pagine viste: ...
...no javascript...
phone
opzioni grafiche:
T
T
T
TT
Benvenuto, visitatore
     
Fri 19 April, 23:46:21
logo

bookmark Metti nei segnalibri

qr code

I propri confini

(aforisma filosofia, brevissimo - per tutti)
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
33 visite dal 15/05/2022, l'ultima: 2 settimane fa.
7 recensioni o commenti ricevuti
Autore di quest'opera:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ donatore 2023 (3 dal 2021)









Descrizione: da definire...

Incipit: Cercare risposte allarga i propri confini. Se non hai domande, accetti le risposte che già ci sono.


I propri confini
file: opera.txt
size: 103,00 Bytes
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))


Elenco Tag dell'opera:
#ampliare(1)    #confini(4)    #cercare(3)



Recensioni: 7 di visitatori, 10 totali.
  recensisci / commenta

recensore:

user deleted
Recensione o commento # 1, data 08:43:57, 15/05/2022
Vero, ma esiste anche un limite oltre il quale comprendiamo che le domande non possono avere risposte.

su tutto il resto pienamente d'accordo.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ donatore 2023 (3 dal 2021)

risposta dell'autore, data 09:13:12, 15/05/2022
Lo so che sei convinto di questo. Mi spiace per te.



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 2, data 20:51:03, 15/05/2022
Aspettiamo la risposta da 250.000 anni, aspettiamo ancora se questo ti fa sperare in qualcosa di dovuto in qualche modo. La speranza però è molto vicina all'illusione, al nostro bisogno di sentirci sicuri di una qualche via di uscita. Ma logicamente lo sai anche tu che non è così che stanno le cose, posso sbagliarmi? Certo, abbiamo le stesse possibilità di aver torto o ragione o entrambi torto e ragione all'unisono, senza però forse nessuna possibilità di poterlo dimostrare una volta finita la nostra realtà, quindi alla fine è solo una domanda e una risposta che puoi dare solo a te stesso. Non dispiacerti per questo, non c'è ne bisogno, io questo l'ho sempre accettato dentro di me. Mi sono già posto la domanda, senza per questo poter comprendere la risposta, quindi vuol dire che io non ho una risposta, se la mia morte è solo mia, se io muoio da solo, non ho niente da lasciare, niente da riferire, niente che deve tornare indietro, io sono solo quello che sono ora, e questo ha già perfettamente senso avendo appunto COMPRESO questo.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ donatore 2023 (3 dal 2021)

risposta dell'autore, data 21:16:05, 15/05/2022
Avessi una figlia non le direi che non ha speranze; potrebbe chiederti perchè l'hai messa al mondo.



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 3, data 22:19:14, 15/05/2022
L'ho messa al mondo perché è lei il mio lascito in questo mondo, come i suoi figli saranno i suoi, come tu a tua volta lo sei di tua madre e di tuo padre. L'ho fatto perché lei a sua volta comprendendo se stessa comprenderà forse più di quello che ho compreso io, diversamente da me e in piena libertà del suo diverso sentire, quindi è egoismo questo? Certo che si, siamo tutti figli e padri di egoismo, lo tramandiamo tutti a nostro modo e misura, se non direttamente indirettamente, ma mia figlia poi dovrà trovare il suo senso e il suo perché diverso dal mio, non deve continuare il mio percorso deve avere e trovare il suo. Quindi è al mondo per egoismo di un mio e di mia moglie lascito? Si. Per il continuo della specie? Si. Per amore che entrambi abbiamo della vita e quindi creazione di questa stessa poi riposta in lei? Si.

Perché credo che lei possa trovare la risposta che io non ho come tu non hai, come lei non avrà? No.

Per comprendere, o per avere invece un pezzo suo personale in più o per l'umano progredire in comprensione, di questa stessa comprensione che ci porta avanti? Si.

Ma se fossi vissuto in un ambiente diverso, se fossi vissuto sapendo di darle in eredità un ambiente che non le avrebbe permesso poi nemmeno la stessa libertà che ho avuto io, anche se assolutamente fittizzia, l'avremmo cercata e voluta una figlia? No.



