Il verme

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Votazione

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
20%
3 - si lascia leggere
4
27%
4 - è bello
8
53%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 15

Ibbor OB
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 13/06/2020, 18:46

Author's data

Il verme

Messaggio da leggere da Ibbor OB »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

Le giornate si erano accorciate, alle otto di sera il sole era già tramontato facendo calare la notte. Abram aveva deciso di fare due passi dopo cena. Ultimamente si sentiva agitato e non riusciva a controllare la sua ansia. Faticava molto a prendere sonno a meno di non scolarsi una mezza bottiglia di Gin. Non aveva mai bevuto in vita sua, ma ora era diverso. Si sentiva solo in quell'enorme casa. Era già passato più di un mese da quando la moglie lo aveva lasciato. Era partita portando con sé le sue due amate figlie. Non era neppure sicuro se le avrebbe mai riviste.
Nonostante l'alcol già ingerito cercava di camminare con passo composto e spedito. «Il Gin fa davvero schifo», pensava. Odiava quel gusto di resina che lascia in gola. Era uscito da circa un'ora e stava smaltendone gli effetti. Iniziava a recuperare un po' di lucidità ma sentiva le gambe sempre più pesanti.
Stava percorrendo un marciapiede dissestato lungo una stradina secondaria di campagna. In quel minuscolo paese dopo una certa ora, specialmente in quella stagione, non c'era mai nessuno in giro. Il silenzio era totale. La casa più vicina distava almeno trecento metri. Vedeva i moscerini che ronzavano attorno alle luci di quei tristi lampioni che illuminavano la strada con fioca luce giallastra.
Alla sua destra, oltre ad una rete metallica arrugginita, delle piante di rovo crescendo da lungo tempo senza controllo avevano formato delle siepi disordinate e fittissime. Pensò per un attimo alle dolci more che si sarebbero potute cogliere a fine estate.
Notò con la coda dell'occhio che un ramo pieno di spine si mosse come se qualcosa lo avesse colpito. D'istinto volse lo sguardo cercando di capire cosa potesse essere. In mezzo al buio, fra le foglie rugose, per un attimo scorse due riflessi luminosi simili a quelli che creano gli occhi di un gatto nella notte. «Un gatto in mezzo ai rovi?» pensò. «Che strano!». Si fermò e rimase immobile fissando con attenzione lo spazio semivuoto tra le fronde. Con suo stupore i due pallini luminosi si mossero verso l'alto. Erano troppo vicini fra loro per essere gli occhi di un felino. I fumi dell'alcol che annebbiavano la sua mente erano svaniti e si sentiva ormai quasi del tutto lucido, ciononostante non riusciva proprio a capire. Preso dalla curiosità, raccolse un sasso e lo lanciò verso quello strano fenomeno. Centrò in pieno il bersaglio. Un tonfo sordo seguito da una specie di sinistro gemito ne era la prova. Estrasse allora il cellulare dalla tasca e accese la torcia. Sentì un rumore come di un animale che si fosse mosso furtivo in mezzo alle piante. Pensò allora che forse sarebbe stato meglio lasciar stare. Se dai rovi fosse saltata fuori una volpe o un cane con intenzioni bellicose, lì in mezzo al niente, sarebbe stato difficile trovare qualcuno pronto ad aiutarlo.
Riprese quindi la strada che stava percorrendo affrettando il passo in modo da allontanarsi da quel posto inquietante. In pochi istanti quei tristi pensieri che lo opprimevano da settimane si impossessarono ancora una volta di lui. Pensava alle sue figlie. A sua moglie. A come lo avessero abbandonato in quel modo. Non credeva di essersi meritato un simile trattamento.
Per un momento la luce dei lampioni si oscurò. Del resto in quella misera città non funzionava mai niente. La rabbia lo colse e si aggiunse alla tristezza e alla disperazione che avvelenavano la sua mente debilitandolo sempre più. Sentì distintamente qualcosa che si muoveva alle sue spalle in mezzo ai rovi. Si girò. Una creatura a cui non sapeva nemmeno dare un nome si ergeva immobile proprio davanti a lui.
Una specie di verme gigante era sbucato da quel punto in cui un attimo prima aveva lanciato il sasso. La pelle dell'essere era spessa e secca. La sezione era perfettamente sferica. Alla sommità c'era una corona di occhi luciferini che andavano a disegnare una sorta di terrificante cerchio. L'essere misterioso teneva la parte superiore del corpo sollevata come fanno certi serpenti quando puntano la preda. Era davvero imponente e lo fissava rimanendo immobile e minaccioso. Abram rimase pietrificato senza riuscire quasi a muoversi, sopraffatto dall'orrore.
Il verme colossale fuoriuscì ulteriormente da quel nascondiglio arrivando a sovrastarlo di almeno qualche metro. Il pover'uomo non poté fare a meno di notare le escrescenze a forma di V che decoravano il ventre dell'essere e la miriade di piccole braccia o zampe che orribilmente uscivano e rientravano dai fianchi dell'animale.
