pagine viste: ...
...no javascript...
phone
opzioni grafiche:
T
T
T
TT
Benvenuto, visitatore
     
Wed 17 August, 12:43:16
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

L'immaginazione non ha limiti

(altro scienza, breve - per tutti)
24 visite dal 22/07/2022, l'ultima: 2 settimane fa.
6 recensioni o commenti ricevuti
Autore di quest'opera:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)


Altre opere dell'autore



L'immaginazione non ha limiti
file: opera.txt
size: 4,44 KB
Tempo di lettura: meno di 5 minuti
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))


Elenco Tag dell'opera:
#fantasia(42)



Recensioni: 6 di visitatori, 9 totali.
  recensisci / commenta

recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 1, data 21:03:44, 22/07/2022
Quando ho scritto quelle riflessioni Giancarlo ho ammesso fin da subito che esse potevano essere infinitamente giuste, infinitamente sbagliate, e tutte le infinite infinitesimali combinazioni tra queste due diverse evidenze.

Noi non sapremo mai l'origine, noi, esattamente come quando ci inganniamo o ci siamo ingannati sulla possibile via di fuga, ognuno col suo diverso sentire, così ora possiamo immaginare qualsiasi opzione possibile sull'origine e saranno tutte fino a prova contraria che mai arriverà, giuste per noi.

Io l'unica cosa che per quel che mi riguarda posso affermare è che l'origine da cui tutto poi ha preso forma, non è in questa realtà.

Noi non ne siamo parte, ma solo derivazione, evolutiva, siamo cioè una realtà chiusa (ancora per noi in evidente espansione) a sé stante anche dall'ente creatrice di questa, dove dal momento stesso che si è venuta a formare partendo dal vuoto, non ha mai avuto niente da spartire con essa.

Il come può essere tutto il contrario di tutto, e in fondo non ha assolutamente importanza, tu prima hai detto che le mie frasi non avevano senso, e razionalmente e letteralmente è esattamente così su questi aspetti. Tu ora hai "creato con la tua mente tramite immagini una realtà che esiste per immagini appunto, senza muovere nessuna materia se non nel tuo corpo stesso tramite i vari impulsi neuronali per creare l'immagine stessa poi concretizzata nella tua mente. Il tutto senza cambiare assolutamente nè tempo né luogo dove tu risiedi cioè questa realtà.

Quindi chi ci dice che allo stesso identico modo un Nulla eterno ed infinito che oltre a non necessitare di alcun tempo e spazio per essere, (non sappiamo poi cosa altro comporti questo stato), ma comunque fermo nella sua eternità ed infinitá di essere (senza quindi divenire nulla da ciò che è, cioè essere lui stesso assenza di tempo e assenza di spazio) non possa anche solo aver "immaginato" tramite sua volontà lo stesso con questa realtà e così facendo aver così creato concretamente il vuoto da cui tutto ha poi preso moto e tempo finito o in suo divenire tale? Lui facendo questo è rimasto esattamente ciò che è e la realtà è diventata in essere e divenire ciò che noi sappiamo e viviamo in essere. Nessun contatto, nessuno spirito o anima a connessione di nulla.

L' errore è stato il mio probabilmente di aver iniziato o spostato su questo il discorso, l'ho fatto in verità solo per dare modo di riflettere che contro ogni iniziale nostra immagine o intuizione di fondo, è al nostro finito che conviene puntare e non all'infinito eterno che non ci appartiene. Quindi detto questo è meglio spostare i nostri ragionamenti su quello che invece è di nostra reale competenza e possibile fruttuoso dibattito.

Ho apprezzato molto il tuo testo comunque, su questo è quasi vero affermare che non abbiamo limiti, se non noi stessi.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 2, data 21:25:13, 22/07/2022
Einstein comunque non vedeva lo spazio tempo di per sé fermo, ipotizzava però che esso è esistente in ogni suo punto spaziale e temporale dato e posto, cosa che per quel che mi riguarda mi trova d'accordo. Noi al suo interno ci spostiamo nel tempo e nello spazio, anche la luce lo fa, non può coprire istantaneamente tutta la distanza del tempo e dello spazio esistente, in quel caso sarebbe come dici tu tutto fermo anche se noi continuiamo comunque a spostarci in esso.

