pagine viste: ...
...no javascript...
phone
opzioni grafiche:
T
T
T
TT
Benvenuto, visitatore
     
Fri 27 January, 09:27:29
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Sla

(racconto narrativa, breve - per tutti)
1.286 visite dal 24/01/2011, l'ultima: 1 settimana fa.
5 recensioni o commenti ricevuti
Autore di quest'opera:




Incipit: Mia moglie ogni tanto passa di qua. Tra una faccenda e l'altra non dimentica mai di venire un momento, appena può, ad accarezzarmi il viso. Mi passa una mano su una guancia e mi sorride, mi chiede se ho bisogno di qualcosa. Mia moglie con un sorriso può avvicinare le stelle, dovreste vederla…


Sla
file: opera.txt
size: 3,38 KB
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))

Sla
file: sla.odt
size: 20,69 KB
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))


Elenco Tag dell'opera:



Recensioni: 5 di visitatori, 5 totali.
  recensisci / commenta

recensore:

Pia
Recensione o commento # 1, data 00:00:00, 24/01/2011
in che maniera si può commentare un testo del genere? Stilisticamente nulla da eccepire, non c'è una virgola fuori posto ed è più agghiacciante dell'horror che ho commentato prima. La sofferenza e il senso di impotenza misto a rabbia si percepisce in pieno, la patologia di cui si parla è invalidante e irreversibile, se si riesce a mettere anche solo per un attimo nei panni di chi ne è affetto allora si apprezza ancora di più ad apprezzare quello che si ha. Non so se è autobiografico o no (spero di no), ma se l'effetto sperato era di far rabbrividire allora l'autore ci è riuscito in pieno. Di fronte a queste cose c'è poco da commentare, ma solo riflettere sull'assurdità della vita



recensore:

Giuseppe Novellino
Recensione o commento # 2, data 00:00:00, 24/01/2011
"Un cadavere vivo piantato nel mondo". Questa espressione, di un'arcana forza, si accompagna alla rivelazione riguardante la malattia di cui soffre il protagonista del racconto. Sla è, suppongo, la sigla con la quale viene nominata questa atroce patologia che costringe il paziente a un'immobilità crudele, come quella di una pianta. Il bello del racconto, secondo me, sta in tutta questa attesa che ci porta alla rivelazione finale. L'uomo soffre di una malattia crudele, ma non sappiamo quale essa sia. Dobbiamo aspettare la fine. E intanto leggiamo la descrizione delle sue sofferenze, l'angoscia dei suoi pensieri e ci immedesimiamo in lui. Interessante l'impianto linguistico, che fa di questo racconto una specie di poeseia prosastica, molto intensa ed efficace.



recensore:
avatar di Angela Di Salvo
nwAngela Di Salvo
$ sostenitore 2015 (3 dal 2011)

Recensione o commento # 3, data 00:00:00, 25/01/2011
Una malattia che paralizza, immobilizza a letto. Un uomo che si è ammalato di SLA, ridotto a vivere come un vegetale. Ma anche se egli non è più in grado di muoversi, la sua mente è ancora viva, perchè percepisce ancora tutte le sensazioni che provengono dal mondo da cui l'infermo è esluso, e anche il cuore batte ancora verso la compagna a cui può solo rivolgere in silenzio uno sguardo d'amore.
"Un cadavere vivo piantato nel mondo, ecco cosa sono; una statua vivente che spera nel tempo o in un gesto pietoso". Sta qui la riflessione centrale, amara e consapevole del testo, non resta che l'attesa che il tempo possa risolvere il problema (con la fine di tutto o con un miracolo) o un atto di pietà che ponga fine a tanto strazio (forse una mano divina che mandi una morte liberatoria?). Mi pare improbabile la speranza in un' eutanasia. Un'opera che si legge con una certa tristezza, e non è difficile per il lettore entrare in empatia con il malato grazie a un testo ben scritto e dotato di un lessico molto appropriato e pregnante nella sua semplicità ed essenzialità.



recensore:
avatar di Ida Dainese
nwIda Dainese
$ sostenitore 2019 (2 dal 2015)

Recensione o commento # 4, data 00:00:00, 15/08/2017
Un racconto bellissimo e tremendo. Uno stile poetico e forte che tiene testa a una malattia tanto potente che ruggisce dentro senza sfogo. L’immagine che annuncia il suo tragico inizio durante la preparazione del caffè è di grande impatto; la visione del soffitto, unico orizzonte possibile per gli occhi, le radici che lo bloccano al materasso, l’impossibilità di parlare, il tubo per respirare delimitano esattamente l’inesistente spazio di manovra fisica di questo ammalato. Il contrasto con lo spazio enorme dell’immaginazione è impressionante. Nel piccolo corpo rigido, “cadavere vivo piantato nel mondo”, si muove un cosmo di emozioni, di parole, di urla che si dibattono prigioniere, un’anima grande e completa che la malattia vuole ridurre alla follia. Ma c’è una forza esterna che lo aiuta a non arrendersi, un alleato dalla mano che sa “di bucato e di pietanza”, che comprende il linguaggio dei battiti di ciglia, una silenziosa, amata presenza che cammina nelle prime righe del racconto, che aspetta discreta dietro il pianto della parte centrale, che ritorna a illuminare fino all’ultima riga.



recensore:

Arcangelo Galante
Recensione o commento # 5, data 00:00:00, 06/09/2017
Un racconto molto intenso, che narra di una terribile malattia, di quelle che, purtroppo, ti costringono a letto, immobilizzato. È la storia di un uomo che vive sulla sua pelle la gravità della SLA, quasi in uno stato vegetativo, ma con la mente ancora in grado di percepire tutto ciò che è presente attorno a lui, compreso l'intenso sentimento espresso dalla compagna di una vita, sentimento che può ricambiare solamente con lo sguardo. Molte sono le considerazioni che emergono dalla lettura, come la riflessione sul fatto che si possa sperare solo nel tempo, o in un gesto pietoso. È un'attesa, forse, altrettanto impietosa, che sconvolge la vita del malato, in primis, ma anche delle persone a lui più fare, che lo assistono nel decorso della malattia. Cos'altro aggiungere, se non che si tratta di un testo che, certamente, emana tristezza, ma anche vicinanza morale a tutte le persone che si trovano a dover affrontare tale situazione, magari da sole e senza nessuno vicino che possa dare loro un minimo di conforto. Sinceri complimenti, Thomas.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci / commenta un'opera a caso.

Nota: per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nell'elenco dei generi e scegli la tipologia desiderata.



L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Sla di Thomas Pistoia è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera
Elencate 1 relazioni su 1 -

Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!



php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3

Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.236.239.233


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2023
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0.1 secondi.