pagine viste: ...
...no javascript...
phone
opzioni grafiche:
T
T
T
TT
Benvenuto, visitatore
     
Fri 27 May, 18:36:38
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Dio c'è?

(aforisma altro, brevissimo - per tutti)
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
107 visite dal 07/04/2021, l'ultima: 1 mese fa.
9 recensioni o commenti ricevuti
Autore di quest'opera:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)


Altre opere dell'autore

Titoli simili:


Dio c'è?
file: opera.txt
size: 42,00 Bytes
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))


Elenco Tag dell'opera:
#dio(54)



Recensioni: 9 di visitatori, 14 totali.
  recensisci / commenta

recensore:

user deleted
Recensione o commento # 1, data 11:04:29, 07/04/2021
Forse sei Dio



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 15:59:43, 07/04/2021
Forse. Forse lo sono per il mio cane… ma non ne sono sicuro.



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 2, data 11:06:05, 07/04/2021
Questione di enorme, immensa portata. Se non c'è dio, perché ci sono io?
Potrei però dire: "Se c'è dio è perché ci sono io". In altre parole: posso credere che dio abbia creato l'uomo. Posso, al contrario, credere che l'uomo abbia creato dio. Che è quanto la storia ci insegna. Nelle forme più diverse, sbocciate non appena l'uomo ha preso coscienza di se stesso, e si è visto circondato dalla natura e dai suoi fenomeni, l'uomo ha saputo esprimere un desiderio insopprimibile di sapere. Desiderio che ha espresso nelle forme e attraverso i codici di cui disponeva e di cui era capace. Sono nate così le diverse cosmogonie che hanno implicato la creazione di un essere supremo creatore del mondo e da esso distinto. La varietà delle forme e delle modalità cosmogoniche è grande. Ma è da lì che si originano le religioni, comprese le grandi religioni monoteiste. Dunque, mi chiedo: Dio c'è? Rispondo: Se c'è, è perché ci sono io.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 17:02:58, 07/04/2021
La Domanda è : "Se non c'è Dio, perché ci sono io ?"

Facciamo così: "Se c'è Dio, è perché ci sono io?"
In questo modo la domanda persiste ed è quello che mi interessa: avere risposte diverse su cui meditare.
Tu dici (risposta): "Se c'è Dio, è perché ci sono io".
Ovvero "Dio, l'ho creato io". La tua ipotesi non fa una piega.

Grb2016 me ne ha già data un'altra, come risposta alla mia domanda così interpretata: "se ci sono già io, perché c'è anche Dio?" come dire: "forse perché sei tu, Dio".

Ma so che c'è chi dice che Dio c'è anche se io non ci sono; dunque la domanda in quel caso resta : "perché ci sono io?"



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 3, data 21:48:26, 07/04/2021
Se dio esce di scena, il focus del discorso si sposta sul perché ci sono io. Da intendersi: come faccio a esserci io? In tal modo cambia radicalmente l'ambito entro cui ci stiamo muovendo. Chi mi ci ha messo su questo granello di piccolezza infinitesimale che chiamiamo Terra? Questa è tutta un'altra storia…



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 22:51:37, 07/04/2021
Chi mi ci ha messo su… Che differenza fa dire "cosa mi ci ha messo su… " ?
Chi o Cosa non ha importanza: è così. IO ci sono. La domanda, come dici tu, è Perché?
Perché ho bisogno di Dio (se c'è) o di crearlo (se non c'è)?
Cara Loredana, tu hai già risposto. Hai escluso la fede in un dio dicendo che non esiste senza noi; ma allora "se non c'è Dio, perché ci sono io?"
è vero : è tutta un'altra storia e io sono noioso. perdonami.



