pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Sat 27 February, 16:04:39
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Soixante-dix… quatre-vingt… quatre-vingt-dix.. Perché i francesi dicono così?

(altro saggio, breve - per tutti)
26 visite dal 29/01/2021, l'ultima: 3 giorni fa.
3 recensioni o commenti ricevuti

Autore di quest'opera:


Descrizione: Per la serie "forse non tutti sanno che…" una piccola curiosità sulla lingua francese.


Soixante-dix… quatre-vingt… quatre-vingt-dix.. Perché i francesi dicono così?
voce
file: opera.txt
size: 2,51 KB
Tempo di lettura: circa 1 minuto



Elenco Tag dell'opera:
#francese(5)    #numeri(2)    #curiosita(5)



Recensioni: 3 di visitatori, 5 totali.

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.

Testo della recensione o del commento (min 30, max 5.000 battute)

Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: stai per confermare la recensione o il commento al lavoro dell'autore Francesco Pino. Prima di proseguire, però, se hai necessità di discutere più a fondo di questa opera con l'autore, puoi iniziare una discussione più ampia e dettagliata usando la nwsezione apposita del nostro forum. Tale discussione, se non è già stata aperta, dovrà essere creata con il titolo:

"Soixante-dix… quatre-vingt… quatre-vingt-dix.. Perché i francesi dicono così? - Francesco Pino".

Le recensioni offensive, volgari o di chiacchiere saranno eliminate dallo Staff.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative.

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci/commenta un'opera a caso.
(per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nella tipologia desiderata)

recensore:
avatar di Roberto Virdo'
nwRoberto Virdo'
$ sostenitore 2020 (5 quest'anno)

Recensione o commento # 1, data 30/01/2021
Ciao Francesco, di nuovo qui a leggere un tuo piccolo saggio. Devo dire che è sorprendente come, dopo i diversi anni vissuti tra Belgio e Francia e l'aver testato queste ed altre differenze nella lingua, io non abbia mai approfondito questo aspetto peraltro così comune e presente nella vita quotidiana. Senza contare (è il termine giusto)
che nulla sapevo del sistema delle "ventine": magari potremmo pensarci e riproporlo ai giorni nostri. Giusto per complicarci un po' la vita, dovessimo annoiarci. Ricordo ancora quando in Francia mi bloccavo puntualmente per calcolare il numero da dire nella fascia 60-100. Anche se la lingua francese mi ha sempre affascinato e affascina molto e l'ho studiata per lunghi anni (ma mai abbastanza). Molto interessanti e piacevoli queste tue "curiosità". Grazie e a presto!



recensore:

risposta dell'autore, data 30/01/2021
Ciao Roberto, grazie del commento e dell’apprezzamento.
Vero, la lingua francese è affascinante, ma che fatica parlarla bene! Io la chiamo la lingua dei fischi per fiaschi. Hai mai provato a dire “la madre del sindaco è andata a mare”? Tre parole diverse che si pronunciano alla stessa maniera! Tutti quei nomi femminili che per noi sono al maschile? In casino. Ahahahahahah.
Grazie ancora, un caro saluto.



recensore:
avatar di Roberto Virdo'
nwRoberto Virdo'
$ sostenitore 2020 (5 quest'anno)

Recensione o commento # 2, data 30/01/2021
Ah ah...è vero questa madre del sindaco crea parecchia confusione.



recensore:
avatar di Ida Dainese
nwIda Dainese
$ sostenitore 2019 (11 dal 2015)

Recensione o commento # 3, data 17/02/2021
Che testo godibile! Anch'io non mi ero mai posta questa domanda e ho trovato qui una bella spiegazione. Il titolo incuriosisce subito chiunque conosca un po' di francese ma anche chi ne sia del tutto a digiuno. L'esposizione è chiara e cattura l'interesse fino alla fine.
Ho letto anche i commenti e ti confermo che da alcuni minuti non faccio che ripetermi, ridendo, la frase della madre del sindaco. Laughing



recensore:

risposta dell'autore, data 23/02/2021
È una bella lingua e tutto sommato facilmente assimilabile per noi italiani. Ma ci sono di quelle differenze così bizzarre! Per esempio non riesco proprio a non sbagliarmi nella risposta affermativa alle domande negative. Si risponde "si" e non "oui"… e ci casco tutte le volte Very Happy




