pagine viste: ...
...no javascript...
phone
opzioni grafiche:
T
T
T
TT
Benvenuto, visitatore
     
Thu 26 May, 19:13:27
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Lo schiaffo

(racconto narrativa, brevissimo - per tutti)
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
31 visite dal 25/04/2022, l'ultima: 3 settimane fa.
11 recensioni o commenti ricevuti
Autore di quest'opera:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)


Altre opere dell'autore

Titoli simili:



Descrizione: Matrimonio fresco fresco in rodaggio.


Lo schiaffo
file: opera.txt
size: 688,00 Bytes
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))


Elenco Tag dell'opera:



Recensioni: 11 di visitatori, 16 totali.
  recensisci / commenta

recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022

Recensione o commento # 1, data 16:47:14, 25/04/2022
Posso comprenderti, una volta dopo un litigio con una mia ex, mentre mi sono sentito vomitare addosso un odio assolutamente immeritato, il tempo che me ne rendessi conto, avevo già la mano al suo collo, non stavo stringendo, ne ho stretto, ma il solo gesto, quell'unica sola volta nella vita che mi è successo di fare qualcosa di molto simile (non nei fatti alla fine, ma nel gesto stesso) comunque ad una violenza su una donna, mi sono sentito non un verme, fece di verme. Non c'è scusa né perdono ad una cosa del genere. Dopo poco ci siamo lasciati, non dovuto a questo fatto, quella volta poi entrambi abbiamo capito e ammesso i nostri errori, ma perché insieme era diventato qualcosa di tossico, un farsi del male a vicenda, nonostante l'alto coinvolgimento da entrambi. Quindi non so, rimangono gesti imperdonabili a mio avviso, io stesso dopo quasi undici anni ancora non me lo perdono né me ne capacito. Quindi comprendo, ma nonostante poi voi due siete riusciti comunque in parte ad assorbirne il fatto, essendo io stesso passato su qualcosa di molto simile come ho detto, non posso fare altro se non condannare comunque, nel fatto stesso di averlo poi compiuto, il tuo gesto Giancarlo.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 17:12:37, 25/04/2022
Perché è più "condannabile" il gesto fisico piuttosto che l'offesa morale? Bisognerebbe riequilibrare il concetto di condanna; d'altra parte tutti sanno che la parola uccide quanto la spada…



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022

Recensione o commento # 2, data 17:20:43, 25/04/2022
Perché Giancarlo, le parole, per quanto siano o possano essere dolorose, scivolano, passano, feriscono, ma non colludono di per loro, se non si condanna l'atto fisico in maniera diversa dalla parola, dopo non ci sarebbe poi più differenza tra un vaffanculo e un pesto sulla faccia.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022

Recensione o commento # 3, data 17:50:49, 25/04/2022
Le parole possono essere solo motivo scatenante di un fatto, ma il fatto è che non è la parola che uccide, ma solo i fatti che ne possono conseguire, la parola, scatena la spada, ma è solo la spada che poi materialmente uccide. Questo non toglie che anche le parole possono portare chi le subisce a chiudersi in se stesso fin anche commettere suicidio, ma quello non è colpa della parola in sé, ma anche e soprattutto dello stato d'essere di chi la subisce. Anche li la parola è solo motivo scatenante, non colpevole però materialmente della violenza fisica che uno può autoinfliggere poi a se stesso.



recensore:
avatar di FraFree
nwFraFree
$ sostenitore 2022

Recensione o commento # 4, data 19:12:53, 25/04/2022
Per quanto l'offesa morale sia anch'essa graffiante, penso pure io che quella fisica risulti più grave e molto più graffiante.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 20:33:15, 25/04/2022
Scrivendo il testo intitolato NO, avrei voluto intitolarlo "scarpette rosse".
Immaginate che quello sia il borbottio tra sé e sé di un uomo-maschio, incazzato per il fatto di sentirsi impotente di fronte all'ottusità della moglie-femmina, che non vuole ragionare e che non obbedisce ai suoi voleri.
Con un piccolo sforzo di immaginazione, stando all'ultima minaccia, si potrebbe concludere il racconto con la descrizione di un dramma. Tutto dipenderebbe dall'intensità della rabbia e dell'impulso aggressivo dell'uomo, come se una caldaia raggiungesse la pressione esplosiva.
Che dire? Lo schiaffo è conseguente a una parola giudicata offensiva. Il NO è una offesa alla potestà maschile. Il maschio è violento e selvaggiamente reagisce.
Sto provocando discussioni che dovrebbero tradursi in Saggi per BraviAutori?