Invece tutto al suo interno è in stato di movimento anche il vuoto è in espansione, ma ad ogni modo arriverà il tempo e spazio su cui esso si concluderà o lo sarà al suo termine di espansione. Cosa succederà quando poi sarà il suo termine massimo d'arrivo non lo so, implode, collassa su se stesso, si blocca il divenire del tempo e lo spazio, quindi collassando il tutto a catena si crea una singolarità e si ricomincia di nuovo dal vuoto, ma cosa importa in fondo? La nostra coscienza se ancora c'è ne sarà una cesserà con esso, essendo questa legata e pervenuta solo dal corpo.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 21:50:52, 22/07/2022
Questo tuo ultimo commento mi conferma il fatto che non hai neppure sfiorato il senso del mio "racconto immaginario" infatti pur essendo l'universo assolutamente fermo, noi viviamo nella realtà in movimento.
Lo so che è difficile da spiegare ma ogni tanto ci provo. E ripeto:
" voglio spiegarti il mio "castello" dell'universo e farti osservare un'immagine che per me è chiarissima e che lo sarebbe anche per te se potessi parlarti con la telepatia condividendo in tempo reale i miei pensieri. Invece posso solo descriverli sperando che tu abbia la buona volontà di comprenderli. Non ti chiedo nulla in cambio, nessun giudizio che condizioni il tuo modo di pensare; non ti chiedo neppure di crederli veri ma solo di capire cosa vedo io in queste immagini".



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 3, data 22:09:14, 22/07/2022
Ho capito, vuoi dire che sei consapevole di essere consapevole, quindi anche se percepisci che sei in movimento, sai che basterebbe avere la possibilità anche solo di poter cambiare la prospettiva percepita reale da cui tu osservi o puoi osservare te stesso, e tutto sarebbe o apparirebbe ora già fermo, lo spazio tempo sarebbe solo tipo un puzzle in quattro dimensioni una ipersfera da ricomporre o scomporre a tuo stesso piacimento e in cui poi tu hai la possibilità o scelta di tuffarti in ogni singolo pezzo (all'interno del quale tutto continua poi a muoversi) Ci sono?

Se è così sarebbe una immagine astratta ma perfettamente logica dal tuo punto di vista di Giancarlo uomo e al contempo di Giancarlo Dio.

Questo però riporta anche al mio discorso per fare questo non nella immaginazione, dovresti guardare il tutto di questa realtà da fuori di essa e dovresti essere perciò in assenza di tempo e in assenza di spazio, allora potresti vedere quindi tutto perfettamente già compiuto in ogni tempo e spazio finito che tu volessi osservare o percepire tale, trovandoti o essendo tu in un infinito spazio ed eterno tempo.

Però per come la vedo io o sei fuori o sei dentro, una esclude per forze di cose l'altra, altrimenti tu potresti ora dirmi esattamente cosa è il tempo e lo spazio finito e anche cosa è invece l'assenza di essi. Quindi o crei/osservi o vivi/muori per farla breve.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 22:41:32, 22/07/2022
Mi spiace ma non ci siamo ancora. Quello che descrivo è effettivamente un'ipotesi non una fantasia. Ha a che vedere col fatto che l'io vive nel passato e che la consapevolezza viaggia nello spazio e nel tempo alla velocità delle luce. Ma detta così non è comprensibile. Rileggi con attenzione sforzandoti di capirmi. E lascia perdere le considerazioni su dio che non c'entra nulla. Se nella fantasia fingo di essere dio è solo per visualizzare l'immagine non per diventare dio.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 4, data 00:53:28, 23/07/2022
Ho riletto nuovamente il testo, quindi allora:

tu sei nel tuo letto cosciente o meno diciamo di questo stesso momento presente/passato che stai vivendo, oppure in uno qualsiasi del tuo presente/passato anche direttamente alla nascita o al concepimento stesso, non ha molta reale importanza

La tua consapevolezza si trova invece in uno spazio tempo fermo, perché essa al contrario tuo si muove alla velocità della luce, poi a tua insaputa essa ti trova nel tuo spazio tempo in movimento presente/passato e si tuffa dentro di te diciamo, da questo momento in poi una volta che hai riflettuto profondamente su te stesso, hai questa intuizione, intuizione che tu poi metti in pratica dal momento che tu ora puoi anche consciamente riuscire a distaccarti tramite questa consapevolezza, dal tuo io corporeo e immaginare tutto questo, cioè l'intuizione che ti porta a sapere di comprendere questo fatto di poterti distaccare dall'io/corpo in Altro/consapevolezza

Quindi essenza/consapevolezza = velocità della luce/universo fermo quindi tutto lo spazio e tempo già esistente, mentre invece solo io/corpo = presente/passato cioè universo secondo le percezioni normali del tempo e dello spazio quindi dal tuo punto di vista normali/reali

Quindi alla morte io/corpo resta nel tempo presente/passato

La consapevolezza invece torna in questa altra prospettiva, cioè l'universo o realtà ferma muovendosi essa sempre alla velocità di un fotone

Allora io per quanto possa aver compreso e trovo questa comunque una bellissima immagine da ipotizzare o percepire reale, però mi domando:

la tua coscienza rimane iscritta nella consapevolezza?

