pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Fri 23 July, 17:29:23
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Dialogo surreale tra due bambini

(racconto narrativa, breve - per tutti)
Tempo di lettura: meno di 5 minuti
2.906 visite dal 19/10/2015, l'ultima: 3 ore fa.
6 recensioni o commenti ricevuti

Autore di quest'opera:


Descrizione: Un bambino africano e uno europeo si confrontano sulle rispettive condizioni di vita.

Incipit: “I miei genitori hanno detto che la prossima estate faremo un viaggio in Africa.” “Io e i miei genitori invece faremo un viaggio in Europa.” “Il nostro sarà un 'Viaggio del Ventaglio'.” “Noi invece faremo un 'Viaggio della Speranza'.”


Dialogo surreale tra due bambini
voce
file: dialogo-surreale-tra_
-due-bambini.pdf
size: 29,39 KB
Tempo di lettura: meno di 5 minuti
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))



Elenco Tag dell'opera:
#bambini(85)    #speranza(106)    #differenze sociali(1)


Recensioni: 6 di visitatori, 12 totali.
recensisci/commenta

recensore:

Arcangelo Galante
Recensione o commento # 1, data 10/08/2017
È proprio vero, quanto sia diverso il cielo che sovrasta la realtà di un bambino, nato in una condizione economica di disagio profondo, rispetto a un altro, invece, assai più avvantaggiato dalla sorte, felice di guardare la vita in una dimensione stellata e migliore di tanti altri. Eppure, non è mai proprio ben chiaro il perché, le condizioni nelle quali giace uno rispetto a un altro, nel mondo, siano talmente disparate, da fare sentire fortunati coloro che neppure se ne rendono conto, e insoddisfatti gli altri. Nel dialogo della storia, il confronto si basa sull'interpretazione di un soggiorno, che viene scambiato per una vacanza. Invece, lo scopo dei genitori di chi è in difficoltà, è spinto dal motivo nel dover cercare un lavoro di sostentamento, per l'intera famiglia. E tale vicenda, sembra essere l'occasione di fortuna per il bambino, che non comprende, immediatamente, cosa sia un centro d'accoglienza, definendo lo spostamento del suo interlocutore, fonte di probabilità per viaggiare e visitare altri luoghi. La morale della narrazione risiede nella riflessione di un incontro didascalico, che in evidenza mette le diversità delle relative ambientazioni, nonché provenienze, sottolineando un netto dislivello sociale tra i due bambini. Pubblicazione da far leggere nelle scuole. Complimenti alla sensibilità umana dell'autore!



recensore:

risposta dell'autore, data 18/04/2021
Mi scuso per il ritardo col quale rispondo. Ringrazio sentitamente per il gradito commento. Un caloroso saluto. Andrea.



recensore:

Recensione o commento # 2, data 08/04/2020
Dialogo che (almeno a me, che ho una certa età) ha ricordato quello del signor G. di Gaber, ma aggiornato al 21° secolo. Vero che bisognerebbe farlo leggere a quei pargoli che storcono il naso se non mangiano la loro merendina preferita. Forse questa clausura forzata servirà a far riflettere, adulti e bambini su quali sono le cose davvero importanti e quali no. Almeno, lo spero.



recensore:

risposta dell'autore, data 18/04/2021
Grazie mille per il gradito commento. Spero che il grande Giorgio Gaber non se ne abbia a male per aver visto accostato il suo nome a quello di un "famoso scrittore" assolutamente privo di talento. Un grande saluto. Andrea.



recensore:
avatar di Marcello Rizza
nwMarcello Rizza
$ sostenitore 2021

Recensione o commento # 3, data 14/10/2020
Ciao Andrea. Come già a un altro recensore, anche a me è subito venuto in mente il Signor G di Gaber. Forse perché il confronto era improbo e, giocoforza, impari, dal punto di vista della sorpresa non mi sono sentito particolarmente coinvolto. Come sensibilità cambia tutto. La penso esattamente come te. Come testimonianza si, sarebbe, per la sua semplicità, da far leggere ai dodicenni fortunati. A certi politici non farebbe neanche effetto, inutile farglielo leggere. Si leggeranno il Mein Kampf.



