pagine viste: ...
...no javascript...
Benvenuto, visitatore
     
Tue 19 January, 22:06:22
logo


Recensione o commento a: Derealizzazione inconsapevole - (Racconto Altro, Breve) - di Christel:
Testo della recensione o del commento (min 30, max 5000 battute)

Autore della nota

Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.


Nota: stai per confermare la recensione o il commento al lavoro dell'autore Christel. Prima di proseguire, però, se hai necessità di discutere più a fondo di questa opera con l'autore, puoi iniziare una discussione più ampia e dettagliata usando la nwsezione apposita del nostro forum. Tale discussione, se non è già stata aperta, dovrà essere creata con il titolo:

"Derealizzazione inconsapevole - Christel".

Le recensioni offensive, volgari o di chiacchiere saranno eliminate dallo Staff.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative.

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


Sei un visitatore. Inserisci il risultato numerico della seguente formula matematica:

((tre x due) + cinque) =  


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON





Le altre recensioni o commenti
Di Roberto Virdo': Christel, innanzitutto vorrei invitarti a darmi del tu, spero non ti sembrerà eccessivo ma, seppur involontariamente, mi metti in imbarazzo! Qui le età possono cambiare ma lo spirito è lo stesso, e posso dirti che troverai moltissimi autori con l'attitudine giusta. Insomma BraviAutori è davvero un bel sito, oserei dire sorprendente se pensiamo al panorama generale della rete.
Grazie per quanto dici sul mio commento, ti confesso che è un mio impegno personale quello di "mettermi dentro" in ogni cosa che scrivo. Sul modo poi in cui scrivo credimi, qui intorno vedrai che penne che girano…, io ti dirò approfitto sempre per apprendere nuove cose, confrontare stili, migliorare insomma. Per tornare al tuo piccolo testo, è vero mi sono allargato un tantino con i riferimenti ma ti spiego il motivo: ovviamente intravedo qualcosa di "me" in quanto tu scrivi e ho voluto con vero piacere condividerlo con te. Più di qualcosa. Non credo sia un caso che nei miei piccoli racconti non di rado trovi personaggi che definire sognatori è davvero poco. In definitiva ribadisco, io adoro restare in equilibrio tra sogno e realtà, allucinazione ed evidenza, e vedrai che anche tu con l'esperienza dello scrivere troverai una strada maestra. A rileggerti presto mi raccomando!
Di Christel: Buonasera, mi scuso per il ritardo nella risposta.
Sono a dir poco meravigliata dalle sue parole nei confronti di questa mia piccola opera che, come dice lei, viene da una grande fantasia.
Non scrivevo da anni ma qualche giorno fa mi sono messa a scrivere al computer, cosa che non ho mai fatto, e le parole scivolavano.
Ci tengo a specificare che ho diciasette anni compiuti da poco e che, quindi, ho ancora molte cose da studiare e perfezionare. Lei è bravissimo a scrivere! Utilizza parole e riferimenti che attribuisco a una persona che, come si dice:''sa quel di cui parla''. Grazie tante ancora, sono molto colpita.
Di Francesco Pino: E' un racconto veramente interessante, complimenti. Mi hai ricordato subito Matrix, e questo non è un difetto. Vi intravedo desideri reali trasformati in sogni. Mi ha un po' confuso come si sia passati dal FVG ad Amburgo… è il sogno che continua o che non ha mai fine?
Ci sono diversi errori di battitura che puoi correggere facilmente.
Bene, davvero.
Di Roberto Virdo': Christel, innanzitutto complimenti per lo pseudonimo, ammesso che lo sia. Se poi si tratta del nome, complimenti di più. Sono rimasto sorpreso da questo piccolo testo che tanto somiglia a un sogno, forse a occhi aperti. La descrizione è promettente e invitante, preparandoci a una sorta di "rivelazione".
Ho trovato estremamente interessante lo sviluppo, seppur non supportato da una forma all'altezza. Attenzione, non sto parlando di errori o incongruenze. Dico che per disegnare un "Guernica" c'è stato bisogno d'inventarsi un nuovo stile. Ecco, qui vedo spunti molto interessanti che devono essere ben strutturati (o destrutturati, ma sempre a dovere). Non è affatto facile scomporre la realtà in un caleidoscopio del genere, e questo è un complimento. In uno dei miei testi ho sentito questa stessa impellente necessità di "uscire" dagli schemi e cercare una nuova via, diciamo che ci ho provato. Del resto la componente onirica, che apprezzo e cerco in massima misura, richiede un equilibrio stilistico notevole.
Per quanto riguarda i contenuti, che m'intrigano molto poiché punti di partenza di innumerevoli strade (come succede proprio con i sogni dove troviamo una impressionante sintesi di differenti aspetti), questo distacco dalla realtà, almeno apparente, non è assolutamente cosa nuova. Anzi! Ricordo di un certo Neo in un certo film che aveva gli incubi, per poi scoprire che la realtà era del tutto virtuale. E il magnifico "Doppio Sogno" di Schnitzler, di cui lo stesso autore dirà: "...una specie di territorio intermedio fluttuante tra conscio e inconscio […]" Se poi andiamo su un piccolo ma grande capolavoro di E.A. Poe "Manoscritto trovato in una bottiglia" ecco che ci chiederemo, senza poter trovare una risposta, se la realtà non sia solo un incredibile, interminabile sogno.
In definitiva Christel, mi permetto dal mio modestissimo punto di vista di valutare positivamente questa tua piccola opera, che mostra un vissuto interiore non comune ma attenzione, neanche esclusivo. Io vedo i segni di una vivissima fantasia, accesa, lanciata a trecentosessanta gradi a esplorare la realtà. Credo sia un valore prezioso proprio perché resta, come dicevo, non comune. Se continuerai a scrivere, cosa ovviamente auspicabile, ti invito a leggere alcuni autori che hanno fatto di questi quadri "astratti" dei magnifici racconti o romanzi. Sicuramente tra i colleghi di BraviAutori ci sarà qualcuno che potrà consigliarti più e meglio di me, ma nel ribadirti il menzionato Poe, c'è anche anche Maupassant con i suoi Contes fantastiques.
Per non dire una Virginia Woolf, eccezionale maestra del monologo interiore, dove si mescola poesia e innovazione stilistica. Insomma quegli autori che hanno saputo esteriorizzare l'interiore, senza ricorrere a scenari fantasy o fantascientifici ma ammaestrando e plasmando la penna per trascinare il lettore nel loro mondo.
Spero di non essermi dilungato troppo, e semmai avessi detto cose senza senso - possibilità che va messa in conto a priori - cercheremo di rimediare rifugiandoci in un sogno.
A presto!






PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.239.233.139


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2021
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,14 secondi.