pagine viste: ...
...no javascript...
phone
opzioni grafiche:
T
T
T
TT
Benvenuto, visitatore
     
Mon 15 August, 03:05:52
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

É difficile farsi capire

(altro filosofia, breve - per tutti)
37 visite dal 29/05/2022, l'ultima: 1 settimana fa.
13 recensioni o commenti ricevuti
Autore di quest'opera:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)


Altre opere dell'autore



É difficile farsi capire
file: opera.txt
size: 5,05 KB
Tempo di lettura: meno di 5 minuti
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))


Elenco Tag dell'opera:
#essere(30)



Recensioni: 13 di visitatori, 17 totali.
  recensisci / commenta

recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 1, data 11:20:40, 30/05/2022
Definizione dell'io presa da wikipedia

"
L'io prepara e gestisce gli stimoli ambientali, le relazioni oggettuali ed è il principale mediatore della consapevolezza. Si può immaginare l'Io come il gestore centrale di tutte le attività psichiche, che rivolge verso sé stesso e verso l'ambiente esterno generando, appunto, la consapevolezza propria e della realtà.

>(cioè quello che sostengo io con la mia tesi)<

Mentre il Sé enuclea la persona nella sua totalità rispetto all'ambiente, l'Io, inscritto nel Sé, è la struttura che percepisce sé stessa ed entra in relazione con altre persone (con il "loro" Io), distinguendole come "non-Io

>il sé è a mio avviso il dissociamento dell'Io in essere. <

Sigmund Freud, iniziatore del movimento psicoanalitico, considerava l'Io (in tedesco Ich) come un'istanza psichica, vale a dire una struttura organizzatrice che ha il compito di mediare pulsioni ed esigenze sociali, rappresentate da altre due istanze in conflitto fra loro (l'Es e il Super Io). In psicoanalisi l'Io corrisponde all'Ego, dal momento che è la traduzione italiana del termine latino usato da Freud.

L'Io gestisce i meccanismi di difesa, dei processi psichici deputati alla protezione dell'Io rispetto ad esperienze pulsionali troppo intense o ad altre esperienze minacciose. Alcuni esempi di meccanismi di difesa sono: rimozione, sublimazione, formazione reattiva, scissione, proiezione. Una scuola psicoanalitica creata da Anna Freud è la Psicologia dell'Io, che si è occupata prevalentemente di descrivere i meccanismi di difesa di cui l'Io dispone per rapportarsi con la realtà.

>scusa? <

" L'Io gestisce i meccanismi di difesa, dei processi psichici deputati alla protezione dell'Io rispetto ad esperienze pulsionali troppo intense o ad altre esperienze minacciose"

>Ti ricorda qualcosa?<

La psicoanalisi dell'Io: rafforzamento dell'Io e adattamento
In alcune scuole psicoanalitiche come la "psicoanalisi dell'Io", tradizionalmente considerata tra le più ortodosse, si è fatta l'idea che il principale obiettivo della psicoanalisi fosse rafforzare l'Io in modo che non accada che come una nave rischi di rimanere in balia delle forze impetuose dell'oceano dell'inconscio

Il decentramento dell'Io: il discorso dell'inconscio in Lacan
Lo psicoanalista Lacan e la sua scuola nel loro "ritorno a Freud" considerava questa operazione un vero tradimento dello spirito della psicoanalisi, in quanto la psicoanalisi è da considerarsi come una rivoluzione copernicana, svolta però al livello del sistema psichico. Essa ha spodestato l'Io dal suo posto centrale in tale sistema, decentrandolo a profitto dell'inconscio e del discorso dell'inconscio.
Egli considerava porre la psicoanalisi, a suo dire come scienza rivoluzionaria, al servizio di un rafforzamento adattativo dell'Io, quale un'operazione che nulla aveva a che fare con la psicoanalisi. Infatti nella psicoanalisi di orientamento lacaniano, che pone i suoi referenti epistemologici nello strutturalismo, l'Io è semplicemente un sintomo come un altro del discorso di verità proprio dell'inconscio, di conseguenza rafforzare l'Io significherebbe rafforzare un sintomo, vale a dire proprio una difesa quale resistenza alla verità dell'inconscio.

>Anche qui nell'ultima frase, si può ritrovare parte della mia tesi, qui però è gia inteso come quello che poi loro chiamano sè dal mio punto di vista, cioè ad inganno già avvenuto in noi da noi stessi (cioè passare dall'io al sè)<

Lo spodestamento dell'Io: il Sé in Jung
Anche nella psicoanalisi di orientamento junghiano l'Io subisce parimenti un tale affronto, in quanto qui l'operazione psicoanalitica consiste nel cacciare l'Io dal ruolo di padrone del sistema psichico, e di conferire invece tale scettro regale al Sé quale nuova identità dinamico-relazionale in divenire, a cui l'Io sottostà come una sorta di servo fedele.

> paro paro al mio discorso<

Psicosintesi
L'Io, in psicosintesi, rappresenta una scheggia di pura coscienza senza contenuti. L'Io è neutro, è un'emanazione del Sé. L'Io ha un aspetto "statico" (è consapevole testimone di sé stesso), crea l'"osservatore", ed ha un aspetto "dinamico" cioè gestisce con la volontà, ciò di cui è consapevole ed è anche una rappresentazione di sé."