La creatura gli si avvicinò a poco a poco finché la corona di occhi fu a pochi centimetri dai suoi. Notò con raccapriccio che dietro alle pupille quasi umane del mostro, rotonde e nere, si celava una coscienza senza dubbio malvagia. La sommità del disgustoso corpo cilindrico si rivelò essere dotato di una sorta di ventosa. Con uno scatto il verme calò tale struttura sulla testa di Abram e vi si attaccò.
Sentendosi tirare la pelle della faccia con un'impensabile forza verso l'alto urlò con tutta il fiato che aveva nei polmoni. In preda al terrore si chiese se quella ventosa non fosse in realtà la bocca della belva. Cercò di divincolarsi ma del tutto paralizzato e in balia del suo immondo aggressore.
Sentì con orrore che in qualche oscuro modo la malefica coscienza dell'animale era penetrata nella sua testa per frugare nei suoi pensieri. Tentò invano di opporsi ma lo strano essere utilizzando una sorta di potere telepatico si insinuò ancor più a fondo nella sua mente come se volesse appropriarsene o forse ancor peggio, nutrirsene. Abram si convinse che con ogni probabilità fosse proprio questo lo scopo di tale assalto.
Inerme e suo malgrado assoggettato al suo carnefice, con grande stupore si accorse che il tormento interiore che lo attanagliava da settimane inspiegabilmente stava scemando. Il dolore psichico che lo consumava sembrava abbandonarlo a poco a poco. L'angoscia e la tensione dei suoi nervi si allentarono lasciando il posto a un nuovo incredibile senso di pace e tranquillità. Lo stato di prostrazione che si era impossessato di lui da quando era rimasto solo, con sua grande sorpresa lo abbandonò in poche decine di secondi. Il verme doveva essere entrato in contatto con i suoi pensieri e forse aveva tentato di estrarli per nutrirsene. Magari aveva iniziato a predigerire la sua mente come fanno certi ragni con le loro prede prima di succhiarne i tessuti interni ridotti a una poltiglia. Quasi certamente la creatura era intenzionata a banchettare con la psiche della sfortunata preda e aveva iniziato da lì, da quei pensieri neri che riempivano la coscienza martoriata di Abram. Si poteva presumere, però, che la bestia luciferina non si aspettasse di trovare così tanta sofferenza lì dentro. Forse non pensava che fosse possibile che ce ne fosse così tanta in una persona sola. In ogni caso l'animale dopo qualche minuto si ritrasse disgustato e impaurito come quando si addenta un boccone avariato.
Il mostro, mollò la presa interrompendo il processo in atto e si ritrasse nel suo buco scomparendo mentre emetteva strani e penosi versi.
Abram cadde a terra sfinito ma allo stesso tempo sereno. Cercò dentro di sé la sofferenza che da settimane lo torturava. Con suo stupore non vi trovò più niente. Niente! Scandagliò a fondo gli angoli più remoti della coscienza. Non c'era più traccia nemmeno di un briciolo del suo tormento. Pur ricordandosi ogni cosa fin nei minimi dettagli, ora riusciva a gestire le emozioni senza alcuno sforzo. Non sapeva se preoccuparsi o meno. Calde lacrime di gioia scesero sulle sue guance ferite.
Riusciva a pensare a ciò che gli era successo nella sua lunga e travagliata esistenza, a sua moglie che lo aveva lasciato e alle sue dolci figlie, pur rimanendo sereno e lucido. Aveva ripreso il controllo e anzi non era mai stato così sano di mente come ora. Il verme sembrava aver agito in qualche modo sul suo cervello, estraendo quel grumo di dolore psichico che da settimane lo devastava e forse aveva agito ancor più in profondità sbloccando alcune capacità mentali che nemmeno lui sapeva di avere.
Il mostro d'un tratto rispuntò dal suo rifugio forse per tentare un nuovo attacco. Si lanciò verso di lui spalancando la mortale ventosa o bocca che fosse. Abram ebbe la prontezza di riflessi necessaria per schivarlo. L'essere, esaurite le ultime energie, dopo un istante cadde a terra esanime, molto probabilmente avvelenato da quel pasto indigesto.
Il giorno dopo, tutti i giornali parlavano di una strana ed enorme creatura trovata morta a terra in una zona poco frequentata.
Abram non raccontò mai tali incredibili avvenimenti, a nessuno.
Ultima modifica di Ibbor OB il 17/11/2021, 22:53, modificato 4 volte in totale.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Andr60
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 242
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Una storia con buone descrizioni del proditorio attacco di un super-verme al malcapitato protagonista. Che però scopre, con sorpresa, di essere stato molto fortunato. Il racconto scorre bene (a parte alcuni tempi verbali da rivedere, secondo me) e fa venire la tentazione di ispezionare i boschi per cercarne un altro, di quei vermi. Ad esempio, io ne avrei un bisogno urgente...
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

