pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Tue 20 October, 20:06:33
logo


bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Il Rittorno

(racconto narrativa, medio - per tutti)
Tempo di lettura: circa un'ora
52 visite dal 19/03/2020, l'ultima: 3 settimane fa.
2 recensioni o commenti ricevuti

Autore di quest'opera:
avatar di Namio Intile
nwNamio Intile
$ sostenitore 2020 (2 dal 2019)


Descrizione: Un lungo viaggio in Cile, il paese alla fine del Mondo. Ma anche un viaggio interiore, un viaggio di guarigione, un viaggio tra la gente di un popolo solo apparentemente vicino.

Incipit: Il ristorante si chiamava il Rittorno, e voleva essere un ristorante italiano, per quanto potesse essere italiana la cucina popolare in Cile o in qualunque altro luogo del Sud America. La doppia t somigliava a un bizzarro refuso editoriale, e invece si trattava di una sorta di esotico complemento ideato a suo tempo dal proprietario, che di italiano conosceva quelle quattro parole che più o meno tutti conoscono, e di cucina italiana quei quattro rudimenti folkloristici che perseguitano lo stivale…


Il Rittorno
voce
file: opera.txt
size: 98,54 KB
Tempo di lettura: circa un'ora

* è tra i primi 10!
in opere commentate (dal 2020)


Elenco Tag dell'opera:
#cile(1)



Recensioni: 2 di visitatori, 3 totali.

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.

Testo della recensione o del commento (min 30, max 5.000 battute)

Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: stai per confermare la recensione o il commento al lavoro dell'autore Namio Intile. Prima di proseguire, però, se hai necessità di discutere più a fondo di questa opera con l'autore, puoi iniziare una discussione più ampia e dettagliata usando la nwsezione apposita del nostro forum. Tale discussione, se non è già stata aperta, dovrà essere creata con il titolo:

"Il Rittorno - Namio Intile".

Le recensioni offensive, volgari o di chiacchiere saranno eliminate dallo Staff.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative.

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci/commenta nwun'opera a caso.

recensore:

Recensione o commento # 1, data 21/03/2020
Ciao, Namio, Grazie per questo viaggio senza biglietto in un paese che conoscevo solo per la corrida della partita del Mondiale '62 e per il golpe di Pinochet, eterodiretto dai gringos, 8000 km più a nord. E di questi tempi, si può viaggiare solo con la fantasia.
Ricordo con piacere le canzoni degli Inti Illimani, come testimonianza degli esuli cileni in fuga dalla dittatura.
Ho molto apprezzato anche la descrizione della società cilena, che dopo il periodo di Pinochet ha abbracciato senza problemi (anzi, con entusiasmo) l'ideologia dei suoi carnefici, dimenticando la speranza di un cambiamento che il governo di Allende aveva rappresentato. La contrapposizione tra minoranza bianca (alta e media borghesia) e maggioranza, costituita dalla popolazione india, povera e senza diritti, è uno scenario comune in Centro e Sud America, e può essere la metafora di ciò che il mondo è diventato.
L'accenno finale al red gold è stato quanto mai opportuno, visto che la nazionalizzazione delle miniere voluta dal governo Allende è stato il motivo principale della decisione di Nixon, Kissinger & c. di mostrare ai cileni che, a volte, non bisogna esagerare con la democrazia. Specialmente quando fai una cosa sgradita allo zio Sam.



recensore:
avatar di Namio Intile
nwNamio Intile
$ sostenitore 2020 (2 dal 2019)

risposta dell'autore, data 22/03/2020
Ciao, Andr. Felice che tu abbia gradito il racconto: non l'avevo mai pubblicato, perché si tratta di un'esperienza personale abbastanza dolorosa che solo dopo molto tempo e con molta difficoltà sono riuscito a mettere nero su bianco e solo in forma di racconto.
Sul rame hai ragione, è la benedizione e la dannazione del Cile, un po' come il petrolio in Irak, in Libia o altrove. Li rende ricchi e poveri al tempo stesso; liberi e schiavi al contempo. Ed è un'industria strategica non solo per gli Stati Uniti, ma per tutto il pianeta. Come in passato lo era quella dello zolfo cileno, che aveva sostituito quello siciliano alla fine del XIX secolo. Ma a quel tempo le danze le dirigevano i britannici. E britannici non a caso sono i due padri della patria cileni, O'Higgins e McKenna.
Una piccola precisazione: la popolazione cilena è al 98% di origine europea: i creoli sono i discendenti bianchi degli europei. Ed ha una composizione particolare: spagnoli, per lo più baschi, francesi, per lo più bretoni, scozzesi, irlandesi, moltissimi tedeschi, e italiani.
Gli indios cileni sono stati quasi tutti sterminati, tranne pochissimi mapuche, che vivono e sono trattati come paria. Esiste invece una numerosa comunità india, quechua e aymarà, che viene dal Perù, dalla Bolivia, dall'Ecuador. Emigranti insomma. Loro li chiamano, con enorme disprezzo, negros. Sono quelli i loro negri.
I cileni sono in genere conservatori, di destra o ultradestra, legati a doppio filo con i nordamericani, che in Cile sono ovunque e controllano ogni cosa. I socialisti, i comunisti, sono una minoranza bianca, spesso intellettuali, e sono rimasti in pochi, ma animano ancora gli enormi bassifondi di Santiago, che da sola ha la metà della popolazione cilena, dove vive la stragrande maggioranza dei lavoratori salariati di basso livello, o di sottoproletariato bianco. Tutti gli altri cileni si considerano di classe media anche se in realtà sono dei poveri morti di fame. Ma gli è stato fatto credere il contrario, come nel racconto ho provato a descrivere.
Un caro saluto e grazie.



recensore:
avatar di Ida Dainese
nwIda Dainese
$ sostenitore 2019 (11 dal 2015)

Recensione o commento # 2, data 16/04/2020
Ho incontrato questa storia che parla del Cile proprio nel giorno della morte di un cileno, Luis Sepulveda. Leggere questo racconto è stato come intraprendere un viaggio verso luoghi che non potevano essere più lontani da qui, in senso geografico, culturale, umano. Un viaggio che non è un girovagare da turisti, ma un'immersione nella vita reale, tra personaggi, ambientazioni e vicende che ti passano attraverso, che ti illudono di aver compreso, ma che di colpo ti rinfacciano quanto tu sia estraneo. Una diversità ricca, intensa, spietata, che rivela la sua presenza in dettagli come "l'afosissima sera di gennaio" o in quel "non guardavamo con gli stessi occhi", un caleidoscopio di sofferenze, di ingiustizie patite e di difficoltà quotidiane capaci solo di allontanare, di impedire rapporti sereni, amicizie durature. Un luogo che alterna il fascino del limite del mondo allo spaventoso ruggire del vento, il colore della tradizione allo spettro tenebroso della Storia, la povertà e l'innocenza alla malafede e al dio denaro. Un viaggio raccontato così bene che ha lasciato l'orma in chiunque abbia letto.




up - files - recensioni e commenti - opere correlate -
L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Il Rittorno di Namio Intile è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)
(nwClicca qui per info sulla protezione delle opere)

up - files - recensioni e commenti - opere correlate -


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera
Elencate 1 relazioni su 1 -

Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.

up - files - recensioni e commenti - opere correlate -




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!

up

vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 34.234.223.229


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2020
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,67 secondi.
up