'errore era davvero grossolano
Avatar utente
Ishramit
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 71
Iscritto il: 28/02/2021, 11:29
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ishramit »

Non conosco affatto questa figura storica, quindi le mie capacità di giudizio sono un po' limitate in quell'ambito. Eppure proprio non conoscendolo posso dirti che il risultato è ottimo, specialmente se nell'intenzione c'era anche la divulgazione storica, che non risulta affatto pedante né invadente. Il monologo del Barone è di ottimo livello, degno forse del teatro. A me non è stato chiaro il fatto che si trattasse di un "fantasma" o di qualcosa del genere, forse conoscendo già alcuni dettagli della biografia la cosa risulta più trasparente, ma a mio parere non è un problema. Anche io credo tuttavia come Namio Intile che le informazioni contenute in quel periodo (in realtà fatto bene eh!) potrebbero essere inserite in modo meno artificioso, ad esempio lasciando partecipare un po' di più il protagonista, e il racconto funzionerebbe ancora meglio.
Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Re: Il cavaliere del cielo

Messaggio da leggere da Messedaglia »

Grazie Ishramit per il tuo commento. Come dici tu, non è fondamentale capire se il Barone sia un fantasma o no, colgo comunque l'occasione per spiegare le mie intenzioni in merito alla genesi di questo racconto: l'interlocutore del Barone Rosso è stato catapultato nel passato e ha incontrato l'ufficiale tedesco in carne e ossa. Al di là quindi di qualche dettaglio che rende la situazione surreale, il racconto potrebbe riguardare un dialogo avuto realmente dal Barone con un suo contemporaneo alla fine del 1917, un anno dopo la morte dell'asso Oswald Boelke.
Visto che ci sono, preciso anche che il racconto è ambientato nella bettola francese dove ogni tanto andava l'asso francese impersonato da Snoopy, il cane di Charlie Brown, acerrimo nemico del Barone Rosso. Ma come i duelli descritti da Schulz non erano che un gioco, non erano che una fantasticheria del "bambino" Snoopy, così il Barone Rosso si ritrova a giocare con il suo cane, un alano, emulo del più famoso beagle del mondo. Non ho inserito questo particolare a caso: il Barone Rosso, quando è scoppiata la prima guerra mondiale, aveva 22 anni, era cioè poco più di un ragazzo. Ragazzo che doveva affrontare l'orrore della guerra a testa alta, da uomo fatto e vissuto. Così la parte iniziale del racconto fa da contraltare a quella finale: da una parte il Barone Rosso bambino, che giocava con il suo cane nel segreto di una stanza dalla porta chiusa, e dall'altra l'asso degli assi, il più grande pilota che sia rimasto impresso nell'immaginario collettivo. Ho appena accennato alcuni di questi dettagli per non appesantire il racconto, ma il bello di questo forum penso sia la possibilità per l'autore di descrivere fatti ed emozioni che hanno portato alla stesura di una certa storia.
Grazie infine per i tuoi suggerimenti, che ricalcano quelli di Namio Intile, e di cui farò tesoro.
Andr60
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 240
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Concordo con quanto già scritto dagli altri commentatori; la storia è interessante senza essere pedante, e rievoca con efficacia quei duelli dei "cavalieri dell'aria" che volteggiavano sopra le teste dei soldati in trincea, immersi nel fango, nel sangue e nella mxxda.
Ero convinto inoltre che il Barone avesse sempre pilotato un triplano, invece no.
A rileggere altri tuoi lavori, e voto alto
Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Re: Il cavaliere del cielo

Messaggio da leggere da Messedaglia »

Grazie del commento! E sì, la figura del Barone Rosso è legata innanzitutto al suo Fokker, il celeberrimo triplano, ma l'ufficiale tedesco ha volato molto spesso anche con un Albatros, un biplano.
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 460
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: Il cavaliere del cielo