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 4, data 23:10:25, 07/04/2021
Non sei noioso! Aggiungo ancora un'osservazione: dici benissimo, io ho già risposto alla domanda, anche se solo implicitamente. Anche tu però hai già risposto. Infatti la domanda "se dio non c'è, perché ci sono IO?" significa: Se io ci sono, e ci sono - su questo siamo tutti d'accordo - dio non può non esserci. Grazie del confronto!



recensore:
avatar di Ida Dainese
nwIda Dainese
$ sostenitore 2021 (12 dal 2015)

Recensione o commento # 5, data 00:00:00, 10/04/2021
In fondo è solo una domanda, breve, semplice, ma racchiude in sé tutti i desideri e la voglia di sapere dell'umanità fin dal tempo più antico. Penso che ci si possa meditare sopra all'infinito, senza trovarci una risposta che la soddisfi in pieno, e in questo modo la domanda di partenza richiamerebbe anche tutta l'intelligenza e la conoscenza umana che si arrovellano sull'esistenza del chi e del cosa. In effetti hai scatenato un godibile putiferio nei commenti che mi precedono e che ho letto con grande interesse e piacere.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 15:25:13, 10/04/2021
Il piacere è tutto mio!
Io NON POSSO credere e dunque mediterò all'infinito, come dici tu.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022

Recensione o commento # 6, data 22:16:25, 18/02/2022
Come sai Giancarlo, dopo i nostri appassionati, innumerevoli commenti e dibattiti, io ancora rimango sulla mia idea a riguardo. Per come la vedo io, la risposta a questa domanda non l'avremo mai in questa vita, ("al perché ci sono io") quindi in entrambi i casi, cioè che si creda o meno in Dio (se si credesse in Dio possedere questa risposta da vivi equivarrebbe in pratica a mettersi sullo stesso piano di Dio, comprendere quindi tramite la nostra ragione o sentire, la ragione e il sentire dietro i piani di Dio stesso, essere quindi onnicoscenti e onniscenti), una volta terminata questa vita non servirà più avere o cercare una risposta dal momento che non servirà più porsi nessuna domanda. Quindi a rigore della stessa logica più che cercare una risposta io cercherei di capire (da vivo) il perché continuare a pormi questa domanda. Perché l'uomo non riesce ad accettare il limite ultimo della sua ragione, del suo Io e quindi del suo stesso essere? A mio modo ho già risposto, affrontato e discusso questo argomento insieme a Giancarlo molte volte (rimasto giustamente di opinione differente) nelle opere e commenti che dicevo all'inizio, quindi per non ripetermi troppo e spiegare fin da subito qual'è il mio parere specifico a riguardo, sarebbe interessante in caso prima ascoltare e riflettere anche su altri punti di vista se appassiona l'argomento.



recensore:
avatar di Namio Intile
nwNamio Intile
$ sostenitore 2022 (5 dal 2019)

Recensione o commento # 7, data 17:18:38, 16/03/2022
La Stagione del Dragone-Mon Amour#2 Quindi la ragione del tuo Essere nel Mondo dipende da un Ente esterno al Mondo di cui nessuno ragionevolmente può dire nulla di certo. E se invece il nostro Esser-ci non dipendesse da un Ente (Entità) estranea al Mondo? Se il nostro Esser-ci trovasse le sue radici nella Cura? Non ho risposte, solo domande. Ti riporto una favola di un astronomo del I secolo, un tal Hyginus, dal titolo La Cura. La «Cura», mentre stava attraversando un fiume, scorse del fango cretoso; pensierosa, ne raccolse un po' e incominciò a dargli forma. Mentre è intenta a stabilire che cosa avesse fatto, interviene Giove. La «Cura» lo prega di infondere lo spirito a quello che aveva formato. Giove acconsente volentieri. Ma quando la «Cura» pretese di imporre il suo nome a ciò che ave- va formato, Giove glielo proibì e pretendeva che fosse imposto il proprio. Mentre la «Cura» e Giove disputavano sul nome, intervenne anche la Terra, reclamando che a ciò che era stato formato fosse imposto il proprio nome, perché gli aveva dato una parte del proprio corpo. I disputanti elessero Saturno a giudice. Il quale comunicò loro la seguente equa decisione: «Tu, Giove, poiché hai dato lo spirito, alla morte riceverai lo spirito; tu, Terra, poiché hai dato il corpo, riceverai il corpo. Ma poiché fu la Cura che per prima diede forma a questo essere, fintanto che esso vivrà lo possieda la Cura. Poiché però la controversia riguarda il suo nome, si chiami homo poiché è fatto di humus (Terra). Dove Saturno è il Tempo e Giove l'equivalente di Dio. D'altra parte in greco Giove è Zeus, il quale declinato al genitivo è Diòs. E la Terra (humus) è il vecchio Homo.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 09:39:12, 28/03/2022
Vita significa "esistenza di un individuo" che ha in sé un progetto evolutivo; vita nasce da una forza preesistente alla nascita che in un certo momento utilizza la materia per organizzarla in un nuovo essere. La definirei Anima.
L'Essere (Anima) che c'è in noi, quello di cui abbiamo percepito la presenza, quello che è in grado di comprendere ciò che siamo come persone individuali, non c'è dubbio che sia all'origine dell'uomo: ciascun uomo è stato generato dall'Essere che ha in sé il progetto della sua esistenza? È questa la Cura, madre dell'Uomo?



