pagine viste: ...
...no javascript...
phone
opzioni grafiche:
T
T
T
TT
Benvenuto, visitatore
     
Sun 02 October, 01:44:08
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Evanescenze

(poesia narrativa, brevissimo - per tutti)
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
32 visite dal 28/08/2022, l'ultima: 2 settimane fa.
9 recensioni o commenti ricevuti
Autore di quest'opera:
avatar di Mauro Conti
nwMauro Conti
$ sostenitore 2020




Evanescenze
file: opera.txt
size: 555,00 Bytes
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))


Elenco Tag dell'opera:



Recensioni: 9 di visitatori, 15 totali.
  recensisci / commenta

recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

Recensione o commento # 1, data 21:12:23, 28/08/2022
Essere per sempre, essere evanescente, essere… spirito?



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (3 quest'anno)

Recensione o commento # 2, data 22:31:33, 28/08/2022
Si penso che intendesse proprio questo Mauro, ma questo comporterebbe anche non essere più vivo e non solo, dato che significherebbe e comporterebbe essere un Tutto o in alternativa un Nulla.

Essere per sempre in questa realtà significa e comporta essere sempre e ovunque, cioè in ogni momento di tempo dato e di spazio posto.

Ciò significa essere assolutamente fermi. Questo è l'unico modo di essere sempre presenti nel tempo e nello spazio.

Ma se l'essere in vita, o stato in essere vitale è dato dal movimento, e non solo questo, dato che ogni cosa è in costante movimento, anche la pietra più ferma si sta in realtà muovendo nel proprio spazio posto (occupato) e quindi anche nel/sul, suo tempo dato. Questo perché presenta come ogni altra cosa al suo interno atomi e particelle in continuo movimento (moto-energia) per mantenere unita o integra la sua massa. Questo vale su ogni cosa e forma di vita presente nella realtà, quindi ogni cosa ivi presente è sempre in un suo stato di divenire nel suo tempo e spazio dato e posto. Essere fermi perciò, essere sempre presenti, comporta e significa automaticamente anche essere in uno stato di/in essere non vitale o comunque non materialmente presente, cioè essere senza divenire, essere perciò in totale assenza o necessità di tempo e quindi di spazio per di-venire. Essere quindi un Tutto/Nulla/Spirito/Anima/Dio, assolutamente fermo, cioè sempre in ogni tempo e dove, presente.

Sicuro Mauro che è davvero questo lo stato di/in essere che vorresti o speri di raggiungere?

Se ci pensi noi comprendiamo e possiamo comprendere solo tutto ciò che è presente in uno stato di movimento. Questo significa che anche i sentimenti e le emozioni che ci danno modo di comprendere noi stessi e la realtà che ci circonda lo sono, dato che anch'essi cambiano nel nostro sentire e si evolvono e mutano a loro/nostro modo, nel loro/nostro tempo e spazio, percepito e vissuto sempre solo in essere e divenire. Essi perciò non sono fermi in noi, quindi non sono né Spirito/Anima, né lascito o derivati da questo ipotetico stato sempre e ovunque presente solo in essere, come già detto assolutamente poi fermo nel presente di ogni tempo e spazio dato per poter risultare tale, cioè sempre presente in questo suo stato in essere (Dio/Anima/Spirito/Nulla/Tutto).

Perciò se anche esistesse una qualsiasi volontà creativa ed essa fosse eterna ed infinita, essa però può essere o risultare tale in essere, solo fuori dal tempo e dallo spazio dato che, la realtà ivi presente è invece solo in uno stato di essere in divenire (moto-energia), quindi per logica "astratta" ma coerente, può essere o risultare tale, solo fuori dalla nostra realtà.