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022

Recensione o commento # 5, data 21:25:44, 25/04/2022
Come sai nutro rispetto e stima verso di te Giancarlo, non metto in dubbio minimamente la tua bontà "d'animo" (ormai almeno per me è molto difficile usare questo termine), ne tantomeno su cosa vuol dire a volte in determinati contesti, percependo magari sul momento una ragione totale o comunque molto netta nei nostri intenti durante una discussione con l'altra persona, il possibile cadere preda noi stessi poi da degli impulsi emotivi che mai avremmo neanche creduto risiedere in noi. Quindi condannando il tuo fatto, allo stesso modo del mio gesto, il punto qui, il problema non è solo lo schiaffo o la mano nel mio caso, ma anche e sopratutto in questo caso il solo fatto di concepire in possibile egual misura o equiparare a loro modo un offesa fisica ad una morale, qualsiasi sia poi l'intensità data, ricevuta e posta da entrambe in essere. Non credo che servano trattati o saggi da scrivere su questo. Chiarito questo punto, non è certo per questo che cambio opinione nei tuoi confronti, non ho mai pensato né penso tutt'ora che tu sia un violento o giù di lì, solo che come tutti, me compreso, chiunque nella vita (senza distinzione di sesso, anche se per statistica cambia l'entità e spesso e volentieri proprio in base al sesso come ben sappiamo), può cadere in errore, basta poi però (per quanto difficile da cancellare nel mio caso, tanto come nel tuo) comprendere l'entità stessa di questo errore e accetarne poi le eventuali e possibili conseguenze dirette, del fatto/gesto compiuto. Nel tuo caso per quanto sia le cose si sono sistemate o riassettate nel tempo, nel mio è stato un comprendere che quella determinata persona per quanto potessi esserne legato mi stava portando verso qualcosa che non mi appertiene (non parlo della mano alla gola), ma non sempre le cose vanno così lisce, non sempre la mano rimane aperta sulla gola, non sempre ci si ferma ad uno schiaffo sulla vita e la pelle di chi si dice e si crede di amare.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 21:59:28, 25/04/2022
… ma non sempre le cose vanno così lisce, non sempre la mano rimane aperta sulla gola, non sempre ci si ferma ad uno schiaffo sulla vita e la pelle di chi si dice e si crede di amare.
E cosa succede allora quando persone normalmente inserite nella società, se sottoposte a stress uccidono? E molto più in generale perché solitamente sono i maschi che fanno la guerra?
Le risposte ovvie le sanno dare tutti. Hai qualcosa di meglio?



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022

Recensione o commento # 6, data 22:25:13, 25/04/2022
Uccidono perché i loro stessi impulsi emotivi associati a quelli ormonali, quindi fisici (l'azione stessa) sfuggono al controllo relativo dell'io al momento stesso dell'atto in compimento, quella che tu chiami risposta d'istinto che istinto non è, se lo fosse non ci sarebbe pentimento, in natura i leoni maschi, uccidono tutta la prole del capobranco sconfitto per perpetuare solo il loro lascito, ma dopo non se ne pentono o realizzano di aver commesso un crimine. Relativo perché se io in quel momento subconsciamente non ho stretto la mano, vuol dire che il mio io ancora aveva parte del controllo sull'azione compiuta per esempio. Quindi sono reazioni che definirle istintive è solo per scusa verso se stessi in primis. Dipende solo da quanto si è in quel momento ancora consci, quindi padroni mentalmente di quello che si sta facendo, anche a un livello sub-conscio come nel mio caso. Succede più spesso nei maschi perché penso che il genere femminile abbia più un impulso emotivo verso la conservazione invece (non sempre anche loro su forte impulso di stress come durante il periodo post parto capita che cedono agli stessi impulsi, commettendo infanticidio) della specie, rispetto comunque a quella assunta o pervenuta al genere maschile, che per sua natura (sempre impulsi emotivi e ormonali) tende più ad imporsi sia con gli altri maschi che con le femmine stesse. Quindi adesso che ho spiegato meglio il concetto che cosa cambia?



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 7, data 13:20:59, 26/04/2022
Giancarlo mi piace questa tua domanda
"Perché è più "condannabile" il gesto fisico piuttosto che l'offesa morale?"

