pagine viste: ...
...no javascript...
phone
opzioni grafiche:
T
T
T
TT
Benvenuto, visitatore
     
Sun 26 September, 08:19:41
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Il geyser

(racconto narrativa, breve - per tutti)
Tempo di lettura: meno di 5 minuti
41 visite dal 08/09/2021, l'ultima: 4 giorni fa.
7 recensioni o commenti ricevuti
Autore di quest'opera:



Il geyser
file: il-geyser.pdf
size: 87,62 KB
Tempo di lettura: meno di 5 minuti
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))

* è tra i primi 3!
in opere piaciute (dal 2021)

Elenco Tag dell'opera:
Questa opera non ha ancora dei tag. (suggerisci tu)



Recensioni: 7 di visitatori, 11 totali.
  recensisci / commenta

recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2021

Recensione o commento # 1, data 21:51:45, 08/09/2021
La stagione del Dragone #6
Niente da dire: scritto bene; si legge tutto d'un fiato. L'epilogo drammatico arriva all'improvviso e ha il suo effetto. Se chi l'ha scritto voleva giustificare un omicidio con uno stupro, è affare del lettore condividere o rifiutare, ma c'è di mezzo la confessione della pazzia.



recensore:

risposta dell'autore, data 19:38:21, 09/09/2021
Grazie mille per il commento.
No, nessuna giustificazione. Un omicidio non è mai giustificabile come non lo è uno stupro. Ho solo raccontato i fatti.
Alla prossima



recensore:
avatar di Roberto Virdo'
nwRoberto Virdo'
$ sostenitore 2021 (6 dal 2020)

Recensione o commento # 2, data 08:11:22, 09/09/2021
La Stagione del Dragone #8

Innanzitutto benvenuta, mi sembra di capire che tu sia nuova qui.
Vorrei molto umilmente farti i miei complimenti per questo testo davvero riuscito, che lascia un segno.

Questo è un genere di racconti che adoro. Introspezione profonda, quasi dolorosa. La scrittura è appropriata, come lo stile scelto: un racconto in prima persona. Ci sono molti spunti interessanti: fra tutti, la pittura rivelatrice.

Sei entrata su questa piattaforma in un momento particolare, quello in cui uno scellerato nostro collega ha lanciato una sorta di crociata: La Stagione del Dragone.
Ora, il Dragone reclamerebbe almeno un sacrificio. Ciononostante, la tua partecipazione così evidente in questo racconto, un'ispirazione folgorante, merita un plauso particolare. In realtà, non ci sono altre strade che consumare noi stessi per far incendiare i nostri lettori.

Ho chiesto al Dragone di non pretendere alcun sacrificio oggi. In fondo, le piccole sbavature che ci sono rappresenterebbero un pasto ben poco nutriente. E dopotutto, è solo un arrivederci: vorrà dire che compenseremo alla prima occasione. È una promessa.

Un solo consiglio, esclusivamente tecnico-procedurale per sfruttare le opzioni di questa fantastica piattaforma: valuta se abilitare il leggi/ascolta nella scheda del racconto, questo per una maggiore/più comoda visibilità dell'opera. Io te lo consiglierei.

Ti ho affibbiato un bel pollice in su.

Chiamarti Frafree sarà dura. Complimenti per questa entrata così potente.



recensore:

risposta dell'autore, data 19:47:29, 09/09/2021
Sì, sono nuova, nuova! Ancora non capisco bene come muovermi, qui…
Grazie mille per aver apprezzato il mio racconto e per non aver infierito sulle sbavature. Comunque, le critiche costruttive le accetto ben volentieri.
Ah, puoi chiamarmi Francesca.



recensore:
avatar di Marcello Rizza
nwMarcello Rizza
$ sostenitore 2021

Recensione o commento # 3, data 15:12:15, 10/09/2021
Quando il Dragone…#2

Il commento che segue è uno spoiler che rischia di far "scadere" il bel racconto di Francesca. Per questo, consiglio caldamente di leggere queste povere righe solamente dopo aver letto la sua opera. Per questo, per evitare che la curiosità sul mio scritto porti ancora a leggere due o tre righe, comincerò "vagheggiando" di draghi e rattodonti.