recensore:

risposta dell'autore, data 18/04/2021
Grazie mille per il gradito commento. Spero che il grande Giorgio Gaber non se ne abbia a male per aver visto accostato il suo nome a quello di un "famoso scrittore" assolutamente privo di talento. Mi fa immensamente piacere trovare persone che, su questo tema, la pensano come me. Un grande saluto. Andrea.



recensore:

Mirta Contessi
Recensione o commento # 4, data 17/04/2021
Il testo, a mio parere, raggiunge lo scopo di far riflettere sul problema delle disparità di condizioni di vita fra i popoli. Lo ritengo molto valido come contenuto e mi auguro che venga diffuso, a scopo educativo, fra i più giovani principalmente, ma non solo. Se posso muovere una critica: la voce che legge risulta troppo metallica per rendere al meglio un testo così emozionante. Complimenti all'autore e a chi ha scelto questo lavoro.



recensore:

risposta dell'autore, data 18/04/2021
Grazie mille Mirta. Un grandissimo saluto. Andrea.



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 5, data 17/04/2021
Leggendo questo dialogo surreale tra due bambini ho avuto l'impressione che di dialogico non ci sia molto. Direi che si tratti piuttosto di un parlare a distanza tra due soggetti, quasi a voler mettere sul tavolo questioni e situazioni attraverso uno scambio di domande che però non dà luogo a un confronto, o a un approfondimento, a una richiesta ulteriore che chiarisca quanto detto. Entrambi gli interlocutori tirano dritto e passano da una questione alla successiva pur avendo ciascuno di essi appreso dall'altro qualcosa di inatteso: una realtà profondamente diversa da quella sperimentata e conosciuta da ciascuno di essi si configura in modo sempre più preciso, ma ciò non produce alcuna reazione né nell'uno né nell'altro. Non c'è sorpresa nell'europeo per le parole dell'altro che delineano un quadro fatto di fame e di privazioni, ben diverso da quello a lui noto; non c'è né stupore né disappunto da parte dell'africano per le parole dell'europeo reso miope dal troppo che la vita gli ha dato, impedendogli così di comprendere il valore di ogni singolo bene ricevuto.
Forse, ma questo è il mio personalissimo parere, questo dialogo-non dialogo non ha la forza che invece meriterebbe una questione così urgente come quella del divario esistente ancora oggi nel mondo tra pochissimi privilegiati e moltitudini di poveri e poverissimi. Dare un nome ai personaggi, qualificandoli però in modo così generico (un europeo e un africano: ma quante e quali differenze separano un greco da un norvegese, un macedone da uno svizzero; un egiziano da un senegalese, un tunisino da un sudafricano) non basta. Trovo che questa impostazione finisca col depotenziare la carica di significato che invece i contenuti proposti potrebbero veicolare.



recensore:

risposta dell'autore, data 18/04/2021
Grazie Loredana per l'interessante e gradita recensione. Per prima cosa chiarisco, cosa che penso sia comunque evidente, che il sottoscritto ha ben poco in comune con uno scrittore. Tento di spiegare il perchè il racconto è costruito in questa maniera. L'idea iniziale era quella di evidenziare il fatto che i ragazzi, che vivono in famiglie in grado di offrire loro tutto il necessario e anche qualcosa in più, non si rendono conto che tutto ciò non è scontato e non vale per molti loro coetanei meno fortunati. Durante la stesura, mi è venuto spontaneo anche parlare del problema migrazione. I due protagonisti sono un europeo e un africano per un motivo semplice: in campo economico e sociale l'Europa (come la parte settentrionale dell'America o certe nazioni dell'Asia) è considerata "ricca", "sviluppata", mentre l'Africa viene vista come "povera". È partendo da questo diffuso "sentire" che ho deciso di dare all'agiato una provenienza europea e al suo sfortunato interlocutore origini africane. Sono pienamente conscio che la realtà è diversa. Purtroppo anche nelle nazioni più ricche esistono persone in stato di grave indigenza, mentre si trovano ricchi anche nelle parti più disagiate del mondo. Ai due protagonisti non faccio approfondire i temi perchè lo scopo del non-dialogo (giustamente definito così poichè avviene, anche se non espressamente specificato, mentre i soggetti si trovano nei rispettivi paesi) era quello di mettere il lettore di fronte a situazioni diametralmente opposte, lasciando alla sua sensibilità decidere se una simile situazione sia giusta o sbagliata (ai miei occhi è assolutamente inaccettabile). Per quanto concerne le differenze tra cittadini di nazioni dello stesso continente, con me si sfonda una porta "che non c'è" (non, semplicemente, una porta aperta). Infatti, di norma, non apprezzo le generalizzazioni (i bianchi sono così, i neri sono cosà, le donne sonno x, gli uomini sono y, i giovani sono k, gli anziani sono j) perchè ogni singolo individuo ha caretteristiche uniche, derivanti da moltissimi fattori, quindi non solo sono diversi greci e norvegesi, ma anche, tra di loro, i vari cittadini di ogni nazione, regione, provincia o città. Ultima cosa che vorrei aggiungere è questa: la comunicazione è un cosa più difficile di quanto tendenzialmente si creda. Quando parliamo o scriviamo, abbiamo ben presente cosa vogliamo esprimere. Il problema è riuscire a veicolare correttamente il messaggio agli interlocutori. Chi ascolta (o legge) non necessariamente coglie quanto voleva essere comunicato, perchè esperienze, sensibilità e altri fattori filtrano il messaggio, modificandolo e arricchendolo di altri particolari. Questo aspetto della comunicazione e le mie non eccelse doti danno vita ad "opere" non esattamente memorabili. Grazie di nuovo. Un grande saluto. Andrea.



recensore:

user deleted
Recensione o commento # 6, data 18/04/2021
Aggiungo anch'io qualcosa. Qui, tra di. noi, nessuno è professionista della scrittura in senso stretto e probabilmente tra le tante firme che arricchiscono questa comunità non ce n'è neppure una destinata a lasciare un segno imperituro nella storia delle letterature… Dunque, siamo tutti appassionati di scrittura e con la scrittura cerchiamo di dare voce a idee ed emozioni che poi destiniamo ad altri: i lettori. Tutto qui. Sono, i lettori, in qualche caso, a loro volta autori di qualche altra cosa: trovano nel testo ciò che neppure l'autore sapeva di averci messo. Insomma, il rapporto lettore-scrittore è un aspetto molto interessante, e sicuramente molto complesso, del più generale processo della scrittura. Concludo, le mie osservazioni sono nate fondamentalmente da un apprezzamento del tuo scritto, sia dei contenuti che propone sia delle soluzioni linguistiche. Leggerò volentieri altri tuoi scritti.



recensore:

risposta dell'autore, data 18/04/2021
Grazie Loredana, concordo in pieno.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci/commenta un'opera a caso.
(per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nella tipologia desiderata)


L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Dialogo surreale tra due bambini di Andrea Menegon è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(racconto fantascienza, medio)  di nwMonia Di Biagio, nwMassimo Baglione

descrizione: La storia si ambienta nel centenario di Barbie (sì, la bambola :-))

incipit: Antonia è una bambina intelligente. A neanche due anni le insegnarono per gioco le lettere dell'alfabeto e lei, per gioco, le imparò. A quattro sapeva già scrivere. In un solo anno ancora, sapeva ciò che s'insegna normalmente nelle prime due classi di scuola elementare. - Se continua così - diceva il nonno - a sei anni vorrà uscire da sola con la mia macchina! - Non dire scemenze - gli replicava la nonna - è solo più intelligente del

tags: #anniversario(4)    #bambina(85)    #barbie(1)    #computer(18)    #natale(64)    #nonna(22)    #nonni(22)    #nonno(22)    #babbo natale(9)