Io credo che il gesto fisico vada sempre condannato. Però troppo spesso ci si dimentica di quello morale.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 17:04:43, 26/04/2022
Credo che la differenza tra l'offesa fisica e quella morale venga giudicata in modo superficiale.
Sicuramente dipende dal fatto che l'offesa fisica producendo dolore fisico sia più potente di quella morale, probabilmente perché siamo moralmente insensibili!
Non solo: l'offesa fisica è propedeutica alla morte e quindi alla fine senza ritorno, e questo spaventa; forse per questo la rende più condannabile. L'offesa morale non uccide, si sopravvive e si spera che rimargini la ferita. Ma forse fa più male di quella fisica e se così fosse allora diventerebbe più condannabile.
E poi mentre la fisicità è misurabile, difficile è giudicare quanto soggettivamente la vittima sia stata offesa.
Io rivedrei il giudizio con due esempi. Il primo è considerare la tortura fisica: molti sono forti, la subiscono e resistono. Il secondo è la persecuzione intimidatoria dello stalker attraverso offese mediatiche: spesso portano al suicidio.
Non credo sia un buon metodo di giudizio quello che si basa solo sulle conseguenze. Eticamente metterei sullo stesso piano il corpo e lo spirito.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022

Recensione o commento # 8, data 18:02:51, 26/04/2022
Si ma se offendi uno moralmente è lui che si suicida (ha comunque una scelta) se lo picchi a morte sei tu che materialmente e praticamente attui la sua dipartita (senza possibile via di ritorno o scelta), direi che tra le due, per quanto entrambe dolorose per chi ne è vittima, ci sia differenza.

Quindi l'offesa morale, può portare al suicidio (come massima conseguenza), oppure se si è moralmente più forti di chi ti offende, anche a nulla che non sia fastidio o irritazione, rabbia o al massimo odio, quello che vuoi, ma comunque superabile.

Quella fisica elimina il tuo essere soggettivo, quindi elimina o ferisce oggettivamente tutti a prescindere dal loro essere o sentirsi in causa, ergo per forza di cose più condannabile oggettivamente come offesa recata.



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 9, data 18:47:57, 26/04/2022
Il problema Giancarlo credo sia che troppo spesso si eccede nella violenza fisica, fino a sfociare in cose di cui purtroppo si sente spesso parlare. Inoltre la violenza morale è sempre interpretabile in modo diverso da persone diverse, a meno che non si parli di razzismo o cose simili.
Per via degli eccessi che già esistono questo argomento è un po' un tabù ma mi fa piacere che tu stia tentando di parlarne fuori da stereotipi.
Una bella sfida potrebbe essere per te quella di scrivere un racconto di immaginazione che metta in luce i punti di cui parli.
Un racconto più lungo intendo. Perché qui non si capisce il contesto e quanto grave sia l'offesa. E non si capisce se non l'ha più fatto perché ha capito o per timore. Timore anche solo del ricordo più che del dolore.
Il racconto così com'è è carino, ma non si capisce bene tutto e l'argomento è spinoso.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022

Recensione o commento # 10, data 20:18:56, 26/04/2022
Guardate che io non sto dicendo che la violenza morale non sia deprecabile tanto quanto quella fisica, se uno vive tutta la vita nella paura, in fondo sarebbe più auspicabile la morte, che difatti spesso appare come unica via d'uscita, peraltro dopo chissà quanti dolori e tormenti della psiche vissuti, quindi io non sto affatto minimizzando questo. Dico solo che nonostante questo si può sempre avere se non si scelgono drammatiche "vie di fuga" dal dolore, un percorso di riflesdione e presa di coscienza, un percorso riabilitativo della psiche, se non totale almeno parziale, ma nella violenza fisica (che tra l'altro ha in sé anche quella psicologica) se portata agli estremi non c'è poi nessun percorso di salvezza possibile, né per il corpo, né per la psiche.



recensore:
avatar di Gabriele Pecci
nwGabriele Pecci
$ sostenitore 2022

Recensione o commento # 11, data 20:28:19, 26/04/2022
Riassumendo, resto dell'idea che quella fisica colpisce oggettivamente l'essere quindi rispetto a quella morale che può essere affrontata anche soggettivamente, a mio avviso all'immediato è sicuramente più condannabile di quella morale.

Nel lungo termine, chiaramente quindi se la violenza fisica poi non è portata all'estremo, potrebbe avere invece più rilevanza su questa quella psicologica, essendo più difficile da superare nel tempo, il corpo sicuramente per quanto martoriato si può riprendere più velocemente della psiche venuta violentata da un lungo e perpetuato periodo.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2022 (2 dal 2021)

risposta dell'autore, data 20:40:25, 26/04/2022
Purtroppo non so scrivere racconti creati dalla mia fantasia. Racconto solo ed esclusivamente quello che vivo e quindi commento secondo il pensiero del momento e sono contento che il pensiero sia " spinoso". Per il resto mi accontento della vostra decisione di condannare l'offesa fisica solo per il fatto che non è possibile giudicare veramente le conseguenze morali essendo queste difficilmente valutabili dall'esterno. Credo anche che la civiltà progressista debba considerare l'argomento con sempre maggiore attenzione: secondo me ci sono tutte le occasioni per approfondire il tema.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci / commenta un'opera a caso.

Nota: per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nell'elenco dei generi e scegli la tipologia desiderata.