Chi ama il fumetto non può prescindere dall'opera "Bone" di Jeff Smith. È un'opera seriale a fumetti fantasy, per alcuni aspetti simile all'opera di Tolkien, ma più romantico anche se altrettanto forte, combattivo e sofferto. In quel fumetto "recita" un drago sonnolento, con sempre uno stuzzicadenti in bocca, che compare al momento e al posto giusto ma sempre accoccolato e con lo sguardo distaccato, che dalla sua comoda posizione fiammeggia a strinare gli stupidi e violenti rattodonti e dispensa pillole di saggezza ai piccoli dell'opossum e al protagonista principale, Fone Bone, un romantico, coraggioso e assennato, ancorché impaurito ma indomito, personaggio alto un metro meno dieci centimetri.

A me piace questo drago, che in questo nostro ambito spelacchia fiammeggiando i presuntuosi e i maestri e che si bea di bei racconti come questo. E questo drago, ai bei racconti come questo, dispensa qualche consiglio che potrebbe essere anche accolto.

Vai con le pulci.

1. "Se una si chiama Tyra, come me, è difficile nascondere che si viene dal nord. Dai fiordi, dagli iceberg, dai tramonti lunghi d'estate e da quelli troppo precoci d'inverno." Nella seconda frase manca il verbo. Non è sbagliato, ma, a me è accaduto, mi ha interrotto la scorrevolezza e sono tornato a rileggere l'incipit. Toglierei il punto che separa le due frasi. Accorcerei anche la prima frase per evitare una frase legata a questo punto "lunga". Per esempio: "Sono Tyra, provengo dalla terra dei fiordi, degli iceberg…". Ma è giusto un esempio.
2. "Dove sono adesso, però, sole e luce entrano solo ogni tanto da una piccola finestra munita di sbarre, quelle della mia cella: la numero trentotto, al secondo braccio, del carcere della Dozza di Bologna." Questo è il punto critico che mi sento più di affrontare. L'omicidio avverrà in Islanda. Più tardi si spiegherà che nel carcere italiano trascorrerà i prossimi trent'anni. Da un punto di vista giuridico questa situazione descritta non è corretta. Posso presumere che le indagini degli inquirenti locali abbiano portato a individuare la colpevole quando questa era già tornata in Italia, ma in questo caso sarebbe stato emesso un provvedimento internazionale di arresto e di estradizione perché potesse svolgersi il processo nel paese teatro dell'evento. Potrebbe facilmente essere risolto in due modi: 1. Ambientando i fatti in un carcere islandese; 2. Specificando che il carcere italiano è provvisorio, in attesa di estradizione, ma in questo caso verrebbe a mancare quella quieta e psicotica rassegnazione nel stare in quel carcere che, tutto sommato, nemmeno le sta stretto, un rifugio dove salvarsi da se stessa.
3. "Per fortuna, c'è Elisabetta che ci pensa, rifornendomi periodicamente di accessori per la pittura. La mia amica aggiunge, con puntualità, anche un biglietto scritto con la sua grafia a zampe di gallina. La prossima volta trovo il mio ritratto, vero? Adoro Betta…" Bellissima questa immagine. Una secondina, nella situazione della protagonista, diventa una amica.
4. "Finora, in tredici mesi di gattabuia ho dipinto circa trecento tele." Questo è il primo indizio di una fragile stabilità mentale. Dipingere quasi una tela al giorno è da psicotici. Abile, la scrittrice, a farci alzare il sopracciglio, a catturare l'attenzione del lettore.
5. " Le ho affidate a Betta con la raccomandazione di riporle, incartate bene, nella soffitta della mia casa vuota. Considerato che ho una condanna a trent'anni… " Questo è un passaggio poco credibile. Un secondino mai si prenderebbe una responsabilità come quella di possedere le chiavi di casa di una persona internata. Inoltre, devo pensare che quella casa sia di proprietà della reclusa, perché se fosse in affitto non le converrebbe tenerla impegnata per trent'anni con le spese conseguenti.
6. "Uscimmo. Davanti a me il richiamo di quel maestoso geyser. Sembrava reclamasse un dono." E poi quel bellissimo stacco: finiscono i ricordi e torna l'immediato per svelare finalmente il dramma.
7. "Le sbarre e il muro circondariale creano lo scenario dell'ispirazione: una passerella dai meandri della mia testa verso l'esterno, oltre la muraglia." Bellissima questa immagine.