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ciao Messedaglia. Non ho ancora letto il tuo racconto. Sono sorpreso dal voto quasi unanime che ti è stato dato. Pensare che il tuo racconto sia superiore a quello di Namio mi intimidisce. Non vedo l'ora di leggerlo. Sono a rincorrere un altro concorso, dove mi mancano due giorni per assolvere ai commenti obbligatori per essere ammessi alla votazione, e per quel tempo sarò ancora un poco assente qui. Dopodiché tornerò per il tuo racconto è per i commenti che sono stati dati al mio, e che non trascuro. Ma arrivo...
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 514
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Racconto di alto livello, scritto molto bene, miscela contesto storico con ambientazione fantastica. La citazione di Snoopy non l’avevo colta alla prima, dopo il tuo commento ho riletto con un sorriso quel salire sulla cuccia.
Se devo fare una critica trovo che alcune parti, come già segnalato, sfiorino la forma dello “spiegone”, (ma in generale è una sensazione che mi ha accompagnato nella lettura di tutto il racconto). Nonostante l’escamotage dichiarato all’inizio della lettura dei pensieri, trovo un po’ forzato il monologo del Barone Rosso che si fa domande e si dà le risposte; una partecipazione più attiva dell’interlocutore forse avrebbe alleggerito, messa così sembra quasi che la sua presenza serva solo a introdurre il personaggio, a elencarne i dati salienti, come se fosse un suo biografo.
Ci sono narrazioni contrastanti sulla vera natura dell’asso tedesco, secondo alcune non sarebbe stato così nobile e cavalleresco come la leggenda ce l’ha tramandato, ma questo ha poco a vedere con il racconto.
Refusi, quasi niente, solo questa frase: 'Non farmi più domandè, le dissi, 'sono tutti morti'.
Ripeto: buonissima prova.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Re: Il cavaliere del cielo

Messaggio da leggere da Messedaglia »

Marcello Rizza ha scritto: 24/10/2021, 13:29 Ciao Messedaglia. Non ho ancora letto il tuo racconto. Sono sorpreso dal voto quasi unanime che ti è stato dato. Pensare che il tuo racconto sia superiore a quello di Namio mi intimidisce. Non vedo l'ora di leggerlo. Sono a rincorrere un altro concorso, dove mi mancano due giorni per assolvere ai commenti obbligatori per essere ammessi alla votazione, e per quel tempo sarò ancora un poco assente qui. Dopodiché tornerò per il tuo racconto è per i commenti che sono stati dati al mio, e che non trascuro. Ma arrivo...
Ciao Marcello,

grazie per il tuo intervento, leggerò e commenterò presto il tuo racconto, ciao!
Ultima modifica di Messedaglia il 28/11/2021, 7:58, modificato 2 volte in totale.
Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Messedaglia »

Roberto Bonfanti ha scritto: 24/10/2021, 16:03 Racconto di alto livello, scritto molto bene, miscela contesto storico con ambientazione fantastica. La citazione di Snoopy non l'avevo colta alla prima, dopo il tuo commento ho riletto con un sorriso quel salire sulla cuccia.
Se devo fare una critica trovo che alcune parti, come già segnalato, sfiorino la forma dello "spiegone", (ma in generale è una sensazione che mi ha accompagnato nella lettura di tutto il racconto). Nonostante l'escamotage dichiarato all'inizio della lettura dei pensieri, trovo un po' forzato il monologo del Barone Rosso che si fa domande e si dà le risposte; una partecipazione più attiva dell'interlocutore forse avrebbe alleggerito, messa così sembra quasi che la sua presenza serva solo a introdurre il personaggio, a elencarne i dati salienti, come se fosse un suo biografo.
Ci sono narrazioni contrastanti sulla vera natura dell'asso tedesco, secondo alcune non sarebbe stato così nobile e cavalleresco come la leggenda ce l'ha tramandato, ma questo ha poco a vedere con il racconto.
Refusi, quasi niente, solo questa frase: 'Non farmi più domandè, le dissi, 'sono tutti morti'.
Ripeto: buonissima prova.
Ciao Roberto,

innanzitutto, grazie per il tuo commento e per l'attenta revisione del racconto.

