Spiaggia libera

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
2
14%
2 - mi piace pochino
4
29%
3 - si lascia leggere
5
36%
4 - è bello
1
7%
5 - mi piace tantissimo
2
14%
 
Voti totali: 14

Alessandro Carnier
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 26
Iscritto il: 04/08/2012, 20:48

Author's data

Spiaggia libera

Messaggio da leggere da Alessandro Carnier »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

Saranno stati i primi anni ottanta, Roberto aveva superato gli esami di maturità. Durante l'ultimo anno di liceo aveva anche frequentato un corso di fotografia, e ne era nata una grande passione.
Quando usciva per scattare foto, si portava a tracolla una borsa con dentro una macchina fotografica reflex semplice ed economica, con svariati obiettivi, e qualche filtro. Passava intere giornate a sviluppare rullini fotografici e stampare foto in bianco e nero in una piccola e soffocante camera oscura, e spesso s'alzava all'alba per sfruttare particolari condizioni di luce. Fu Paolo, un suo ex compagno di classe, a invitarlo in una spiaggia libera e poco conosciuta.
Ora lui frequentava una scuola di taglio a Treviso, mentre Roberto si era inscritto all'Accademia Di Belle Arti Di Venezia. Paolo era un bel ragazzo, moro con gli occhi verdi. Suonava la chitarra e cantava. Aveva anche provato a incidere con un suo gruppo qualche disco a Milano. Ma poi tutto si era esaurito li. Possedeva uno spiccato gusto per l'abbigliamento, e voleva entrare nel mondo della moda.

Roberto e Paolo partirono con una Renault 4, in compagnia della compagna di Paolo, e di Bruno che si era aggregato all'ultimo momento. La spiaggia libera di cui parlava Paolo era posta fra due note località turistiche, Caorle e Bibione. Paolo era molto corteggiato da belle ragazze, che subivano il suo innegabile fascino, e Roberto non aveva mai capito come mai le trattasse sempre male. Federica la sua ragazza, stava con lui da poco più di un mese e spesso piangeva per causa sua, che a lei preferiva la compagnia di Bruno.
Parcheggiata l'auto su indicazione di Paolo all'ombra di un alto pino marittimo, assieme attraversarono su un sentiero una fitta pineta, in fine un'ampia zona di dune e arbusti, per poi stendere gli asciugamani su una specie di recinto fatto di avanzi di legni rinsecchiti portati a riva dalle mareggiate. Abilmente Paolo e Bruno piantarono dei pali sui quattro lati del recinto e vi fissarono un ampio telo che faceva loro ombra. La sabbia ammucchiata sui quattro lati del recinto riparava dal vento i corpi stesi. Roberto avrebbe preferito stendersi sull'arenile in faccia al mare, capii poi la scelta del recinto, posto più a monte a ridosso della sterpaglia.