recensore:
avatar di Mauro Conti
nwMauro Conti
$ sostenitore 2020

risposta dell'autore, data 14:46:26, 29/08/2022
Buongiorno Giancarlo e Buongiorno Gabriele. Grazie innanzitutto per la lettura.
Giancarlo tu dici spirito… Gabriele tu dici (con un'analisi praticamente accademica e molto approfondita) che nel caso di essere spirito significherebbe non essere vivi, materialmente almeno ed è possibile comprendere solo tutto ciò che è in uno stato di movimento quindi comprensibile all'uomo.
Vi propongo un paradosso. Quanto sarebbe eccezionale essere evanescenti ed essere più vivi che mai? Essere presenti e tangibili anche da mere essenze? Questa era la mia piccola utopia inconscia insita nella poesia…
Essere semplice spirito/anima/nulla/tutto e contemporaneamente "essere"? Non avere luogo e non avere tempo ma "esserci" e vedere ogni cosa. Non è forse il sogno più ambito dell'uomo?
Certamente condizione che andrebbe oltre la barriera materiale del nostro corpo, ma forse l'anima ce la potrebbe fare.
Sogno che va oltre la semplice ubiquità degli dei…
Grazie!



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (3 quest'anno)

Recensione o commento # 3, data 15:24:10, 29/08/2022
Ciao Mauro, Giancarlo in realtà la vive similmente al tuo pensiero su molti versi, io invece ho cambiato radicalmente opinione.

Il paradosso che tu poni non è un paradosso è una speranza, la speranza è di per sé un'illusione, l'illusione porta al dubbio e il dubbio a volte, ma non sempre diventa fede.

Mi chiedi se essere per sempre, sia il sogno proibito dell'uomo? ti rispondo di si, ma solo perché esso tende ad umanizzare anche questo nuovo stato di in essere associandolo come anche tu fai, ad un nuovo stato di vita in essere. Ma seppur solo astrattivamente per i motivi espressi non credo possa risultare questo da uno stato di questo tipo.

Ti riformulo la domanda in altre vesti.

Una volta che tu saresti eterno e infinito spirito o essenza diciamo, quale senso o scopo potresti poi avere solo in essere? Osservare il creato? interagire con esso? Non puoi perché tutto ciò che è dentro la realtà si muove non è sempre presente in ogni quando e dove, quindi poi come per noi ora, questo non comprende e non comprenderà mai minimamente questo tuo nuovo stato, perché non è parte della sua realtà. Tu perciò non osserveresti niente, perché tu avresti e saresti già presente in tutto lo spazio e il tempo di tutto l'universo. Non avresti bisogno di conoscere, osservare, comprendere più niente essendo tu il presente oggettivo di tutto lo spazio e il tempo di questa realtà.

La mia domanda è, se a fatica riusciamo a trovare uno scopo e un senso in un limitato tempo e spazio dato, quale senso poi potremmo pensare… vedi ho sbagliato termine, perché se siamo eterni non abbiamo bisogno di nessun pensiero perché esso implica movimento, noi invece siamo fermi in questa realtà nella nostra infinita eternità… ho sbagliato ancora, perché se siamo infiniti, non possiamo occupare un finito spazio appartenente a questa realtà, né possiamo essere eterni nel suo finito tempo, quindi possiamo essere solo esterni ad essa in una realtà cioè differente da questa, ma comunque e sempre fermi se diamo
per buona anche in questa diversa realtà o dimensione la nostra percezione di tempo e spazio ivi presente. Ma se siamo fermi, come ho cercato di spiegare non siamo vivi. Siamo e basta. Siamo Tutto, o per meglio dire siamo assenza di tutto ciò che è reale o vivo in questa realtà, quindi siamo Nulla.