>Allora, ecco quindi l'inganno, l'errore è credersi come invece sosteneva Jung, sè e non IO. (se volete credermi, non avevo letto questa pagina prima di adesso, ma non è importante trovo solo ulteriori definitive conferme a quello che già avevo intuito sull'IO)

quindi quando dici IO sò già sbagli.

la forma più corretta è semplicemente

So
Penso
Agisco

(cioè il soggetto è l'azione o il pensiero stesso in essere, essendo questo l'io stesso. )



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 2, data 11:37:55, 30/05/2022
Questo invece sempre da wikipedia è il pensiero di Jung sul Sè che dimostra a mio parere poi l'inganno dell'IO cioè la mia teoria, come vedremo sul finale, nell'ultimo paragrafo delle sue conclusioni)

"Due ipotesi
L'idea che ci siano due centri della personalità distingue la psicologia junghiana. L'ego è visto come il centro della coscienza, mentre il Sé è definito come il centro della personalità totale, che include la coscienza, l'inconscio e l'ego; il Sé è sia il tutto che il centro. Mentre l'ego è un centro autonomo del cerchio contenuto nel tutto, il Sé può essere inteso come il cerchio più grande.[4][5]

Emersione del Sé
Jung riteneva che dalla nascita ogni individuo avesse un senso originale di totalità - del Sé - ma che con lo sviluppo una coscienza dell'ego separata, si cristallizzi dal sentimento originale di unità.[6] Questo processo di differenziazione dell'ego fornisce il compito della prima metà del proprio corso di vita, sebbene gli junghiani vedessero anche la salute psichica come dipendente da un periodico ritorno al senso del Sé, qualcosa di facilitato dall'uso di miti, cerimonie di iniziazione e riti di passaggio.

Ritorno al Sé: l'individuazione
Una volta che la differenziazione dell'Io è stata raggiunta più o meno con successo e l'individuo è in qualche modo ancorato al mondo esterno, Jung riteneva che fosse sorto un nuovo compito per la seconda metà della vita: un ritorno e una riscoperta cosciente del Sé: l'individuazione. Marie-Louise von Franz afferma che "Gli effettivi processi di individuazione - il consapevole venire a patti con il proprio centro interiore (nucleo psichico) o Sé - iniziano generalmente con una ferita della personalità".[7] L'ego raggiunge un'impasse di un tipo o dell'altro; e deve rivolgersi per chiedere aiuto a quella che ha definito come "una sorta di tendenza nascosta di regolazione o di direzione… [un] centro organizzativo" nella personalità: "Jung ha chiamato questo centro il 'Sé' e lo ha descritto come la totalità del tutto psichico, per distinguerla dall'io, che costituisce solo una piccola parte della psiche ".[8]

Sotto la guida del Sé, emerge una successione di immagini archetipiche, avvicinando gradualmente i loro aspetti frammentari del Sé sempre più vicini alla sua totalità.[9] La prima ad apparire, e la più vicina all'io, sarebbe l'ombra o l'inconscio personale, qualcosa che è allo stesso tempo la prima rappresentazione della personalità totale e che può effettivamente essere a volte fusa con il Sé.[10][11] I prossimi ad apparire sarebbero l'Anima e l'Animus, l'immagine dell'anima, che può essere considerata come il simbolo dell'intero Sé.[12] Idealmente, tuttavia, l'animus o anima entrano in gioco in un ruolo di mediazione tra l'ego e il sé.[13] Il terzo archetipo principale che emerge è la figura del Mana del vecchio saggio/donna[14] - un rappresentante dell'inconscio collettivo simile al Sé.[15]

Dopo viene l'archetipo del Sé medesimo - l'ultimo punto sulla via dell'autorealizzazione dell'individuazione.[16] Nelle parole di Jung, "il Sé… abbraccia la coscienza dell'ego, l'ombra, l'anima e l'inconscio collettivo in un'estensione indeterminabile. In quanto totalità, il sé è una coincidentia oppositorum ; è quindi luminoso e scuro e tuttavia nessuno dei due ".[17] In alternativa, ha affermato che "il Sé è l'uomo totale e senza tempo… che rappresenta la mutua integrazione tra conscio e inconscio".[18] Jung ha riconosciuto molte immagini dei sogni come rappresentanti del sé, tra cui una pietra, l'albero del mondo, un elefante e il Cristo.[19]

Pericoli del sé
Von Franz riteneva che "il lato oscuro del Sé è la cosa più pericolosa di tutte, proprio perché il Sé è il potere più grande della psiche. Può far sì che le persone "cambiano" in modo megalomanico o cadano in altre fantasie deliranti", in modo che il soggetto "pensi con crescente eccitazione" di aver afferrato i grandi enigmi cosmici. Rischia quindi di perdere ogni contatto con la realtà umana.[20]
> questo a prima vista potrebbe anche sembrare, ma io ho solo appuntato una tesi che mi riporta paro paro a quello che difatti è la realtà delle cose, nessuna anima, nessuno spirito, ma energie fisiche e limitate nel loro stesso essere, universo e vita quindi delimitati entrambi dallo spazio e dal tempo, sia nostro in essere che come quello universale, non sto quindi mai uscendo da concetti o ipotesi comunque di tipo logiche/realistiche, che riguardano cioè gli aspetti a noi comprensibili<

