pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Mon 25 January, 08:53:33
logo


bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Freddo Freddo Freddo

(racconto narrativa, breve - per tutti)
Tempo di lettura: circa 1 minuto
1.950 visite dal 10/02/2019, l'ultima: 1 mesi fa.
12 recensioni o commenti ricevuti

Autore di quest'opera:
avatar di Isabella Galeotti
Isabella Galeotti
$ sostenitore 2019 (4 dal 2012)


Descrizione: nessuna...

Incipit: Freddo interiore, preoccupazione. Ritaglio di vita. La mia.


Freddo Freddo Freddo
voce
file: freddo-freddo-freddo_
-2019-1.docx
size: 5,78 KB
Tempo di lettura: circa 1 minuto
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))



Elenco Tag dell'opera:
#freddo(17)    #operazione(2)    #ospedale(16)    #vita(210)    #interventi(1)



Recensioni: 12 di visitatori, 21 totali.

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.

Testo della recensione o del commento (min 30, max 5.000 battute)

Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: stai per confermare la recensione o il commento al lavoro dell'autore Isabella Galeotti. Prima di proseguire, però, se hai necessità di discutere più a fondo di questa opera con l'autore, puoi iniziare una discussione più ampia e dettagliata usando la nwsezione apposita del nostro forum. Tale discussione, se non è già stata aperta, dovrà essere creata con il titolo:

"Freddo Freddo Freddo - Isabella Galeotti".

Le recensioni offensive, volgari o di chiacchiere saranno eliminate dallo Staff.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative.

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci/commenta un'opera a caso.
(per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nella tipologia desiderata)

recensore:
avatar di Angela Di Salvo
nwAngela Di Salvo
$ sostenitore 2015 (3 dal 2011)

Recensione o commento # 1, data 20/05/2012
Una valanga di ricordi scivola sulla mente di una persona che aspetta qualcosa o qualcuno. All'inizio non viene specificato il luogo, ma poi si capisce che si tratta di una sala d'attesa di un ospedale. La testa vaga a caccia di ricordi per ingannare l'attesa, memorie vicine e lontane, tristi e liete, ma presenti e ancora sorprendentemente vive, come è del resto tutto il nostro passato che ci accompagna senza lasciarci mai. La stampa di un quadro che incarna il malessere dell'uomo moderno nel suo famoso "urlo" pare far riaffiorare l'ansia e la paura che sono state accantonate ma che restano legate alle sorti di qualcuno che si ama e che in quel momento forse sta lottando per la sua salvezza. Ma poi altre immagini subentrano per riportare indietro le lancette del tempo, in luoghi e in occasioni che fungono da distrattori da un presente spiacevole e carico di incertezze.
Nella parte iniziale il testo pare cominciare come un componimento poetico in virtù delle sensazioni e delle immagini espresse con un linguaggio denso e concetrato, fondato su concetti essenziali e balenanti. Poi la forma si dilata in una prosa lienare e asciutta, pregnante e risolutiva, costruita con semplicità  e immediatezza. Un testo che si legge d'un fiato, come la pagina della vita quotidiana di tutti, dove presente e passato si fondono, e dove la speranza non cessa mai di morire nè di risorgere.



recensore:
avatar di Isabella Galeotti
Isabella Galeotti
$ sostenitore 2019 (4 dal 2012)

risposta dell'autore, data 20/05/2012
Sono felice della tua recensione. Non mi aspettavo che un mio racconto potesse far scaturire tutto ciò. E' vero che questa e' una vicenda che ho passato qualche anno fa, e che quelle sensazioni le ho vissute in prima persona. Penso però che sia sempre difficile trasferirle su carta.
Grazie.



recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

Recensione o commento # 2, data 05/08/2012
In effetti mettere l'Urlo di Munch in quel posto è un tantino raccapricciante.
Bel raccontino, brava.
Userei un occhio alla punteggiatura, soprattutto alla spaziatura della punteggiatura.
La nostra utility online EdOra può aiutrati a sistemare il testo proprio in questi dettagli: edora
Continua così!



recensore:
avatar di Isabella Galeotti
Isabella Galeotti
$ sostenitore 2019 (4 dal 2012)

risposta dell'autore, data 06/08/2012
Grazie Massimo ieri ho usato EdOra prima di pubblicare la Maison.



recensore:

Massimo Tivoli
Recensione o commento # 3, data 11/01/2017
Visto il freddo di questi giorni (vivo a L'Aquila), mi sono lasciato incuriosire dal titolo, sebbene avessi visto che il racconto era piuttosto datato. Sono contento che il freddo di questi giorni mi abbia portato a leggere questo testo. La cosa che ho apprezzato di più, considerata anche una risposta dell'autrice a una precedente recensione, è che non si avverte il legame intimo dell'autrice con il testo. E, questo, a mio modesto modo di vedere le cose, significa solo essere bravi. Sono uno di quelli che pensa che, quando dietro un testo, si vede esplicitamente la vita dell'autore, quel testo perde parecchi punti (a meno che ovviamente uno non abbia vissuto una vita e esperienze fuori dal comune, e.G., Hemingway tanto per citarne uno). Mi piace la scaletta scelta dall'autrice per raccontare l'esperienza della protagonista che attende per la salvezza di una persona cara, e che in definitiva attende per un esito incerto. Bella la scelta di dare forza alla rappresentazione dei sentimenti provati dalla protagonista con l'accostamento ai vari quadri esposti nella sala d'attesa. Certo che se ci sono stati davvero quei quadri anche nell'esperienza vissuta in prima persona dall'autrice sarebbe proprio una bella/strana coincidenza. Ma se la sequenza di quadri è inventata o meno non è cruciale, è molto apprezzabile l'utilizzo che l'autrice ne fa. Bene che ci sia il lieto fine. Da lettore, avvertita e accumulata tutta l'ansia e la malinconia per la situazione narrata, ce lo volevo proprio il lieto fine!



recensore:
avatar di Isabella Galeotti
Isabella Galeotti
$ sostenitore 2019 (4 dal 2012)

risposta dell'autore, data 11/01/2017
Il Freddo voi, non l'avete solo esternamente, ma anche nel cuore. Vedere le proprie vite spezzate, affrontare tutti i giorni quel disagio. Spero si risolva. Volevo ringraziarti per la recensione, molto puntuale e critica. I quadri, a quell'epoca, era esposti proprio lì in quelle sale d'attesa, dove il dolore si mescolava allo stupore di quelle vedute inquietanti. Grazie



recensore:
avatar di Ida Dainese
nwIda Dainese
$ sostenitore 2019 (11 dal 2015)

Recensione o commento # 4, data 20/07/2017
Bel racconto che fa sentire il lettore là vicino, seppur non visto, a provare la stessa ansia, a contare i secondi di quelle lunghe ore. A parte la buffa punteggiatura, questo brano è scritto con uno stile così preciso e sobrio che fa arrivare le immagini e le sensazioni velocemente come fotografie che ci vengono scagliate contro. Il freddo interno e il sudore delle mani, una sedia e lei che sta in piedi, un libro che non viene letto, quadri che non sono ammirati, ricordi di un tempo lontano, tutto questo non fa che risaltare come il pensiero della donna sia da tutt’altra parte, vicino a quella persona che non può raggiungere e non può difendere né salvare. Mi piace moltissimo la frase dove lei cammina, attenta a non uscire dai tasselli colorati, trovo che renda perfettamente il desiderio che la vita torni dentro le regole, in ordine, al suo posto. E mi piace sentire come l’angoscia e la paura si dissolvono nell’ultima riga, nello sfiorare di nuovo la sua mano.



recensore:

Arcangelo Galante
Recensione o commento # 5, data 21/07/2017
Innanzitutto, complimenti sinceri per l'esposizione narrativa, in quanto, sensibile Sartisa, credo che non risulti facile descrivere sentimenti concitati, in maniera obiettiva, trasferendo parte di sé in un'intima scrittura. Come da commenti ricevuti, il testo è stato ampiamente apprezzato, volentieri letto e gradito, malgrado piccoli errori, i quali, non hanno intaccato il senso del messaggio insito nel contenuto. Debbo dirti che la parte iniziale l'ho trovata poetica, rispetto a un incipit relativo all'impostazione di una storia, dovuto alle impressioni tue, in quel momento di vita peculiare che stavi attraversando. E siccome non amo fare il maestro, domando venia per l'osservazione spontanea, lungi dal criticare chiunque pubblichi. Per il resto, proseguendone la lettura, amichevolmente, potrei definire il tutto "una pagina d'interiorità emozionale, non priva certo di sofferenza", dove il presente e il passato si fondono assieme a quella speranza individuale, insita nel passaggio dell'esperienza provata e che è divenuta tesoro, per te, che giammai cesserà di risorgere. Un romantico saluto.



recensore:

Arcangelo Galante
Recensione o commento # 6, data 20/08/2017
Ovviamente, avendo l'autrice modificato il profilo, Sartisa si è eloquentemente rivelata come Isabella Galeotti.