Mentre stendeva l'asciugamano su un angolo del recinto all'ombra del telo, vide che i suoi compagni oltre a spogliarsi di jeans e maglietta, si tolsero con naturalezza il costume da bagno.
"Non ti levi il costume Roby?" Disse Paolo rivolto a Roberto, mentre Federica e Bruno già avevano inforcato gli occhiali da sole e si spalmavano la crema protettiva.
"No, senza costume non mi sento protetto, preferisco tenerlo."
"Fa come vuoi… non sai che senso di libertà da lo stare nudi al sole, senza niente addosso."
"Sarà… ma io vado a fare il bagno, e non vorrei che a un pesce venisse in mente di mordermi nelle parti basse…" Paolo rise, e poi si sistemò accanto a Federica."
Roberto si rese conto che la sua era una scusa, si trovava semplicemente in imbarazzo, soprattutto perché il corpo di Federica visto nella sua completa nudità lo aveva inquietato. Era da un po' che non vedeva una ragazza nuda. Era rientrato da poco dall'Inghilterra dove aveva ultimato uno di quei corsi di lingua ed era parecchio che non usciva con una ragazza. Si avviò verso il bagnasciuga di corsa e si tuffò in acqua, per darsi una rinfrescata e rischiarare la mente.
Non aveva niente contro il nudismo, ma portare il costume al mare a lui non dava fastidio, anzi gli infondeva un senso di sicurezza.
Quando rientrò, Federica era rimasta sola.
"Paolo e Bruno dove sono, non li ho visti in acqua?" Federica sollevò lievemente gli occhiali scuri guardandolo… "Sono andati a cercare rami, sassi… sai è la loro nuova mania."
"Cioè?" Lui rispose sedendole accanto e bevendo un sorso d'acqua minerale dalla bottiglia.
"Cercano legni e sassi lavorati dal mare e dal tempo. Sai quelle radici tutte contorte, e quei sassi molto levigati."
"E per farne che?"
"Delle sculture. E comunque questa idea del nudismo… a me non importa poi molto. In costume o senza per me fa lo stesso. Lo faccio solo per compiacere Paolo. È un'altra delle sue trovate, l'estate scorsa è stato in Grecia su una barca a vela del padre di un suo caro amico, su un'isola in un campo nudista. La tutti giravano nudi, e adesso vuole farlo anche qui.
"Io non ho nulla in contrario." Rispose Roberto. "Ma se non sbaglio in Italia è ancora proibito girare nudi in spiaggia." Mentre diceva questo vide due anziani che camminavano vicino alla riva dove l'acqua non superava i dieci centimetri, c'era la bassa marea. "Si lo so Roberto, è per questo che stiamo distesi dentro questi recinti di sabbia e legni. Quando stai disteso non vedono che sei nudo." Federica gli indicò altre postazioni come queste. Roberto si alzò e montò il teleobiettivo sulla macchina fotografica, poi guardò tra le dune e gli arbusti. Infatti, vide teli simili al loro e ombrelloni seminascosti tra la sabbia e il verde.
Verso le dieci spuntarono le famigliole con tavoli e sedie, ma piantavano l'ombrellone nell'ampio tratto di spiaggia vicino all'entrata principale. Roberto, Federica e gli altri nudisti erano molto più a est, dove la spiaggia era più corta, e più selvatica.
Federica si spalmò nel frattempo un po' di crema, massaggiandosi prima i seni, poi le cosce e infine i glutei. Roberto si rese conto di provare una intensa attrazione per Federica, e ciò lo turbò, poiché lei era la ragazza del suo migliore amico. Si sentiva in colpa, si girò dando la schiena a Federica e disse: "Sai che faccio, vado a vedere se posso fare qualche scatto interessante."
"Vedi se trovi quei due, sono stufa di stare sola!" Gli rispose Federica girandosi per esporre la schiena al sole. Roberto prese la macchina e la borsetta con la restante apparecchiatura fotografica e s'incamminò verso la pineta.