Mi fa piacere che ti abbia fatto sorridere il cane imbronciato che sale sul tetto della cuccia. Tra l'altro, anche l'idea del monologo scaturisce dal mondo dei Peanuts, dove Charlie Brown percepisce i pensieri di Snoopy. Il monologo si è poi dilungato un po' oltre quelle che erano le mie intenzioni iniziali, e per questo ho fatto poi intervenire nel dialogo l'interlocutore, ma ero ormai arrivato al punto in cui il Barone Rosso esternava tutto il suo travaglio interiore, e in questa situazione il monologo mi è sembrato funzionare meglio del dialogo (eventuali interventi dell'interlocutore, almeno per come me li ero immaginati, mi apparivano banali se non patetici). Ad ogni modo sì, nelle mie intenzioni l'interlocutore funge da spalla e ha di base la funzione di introdurre il Barone Rosso. Un ruolo effettivamente un po' ristretto viste le premesse del racconto, che fanno pensare che ne sia il protagonista.

Per quanto riguarda l'altro tuo dubbio, ho cercato di mantenere un equilibrio tra l'aspetto divulgativo e quello narrativo, cosa davvero non semplice da realizzare, e il risultato può essere stato quello, almeno a tratti, di risultare un po' leziosi, specie nella prima parte del racconto.

Sì, ci sono interpretazioni contrastanti sulla vera natura del Barone Rosso. Da un lato ho preso quella più funzionale alla mia storia, dall'altro ho tenuto conto in piccola parte anche di quella che lo dipinge in termini meno cavallereschi. Per questo il suo aereo gronda sangue solo quando si ritrova a mitragliare vigliaccamente la fanteria nemica. Quindi, nella finzione del racconto, c'è una sorta di redenzione di questo personaggio storico. In ogni caso, ai posteri l'ardua sentenza…

Grazie infine per aver individuato un refuso, provvedo a correggerlo.
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Bellissimo romanzo storico, scritto benissimo e ricco di sfaccettature. Come per Babi Yar ho dato 5 non solo perché il romanzo storico rientra molto nei miei gusti, ma anche perché è scritto con cura e attenzione. Bellissima la figura del barone rosso, belli i toni e le parole usate per descriverlo.
Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Re: Il cavaliere del cielo

Messaggio da leggere da Messedaglia »

Ciao Giovanni,
grazie mille per il tuo commento e il tuo voto!
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 341
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Comincia un po' come un gioco d'avventura: descrizioni scarne, essenziali, che costringono il lettore all'incontro col protagonista, il quale si rivela più interessante e profondo dell'auspicabile. A tratti inutilmente altezzoso, ma profondo.
Una buona descrizione della mostruosità e dell'inutilità della guerra (la prima mondiale, poi...).
Purtroppo, simili lezioni vanno apprese sulla propria pelle: l'umanità dimentica troppo presto, e viene distratta troppo facilmente con "ideali" abilmente manipolati.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 677
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

ho fatto un po' fatica a finirlo, sebbene sia scritto molto bene.
alla fine mi era diventato pesante, devo ammettere.
la prova è più che buona, nulla da eccepire, qualche refuso di punteggiatura e niente altro da segnalare per quanto riguarda la stesura.
buone le descrizioni, anche se non mi arrivano le emozioni e le sensazioni dei protagonisti.
racconto storico portato al fantastico, genere non semplice ma qui ben espresso
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Temistocle
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 79
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Confesso che questo non è il mio genere preferito, quindi il mio giudizio sarà sicuramente influenzato da questo fatto.
Il racconto è scritto bene, i dialoghi sono convincenti e non mi sembra ci siano refusi o altro di sorta da segnalare.
Come dicevo la storia non mi avvince, ma non è colpa tua: ognuno ha le sue preferenze. Per questo motivo la lettura mi è sembrata un po' statica, non ha… decollato (scusa il bisticcio di parole con l'argomento!).
Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Messedaglia »

