pagine viste: ...
...no javascript...
phone
opzioni grafiche:
T
T
T
TT
Benvenuto, visitatore
     
Thu 26 May, 20:09:47
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Che spreco!

(aforisma filosofia, brevissimo - per tutti)
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
31 visite dal 22/04/2022, l'ultima: 2 giorni fa.
6 recensioni o commenti ricevuti
Autore di quest'opera:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)


Altre opere dell'autore

Titoli simili:
nessuno


Che spreco!
file: opera.txt
size: 95,00 Bytes
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))


Elenco Tag dell'opera:
#spreco(1)    #neuroni(1)



Recensioni: 6 di visitatori, 12 totali.
  recensisci / commenta

recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022

Recensione o commento # 1, data 10:26:57, 22/04/2022
E adesso faticosamente, dolorosamente grazie a loro, comprendi davvero però quanto è stato bello viaggiare, sentire, apprendere, lasciare, togliere, distinguere, credere…



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 14:41:02, 22/04/2022
Ma sei proprio sicuro che valga la pena vivere solo perché si provano emozioni?
E poi, dopo le emozioni restano i ricordi che non sono la stessa cosa.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022

Recensione o commento # 2, data 16:09:52, 22/04/2022
Vero, ma finché il cuore continua a battere il suo in-finito assolo, o la mente viaggia sicura (per essere poetici) ci sarà sempre qualcosa da vivere e qualcosa di nuovo da comprendere, anche solo un sussulto, magari uno slancio, un piccolo passo, la differenza è solo il tempo in cui esso avviene, non la portata. Il fisico, cede, ma se si ha come nel tuo caso la sorte di possedere un'apertura di pensiero e una cultura viva che comprendi ed espandi ancora, penso che anche solo questo faccia la differenza tra essere vivi o morti. C'è chi è già morto dentro o non è mai veramente vissuto, per sua sfortuna o suo limite, anche nel pieno della giovinezza, quindi non è solo un fatto di età. Quella che provi è solo una giustificata, logica paura egoistica, di non sapere perché in fondo hai vissuto, provato emozioni, vinto e perso occasioni, perché hai ricordi di ciò che più non sarà, se poi tutto questo andrà comunque infine perso. Ma se hai amato, hai amato per te stesso, se hai lottato hai lottato per te stesso, se hai imparato, hai imparato per te stesso. Quindi perché viviamo? Qual il senso? Il senso sei tu stesso, perché a quello che sei ora ci sono voluti ben 77 anni di gioie e sofferenze per arrivarci. Quindi non serve rimpiangere solo il passato vivendolo nei ricordi, serve invece essere fieri e soddisfatti a nostro modo, di quello che si è arrivati ad essere ora, fin quanto o dove è possibile esserlo.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 20:03:55, 22/04/2022
Belle, bellissime parole che dovrebbero consolarmi - grazie- ma il problema è che io vivo la mia vita come un prigioniero (non chiedermi perché) per cui il bello e il brutto della vita sono solo "incidenti" che accetto controvoglia perché non posso evitarli, ma che sopporto. Come ben sai non so cosa ci faccio qui dentro un corpo fatto di acqua.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022

Recensione o commento # 3, data 21:23:17, 22/04/2022
Non servivano ne avevano intenzione di consolarti, le ho scritte in risposta al tuo commento, ma possono essere rivolte a tutti in qualsiasi momento me compreso. Sono un promemoria non una consolazione. Per tornare al nostro discorso io non posso, come ben sai trovare un senso o una risposta al perché si vive perché non esiste risposta a noi comprensibile che valga per tutti, probabilmente mai avremo questa risposta, se é vero come credo che non abbiamo neppure un'anima (per quel che mi riguarda personalmente non è mai stato comunque importante in fondo saperlo o aver modo di saperlo). Noi possiamo darci un senso solo per quello che ci è dato capire, ognuno singolarmente a se stesso. Quindi il mio senso la mia risposta non può essere anche la tua, solo tu puoi cercarla e trovarla, perché è parte e rappresentanza della solo e soltanto tua vita e quindi tua unica realtà, intima e personale.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 16:14:33, 23/04/2022
Sono certo che essendo io una persona come altre, anch'esse sono come me.
Sono certo che la consapevolezza di me stesso sia identica a quella che altre persone hanno di loro stesse. Siamo fatti nello stesso modo.
Leggi "Non è il vestito che fa di te il re". ciao.



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 4, data 13:08:14, 22/04/2022
Molto simpatica questa domanda che ti fai Giancarlo.
E adesso… adesso viene il bello se ti piace scrivere, perché quei ricordi li puoi usare come ingredienti per cucinare in un racconto o in un libro tutto quello che vuoi. Non vanno buttati dentro a caso però eh Smile



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 14:45:52, 22/04/2022
Sì, ho scritto la mia storia e la sto completando in alcuni dettagli. Ma la risposta che mi dai è incompleta…



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 5, data 14:56:30, 22/04/2022
Ah si? È incompleta? Perché inconpleta?



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 15:02:33, 22/04/2022
"Non vanno buttati dentro a caso però eh."
Cioè?



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 6, data 15:08:56, 22/04/2022
Perché gli ingredienti sono tanti e bisogna scwgliere e valorizzare quelli giusti a seconda del piatto che si vuole preparare



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 20:08:13, 22/04/2022
Grazie, ho capito. Ma per ora non penso di pubblicarlo.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci / commenta un'opera a caso.

Nota: per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nell'elenco dei generi e scegli la tipologia desiderata.



L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Che spreco! di Giancarlo Rizzo è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera
Elencate 1 relazioni su 1 -

Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 18.205.176.39


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2022
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0.25 secondi.