pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Sun 20 June, 09:13:03
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Io ci sono

(aforisma filosofia, brevissimo - per tutti)
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
58 visite dal 10/04/2021, l'ultima: 4 giorni fa.
3 recensioni o commenti ricevuti

Autore di quest'opera:


Titoli simili:

Io ci sono
voce
file: opera.txt
size: 293,00 Bytes
Tempo di lettura: meno di 1 minuto



Elenco Tag dell'opera:
#spazio(38)    #tempo(74)    #consapevolezza(19)


Recensioni: 3 di visitatori, 6 totali.
recensisci/commenta

recensore:

risposta dell'autore, data 11/04/2021
Il passato e il futuro sono solo elaborazioni culturali legate alla memoria e alla fantasia.
Nel momento stesso in cui io penso di esistere, il mio pensiero diventa passato: tutto quello che vivo è già passato e non vedo ancora quello che sta per diventare presente dal futuro.
Quello che conosciamo e che chiamiamo realtà fisica è nel passato. La realtà del futuro esiste già ma noi la percepiamo solo quando la nostra consapevolezza si "sposterà".
È come se la realtà esistesse come un corpo unico immutabile ed eterno.
La Terra di 45 miliardi di anni fa è sempre lì, e quella che noi pensiamo dovrebbe essere tra 45 miliardi di anni è là, dove potremmo trovarla nel nostro futuro.
È la nostra consapevolezza che si sposta lungo la linea del tempo e dello spazio.
Il trascorrere del tempo è per noi un mistero di cui non conosciamo la natura.
Il presente, l'attimo infinitesimale, è filosoficamente il tempo dell'eternità che è immortale e immutabile come l'Universo stesso.



recensore:

Recensione o commento # 1, data 13/04/2021
Un aforisma che apre a riflessioni complesse… La relatività del tempo è stata la tematica che ho scelto e accuratamente discusso per la mia maturità facendo riferimento proprio alla memoria e ai sogni con una dedica particolare ad una persona che purtroppo ritrovo solo nei ricordi passati e nei lietissimi sogni.Tematica vasta e complessa quella del tempo discussa dalle scienze fisiche/matematiche e filosofiche. Esiste un tempo oggettivo nel quale ci realizziamo o esiste un tempo relativo per ciascuno? Pensiamo alle dottrine sulla relatività di Einstein, il quale rivoluziona i concetti di spazio e tempo, per qui quest'ultimo non esiste in modo assoluto come per la fisica classica, ma è relativo al moto e può essere da esso "deformato". Ancora facciamo riferimento alla filosofia di Bergson secondo il quale "il tempo è un flusso ininterrotto di stati di coscienza". Pensiamo all'arte, agli orologi molli di Salvadot Dalì che esprimono la concreta possibilità di un tempo relativo e non oggettivo. Mi viene alla memoria una citazione del filosofo Sant'Agostino che racchiude il senso forse più autentico del tempo: "In te anime meus tempora metior" (In te anima mia misuro il tempo).
Lei dice: "è la nostra consapevolezza che si sposta lungo la linea del tempo e dello spazio" anche lei crede quindi che sebbene ognuno di noi si realizzi in un orizzonte temporale, il tempo, e la sua "misurazione" siano del tutto relativi al singolo?



recensore:

risposta dell'autore, data 14/04/2021
Per ognuno di noi, se ciascuno scomparisse, scomparirebbe l'Umanità intera.
Scomparirebbe l'universo, che invece continua ad esistere.
La vita di ciascuno rappresenta quindi l'unica realtà a cui riferirci.
Noi possediamo il concetto di tempo e di spazio perché ci rendiamo conto che la parte dell'esistenza passata è diversa da quella presente. E così inventiamo il tempo.
Noi percepiamo la trasformazione delle cose e l'evoluzione, come il progetto insito nel DNA, ad esempio, interpretandole secondo il concetto di tempo e di spazio.
Ma l'Universo, che tutto comprende, sia nel macro che nel micro, è immutabile.
Noi studiamo, con la scienza, come il Tutto "È" già costruito.
Siamo noi che ci muoviamo. È la nostra consapevolezza che si muove: il "quanto" è relativo; e anche il "come" interpretiamo l'universo è soggetto alla relatività individuale.
Secondo il nostro concetto di tempo, viviamo consapevolmente nel presente in attesa che diventi passato: noi vediamo solo il passato e lo definiamo Realtà.
La prova che il futuro già esiste è che in effetti poi si materializza.
Viaggiando nello spazio-tempo potremmo essere in luoghi e tempi diversi e prendere coscienza del mondo fisico sia passato che futuro.
Questo è il Problema: come mai la nostra consapevolezza è legata assolutamente solo al presente?



