pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Fri 23 July, 16:57:56
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Evoluzione del ceto senatorio nel Basso Impero

(altro storico, breve - per tutti)
32 visite dal 04/01/2021, l'ultima: 4 giorni fa.
2 recensioni o commenti ricevuti

Autore di quest'opera:
avatar di Namio Intile
nwNamio Intile
$ sostenitore 2021 (3 dal 2019)


Descrizione: Ha la presunzione di essere un saggio storico, con i suoi risvolti politici e sociologici, sul momento di passaggio del ceto senatorio gallo romano e romano italico dalle carriere civile a quelle ecclesiastiche della Chiesa di Roma.

Incipit: Nel 483 il senatore Basilio, sublimis et eminentissimus vir, nella qualità di Prefetto al Pretorio d'Italia (in quel periodo, di fatto, una sorta di Governatore d'Italia) e rappresentante del praecellentissimus rex gentium Odoacre, faceva eleggere al soglio pontificio Coelius, della gens Anicia, il quale prendeva il nome di Felice III. Felice appartiene a una antichissima e illustrissima famiglia dell'aristocrazia romana, da secoli esponente di primo piano dell'ordine senatorio, e poteva annoverare…


Evoluzione del ceto senatorio nel Basso Impero
voce
file: opera.txt
size: 15,71 KB
Tempo di lettura: circa 10 minuti



Elenco Tag dell'opera:


Recensioni: 2 di visitatori, 4 totali.
recensisci/commenta

recensore:
avatar di Roberto Virdo'
nwRoberto Virdo'
$ sostenitore 2021 (6 dal 2020)

Recensione o commento # 1, data 05/01/2021
Innanzitutto un doveroso ringraziamento per questo interessante quanto originale saggio storico. Saggio al di fuori di ogni dubbio, originale per la focalizzazione così precisa su un particolare aspetto che tanta parte ha avuto nel nostro passato. Resto grato a tutti quegli autori che, con generoso slancio e incrollabile passione, ci regalano piccole grandi perle di cultura dando ulteriore lustro a questo sito già di per sé valido e meritevole di attenzione.
Normalmente lascio le mie “sconsiderazioni” alla fine, ma qui farò un’eccezione: dove diavolo stavo con la testa quando, seduto al mio banchetto verdino, si sgolavano per spiegarci la nostra (e ribadisco “nostra”) storia?
Ma veniamo a questo scritto di Namio Intile, per il quale consiglio senza remore una lettura al rovescio, cioè partendo dalla conclusione. Ciò consentirà un’immediata visuale a lungo, anzi lunghissimo raggio, rendendo quasi visibile come la “mani” della storia impastino materia preparata secoli prima, e quanto in profondità possano affondare nell’informe massa. A questo va aggiunto una piccola nota autobiografica: essendo io romano, vivo e mi muovo tra vestigia onnipresenti e, in realtà, sconosciute ai più (digressione musicale: gli altri siamo noi). Immaginate l’effetto che ho provato nel leggere questa lenta metamorfosi, molto ben descritta (e anche potenzialmente allargata a “percorsi” collaterali) che ha portato alla transizione tra le istituzioni romane e quelle ecclesiastiche. Immaginate una città come Roma, seppur in un periodo tanto infausto come questo in cui sembra letteralmente sprofondata, dove sono presenti centinaia di chiese. Dove ancora si sentono risuonare i nomi d’importantissime famiglie, nobile retaggio di un illustre passato.
Così scopro, grazie a questo breve ma dettagliato, ben sviluppato excursus storico, come in realtà vi sia stata una transizione, del tutto impercettibile, da un ceto senatorio verso cariche episcopali. Come i due poteri si siano intrecciati e appoggiati a vicenda. In quale modo in Gallia si siano perfino precorsi i tempi in questo passaggio, e le lande germaniche abbiano fornito uomini importanti che hanno ricoperto ruoli fondamentali nelle gerarchie istituzionali romane. Ma soprattutto, spero di aver ben interpretato, tocchiamo con mano il vero e proprio humus di quella che diverrà la Chiesa Romana, il substrato culturale e sociale, fatto di uomini esperti e sapienti nel gestire. Come lo stesso autore afferma, quella certa peculiarità della storia d’Italia, fatta di paeselli, principati, granducati affonda le sue radici in una trama a dir poco inestricabile, ma della quale possiamo avere qui, quanto meno, un cenno sulla direzione di ricerca. Considero una piccola perlina preziosa l’indicazione della nascita del Saro Romano Impero quale inevitabile esito di un'auspicata unità d’intenti “occidentale”, come la definisce Namio Intile “una continuità ideologica” che potesse consolidarsi e contrapporsi alle lente ma inevitabili frizioni che porteranno qualche secolo dopo a uno scisma epocale. Vorrei riportare qui le parole, con un indegno copia incolla ma tant’è, pronunciate da Leone III all’atto dell’incoronazione del grande Carlo “A Carlo piissimo augusto, coronato da Dio, grande e pacifico imperatore dei Romani, vita e vittoria!». Imperatore dei Romani.
Grazie ancora a Namio Intile per questa ennesima ben riuscita prova, utile a tutti.