commento : Il verme

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

La storia inizia con la presentazione di una vicenda famigliare dolorosa, purtroppo frequente, che a volte arriva alla tragedia del femminicidio. Nulla fa presagire la svolta che a breve il racconto avrebbe assunto. Ben presto il prologo è abbandonato a futura memoria, ed eccoci catapultati nel super amatissimo racconto fantastico favolistico, assai venerato dai “bravi autori”.
In un primo momento, visto lo stato del povero marito, pensavo si trattasse di una allucinazione, il che tutto sommato ci stava, ma così non è.
Caro autore, aiutini e correzioni di benevoli editor a parte, la scrittura dimostri di padroneggiarla, e perciò non posso evitare di domandarti, perché hai messo in campo tutta la storia iniziale per poi abbandonarla, e virare sul verme? A cosa ti è servita? Cosa volevi trasmettere al povero lettore?

Al contrario del commento che mi precede, purtroppo non mi è venuta nessuna voglia di ispezionare i boschi, alla ricerca di un altro verme. Né tanto meno ne avrei bisogno.

Qualche osservazione sul testo:

Non era neppure sicuro che le avrebbe mai riviste. I direi “se” al posto di “che”
rilevo un eccessivo ricorso agli avverbi in “mente” (ben venti in ottomila battute)
Parere personale: forse qualche tempo verbale da rivedere? Non serve, scorre abbastanza bene anche così.
Il mio voto è un due, ma tranquillo, i "bravi autori" amano questo genere, sorvoleranno sull'inizio senza senso, visto il resto del racconto, e non mancheranno folle di ammiratori entusiasti.
Ibbor OB
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 13/06/2020, 18:46

Author's data

Re: commento : Il verme

Messaggio da leggere da Ibbor OB »

Alberto Marcolli, ho tenuto conto delle tue note e ho fatto alcune modifiche. Detto questo, so benissimo che questo genere di racconti non incontra il gusto di molti e pertanto non ho nessuna aspettativa a riguardo. L'ho pubblicato comunque perché ritengo di essere qui per imparare e anche un po' per divertirmi. In ogni caso passo a darti la mia versione dei fatti in modo da rispondere alle tue domande. Mi chiedi perché a un certo punto compare una tale strana creatura. Beh, magari pensavi che" il verme" si riferisse al nostro povero personaggio destinato a cercare la sua ex per compiere qualche insano gesto. E invece no. Invece spunta proprio un vero mostro. Sarà per la mia passione per l'entomologia e la biologia in generale oltre che per la fantascienza, ma a me piacciono tutte le strane creature specialmente se aliene e minacciose. E quindi, visto che scrivo per semplice diletto, va sempre a finire che sbuca un qualche tipo di entità aberrante. Talvolta in fondo queste creature sono la personificazione di qualcosa. Chissà? E poi se proprio vogliamo trovarci un senso in questo racconto, a dire il vero un senso c'è, ma ognuno ha le proprie idee e magari lo interpreta in modo diverso.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 515
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Un verme gigante che si nutre dei pensieri e dei sentimenti delle persone. Questa volta fa la scelta sbagliata: il malessere di Abram è talmente profondo da avvelenarlo, mentre l'uomo ne esce rigenerato.
Ho trovato interessante l'allegoria del racconto, che parla del superare un momento difficile magari, come in questo caso, tramite un trauma che lo ridimensiona. Infatti il secondo attacco del mostro trova un Abram ormai più forte e pronto a eluderlo.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
RobertoBecattini
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 25/11/2018, 0:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobertoBecattini »

Scrivi piuttosto bene e i racconti con i "mostri giganti" sono sempre tra i miei preferiti. Buona anche l'idea della sanguisuga psichica. Unica pecca, avrei lasciato maggiormente intendere al lettore più che spiegarlo troppo ciò che avviene dopo il primo attacco, anche perché in una situazione così una persona, oltretutto con mezza bottiglia di gin in corpo, farebbe fatica a pensare e razionalizzare l'evento tanto da capire subito cosa sta succedendo. Ma il 4 se lo merita tutto.
RobediKarta
Egidio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 53
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Una storia "entomologica" e di bizzarra fantasia, ma con un significato interessante. Non è il genere di narrazione che prediligo, ma devo riconoscere che è ben costruita. Dal punto di vista formale non è impeccabile. Voto 3
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Re: commento : Il verme

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Ibbor OB ha scritto: 27/10/2021, 22:48 E poi se proprio vogliamo trovarci un senso in questo racconto, a dire il vero un senso c'è, ma ognuno ha le proprie idee e magari lo interpreta in modo diverso.
Rimango insoddisfatto della tua risposta. Mi spiego meglio. Mi hanno sempre insegnato che un racconto prima deve introdurre perlomeno il personaggio principale, descrivere poi una serie di fatti allo scopo di interessare il lettore e farlo calare nella storia. Catturata la sua attenzione, la maestria dello scrittore può portarlo dove vuole, nel tuo caso appare il verme, ma la regola assoluta (per lo meno per me) è chiudere tutti i fili pendenti, portandoli a una loro conclusione, fantasiosa, strana, inconsueta, ecc, ecc., ma mai abbandonarli.
In questo racconto, la lunga vicenda iniziale del protagonista è stata semplicemente abbandonata e chiuderla non costava poi molto a mio parere.
Dire che il lettore si troverà da solo la conclusione che più gli aggrada, non è onesto e temo indichi mancanza di idee da parte dell'autore.
Ibbor OB
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 13/06/2020, 18:46

Author's data

Re: commento : Il verme

Messaggio da leggere da Ibbor OB »

Alberto Marcolli ha scritto: 03/11/2021, 21:40 Catturata la sua attenzione, la maestria dello scrittore può portarlo dove vuole, nel tuo caso appare il verme, ma la regola assoluta (per lo meno per me) è chiudere tutti i fili pendenti, portandoli a una loro conclusione, fantasiosa, strana, inconsueta, ecc, ecc., ma mai abbandonarli.
In questo racconto, la lunga vicenda iniziale del protagonista è stata semplicemente abbandonata e chiuderla non costava poi molto a mio parere.
Dire che il lettore si troverà da solo la conclusione che più gli aggrada, non è onesto e temo indichi mancanza di idee da parte dell'autore.
Mi sembrava di aver chiuso e collegato tutti i fili pendenti a dire il vero. Se vuoi continuiamo questa discussione in privato. Grazie
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 362
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Non è male, tra Kafka e Gerrold. Nel senso che il verme mi ha ricordato i Chtorr di Gerrold e quella sorta di trasformazione che subisce Abram la metamorfosi di Gregor Samsa. Questa metamorfosi è però invertita rispetto a quella kafkiana e un po' confusa negli intenti. Abram viene liberato dal dolore attraverso il contatto con il verme, definito anche una coscienza malvagia, che nell'affrancarlo dalle sofferenze però muore. Il dolore, il senso di perdita e di alienazione vengono estratte da un elemento esterno, e malefico per giunta, mentre in Kafka è l'individuo che si trasforma. un'allegoria dell'alienazione.
E non un racconto fantastico potrebbe essere dunque, ma allegorico: però nel verme malefico che elide il dolore, una sorta di elisione degli identici, l'allegoria dove sarebbe?
A ogni modo, il soggetto non è male, apprezzo lo sforzo. Forse dovevi ragionare con più vigore sulla trasformazione dolore assenza di dolore e offrire al lettore qualche spunto in modo da trasformare un banale racconto fantastico in un bel racconto allegorico.
Dal punto di vista formale, il testo è scritto in modo corretto. Ti segnalo solo: "la malefica coscienza dell'animale penetrò" in realtà era penetrata.
E forse quel: "nonostante l'alcol che aveva già ingerito..." il che aveva lo toglierei.
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

