pagine viste: ...
...no javascript...
phone
opzioni grafiche:
T
T
T
TT
Benvenuto, visitatore
     
Thu 11 August, 20:10:09
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Ciò che sorge nel tempo deve fare naufragio

(saggio filosofia, medio - per tutti)
31 visite dal 30/03/2022, l'ultima: 1 settimana fa.
3 recensioni o commenti ricevuti
Autore di quest'opera:
avatar di Domenico Gigante
nwDomenico Gigante
$ sostenitore 2022 (7 quest'anno)



Titoli simili:



Descrizione: A partire dal pamphlet di Karl Jaspers, Lo spirito europeo, ho sviluppato considerazioni sulle radici più profonde dell'Europa e della sua frastagliata e variegata comunità di cittadini.

Incipit: "L'Europa ha sviluppato per ogni posizione la posizione opposta. Forse è propriamente solo così che essa è potenzialmente tutto. Perciò è disposta ad accogliere ciò che proviene dall'esterno non solo come opposizione, ma a rielaborarlo in se stessa come elemento della prorpia essenza"


Ciò che sorge nel tempo deve fare naufragio
file: jaspers-a5.pdf
size: 1,17 MB

* è tra i primi 3!
in opere commentate (Medio, dal 2022)

Elenco Tag dell'opera:
#europa(4)    #filosofia(36)    #geopolitica(1)    #jaspers(1)    #kant(3)    #politics(40)    #storia(52)    #unione europea(2)    #economia e storia(1)



Recensioni: 3 di visitatori, 5 totali.
  recensisci / commenta

recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

Recensione o commento # 1, data 15:53:17, 30/03/2022
Molto interessante e illuminante. Grazie.



recensore:
avatar di Domenico Gigante
nwDomenico Gigante
$ sostenitore 2022 (7 quest'anno)

risposta dell'autore, data 13:17:18, 31/03/2022
Grazie! Mi fa piacere che ti sia piaciuto. È un po' datato, ma alcune considerazioni sono tornate molto d'attualità.



recensore:
avatar di Namio Intile
nwNamio Intile
$ sostenitore 2022 (5 dal 2019)

Recensione o commento # 2, data 11:18:42, 02/04/2022
Il Dragone-Mon Amour # 6

Karl Jaspers è uno dei massimi filosofi del secolo passato. Medico, psichiatra, è famoso per la colossale Psicopatologia Generale, uno dei caposaldi della psicologia del Novecento. Amico di Heidegger, nonché collega nella medesima università, esistenzialista, si avvicina alla filosofia in età adulta. Il passaggio dalla psicologia alla filosofia e viceversa è una delle controverse caratteristiche della filosofia moderna. Jaspers diventa uno dei massimi filosofi del Novecento proprio perché psichiatra o è un grande psichiatra perché è un filosofo?
Il suo pensiero è comunque illuminante e imprenscindibile ed hai fatto bene a farne oggetto del tuo saggio.
Ne ho letto un'opera proprio recentemente, Genio e Follia, un saggio su Van Gogh e Strindberg, Swedenborg e Holderlin, dove il filosofo mette in relazione la psicopatologia con la creatività e fa il punto sulle psicosi schizofreniche.
Ma come non ricordare il suo Orientazione filosofica nel mondo? Va beh.
Pertanto non mi rimane che dirti che l'letto volentieri il tuo di saggio, che prende il titolo dal tema di una conferenza a cui partecipò Jaspers, una riflessione esaustiva e profonda sullo stato dello spirito europeo, a partire proprio dal pensiero di Jaspers, ma che mi pare poi sviluppata secondo le visioni e le considerazioni dell'autore, il quale ha bene dimostrato la propria autonomia e capacità di spirito critico e indipendente.
A proposito di Tramonto dell'Occidente o tramonto dell'Europa che dir si voglia, io ritengo che si sia già fatta sera, tanto per riprendere in negativo molte delle conclusioni di Galimberti (Non si è ancora fatta sera) forse maggiore esegeta e traduttore italiano di Jaspers e autore a me molto caro.
Sulla politica sono pessimista: credo che il vuoto attuale sia conseguenza e segno della trasformazione delle società moderne in società dominate dalla tecnica; per cui la regina delle tecniche di platonica memoria si trova costretta a subire i diktat delle scienze esatte, economia in primis. Le scelte della politica sono ormai limitate e dettate da insopprimibili ineluttabili e indiscutibili esigenze tecnico economiche (o sanitarie o energetiche o qualunque altra esigenza tecnica dettata magari dalle emergenze di turno che ormai si accavallano insistentemente) sulle quali le politiche e le riflessioni politiche o filosofiche non hanno più voce in capitolo. Tecniche ormai del tutto appannaggio di apparati burocratici non eletti e la cui legittimità non deriva dal consenso democratico ma da quello delle competenze tecnico scientifiche acquisite dai loro componenti o dalle autorità nel loro complesso. Un esempio per tutti è l'organizzazione dell'Unione Europea in ogni sua forma, un apparato burotecnocratico non democratico che autocostruisce e incrementa la propria legittimazione sulla ineluttabilità delle competenze causate dall'oggettività della realtà, per la quale esiste soltanto una soluzione esatta (quella tecnica) a ogni singolo problema.
E con la fine della politica e delle forme della tradizione occidentale (etica, morale, religione, ideologia, filosofia) si spegne la democrazia e ogni senso ogni direzione così come erano state pensate dalle forze della Tradizione, sostituite dall'autoaccrescimento illimitato dell'apparato che trova proprio in questo autoaccrescimento la propria unica terribile ragione d'essere.
La guerra senza senso e senza possibili vincitori di questi giorni pare a me la prova più evidente.