Dopo una quindicina di minuti che camminava fermandosi ogni tanto per scattare qualche foto, senza convinzione, vide due figure all'ombra di un cespuglio. Puntò lo zoom 70-80 mm nella loro direzione, e mise a fuoco. Era Paolo che baciava avidamente Bruno come non aveva mai visto farlo con Federica. Aveva sempre sospettato che Paolo avesse delle tendenze omosessuali, ma con lui non ci aveva mai provato, forse non era il suo tipo. Non voleva che lo scoprissero, e così rifeci a ritroso il cammino calpestando le sue stesse impronte.
Quando arrivò davanti alla postazione in spiaggia, trovò Federica che aveva indossato il costume.
"Come mai ti sei messa il costume?"
"Vieni con me, voglio prendermi un gelato, è arrivato il carrettino, laggiù." Federica indicò la zona frequentata dalle famigliole, dove non si praticava il nudismo.
"Li hai visti?"
"Chi?"
"Paolo e Bruno! Li hai incontrati?"
"No. Devono essere andati fino alla foce del fiume, dove ci sono i casoni."
"Sono stufa. Per un motivo ho per l'altro io e Paolo non usciamo quasi mai soli. E poi è sempre sgarbato con me. Alle volte mi chiedo perché stiamo insieme."
"Mi spiace, se lo avessi saputo avrei fatto a meno di venire con voi."
"Ma no, tu non centri. Penso solo che una coppia dovrebbe stare più tempo insieme. Da soli, intendo." In quel momento un elicottero dei carabinieri sorvolò la zona.
"È la seconda o terza volta che passa. Staranno cercando qualcuno?" Rispose Roberto. Federica e Roberto tornarono leccando i gelati che avevano acquistato. Lei un cono con due palline al gusto di vaniglia e limone, e lui la solita pallina di cioccolato fondente.
Quando giunsero in prossimità della postazione prendisole, trovarono Paolo e Bruno con due uomini stranamente vestiti di tutto punto.
"Be, che sta succedendo Paolo?" Chiese Federica.
"Niente, niente, non ti preoccupare." Paolo e Bruno frugavano negli zainetti in cerca di qualcosa…
"Ah ecco agente: carta d'identità e patente."
"Basta la carta d'identità!" Disse quello che pareva superiore in grado. Portavano ambedue un binocolo al collo. Dobbiamo redigere il verbale e fare la denuncia.
"Perché la denuncia, Paolo cos'hai combinato?"
"Ma niente… è perché eravamo nudi."
"Signorina è vietato dalla legge, sono atti contrari alla pubblica decenza, articolo 746… mi spiace, ma è nostro dovere…" Il carabiniere sembrava sinceramente dispiaciuto. Paolo era visibilmente preoccupato, suo padre era un noto politico della DC, e questo fatto non gli avrebbe certo procurato piacere, infatti era un devoto frequentatore della parrocchia della sua città, nonché intimo amico del vescovo. "Se lo viene a sapere mia madre, mi muore, agente. È una donna molto anziana e bigotta, non potreste fare un'eccezione questa volta? Se scopre la denuncia nella cassetta delle lettere sviene." Disse Bruno.
"Voglio venirle incontro, lei, dai documenti vedo che è maggiorenne, la avviseremo e le faremo consegnare la denuncia personalmente. Va bene?"
"Grazie. Sa, io sono l'unico figlio, e mio padre e morto da poco. Mia madre ne morirebbe dal dispiacere. Compilati e firmati i verbali, i due carabinieri si allontanarono.
Paolo e tutti i presenti si vestirono e si avviarono in direzione dell' auto.
Mentre riponevano gli zainetti nel portabagagli, Paolo esclamò: "Che sfiga, che sfiga nera. Ma proprio noi dovevano beccare. Mio padre mi ammazza di legnate, se lo viene a sapere.