recensore:

Recensione o commento # 2, data 16/04/2021
Provo a darle una mia risposta, frutto di una riflessione quindi soggettiva e magari anche non condivisibile e che si richiama (in parte) all'argomento dell'uomo velato di Avicenna. Immaginiamo di essere fluttuanti nel vuoto e di avere gli occhi bendati in modo da non poter avere percezione del mondo esterno nè conoscenze pregresse. Immaginiamo di non poterci toccare con i nostri arti e di non avere percezione del proprio corpo. Cosa percepiamo? Percepiamo la nostra esistenza.
Forse la consapevolezza è solo del presente perché la percezione di ieri è già passata e non esiste qui ed ora, così come rispetto al futuro non abbiamo consapevolezza perché non ne abbiamo ancora esperienza.



recensore:

risposta dell'autore, data 16/04/2021
Fantastico! per me è esattamente così. Oggi pubblico ulteriori riflessioni su questo argomento. Grazie per l'attenzione che mi concedi.



recensore:

Recensione o commento # 3, data 16/04/2021
Mi permetto di consigliarle se ne ha modo, la lettura dell'argomento dell'"uomo velato" di Avicenna. La sua metafisica è costituita anzitutto sulla differenza tra essenza ed esistenza, tra oggetto e soggetto di tale scienza (partendo certamente dai criteri epistemologici contenuti negli Analitici secondi del Maestro Primo Aristotele), ma dando alla metafisica una connotazione nuova. Sebbene la nostra riflessione riguarda un'altra tematica, discutendone mi sono venute alla memoria anche quelle di Avicenna sull'esistenza. Grazie a lei per la condivisone e la discussione su tematiche esistenziali direi.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci/commenta un'opera a caso.
(per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nella tipologia desiderata)


L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Io ci sono di Giancarlo Rizzo è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(racconto fantascienza, breve)  di nwMassimo Baglione

descrizione: Questo racconto partecipa al concorso "Fantascienza e dintorni"

incipit: L'Imperatore Dixel, terzo nel nome, se ne stava stravaccato sul suo prezioso trono, regalo di un suddito molto facoltoso, graziato da una morte piuttosto brutale. Dall'espressione, pareva che l'Imperatore Dixel III stesse studiando un qualcosa che solo lui riusciva a vedere. A quei tempi era meglio non farsi troppe domande, ed era meglio dare per scontato che l'Imperatore avesse sempre ragione, soprattutto in momenti come quelli, quando lui c'era e la sua mente vagava altrove.

tags: #astronave(15)    #brandy(1)    #cognac(1)    #impero(2)    #spazio(38)    #bottiglia(4)


(racconto fantascienza, breve)  di nwMassimo Baglione

descrizione: Brevissimo racconto di fantascienza, con bellissima illustrazione di Paolo Maccallini.

incipit: Di tutte le razze sparse in questa strepitosa Galassia, quella terrestre si collocava a tre quarti della classifica di intelligenza e sviluppo tecnologico. Questo, in sostanza, è ciò che Mr. Sgrultz rivelò all'ingegnere spaziale Ben Sarton.

tags: #alieno(52)    #scambio(2)    #sci-fi(7)    #spazio(38)    #bottiglia(4)