(segue)



recensore:
avatar di Marcello Rizza
nwMarcello Rizza
$ sostenitore 2021

Recensione o commento # 4, data 15:13:34, 10/09/2021
(continua)

8. "Ogni volta, appena concluso (n.d.c.forse" conclusa"?) l'opera, vado in bagno. Porto il dipinto con me e lo appoggio alla parete come fosse uno specchio. Mi siedo e con la fantasia di un gettito d'acqua molto calda mi masturbo. Raggiunto l'orgasmo, metto la testa sotto il flusso freddo del rubinetto." Poi spiegherà il motivo, ma Tyra (ovviamente disturbata e per questo valuterei anche la possibilità di un internamento in una struttura più idonea e attenta invece che in un tradizionale carcere) non è pentita di ciò che ha fatto. L'incolpevole Erik viene visto come quell'uomo gentile che torna prepotentemente a galla. Anche il patrigno era amorevole nella forma. Nell'esaltazione del criminale gesto, nel dipingere l'omicidio come una disturbata bandiera di difesa dal mondo maschile, anche si masturba con ciò applicando un sigillo alla sua sessualità che mai più dovrà essere violata.

Forse vorrai perdonarlo, Francesca. Il drago si è perso in cavillosi appunti. Ma questo gli accade quando si innamora di un racconto. Vale a dire che ci si fionda, che ci dedica del tempo, che vorrebbe farlo suo. Ha faticato, ha fatto prevalere il rispetto alla tua opera, a non proporre qualche riscrittura di alcune frasi. Ma l'enorme amico non ha fiammeggiato nei tuoi confronti, e sa che questo racconto potente e violento, ancorché rivestito di voluta e letteraria disturbata pacatezza, gli resterà nella memoria a lungo, forse per sempre, e lo racconterà ai suoi draghetti per insegnargli qualcosa di importante. Hai creato un antieroe che, a suo modo, è eroe. L'hai fatto con eleganza, mettendo non erotismo ma dramma nell'odiosa violenza e nella masturbazione liberatoria. Hai saputo tenere alta la tensione. Mi dice il drago a un orecchio:"Cosa si può chiedere di più a un racconto? Visto che sei tu a esporti al posto mio, diglielo tu." Ok, te lo dico io: bravissima.



recensore:
avatar di Marcello Rizza
nwMarcello Rizza
$ sostenitore 2021

Recensione o commento # 5, data 17:54:05, 10/09/2021
"Un solo consiglio, esclusivamente tecnico-procedurale per sfruttare le opzioni di questa fantastica piattaforma: valuta se abilitare il leggi/ascolta nella scheda del racconto, questo per una maggiore/più comoda visibilità dell'opera. Io te lo consiglierei."

Vorrei aggiungere, al corretto e attento commento di Roberto, che la funzione" leggi/ascolta" permette agli ipovedenti di fruire con l'ascolto del racconto. Oppure di ascoltarlo in auto mentre si viaggia.



recensore:
avatar di Roberto Virdo'
nwRoberto Virdo'
$ sostenitore 2021 (6 dal 2020)

Recensione o commento # 6, data 18:46:55, 10/09/2021
Opportuna e utilissima precisazione, da condividere con tutti. Thx, Marcello.



recensore:

risposta dell'autore, data 19:16:45, 10/09/2021
Marcello, grazie mille per questa bella recensione e anche per avermi indicato i punti deboli. Terrò sicuramente in considerazione tutte le osservazioni qualora dovessi rivisitarlo.
La tua recensione è più lunga e più precisa del mio racconto e può essere solo un valore aggiunto, altro che far "scadere".
Quando si hanno dei commenti così diventa ancora più gratificante scrivere.
Alla prossima.
Francesca



recensore:

risposta dell'autore, data 19:10:00, 10/09/2021
Ragazzi, avevo attivato il leggi e ascolta e provato ad ascoltare, leggeva tutto tranne il racconto. Virgole, font, eccetera.
Alla fine l'ho disattivato.
Probabilmente il file non ha la formattazione giusta.



recensore:
avatar di Roberto Virdo'
nwRoberto Virdo'
$ sostenitore 2021 (6 dal 2020)

Recensione o commento # 7, data 20:55:48, 10/09/2021
Frafree, ti consiglio in ogni caso di attivarla per permettere ai lettori di sfruttare quantomeno l'opzione "leggi". Per quanto riguarda "ascolta", che come ricordava Marcello resta una componente utile e importante, prova a chiedere aiuto al nostro webmaster, Massimo Baglione.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci / commenta un'opera a caso.

Nota: per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nell'elenco dei generi e scegli la tipologia desiderata.



L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Il geyser di FraFree è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera
Nessuna opera correlata

Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 44.192.254.246


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2021
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,41 secondi.