In realtà il padre di Paolo riuscì attraverso le sue amicizie a non far finire sui quotidiani locali l'accaduto, mitigandone le conseguenze. I carabinieri consegnarono in mano a Bruno la denuncia, e sua madre morì qualche anno dopo senza venire a sapere nulla di questa vicenda.
Nel 1995 una sentenza del Tribunale di una cittadina del sud Italia assolveva "perché il fatto non costituisce reato", dalla contravvenzione un cittadino in un analogo caso. Successivamente nel 2000 una sentenza della Corte Di Cassazione sanciva definitivamente che il naturalismo non è reato nei luoghi in cui è consuetudine.
Roberto venne a sapere dopo una ventina d'anni, che Paolo era deceduto per infarto nel suo ufficio di direttore artistico di una nota casa di moda a Milano. Bruno aveva tentato di fare il modello sempre nel settore dell'abbigliamento, poi aveva partecipato e vinto un concorso nazionale di bellezza, infine si era iscritto all'università ed era divenuto un bravo psicoterapeuta. Federica dopo pochi mesi da quel fatto abbandonò Paolo, si laureò in giurisprudenza, sposò un notaio facoltoso di Pavia, da cui dopo cinque anni divorziò. Ora gestisce un ristorante a Stoccolma.

Pordenone 9.01.2014
Di Alessandro Carnier
Allegati
Spiaggia libera settembre 2014.jpg
Ultima modifica di Alessandro Carnier il 27/11/2021, 10:54, modificato 18 volte in totale.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

commento a Spiaggia libera

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Queste le segnalazioni che ho trovato dopo le solite due letture

e né era nata ----- per me l'accento non ci vuole.
stesi. Roberto avrebbe preferito stendersi --- stesi -- stendersi
libertà da, lo stare nudi --- io toglierei la virgola
Spuntavano infatti teli simili -- solitamente infatti è tra due virgole
Fu Paolo, un ex compagno di liceo a invitarlo durante l'estate, al mare - io sistemerei così: Fu Paolo, un ex compagno di liceo, a invitarlo al mare, durante l'estate,
E una donna molto anziana e ---- manca l'accento su E
e spesso piangeva per causa sua, che a lei preferiva spesso --- spesso --- spesso

asciugamani su una specie di recinto fatto di avanzi di legni rinsecchiti portati a riva dalle mareggiate. Abilmente Paolo e Bruno piantarono dei pali sui quattro lati del recinto e vi fissarono un'ampio telo che faceva loro ombra. La sabbia ammucchiata sui quattro lati del recinto riparava dal vento i corpi stesi. Roberto avrebbe preferito stendersi sull'arenile in faccia al mare, capii poi la scelta del recinto, posto più a monte a ridosso della sterpaglia.
Mentre stendeva l'asciugamano su un angolo del recinto all'ombra --- la parola recinto è ripetuta cinque volte

Mentre diceva questo vide due a --- virgola dopo questo

Spuntavano infatti teli simili al loro e ombrelloni seminascosti tra la sabbia e il verde. Verso le dieci spuntarono le famigliole --- spuntavano --- spuntarono -- infatti tra due virgole

Considerazione sul finale: mi venga un colpo se mi aspettavo questo finale. Proprio non mi è piaciuto. Con tutte le possibilità che ti eri preparato, perché mai chiudere con una specie di resoconto storico sulla fine dei protagonisti?
Racconto decisamente migliorabile -- Voto 3 per l'idea, voto 2 per lo svolgimento e il finale. Arrotondo a 3.
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Il racconto di sé per sé non mi dice tanto, anche se l atmosfera dell'Italia di una volta è nostalgica. Purtroppo il brano presenta diversi errori, sicuramente di distrazione, che stridono. Proverei a pubblicarlo dopo una correzione.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 514
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Resoconto piuttosto neutro di una giornata al mare di tanti anni fa: il narratore espone i fatti, scopre le tendenze omosessuali di due amici, la piccola disavventura con i carabinieri, dice quello che è successo loro in seguito; manca un vero e proprio climax. Non mi ha lasciato un'impressione particolare.
Refusi: "un'ampia" vuole l'apostrofo, "un ampio" no; "montò" e non "montó"; "Per un motivo o per l'altro…"; "Io non ho nulla in contrario, rispose Roberto, ma se non sbaglio in Italia è ancora proibito girare nudi in spiaggia." Questa frase contiene un dialogo, mancano le virgolette; qualcosa da sistemare nella punteggiatura.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Egidio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 53
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Mi spiace dover dare un giudizio negativo su questo racconto, ma lo trovo molto somigliante alla sceneggiatura di certi film scadenti. Avresti dovuto essere più originale nella trama, mentre sai rendere bene l'atmosfera "anni ottanta".
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 567
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Ci sono diversi errori, peraltro già segnalati. Circa la storia, non saprei... anche io ritengo tu abbia descritto assai bene gli anni a cui ti riferisci nel racconto. Devo inoltre dire che lo scritto si è lasciato leggere quasi sino alla fine, ma la fine a me non è piaciuta, ho trovato un poco pesante e inutile la narrazione sul proseguo vita dei protagonisti della storia.
Stefano M.
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 14/09/2021, 23:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefano M. »