Marino Maiorino ha scritto: 14/11/2021, 10:49 Comincia un po' come un gioco d'avventura: descrizioni scarne, essenziali, che costringono il lettore all'incontro col protagonista, il quale si rivela più interessante e profondo dell'auspicabile. A tratti inutilmente altezzoso, ma profondo.
Una buona descrizione della mostruosità e dell'inutilità della guerra (la prima mondiale, poi...).
Purtroppo, simili lezioni vanno apprese sulla propria pelle: l'umanità dimentica troppo presto, e viene distratta troppo facilmente con "ideali" abilmente manipolati.
Ciao Marino,
sì, concordo pienamente con quanto scrivi, sembra proprio che gli esseri umani capiscano la realtà delle cose solo quando la provano sulla propria pelle, e periodicamente vengono ripetuti sempre gli stessi errori, mah…
Grazie per avermi letto e commentato.
Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Messedaglia »

Fausto Scatoli ha scritto: 16/11/2021, 20:08 ho fatto un po' fatica a finirlo, sebbene sia scritto molto bene.
alla fine mi era diventato pesante, devo ammettere.
la prova è più che buona, nulla da eccepire, qualche refuso di punteggiatura e niente altro da segnalare per quanto riguarda la stesura.
buone le descrizioni, anche se non mi arrivano le emozioni e le sensazioni dei protagonisti.
racconto storico portato al fantastico, genere non semplice ma qui ben espresso
Ciao Fausto,
grazie per aver letto e commentato il mio racconto.
Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Messedaglia »

Temistocle ha scritto: 18/11/2021, 8:30 Confesso che questo non è il mio genere preferito, quindi il mio giudizio sarà sicuramente influenzato da questo fatto.
Il racconto è scritto bene, i dialoghi sono convincenti e non mi sembra ci siano refusi o altro di sorta da segnalare.
Come dicevo la storia non mi avvince, ma non è colpa tua: ognuno ha le sue preferenze. Per questo motivo la lettura mi è sembrata un po' statica, non ha… decollato (scusa il bisticcio di parole con l'argomento!).
Ciao Temistocle,
divertente il tuo gioco di parole 😊, mi fa venire in mente un finale alternativo :

Dopo qualche minuto, il Barone Rosso rientra con l’espressione scornata, la proverbiale flemma prussiana sembra essere evaporata del tutto: “Stramaledetto ferrovecchio colorato di rosso! Non sono riuscito a decollare, i meccanici dicono che si tratta di un’avaria al motore… Facciamoci pure un altro giro di vino, ho chiamato l’asso francese, il duello è rimandato a domani.”

E ovviamente grazie per aver letto e commentato il mio racconto.
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 667
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Ciao, il racconto è ben riuscito, soprattutto per l’aria di sogno che hai saputo rendere e per come hai saputo descrivere anche gli aspetti emotivi e il personaggio del Barone Rosso. Le informazioni storiche sono anche interessanti e in linea generale ben inserite nel testo; solo nel primo paragrafo descrittivo trovo sia un po’ meno legato alla storia e diventa un po’ troppo un pezzetto di Storia. Trovo che l’incipit sia la parte meglio riuscita perché cattura subito l’attenzione e invoglia a leggere.

"Buongiorno, piacere di conoscerla, io sono il l'Oberleutnant Qui l’articolo il non andrebbe tolto?

Concludendo è scritto bene, voto 4.
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Gara d'estate 2020 - Anniversari, e gli altri racconti

Gara d'estate 2020 - Anniversari, e gli altri racconti

(estate 2020, 45 pagine, 516,87 KB)

Autori partecipanti: Andrepoz, Mariovaldo, Namio Intile, Selene Barblan, Roberto, Roberto Virdo', Lodovico, Carol Bi, Fausto Scatoli, Laura Traverso,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (516,87 KB) - scaricato 32 volte.
oppure in formato EPUB (389,76 KB) (vedi anteprima) - scaricato 18 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2021 - (a colori)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2021 - (a colori)

(edizione 2021, 2,19 MB)

Autori partecipanti: Angelo Ciola, Mauro Conti, Lodovico, Liliana Tuozzo, Laura Traverso, Frinia, Fausto Scatoli, Stefyp, Andrepoz, Anna Gri, Andr60, Selene Barblan,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (2,19 MB) - scaricato 69 volte..
Lascia un commento.

