pagine viste: ...
...no javascript...
phone
opzioni grafiche:
T
T
T
TT
Benvenuto, visitatore
     
Tue 16 August, 00:59:02
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Infanzia

(poesia narrativa, brevissimo - per tutti)
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
2.303 visite dal 01/04/2011, l'ultima: 2 settimane fa.
4 recensioni o commenti ricevuti
Autore di quest'opera:
avatar di Paolo Maccallini
nwPaolo Maccallini
$ sostenitore 2019 (2 dal 2009)


Altre opere dell'autore



Infanzia
file: infanzia.doc
size: 24,50 KB
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))


Elenco Tag dell'opera:
#infanzia(29)    #ricordi(174)



Recensioni: 4 di visitatori, 5 totali.
  recensisci / commenta

recensore:
avatar di Sphinx
nwSphinx
$ sostenitore 2011

Recensione o commento # 1, data 00:00:00, 01/04/2011
Caspita.
Sorvolo sulla metrica, anche perchè a dire il vero in alcuni punti ho fatto un po' fatica a leggerla e ho dovuto soffermarmi in vari punti.
Il titolo mi sembra riduttivo, perchè seppur nella prima parte non ci sia dubbio a cosa ti stai riferendo, verso la fine descrivi tutt'altro.
Nelle prime tre strofe (se così si può dire) mi sono trovato a immaginarmi la mia di infanzia, e mi ci sono rivisto appieno, forse perchè certi ricordi fanno parte di un bagaglio collettivo.
Nella quarta il significato si fa più ostico, ma si percepisce il passaggio nell'utilizzo di parole di connotazione negativa in mezzo ai ricordi come "ferite", "persi", "cimitero", "rughe", "scomparso", "sudari", "morto", che indicano la fine dell'innocenza.
L'ultima strofa invece rappresenta secondo me la sconfitta, l'amara constatazione che non si torna indietro, come un naufrago che perde la speranza.



recensore:

Giuseppe Novellino
Recensione o commento # 2, data 00:00:00, 01/04/2011
Ricordi d'infanzia si accumulano come tratti di un grande affresco. Portano il sapore evocativo di un mondo soggettivo, ma prendono forma in una specie di scenario in cui tutti ci possiamo specchiare. Versi sciolti, ora dolci, ora spigolosi, ora veramente duri contribuiscono a dare corpo al tutto. Ci vedo qualcosa dei disegni di Paolo.



recensore:
avatar di Angela Di Salvo
nwAngela Di Salvo
$ sostenitore 2022 (4 dal 2011)

Recensione o commento # 3, data 00:00:00, 02/04/2011
Nel mondo innocente e fantastico dell'infanzia l'anima dell'essere umano è capace di meravigliarsi di tutto e di concepire i sogni e le avventure più belle. Specie se questo periodo dell'esistenza è condiviso con un gruppo di amici fedeli e uniti. Ma poi, inevitabilmente, ognuno prende la sua strada e di quei sogni, di quelle avventure esplorative nella natura a caccia di emozioni, non resta che un lontano ricordo, indimenticato ma perduto per sempre. Le cinque strofe descrivono questo processo evolutivo dal mondo infantile e fanciullesco a quello "adulto" e maturo dove si prende coscienza che il tempo, nel suo implacabile scorrere nel mare della vita, poterà  con sè disincanto, predita e delusioni. Delle cinque strofe di cui è composto il componimento, quella più ermetica e meno armoniosa è di certo la quarta, dove il linguaggio volutamente più oscuro si concretizza in immagini della natura che hanno un "nonsoche" di epico e di leggendario e dove è evidente una marcata concentrazione di trasfigurazioni metaforiche: "colonne di pioppi sotto le volte dell'albero che si dice del sole", "il succo acre delle graminacee ferite", "il passo favoloso del cimitero di megaliti assorti", "pelle di muschio e rughe cadenti" e "le infinite anime calcaree dei bivalvi" che rallentano la musicalità  intima e nostalgica dei versi della prima parte. Unico appunto il verso "mi rivedo perso con loro" pare si riferisca a "mamma e papà " (citati nel verso precedente), mentre appare pertinente che si faccia riferimento agli amici d'infanzia ormai perduti.



recensore:
avatar di Paolo Maccallini
nwPaolo Maccallini
$ sostenitore 2019 (2 dal 2009)

risposta dell'autore, data 00:00:00, 02/04/2011
In effetti la quarta strofa è ostica: a un livello superficiale di lettura descrive semplicemente le mete delle 'scampagnate' di un gruppo di bambini curiosi. Inizialmente si parla di pioppi, graminacee e albero del sole; poi descrivo un 'passo', cioè un valico fra due monti, e il linguaggio diventa particolarmente criptico, anche se tutto ha un senso, nella mia testa. Faccio riferimento a pietre coperte da muschio e da fossili di bivalvi (vongole, per interderci), in quanto vestigia di un fondale marino 'sollevato' dal moto della crosta terrestre.