(racconto fantascienza, breve)  di nwMassimo Baglione

descrizione: Questo simbolo è presente nei racconti di Isaac Asimov come bandiera dell’Impero Galattico

incipit: Questo simbolo è lo stemma che tutte le navi imperiali hanno sulla loro fusoliera, mi è sembrato logico pensare che potesse anche essere la bandiera dell'Impero Galattico, o comunque del suo settore spaziale. Isaac Asimov ne fa spesso riferimento nei suoi racconti, ma nessuno (che io sappia) ha mai pensato di codificare questo stemma, come di certo meriterebbe...

tags: #enciclopedia galattica(1)    #isaac asimov(4)    #nasa(25)    #sole(80)    #spazio(38)    #astronave(15)


(racconto fantascienza, lungo)  di nwJormungaard

descrizione: Il secondo impero era nato. Dopo mille anni dalla caduta del primo impero galattico il Piano Seldon sembrava essere giunto a conclusione. Ma sarà compito di Derek Jorgaard indagare su eventi del passato di cui neanche la Fondazione ne è…

tags: #asimov(9)    #psicostoria(2)    #radiante(1)    #robot(30)    #space(5)    #spazio(38)    #fondazione(6)


(racconto fantascienza, medio)  di nwJormungaard

descrizione: Un Oratore della Seconda Fondazione intraprende un viaggio alla ricerca della Terra. Non può però sapere che questo sarà l'inizio di... tutto ciò che sarà.

tags: #asimov(9)    #fondazione(6)    #psicostoria(2)    #space(5)    #spazio(38)    #astronave(15)


(racconto fantascienza, breve)  di nwSphinx

descrizione: Racconto vincitore della sezione utopia di NASF 2, prima o poi continuerò la storia.

incipit: Lo spettacolo sarebbe stato affascinante per chiunque, ma Jack Rodriguez ormai non ci faceva più caso. Aveva davanti lo stesso panorama da quasi cinque anni. Guardare fuori Ganimede, nel vuoto dello spazio, era però sempre rilassante, soprattutto quando questo era accompagnato da un buon sigaro, di quelli prodotti ancora sulla terra, con i metodi tradizionali vecchi di secoli. Certe cose dopotutto erano dure a cambiare, per fortuna.

tags: #pena(3)    #spazio(38)    #nasf(25)


(racconto fantascienza, breve)  di nwMassimo Baglione

descrizione: Il sole Lucylle, il suo pianeta Aquila e le due lune Iron e Morpheus. Lavoro pubblicato su progettogalaxia.it.

incipit: Quando fu scoperto, questo pianeta sembrava uno scherzo della natura. In accademia insegnano che un pianeta ricoperto interamente d'acqua non può esistere, ma quando gli esploratori giunsero in questo bizzarro sistema solare, si resero presto conto che nell'Universo ci si può sempre aspettare l'eccezione che smentisce la regola.

tags: #aquila(7)    #grafica(4)    #pianeta(25)    #pianeti(25)    #sole(80)    #spazio(38)


(racconto fantascienza, breve)  di nwMassimo Baglione

descrizione: Il racconto inizia con l'incipit di un romanzo famoso, in questo caso "Alice nel paese delle meraviglie", per poi svilupparsi in modo libero.

incipit: Alice cominciava a non poterne più di starsene seduta accanto alla sorella, sulla riva del fiume, senza far niente: un paio di volte aveva dato un'occhiata al libro che la sorella stava leggendo, ma non c'erano figure né storielle, «E a che serve un libro», pensò Alice, «se non ha figure né storielle?».

tags: #libro(26)    #medicina(7)    #meraviglie(7)    #paese(12)    #robot(30)    #sorelle(10)    #spaziale(2)    #spazio(38)    #stazione(9)    #alice(2)


descrizione: Illustrazione per il racconto omonimo, terzo classificato al concorso di letteratura fantascientifica 'Apuliacon 2006'.

incipit: Http://www.youtube.com/watch?v=zw5pAshxY80&feature=related

tags: #apuliacon(2)    #levantecon(1)    #spazio(38)    #stazione(9)    #futuro(46)

Elencate 10 relazioni su 122 -
 
10
20
 ... 
130
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.235.179.79


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2021
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,33 secondi.