A proposito di fine della storia, non voglio fare l'esegeta di Fukuyama, ma forse fui uno dei pochi ad acquistarlo quel volume nel 1989 o 90. Non voleva dire quello per cui è passato alle cronache, forse vale la pena rileggerlo quel testo, veritiero e anticipatore per molti aspetti.Bello leggerti, a presto.



recensore:
avatar di Domenico Gigante
nwDomenico Gigante
$ sostenitore 2022 (7 quest'anno)

risposta dell'autore, data 12:31:08, 02/04/2022
Ciao Namio! Come al solito preciso e chiaro il tuo commento. E prezioso. Sì, la politica è diventata ancella delle scienze sociali, purtroppo anche dei suoi aspetti meno nobili (sondaggi di opinione). Alle tue considerazioni pertinenti aggiungo il fatto che l'opinione pubblica su cui Habermass (e non solo) fonda la politica democratica, è diventata una questione statistica: misurazione del peso delle diverse opinioni. Invece dovrebbe essere lo spazio di un dialogo autentico tra cittadini liberi. In Jaspers mi ha colpito molto il richiamo ad una comunicazione che coinvolga tutto ciò che è l'uomo. Quindi non solo la sua parte razionale, ma anche quella "animale", da cui può derivare il richiamo ai sentimenti di giustizia e solidarietà che soli possono portare ad una vera convivenza tra gli uomini.
Riguardo a Fukuyama - che ho letto diversi anni dopo di te - concordo sulla tua considerazione. Il mio riferimento alla fine della storia non era una critica diretta all'autore americano, ma ai sostenitori della sua volgarizzazione, per altro da un bel po' non più in auge. La guerra attuale è l'ennesima prova che una visione tecnica della democrazia, come un manuale per montare i mobili Ikea, è non solo deteriore, ma anche deleteria. Ciò significa che la storia si sta riprendendo il suo spazio. Sta a noi interpretare i fatti recenti, affinché la direzione che prenderanno gli eventi non ci travolga come è successo nel primo Novecento.
Grazie ancora!



recensore:
avatar di Namio Intile
nwNamio Intile
$ sostenitore 2022 (5 dal 2019)

Recensione o commento # 3, data 12:46:46, 02/04/2022
Jaspers come psichiatra ha dovuto indagare a fondo la dicotomia ragione emozione che sta alla base del corto circuito evolutivo di cui a mio avviso siamo vittime con tutte le dicotomie anima corpo conseguenti. Discorso molto lungo complesso e affascinante. Ho notato la zattera della Medusa in copertina. Ci ho scritto un racconto un po' comunista su quel particolare grandioso dipinto di Gericault, strane a volte le coincidenze.
A rileggerti





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci / commenta un'opera a caso.

Nota: per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nell'elenco dei generi e scegli la tipologia desiderata.



L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Ciò che sorge nel tempo deve fare naufragio di Domenico Gigante è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(racconto fantascienza, lungo)  di nwEldies

descrizione: Dopo che la razza umana ha devastato la Terra a suon di guerre ed inquinamento, sul nostro pianeta cala la piaga di un'invasione aliena. Dopo quasi 30 anni di resistenza, un manipolo d'eroi troverà la speranza in un remoto passato, o…

incipit: Anno 2051 d.C. Il mondo come lo si conosceva all'inizio del terzo millennio non esiste più. L'inquinamento ha raggiunto livelli insostenibili, provocando cambiamenti climatici totalmente inaspettati e fenomeni atmosferici violenti ed improvvisi, causati dalla graduale modificazione delle correnti marine. Il globo terrestre è diventato un'enorme sfera tropicale, divisa in due da un'ampia fascia desertica caratterizzata da un calore infernale.

tags: #alieni(54)    #archeologia(2)    #atlantide(2)    #avventura(28)    #azione(8)    #ebook(2)    #ecologia(4)    #esercito(3)    #europa(4)    #gratis(4)


descrizione: Un breve racconto che vuole far riflettere, sia pure con qualche tocco di leggerezza, sulla storia di coloro che varcano i confini della propria patria, afflitta da guerra e povertà, con la speranza di una vita migliore al di là del Mediterraneo.

