pagine viste: ...
...no javascript...
Benvenuto, visitatore
     
Wed 24 February, 23:59:59
logo

Recensione o commento a: Edouard Glissant e la creolizzazione - (Altro Saggio, Breve) - di Francesco Pino:
Testo della recensione o del commento (min 30, max 5000 battute)

Autore della nota

Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.


Nota: stai per confermare la recensione o il commento al lavoro dell'autore Francesco Pino. Prima di proseguire, però, se hai necessità di discutere più a fondo di questa opera con l'autore, puoi iniziare una discussione più ampia e dettagliata usando la nwsezione apposita del nostro forum. Tale discussione, se non è già stata aperta, dovrà essere creata con il titolo:

"Edouard Glissant e la creolizzazione - Francesco Pino".

Le recensioni offensive, volgari o di chiacchiere saranno eliminate dallo Staff.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative.

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


Sei un visitatore. Inserisci il risultato numerico della seguente formula matematica:

((nove x nove) + otto) =  


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON





Le altre recensioni o commenti
Di Francesco Pino: Grazie a tutti per le preziose recensioni!
Di Marcello Rizza: Ciao Francesco. Sarò più terrà a terra dei fini recensori sopra. Voglio dirti che, dopo aver letto questa tua disamina e studio, dovrò rileggere sotto altra luce il tuo racconto di autunno. Nello specifico del tuo intervento, già dal termine "creolizzazione" si forma una chiara immagine di mescolanza, ben differente dalla più moderna e fredda globalizzazione che si prefigge di uniformare la società. Credo, mi piace credere, che tra la passata creolizzazione e la attuale globalizzazione vada scelta la via indicata da Stigliz, il "globalismo". Creolizzazione, intesa come meticcismo, è nella natura umana, è nel percorso nomade dell'uomo che stanzia solamente quando trova un equilibrio. Globalizzazione intesa come uniformità basata sugli interessi e gli scambi a favore di una semplicità dove si finanzia a caro prezzo (parlo di interessi economici e finanziari e quindi non partecipi) strade bellissime e asfaltate, cellulari come status symbol dei "medi". Globalità come vera integrazione, dove il minestrone alla genovese incontra il sedano di montagna o lo zenzero e ne esce un minestrone dal profumo irresistibile. Bello leggerti.
Di Roberto Virdo': Molto molto interessante questo piccolo saggio, che fornisce più di qualche spunto di riflessione. Non conoscevo Glissant né il concetto di "creolizzazione", quindi ribadisco, come già fatto in passato, il mio ringraziamento per queste piccole perle di cultura e pensiero positivo che i BraviAutori sanno dispensare.
Oggi il mio grazie va a Francesco Pino, che ha saputo ben focalizzare l'attenzione su temi attuali e dibattutissimi lasciandoci scivolare adagio, senza scossoni, su passato e presente, inserendo peraltro alcune personali riflessioni degne di nota. Inutile aggiungere che il commento di Namio Intile si aggiunge impreziosendo con ulteriori elementi le tematiche rappresentate, aprendo una prospettiva sul futuro che vale davvero la lettura, non fosse altro che per la riflessione sulla vitale importanza delle scelte etiche e consapevoli a cui il genere umano sarà, verosimilmente e sempre più spesso, posto di fronte.
Vorrei anch'io fornire un mio personale contributo, ma il compito è arduo poiché i miei non sono che spezzoni, o lampi se vogliamo, in una trama talmente complessa nella quale solo la conoscenza approfondita, continuamente nutrita e ravvivata potrebbe portare a risultati apprezzabili. Così indegnamente traggo, da ricordi di letture passate, qualche traccia del pensiero di un grande filosofo che, incontrato per caso tra i libri dimenticati su un vecchio scaffale, mi ha incantato con le sue idee. Lui si chiama Henri Bergson.
Tra gli innumerevoli aspetti dal grande maestro discussi, troviamo umanità, progresso, città. Ma troppo scontato sarebbe rifarmi a questo. Piuttosto, vorrei fare un passo più in là e lanciarmi in un accostamento forse azzardato. Mi butto.
