pagine viste: ...
...no javascript...
phone
opzioni grafiche:
T
T
T
TT
Benvenuto, visitatore
     
Sat 18 May, 06:13:25
logo

bookmark Metti nei segnalibri

qr code

Libertà, scelte collettive, pandemia: Un dilemma democratico

(saggio altro, breve - per tutti)
78 visite dal 11/02/2022, l'ultima: 1 mese fa.
2 recensioni o commenti ricevuti
Autore di quest'opera:








Descrizione: Il saggio utilizza il Teorema dell'impossibilità del liberale paretiano di Amartya Sen per descrivere la situazione di conflittualità sociale che si è creata attorno al vaccino e al green-pass e, soprattutto, per interrogarsi su possibili soluzioni.

Incipit: La tensione tra libertà personali e interesse generale che si è venuta a creare a causa dell'emergenza da Covid-19 può trovare una sua esemplificazione nel Teorema di impossibilità di un liberale paretiano1 discusso da Amartya Sen nel 1970.


Libertà, scelte collettive, pandemia: Un dilemma democratico
file: liberale-paretiano-f_
5.pdf
size: 286,25 KB
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))


Elenco Tag dell'opera:
#amartya sen(1)    #covid 19(6)    #democrazia(5)    #green pass(2)    #media(1)    #pandemia(14)    #public choice(1)    #vaccino(17)    #voto(2)    #kenneth arrow(1)



Recensioni: 2 di visitatori, 4 totali.
  recensisci / commenta

recensore:

Recensione o commento # 1, data 12:00:14, 03/03/2022
Tentativo apprezzabile di porre la questione da un punto di vista razionale. Mi permetto di fare solo alcune osservazioni: 1) il saggio parla della vaccinazione in generale, senza entrare nel merito delle caratteristiche intrinseche di QUESTI vaccini. Molti (cosiddetti) no-vax si sono vaccinati con tutti gli altri senza problemi, ma questi preparati sono, a detta delle stesse case produttrici, diversi da tutti i precedenti. Il che significa che, nonostante tutte le rassicurazioni di rito, e dati i tempi ristretti, non sono stati sufficientemente testati sulla popolazione. "Ma ormai, sono state fatte milioni di dosi", dicono loro: già, ma per valutare gli effetti avversi anche a distanza di anni bisogna aspettare… anni, quindi milioni di dosi significa semplicemente milioni di cavie. Tra l'altro, i reali effetti avversi saranno misconosciuti, visto che il gruppo placebo (ad esempio, della Pfizer) non esiste più. 2) inoltre questi vaccini non impediscono l'infezione ma (si dice) ne diminuiscono la gravità; pertanto l'adozione di un pass per il vaccinato non ha senso, visto che il suo possessore può benissimo infettarsi a sua volta e diventare "untore" come un non- vaccinato. In minima percentuale? Può darsi, ma l'adozione di questo documento stabilisce un diritto (ad esempio, di lavorare) che dovrebbe essere assoluto, e non solo ipotetico. Aver approvato questo documento denota che il governo ha agito in modo arbitrario e ideologico. 3) I dati indicano che, in presenza di una patologia con percentuali così basse di letalità, la vaccinazione dai 18 anni in su è inutile e controproducente (i rischi superano di gran lunga i benefici). Per quanto riguarda la popolazione pediatrica, l'obbligo sarebbe materia da codice penale. Volerla imporre con la forza non ha alcuna ragione medica, e tutti i timori e le perplessità manifestati dai (cosiddetti) no-vax sono più che giustificati.