Alla tua morte fisica, se così non è cioè che la consapevolezza non riporta poi in sé la tua coscienza, essendo tornata alla sua prospettiva di universo finito, ma che in realtà essendo per essa fermo in tutti i suoi segmenti spaziotemporali, i vari tubi o espansione di esso, tutte le galassie e buchi neri, ogni corpo celeste in ogni suo tempo, poi ogni volta quindi può tornare ad essere una nuova consapevolezza di un altro essere umano come in precedenza ha fatto dentro il tuo corpo e la cosa si ripete tendenzialmente su ogni singolo umano, essendo l'universo totalmente immobile, quindi diciamo una bolla o ipersfera, così com'è nella sua interezza delle quattro dimensioni, dove non si può comunque risalire al come e perché si sia creata, ma non ci sarà nemmeno una fine effettiva data essendo essenzialmente già finito e immobile nel suo completo spazio e tempo viaggiando alla velocità della luce/consapevolezza

Quindi sostanzialmente un universo finito nel suo spazio e tempo, ma immobile, quindi solo eterno, ma non infinito, essendo comunque spazialmente limitato anche nel suo tempo eterno di immobilità, se visto comunque da questa prospettiva

Così ipotizzando o sentendo la questione elimini il problema di origine e fine praticamente

Quindi rimane questa sorta di vita spazio/temporale presente in tutto l'arco di vita del pianeta, cioè iscritta già in ogni suo tempo e spazio finito e presente dove la consapevolezza si può tuffare a piacimento

Ora però rimane un problema la consapevolezza è una per ogni singola persona morta, viva o futura (essendo già l'universo finito) in vita?

E se essi in vita non hanno riflettuto abbastanza, cioè non hanno colto la loro consapevolezza essa ritenta infinite volte?

Invece se l'hanno colta e quindi diciamo la tua coscienza rimane così legata ad essa poi una volta morto il corpo che succede la consapevolezza che altro scopo o senso avrebbe poi?

Se tu leghi la consapevolezza alla tua coscienza automaticamente una volta che la coscienza raggiunge la consapevolezza, la consapevolezza perde scopo e senso

In poche parole si ripete poi la stessa domanda che ti attanaglia già ora anche dopo la tua morte dell'io corporale

Perché ora la tua consapevolezza/coscienza non avrebbe più scopo e senso di essere ancora presente essendo la tua coscienza ora perfettamente e realmente consapevole

Ha senso se essa non si legherebbe di volta in volta alla coscienza della persona data o scelta, quindi di volta in volta ripeterebbe la questione di rendere consapevole un'altra coscienza umana, fino a quando però saranno tutte consapevoli e poi non avrebbe più senso né scopo

Questo però riporterebbe il tuo stato umano comunque alla cessazione totale del suo essere pensante, quindi anche così stando le cose non cambierebbe nulla dal tuo punto di vista attuale sul tuo mantenimento di coscienza dopo la morte, se la coscienza non si lega ad essa

Oppure in ultima analisi essa è una consapevolezza/spirito che divide parte di sé per ogni forma di vita potenzialmente cosciente di sé stessa, quindi quando tutte, o almeno le coscienze in grado di raggiunge questo stato avranno preso consapevolezza e saranno legate ad essa, questa tornerà ad essere l'entità unica cosmica/divina di conoscenza, coscienza e consapevolezza universale infinità ed eterna

Oppure la stessa cosa ma singolarmente applicata



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 5, data 09:06:22, 23/07/2022
Così però cambierebbe pochissimo dal binomio Dio/anima anzi è la stessa identica cosa espressa o sentita in maniera e forma diversa sia che si intenda poi in senso singolo come anche collettivo sull'unione o possibile unione tra consapevolezza e coscienza.

È lo stesso binomio tra Dio/consapevolezza e spirito/coscienza. Lo spirito/anima si unisce a Dio, come nel tuo caso la coscienza si unirebbe alla consapevolezza. Tu avverti la tua consapevolezza esattamente come un credente (io di qualche mese/anno fa) avverte o può avvertire in sé la reale presenza di Dio. In entrambi i casi Altro di diverso e slegato dal sé/io corporeo.

Tu tramite il dubbio, il credente tramite la fede (un dubbio, mascherato da sentita certezza interiore).

Cambiano di fondo solo i termini usati.