Nella vita di tutti i giorni, degli aspetti del Sé possono essere proiettati su figure o concetti esterni come lo stato, Dio, l'universo o il destino.[21][22] Quando tali proiezioni vengono ritirate, può esserci un'inflazione distruttiva della personalità - un potenziale controbilanciamento, essendo tuttavia gli aspetti sociali o collettivi del Sé.[23]



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 3, data 11:46:11, 30/05/2022
"Nella vita di tutti i giorni, degli aspetti del Sé possono essere proiettati su figure o concetti esterni come lo stato, Dio, l'universo o il destino.[21][22] Quando tali proiezioni vengono ritirate, può esserci un'inflazione distruttiva della personalità - un potenziale controbilanciamento, essendo tuttavia gli aspetti sociali o collettivi del Sé.[23]"

>Vedi il sè quindi trasla se stesso fuori da sè (appunto) per autoconservazione e speranza di salvezza aggiungo io, ora che l'io quindi non è più pienamente conscio del suo ruolo, essendosi dissociato da se stesso almeno in parte, avendo cioè relegato quindi al sè (cioè quello che recepiamo noi quando poi pensiamo o agiamo nella nostra testa, quello che dice jung) a capo di se stesso, in modo da potersi poi traslare fuori da sè (appunto, ma è sempre l'io che fa questo, credendosi e percependosi poi ora realmente come due entità separate, "Altro" quindi, dal solo se stesso), quindi dal corpo, quindi ecco che ora abbiamo trovato dal nulla un anima, spirito ecc, come ancora di salvezza data in speranza di un possibile dopo la vita e corpo stesso… <

Quindi come vedi il mio discorso torna anche applicato sulle stesse parole di chi queste cose le ha studiate per tutta la vita, come dicevo a mio parere (e non spetta certo a me poi farlo) andrebbe presa seriamente la mia teoria da chi di dovere, e alla luce di questa poi vedere se sia il caso di rivedere anche determinate convinzioni, sò che risulta comico detto poi da uno che lavora in un supermercato, comprendo di non avere nessuna credenziale a mio merito, ma se rapportate le mie conclusioni a quelle scritte tanto da Freud come da Jung, continuano ad avere logica, anzi ne danno ulteriore prova in essere.

Quando Einstein ha compreso la teoria della relatività essa era incomprensibile applicata alle percezioni sensoriali umane, ma risultava assolutamente veritiera se si guardavano le cose da un punto di vista differente da come potevano comunemente apparire. Rifletteteci un attimo su.

Detto questo quindi nutro e ho constatato per dipiù (dai padri stessi della psicanalisi moderna e dalle loro stesse parole) pienamente conferma di quello che invece credo e penso sia successo, a giorni porterò avanti poi il discorso sulla consapevolezza.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 4, data 13:57:37, 30/05/2022
Allora veniamo alla seconda tua obiezione (il mio testo mi sembrava per una volta più comprensibile del tuo a dirla tutta).

Allora il tuo è un punto di vista che può essere reale solo soggettivamente al tuo stesso percepire la realtà in essere.

Se fossimo fermi, se l'universo stesso fosse fermo, niente si muoverebbe in esso, sarebbe quindi un infinito tempo presente, per tutto e tutti, viventi e non viventi. Quindi se il ferro che non ha consapevolezza di sé che tu come me è anche prima di me, giustamente anche a mio avviso ora sostieni viaggiare alla velocità della luce, se il ferro quindi viene immerso nell'acqua e diventa ruggine vuol dire che l'entropia è in atto su tutto. Quindi tu sostieni che tutto sia già esistente e fermo nel tempo e solo la consapevolezza che abbiamo NOI ci porta viaggiando alla velocità della luce a comprendere tramite l'io che, non POTENDO esso procedere alla stessa velocità, ma arrivando sempre dopo di essa riceve comunque l'informazione nel passato, quindi una volta morto il corpo, finito l'io, questa consapevolezza viaggia libera come un fascio di luce quale è per il cosmo o magari oltre a questo. Giusto?

Anche ammettendo questo fatto dal tuo punto di vista, come ti dicevo nel commento in risposta al mio testo sulla consapevolezza, dopo, in ogni caso, alla tua morte però nulla di te o di ciò che comprendi ora o in futuro, può lasciare il tuo corpo perché la comprensione della consapevolezza stessa è fisica, quindi è elaborazione e lettura sub conscia, poi divenuta conscia con il pensiero, e quindi la comprensione della stessa attuata tramite possibile azione fisica, cioè movimento corporeo. Senza questa lettura l'informazione non la recepisci la subisci istantaneamente nel corpo senza però coscienza di essa, come l'informazione al cuore che deve battere per continuare a vivere. Quindi anche se fosse come dici tutto ciò che tu comprendi, o speri, o ti illudi che possa essere poi dopo morto, rimane iscritto nel tuo corpo. Morale fine dei giochi.