recensore:
avatar di Namio Intile
nwNamio Intile
$ sostenitore 2021 (3 dal 2019)

risposta dell'autore, data 05/01/2021
Ciao, Roberto. Non immaginavo che qualcuno lo leggesse questo saggio storico, forse troppo ambizioso per la mia penna e le mie conoscenze, ma tu ci sei riuscito.
E l'hai pure commentato. Complimenti, e grazie per le tue considerazioni, le apprezzo molto.
Nell'analisi del passaggio, invero cruciale, nel corso del V secolo, del ricco e potente ceto senatorio dalle carriere civili a quelle ecclesiastiche, mi sono lasciato trasportare dalla mia visione marxista della storia.
Col distacco e l'oggettività consentita dal gran tempo trascorso non è però possibile non notare come le grandi famiglie dell'aristocrazia romana abbiano mantenuto ceto, posizioni e ricchezze abbracciando, e non ostacolando, il nuovo che avanza.
Un nuovo addomesticato, in fin dei conti, dalle capacità e dalle ricchezze accumulate in centinaia di anni.
La tesi del saggio è che le élite riescono, anche quando ciò pare improbabile, a perpetuare la loro supremazia, magari integrandosi e cooptando altre élite o ceti emergenti, a dimostrazione che il vero conflitto non è mai orizzontale, tra genti diverse o diverse religioni, ma verticali, cioè per ceto o censo. Tra ricchi e poveri.
Ciò non è sempre vero, come dimostrano le invasioni arabe in Europa (ma non in Africa o in Medio Oriente) che portarono a un reale rimescolamento delle carte in gioco.
A ogni modo, nella seconda parte (che non so se pubblicherò) di questo mio excursus ho provato ad analizzare il percorso di alcune famiglie del ceto senatorio nel loro passaggio attraverso il Medioevo sino ai giorni nostri.
Con qualche sorpresa. Cambiano i nomi, ma la ricchezza, e il potere, spesso rimangono immutati.



recensore:
avatar di Ibbor OB
nwIbbor OB
$ sostenitore 2021

Recensione o commento # 2, data 30/05/2021
Su questo periodo storico mi sento di consigliare il pod cast STORIA D'ITALIA di Marco Cappelli che tratta in modo approfondito le vicende dell'impero e poi dell'Italia da Costantino in poi. In effetti la storia se studiata bene può davvero aiutarci a capire chi siamo. Non per niente i vincitori di ogni epoca cercano di riscriverla a proprio vantaggio.



recensore:
avatar di Namio Intile
nwNamio Intile
$ sostenitore 2021 (3 dal 2019)

risposta dell'autore, data 31/05/2021
Grazie per l'intervento, Ibbor Ob. Dici bene, se esaminati con attenzione i fatti accaduti nel passato possono rivelarci molto di noi stessi e della direzione in cui marciamo.
Sarà per questo che gli studi storici vengono considerati come superflui e da sostituire con competenze concrete. Perché quello che conta non è formare un cittadino consapevole e dotato di senso critico, ma di addestrare un funzionario diligente, obbediente e competente.
La competenza e la meritocrazia, si sa, al primo posto.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci/commenta un'opera a caso.
(per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nella tipologia desiderata)


L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Evoluzione del ceto senatorio nel Basso Impero di Namio Intile è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera
Elencate 1 relazioni su 1 -

Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.95.131.146


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2021
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,22 secondi.