A giudicare dalla scrittura (semplice e lineare, con qualche piccolo errore) e dallo svolgimento (senza particolari guizzi ma comunque interessante) penso che il mio giudizio sia un 3. Mi sento invece di dare il massimo dei voti (5) per come sono stati affrontati i temi dell’omosessualità e del nudismo. Trattandosi di un racconto ambientato negli anni ’80 è giusto che siano ancora visti come cose scandalose, da nascondere: molto spesso chi scrive racconti storici fa ragionare ed agire i propri personaggi come nostri contemporanei, cosa in realtà sbagliatissima. Un bravo quindi all’autore che ha saputo dare il giusto distacco temporale alla vicenda.
Alessandro Carnier
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 26
Iscritto il: 04/08/2012, 20:48

Author's data

Risposta

Messaggio da leggere da Alessandro Carnier »

Ho corretto i refusi segnalati gentilmente dai commenti "spero di non averne dimenticato qualcuno".
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Ci sono buoni elementi di vissuto, riportati nel modo giusto e col giusto peso, nella giusta atmosfera temporale e geografica.
Certo, fa riflettere il fatto che, solo pochi anni dopo, tutto si sarebbe risolto diversamente, nessun caso sarebbe scoppiato, ma...
Se si ragiona bene sulle vite dei personaggi, forse non tanto: Paolo avrebbe ancora oggi cercato di fidanzarsi con una Federica, perché nel paesello anche nel 2021 non può piacerti un uomo, soprattutto se sei il figlio di un politico locale (oggi, poi, della Lega!!!), e sarebbe lo stesso morto nel suo ufficio di direttore artistico (coi tempi che corrono...); Federica avrebbe sposato lo stesso un notaio e sarebbe lo stesso emigrata; Bruno sarebbe diventato lo stesso psicoterapeuta; Roberto sarebbe costantemente in contatto con loro tramite i social, ecco il cambio!
Ciascuno di noi fa le sue cappellate nella vita (e continua a farle), e dove ci porta la strada nessuno lo sa. Ma non bisogna guardare alla vita di ieri con gli occhi di oggi, bisogna vivere la vita ogni giorno come se fosse l'ultimo. 40 anni fa le cose sono andate così (e dov'è la tragedia, una multa? Il papà politico furioso?), ma noi viviamo oggi! I momenti di autentico pathos nel racconto sono la scelta del dove stendere gli asciugamani, autentica immersione mentale, il bacio clandestino tra Paolo e Bruno, l'imbarazzo di Roberto. Questi li incornicerei.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 679
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

ci sono ancora parecchi errori, purtroppo, nonostante le correzioni.
a parte questo, il racconto non mi piace più di tanto e il finale lo avvilisce del tutto.
alla fine diviene il resoconto delle vite di alcune persone e niente altro.
visto di cosa tratta avrebbe potuto risultare molto più incisivo e pentrare nella mente del lettore.
peccato.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Francesco Pino
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 235
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Sono d'accordo con chi critica il finale e il racconto nel suo complesso sa troppo di "fredda cronaca". Peccato, perché è una storia che ci riporta indietro alle difficoltà psicologiche e sociali che doveva subire un omosessuale in quegli anni. Non solo ci si doveva nascondere, ma si doveva anche fingere di essere etero, senza contare che alla visita militare ti mandavano all'ospedale per controlli psichiatrici… non mi è possibile comprendere fino in fondo il travaglio interiore in situazioni del genere.
Mi vorrei soffermare un attimo sull'episodio della denuncia e mi scuso se la mia interpretazione è del tutto sbagliata: a me sembra di capire che qualcuno abbia denunciato quei ragazzi perché si baciavano, non perché erano nudi. Mi sembra che il fatto di essere nudi sia stata la scusa detta a Federica e Roberto per giustificare la situazione e il carabiniere forse è dispiaciuto proprio perché non ci vede niente di male in due dello stesso sesso che si baciano all'aperto come una qualsiasi coppia eterosessuale. In ogni caso poi il finale parla dei progressi della legge nei confronti del naturismo… forse non ho capito niente davvero :D
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Temistocle
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 79
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Sinceramente non mi è piaciuto.
Una scrittura un po' sciatta e con diversi errori (anche grammaticali; forse manca una revisione?), trattata quasi con superficialità.
Peccato perché l'argomento poteva valere molto di più. Ci vorrebbe più cuore nella stesura? Non so giudicare...
Gabi Celeste Pisani
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 34
Iscritto il: 10/11/2021, 12:25