Preferisco personalmente godermi questo mio limitato tempo nel mio piccolo spazio, avendo però uno scopo, quindi anche un senso di essere nel/sul mio stesso consapevole divenire, per poi finito questo mio tempo e spazio, cessare completamente di essere.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (3 quest'anno)

Recensione o commento # 4, data 15:39:11, 29/08/2022
Quando tu parli di anima non è l'anima che descrivi in essere, ma è solo ciò che tu attribuisci ad essa secondo il tuo sentire, ma tu come chiunque altro non conosci minimamente ciò che definisci anima o spirito o essenza. Noi non possiamo se questa esiste definirla in essere, ma solo ciò che non può sicuramente essere, movimento. Lo stesso vale infatti per ogni concetto privo di moto come lo stato di infinito ed eterno, noi usiamo infatti anche in fisica e matematica solo l'espressione "tendente all'… " Ma non abbiamo la minima ragione o definizione in essere su ciò che esso sia in essere o stato di essere. Questo perché almeno a mio parere, per tutti i motivi detti non rientra nella nostra realtà.



recensore:
avatar di Mauro Conti
nwMauro Conti
$ sostenitore 2020

risposta dell'autore, data 15:53:00, 29/08/2022
Chiarissimo. Hai una concezione di quello che è lo spirito, l'in-finito, l'inde-finito diverso dal mio. Non che tu abbia torto o ragione e viceversa (e ci mancherebbe) ma visto che è solo una poesia, una manciata di parole su un foglio (virtuale) fammi crogiolare nella mia utopia di "poter essere anche non essendo", evanescente, una via di mezzo tra uomo e sogno, al di la del tempo dello spazio. Anche senza scopo, senza senso. Perchè, caro Gabriele, la vita umana ha un senso? un senso preciso e identificato?
Ciao!



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (3 quest'anno)

Recensione o commento # 5, data 16:45:04, 29/08/2022
Naturalmente Mauro, il mio era solo un commento per dare modo di riflettere su questioni che noi diamo già per scontate spesso come la parola anima, quando in realtà non è così. Poi chiaramente ognuno è libero di scegliere e vivere secondo il suo sentire che più lo porta a cercare di comprendere e indagare se stesso.

Per rispondere alla tua domanda sul senso e lo scopo, si credo che ne abbia di ben precisi proprio dati dal fatto di non potere essere oltre al proprio divenire.

Lo scopo sia biologicamente che singolarmente è vivere e mantenere questo nostro vivere nel migliore modo possibile dato o a noi permesso (in larga misura dato da parte dell'uomo stesso che limita o si autolimita questo vivere sia singolarmente che l'un l'altro, questo naturalmente va fatto solo nel rispetto e nel diritto di ognuno). Se lo scopo è la vita stessa nel proprio tempo e spazio allora il senso può essere nella realtà di ognuno solo uno, avendone noi e solo noi uno perfettamente conscio, comprendere se stessi, sempre nel proprio tempo e nel proprio spazio. Le piante e gli animali hanno lo stesso scopo, ma il senso a loro sconosciuto è mantenere lo stato di equilibrio nel pianeta per rendere possibile la vita nello stesso. Noi lo sappiamo perché infatti comprendiamo il loro senso in vista e ragione del nostro scopo, quindi comprendendo noi stessi comprendiamo tutto ciò che ci circonda e non solo dentro il pianeta, ma operiamo nella nostra piccola parte anche alla realtà stessa dell'universo, siamo cioè parte attiva e non solo passiva dell nostro ambiente più consono come lo sono invece animali e vegetali che influiscono anche attivamente, ma inconsapevolmente solo nel loro ambiente di sopravvivenza per loro possibile. Quindi abbiamo due universi da comprendere uno interno, prevalentemente, ma non solo soggettivo e uno esterno, prevalentemente ma non solo, oggettivo. Non basta una vita per comprendere tutto questo, non sono bastate miliardi di vite già passate e probabilmente non basteranno miliardi di vite ancora a venire. Mi sembra sufficientemente già abbastanza utopistico da inseguire tramite "staffetta" generazionale, ma anche, a differenza di qualsiasi senso in Altro posto che esenta da ciò che siamo o comprendiamo, dove proprio per questo sicuramente non avremo nessuna risposta data che non sia sempre la nostra singolare comprensione di noi stessi e solo questa poi attribuita sotto forma di dubbio o fede (che anche io fino a poco tempo fa nutrivo) perfettamente realistico. Quindi il senso è quello che facciamo in ogni nostro singolo giorno da quando siamo in vita a prescindere poi da qualsiasi visione o sentire decidiamo di seguire o perseguire in questa vita, comprendere o cercare di comprendere sempre di più noi stessi.

