pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Wed 12 August, 19:58:08
logo


bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Il dio novelliere

(racconto fantasy, breve - per tutti)
31 visite dal 11/06/2020, l'ultima: 2 settimane fa.
7 recensioni ricevute


Autore di quest'opera:

Altre opere dell'autore

Titoli simili:
nessuno

Descrizione: Racconto di genere fantastico sulla realtà oggettiva.


Il dio novelliere
voce
file: il-dio-novelliere.doc
size: 55,00 KB
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))

* è tra i primi 10!
dal 2020 (opere commentate)


Elenco Tag dell'opera:
Questa opera non ha ancora dei tag. (suggerisci tu)



Recensioni: 7 di visitatori, 10 totali.

Nota: Scrivere recensioni alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.

Testo della recensione (min 30, max 5.000 battute)

Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: stai per confermare la recensione del lavoro dell'autore Sergio Romino Gagarin Mastrillo. Se hai necessità di discutere più a fondo di questa opera con l'autore, puoi iniziare una discussione più ampia e dettagliata usando la nwsezione apposita del nostro forum. Tale discussione, se non è già stata aperta, dovrà essere creata con il titolo:

"Il dio novelliere - Sergio Romino Gagarin Mastrillo".

Le recensioni offensive, volgari o di chiacchiere saranno eliminate dallo Staff.

Nota: le recensioni devono essere lunghe almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche e collaborative.

Nota: le recensioni sono tue e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventano di proprietà dell'autore che hai recensito.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci nwun'opera a caso.

recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

Recensione # 1, data 23/07/2010
L'idea è molto vicina a "La trama tra le nubi", di L. Ron Hubbard, un libro che è nella mia personale top 10 delle preferenze (leggere per credere).

Questa storia, che per stessa ammissione dell'autore è stata appena scritta, presenta alcune imperfezioni che ho segnalato privatamente, ma tutto sommato è ben scritta e di facile e scorrevole lettura.
Molto bello il concetto finale.

PS: benvenuto!



risposta dell'autore, data 23/07/2010
Grazie della recensione positiva!
In effetti il racconto presenta svariati errori di battitura, ma il ritmo e la sintassi, per fortuna, non ne escono alterati. Il testo è sorto mentre trangugiavo un piatto di insalata di riso. Mangiavo e osservavo i chicchi che iniziavano a scarseggiare nel piatto, mentre una fervida brama di evasione si impossessava di me. Allorquando rimasero una decina di chicchi e la forchetta non riusciva ad acciuffarli, ho deciso di usare il cucchiaio(mi piace ripulire il piatto quando mangio).
Trovando difficoltà  anche col cucchiaio, ho usato il dito e ho lucidato il piatto con la bocca. Mandato giù l'ultimo boccone mi è balenato in testa un sussurro mordace: -scrivimi, scrivimi-, diceva.
Il chicco di riso, ovviamente era riso Gallo, mi è apparso in visione mentre buttavo giù le prime righe. La trama, compresa la logica sequenzialità  dimensionale, mi è stata dettata dal triplice approccio strumentale.
Le zampe di capra e i calamai nelle mani del "dio" rappresentano, ovviamente, l'eterna lotta tra sapienza e ignoranza, tra colui che si sfama e colui che viene divorato.



recensore:
avatar di Alessandro Napolitano
Alessandro Napolitano
$ sostenitore 2015 (4 dal 2011)

Recensione # 2, data 24/07/2010
Un bel racconto, ricco di simboli che non appesantiscono la lettura. Mi è piaciuta la scelta di proporre tre finali e come questi si amalgamano al resto della storia.
Alcune parti le avrei "mostrate" di più e "raccontate" di meno e avrei evitato qualche aggettivo.

Benvenuto!



recensore:

Pia
Recensione # 3, data 25/07/2010
l'idea è bella e originale ma anch'io trovo che siano stati usati troppi aggettivi, per lo più termini volutamente desueti, alcuni dei quali anche di dubbia interpretazione.
Faccio qualche esempio:
sommessamente seduti (sommesso=di suono leggere, basso)
i due rimasero alienati (l'ho interpretato come estraniati, ma la parola in sè offre diverse interpretazioni)
Il ratto scorrere
sfumare nella fabulazione
poi c'è "tingeva di sabbia la schiuma", lo vedo inappropriato il verbo tingere.
Gli spazi dopo i punti di sopsensione mancano dappertutto e spesso non c'è spazio tra una parola e l'altra tra parentesi.
Per mia conoscenza, ammetto la mia ignoranza, mi piacerebbe sapere cosa significa il "cedolare delle onde" e il "tabarro della sabbia"
insomma tutte queste perplessità  hanno appensantito la lettura rendendola stancante, se fosse stato un libro di molte pagine avrei avuto enormi difficoltà  a finirlo. Finita questa parte con linguaggio più ricercato, me lo sono goduto di più.
Bella anche l'idea dei tre finali, insomma ci sono pregi, sì, ma anche difetti, almeno per me Wink
ancora benvenuti



risposta dell'autore, data 25/07/2010
Ammettiamo che il linguaggio adottato in questo racconto sia -volutamente desueto- e che l'uso di alcuni termini in questione possa appesantire gravemente il discorso; tuttavia c'è da dire che l'utilizzo delle figure retoriche, in certi tipi di racconti, disarma il lettore senza distrarlo dalla trama dello stesso.