La storia e l'idea che la muove sono davvero interessanti. Il racconto ricorda un po' Lovecraft un po' Alan Poe, mi è piaciuto molto. Io lo avrei arricchito con qualche descrizione in più, ma è solo un opinione. Voto 4
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Piaciuto!
A parte l'atmosfera che oscilla tra il lovecraftiano e lo Stephen King (schifezze nel Midwest :D ), è sorprendente l'esito dell'incontro, un'eucatastrofe in piena regola!
Se mi dici dove trovare vermoni così, te ne compro una carriola! :D
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Francesco Pino
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 236
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Ci sono parti del racconto che, secondo me, mostrano bene la tristezza del protagonista: la passeggiata attraverso il paese buio e solitario e il lasciarsi andare al bere a causa di un evento doloroso. I mostri fantastici non sono il mio genere, quindi ho delle difficoltà a comprendere il significato di questo verme gigante e malefico che sbuca fuori per succhiare la tristezza dell'uomo. Se devo dirla tutta il pensiero mi è andato istintivamente al film "Il miglio verde". Che il protagonista si ubriachi col gin malgrado il sapore non gli piaccia affatto secondo me dà un tocco di ulteriore tragicità a quello che gli sta accadendo nell'anima. Forse due paroline in più sul perché Abram sia stato lasciato dalla famiglia avrebbero contribuito a comprendere meglio il personaggio.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 679
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

non è scritto male, nonostante alcuni refusi già segnalati.
la storia è anche abbastanza originale, tipo fantascienza ironico sarcastica.
far morire un povero verme perché ha assorbito la mente di un disperato è una buona idea, anche se mi spiace per l'essere verde.
lo sfoltirei un poco, tagliando alcune parti superflue, ma tutto sommato è un discreto lavoro.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Temistocle
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 79
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Buona l'idea di un 'verme psicanalista'! Scherzi a parte, dico la mia che conta per quel che può. La storia c'è, immaginata bene; ma mi sembra manchi di fluidità specie nella narrazione. Es.: il verme pare essersi ritirato ma compare nuovamente all'improvviso per ricadere subito dopo; forse c'è troppo stacco tra l'immagine del dolore che sta svanendo (molto ben descritta) e la scrittura della scena del ritorno del verme.
Ci sono anche alcune discordanze verbali, tipo: "Notò con la coda dell'occhio che un ramo pieno di spine si mosse"; forse era "si era mosso"? O ancora: "Sentì con orrore che in qualche oscuro modo la malefica coscienza dell'animale penetrò nella sua testa"; forse è "penetrava"? o forse mi sbaglio io?
Insomma mi sembra che ci voglia ancora una rilettura per dare maggiore compattezza alla narrazione, perché gli elementi ci sono tutti per un buon racconto.
Ibbor OB
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 13/06/2020, 18:46

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Ibbor OB »

Namio Intile ha scritto: 08/11/2021, 11:24 Non è male, tra Kafka e Gerrold. Nel senso che il verme mi ha ricordato i Chtorr di Gerrold e quella sorta di trasformazione che subisce Abram la metamorfosi di Gregor Samsa. Questa metamorfosi è però invertita rispetto a quella kafkiana e un po' confusa negli intenti. Abram viene liberato dal dolore attraverso il contatto con il verme, definito anche una coscienza malvagia, che nell'affrancarlo dalle sofferenze però muore. Il dolore, il senso di perdita e di alienazione vengono estratte da un elemento esterno, e malefico per giunta, mentre in Kafka è l'individuo che si trasforma. un'allegoria dell'alienazione.
E non un racconto fantastico potrebbe essere dunque, ma allegorico: però nel verme malefico che elide il dolore, una sorta di elisione degli identici, l'allegoria dove sarebbe?
A ogni modo, il soggetto non è male, apprezzo lo sforzo. Forse dovevi ragionare con più vigore sulla trasformazione dolore assenza di dolore e offrire al lettore qualche spunto in modo da trasformare un banale racconto fantastico in un bel racconto allegorico.
Dal punto di vista formale, il testo è scritto in modo corretto. Ti segnalo solo: "la malefica coscienza dell'animale penetrò" in realtà era penetrata.
E forse quel: "nonostante l'alcol che aveva già ingerito… " il che aveva lo toglierei.
Ti ringrazio del commento.
Come accade nei sogni o ancor di più negli incubi questi strani mostri possono essere una rappresentazione talvolta oscura e misteriosa di faccende molto umane come i sentimenti o le paure.
Ti ringrazio delle segnalazioni.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Gabi Celeste Pisani
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 34
Iscritto il: 10/11/2021, 12:25