La Gara 48 - Stelle

La Gara 48 - Stelle

(settembre/ottobre 2014, 34 pagine, 799,91 KB)

Autori partecipanti: Maddalena Cafaro, Nunzio Campanelli, Stella_decadente, Marina Paolucci, Umberto Pasqui, Patrizia Chini, Annamaria Vernuccio, Paolo Ninzatti, Lodovico,
a cura di Marina Paolucci (con la supervisione di Lodovico Ferrari).
Scarica questo testo in formato PDF (799,91 KB) - scaricato 129 volte.
oppure in formato EPUB (380,91 KB) (vedi anteprima) - scaricato 200 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


256K

256K

256 racconti da 1024 Karatteri

Raccolta delle migliori opere che hanno partecipato alla selezione per l'antologia 256K. Ci sono 256 racconti da non più di 1024 battute. A chiudere l'antologia c'è un bellissimo racconto del maestro della fantascienza italiana Valerio Evangelisti. Ogni pagina, è corredata da una cronologia dei vecchi computer dagli anni '50 agli '80. A ogni autore è stato inoltre assegnato un QR Code. Da non perdere!
A cura di Massimo Baglione e Massimo Fabrizi
con la partecipazione di: Alessandro Napolitano e Paolo Oddone.

Contiene opere di: Alberto Tristano, Roberto Guarnieri, Ramona Cannatelli, Ser Stefano, Giorgio Aprile, Gianluca Santini, Matteo Mancini, Giorgia Rebecca Gironi, Mariella Vallesi, Tommaso Chimenti, Diego Salvadori, Giulia Conti, Beatrice Traversin, Maria Cristina Biasoli, Massimiliano Campo, Il Cazzaro di 6502, Polissena Cerolini, Patrizia Birtolo, Paolo Capponi, Paolo Cavicchi, Luca Romanello, Igor Lampis, Diego Di Dio, Leonardo Boselli, David Parronchi, VS, Antonella Tissot, Sam L. Basie, Annamaria Trevale, Bruno Ugioli, Ilaria Spes, Bruno Elpis, Massimiliano Prandini, Andrea Marà, Riccardo Fumagalli, Joshi Spawnbrød, Daniele Picciuti, Gian Filippo Pizzo, Flavio Valerio Nervi, Ermanno Volterrani, Manuela Costantini, Matteo Carriero, Eva Bassa, Lorenzo Pompeo, Andrea Andreoni, Valeria Esposito, Stefano Caranti, Riccardo Carli Ballola, Stefano Pierini, Giuseppe Troccoli, Francesco Scardone, Andrea Cavallini, Alice Chimera, Cosimo Vitiello, Mariaeleonora Damato, Stefano Mallus, Sergio Oricci, Michele Pacillo, Matteo Gambaro, Angela Di Salvo, Marco Migliori, Pietro Chiappelloni, Sergio Donato, Ivan Visini, Ottavia Piccolo, Ester Mistò, Alessandro Mascherpa, Gianmarco Amici, Raffaella Munno, Michele Campagna, Diego Bortolozzo, Lorenzo Davia, Marco Solo, Gianluca Gendusa, Caterina Venturi, Lorenzo Crescentini, Silvia Tessa, Simona Aiuti, Chiara Micheli, Anna Tasinato, Valentina Giuliani, Giulio D'Antona, Maria Francesca Cupane, Veruska Vertuani, Giacomo Scotti, Chiara Zanini, Lorenzo Fontana, Tiziana Ritacco, Margherita Lamatrice, Aurora Torchia, Luigi Milani, Maurizio Brancaleoni, Gloria Scaioli, Filomena, Piergiorgio Annicchiarico, Morik Chadid, Chiara Perseghin, Massimo Ferri, Simone Messeri, Davide Dotto, Serena M. Barbacetto, Roberto Bernocco, Anthony Strange, Cristian Leonardi, Fabiola Lucidi, Roberto Bommarito, Antonio Russo De Vivo, Giacomo Gailli, Giovanni Duminuco, Federico Pergolini, Fabrizio Leonardi, Amigdala Pala, Natale Figura, Celeste Borrelli, Francesca Panzacchi, Andrea Basso, Giacomo Inches, Umberto Pasqui, Mario Frigerio, Luigi Bonaro, Luca Romani, Anna