Oltre a questo c'è una gigantesca falla, se è vero che è la nostra consapevolezza l'unica cosa che si muove nell'universo, muovendosi alla velocità della luce, o il fascio di luce stessa nell'universo, come te lo spieghi tutto l'universo che ha avuto comunque, avendolo noi rilevato, subito un mutamento derivato da entropia nonostante noi non ne avevamo minimamente ancora consapevolezza in quel determinato presente del tempo? Cioè di questo tempo prima di rilevare i dati stessi? Tipo l'eco di fondo del big bang per dire. Quelli sono dati, cifre, le cifre sono informazioni, non emozioni. Se due dati non coincidono quando dovrebbero non c'entrano i punti di vista é semplicemente un errore di calcolo, non è soggettivo al sentire, cioè alla consapevolezza o alla comprensione di questa singola e individuale. È la realtà stessa che ti dice una verità oggettiva, tramite matematica applicata alla fisica. Oppure se non è così viviamo tutti in un mondo illusorio, dove ogni singolo aspetto della realtà (tu stesso compreso, quindi anche consapevolezza e comprensione) è solo una nostra soggettiva percezione. Un matrix globale, come diceva Bravoautore un ologramma percettivo.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 5, data 14:35:45, 30/05/2022
Oppure più semplicemente come può la consapevolezza decretare in noi nello stesso momento (sulla terra gli sfasamento temporali tra due persone sono minimi seppur non simultanei) che lo stesso orologio quindi qualcosa di fisico non parte del nostro corpo su un aereo misuri due tempi diversi a prescindere da chi lo guarda nello stesso istante del tempo? Se fosse solo la consapevolezza a decretare il movimento tramite poi la percezione è comprensione dell'Io dovremmo vedere la stessa ora in entrambi gli stessi orologi in entrambi i punti sulla terra, non ti parlo uno da un fuso orario ad un altro, ma uno su un prato per direel'altro in volo sopra la sua testa su un aereo di linea. Perché non possono sovrapporsi i due presenti di due persone a cosi irrisoria distanza tra loro, tanto che se glielo domandassi ti direbbero la stessa ora, ci vogliono infatti speciali orologi di misurazione, è stato fatto lo stesso procedimento con medesimo risultato(in questo caso frazioni di millesimi di secondo, tenendo uno di questi misuratori a pochi metri dal suolo, l'uno dall'altro. Ecco gli orologi però non hanno consapevolezza, ma nonostante questo praticamente nello stesso punto segnavano comunque due orari differenti. Cioè entropia attiva sulla materia fisica.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 15:55:45, 30/05/2022
"Se fossimo fermi, se l'universo stesso fosse fermo, niente si muoverebbe in esso, sarebbe quindi un infinito tempo presente, per tutto e tutti, viventi e non viventi."

É su questo punto che trovo la difficoltà nel farmi capire.
Quando dico che l'universo è fermo, non intendo quello che noi vediamo e dove crediamo di essere. Quello è la realtà oggettiva misurabile da tutti noi, che sottostà a tutte le teorie della scienza così come la conosciamo e non ho nulla da obbiettare su quanto dici.
E se la consapevolezza fosse energia della stessa natura dell'universo non potrebbe comportarsi come dici di aver capito. Non è così.
È evidente che la mia supposizione logica si basa sulla non dimostrata esistenza dello spirito il quale non sottostà alle leggi della materia-energia fisiche dell'universo.
L'esistenza dello spirito è quella famosa intuizione che tu stesso ritieni illusione e inganno della psiche.
Naturalmente è inutile che mi porti a sostegno le teorie degli psicoanalisti più illustri in quanto nessuno di loro ha mai sostenuto che esista una soluzione diversa alla materialità dell'uomo.
Nessuno è mai riuscito a dimostrare che esiste lo spirito, eppure la questione ritorna ancora oggi dopo millenni perché le risposte che dà la scienza evidentemente non soddisfano tutti. Manca ancora qualcosa e io lo "sento" come altri. Chi cerca giustificazioni come la paura della morte o l'esigenza di prevaricazione dell'ego o altre teorie, non fa altro che acuire la necessità di trovare una vera soluzione. E ripeto se di fede si tratta non è nell'esistenza dello spirito ma nella certezza che non ci sono ancora le risposte. Se c'è una fede cieca è nella certezza che lo spirito non esiste quando invece la logica dice che vale il dubbio.
Le due obiezioni sono quindi strettamente collegate.
Alla prima devo considerare che le nozioni che riporti da Wikipedia sono sicuramente parte della storia della psicanalisi e descrivono come le illustre menti razionalizzano le paure o gli ideali dell'uomo (ricavati in primis dalla loro stessa personale esperienza). Bene se ci si attiene alle loro definizioni per evitare di fare confusione tra i vari IO, Sé, Ego, ecc.
Ma anche qui tutto è coerente con la certezza che tutto si può spiegare senza prendere in considerazione l'esistenza dello spirito. Molte cose non quadrano ma nel complesso le teorie stanno in piedi soprattutto se consideriamo aspetti particolari dell'uomo e se non pretendiamo di capire cosa siamo nel complesso della nostra natura come esseri completi.
Quando tentiamo di spiegare come il pensiero o forza psichica immateriale riesce in un modo o nell'altro a far muovere la materia, nessuno dà risposte certe. Così quando si vuole spiegare, non come funziona la vita, ma in cosa consiste e come si applica alla materia (evitando di parlare di misteriosa energia vitale… cos'è?)
Parlare di consapevolezza che sfugge alla legge dell'entropia perché ne è al di fuori nonostante il fatto che ne sia testimone, resta un mistero che non cambia la quotidianità della nostra vita, ma che è ben compresa dalla nostra intelligenza (illusione dell'io ?).