recensore:
avatar di Isabella Galeotti
Isabella Galeotti
$ sostenitore 2019 (4 dal 2012)

risposta dell'autore, data 28/08/2017
Ebbene si ho fatto cambiare il profilo perchè la sarta qui non non stava bene. Grazie Ida per aver commentanto, con perizia il mio racconto. Grazie Arcangelo che pungolando stimola sempre le persone.



recensore:

Arcangelo Galante
Recensione o commento # 7, data 29/08/2017
Il grazie è dovuto a lei, Isabella, perché resta sempre un vero piacere leggerla e commentarla, quando il tempo e le altre attività quotidiane me lo permettono. Le opere che le ho commentano sono: Blasius il principe tartaglione, La valigia gialla, Non solo amici, Freddo, freddo, freddo, eccetera, ove ha sempre continuato a presentarsi come Sartisa. E, per informazione pubblica, il sottoscritto, "non pungola" nessuno, in quanto sono semplicemente me stesso, nel leggere e commentare volentieri le opere pubblicate. Buon proseguimento letterario nel sito. Lietamente, la saluto.



recensore:

Recensione o commento # 8, data 23/12/2018
Descrizione perfetta degli stati d'animo che si provano in simili occasioni.
Hai portato un libro per ingannare l'attesa, ma non riesci a leggerlo; cerchi di distrarre la mente e anche un pavimento può aiutarti a tenerla occupata distogliendola dalla preoccupazione; L'Urlo sembra un presagio di malaugurio alla tua mente; ripercorri i momenti belli trascorsi con la persona amata e ti prende un groppo in gola e ti senti sola e sperduta al pensiero che potresti perderla...
Poi la notizia liberatoria; vorresti far partecipe il mondo intero della tua gioia, ma sei rimasta sola.



recensore:
avatar di Isabella Galeotti
Isabella Galeotti
$ sostenitore 2019 (4 dal 2012)

risposta dell'autore, data 23/12/2018
Grazie per la recensione Gianfranco39. Sono felice di essere riuscita ad esternare questo sentimento.



recensore:
avatar di F. T. Leo
nwF. T. Leo
$ sostenitore 2020 (4 dal 2018)

Recensione o commento # 9, data 01/02/2019
Bel racconto da cui traspare una paura della solitudine quasi atavica, dovuta anche alla bruttissima esperienza che la protagonista sta vivendo.
Il freddo che la nostra avverte in tutte le sue membra la fa da padrone.
Si alternano tentativi di lettura di un libro che non vuole assolutamente essere letto a passeggiate ansiose nella sala d’attesa dell’ospedale, un fluttuo di ricordi, positivi e negativi, alla vista inquietante di una riproduzione de “L’urlo” di Munch che fa presagire il peggio.
Il freddo che si respira nella sala d’attesa, al momento della notizia positiva dell’operazione da parte dei camici verdi, si vorrebbe trasformarlo in un urlo liberatorio, in una condivisione che rimane nondimeno strozzata dalla paura della solitudine che ancora, nonostante tutto, pervade la protagonista.
Soltanto la vista de “I girasoli” di Van Gogh, appesi alla parete, unitamente alla paziente attesa di ciò che succederà da quel momento in poi, segna forse l’inizio di una nuova speranza, speranza di vincere finalmente la paura della solitudine.
Complimenti sinceri per l’ottimo lavoro, Isabella!



recensore:
avatar di Isabella Galeotti
Isabella Galeotti
$ sostenitore 2019 (4 dal 2012)

risposta dell'autore, data 01/02/2019
Onorata per la tua bellissima recensione. PEr fortuna ora quell'avvenimento, quell'ostacolo è stato superato, se ci penso mi ritorna lo stesso freddo provato allora, in quella sala d'attesa tra un Urlo ed un Girasole. Grazie F.T.Leo



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 10, data 01/02/2019
Bel racconto, carico di pathos e di riferimenti che fanno nascere condivisione, empatia. Ho provato le stesse medesime sensazioni due volte. La prima quando operarono mia madre, e c'era mia sorella in sala operatoria, fu lei a darmi la brutta notizia( che ricordo, ci ho scritto un racconto ora che ci penso) e recentemente con l'operazione di mia moglie. Stavolta in sala operatoria c'era marcello, mio nipote, figlio di una sorella. Piaciuto molto...quel freddo, quanto me lo ricordo!
P.S. la seconda volta andò tutto bene, per fortuna.



recensore:
avatar di Isabella Galeotti
Isabella Galeotti
$ sostenitore 2019 (4 dal 2012)

risposta dell'autore, data 01/02/2019
Grazie Giacomo, quando accadono questi avvenimenti l una arma che abbiamo è lo scrivere. Prendere la penne, calcare sul foglio per lasciare l impronta su quello sotto. Sfogo. Felice di vederti da queste parti.