Quando cesseremo in essere avremo comunque così realizzato uno scopo sia vivendo personalmente, che nel caso, portando altra vita a succederci. Il senso per loro continuerà ad essere sempre il medesimo e anche loro poi cercheranno di tramandarsi vivendolo singolarmente, comprendere se stessi e così facendo possibilmente portare anche ulteriore beneficio e conoscenza data per tutti a seguire, nonostante gli orrori da noi poi perpetuati. Bisogna semplicemente accettare di essere come tutto ciò che ci accompagna, quindi non infiniti e non eterni. Noi abbiamo evoluzionisticamente data questa capacità, comprendere, ma non siamo più importanti di altre forme di vita che non la presentano o non la presentano così evoluta, e da noi poi grazie a questa "sottomesse", perché se domani si estinguessero di colpo tutte le piante per dire, noi soffocheremmo immediatamente nella nostra stessa arroganza e presunzione di meritarci, per diritto o per lascito divino a differenza loro, un diverso divenire in essere, con o senza comprensione posta o data.



recensore:
avatar di Mauro Conti
nwMauro Conti
$ sostenitore 2020

risposta dell'autore, data 17:00:52, 29/08/2022
Chiarissimo anche ora e condivisibile la tua analisi
il dibattito è in ogni caso interessante
ci stiamo però scostando dalla poesia per finire in filosofia
anzi direi in pura escatologia



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

Recensione o commento # 6, data 17:06:50, 29/08/2022
La parte peggiore e orribile di questo ragionamento è il paragone che mi viene da fare con una enorme stalla di dieci miliardi di mucche che hanno lo scopo di vivere solo per fare latte e procrearsi all'infinito ( si fa per dire). Niente da dire sulle mucche, ma per fortuna queste non hanno la consapevolezza di avere quello scopo nella loro lunga esistenza. Invece noi purtroppo abbiamo questa consapevolezza: dobbiamo vivere con l'unico scopo di sopravvivere e basta. Orrendo!



recensore:
avatar di Mauro Conti
nwMauro Conti
$ sostenitore 2020

risposta dell'autore, data 17:14:12, 29/08/2022
Caspita Giancarlo. Tollero qualsiasi visione pessimistica della vita e dell'esistenza umana ma tu hai esagerato… ahahaha.
Ciao!



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (3 quest'anno)

Recensione o commento # 7, data 17:30:23, 29/08/2022
Non è vero Giancarlo non è solo questo, non tutto quello che comprendi serve essenzialmente alla tua sopravvivenza, può aiutare o essere di contorno, ma questo ti pone in una situazione molto privilegiata rispetto a una qualsiasi altra forma di vita, le piante salvo rarissime eccezioni non si spostano da nessuna parte, gli animali non hanno e non comprendono la totalità dei sentimenti e delle emozioni da questi derivati, quindi hanno, seppur potendosi muovere e spostare liberamente o quasi totalmente nel loro spazio, nel loro habitat, poca o nulla possibilità di gestire diversamente dal loro istinto di sopravvivenza appunto, il loro tempo, non seguendo o almeno non perseguendo invece le stesse emozioni che a noi permettono di creare meraviglie su meraviglie o orrori su orrori consapevolmente. Direi che abbiamo quindi se non c'è lo impediamo in grande misura da noi stessi, gran possibilità di manovra sia nel nostro spazio che nel nostro tempo, essendo quasi totalmente inconsapevoli del nostro futuro (tolto un determinato grado di immaginazione o possibile previsione su di esso, ma non certezza), sebbene questo risulti in tutto e per tutto già esistente sotto un aspetto relativistico, abbiamo quindi però un' apparente, ma realisticamente da noi percepita come tale oltre che responsabilmente data, libera e totale scelta sulle nostre azioni. Quindi dipende da ognuno nel senso di comprensione da lui poi ricercato comprendere cosa lo può rendere di volta in volta migliore o peggiore, più sereno o meno sereno ecc. Ciò però non cambia il nostro divenire esattamente come non cambia per qualsiasi altra materia vivente o meno che sia posta all'interno di questa realtà.