Figura retorica
Da Wikipedia

Si indica col termine figura retorica qualsiasi artificio nel discorso, volto a creare un particolare effetto.
L'identificazione e la catalogazione delle figure ha creato problemi di base agli studiosi di retorica, dall'antichità  al Settecento.
Tradizionalmente si distinguono le seguenti categorie di figure:
-figure di dizione per le quali avviene una modifica nella forma delle parole;
-figure di elocuzione che riguardano le parole più adatte;
-figure di ritmo che seguono gli effetti fonici ottenuti mediante la ripetizione di fonemi, sillabe, parole;
-figure di costruzione o di posizione che si riferiscono all'ordine delle parole nella frase;
-figure di significato o tropi che riguardano il cambiamento del significato delle parole;
-figure di pensiero che concernono l'idea o l'immagine che appare in una frase.



recensore:

Dino
Recensione # 4, data 27/07/2010
Di solito, se un racconto non mi piace, non esprimo pareri, ma taccio. Se sto scrivendo una recensione quindi vuol dire che non boccio il racconto ma il genere. Esprimo un parere del tutto personale, lo so, ma, dopo essermi accostato alle ultime conquiste della scienza come la relatività , la quantistica, la teoria delle stringhe, questi racconti fantascientifici mi sembrano roba da ragazzi ed io ormai sono vecchio.



recensore:
avatar di Angela Di Salvo
nwAngela Di Salvo
$ sostenitore 2015 (3 dal 2011)

Recensione # 5, data 04/10/2010
Il racconto, nel suo genere, risulta di agevole lettura e di notevole impatto descrittivo. La vicenda fantastica ,che rimanda a mostri (il dio dell'isola) e a verità  nascoste agli esseri viventi che vivono la loro vita incosapevoli di una recondita e crudele realtà ,è abbastanza ben articolata e congegnata e originale nella scelta del triplice finale. Però un diversa alternativa di come si possa concludere la vicenda la troverei molto efficace in uno spettacolo teatrale; in un testo narrativo in cui il rapporto è a due (autore-lettore) il finale, per essere davvero di effetto e restare impresso nella mente del lettore, dovrebbe essere univoco, sorprendente e dovrebbe concludere la vicenda in modo chiaro e netto. Attraverso la lettura di diversi finali, il lettore resta alquanto disorientato.(anche perchè non scglie quale gli piace di più). Per quando riguarda lo stile espressivo, ogni autore è libero di usare le immagini e le figure retoriche che vuole in un atto di autonoma creatività  (allora dovremmo criticare anche le scelte linguistiche di un Gadda e di un Camilleri?). Che certe espressioni risultino strane perchè mai lette o insolite non vuol dire che non siano legittime.



risposta dell'autore, data 06/10/2010
Salve!
Sì. In effetti il finale non c'è in questo racconto.
La propensione dello scrittore ad essere il "dio" del suo mondo immaginario è sempre stato il movente della creazione.
Mi chiedo quante divinità  esistano sotto e sopra di noi.
Il vecchio scrive dell'isola, mentre io scrivo di lui e qualcun altro scrive di me. Magari anche il "dio" che scrive di noi, tutti, è soggetto a questa ciclicità .
Potrebbe accadere all'infinito.



recensore:

Giuseppe Novellino
Recensione # 6, data 17/10/2010
Si tratta di un bel racconto filosofico, per niente artificioso e compiaciuto, dove si medita sul grande problema della realtà  e dell'illusione, ovvero dei vari piani di realtà . Infatti reale è l'azione della lettura che ho appena fatto, come reale è il racconto che ho letto. Io vivo, ma anche i personaggi di fantasia vivono. A volte hanno una vita più reale di quella dei loro creatori. Pensiamoci: è per noi più reale Mirandolina o Carlo Goldoni? riteniamo più consistente Don Chisciotte o Cervantes? Bella la narrazione, con un linguaggio spigliato e nello stesso tempo prezioso, che rende molto bene la meraviglia dei personaggi e le elucubrazioni che ne derivano. Un bel racconto "trifido", che mette in un certo senso i brividi, e riesce a comunicare l'inquietudine sul nostro esistere e sui destini di questo incomprensibile universo.



recensore:

Recensione # 7, data 24/05/2017
Premetto che sono un ignorante, ma che ama leggere... Trovo questo racconto ben scritto, direi forse fin troppo. Mi è piaciuta l'dea filosofica, l'incedere e la sovrapposizione dei piani, tutti reali e al tempo stesso immaginari. Credo però (come ho detto prima) che sia scritto fin troppo bene, forse un po' scolastico. Comunque si vede che dietro a questo racconto ci sono diottrie consumate sui libri. Bravo.




up - files - recensioni - opere correlate -
L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Il dio novelliere di Racconti sulla soglia è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)
(nwClicca qui per info sulla protezione delle opere)

up - files - recensioni - opere correlate -


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera
Nessuna opera correlata

Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.

up - files - recensioni - opere correlate -

Utenti iscritti che hanno visitato questa opera


nwSergio Romino Gagarin Mastrillo, nwAntonella martino, nwAlessandro Napolitano, nwAngela Di Salvo, nwEnrico Gallerati, nwMassimo Baglione, e altri 25 visitatori non iscritti.

31 visite in totale tra iscritti e visitatori.

up - files - recensioni - opere correlate -



PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!

up

vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.228.220.31


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Contatti e informazioni


© 2006-2020
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,61 secondi.
up