recensore:
avatar di Namio Intile
Namio Intile
$ sostenitore 2022 (5 dal 2019)

Recensione o commento # 6, data 16:33:26, 30/05/2022
Ogni tanto i due filosofi improvvisati li seguo. Ciascuno di voi dovrebbe partire ogni volta da quanto l'altro scrive e cercare in primo luogo di spiegare quanto l'altro asserisce e concordare sulla spiegazione reciproca e in seconda istanza di argomentare con esempi quanto si afferma e trovare dove l'argomentazione difetta. In più dovreste trovare una concordanza sui termini che adoperate: Io, Sé, Ego, essere, divenire, coscienza, spirito, anima, che significano? Che presuppongono? Datevi un metodo o rischiate di ripetervi in continuazione i medesimi concetti che rischiano di essere ogni volta diversi.
Se nei licei si studia storia della filosofia e non filosofia un motivo c'è.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 19:37:18, 30/05/2022
L'avevo appena detto… Comunque, quello che stiamo facendo è un gran confusione dovuta al fatto che non abbiamo fatto il liceo e non ci siamo messi d'accordo su come procedere, tantomeno sul significato delle parole, proprio come dici tu. Però siccome vogliamo ricorrere il meno possibile a citazioni di altri, e ci teniamo molto ad esporre pensieri nati solo dal nostro stesso pensiero, in fondo ci capiamo abbastanza. Certo è più difficile per chi ci segue, me ne rendo conto, ma facciamo quello che possiamo e quindi apprezziamo i consigli. Lo vedrete nelle prossime chiacchierate.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 7, data 20:07:04, 30/05/2022
Facciamo così chiariamo i miei punti,

Convengo con Freud con quello che definisce come Io.

Convengo con Jung con quello che definisce come sé.

La mia teoria quindi prevede l'io che a un certo punto in tutti noi (non dall'oggi al domani, serve un processo di comprensione del proprio sentire, che lo porterà o verso un sentire religioso o verso uno scientifico, oppure una qualsiasi via di mezzo tra questi due poli, chiaramente poi anche mutable nel corso della propria vita), compresa quindi, la sua stessa natura limitata e legata indivisibilmente al corpo. Quindi si dissocia in sé per un processo di autodifesa dal suo essere finito. Dissocia dođi in Altro da (sé), si autoconvince e si percepisce da questo momento in poi solo un surrogato, una funzione di questo Sé. Questo perché capendo per intuito e logica che al di fuori dell' universo finito ci deve essere Altro, lo stesso Altro quindi potrebbe far anche forse parte di Sé (spirito/anima), potendo accedere così in essere, fuori dal finito o almeno possedere il dubbio per una via d'uscita dal corpo stesso, la speranza di una sua qualsiasi salvezza. Oppure polo opposto, segue un percorso non "mistico", ma che lo porta a credere o sperare che il corpo in questo caso (non lo spirito), con le dovute scoperte in ambito scientifico, permettano il mantenersi dello stesso più a lungo possibile (tendendo all'infinito) affinché, allo stesso modo del polo mistico, non possa perdere alla morte di questo la coscienza o comprensione di quello che crede il suo essere di base cioè il sé (che in realtà è sempre l'io che non si riconosce piu tale). Entrambe illusioni autoprotettive indotte dall'io.

Questo spiega oggi, immediatamente, il perché è soprattutto il perché d'origine stesso è da cosa derivi quindi la fede, della religione, oppure il perché tendiamo al sogno di voler vivere per sempre nello stesso corpo volendo vincere in vita la morte, spiega il perché del suicidio se ci si riflette un attimo, ecc… rende chiaro e pienamente comprensibile cioè, la maschera della nostra stessa paura primordiale che associata poi al nostro egoismo ci descrive nel nostro stesso essere in divenire.

La consapevolezza invece credo che sia il lascito di questa energia fisica universale derivata da volontà creativa presente però (chiamiamolo come vogliamo) solo fuori da questo universo stesso. Energia fisica che a questo punto credo sia tale e quale ad un fascio di luce, fascio di luce che quindi si trova all'interno di ogni materia sia vivente che non vivente.

Questa poi tramite evoluzione/cambiamento dovute a interazioni fisiche a livello di particelle elemental tra materia con altra materia che la integra, con determinati causa effetto e mix delle stesse, la materia nuova creata sia divenuta che sia per caso, o volontà evoluzionistica già iscritta nel tempo stesso, di creazione della suddetta energia posta all'interno della materia, tramite volontà creativa posta in essa) cellula vivente, il resto poi è storia dell'evoluzione come la conosciamo.

