pagine viste: ...
...no javascript...
phone
opzioni grafiche:
T
T
T
TT
Benvenuto, visitatore
     
Sun 26 September, 09:40:46
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

La panchina vuota

(racconto narrativa, breve - per tutti)
3.924 visite dal 07/11/2010, l'ultima: 4 settimane fa.
9 recensioni o commenti ricevuti
Autore di quest'opera:
avatar di Roberto Guarnieri
nwRoberto Guarnieri
$ sostenitore 2010





Descrizione: Potrebbe capitare ad ognuno di noi, ed ognuno di noi reagirebbe credo allo stesso modo. Un pizzico di autobiografia, purtroppo, c'è in questo racconto.

Incipit: Un anno. Le lancette dell'orologio formavano un angolo strano e il numero della data era inequivocabile. Era già passato un anno. La panchina di vernice gialla screpolata, la siepe che non cresceva mai abbastanza per nascondersi dai passanti, il ghiaietto bianco scricchiolante per i passeggini delle mamme nel parco e, in sottofondo come un lamento lontano, lo zampillare della fontana. Non era cambiato nulla, eppure era tutto completamente diverso.


La panchina vuota
file: la-panchina-vuota.doc
size: 30,00 KB
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))


Elenco Tag dell'opera:
#amore(624)    #orologio(7)    #rimpianto(10)    #tempo(75)    #giardini(23)



Recensioni: 9 di visitatori, 9 totali.
  recensisci / commenta

recensore:
avatar di Tania Maffei
nwTania Maffei
$ sostenitore 2011

Recensione o commento # 1, data 00:00:00, 07/11/2010
Un anno può essere un tempo infinito oppure brevissimo dipende da ciò che ci accade. L'amore trasforma lo spazio e il tempo in attimi fuggevoli che viviamo come fossero eterni mentre sono solo "refoli di vento che fuggono via". Chi resta ha solo la capacità  di riportare in vita attraverso il ricordo le persone amate. Questo delicato scrittore che usa la penna come fosse un pennello dipingendo delicate scene senza tempo ci commuove e ci invita a riflettere su quanto sia effimera la vita e possa da un momento all'alltro svanire nel nulla.



recensore:

Giuseppe Novellino
Recensione o commento # 2, data 00:00:00, 07/11/2010
Lei arriva, finalmente, ma con il ritardo di un anno. Bel racconto, scritto con sobria scorrevolezza, in bilico tra la fantascienza, il fantastico e il surreale. Ma nello stesso tempo appare come una storia vera: la struggente esperienza di una prdita irrimediabile, di un amore infranto per l'intervento tragico di un destino beffardo. Forse, l'apparizione di lei è tutto un sogno, il frutto di quelle considerazioni filosofiche che vengono alla mente sotto l'influsso di un momento di nostalgia, là , nello stesso posto dove si consumavano momenti di semplice, estatica felicità .



recensore:
avatar di Angela Di Salvo
nwAngela Di Salvo
$ sostenitore 2015 (3 dal 2011)

Recensione o commento # 3, data 00:00:00, 08/11/2010
Il conflitto fra realtà  e finzione, fra verità  e inganno, fra ragione e illusione trovano in questo bel racconto un punto di incontro grazie alla scrittura che può tutto, anche azzerare una tragedia e trasformarla in un miracolo. C'è nella narrazione il dolore per la perdita, il ricordo di una donna che se n'è andata via strappata da un destino crudele, la disperazione successiva e infine l'attesa. L'attesa che passi un lunghissimo anno. In quella panchina al professore di fisica, uomo avvezzo al rigore scientifico, alla lucidità  analita e sperimentale, accade l'incredibile. Essere raggiunto da Anna vicino alla panchima dove era solito attenderla e dove si trova ancora a ricordare. E Anna appare. Al lettore la risposta: è un'allucinazione conosolatoria a cui il protogonista non vuole dare spiegazioni? Che sia Anna o solo Anna che arriva in un sogno ad occhi aperti per lenire il dolore infinito di chi non ha smesso di amarla, a questo punto non importa più. Il senso della storia si compie a prescindere dalla risposta.



recensore:

Pia
Recensione o commento # 4, data 00:00:00, 08/11/2010
una storia commovente, il dolore straziante della perdita della donna amata, quando non ti rimane altro i sogni ad occhi aperti sono l'unica consolazione.
"Come è possibile che ci si possa abituare in questa maniera alle cose belle e semplici della vita, dandole alla fine per scontate?" questa frase nella sua semplicità  contiene una grande verità , mi ha colpito molto, è proprio triste rendersi conto di quanto fossero importanti alcune persone solo quando non ci sono più, e vale anche per le piccole cose, mai dare tutto per scontato!



recensore:

Recensione o commento # 5, data 00:00:00, 09/11/2010
Bel racconto surreale quasi meta-fisico, scritto con chiarezza e naturalezza appena un po' troppo trattenuta (per i miei gusti; io che avrei voluto sapere qualcosa di più, di Laura), ma delicato e suggestivo, senza dubbio riuscito e che "lascia da pensare". L'elemento autobiografico che ne è all'origine non traspare nettamente dal testo, e la storia potrebbe essere di pura fantasia, se non fosse l'Autore stesso a segnalarci che così, purtroppo, non è. Premesso che rispetto completamente la scelta e la sensibilità  dell'Autore, personalmente però avrei "seminato" qua e là  qualche dettaglio, magari all'apparenza insignificante, ma inequivocabilmente autobiografico; altrimenti rischia di perdersi la vera, vertiginosa profondità  dell'intuizione poetica che io sento in questo racconto. Qualche svista ortografica da controllare.



recensore:
avatar di Stefano di Stasio
nwStefano di Stasio
$ sostenitore 2010

Recensione o commento # 6, data 00:00:00, 30/03/2011
Coscienza e autocoscienza dell'aspetto prezioso e caduco della vita di relazione. Il protagonista, in un monologo introspettivo, capisce che il suo rapporto d'amore con Laura è stato scandito da momenti unici e irripetibili, un "miracolo quotidiano" come scrive l'autore, solo dopo aver appreso la notizia della morte della donna. L'evento cade come un fulmine che squarcia le nuvole della inconsapevole abitudine quotidiana. Perfino dopo il decesso la relazione continua a elargire emozioni nuove e dolorose all'uomo che, per la prima volta, vive con "orrore" le formalità  del rito funebre rispetto alle occasioni in cui l'ha vissuto per la morte dei parenti diretti. Il protagonista si abbandona dunque al delirio in cui cerca disperatamente teorie quantistico-relativistiche-gravitazionali che possano accendere la speranza di poter andare a ritroso nel tempo. Poi accade che la mente riesce a ricreare la realtà , in barba a qualsiasi teoria scientifica e legge empirica. Laura è ancora viva nel ricordo del protagonista che la rivede, inaspettata, davanti a sè in un mattino di primavera. L'epilogo del racconto sancisce la volontà  dell'uomo di godere di quella visione, disinteressandosi del perchè questo accada. Il merito dell'autore è soprattutto di aver scoperto e sottolineato, nonostante la formazione e la professione del personaggio che narra la storia, quanto siano suadenti le vie interiori della speranza a cui ha diritto ciascun essere vivente, nonostante la morte.
Qualche nota amministrativa: "si" per affermazione e "se" per sè stesso" si dovrebbero accentare (grave e acuto) "sì" e "sè"; "… da far rivoltare su se stessa la trama della realtà …"; "… dell'universo che si piega su se tesso, della forza di gravità  che assorbe il tempo…".



recensore:

Paul Olden
Recensione o commento # 7, data 00:00:00, 03/10/2011
Bella l'idea, buon ritmo e anche troppa scorrevolezza. Forse quello che manca a questo racconto è la magia, l'invenzione narrativa originale che trascini il lettore a partecipare emotivamente all'epilogo risolutore. Secondo me il testo avrebbe meritato un finale scritto con maggior trasporto.



recensore:

Arcangelo Galante
Recensione o commento # 8, data 00:00:00, 01/07/2017
Esperienze inverosimili, "girano" attorno a una panchina, apparentemente inutile, proprio perché, difficilmente, verrebbero apprezzate dalla gente, in quanto scritte da un persona autenticamente addolorata, ma, significativamente, ricca di immensa sensibilità. Una narrazione riflessiva, dal contenuto surreale, ma altamente apprezzabile per le percezioni vissute incisivamente dai protagonisti Opera letta con piacere!