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Gabi Celeste Pisani »

Io l'ho trovato interessante, sicuramente si lascia leggere ed è molto scorrevole. Per quanto anche io personalmente non sia particolarmente amante del genere dell'orrore l'ho trovato interessante, con dei bei richiami allo spirito e alle sensazioni di King e forse anche di un Poe più soft.
Secondo me l'idea è originale: il non essere effettivamente appassionati del genere non giustifica il dare voti eccessivamente soggettivi in una gara dove partecipano racconti con generi molto diversi tra loro. Penso che oggettivamente sia scritto bene e meriti sicuramente un bel voto. L'introduzione iniziale è funzionale a quello che viene dopo e accompagna in modo consono il resto della trama. Ben fatto.
Nuovoautore
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 22
Iscritto il: 23/11/2021, 17:56

Author's data

Re: Il verme

Messaggio da leggere da Nuovoautore »

Ciao. Mi sono soffermato sul tuo racconto incuriosito dal titolo. Mi aspettavo un horror, e forse lo è. Ma, forse, racconta anche la storia di un uomo travolto dagli eventi, incapace di liberarsi dal peso oprimente del dolore, che in quel bosco cercava un modo per porre fine ai suoi tormenti e che invece, grazie al vermone, ha trovato la forza per rimettersi in piedi.
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 672
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Ciao IbborOB, il racconto alla prima lettura non mi aveva convinto, invece rileggendolo mi è piaciuto di più; ti scrivo qui sotto ciò che ne pensò:

Introduzione: ben fatta, dettagliata, descrive bene sia ciò che prova il protagonista sia i luoghi, desolati come la
Sua anima in quel periodo, con però anche dei dettagli più dolci come le more che a primavera daranno dolci frutti. Unico dettaglio qui: Parli prima di un minuscolo paesino poi di una città.

Il passaggio all’incontro col vermone secondo me dovrebbe essere più repentino, secondo me così com’è fa calare un po’ la tensione che immagino volessi suscitare.
In generale anche il dialogo interno mi sembra un po’ troppo razionale, punterei più sulle sensazioni.
La descrizione del vermone trovo sia molto ben riuscita, è davvero disgustoso, al punto giusto!

Io credo che dopo il lancio del sasso, il tonfo e il gemito avrei cominciato a correre a gambe legate, però diciamo che vi può stare, anche in buona parte degli horror i protagonisti fanno sempre scelte discutibili.

Secondo me il ritorno ai pensieri lugubri mentre sono allontana è un po’ superfluo e ripetitivo.

Il fatto che si ritrae dopo qualche minuto mi sembra un po’ strano, nel senso che suppongo che essendo il suo modo di cibarsi già al primo assaggio avrebbe dovuto capire che non era pappa buona per lui.

Anche il secondo attacco messo così non mi sembra avere tanto senso, perché dovrebbe farlo? Se non è cibo buono e in più è morente un animale penso che d’istinto eviterebbe uno spreco di
Quelle poche energie che gli restano.

Il finale secondo me potrebbe essere più incisivo.

L’idea del succhiatore psichico è interessante.

Concludendo è scritto bene e è interessante, però secondo me potrebbe essere
Sistemato un po’, voto 3,5 arrotondato al 4 :)
Ibbor OB
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 13/06/2020, 18:46

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Ibbor OB »

Selene Barblan ha scritto: 02/12/2021, 12:10
Il fatto che si ritrae dopo qualche minuto mi sembra un po’ strano, nel senso che suppongo che essendo il suo modo di cibarsi già al primo assaggio avrebbe dovuto capire che non era pappa buona per lui.