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 4, data 22:54:53, 15/05/2022
Tu forse ancora non hai compreso che io, a mio modo e sentire, ho già però risposto a me stesso a questa domanda, senza avere o bisogno di avere per questo, una vera o tangibile per tutti risposta. Il mio senso è comprendere me stesso punto, non c'è altro, non ho bisogno ne cerco altro. Non ho bisogno di questa risposta che tu cerchi per stare bene e dare un senso compiuto a me stesso con me stesso, che non sia già questa stessa comprensione, non ho bisogno di speranze future e nemmeno più di una fede per trovare questo senso. Per questo se mi chiedi : hai speranza nella ricerca di una comprensione tangibile e quindi reale e non intuitiva di tutto questo?, la mia risposta è no. Ma se tu mi chiedi se visto che non ho nessuna speranza, allora dato questo, sei contento di essere al mondo?, la mia risposta è assolutamente si. Se mi chiedessi quindi : Lo rivorresti sapendo già di non avere poi nessuna speranza? Assolutamente Si.

Perché?

Perché proprio comprendendo tutto questo e accettando per questo anche la mia morte, amo ancora più profondamente la mia vita.



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 5, data 05:13:02, 16/05/2022
Questo è un gran bel brano di umanità.
I figli sono frutti d'amore, l' amore se ne f… e di tutto il sistema solare e crea figli, opere, vita.Questa è la vita e la vita crea e basta, scorre, cambia, non si ferma mai.
A parte il fatto che un bambino o una bambina potrebbe poi diventare una persona capace perfino di migliorare il mondo come già hanno fatto altre nella storia.Ma anche se non diventasse ciò, sarebbe comunque un nuovo, unico essere umano.
Uno dei detti che io non condivido è questo:"nessuno è indispensabile su questa terra", detto che io trovo quasi minaccioso perchè, in pratica, dice:"tu puoi anche morire tanto non sei indispensabile"
La terra, pianeta della morte e dei morti, anticamera dell' inferno e responsabile di milioni di nequizie giornaliere e notturne di ogni genere, dovrebbe dire LEI STESSA:"non sono indispensabile io per l' universo ma i miei figli lo sono per me!"



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ donatore 2023 (3 dal 2021)

risposta dell'autore, data 07:52:00, 16/05/2022
Concordo con il commento di Bravoautore:"un gran bel brano di umanità" ma:
Ti ripropongo un aforisma che ho pubblicato circa 5 mesi fa:
"Siete sicuri che valga la pena vivere solo perché si provano Emozioni?" (perché in fondo, di questo si tratta) La tua risposta è SI.
Nuova domanda: "Anche se non c'è altro?" La tua risposta è SI, mi accontento di vivere.
Sarà sicuramente perché mi sono sempre sentito prigioniero che mi spinge a cercare strade per evadere e cercare la Libertà. Non sono riuscito ma è un mio diritto continuare a cercare. É per questo mio punto di vista che non comprendo come altri si possano accontentare.
Ti provocherò sul tema libertà.



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 6, data 10:58:30, 16/05/2022
Forse non mi sono spiegato, tu lo vedi un accontentarsi io no. Mi sento a mio modo prigioniero del mio corpo del mio essere? Certo che SI, esattamente come te. Possiano avere una via d'uscita in questa realtà (dopo la nostra morte), cioè un qualsiasi continuo di questo io? Non ne ho la certezza assoluta, ma secondo me NO. E in ogni caso anche se fosse non possiamo condividerlo coi vivi altrimenti già lo sapremmo. Quindi che altre strade ci sono? Se noi non sappiamo nulla le strade sono due,
1 non c'è nulla alla fine di questa realtà
2 quello che c'è non fa parte di questa realtà.

Questo significa che se ci fosse qualcosa dopo la nostra morte che mantenesse il nostro io legato comunque a questa nostra realtà noi lo sapremmo avendo, generazioni su generazioni dietro di noi, quindi se ci fosse questa anima o spirito e se noi a nostra volta lo avessimo dentro, come mai nessun contatto?