Quindi nell'animale/pianta : fascio di luce +sistema neuronali vari =Io İstinto animale/ambientale con diversi gradi a seconda dello sviluppo di questo, quindi comprensione data istintiva quasi totale dell'ambiente + piccola parte di spettro emotivo, Ma non consapevolezza del proprio essere finito.

Nell'uomo era già presente questo io istinto, ma passando da scimmie ai primi uomini preistorici, ulteriore evoluzione del sistema cognitivo, quindi dell'Io sviluppatosi ora da istinto a impulsi e pulsioni (amore, odio, rabbia, ecc… ) emotive. Quindi possibile totale comprensione dal proprio Io di questi stessi impulsi emotivi e di tutta la gamma di emozioni. Possibile totale comprensione dal proprio Io dell'ambiente esterno (universo) interno (l'Io stesso). Presente consapevolezza del proprio essere finito dall'io, avendo questo fascio di luce in ogni istante presente di vita che permette e trasmette istantaneamente informazioni vitali al corpo, corpo che poi a sua volta trasforma tramite processi fisici in battito cardiaco ecc… nel sistema cognitivo questa informazione permette e da il via allo sviluppo stesso dell'Io che poi leggerà da questa una volta sviluppatosi, la stessa sua consapevolezza di essere vivo, nel presente/passato e, al contempo anche la propria morte nel futuro/presente da lui sempre percepita in divenire (quindi comunque sempre il passato dell'informazione stessa, essendo essa invece sempre nel presente, presente che l'Io non può mai cogliere, nemmeno nella stessa morte futura quindi, da qui la paura dell'ignoto destino che lo porterà alla creazione/dissociamento in sé.

Solo che dato che questo raggio di luce trasmette informazioni vitali al corpo, se il corpo non risponde più a questi stessi impulsi ritorna energia in movimento dentro materia ora inerte.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 21:01:11, 30/05/2022
"Quindi si dissocia in Altro (sé), si autoconvince e diventa e si percepisce da questo momento in poi solo un surrogato, una funzione di questo Sé".

Mettila come vuoi, e se ti piace chiamala autoconvinzione; resta il fatto che a prescindere dai motivi inventati dagli psicologi ( paure varie), questa scoperta e differenzazione si chiama prendere consapevolezza.
Il che significa che tu scopri che esiste lo spirito che chiamerai Sé il quale considera il tuo "Io" il suo surrogato, come dici tu in modo denigratorio.
Nella storia della psicologia e filosofia i grandi pensatori fanno sempre e solo ipotesi e nessuno è in grado di provare scientificamente se non pochissimi fenomeni e in generale restano scuole di pensiero. Pensiero che valuto sempre dopo il mio, perché vissuto da me.
Tu fai nascere la consapevolezza del sé da una complicata e misteriosa subcosciente dissociazione psicologica quasi pazzia, per cui la scoperta dell'Essere è una cazzata inventata per soggiogare i popoli al potere delle classi sacerdotali e poteri aggregati; invece io tendo ad attribuire a questi poteri il merito di aver da sempre sfruttato quello che negli uomini anche primitivi è una scoperta esistenziale trasformandola in religione.
Preciso che per me spirito non significa Spirito Santo che emette un raggio di luce che pervade le nostre anime al fine di assicurare loro la salvezza eterna…
Ho già spiegato cosa intendo.

"La consapevolezza invece credo che sia il lascito di questa energia universale che a questo punto credo sia tale e quale ad un raggio di luce, raggio di luce che quindi si trova all'interno di ogni materia sia vivente che non vivente."
Volevi spiegare cosa è lo spirito?



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 8, data 20:40:08, 30/05/2022
Dammi un parere esterno se puoi Namio, perché a me sembra, tolto dove per forza di cose vado ad intuizione logica, comunque molto realistica o almeno sensata rapportata a chiunque di noi.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 9, data 21:01:50, 30/05/2022
Come funziona un circuito elettrico:

Corpo = circuito

Fascio di luce = corrente

Lampadina accesa o spenta vita/morte.

Quando è accesa, cuore/cervello=battito/io
Quando è spenta buio e nulla (materia con energia inerte/scollegata al circuito).

Tutto questo iscritto in uno spazio/corpo finito e quindi in un tempo anch'esso finito.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 10, data 21:06:59, 30/05/2022
No non hai ancora compreso la consapevolezza non è a se, il fascio di luce che da vita non dà di per sé consapevolezza, ma informazione vitale al corpo, è l'io che in seguito legge da questa informazione sempre presente nel corpo la consapevolezza di essere che comprende nel passato dell'informazione ricevuta, ma intuisce per logica stessa essere sempre presente come è in essere. Forse mi ero spiegato male io.

Immagina

Corrente/luce/informazione

Informa/impartisce (a livello cellulare o ancora più profondo) il comando al cuore di battere, il cuore (semplifico) recepisce l'informazione è quindi batte (sempre nel passato rispetto ad essa).

