pagine viste: ...
...no javascript...
phone
opzioni grafiche:
T
T
T
TT
Benvenuto, visitatore
     
Tue 31 January, 01:35:20
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Ma cosa vuoi di più dalla vita?

(altro filosofia, brevissimo - per tutti)
20 visite dal 08/11/2022, l'ultima: 2 mesi fa.
3 recensioni o commenti ricevuti
Autore di quest'opera:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)


Altre opere dell'autore

Titoli simili:


Ma cosa vuoi di più dalla vita?
file: opera.txt
size: 1,50 KB
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))


Elenco Tag dell'opera:
#efficienza(1)    #neuroni(3)    #selezione(1)    #evoluzione(8)



Recensioni: 3 di visitatori, 4 totali.
  recensisci / commenta

recensore:

Recensione o commento # 1, data 16:51:41, 08/11/2022
Un Lucano! Per citare una vecchia pubblicità.

Ci sei vicino, ma ancora non hai afferrato veramente il concetto. Come dicevo sul mio testo, non è la mia singola comprensione che mi ha portato a questa conclusione, ma il riconoscimento oggettivo della e sulla realtà stessa per come essa oggettivamente e non solo soggettivamente ci si palesa essere, la stessa che vivi tu come chiunque altro. Tu ragioni ancora in termini di io, o di sé, inteso come proprietà, e del corpo come una locazione o mezzo in cui si esprime questa proprietà "io so di esistere". Invece è il corpo che sa di esistere, e si esprime tramite questa sua comprensione di sé, io quindi non sono io inteso come soggetto a sé, diviso dal corpo. L'io è quindi solo una proforma, ma usata comunemente e poi percettibilmente travisata per i motivi che più volte ho cercato di spiegare, per decretare il proprio essere e sentirsi consci, ma divisi se così inteso nel e dal proprio corpo. Ma comprendendo realmente il mio ragionamento si arriva alla conclusione che l'io non è più, e non è mai stato in realtà, il nostro personale sentire, se inteso come una dualità interna vissuta verso e dentro il corpo come erroneamente si avverte, ma è voce del corpo stesso, di ogni sua singola cellula o raggruppamento cellulare che lo compone e lo definisce come tale. L'io perciò è il sunto di tutto questo, è la percezione conscia del tempo e dello spazio di movimento della e sulla propria individualità, cioè il movimento espresso sulla possibilità di scelta (per farla semplice e senza stare ad aprire i discorsi sulla relatività del libero arbitrio), pensiero e azione definita e compresa consciamente, tramite questo suo riconoscimento che il corpo poi applica ed usa per esprimere sé stesso, oppure in relazione e interazione ad altre individualità come lui, esternamente ed internamente del tutto simili, condividendo lo stesso scopo, ma ognuna profondamente ed emozionalmente diversa, percependo quindi in loro un diverso senso o continua ricerca di questo, decretato e in relazione ai diversi gradi di comprensione sulla propria individualità. Per comprendere meglio, non sei tu che dici "io sono, o io esisto nel mio corpo", ma è il corpo che dice " bene, questo sono io" Ma principalmente come dicevo a Colours, cosa che tu puoi comprendere benissimo, si adopera costantemente per mantenere un ottimale livello di mantenimento di sé, cioè rimanere in vita il più a lungo possibile adoperandosi per questo su un livello di percezione attuativa di e su di sé, inconscio, sub-conscio e infine conscio.

Sembra un mancato o limitato, confuso riconoscimento di o su sé stessi vero? In realtà invece è tutto il contrario, è l'ultimo passo da ridefinire e accettare per un reale ricongiungimento e poi riconoscimento ad un livello finalmente conscio su ciò che si è.

Cioè per mettere fine personalmente all'inganno dell'io, travisamento che il corpo stesso per mantenere il suo determinato scopo, ci impone categoricamente di percepire almeno inizialmente come tale, oppure perdurare anche per tutta la vita, dato che non è essenziale un suo disvelamento, se non per una reale ed effettiva comprensione su ciò che si è.