Bergson distingueva tra Tempo e Durata. Il primo concetto è quello “scientifico”, fatto di una sequenza asettica di istanti, caratterizzato da un aspetto quantitativo ed esteriore. La Durata invece è “psicologica”: quegli istanti sono legati dalla coscienza, diventando qualitativi e pertanto irripetibili nella sostanza. Questa interiorizzazione implica che il passato sia un vissuto “dinamico”, poiché come il piccolo blocco di neve correndo per il pendio s’ingrandisce, conservando ciò che era stato in origine ma trasformandosi in qualcosa di sempre nuovo, così il “tempo interiore” si accresce mantenendo la memoria del passato ma ricreandolo in qualcosa di nuovo e sempre più importante. L’entità risultante è quella originaria, ma anche qualcosa di diverso. In breve: non ci si può sbarazzare del passato, e, aggiungo io, neanche del futuro.
Per la mia modesta opinione, trovo questo stesso dualismo nei concetti di globalizzazione e creolizzazione, come nei miti di Prometeo ed Epimeteo. Credo che questa sia la direzione del piccolo, interessante saggio, rimarcata dalla successiva recensione di Namio Intile: dobbiamo decidere se vivere questo tempo o subirlo, se aggiungere soltanto, come in una lunga collana di finte perle, o realmente cambiare e divenire qualcosa di nuovo. In definitiva, se il progresso senza coscienza non sia solo regresso.
Grazie Francesco!
Di Namio Intile: Bel pezzo, Francesco. In verità non conoscevo Glissant, ma le sue idee, per come le hai riportate, non mi suonano affatto nuove, anzi.
Oggi si rifiuta la creolizzazione (come sottoprodotto della globalizzazione) e non si fa altro che discutere di identità, di origini, di tradizioni, come se noi stessi non fossimo il prodotto di millenni di incroci e le nostre tradizioni il frutto di un continuo sincretismo e sovrapposizione. Il tornare indietro, il ricercare nel passato il mondo originario e perfetto, il ritorno al grembo, è stato descritto da Baumann che adoperava in proposito un neologismo da lui creato: retrotopia. Una utopia non rivolta al futuro, ma al passato. Una mitizzazione del passato come luogo dove si viveva bene e meglio perché si era in contatto con l'identità originaria, con le origini viste come luogo senza conflitti.
Il problema è che il futuro, come il presente, è diventato un luogo pieno di incognite, popolato da demoni, produttore di paure e problemi insolubili. E l'attuale pandemia sta a là a dimostrarlo. Ma soprattutto la nostra epoca non riesce più a immaginare il futuro, perché il futuro è diventato totalmente imprevedibile, se non indicibile, e perciò ingestibile. Abbiamo trasformato il futuro in un luogo distopico dove regna il caos. E perciò ecco perché il ritorno in grembo e le varie e infinite retrotopie. Anche il design delle auto, per dirne una, è affetto da retrotopia.
Non mi stancherò mai di dirlo, ma la totale perdita di fiducia nel futuro va di pari passo con l'affermazione della società della tecnica. La scienza, anziché predire ciò che potrebbe avvenire, il mito di Prometeo, produce essa stessa una serie infinite di incognite e di problemi insolubili, il mito di Epimeteo.
Forse per riuscire a rivedere il futuro e aver fiducia anche nella creolizzazione (che è cosa ben diversa dalla globalizzazione) bisognerebbe, una volta per tutte, mettere mano al nostro rapporto con la scienza.
Non tutto ciò che viene immaginato può essere creato, e non può essere vero il contrario. Creare insomma una nuova etica che riesca a gestire e indirizzare quel che la tecnica ci permette di realizzare e impedire che si segua una strada, quando ciò nuoce all'umanità, anche se sia possibile farlo. Penso all'ingegneria genetica, all'intelligenza artificiale, alle applicazioni civili e militari della fisica nucleare.
In soldoni, costruire bombe atomiche nuoce all'umanità, costruire centrali atomiche anche, la manipolazione del DNA umano è da vietare e via discorrendo.
A rileggerti






PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.232.129.123


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2021
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,35 secondi.