L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Lo schiaffo di Giancarlo Rizzo è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(racconto narrativa, breve)  di nwLorenzo Pompeo

descrizione: Un giorno un impiegato, tornado a casa dall'ufficio, compra un libro sui funghi. Da quel giorno la sua vita cambierà, anche se solo fino a un certo punto.

incipit: Era una bella giornata e ne approfittai per passare un momento in una libreria a pochi passi dall'ufficio. Chiesi al libraio un libro sui funghi. Da tempo avevo intenzione di comprare un manuale con le figure e le istruzioni per la loro raccolta. Un libro chiaro, illustrato, semplice ma completo. Il libraio era scomparso per qualche istante. Poi tornò con un manuale illustrato.

tags: #doppio(5)    #libro(29)    #matrimonio(19)    #sosia(2)    #funghi(4)


(racconto thriller, breve)  di nwDavide Schito

descrizione: Svegliarsi senza memoria, legati a una sedia, prigionieri di uno psicopatico: uno degli incubi peggiori che si possano immaginare. È quello che capita a Nico, per il quale però il vero pericolo potrebbe venire da molto, molto più vicino.

incipit: Ore 2.19. Clic. «Inizio registrazione. Interrogatorio numero uno» Sono le prime parole che Nico sente risvegliandosi. È legato mani e piedi a una sedia d'acciaio, posta al centro di una sala completamente spoglia. Sui muri tracce d'umidità che sembrano essere lì da sempre. Fatica a mettere a fuoco la scena, Nico. Gli sembra di dormire da un tempo lunghissimo, quasi non si ricordasse più come si fa a stare svegli. E in effetti, a parte il proprio nome, non ricorda assolutamente nulla.

tags: #matrimonio(19)    #psicologico(3)    #istantanee(3)


(racconto narrativa, brevissimo)  di nwAngela Mori Angelika

descrizione: L'assoluzione ha il sapor del nettare divino

incipit: “Scusiamoci e beviamo buon vino!”- Aride le bocche cingevano il cristallo e la lingua si abbeverava di’ scarlatta delizia come arbusti essiccati dal sole e beate dalla prima pioggia d’autunno.

tags: #bocche(1)    #divino(5)    #donne(139)    #marito(3)    #matrimonio(19)    #nettare(1)    #schiaffi(2)    #vino(16)    #violenza(31)    #perdono(7)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwAngela Mori Angelika

incipit: Trionfa suprema la voglia del suo corpo, Sicura è la vanità del saper dare; Troppo forte il desiderio, Di ricevere il suo calore.

tags: #alba(17)    #angeli(28)    #brama(1)    #demoni(19)    #matrimonio(19)    #nemico(6)    #ostacolo(3)    #paradiso(19)    #passione(70)    #sesso(56)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwFlavio

descrizione: Due persone se si amano possono essere unite più di ogni altra cosa al mondo

incipit: Nel mentre che nel mondo, come da sempre, i più continuavano la loro esistenza inconsci di tutto.

tags: #affetto(10)    #amore(717)    #matrimonio(19)    #unione(5)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwAngela Mori Angelika

descrizione: Poesia che pala dei sogni di una bambina divenuta donna ce vive l'incubo della violenza

incipit: Dal sogno alla realta’ S’imprigionava nei miei sogni ogni sera, Diventava ciò che volevo fosse Conversava le lingue che sapevo parlare,

tags: #dolore(93)    #donna(139)    #giochi(5)    #gioia(19)    #infelicita(4)    #matrimonio(19)    #passione(70)    #pianto(12)    #sogno(134)    #tristezza(40)


(racconto fantasy, breve)  di nwVihio

descrizione: Una esotica volpe bianca viene investita, giace al suolo come morta.

incipit: – Questa è una di quelle faccende che non si sa se fossero un prodigio o se invece non accaddero affatto. Cioè, tua madre e io abbiamo la certezza che sia accaduta, ma ne siamo pure gli unici testimoni. E le cose vi sono cambiate in maniera talmente assurda… Allora i nostri ricordi su quanto di volta in volta succedeva sembrano fasulli. Ma per noi restano veri. Ma non ne abbiamo alcuna prova. Né l’avremo mai. Insomma, meglio cominciare dal principio, credo.

tags: #crisi(7)    #investimento(1)    #matrimonio(19)    #mistero(62)    #prodigio(2)    #redivivo(1)    #volpe(5)


(racconto rosa, breve)  di nwRoberta Canu

descrizione: Racconto a carattere umoristico sulle nozze

tags: #comicita(2)    #matrimonio(19)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwSimonePasini

tags: #donzella(1)    #matrimonio(19)    #sposa(5)    #medioevale(1)

Elencate 10 relazioni su 19 -
 
10
20
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 18.205.176.39


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2022
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0.19 secondi.