Io non ci avevo pensato, Sphinx, ma effettivamente il 'passo' tetro, sorvegliato da 'megaliti assorti' è un simbolo, neanche tanto recondito, del passaggio dall'infanzia all'adolscenza. E' un posto pauroso, una sorta di cimitero di vecchi giganti (le fantasie dei bambini?), quel limbo che abbiamo attraversato con difficoltà , chi più chi meno, lasciando un'identità  (quella fanciullesca) per trovarne un'altra, più complessa e arricchita anche dalla sfera sessuale.

Che paura in quel passaggio! Il luogo oscuro in cui ci si trova è la propria mente, le stanze nuove che si scoprono e la luce diversa che investe quelle già  frequentate; e il proprio corpo, che muta come in una brutta trasposizione cinematografica de 'Lo strano caso del dottor jekyll e di mister Hyde' di Stevenson.



recensore:
avatar di Dainese2012@gmail.com
nwIda Dainese
$ sostenitore 2021 (12 dal 2015)

Recensione o commento # 4, data 00:00:00, 09/07/2018
In effetti anche a me piace molto questa poesia e mi ritrovo con i commenti di chi mi precede. Molto interessante l'interpretazione dell'autore. Mi piace il movimento dato al testo, che ricorda il talento da disegnatore, capace di creare immagini potenti con tratti precisi. Le prime tre strofe sono uno sbocciare in crescendo dell'infanzia, prima ingenua, poi spensierata e infine ardimentosa. Trovo che la soglia sia proprio lì, all'inizio della quarta strofa, dove cambiano il linguaggio e le immagini come colpi di pennello più scuri e pesanti, dove si allontana il mondo precedente. L'ultima strofa ha per me un sapore dolce e malinconico, sa di cose perdute, di lontananze e di momenti che non si possono più cambiare.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci / commenta un'opera a caso.

Nota: per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nell'elenco dei generi e scegli la tipologia desiderata.



L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Infanzia di Paolo Maccallini è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(racconto narrativa, breve)  di nwStefano di Stasio

descrizione: Racconto breve, ricordo d'infanzia, affetti

incipit: Era l'estate del 1992, St. Malò, Bretagna.

tags: #affetti(10)    #infanzia(29)    #ricordo(174)    #famiglia(77)


(racconto narrativa, breve)  di nwMassimo Baglione

descrizione: Avevo scritto questo breve raccontino per un'antologia, ma quel progetto poi è saltato e quindi lo pubblico qui.

incipit: La vita di Eriberto era piuttosto strana. Sin da ragazzino lui era il genio della compagnia, ma al contempo ne era anche il guastafeste, colui cioè bullo ma con la testa sulle spalle, quello che "no, dai, lasciamo stare, non ne vale la pena" ma che poco prima aveva rubato una bicicletta; sempre pronto a

tags: #anziana(18)    #assassinio(1)    #chat(9)    #facebook(6)    #infanzia(29)    #infarto(5)    #omicidio(25)    #scale(11)    #silenzio(38)    #amore(723)


(racconto narrativa, breve)  di nwRoberta Michelini

incipit: Ci sono strade, luoghi del mio paese, che non sono cambiati molto dalla mia infanzia. Eppure a volte, quando sono assorta, li rivedo nella mia mente come li vedevo allora. È questione di pochi attimi, poi, il tempo di uno scatto fotografico, torno a vederli come sono ora, e percepisco uno sfasamento netto: non sono gli stessi luoghi.

tags: #anima(98)    #infanzia(29)    #luoghi(2)    #memoria(36)    #ricordi(174)    #impressioni(2)


(racconto noir, brevissimo)  di nwMatteo Caffettani

descrizione: Due gemelli. Due vite rovinate. Un'altra che sta per esserlo.

incipit: Mattia e Giordana si presero per mano.

tags: #coltellata(2)    #contessa(1)    #depressione(17)    #gemelli(7)    #infanzia(29)    #ingresso(1)    #incubi(19)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwPatrizia Chini

tags: #infanzia(29)    #nostalgia(36)


descrizione: Roma, 1998. Gianmatteo è un bambino sensibile, intelligente al punto da ritrovarsi confuso nelle mille contraddizioni del suo piccolo mondo familiare e scolastico. Sarà un gruppo di coetanei speciali ad aiutarlo. (Nota: L'opera è divisa in tre parti)

incipit: La percezione del calore del latte, e il profumo esageratamente dolce dei cornetti preconfezionati, a Gianmatteo davano spesso la nausea. Peraltro aprile si annunciava umido e afoso, minacciosa anticamera di ciò che avrebbero dovuto patire i cittadini senza ferie in piena estate.

tags: #amicizia(88)    #infanzia(29)    #rispetto(8)    #scuola(30)    #diversita(6)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwOmnia Est

descrizione: Questa poesia parla dei bambini soldato

tags: #guerra(110)    #bambini soldato(1)    #infanzia(29)    #pacifismo(4)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwGabriella_f

tags: #infanzia(29)    #amicizia(88)    #ricordo(174)

Elencate 10 relazioni su 195 -
 
10
20
 ... 
200
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 35.172.223.251


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2022
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0.15 secondi.