Toro, Giuseppe Varriale, Maria Lipartiti, Marco Battaglia, Arturo Caissut, Stefano Milighetti, Davide Berardi, Paolo Secondini, Susanna Boccalari, Andrea Indiano, Alexia Bianchini, Penelope Mistras, Anna Grieco, Samantha Baldin, Serena Bertogliatti, Valentina Carnevale, Gloria Rochel, Andrea Leonelli, James Carroll Wish, Marco Ferrari, Giovanni Ferrari, Mew Notice, Maurizio Vicedomini, Paride Bastuello, Alessandra Lusso, Mirko Giacchetti, Francesco Manarini, Massimo Rodighiero, Daniela Piccoli, Alessandro Trapletti, Marco Tomasetto, Conrad, Giovanni Sferro, Morgana Bart, Omar Spoti, Massimo Conti, Andrea Donaera, Roberto Alba, Libeth Libet, Angela Rosa, Valentina Coscia, Antonio Matera, Fabio Brusa, Stefano Olivieri, Isabella Galeotti, Chiara de Iure, Ilaria Ranieri, Lorenzo Valle, Francesco Fortunato, Valentina Tesio, Elena Pantano, Maria Basilicata, Antonio Costantini, Riccardo Delli Ponti, Giovanna Garofalo, Eliseo Palumbo, Federica Neri, Alessandro Napolitano, Stefano Valente, Linda Bartalucci, Luisa Catapano, Diego Cocco, Riccardo Sartori, Dario Degliuomini, Gianni Giovannone, Nicola Fierro, Federico Marchionni, Romeo Mauro, Francesco Azzurli, Filippo Pirro, Luca Marinelli, Triptil Pazol, Marco Sartori, Iunio Marcello Clementi, Maria Lucia Nosi, Valentina Vincenzini, Jacopo Mariani, Diletta Fabiani, Lodovico Ferrari, Paolo Franchini, Tullio Aragona, Davide Corvaglia, Davide Figliolini, Beniamino Franceschini, Roberto Napolitano, Valeria Barbera, Federico Falcone, Stefano Meglioraldi, Eugenia Bartoccini, Andrea Gatto, Sonia Galdeman, Filomena Caddeo, Dario D'Alfonso, Chantal Frattini, Viola Cappelletti, Maria Stella Rossi, Serena Rosata, Francesco Di Mento, Giuseppe Sciara, Mario Calcagno, Tanja Sartori, Andrea Giansanti, Lorenzo Pedrazzi, Alessio Negri Zingg, Ester Trasforini, Daniele Miglio, Viola Killerqueen Lodato, Delos Veronesi, Giuseppe De Paolis, Diego Capani, Stefano Colombo, Aislinn, Marco Marulli, Sanrei, Emanuele Crocetti, Andrea Borla, Elena Noseda, Anna Notti, Andreea Elena Stanica, Marina Priorini, Lucia Coluccia, Simone Babini, Fiorenzo Catanzaro, Francesco Mastinu, Cristina Cornelio, Roberto Paradiso, Andrea Avvenengo, Maria Boffini, Mara Bomben, Alex Panigada, Federico Iarlori, Marika Bernard, Alessandra Ronconi, Francesco Danelli, Gabriele Nannetti, Salvatore Ingrosso, Paolo Oddone, Valerio Evangelisti.
Vedi ANTEPRIMA (566,01 KB scaricato 863 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Un passo indietro

Un passo indietro

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma appartiene a un amico "speciale" dell'Associazione culturale.
Il titolo di questo libro vuole sintetizzare ciò che spesso la Natura è costretta a fare quando utilizza il suo strumento primario: la Selezione naturale. Non sempre, infatti, "evoluzione" è sinonimo di "passo avanti", talvolta occorre rendersi conto che fare un passettino indietro consentirà in futuro di ottenere migliori risultati. Un passo indietro, in sostanza, per compierne uno più grande in avanti.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (1,82 MB scaricato 438 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 513 volte).
info e commenti compralo su   amazon