(racconto narrativa, breve)  di nwAlessandro Napolitano

descrizione: Il racconto "Una storia nera" è arrivato sesto al concorso "La biblioteca d'oro" ed è stato incluso nella omonima antologia.

incipit: Il dito girava nel bicchiere in senso antiorario, inghiottito da un mulinello rosso. Michele lasciò posare il vino, portò l'indice alla bocca e lo succhiò. Un crocefisso di legno, lungo quanto una mano, pendeva dalla parete. L'uomo accarezzò il volto del Cristo seguendo le rughe d'ebano, lo staccò dal muro e lo ripose nel cassetto della credenza. Bevve il Brunello in un sorso.

tags: #bambino(85)    #chiesa(18)    #colpevole(5)    #mare(154)    #morte(184)    #pipistrelli(2)    #polizia(14)    #prete(4)    #spiaggia(20)    #vita(197)


(racconto narrativa, breve)  di nwMassimo Baglione

descrizione: Una delle mie avventure giovanili

incipit: Quella montagna mi è sempre piaciuta più delle altre che le stanno vicine. Si tengono per mano a formare un cerchio intorno a questa valle verde, tagliata in due parti uguali da un fiume silenzioso e pieno di pericoli. Io abitavo ai piedi di quel gigante di pietra e dal mio letto lo vedevo attraverso la finestra in tutta la sua maestosità. Se...

tags: #bambini(85)    #erba(8)    #fuoco(24)    #incendio(5)    #montagna(30)    #monte(4)    #elicottero(1)


(racconto narrativa, breve)  di nwMassimo Baglione

descrizione: A short lapse of my childhood

incipit: When I was a little boy and I lived at my grandparents' the whole house was warmed up by a wood stove... remember those old stoves with the hot plate made up of concentric discs? My grandfather used to get the woods. He went out with his legendary Renault 6, a car similar to a station wagon but better sprung than a gondola in the Grand Canal...

tags: #aranciata(2)    #fuoco(24)    #goku(1)    #legna(10)    #nonno(22)    #stufa(3)    #bambino(85)


(racconto horror, medio)  di nwGiorgio Burello

descrizione: I bambini hanno fame ...

tags: #automobile(6)    #fame(12)    #ossa(7)    #paura(87)    #torre(4)    #bambini(85)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwBludoor

descrizione: Natale, visto da un punto di vista inconsueto.

incipit: Un vecchio bue muggiva, chiuso nella sua stalla,

tags: #bambino(85)    #freddo(19)    #luce(72)    #bue(3)


(fotografia altro)  di nwJormungaard

incipit: Un caraibico mar d'agosto Questo è lo spettacolo che ogni mattina d'agosto mi si prospetta davanti agli occhi. In questa zona del Salento, Porto Cesareo per la precisione, non si vive la notte come nelle località più rinomate tipo Rimini o Riccione perchè a parte qualche pizzeria o gelateria non c'è ancora granchè (e speriamo rimanga così)e per trovare la prima discoteca devi fare almeno 30km. Dalle 8,00 di mattina alle 8,00 di sera,…

tags: #bambini(85)    #salento(3)    #spiaggia(20)    #vacanza(9)    #mare(154)


(racconto religione, lunghissimo)  di nwForlani Roberta

descrizione: Sono Roberta, mamma di un ragazzino gravemente disabile, protagonista del libro. La storia che lo riguarda tratta della sua malattia sconosciuta e del nostro quotidiano sofferto e tribolato accanto a lui, ma anche di una fede riscoperta e rinnovata.

tags: #amica(58)    #bambino(85)    #dio(42)    #don orione(1)    #fede(12)    #madonna(10)    #ospedale(19)    #preghiera(10)    #speranza(106)    #suore(3)


descrizione: Copia del dipinto "la Madonna della seggiola" di Raffaello, eseguito con tecnica olio su tela di dimensioni pari all'originale, 75X75

tags: #bambino(85)    #raffaello(1)    #madonna(10)

Elencate 10 relazioni su 183 -
 
10
20
 ... 
190
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.95.131.146


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2021
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,27 secondi.