recensore:

Recensione o commento # 11, data 24/08/2019
Una volta ho letto che la solitudine non sempre è unn muro, a volte può essere un bosco dove poter passeggiare. Credo che entrando in quella stanza, dopo… tu, l'abbia scoperto. Passeggiare con l'animo leggero assomiglia molto alla felicità. Una bella descrizione, ricca di sentimenti, sensazioni, emozioni.



recensore:
avatar di Isabella Galeotti
Isabella Galeotti
$ sostenitore 2019 (4 dal 2012)

risposta dell'autore, data 10/09/2019
Grazie per Ivan per essere passato da me, ed aver analizzato proprio il passeggio, il camminare… è vero dopo sembra di essere coccolato.



recensore:
avatar di Munzio
nwMunzio
$ sostenitore 2019

Recensione o commento # 12, data 17/09/2019
Complimenti, davvero interessante. Lettura piacevole



recensore:
avatar di Isabella Galeotti
Isabella Galeotti
$ sostenitore 2019 (4 dal 2012)

risposta dell'autore, data 18/09/2019
Grazie per il passaggio. Felice che tu abbia passato 5 minuti piacevolmente.




up - files - recensioni e commenti - opere correlate -
L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Freddo Freddo Freddo di Isabella Galeotti è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)

up - files - recensioni e commenti - opere correlate -


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(poesia narrativa, brevissimo)  di nwBludoor

descrizione: Natale, visto da un punto di vista inconsueto.

incipit: Un vecchio bue muggiva, chiuso nella sua stalla,

#bambino(88)    #freddo(17)    #luce(59)    #bue(2)


(scultura altro)  di nwErika

descrizione: Bè...per essere il mio primo pupazzo di neve... non c'è male...no?

#bianco(23)    #freddo(17)    #neve(41)    #pupazzo(2)    #sagoma(3)    #donna(112)


(racconto narrativa, breve)  di nwUmberto Pasqui

incipit: Con tonfi secchi cadevano le pigne coperte di neve dai rami delle conifere che costeggiavano la strada. Era nevicato parecchio la notte appena passata, ma bianche erano soltanto le cime degli abeti e le vette smussate delle colline.

#amore(593)    #famiglia(49)    #figlio(37)    #freddo(17)    #ghiaccio(6)    #inverno(23)    #neve(41)    #ninfa(2)    #notte(79)    #rossini(3)    #zenobia(1)    #bartolomeo(1)


#amore(593)    #bianco(23)    #capitale(1)    #colonne(4)    #freddo(17)    #inverno(23)    #neve(41)    #roma(16)    #rovine(4)    #ruderi(4)    #antico(8)


(racconto narrativa, breve)  di nwMassimo Baglione, nwRoberta Guardascione

descrizione: Racconto ispirato da Kerrie, mezzo lupo italiano e mezzo pastore tedesco che vedete in foto. L'illustrazione è della bravissima Roberta Guardascione.

incipit: La Luna è quasi piena, ed è proprio in notti come questa che s'incendia il nostro sanguigno e violento istinto di andare là fuori e tuffarci nell'oscura e selvaggia boscaglia. Quell'indole brucia più in te che a me, eh amico? Lo sappiamo entrambi, però quando il latteo sorriso della nostra Amica attraversa il vetro della finestra e ti illumina il muso

#amicizia(80)    #bosco(26)    #cane(29)    #cibo(15)    #freddo(17)    #fuoco(26)    #inverno(23)    #lepre(1)    #luna(60)    #lupo(18)    #notte(79)    #sangue(35)    #alberi(53)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwAndre Spoto

descrizione: La ricerca dell'opposto, della metà che manca, attraverso un tocco, attraverso le dita di una mano..

#caldo(9)    #freddo(17)    #morte(184)    #neve(41)    #sole(75)    #vita(210)    #mani(23)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwGiulia Andretta

descrizione: Breve poesia sull'inverno, che viene umanizzato e reso quasi una metafora di vita verso chi è introverso e particolarmente sensibile.

#freddo(17)    #introspezione(28)    #neve(41)    #poetry(11)    #sensibilita(1)    #stagioni(12)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwS Vittoria

descrizione: Il momento in cui la natura ti illude con la sua magia.

incipit: Bellissima questa illusoria giornata di temperata primavera.

#caldo(9)    #colori(53)    #freddo(17)    #pace(35)    #primavera(28)    #serenità(8)    #vita(210)

Elencate 10 relazioni su 239 -
 
10
20
 ... 
240
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.

up - files - recensioni e commenti - opere correlate -




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.221.159.255


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2021
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 1,92 secondi.