Al cervello l'informazione necessaria sempre presente è di essere, quindi il pensiero.

L'io la riceve tramite sistema cognitivo. La legge ed è ora quindi consapevole di essere (sempre nel passato della stessa informazione), cioè sa che fin che pensa é presente/vivo, come il cuore.

Quindi se per te essa è parte di cio di cui sei in essere consapevole, per me è diverso.
Per me questa è energia, fascio di luce vitale, la chiamo così solo perché è quello che fa in concreto nel corpo, cioè trasmette informazioni vitali sempre nel presente, altrimenti saremmo già morti, come poi succederà inesorabilmente.
Questo non vuol dire essere o che sia in essere la funzione stessa risultata, quello lo fa il corpo, per quello sono inscindibili, quindi essa non è consapevolezza, non è Battito cardiaco è ciò che poi consente al corpo di fare questo, cioè lo informa costantemente e inconsciamente delle funzioni vitali da compiere per rimanere in stato on/vivo. Tant'è che il cuore batte, ma tu non puoi fermarlotramite "consapevolezza" ma solo o per tua o non dipesa da te volontà tramite trauma, suicidio, incidente, malattia ecc… lo stesso vale per il pensiero.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 11, data 21:39:28, 30/05/2022
Ho aggiunto piccole parti all'ultimo commento che forse spiegano meglio il concetto, se vuoi rileggerle.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 12, data 21:51:14, 30/05/2022
Quindi se il tuo essere pensante non controlla nei fatti quella che tu definisci consapevolezza attiva o passiva che poi sia, anche se questo fosse spirito non ha assolutamente il tuo comprendere iscritto dentro, altrimenti potresti decidere in qualsiasi momento di smettere di pensare o fermare consapevolmente o meno che sia il cuore stesso. Morale spirito o meno quello che tu sei e comprendi oggi finisce col corpo, quando cioè il cuore o il cervello smettono di battere o pensare quindi non sono più consapevoli/informati in essere vivi. Vedi che così torna di sequenza logica proprio. È questo che voglio dire, non è tanto il come effettivo, ma la sequenza dei fatti che poi portano perfettamente a quello che poi tutti vivono indistintamente dal loro personale sentire o percepire vera o meno la questione.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 23:38:16, 30/05/2022
Ma nessuno sa se dopo la morte continueremo ad essere consapevoli della nostra individualità. Nessuno sa il contrario. Ora io so di esistere, ne sono consapevole e so di essere vivo nel mio corpo e in questo universo. Io lo so. Ma da morto non ho la più pallida idea di cosa succede (come chiunque).Devo aspettare che succeda per saperlo. l'Essere che dice "io lo so" è fuori da ogni controllo dell'IO di Jung o di Freud. É per questo che potrebbe essere al di fuori della nostra materia con regole diverse e la logica mi dice che può essere solamente quello che immaginiamo essere lo spirito. Se esistesse un collegamento tra gli spiriti di tutti gli altri esseri viventi come a volte sembra apparire, allora si potrebbe pensare a uno spirito unico dove "tornare" fuori dal nostro universo. Ma nessuno lo sa per certo. Tu hai fede che non sia così. Io ne ho il dubbio.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022 (2 quest'anno)

Recensione o commento # 13, data 18:49:49, 31/05/2022
Certo che nessuno lo sa, e sai perché nessuno lo sa e non lo potrà mai sapere?
Per lo stesso motivo per cui ti sto dicendo che quello che intendi tu per "consapevolezza" non è legato all'atto stesso di essere consciamente o sub consciamente leggibile dall'io.
Ripeto la logica non si può associare allo spirito, non presente in noi quantomeno, essendo per noi totalmente un concetto privo di reale applicabile significato, non è logica la tua, è fede nel dubbio, come hai giustamente detto, cioè speranza di salvezza (come potevo averla prima anche io, diversa nella forma, ma non nella sostanza) quindi dal mio punto di vista, inganno dell'io (per logica, questa sì, potendo invece comprendere e applicare benissimo questo stesso processo autodifensivo, relativo alla nostra psiche).

Quindi se la sequenza è che l'informazione viaggia nel presente e la lettura della stessa arriva solo nel passato di questa, vuol dire che fino a una frazione di secondo prima della morte tu hai ancora "consapevolezza" di te, ma una volta morto il corpo, l'informazione cessa immediatamente con esso, quindi si muore solo nel presente. Questo vuol dire che se prima l'informazione era presente al tuo corpo in ogni istante essendo questo in vita, arriva nel presente la morte, quindi l'informazione si blocca non essendo più in vita il corpo. Questo vuol dire che il tuo io già non può più comprendere il passato di una informazione che non circola più nel corpo (o comunque non trasmette istantaneamente più alle cellule il messaggio essendo queste appunto morte), questo vuol dire che viviamo il momento stesso della morte solo inconsciamente nel momento stesso che essa sopraggiunge (presente), ma senza possibile informazione letta di essa (passato) conscia o sub conscia che sia, essendo il sistema cognitivo già morto e con questo anche la comprensione di questa da parte dell'io (tu che comprendi e pensi).
Quindi se tu ora non puoi smettere consciamente o sub consciamente di pensare (non per più di una frazione di istante almeno, vedi l'orgasmo o l'estraniarsi da tutto (dall'io) per un brevissimo momento) o di far cessare consciamente o inconsciamente il battito cardiaco (ma solo rallentarlo attraverso tecniche di respirazione), questo vuol dire che non è la tua "consapevolezza" cosciente o sub cosciente ad essere legata e presente in quello che tu definisci il tuo vero "Essere/spirito" e io invece "fascio informativo/luce". Il che riporta alla sequenza logica in essere da me descritta, venuta non da un sentire che va al di là del corpo e della comprensione, quindi che non possiamo comprendere, ma solo percepire tramite una sorta di dubbio/fede, ma comprendendo invece, secondo una logica reale, o che quantomeno si avvicina molto a questa, in essere e divenire i processi stessi che viviamo su di noi ogni singolo momento.

