pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Sat 10 April, 17:05:42
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Sogni di carta

(racconto narrativa, breve - per tutti)
Tempo di lettura: circa 5 minuti
1.503 visite dal 10/01/2011, l'ultima: 1 mesi fa.
7 recensioni o commenti ricevuti

Autore di quest'opera:


Titoli simili:

Descrizione: nessuna...

Incipit: Alberto era dai nonni. Anche se gli altri non l'avevano ancora capito lui sapeva che era successo qualcosa di strano ai suoi genitori.


Sogni di carta
voce
file: sogni-di-carta.doc
size: 20,50 KB
Tempo di lettura: circa 5 minuti
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))

* è tra i primi 10!
10° in opere commentate (Narrativa, dal 2011)


Elenco Tag dell'opera:
#drammatico(5)    #sogni(108)    #incontri(28)



Recensioni: 7 di visitatori, 7 totali.

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: stai per confermare la recensione o il commento al lavoro dell'autore Sara Boschi. Prima di proseguire, però, se hai necessità di discutere più a fondo di questa opera con l'autore, puoi iniziare una discussione più ampia e dettagliata usando la nwsezione apposita del nostro forum. Tale discussione, se non è già stata aperta, dovrà essere creata con il titolo:

"Sogni di carta - Sara Boschi".

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci/commenta un'opera a caso.
(per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nella tipologia desiderata)

recensore:
avatar di Arditoeufemismo
nwArditoeufemismo
$ sostenitore 2012 (2 dal 2011)

Recensione o commento # 1, data 11/01/2011
Un racconto dai connotati ultraterreni a riproporre il tema che l'amore va oltre. Va oltre le leggi umane che spesso sono ciniche e lasciano i poveri "Alberti" orfani.
Il racconto è scritto bene e, cara Sara Boschi, hai sinceramente poco da imparare da noi. Nell'ottica di migliorarci vicendevolmente, volevo segnalarti la fastidiosa ripetizione di "casa dei PROPRI nonni. PROPRIO". Naturalmente non è errato, ma, forse, è più elegante sostituire uno dei due. Inoltre, penso che un istrice si scriva senza apostrofo. Ok Sara, ora ti aspettiamo nelle gare di Braviautori. Alberto a.k.a. Arditoeufemismo



recensore:
avatar di Angela Di Salvo
nwAngela Di Salvo
$ sostenitore 2015 (3 dal 2011)

Recensione o commento # 2, data 11/01/2011
Un racconto carino,denso di una leggerezza che ha il sapore del sogno e dell'innocenza,scorre fluido e gradevole sotto la lettura.
Un bimbo che ha perso i suoi genitori non ha altro modo per compensarne la mancanza che quella di ritrovarli in una dimensione onirica dove è possibile immaginarsi l'amore di cui si ha bisogno per acquistare la fiducia in se stessi e continuare la propria esistenza senza il peso della percezione della perdita. Direi che, come prima prova di narrativa, sia andata bene. Segnalo però, oltre a quanto segnalato in precedenza, un altra ripetizione al quarto e al quinto rigo (messa....messo), tra l'altro tra la parola "messa" e il verbo "ridere" manca la lettera "a". Meglio cambiare la frase in "si sarebbe fattta di sicuro una bella risata" ..ecc.ecc.
E' possibile ancora notare uno scarso uso della punteggiatura in molti punti in cui proprio sarebbe necessaria. Inoltre l'epressione "Ricordò per un attimo la notte di tanti anni fa quando incontrò per la prima volta in sogno i suoi genitori", va corretta in "ricordò per un atttimo la notte di tanti anni prima quando aveva incontrato in sogno i suoi genitori". Benvenuta fra noi.



recensore:

Giuseppe Novellino
Recensione o commento # 3, data 11/01/2011
Il racconto è molto interessante. Bella l'idea di immaginare un contatto con l'Aldilà  attraverso un disegno infantile. L'opera denota una fantasia fervida e grande sensibilità . Un po' acerbo nel linguaggio e nella struttura narrativa, ma godibilissimo. Ti segnalo due errori:
- "giù" che hai scritto senza accento:
- "che non vedeva l'ora di mostrarlo", quando l'espressione corretta è: "che non vedeva l'ora di mostrare" (il che relativo e il pronome enclitico "lo" si sovrappongono.
Bella e promettente prova, comunque.