Hai ragione Mauro come al solito io e Giancarlo, ma soprattutto io vado fuori tema.

La tua poesia è riuscita nell'intento di esprimere ciò che senti, si respira in ogni riga questo tuo bisogno di evadere, di fuggire dal reale per divenire Altro appunto. Questa è più riuscita a mio parere di quella in gara, scorre bene ed è diretta, senza fronzoli, risulta gradevole e senza intoppi.



recensore:
avatar di Mauro Conti
nwMauro Conti
$ sostenitore 2020

risposta dell'autore, data 17:42:21, 29/08/2022
Grazie Gabriele mi fa piacere che questa ti sia piaciuta. Per la gara nessun problema andrà meglio la prossima volta. Fammi dire (di nuovo) che nella mia poesia in gara con le tue modifiche è venuto veramente un bel pezzo. Molto orecchiabile e scorrevole oltre che pregna di "phatos". Però purtroppo è in gara la prima versione… ma ripeto non importa.
per il resto sono contentissimo che EVANESCENZE abbia aperto un dibattito acceso tra posizioni che sostengono concezioni di vita (un po'? molto?) differenti



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (3 quest'anno)

Recensione o commento # 8, data 17:57:15, 29/08/2022
Puoi sempre modificare la poesia in gara, la mia la ho rivisionata più e più volte, non infrangi nessuna regola, chi ha votato, ha votato, chi non lo ha ancora fatto, voterà poi la versione nuova.

Era giusto per farti notare che togliendo qualche ripetizione di troppo, non solo in sé e per sé in quanto non necessaria, ma proprio per migliorare la scorrevolezza del testo alla lettura, risulta un buon testo quello da te scritto. Mi fa piacere che ti sia piaciuta, puoi usare anche la versione così riveduta oppure prenderla come spunto per rimaneggiarla ulteriormente o diversamente a tuo modo.

Per i dibattiti io e Giancarlo abbiamo iniziato questa "partita a scacchi" da mesi ormai, stranamente il tutto però non ci risulta mai noioso o ripetitivo, da questi sono usciti anche diversi interessanti spunti esistenziali da ambedue le parti, quindi dove troviamo spazio di manovra ci fiondiamo a pesce, anche solo per mettere o riuscire a sistemare logicamente o meno qualche tassello in più a questo puzzle. Quindi grazie a te per il buono spunto iniziale.



recensore:
avatar di Mauro Conti
nwMauro Conti
$ sostenitore 2020

risposta dell'autore, data 20:16:37, 29/08/2022
Si è vero potrei modificare la poesia in gara ma per principio la lascio cosi'. Anche se con le modifiche apportate ha cambiato sicuramente "faccia" migliorando molto, non è comunque tutta farina del mio sacco. Pertanto per principio la lascio cosi'. Mi serva di lezione per la prossima volta!
Ho ben notato la diatriba (in senso buono e costruttivo ovviamente) tra te e Giancarlo e non intendo più fare il terzo incomodo!



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (3 quest'anno)

Recensione o commento # 9, data 21:32:33, 29/08/2022
Abbiamo bisogno anche di terzi incomodi invece, più menti pensanti contribuiscono più coscienza si dipana.

L'unica cosa è che se il discorso prende una sua troppo corposa deriva, ultimamente per non occupare/monopolizzare lo spazio posto alle usuali recensioni delle opere letterarie abbiamo deciso di spostarle nella sezione forum, dibattendole poi lì.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci / commenta un'opera a caso.

Nota: per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nell'elenco dei generi e scegli la tipologia desiderata.



L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Evanescenze di Mauro Conti è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera
Elencate 1 relazioni su 1 -

Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 44.201.95.84


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2022
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0.08 secondi.