recensore:

risposta dell'autore, data 13:35:44, 03/03/2022
L'articolo non intendeva in nessuna maniera porre la questione sull'efficacia o meno dei vaccini e sui loro potenziali rischi. Quello che è importante era capire come affrontare al meglio il dilemma tra libertà personale e interesse generale, in modo da evitare situazioni in cui le scelte sociali possano diventare totalmente irrazionali. Se vuoi il mio parere da Pro-vax, ho trovato alcune scelte da parte del governo molto sbagliate. In particolare in merito al green pass. Per quanto riguarda il vaccino il mio parere è questo: la pandemia più che un'emergenza sanitaria è stata un'emergenza per i sistemi sanitari nazionali. Ci siamo ritrovati con gli ospedali bloccati per più di un anno con conseguenze sulla salute generale non indifferenti. Per evitare di intasare gli ospedali abbiamo fatto ricorso a limitazioni molto pesanti alla libertà di movimento e fortemente limitato la libertà di commercio con conseguenze sia dal punto di vista psicologico, sia economico. Una simile situazione non poteva perdurare a lungo. Il vaccino - a fronte di rischi molto limitati (si tratta di vaccini sviluppati con tecniche tradizionali o sostanzialmente già utilizzate massicciamente negli ultimi anni) - ci ha permesso di affrontare questi ultimi mesi in una situazione di ampia libertà e senza provocare un collasso del sistema sanitario. Questo era lo scopo della vaccinazione e mi sembra sia stato raggiunto. Anche a livello di tasso di mortalità siamo andati molto meglio. I dati sono abbastanza chiari: https://lab24.ilsole24ore.com/coronavirus/ Sul fatto che i vaccinati possano essere agenti di infezioni è evidente ed infatti non siamo esentati dall'eseguire i tamponi se ci sono sintomi. Questo inverno la maggior parte dei positivi sono stati i vaccinati (in termini assoluti. In percentuale i non vaccinati sono stati decisamente superiori). Questo significa che il rischio non è stato sottovalutato. È chiaro che il green pass voleva essere un modo subdolo di spingere la gente a vaccinarsi. E questo per me è da stigmatizzare (lo dico chiaramente nell'articolo). Però il risultato è stato un miglioramento notevole delle nostre condizioni di vita quest'inverno rispetto all'anno precedente (per non parlare del lockdown del 2020). Sui rischi a lungo termine del vaccino non mi pronuncio, ma sono ottimista.



recensore:
avatar di Namio Intile
nwNamio Intile
(collaboratore)

Recensione o commento # 2, data 15:31:25, 03/03/2022
Condivido le conclusioni del tuo articolo che prende spunto dalla teoria di Aamatya Sen, Domenico. La guerra tra sostenitori della vaccinazione e non è il segno della mancanza di fiducia non solo nel sistema della democrazia rappresentativa ma anche, a mio avviso, delle moderne società per come sono strutturate oggi. Ritengo sia una manifestazione, deteriore sia chiaro, di rifiuto della Società della Tecnica. Deteriore perché non è con la negazione dell'efficacia dei vaccini e il rifiuto di aderire alla campagna vaccinale che si pone un freno ai disvalori prodotti della Società della Tecnica: è vero anzi il contrario. Ma di questa opposizione quasi istintiva ormai la maggior parte degli opponenti non è ne è consapevole a un livello dialettico, perché mancano ormai i mezzi intellettuali per comprendere il mondo che ci circonda. Qualcosa di diverso è il green pass, una sorta di male minore rispetto all'obbligo vaccinale per tutti. Subdolo, è vero, ma forse proprio per questo più efficace. Credo che il vero vulnus alle democrazie rappresentative sia dato però dalla trasformazione dello stato di emergenza in stato di eccezione. Un piano inclinato su cui tutte le democrazie a mio avviso sono avviate da decenni. Lo so, lo so… lo stato di emergenza sarà revocato il 31 marzo e quindi i detrattori direbbero: hai visto? Si torna alla normalità. Il fatto è che questa normalità è di continuo interrotta da emergenze nuove e che a ogni nuova emergenza o presunta tale non sembra si possa rispondere se non con un allargamento dei poteri dell'esecutivo e con l'erosione di tutte le sottostanti libertà civili e sociali. Sotto la superficie il fiume carsico si ingrossa sempre di più. Sarebbe un discorso troppo lungo da affrontare in questa sede e sarei OT mancandoti di rispetto. A rileggerti



recensore:

risposta dell'autore, data 19:16:11, 04/03/2022
Grazie Namio del tuo sempre acuto commento. Concordo in pieno con quanto dici. Soprattutto il discorso sul ruolo della scienza e della tecnologia all'interno dei sistemi democratici, che si è andato progressivamente deteriorando, è un tema a me molto caro. Penso soprattutto al fatto che la scienza, con la sua lotta per la libertà e, in particolare, per la libertà di pensiero e di espressione, ha anticipato e aperto la strada alle moderne democrazie liberali. Oggi, invece, il sistema della conoscenza è divenuto parte di un sistema elitario, che non ispira più le coscienze e si fatto dispotico. L'articolo originariamente era molto più lungo e complesso nelle tematiche affrontate. Forse troppo. Alla fine dopo numerose revisioni l'ho ridotto alla sola questione Sen. Voglio però condividerti qui la parte finale, da cui si evince che il tono originario era molto più duro ed esortativo. Grazie ancora! "In questi eventi è apparso palese il distacco tra le élite politiche e culturali e una parte della popolazione. L'atteggiamento tecnocratico con cui sono state affrontate molte questioni di rilevanza democratica come il welfare, la globalizzazione e la salute appaiono il segno di un'arroganza da parte dei gruppi egemonici, che hanno di fatto escluso dal dibattito buona parte della popolazione, limitandone la capacità di poter incidere realmente su delle decisioni che riguardavano la loro vita. La risposta a questo stato di cose è stata di sospetto e di sfiducia, che in alcuni casi è sfociata in un autentico scollamento dalla realtà, in cui hanno trovato spazio cospirazioni di ogni tipo. Un punto chiave, quindi, è quello di aiutare la comunità a ritrovare un senso di fiducia ragionevole nei confronti del sistema democratico, di cui la conoscenza scientifica è una parte fondamentale. E questo può essere fatto solo abbandonando l'atteggiamento tracotante di un dialogo a senso unico, in cui tutto è fatto apparire come la necessaria conseguenza di stati di fatto del mondo (mercati globali, liberalizzazioni, crisi finanziarie). Per agire liberamente è fondamentale consentire alle persone di ragionare liberamente per scegliere la propria strada nella vita, così come per tutelare e sviluppare il bene comune. In quest'ottica il recupero di una dimensione democratica vera, in cui alle persone sia lasciata effettivamente la possibilità di discutere dei problemi comuni – compreso come affrontare al meglio la pandemia di Covid-19 – non è solo finalizzato al raggiungimento di una qualche forma di compromesso accettabile, ma soprattutto al rinascere di un senso di appartenenza ad una comunità di fini, in cui la libertà sia indirizzata al conseguimento del bene comune. Siamo di fronte all'ennesimo bivio e non sappiamo quanti ancora ce ne saranno prima di arrivare ad un punto di non ritorno. La strada prospettata non è facile e neanche breve. Ma in ballo ci sono gli ideali della democrazia, che per quanto giovane e ancora imperfetta, appare ancora come la via maestra per consentire ad ogni uomo di esprimere al meglio il suo lato più positivo e morale."





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci / commenta un'opera a caso.

Nota: per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nell'elenco dei generi e scegli la tipologia desiderata.



L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Libertà, scelte collettive, pandemia: Un dilemma democratico di Domenico Gigante è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(racconto narrativa, breve)  di nwGianfranco39
Descrizione: Racconto breve di attualità nel 2020.

tags: #covid 19(6)


(racconto narrativa, brevissimo)  di nwLorenzo Pompeo
Descrizione: Corona virus diary - quarta puntata dedicata alla pratica del jogging.
incipit: Qual è quell'animale che prima che il sole si spenga attraversa di corsa strade deserte? Non fugge da un predatore o da un cacciatore, non è il cibo ciò che cerca, né un partner per riprodursi. Allora perché e verso cosa corre? Per chi provenisse da un altro pianeta, presumibilmente ciò costituirebbe un grande mistero.

tags: #corona diary(1)    #covid 19(6)    #jogging(6)    #coronavirus(12)