Anche il secondo attacco messo così non mi sembra avere tanto senso, perché dovrebbe farlo? Se non è cibo buono e in più è morente un animale penso che d’istinto eviterebbe uno spreco di
Quelle poche energie che gli restano.
Selene, ti ringrazio per il tuo commento molto dettagliato e per aver letto con attenzione il racconto.
Per rispondere a quanto sopra, relativamente al secondo attacco, io me lo sono immaginato più come una sorta di ultimo scatto di rabbia fatto da un animale ferito che la vuole far pagare al suo inconsapevole avvelenatore prima di morire. E per fortuna non ci riesce.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Ibbor OB
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 13/06/2020, 18:46

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Ibbor OB »

Francesco Pino ha scritto: 15/11/2021, 10:29 Ci sono parti del racconto che, secondo me, mostrano bene la tristezza del protagonista: la passeggiata attraverso il paese buio e solitario e il lasciarsi andare al bere a causa di un evento doloroso. I mostri fantastici non sono il mio genere, quindi ho delle difficoltà a comprendere il significato di questo verme gigante e malefico che sbuca fuori per succhiare la tristezza dell'uomo. Se devo dirla tutta il pensiero mi è andato istintivamente al film "Il miglio verde". Che il protagonista si ubriachi col gin malgrado il sapore non gli piaccia affatto secondo me dà un tocco di ulteriore tragicità a quello che gli sta accadendo nell'anima. Forse due paroline in più sul perché Abram sia stato lasciato dalla famiglia avrebbero contribuito a comprendere meglio il personaggio.
Grazie del commento Francesco. Inoltre il miglio verde è un film che mi è piaciuto molto.
Nonostante la comparsa del mostro che prende la scena, il centro del racconto è proprio la sofferenza del personaggio che è stato abbandonato da moglie e figlie e non riesce a darsi pace. Una sofferenza che alle volte viene dimenticata o sminuita nella costante ricerca di colpe e colpevoli.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Ibbor OB
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 13/06/2020, 18:46

Author's data

Re: Il verme

Messaggio da leggere da Ibbor OB »

Nuovoautore ha scritto: 24/11/2021, 9:47 Ciao. Mi sono soffermato sul tuo racconto incuriosito dal titolo. Mi aspettavo un horror, e forse lo è. Ma, forse, racconta anche la storia di un uomo travolto dagli eventi, incapace di liberarsi dal peso oprimente del dolore, che in quel bosco cercava un modo per porre fine ai suoi tormenti e che invece, grazie al vermone, ha trovato la forza per rimettersi in piedi.
Grazie del commento. Sì, il mostro è un modo di raccontare quel dolore e anche l'ineluttabile forza del caso che alle volte, chissà per quale motivo, interviene a rimettere a posto le cose.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 2 - 7 modi originali di togliere/togliersi la vita

La Gara 2 - 7 modi originali di togliere/togliersi la vita

(gennaio 2009, 30 pagine, 550,24 KB)

Autori partecipanti: AldaTV, Alida, Bonnie, Dalila, Devil, Michele Nigro, Sarahnelsole,
A cura di DaFank.
Scarica questo testo in formato PDF (550,24 KB) - scaricato 353 volte..
Lascia un commento.

La Gara 49 - La contrapposizione

La Gara 49 - La contrapposizione

(novembre/dicembre 2014, 34 pagine, 560,91 KB)

Autori partecipanti: Umberto Pasqui, Nembo13, Nunzio Campanelli, Annamaria Vernuccio, Patrizia Chini, Milicianto, Ser Stefano, Francesca Santamaria, Lodovico, Giorgio Leone, Cladinoro, Silvia Torre,
a cura di Maddalena Cafaro.
Scarica questo testo in formato PDF (560,91 KB) - scaricato 167 volte.
oppure in formato EPUB (319,02 KB) (vedi anteprima) - scaricato 222 volte..
Lascia un commento.