Quindi per vivere o sentire questo devi nutrire comunque in questo un dubbio/fede/speranza che sia ad ogni modo o misura possibile.

Essi però sappiamo da dove derivano, sono emozioni derivate da sentimenti che tu associ a questo tuo percepito reale sentire, esattamente come in maniera differente facevo io, perciò la solita conclusione, dopo la solita domanda

Sinceramente e onestamente perché senti il bisogno di questo?

Abbiamo due modi per percepire reali ogni emozione o sentimento dato e letto.

Uno è sentire col corpo, e la mente quindi segue anch'essa fisicamente (scambio di informazioni e lettura di queste tramite il sistema neuronale) il corpo (quando ci si tuffa in mare per esempio, al contatto stesso con l'acqua la mente fa fatica a pensare ad altro, perché il corpo percepisce uno stato di cambiamento esterno netto, e per un po' la mente segue il corpo, oppure quando si presenta una grossa ferita la mente fa fatica a divagare, perché segue il sentire del corpo).

Oppure possiamo sentire con la mente (come quando ricordiamo un evento passato o immaginiamo uno futuro/presente) e in questo caso è il corpo che segue emozionalmente e fisicamente questo nostro percorso mentale.

In entrambi i casi percepiamo il sentimento quindi l'emozione provata, compresa e quindi vissuta in noi o come assolutamente reale o perfettamente consci che non lo sia, ma tra queste poi si possono collocare situazioni o percezioni dove non ne abbiamo una assoluta conferma, quindi dubbio o fede.

(Questo qui sopra è un mio ragionando non ho ancora potenzialmente letto niente o non ho niente a memoria di letto su questo aspetto).

Questo perché mente e corpo sono una cosa sola non c'è divisione né dualismo.

Mi hai spremuto il cervello comunque, te ne do atto.

Ho voluto solo analizzare la questione secondo la mia logica, questo non toglie il fatto che quello che penso io è solo il mio punto di vista che non deve essere per forza anche il tuo.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 6, data 12:41:44, 23/07/2022
Riguardo alla mia idea, di Dio/Nulla, eterno e infinito quindi immobile, per creare (non sapendo che cosa comporti in essere il suo essere) basterebbe una "volontà" diretta senza bisogno di pensiero o movimento, ma istantanea, quindi ferma come esso è, di creare quindi dal Nulla che esso è, un vuoto in essere e divenire circoscritto, il resto poi verrebbe da sé. Cosa che sarebbe del tutto logica essendo Dio eterno e infinito, "vedrebbe" dal suo ipotetico punto di vista esterno a questa realtà infatti, l'universo perfettamente immobile e fermo nel suo spazio e tempo, perciò completamente già finito. Esso risulta in movimento e ancora in espansione, solo per chi ivi risiede dentro il determinato segmento di spazio e tempo già esistente in cui si sta muovendo nel suo presente/passato. La cosa si allaccia perfettamente anche alla tua idea, dove però non condivido come ho scritto, il nostro stato di possibile fuga o salvezza da esso secondo la tua sentita ipotesi per tutti i motivi espressi.

Questa credo che riassuma anche la concezione dello spazio tempo teorica di cui Einstein era convinto (a prescindere dalla figura di Dio esterna che osserva a cui ognuno può sovrapporsi per comprendere il senso del discorso relativo dello spazio e del tempo secondo la teoria della relatività).

Per togliere Dio dalla equazione basta pensare il di fuori della realtà in cui è inglobato l'universo, come totalmente esente o assente dal concetto relativo di spazio e tempo.

Per Dio o un osservatore qualsiasi che si trovi al di fuori della nostra realtà quindi, non essendoci spazio e tempo, avrebbe una concezione totale e univoca di questa realtà, dove invece questi due valori sono entrambi presenti e relativi/intrinseci e relativi anche a tutti gli altri valori e forze della fisica ad essi associati e con cui essi interagiscono. Ma essendo ora al di fuori della realtà in un punto di osservazione privo di entrambi, apparirebbe tutto l' insieme contemporaneamente cioè tutto immobile esattamente come tutto lo è ipoteticamente fuori dalla realtà.