incipit: Amal manteneva pulito il suo angolo di strada. Ogni mattina alle otto prendeva posto sul ponticello coperto in Via degli Olmi, appoggiava la sua borsa sul muretto accanto a lei, apriva uno sgabello su cui si sarebbe riposata nel corso della giornata e, armata di scopa e paletta, rimuoveva ogni rifiuto. Non una carta, non un mozzicone di sigaretta sfuggivano al suo occhio attento. Amal non poteva tollerare quel mondo sporco e disordinato e così carico di indifferenza, così diverso da ciò che le a…

tags: #europa(4)    #profughi(5)    #speranza(110)    #viaggio(128)    #guerra(110)


descrizione: Camillo Benso Conte di Cavour perde i pince-nez al Bennet di Caselle Torinese. Era Aprile del 1861, un mese dopo la riunione del Primo Parlamento italiano. E il sogno svanì.

incipit: Tempo fa mi successe una cosa buffa al supermercato, dove vado tutti i lunedì da oltre 20 anni: trovai su di uno scaffale questi occhialini da vista, dei pince-nez, quel tipo d'occhiali in uso nell'ultimo Ottocento e primo Novecento, quelli con le due lenti unite da una molla che le teneva ferme sul naso, stringendolo da una parte e dall'altra. Proprio quelli che metteva Camillo Benso Conte di Cavour.

tags: #ducati(1)    #emilia(3)    #europa(4)    #granducati(1)    #lazio(1)    #occhialini(1)    #penisola(1)    #stati(3)    #toscana(5)    #supermercato(6)


(racconto narrativa, breve)  di nwAlessandro Liafanti

descrizione: Un raccontino sul silenzio, quello strano fenomeno che sembra perduto oggigiorno, dato il chiasso che impera nelle nostre vite. Purtroppo, però, quel silenzio che spesso rappresenta un riparo dal mondo, può anche diventare il peggiore degli incubi.

incipit: Il silenzio. Cos’è il silenzio? Mancanza di rumore? Assenza di suoni? Incapacità di percepire il brusio di sottofondo che accompagna ogni nostro passo, ogni nostro movimento, ogni singolo impercettibile attimo del nostro essere vivi? Ma, soprattutto, c’è una cosa che ho tenuto sempre presente eppure taciuta in ognuna di queste possibili risposte. Il suo essere un qualcosa di meno da qualcos’altro; il silenzio è stato sempre definito in negativo. Sarà la via giusta?

tags: #adozione(3)    #deserto(15)    #filosofia(36)    #lettera(30)    #marina(13)    #silenzio(38)


(racconto biografia, breve)  di nwJoe Sardo

descrizione: Un Uomo e il suo bagaglio a mano, un punto interrogativo in viaggio verso la ricerca di un punto esclamativo. Un viaggiatore somma di tutte le cose sentite, annusate, viste, toccate, assaporate.

incipit: Da quella notte del 16 Aprile del '77, le Essenze, le Forme, i Sapori, i Suoni, i Colori che nel nel corso del suo viaggio esistenziale aveva assorbito, ogni giorno sempre di più, riempirono il suo bagaglio a mano. Reduce da questo cammino lungo 33anni, sempre più stanco, decise di trascorrere la notte in un rifugio. Trovò riparo dentro un giaciglio chiamato il rifugio della malinconia. Lascerà qui la sua valigia, verserà qui il contenuto. Passata la notte,…

tags: #antropologia(2)    #filosofia(36)    #istruzione(15)    #psicologia(12)    #sociologia(2)    #viaggio(128)    #vita(306)    #esistenza(13)


(racconto narrativa, breve)  di nwGerardo D Orrico

descrizione: Diario estivo duemila e undici.

incipit: "E' la tua presenza, è più forte della mia. Quelli sono parassiti se ti fai mordere ti mangiano, a presto amore, ricordi sei tu che devi ricordare? Sembra che siamo già nati a presto."

tags: #bene(6)    #estate(47)    #filosofia(36)    #male(15)    #well(1)    #diario(59)


(racconto narrativa, medio)  di nwNihilismee

descrizione: Ogni pensiero ha la sua legge ed ogni legge ha un suo pensiero.

tags: #filosofia(36)    #pensieri(136)


(racconto narrativa, breve)  di nwLorenzo Bottacini

descrizione: La realtà: ognuno può interpretarla nel modo che preferisce, nessuno può vederla chiaramente.

incipit: Fumo che spira dai lati di una strada percorsa da un individuo diverso, che coglie la città nel suo buio splendore alla sua maniera, come tutti noi facciamo costantemente.

tags: #filosofia(36)    #potere(13)    #realta(27)    #soldi(13)    #mafia(8)

Elencate 10 relazioni su 132 -
 
10
20
 ... 
140
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 35.168.110.128


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2022
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0.11 secondi.