L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Soixante-dix… quatre-vingt… quatre-vingt-dix.. Perché i francesi dicono così? di Francesco Pino è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(poesia narrativa, brevissimo)  di nwFrancesca Grasso

incipit: C'è un luogo geografico nella mia Penelope dove il rosso irriga la nudità...

tags: #amore(577)    #grasso(1)    #francesca(5)


(poesia narrativa, breve)  di nwGilbert Paraschiva

incipit: C'est toi, lumière merveilleuse du ciel, étoile de la nuit, que j'observe ravi dans l'écran de mon ordinateur...

tags: #etoile(2)    #gilbert(3)    #marleine(2)    #stella(34)    #francese(5)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwGilbert Paraschiva

incipit: Je ne suis pas un poète, mais je pense d'avoir l'âme de poète et j'ai une grande verve pour la poésie...

tags: #francese(5)    #poeta(13)    #gilbert(3)


descrizione: La Chiesa cattolica si adeguò alle leggi statali ed al decreto di chiusura dei luoghi pubblici. Nelle chiese dunque non era permesso fare la Messa né impartire altri sacramenti, neanche il funerali. La Messa era on line.

incipit: -“Nonno ci racconti come si poteva frequentare la parrocchia quando c'era il coronavirus?” -“Beh, c'è da dire che la Chiesa cattolica si adeguò alle leggi statali ed al decreto di chiusura dei luoghi pubblici. Nelle chiese dunque non era permesso fare la Messa né impartire altri sacramenti, neanche il funerali: i morti venivano portati direttamente al cimitero e lì il prete faceva una veloce benedizione prima che la salma venisse cremata perchè infettata dal virus. Visto che non era possibile cr…

tags: #chiesa cattolica(1)    #consacrazione(1)    #corpo(5)    #cristo(8)    #francesco(5)    #messa(2)    #on line(1)    #pane(9)    #papa(8)    #pasqua(12)


(racconto fantascienza, breve)  di nwAndrea Leonelli

descrizione: Ennesimo raccontino, forse il più "debole" e tirato

incipit: Da quel giorno i numeri impazzirono. La matematica perse significato e tutto quanto era basato su di essa cominciò a vacillare. I computer impazzirono, le calcolatrici davano risultati incoerenti. I professori universitari non sapevano più cosa insegnare, e come.

tags: #fine del mondo(13)    #matematica(16)    #numeri(2)    #professori(7)    #umanità(20)    #computer(18)    #dubbio(6)


(racconto narrativa, breve)  di nwEliodibella

descrizione: Un temibile capomafia tradito da un regalo e catturato grazie ai ricordi di un cronista di nera che da ragazzino portava alla zia le lettere d'amore dell'insospettabile futuro boss

incipit: Sebastiano non era un ragazzo come gli altri. Gli altri infatti avevano nonni che arrivavano con le merendine e i sacchetti di caramelle, invece Sebastiano aspettava ogni pomeriggio suo nonno, su per giù sempre alla stessa ora, per strappargli dalla tasca della giacca il giornale. Vedeva arrivare suo nonno salendo sul muretto del piazzale, quello dove ogni giorno giocava dopo avere fatto i compiti. Avvistatolo saltava a piedi uniti giù e si nascondeva accovacciato dietro il muretto, aspettando che…

tags: #boss(3)    #cronista(1)    #curiosita(5)    #curioso(1)    #racket(1)    #ragazzo(32)    #sicilia(16)    #capo mafia(1)


(racconto horror, breve)  di nwMauro Conti

descrizione: Fin dove può portarci un vizio? Fino a che punto si è pronti a pagarne le conseguenze?

tags: #curiosita(5)    #omicidio(19)    #vizio(2)


(racconto giallo, medio)  di nwMichele Cristino

tags: #commissario drosti(1)    #gatto(20)    #curiosita(5)

Elencate 10 relazioni su 10 -

Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 18.210.12.229


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2021
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,54 secondi.