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Gabi Celeste Pisani »

Anche io sono d'accordo con chi dice che il finale svilisce tutto il racconto. Sinceramente sembra quasi che tu avessi fretta di chiudere la storia velocemente e non rende giustizia a quello che avevi scritto fino a qualche parola prima. Per quanto riguarda la parte tecnica io non sono una super esperta e quindi mi rimetto al giudizio degli altri, posso dirti quella che è stata la mia impressione: una scrittura estremamente semplice e non abbastanza curata.
Però sulla trama mi esprimo in modo favorevole, ho trovato l'idea buona, da migliorare il versante espressivo e di trasposizione.
Nuovoautore
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 23/11/2021, 17:56

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Nuovoautore »

Azz... già pregustavo due belle corna poste da Federica sul capo del moroso... e poi, ci ha pensato lui a spiazzarmi completamente. Non me lo aspettavo. Corna da spiaggia libera. Ciao (spero che il commento sia andato a buon fine)
Alessandro Carnier
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 26
Iscritto il: 04/08/2012, 20:48

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Alessandro Carnier »

Francesco Pino ha scritto: 15/11/2021, 11:54 Sono d'accordo con chi critica il finale e il racconto nel suo complesso sa troppo di "fredda cronaca". Peccato, perché è una storia che ci riporta indietro alle difficoltà psicologiche e sociali che doveva subire un omosessuale in quegli anni. Non solo ci si doveva nascondere, ma si doveva anche fingere di essere etero, senza contare che alla visita militare ti mandavano all'ospedale per controlli psichiatrici… non mi è possibile comprendere fino in fondo il travaglio interiore in situazioni del genere.
Mi vorrei soffermare un attimo sull'episodio della denuncia e mi scuso se la mia interpretazione è del tutto sbagliata: a me sembra di capire che qualcuno abbia denunciato quei ragazzi perché si baciavano, non perché erano nudi. Mi sembra che il fatto di essere nudi sia stata la scusa detta a Federica e Roberto per giustificare la situazione e il carabiniere forse è dispiaciuto proprio perché non ci vede niente di male in due dello stesso sesso che si baciano all'aperto come una qualsiasi coppia eterosessuale. In ogni caso poi il finale parla dei progressi della legge nei confronti del naturismo… forse non ho capito niente davvero :D
Il mio racconto nasce da un episodio realmente accaduto in quegli anni. Alcune zone nascoste della spiaggia erano frequentate da amanti del nudismo, allora proibito, e da omosessuali e lesbiche, nonché da scambisti. Attraversando i sentieri della pineta antistante alla spiaggia, poteva capitare di imbattersi in coppie che praticavano sesso senza alcuna inibizione, magari al riparo di qualche cespuglio. Non ci si faceva neanche più caso. Nel racconto, Paolo e Bruno vengono multati perché praticavano il nudismo, anche se nel testo non è specificato, come avveniva perlopiù allora, da una pattuglia di agenti a terra. Io è da molti anni che non frequento la spiaggia in questione, poiché ha perso la sua naturale bellezza, ai pochi frequentatori di allora, per la maggior parte gente che non poteva permettersi le spiagge attrezzate delle vicine località turistiche rinomate, si è sostituita una gran massa di turismo proveniente da altre regioni e dall'estero e anche un certo turismo d'élite. Ora delle auto utilitarie di allora, parcheggiate all'ombra dei pini marittimi non c'è più traccia, oggi è severamente vietato posteggiare in pineta. In un attrezzato enorme parcheggio trovi posteggiate auto di tutte le marche, e costosi SUV. La spiaggia è diventata un oasi naturalistica di moda, e io non ci vado più perché troppo frequentata. Il nudismo pare sia ancora vietato in quella spiaggia.
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 48 - Stelle

La Gara 48 - Stelle

(settembre/ottobre 2014, 34 pagine, 799,91 KB)

Autori partecipanti: Maddalena Cafaro, Nunzio Campanelli, Stella_decadente, Marina Paolucci, Umberto Pasqui, Patrizia Chini, Annamaria Vernuccio, Paolo Ninzatti, Lodovico,
a cura di Marina Paolucci (con la supervisione di Lodovico Ferrari).
Scarica questo testo in formato PDF (799,91 KB) - scaricato 129 volte.
oppure in formato EPUB (380,91 KB) (vedi anteprima) - scaricato 200 volte..
Lascia un commento.