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022

Recensione o commento # 8, data 11:45:26, 28/03/2022
Ok entro a gamba tesa, l'uomo è solo espressione di se stesso di tutto ciò che può comprendere ed esprimere. Dio, Tutto, l'Anima non ci appartiene come individui, né come umanità in toto. L'Anima, l'Essenza, Dio alberga fuori di noi, ed è una presenza di cui noi possiamo solo perciperne il tocco e averne quindi "intuizione", ma non possiamo in nessun modo, né dentro né fuori di noi avere o trovarne risposta. Noi avendo comprensione sia di noi stessi, sia di quello che ci circonda, siamo a nostro modo l'espressione incarnata di Dio, l'opera d'arte di Dio stesso, ma tutto questo solo dentro i nostri limiti umani. Noi possiamo creare dal nostro stesso pensiero o farlo rimanere tale, possiamo percepire e comandare la nostra stessa materia e quella che ci circonda quasi completamente. Quindi noi siamo semplicemente espressione dell'Anima e di questo Tutto dove, come tutto il resto del creato, ne siamo immersi, circondati, ma noi soli però ne abbiamo anche intuizione. L'errore è cercare risposte a cui non possiamo accedere, essendo come detto Tutto o l'Anima non dentro di noi, ma fuori dal nostro comprendere, capire, esprimere. Quindi dopo aver cercato in ogni modo di avere o trovare risposte dentro di noi, possiamo solo accettare serenamente questo dato di fatto, dobbiamo andare oltre la nostra stessa sete di sapere, quindi in qualche modo contro la nostra stessa natura, ma solo accettando i nostri limiti, potremmo trovare poi serenità nel scoprire ed evolvere la nostra stessa grandezza in quello che ci è invece dato possibile fare e a cui possiamo invece trovare e dare risposta, capire, esprimere. Basterebbe concentrarci su questo, invece di volerci spingere dove sappiamo già di non potere arrivare. In 250.000 anni di storia non siamo mai stati capaci di accettare questo semplice dato di fatto. Questo perché lo si vive e percepisce sempre come la nostra condanna, come un' ingiustizia, ma non lo è. È solo il nostro innato e sconfinato egoismo che ci porta a credere e pensare questo.
Anche se sapessimo cosa cambierebbe, sappiamo per certo che moriremo, che questo corpo e tutto il nostro stesso conoscere e comprendere in quello che è stata la vita di ognuno, un giorno cesserà di essere. Quindi cosa cambierebbe in fondo sapere, cambierebbe che se avessimo prova e quindi non solo intuizione, sia che sia, di ritornare cioè a essere questo Tutto quindi essere già risposta o semplicemente cessare di essere in niente, accetteremmo questo inesorabile dato di fatto con meno paura e più sicurezza e pienamente consci quindi del nostro stesso limite, cioè la nostra morte, il nostro destino. Tradotto è solo sapendo che il nostro io lo accetterebbe per quello che è. Questo è solo egoismo dettato dall'insicurezza e dalla paura. Quando nasciamo abbiamo perfettamente senso di essere senza conoscere o sapere niente, solo quello che percepiamo. Siamo già la risposta a noi stessi della nostra esistenza. Quello che cambia crescendo è che sviluppiamo l'io che ci porta a chiedercene poi il senso, ma il senso è sempre lo stesso di prima, lo stesso che non avevamo nessun bisogno di conoscere o comprendere. Se smettessimo solo per una volta di essere e crederci solo noi capaci e per questo obbligati a doverci dare una risposta, capiremmo che tutto ha perfettamente senso così come già è, senza bisogno né del nostro giudizio, né della nostra comprensione.



recensore:
avatar di Namio Intile
nwNamio Intile
$ sostenitore 2022 (5 dal 2019)

Recensione o commento # 9, data 18:52:20, 02/04/2022
La Cura è il prendersi cura. Dio qualcuno di voi l'ha mai visto o sentito? Però tutti noi abbiamo esperienza della vita e di come prendersi cura accresca, stimoli, protegga, la vita. Ma non solo ciò che è vivo, ma ciò che sta al mondo in quanto esiste.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci / commenta un'opera a caso.