Descrizione: 7° e ultima puntata del racconto "Dalla mia finestra". Fine del lockdown. La vita sembra ricominciare, ma è tutto vero ciò che appare?
incipit: Le saracinesche si alzano al mattino, anche se con poco entusiasmo, gli specchi hanno ricominciato a riflettere le sembianze dei clienti che si provano i vestiti, ma solo perché questo è il loro mestiere, le formiche continuano a sfilare nelle loro colonne come se nulla fosse mai accaduto, le lumache lentamente si arrampicano sul ramo, il pesce rosso continua a perlustrare il suo acquario e i cani hanno ricominciato a condividere il marciapiede con i passanti.

tags: #cani(38)    #diario(79)    #formiche(5)    #lockdown(15)    #pesci rossi(1)    #polvere(5)    #surreale(55)    #surrealismo(15)    #covid 19(6)


Descrizione: Continua la saga dell'uomo alla finestra (sesta puntata). Questa volta, dopo i cani e le lumache, le protagoniste sono le formiche.
incipit: Cosa penseranno di noi le formiche? Fino a oggi non me l'ero mai chiesto. Non posso nascondere una certa ammirazione quando le vedo marciare nelle loro file serrate e ordinate. Se prendessimo esempio da loro, tutto sarebbe più semplice e più chiaro. Qualcuno dovrebbe ammaestrarle per tenere in ordine gli oggetti della casa, che invece si spargono e girano in continuazione per i pavimenti, sui letti e sui divani (per tacere dei tavoli e dei comodini).

tags: #diario(79)    #formiche(5)    #lockdown(15)    #pandemia(14)    #covid 19(6)


(racconto storico, breve)  di nwMaturanda Disperata
Descrizione: Pensieri sul covid, tema.
incipit: Permessa: non sono una scrittrice ma una semplice studentessa che riesce ad esprimere tutto ciò che prova, scrivendo !

tags: #covid 19(6)    #speranza(120)    #consapevolezza(21)    #mancanze(18)    #paura(126)


(poesia umorismo, brevissimo)  di nwAndr60
Descrizione: da definire...

tags: #oppio(1)    #democrazia(5)


(poesia altro, brevissimo)  di nwPaola Tassinari
Descrizione: Hobbes, Rousseau, la via mediana, la lotteria della vita, Dio e l'ombra dei cipressi, ovvero credere che non siamo solo polvere.
incipit: Hobbes dice che l'uomo è un lupo per sé stesso e per gli altri.

tags: #democrazia(5)    #dio(48)    #hobbes(1)    #senso della vita(4)    #tirannia(1)    #rousseau(1)


Descrizione: Il saggio guida alla lettura de "La Tirannia del Merito" del filosofo Sandel e si collega a due opere qui pubblicate: Olimpia, merito e democrazia: Un ritratto di Alcibiade e La proprietà intellettuale e i sistemi collaborativi nell'attività creativa.
incipit: Per noi italiani, abituati a secoli di clientelismo e nepotismo, l'idea di meritocrazia suona oggi come rivoluzionaria. Per questo motivo un saggio dal titolo "La tirannia del merito", interamente dedicato a smontare pezzo a pezzo i pregiudizi e i miti che circondano la meritocrazia, può apparirci sconcertante.

tags: #distribuzione del reddito(1)    #disuguaglianze(1)    #elezioni(8)    #globalizzazione(2)    #lavoro(72)    #politica(41)    #poverta(12)    #universita(9)    #welfare(1)    #democrazia(5)

Elencate 10 relazioni su 40 -
 
10
20
 ... 
40
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!



php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3

Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 44.210.83.132


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione



map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

Opere generate da/con Intelligenza Artificiale Generativa

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2024
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0.24 secondi.




Dedicato a tutti coloro che hanno scoperto di avere un cervello,
che hanno capito che non serve solo a riempire il cranio e che
patiscono quell'arrogante formicolio che dalle loro budella
striscia implacabile fino a detonare dalle loro mani.

A voi, astanti ed esteti dell'arte.

(Sam L. Basie)




Special thanks to all the friends of BraviAutori who have
contributed to our growth with their suggestions and ideas.