Gara di primavera 2019 - La contessa, e gli altri racconti

Gara di primavera 2019 - La contessa, e gli altri racconti

(primavera 2019, 49 pagine, 777,86 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Mazzi, Angelo Ciola, Aurora Gallo, Daniele Missiroli, Draper, Fausto Scatoli, Gabriele Ludovici, Laura Traverso, L.Grisolia, Namio Intile, N.B. Panigale, Marco Daniele, Roberto Bonfanti, Selene Barblan, Tiziana Emanuele,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (777,86 KB) - scaricato 116 volte.
oppure in formato EPUB (354,48 KB) (vedi anteprima) - scaricato 56 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

antologia di opere ispirate alla paura dell'ignoto

Nella ricerca di un tema che potesse risultare gradito a più autori, ci è sembrato infine appropriato proporre un'antologia di opere il cui fattor comune fosse il brivido. Un termine per molti versi ingannevole, almeno quanto lo sono certe credenze e immagini che la ragione volutamente ignora, o perfino deride. Eppure, l'ignoto ci aspetta al varco, silenzioso e paziente, per catapultarci nello strapiombo degli incubi o nel vortice di ansie e desideri repressi.
A cura di Roberto Virdo'.

Contiene opere di: Ida Dainese, Francesca Paolucci, Marcello Rizza, Fausto Scatoli, Annamaria Ricco, Francesco Cau, Valentino Poppi, Mario Flammia, Essea, Umberto Pasqui, Enrico Teodorani, Roberto Masini, Maria Perrella, Giacomo Baù, Eliseo Palumbo, Selene Barblan, Stefano Bovi, Ibbor OB, Andrea Teodorani, Simona Geninazza, Lidia Napoli, Mario Malgieri, Michele Silvi, Ida Daneri, Alessandro Mazzi.
Vedi ANTEPRIMA (681,69 KB scaricato 41 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Dentro la birra

Dentro la birra

antologia di racconti luppolati

Complice di serate e di risate, veicolo per vecchie e nuove amicizie, la birra ci accompagna e ha accompagnato la nostra storia. "Dentro la birra", abbiamo scelto questo titolo perché crediamo sia interessante sapere che cosa ci sia di così attraente nella bevanda gialla, gasata e amarognola. Perchè piace così tanto? Che emozioni fa provare? Abbiamo affidato questa "indagine" a Braviautori, affinché trovasse, tramite l'associazione e il portale internet, scrittori capaci di esprimere tali sensazioni. E infatti sono arrivati numerosi racconti: la commissione ne ha scelti 33. Nemmeno a farlo apposta, 33 è la quantità di centilitri di un gran numero di bottiglie (e lattine) di birra; una misura nota a chi se n'intende.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Andrea Andreoni, Tullio Aragona, Enrico Arlandini, Beril, Enrico Billi, Luigi Bonaro, Vittorio Cotronei, Emanuele Crocetti, Bruno Elpis, Daniela Esposito, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Livio Fortis, Valerio Franchina, Luisa Gasbarri, Oliviero Giberti, Elena Girotti, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Fabrizio Leo, Sandra Ludovici, Micaela Ivana Maccan, Cristina Marziali, Stefano Masetti, Maurizio Mequio, Simone Pelatti, Antonella Provenzano, Maria Stella Rossi, Giuseppe Sciara, Salvatore Stefanelli, Ser Stefano, SunThatSpeed, Marco Vignali.
Vedi ANTEPRIMA (276,03 KB scaricato 248 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Human Takeaway

Human Takeaway

(english version)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma appartiene a un amico "speciale" dell'Associazione culturale.
What if we were cattles grazing for someone who needs a lot of of food? How would we feel if it had been us to be raised for the whole time waiting for the moment to be slaughtered? This is the spark that gives the authors a chance to talk about the human spirit, which can show at the same time great love and indiscriminate, ruthless selfishness. In this original parody of an alien invasion, we follow the short story of a couple bound by deep love, and of the tragic decision taken by the heads of state to face the invasion. Two apparently unconnected stories that will join in the end for the good of the human race. So, this is a story to be read in one gulp, with many ironic and paradoxical facets, a pinch of sadness and an ending that costed dearly to the two authors. (review by Cosimo Vitiello)
Authors: Massimo Baglione and Alessandro Napolitano.
Cover artist: Roberta Guardascione.
Translation from Italian: Carmelo Massimo Tidona.
Vedi ANTEPRIMA (494,48 KB scaricato 180 volte).
info e commenti compralo su   amazon