Nota: per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nell'elenco dei generi e scegli la tipologia desiderata.



L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Dio c'è? di Giancarlo Rizzo è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(pittura altro)  di nwDalila

tags: #dio(54)    #volto(66)    #sacro(7)


(pittura altro)  di nwDalila

tags: #colomba(5)    #gesù(14)    #passione(70)    #sacro(7)    #spirito(20)    #volto(66)    #dio(54)


(racconto religione, lunghissimo)  di nwForlani Roberta

descrizione: Sono Roberta, mamma di un ragazzino gravemente disabile, protagonista del libro. La storia che lo riguarda tratta della sua malattia sconosciuta e del nostro quotidiano sofferto e tribolato accanto a lui, ma anche di una fede riscoperta e rinnovata.

tags: #amica(79)    #bambino(94)    #dio(54)    #don orione(1)    #fede(16)    #madonna(10)    #ospedale(21)    #preghiera(11)    #speranza(111)    #suore(4)


(racconto religione, brevissimo)  di nwAlida

descrizione: Che cos'è l'anima? Da dove vengo? Perchè sono nato? Grandi domande, piccole risposte...

incipit: Mamma, mamma, rispondi a un mio perché, l'anima, che cos'è?

tags: #bambino(94)    #mamma(24)    #dio(54)


(racconto narrativa, brevissimo)  di nwMassimo Baglione

descrizione: (tratto da "Un attimo di riflessione", un quaderno scritto negli anni '90).

incipit: L'aria è fresca, la gente mormora e i fiori non ci sono. Il sole bacia la strada dove i passi non vedono. Il bebè urla eccitato al mondo che l'aspetta.

tags: #dio(54)    #fresco(2)    #gatto(33)    #preghiera(11)    #speranza(111)    #umanità(25)    #aria(11)    #cane(34)


(racconto favola, breve)  di nwAlessandro Napolitano

descrizione: La storia di Musa ha vinto GARA 23. Il disegno è di Chiara, mia figlia.

incipit: C'era una volta, in un tempo lontano da questo, una bambina dai capelli splendenti come il cielo d'estate e dagli occhi argentati come i riflessi dei ghiacciai invernali. Per tutti, il suo nome era Musa.

tags: #bambina(94)    #bambino(94)    #dio(54)    #fiaba(16)    #mare(167)    #musa(5)    #note(4)    #speciale(3)    #bambini(94)


(racconto fantasy, breve)  di nwVihio

descrizione: Il campione è giunto sotto l’obelisco, nel compimento della missione capitale.

incipit: – La cima! Ombre che accompagnate il mio cammino, ammirate la mia forza poderosa! Sono stato io l’uomo capace di giungere sino a qui. Nessuno s'è mai spinto tanto avanti, vero? Ora dovrò issarmi sull'obelisco interdetto al genere umano. E' oltremodo elevato, un numero spropositato di braccia, anche duecento dozzine o oltre, ed è levigato come ossidiana. Sarà l'ultima prova prima dello scontro, ombre tutrici?

tags: #angeli(28)    #demoni(19)    #dio(54)    #mastodonti(2)    #missione(5)    #obelisco(1)    #ombre(30)    #serpente(5)    #campione(2)


(racconto teatro, medio)  di nwMaestrairrequieta

descrizione: In Paradiso si discute sull'eventuale discesa di Gesù sulla Terra. Il Padre è abbastanza titubante perché conosce già le conseguenze di tale scelta ma un imprevisto grave: una scena di pedofilia, avvistata dagli angeli fa prendere la decisione giusta…

tags: #angeli(28)    #dio(54)    #gesù(14)    #madonna(10)    #natale(66)    #paradiso(19)    #computer(17)


(pittura altro)  di nwSimonePasini

descrizione: 40 x 50 cm Acrilico su cartone

tags: #dio(54)    #misericordia(4)    #arte(63)    #sacro cuore(1)    #gesù(14)

Elencate 10 relazioni su 54 -
 
10
20
 ... 
60
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.235.176.80


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2022
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0.15 secondi.