recensore:
avatar di Stefano di Stasio
nwStefano di Stasio
$ sostenitore 2010

Recensione o commento # 4, data 01/04/2011
La presenza dei genitori, scomparsi prematuramente, si materializza nel frutto creativo del figlio bambino, non ancora consapevole del luttuoso evento. In questo racconto, sia quanto accade al protagonista, sia la struttura del linguaggio, parlano d'infanzia. In questa età , sospesa fra la realtà  e la fantasia, spesso i contorni del fatto e del sogno si confondono e si inseguono. Così il protagonista, il piccolo Alberto, manifesta doti di straordinaria intuizione, come molti bambini particolarmente sensibili, che vivono uno stato di empatia con i loro genitori. Pur non essendo stato informato dal nonno, già  percepisce che qualcosa di strano è accaduto e costruisce il suo strumento di esorcismo della paura, il disegno. Poi si addormenta e sogna di intrufolarsi in ciò che ha tracciato sulla carta riuscendo a parlare, ancora un volta, con i propri genitori. Nel tenero colloquio, egli immagina che il disegno possa essere lo strumento per non spezzare il prezioso legame e fissa le parole del padre e della madre che perpetueranno l'affetto per sempre "… ogni volta che ti sentirai solo, che avrai bisogno di aiuto guardandolo saprai che saremo con te …". L'epilogo mi sembra particolarmente riuscito perchè rappresenta efficacemente il passaggio di testimone nella staffetta della vita. Alberto guarda il disegno che ha portato sempre con sè, probabilmente un'ultima volta, prima di correre ad assistere la moglie che sta per partorire. Il suo status di figlio ora è cambiato in quello di padre. Dovrà  essere lui ora a sostenere il suo bambino che cresce. Non si sentirà  più solo.
Il conto ortografico: "…che non vedeva l'ora di mostrarlo alla mamma…"; molte virgole da inserire; "… gli sembrò di cadere giu per il foglio…"; qualche ripetizione nel finale.



recensore:
avatar di Isabella Galeotti
nwIsabella Galeotti
$ sostenitore 2019 (4 dal 2012)

Recensione o commento # 5, data 07/01/2013
L'innocenza e la sensibilità  di Alberto escono prepotentemente da lui e così
intuisce che i suoi genitori probabilmente non ritorneranno mai.
Il disegno lo crea per averli vicini e di notte fa di tutto per potersi
inserire tra la mano della mamma e quel cappellone del papà , anchese in realtà  il babbo era pelato come una patata printo per bollo.
Quando riesce a prenderli per mano, loro lo rassicurano dicendogli di
portare sempre con lui questo dipinto. come fosse una foto personalizzata, una foto fatta con queli occhi da bimbo disperato e solo.
Solo una piccolissima cosa, ci sono parecchie ripetizioni basterebbe usare EdOra e il racconto decollerebbe e volerebbe in vetta alla classifica.



recensore:
avatar di Ida Dainese
nwIda Dainese
$ sostenitore 2021 (12 dal 2015)

Recensione o commento # 6, data 15/08/2017
Un bel racconto che mette in risalto la dolcezza dell’affetto. Il legame di un bimbo con i suoi genitori, il suo modo di sentirli vicini trasferendo le loro anime sulla carta, ricambiato dal loro venire in sogno. L’amore familiare sopravvive alle disgrazie della vita e si rinnova nella continuazione. L’amore dei nonni ha sostenuto Alberto ricordandogli quello dei genitori, amore che lui ha conservato e che è pronto a donare di nuovo nel figlio che arriva. Sogni di carta, sì, ma che sono molto potenti.
Ti hanno già segnalato i diversi errori.



recensore:

Arcangelo Galante
Recensione o commento # 7, data 06/09/2017
Una piacevole narrazione, che appare come un piacevole fluttuo tra sogno e realtà. Il bambino, rimasto da poco orfani di entrambi i genitori, non trova altri modi per non sentirne la mancanza, se non quello di ritrovarseli in sogno, cercando in loro tutto il possibile amore che non potranno più donargli, nella dimensione terrena. Un modo come un altro, per sentirli sempre vicini, nel tentativo di acquistare fiducia in se stesso e proseguire il cammino della propria esistenza, il più serenamente possibile. La lettura è piacevole e scorre gradevolmente, a parte qualche piccolo refuso e la punteggiatura, non sempre perfetta, come già sottolineato nei commenti di chi mi ha preceduto. Un caro saluto, Sara.




L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Sogni di carta di Sara Boschi è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(racconto pulp, medio)  di nwPaolo Pietro moro

descrizione: Quando qualcuno o qualcosa ti porta via quello che di più caro hai al mondo il diavolo che è dentro ad ognuno di noi si risveglia. Ora è meglio che iniziate a pregare.

incipit: Sogni che, come ammalati di una particolare forma di obesità appaiono ora pesanti ed incapaci di scalare e conquistare montagne giganti.

tags: #drammatico(5)    #fantastico(22)    #sangue(32)    #vendetta(20)


(racconto narrativa, breve)  di nwMaria Pollone

descrizione: Il dolore della perdita, un addio non detto, e tutte le parole che rimangono inespresse quando una storia finisce senza una vera fine. A parlare è un ragazza, che racconta la sua storia con il ragazzo che ha perduto.

incipit: "Ho parlato tanto e a lungo, ma le parole suonavano sempre sbagliate, corrotte dal veleno che aveva corroso il mio cuore. Ho parlato tanto e a lungo, ed ora, di parole giuste, non ne ho più" (dal racconto Le parole che restano)

tags: #amore(587)    #drammatico(5)    #fine(18)    #parole(29)    #perduto(2)    #storia(29)    #addio(15)


(racconto narrativa, breve)  di nwAll_of_me

incipit: «Run rabbit run, dig that hole, forget the sun…» Corri coniglio. Corri finché puoi.

tags: #drammatico(5)    #relazioni(7)    #tristezza(39)    #amore(587)


(racconto narrativa, breve)  di nwDilettante90

descrizione: Le vicissitudini di un solitario e triste trentenne che sbarca il lunario come gelataio e il ripresentarsi di suoi vecchi ricordi.

incipit: Le 22:30. E anche oggi è stata un’altra giornata di merda. Quanto mi sta sul cazzo questo lavoro alla gelateria. Il mio collega, Fabrizio, è un incapace lumaca; la sua lentezza è degna di queste nuove generazioni di rincoglioniti, che non hanno voglia di lavorare. Mi irrita, ma sono troppo buono, e non ce la faccio a sgridarlo quando lo becco a costruire coni orribili che non andrebbero serviti. E’ vero che agli inizi pure io facevo pena a farli, ma almeno dopo una settimana mi ero impratichito …

tags: #cinema(9)    #sceneggiatura(2)    #drammatico(5)


(pittura altro)  di nwDalila

descrizione: Tecnica Mista /olio su tela

tags: #gabbiani(14)    #sogno(108)    #sole(77)    #mare(151)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwDalila

tags: #sogno(108)    #stelle(35)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwGennyCaiazzoPoesie

descrizione: La rosa e il tulipano poesia di Genny Caiazzo

incipit: Poesia autobiografica derivata da un sogno scritta da Genny Caiazzo

tags: #sogno(108)    #amore(587)


(pittura altro)  di nwDalila

descrizione: Vi presento in anteprima la copertina della mia prima fiaba per bimbi,(Pubblicazione vinta in un concorso) gia’ in stampa .

tags: #danza(9)    #farfalla(16)    #note(3)    #pianoforte(3)    #sogno(108)    #fantasia(31)

Elencate 10 relazioni su 139 -
 
10
20
 ... 
140
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.238.174.50


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2021
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,29 secondi.