Direi che filosoficamente questo porta notevoli conseguenze nell'approcciare questi determinati argomenti.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 20:05:32, 08/11/2022
Non ho mai avuto il dubbio che il corpo non fosse una entità diversa dall'io. Naturalmente, per ragioni culturali, anche io ho sempre indicato me stesso come entità pensante diversa dal mio corpo.
Attenzione: è facilissimo fare confusione! Ma anche io sono d'accordo che non esiste l'Io senza il corpo. Non esiste un Uomo cosciente se il suo io non è integro. Che il corpo abbia prodotto la mente e quindi l'Io come effetto del riconoscimento della sua individualità, non si discute.
È successo anche in alcuni animali evoluti.
Quindi la tua dissertazione è perfetta, a mio parere. Il corpo umano, frutto dell'evoluzione millenaria ha creato la mente e questa, la coscienza di essere un individuo. Non c'è nessun inganno;
Forse un po' di confusione, quella di immaginare la propria personalità, soprattutto a causa dei sentimenti, come qualcosa di indipendente dal corpo. Come quando l'amore diventa persona che piega la volontà dell'io ai suoi capricci. Confusione. L'amore non è un dio come istintivamente pensavano i pagani.
Ma si tratta di capire che l'io è una funzione del corpo che agisce attraverso la mente per rappresentare se stesso nel rapporto con il resto del mondo e soprattutto degli altri.
Come fanno gli animali. Come fa una qualsiasi cellula. Come fa un qualsiasi essere VIVENTE.
La differenza è il grado di evoluzione.
E allora la discussione su cos'è?
Quando l'io sa di essere è ancora un animale. È cosciente.
Quando l'Io sa di sapere di essere, quando sa di essere cosciente è uomo consapevole.
Questo è il salto, il vero inganno dell'io, come dici tu.
A questo punto si tratta di fede, di convinzione: non c'è nulla che appoggi l'una o l'altra scelta.
Tu dici che per motivi diversi ( non mi dilungo) che l'io si autoinganna.
Io dico che l'io arriva a scoprire ( intuizione) di essere arrivato a un limite fisico oltre il quale c'è dell'altro. Siccome entrambi abbiamo solo lo stesso tipo di cervello entrambi abbiamo solo un tipo di realtà su cui basare i nostri ragionamenti. E siccome nulla ci dimostra l'esistenza di "altro" la stessa logica darebbe per vincitore la negazione dello spirito.
Banale, se non ci fosse una funzione (creata, sì dal cervello) ma che oltrepassa la logica: l'intuizione. Dire che questa funzione non è valida perché è creata dal corpo, è come dire che il Big beng non esiste perché è stato ipotizzato dalla mente del corpo. È come dire che l'immaginazione non può anticipare le scoperte, che la matematica è un inganno dell'io.
Lo spirito non è dentro la nostra realtà. È la nostra realtà finita che è dentro lo spirito infinito.
Puoi aprire i forum se vuoi…



recensore:

Recensione o commento # 2, data 17:12:46, 11/11/2022
Se il giorno fosse composto da 40 ore passerei le ulteriori 16 a leggere le vostre "diatribe" filosofiche (diciamo anche più semplicemente dibattiti). Purtroppo il tempo è veramente e sempre di più un tiranno inflessibile.
Non so chi l'aveva detto ma un proverbio diceva "La verità è un vizio dei bambini e dei matti".
E mi pare che questo "Tizio" non fosse più un bambino, pertanto il cerchio si restringe caro Giancarlo



recensore:

Recensione o commento # 3, data 17:21:06, 11/11/2022
Se riesci a rubarti un po' più di tempo il discorso continua più approfonditamente sul forum.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci / commenta un'opera a caso.

Nota: per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nell'elenco dei generi e scegli la tipologia desiderata.



L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Ma cosa vuoi di più dalla vita? di Giancarlo Rizzo è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(aforisma filosofia, brevissimo)  di nwGiancarlo Rizzo

tags: #spreco(1)    #neuroni(3)


(aforisma filosofia, brevissimo)  di nwGiancarlo Rizzo

descrizione: La logica si basa sulla natura umana, sul modo di connettere dei neuroni che non vedono altro o non possono vedere altro.

tags: #logica(1)    #neuroni(3)


(racconto narrativa, breve)  di nwMarino Maiorino

descrizione: Fantascienza, alieni, progressismo, civiltà, evoluzione, sopravvivenza, umanità

incipit: L'attenzione di Glocqvast fu distratta dal suono fastidioso della porta: qualcuno annunciava la sua presenza, ma l'intendente non aspettava alcuna visita.

tags: #alieni(56)    #civilta(5)    #evoluzione(8)    #progressismo(1)    #sopravvivenza(8)    #umanita(32)


(racconto fantascienza, breve)  di nwMarco Daniele

descrizione: Racconto fantascientifico con una morale, presentato alla Gara stagionale di inverno 2018/2019.

incipit: Gli Osservatori erano la razza più progredita mai esistita, o almeno amavano pensarla così. Frutto di un'evoluzione biologica protrattasi per sei miliardi e mezzo di cicli, erano arrivati al punto da ritirarsi a vivere in una singolarità spaziotemporale subdimensionale posta nell'interstizio tra due brane cosmiche, dove non si invecchiava e non si moriva e dove, pur avendo mantenuto la propria fisicità, non avevano bisogno di nutrirsi o di bere.

tags: #alieni(56)    #evoluzione(8)    #apocalisse(18)


(altro scienza, brevissimo)  di nwArturo Bandini

tags: #etologia(1)    #imprinting(1)    #scienza(8)    #evoluzione(8)


(altro umorismo, brevissimo)  di nwMyname

descrizione: Come Darwin capì l'evoluzione delle specie

incipit: Fu in tarda primavera che il buon Darwin intuì…

tags: #beagle(1)    #darwin(1)    #evoluzione(8)    #fischi(2)    #lassi(2)    #libro(33)    #mare(177)    #specie(2)


(altro filosofia, breve)  di nwGiancarlo Rizzo

tags: #evoluzione(8)    #errore(10)


(poesia altro, brevissimo)  di nwDavide Baldini

tags: #evoluzione(8)

Elencate 10 relazioni su 10 -

Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!



php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3

Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.222.251.91


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2023
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0.14 secondi.