La Gara 41 - Tutti a scuola!

La Gara 41 - Tutti a scuola!

(ottobre 2013, 49 pagine, 1,59 MB)

Autori partecipanti: Eliseo Palumbo, Lodovico, Polly Russell, Desiree Ferrarese, Rovignon, Nunzio Campanelli, Alessandro D, Lorella15, Eddie1969, Michele, Kaipirissima,
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,59 MB) - scaricato 206 volte..
Lascia un commento.

La Gara 65 - Viaggi, amici, bagagli

La Gara 65 - Viaggi, amici, bagagli

(luglio/agosto 2017, 30 pagine, 676,30 KB)

Autori partecipanti: Ser Stefano, Massimo Tivoli, Daniele Missiroli, Angela Catalini, Nunzio Campanelli, Enrico Gallerati, Angelo Manarola,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (676,30 KB) - scaricato 67 volte.
oppure in formato EPUB (757,58 KB) (vedi anteprima) - scaricato 81 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


IperStore - il lato oscuro dello Shopping

IperStore - il lato oscuro dello Shopping

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma appartiene a un amico "speciale" dell'Associazione culturale.
È il giorno dell'inaugurazione di un supermercato, uno davvero grande, uno iper, uno dei tanti che avrete voi stessi frequentato e arricchito. Durante questa giornata di festa e di aggregazione sociale, qualcuno leggerà un dattiloscritto ancora inedito il cui contenuto trasformerà l'impossibile in normalità.
"...come se dal cielo fosse calata la mano divina di un Dio stanco e dispiaciuto dei propri errori, o come se tutte le altre grandi divinità fin'ora inventate dal Genere umano per compensare la propria inconsapevole ignoranza tribale e medievale verso i misteri della Natura e della Vita, si rivoltassero ai propri Creatori e decidessero di governare le loro fantasie".
La storia è leggermente erotica, vagamente fantasy, macchiata di horror e forse un po' comica.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (166,68 KB scaricato 49 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Antologia visual-letteraria (Volume tre)

Antologia visual-letteraria (Volume tre)

Questa antologia a tema libero è stata ispirata dalle importanti parole di Sam L. Basie:
Dedicato a tutti coloro che hanno scoperto di avere un cervello, che hanno capito che non serve solo a riempire il cranio e che patiscono quell'arrogante formicolio che, dalle loro budella, striscia implacabile fino a detonare dalle loro mani. A voi, astanti ed esteti dell'arte.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Iunio Marcello Clementi, Noemi Buiarelli, Marco Bertoli, Liliana Tuozzo, Alessandro Carnier, Martina Del Negro, Lodovico Ferrari, Francesca Gabriel, Pietro Rainero, Fausto Scatoli, Gianluigi Redaelli, Ilaria Motta, Laura Traverso, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Ida Dainese, Marino Maiorino.
Vedi ANTEPRIMA (921,21 KB scaricato 53 volte).
info e commenti compralo su   amazon


L'arca di Noel

L'arca di Noel

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma appartiene a un amico "speciale" dell'Associazione culturale.
Da decenni proviamo a metterci al riparo dagli impatti meteoritici di livello estintivo, ma cosa accadrebbe se invece scoprissimo che è addirittura un altro mondo a venirci addosso? Come ci comporteremmo in attesa della catastrofe? Potremmo scappare sulla Luna? Su Marte? Oppure dove?
E chi? E come?
L'avventura post-apocalittica ad alta tensione qui narrata proverà a rispondere a questi interrogativi.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (188,99 KB scaricato 31 volte).
info e commenti compralo su   amazon