recensore:
avatar di Ida Dainese
nwIda Dainese
$ sostenitore 2021 (12 dal 2015)

Recensione o commento # 9, data 00:00:00, 18/08/2017
Un racconto delicato che parla di amore e del dolore della sua perdita ma anche del ricordo che lascia. Bella la descrizione della vecchia panchina che si trova al centro della primavera quando ha il suo aspetto migliore, al centro di un amore che ama pregi e difetti, al centro di un ricordare addolorato. Risaltano particolarmente la descrizione di lei, con la sciarpa e i pacchettini, e il momento del dolore che segue alla tragedia, il tentativo di elaborare quel lutto. Consolante il finale con la figura di Laura che arriva all’appuntamento, quasi un eterno ripetersi, tenuto in vita dai sentimenti che si provano per lei.
Mi permetti qualche appunto? “Alunni” si riferisce ai bimbi delle elementari, questi sono studenti o allievi.
“per far ripartite il flusso della vita” ripartire
“piega su se tesso” manca la s.
“Questa sì” con accento.
“Aprì gli occhi” la prima persona del verbo è aprii.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci / commenta un'opera a caso.

Nota: per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nell'elenco dei generi e scegli la tipologia desiderata.



L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
La panchina vuota di Roberto Guarnieri è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(racconto rosa, breve)  di nwPaola Salzano

descrizione: Una storia d'amore sotto le torri di Bologna...

tags: #bologna(3)    #amore(624)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwFior di maggio

tags: #amore(624)    #mare(156)    #amare(7)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwSphinx

incipit: Pensa. Il tempo strappa gli attimi a sé mentre cade in avanti.

tags: #amore(624)


(racconto narrativa, breve)  di nwMassimo Baglione

descrizione: Questo breve racconto ha partecipato a un concorso che aveva per traccia l'obbligo di ambientare l'opera in uno dei siti classificati come Patrimonio dell'Umanità UNESCO. Non più di 2500 battute.

incipit: Barbara era tremendamente ricca. Lo era fino al punto che si poteva permettere di comprare qualsiasi cosa e avere ancora abbastanza soldi per farci quello che voleva, lei e tutte le sue generazioni future. Però lei aveva un sogno diverso. Max le parlò dei siti classificati come Patrimonio dell'Umanità UNESCO, le disse scherzoso: - Questi non potrai mai averli.

tags: #affresco(1)    #cartolina(1)    #cena(6)    #leonardo da vinci(2)    #quadro(76)    #amore(624)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwSphinx

incipit: Il bisogno di correre, di camminare, di pedalare fino allo sfinimento.

tags: #amore(624)


(racconto narrativa, breve)  di nwMaluan

descrizione: "ai Suoi ordini": amori in Ufficio

tags: #amori(624)    #ufficio(10)


(racconto narrativa, brevissimo)  di nwMassimo Baglione

descrizione: Oh yes, sometimes it's exactly like that!

incipit: I have met so many different women, I have loved, admired and appreciated them. They have often left in me nice memories. Some of them used to teach me, some of them used to educate me, others used to abuse me. But now, really, I can divide them all into two types: the "Cards" women and the "Chess" women...

tags: #amore(624)    #cubo(3)    #gioco(20)    #love(9)    #rubik(2)    #cube(3)


(racconto horror, medio)  di nwGiorgio Burello

tags: #amore(624)    #polizia(14)    #stazione(10)    #treno(13)    #banshee(1)


(racconto narrativa, breve)  di nwMassimo Baglione

descrizione: This short story has participated in a competition which had as layout the setting of the work in one of the sites classified as UNESCO World Heritage. No more than 2500 words.

incipit: Barbara was dreadfully rich. She was so rich that she could buy everything and she's still have enough money to do what she wanted, for her and all her future generations. But her dreams were different...

tags: #amore(624)    #last supper(1)    #leonardo da vinci(2)    #milano(12)    #ultima cena(1)    #unesco(1)    #cena(6)

Elencate 10 relazioni su 722 -
 
10
20
 ... 
730
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 44.192.254.246


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2021
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,22 secondi.