Questo mi porta per logica a credere come penso che non abbiamo affatto anima e spirito in noi, ma solo materia, ora cosciente e dopo incosciente come il resto della materia di cui è formato l'universo e questa stessa realtà. Quindi Dio/Tutto può essere solo fuori di esso. Quindi il nostro io finisce con la nostra personale realtà (la morte). La realtà stessa invece che ci ingloba anche da morti finirà con la fine dell'universo stesso. Poi? E che ne so? Ma a sto punto visto che Io, non ho più un Io, ma sono solo materia o energia incosciente, cosa mi cambierebbe saperlo? NULLA.



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 7, data 11:09:57, 16/05/2022
Quindi per me la libertà è la mia morte stessa, la libertà di non essere più Io. Non mi interessa se lascio tutto questo mio comprendere o sapere nella fine stessa del mio Io, mi sento già a posto così. Non voglio (non desidero) nient'altro dopo. Perché se ci fosse altro, allora si che vivere non avrebbe poi nessun senso. Se invece come credo non ci sarà altro, allora visto che ho solo questa vita, nonostante ogni possibile sofferenza o dramma sono comunque felice di averla avuta e avervi compreso dentro di essa il motivo del mio stesso essere cioè comprendere me stesso, dando così oltre che a me stesso anche motivo di esistere a questo universo che ci ingloba, potendo noi tramite la nostra comprensione, comprendere e dare un senso quindi, anche solo nell'osservazione e consapevolezza della sua esistenza (proprio come la nostra individuale e di specie) senso di essere anche a tutto ciò che ci circonda.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci / commenta un'opera a caso.

Nota: per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nell'elenco dei generi e scegli la tipologia desiderata.



L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
I propri confini di Giancarlo Rizzo è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(poesia narrativa, brevissimo)  di nwArturo Bandini
Descrizione: da definire...
incipit: Rimanevo di guardia sul confine con gli occhi aperti le orecchie tese e i recettori attivi. Attento ad…

tags: #male(16)    #sentinella(1)    #confine(4)


(racconto fantascienza, breve)  di nwVihio
Descrizione: Il mostro è talmente vorace da rappresentare una autentica nemesi cosmica.
incipit: Cronache della stazione astronomica: luogo ventoso, peculiare posizione livello calante. Fase oscura mordace intartarito cinque freddo tre dell'era grande media, data asprigno fresco due. Il telescopio rileva anomalia sul pianeta attiguo stucchevole cinque.

tags: #attesa(19)    #confine(4)    #cronaca(3)    #esterno(1)    #nemesi(3)    #osservazione(1)    #rinascita(30)    #spazio(43)    #mostro(33)


(poesia altro, brevissimo)  di nwDavide Baldini
Descrizione: da definire...
incipit: Ho visto paesi e città la bellezza dei luoghi la cordialità della gente. Mi sono inebriato con quegli…

tags: #terra(51)    #confini(4)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwAngela Mori Angelika
Descrizione: da definire...
incipit: Ti cerco e non ti trovo ed ogni cosa parla di te e come me aspetta che torni.

tags: #abbandono(18)    #amore(792)    #cercare(3)    #malinconia(47)    #mistero(71)    #solitudine(90)    #stagioni(18)    #tristezza(53)    #trovare(1)


(poesia altro, brevissimo)  di nwGiuseppe Mauro Maschiella
Descrizione: Breve poesia d'amore.
incipit: E se un giorno tu mi chiedessi di venirti a cercare ti cercherei tra le stelle che si riflettono nel mare sfiderei il tempo e poi senza farmi sconfiggere batterei il destino per non vederti mai piangere.

tags: #cercare(3)    #mare(189)    #amore(792)

Elencate 6 relazioni su 6 -

Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!



php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3

Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.233.242.67


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione



map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

Opere generate da/con Intelligenza Artificiale Generativa

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2024
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0.36 secondi.




Dedicato a tutti coloro che hanno scoperto di avere un cervello,
che hanno capito che non serve solo a riempire il cranio e che
patiscono quell'arrogante formicolio che dalle loro budella
striscia implacabile fino a detonare dalle loro mani.

A voi, astanti ed esteti dell'arte.

(Sam L. Basie)




Special thanks to all the friends of BraviAutori who have
contributed to our growth with their suggestions and ideas.