Noi all'interno invece subendo il divenire dello spazio/tempo abbiamo solo una vista parziale di esso limitato alla porzione di universo a noi visibile cioè da dove possiamo rilevare la prima traccia di luce che a noi arriva sotto informazione di questo, tra cento miliardi di anni luce per dire se esistesse ancora l'umanità e perdesse tutti i nostri dati odierni non potrebbe più osservare o cogliere in nessun modo la risonanza di fondo scaturita dal Big Bang perché nel frattempo essa, non sarà più possibile rilevarla essendosi l'universo a noi visibile perciò calcolabile/rintracciabile dietro di noi, spostato seguendo relativamente la sua stessa espansione.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 15:14:47, 23/07/2022
Tu mi chiedi: "La tua coscienza rimane iscritta nella consapevolezza?"
La mia coscienza, la coscienza dell'Io, con la morte del corpo e della mente memoria compresa è persa. Nella vita normale il fatto di essere consapevole permette allo spirito (Sé) solamente di osservare e comprendere l'Io e tutto ciò che rappresenta.
Non so come si comporterà il mio spirito (ammesso che esista davvero come solamente intuisco)
ma è lo spirito che ha la consapevolezza dell'esistere e logicamente immagino e spero che conservi la coscienza di quello che era l'individuo IO in vita; non so in quale modo.
La consapevolezza è uno stato dell'essere dello spirito, non è lo spirito.
Ma la consapevolezza vera è un livello altissimo di concentrazione e di sforzo che deve fare il Sé (sempre tramite l'IO) per migliorare la capacità di intervenire direttamente sulla materia.
Ma il discorso si amplia troppo e va oltre la logica dei nostri ragionamenti.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci / commenta un'opera a caso.

Nota: per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nell'elenco dei generi e scegli la tipologia desiderata.



L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
L'immaginazione non ha limiti di Giancarlo Rizzo è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(racconto fantascienza, breve)  di nwMarco

descrizione: Sono stato avvicinato da uno strano individuo che mi ha confessato di provenire dal futuro e mi ha consegnato un libro fotografico contenente la storia dell'umanità fino al 2550! Ho deciso di pubblicarlo a puntate su questo sito.

tags: #bandiera(3)    #futuro(51)    #umanità(29)    #universo(25)    #fantasia(42)


descrizione: Tecnica mistaolio su tela 50x70

incipit: Il potere di una frase libera l'immaginazione, dettando i colori per un nuovo sogno fantastico!

tags: #cosmo(9)    #sole(85)    #stella(47)    #surreale(48)    #fantasia(42)


(pittura altro)  di nwDalila

descrizione: Tecnica mistaacrillico su tela 50x70

incipit: Tema di un'estemporanea a Tropea: "dipingete con la fantasia l'antica Tropea quando era conosciuta come porto di Ercole " (La seconda immagine e' un aggiornamento dovuto,visto che oggi l'opera si presenta cosi'.Ho voluto riportare il risultato definitivo, a voi l'interpretazione se e' stato nell'insieme migliorato o meno!)

tags: #fantasia(42)    #ponte(10)    #rudere(3)    #surreale(48)    #mare(173)


(pittura altro)  di nwDalila

tags: #acqua(52)    #fantasia(42)    #sole(85)    #surreale(48)    #terra(46)    #volto(66)    #aria(10)


(racconto narrativa, breve)  di nwMassimo Baglione

descrizione: Narra di un racconto che ancora non esiste (che ho chiamato "astratto") che aspetta impaziente che l'autore si decida a scrivere.

incipit: Chissà se riuscirò, un giorno, a farmi bello sulla libreria di qualche lettore. Se sarò fortunato, ma molto fortunato, forse mi ristamperanno e allora sì che sarò diventato qualcuno! Magari, se la fortuna deciderà di sfoderarmi il più bello dei suoi sorrisi, forse mi divulgheranno anche in edizioni tascabili, che equivarrebbe a un evidente segno di notevole popolarità. Io ancora non esisto, sono solo un'idea...

tags: #attesa(17)    #foglio(33)    #foglio bianco(1)    #impazienza(1)    #ispirazione(5)    #scrittura(12)    #scrivere(15)    #fantasia(42)


(pittura altro)  di nwDalila

tags: #fantasia(42)


(pittura altro)  di nwDalila

descrizione: Un progetto, l’idea che prende forma, cambia e poi diventa opera. La fase che "attraversa"...e’ come una magia!

tags: #cosmo(9)    #monocromia(5)    #vita(306)    #fantasia(42)


(pittura altro)  di nwDalila

descrizione: Vi presento in anteprima la copertina della mia prima fiaba per bimbi,(Pubblicazione vinta in un concorso) gia’ in stampa .

tags: #danza(12)    #farfalla(17)    #note(4)    #pianoforte(4)    #sogno(139)    #fantasia(42)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwDalila

descrizione: A volte si sogna, a volte passa una vita e non l'hai mai incontrata!

tags: #fantasia(42)    #tempo(96)    #vita(306)

Elencate 10 relazioni su 42 -
 
10
20
 ... 
50
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.229.117.123


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2022
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0.13 secondi.