Io non ho più nessuna fede, ho superato il concetto di fede, ora ho logica e serena accettazione del mio destino, so perché sono qui, so quale è lo scopo dell'umanità relativo, non a dio (che è fuori), ma all'umanità stessa che è dentro.

Tu hai pieno e giustissimo diritto ad avere fede nel dubbio, però devi renderti conto e accettare che non in o per Giancarlo Rizzo ovviamente, ma lo stesso identico ma diverso (in forma) dubbio, derivato però da una stessa identica paura, ha portato applicato al sentire dell'umanità, lo stesso identico egoismo (cercare e volere salvare se stessi) da cui sono nate poi le religioni, le massonerie, le sette mistiche, la scienza eugenetica (se si chiama così, questa non è solo un problema, ma come ogni scienza dipende poi l'applicazione della stessa)…, e sappiamo tutti a cosa poi queste hanno portato nel tempo dell'uomo.

Comunque credo che riguardo a questo argomento più a fondo di così non si possa andare, dopo sarebbero solo speculazioni senza logica, quindi finito poi il mio testo dove parlerò della "consapevolezza"/fascio informativo, riguardo a morte e coma (che ho già toccato in parte anche in questo commento) penso che chiuderò questo discorso, salvo che successive rilevanti possibili intuizioni logiche sullo stesso.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci / commenta un'opera a caso.

Nota: per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nell'elenco dei generi e scegli la tipologia desiderata.



L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
É difficile farsi capire di Giancarlo Rizzo è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(poesia narrativa, brevissimo)  di nwPaolo Muccio

descrizione: Componimento che occulta in sé l’anima di un indovinello avvolto da un’atmosfera tetra ma allo stesso tempo giocosa.

tags: #essere(30)    #indovinello(1)    #letteratura(10)    #letteratura italiana(2)    #noi(8)    #oscurita(10)    #poeti(30)    #rebus(1)    #scrittori(15)    #siamo(1)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwAlessandro Borghesi

tags: #diversita(6)    #essere(30)    #normale(3)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwAmcozza

descrizione: Poesia su: vita essere apparire

incipit: Poesia

tags: #apparire(2)    #commedia(10)    #essere(30)    #vita(306)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwAlessandro Borghesi

tags: #amore(723)    #essere(30)    #noi(8)


(altro altro, brevissimo)  di nwBrendina Bono

tags: #essere(30)    #perfetto(1)    #perfezione(5)    #urla(9)    #sorridi(1)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwSabyr L.

tags: #anima(98)    #essere(30)    #fiamma(10)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwAthosg

descrizione: Lo spazio tra noi e gli altri

tags: #essere(30)    #io(12)    #limite(1)    #privato(2)    #vulnerabile(2)


(altro altro, breve)  di nwAlexisRosesz

descrizione: Una semplice riflessione che avrei voluto sentirmi dire da chiunque fosse stato in grado di starmi vicino nei momenti peggiori e, perchè no, anche migliori. Magari chiunque vorrebbe sentirsi dire certe cose o magari neanche ci pensa.

incipit: Sogni facili, tutto e subito, corruzione e demagogia in piazza, siete vent'anni di niente! Le puttane fanno carriera, i figli di papà amano la vita, chi ha passione se la tenga per sempre. Ci pensi mai se il nostro posto è sempre stato questo?! e chi non vuole rimanere e aspettare, ci rimane lo stesso! - Le Strisce (Ci pensi mai)

tags: #amare(7)    #arcobaleno(12)    #correre(6)    #essere(30)    #felicita(40)    #giusto(2)    #goccia(3)    #liberta(57)    #pioggia(36)    #riflessione(66)


(racconto narrativa, breve)  di nwNoemi.Buiarelli

descrizione: È un racconto che descrive una situazione veramente difficile, che quasi tutti noi abbiamo passato.

incipit: Essere sensibili è difficile, soprattutto al giorno d'oggi. Le persone sensibili soffrono, le persone forti lottano. Spero che qualsiasi sensibile sia anche forte.

tags: #nero(35)    #tunnel(3)    #essere(30)

Elencate 10 relazioni su 30 -
 
10
20
30
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.235.140.84


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2022
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0.11 secondi.