pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Thu 05 August, 23:06:34
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

God Bless America

(racconto narrativa, breve - per tutti)
81 visite dal 13/02/2020, l'ultima: 8 mesi fa.
5 recensioni o commenti ricevuti

Autore di quest'opera:
avatar di Roberto Ballardini
nwRoberto Ballardini
$ sostenitore 2020 (3 quest'anno)


Descrizione: Un ponte tra il passato e il presente. La prima parte, l’incidente nella riserva, vuole porre l’accento sul carattere umiliante, persecutorio di quello che è stato a tutti gli effetti un vero e proprio olocausto in nome del profitto e dell'avidità.

Incipit: Montana, 2003. Il piccolo Falco ha fatto un disegno a scuola. La maestra ha chiesto alla classe di raffigurare, ognuno a suo modo, la bandiera americana. George W. Bush ha appena avallato la seconda guerra del Golfo e lei ha pensato probabilmente che infondere un po’ di sano patriottismo nei giovani virgulti, non potesse certo far male. I disegni sono stati tutti esposti nel corridoio. Be’, quasi tutti. Quello di Falco è finito nel cestino, su diretta indicazione della preside.



God Bless America
voce
file: roberto-ballardini-g_
od-bless-america.doc
size: 86,00 KB
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))






Elenco Tag dell'opera:
#america(6)    #evocazione(3)    #genocidio(2)    #olocausto(5)    #spettri(3)    #nativi americani(2)


Recensioni: 5 di visitatori, 9 totali.
  recensisci/commenta

recensore:

Recensione o commento # 1, data 00:00:00, 13/02/2020
Un racconto che evidenzia come la cosiddetta modernità sia la peggiore alienazione che esista: dimentica del passato, e orgogliosa di esserlo.
La condizione dell'esule è difficile, ma ne esiste una peggiore: quella di colui che è spossessato del proprio mondo, straniero a casa sua. I nativi americani, i cosiddetti indiani, ne sono un esempio tipico, tra gli altri. Quello dei nativi americani è uno degli olocausti di cui non si parla (quasi) mai, e a nessuno è venuto in mente di dedicare una giornata per ricordarlo. Mi sa che nemmeno tu concorrerai For President…



recensore:
avatar di Roberto Ballardini
nwRoberto Ballardini
$ sostenitore 2020 (3 quest'anno)

risposta dell'autore, data 00:00:00, 14/02/2020
Credo in effetti che si stia raggiungendo velocemente l'apice di quella alienazione di cui parli, che indubbiamente esiste. O forse l'alienazione è già storia e noi ci si appresta ora a viverne le conseguenze (è notizia di oggi il nuovo record assoluto della temperatura in Antartide, mentre fuori, a metà febbraio c'è un caldo assurdo e la nostra preoccupazione principale continua a essere quella di arrivare a fine mese, o forse a fine giornata). Genocidio a parte (non è poco, ovvio, ma ne abbiamo visti tanti), quello che duole è la supremazia (momentanea, anche questo è ovvio) concettuale dell'uomo sulla natura. Così è, ce ne dovremo fare una ragione. Va anche detto che in questi giorni l'ambientalismo comincia a essere un tema ricorrente e che per la prima volta si assiste a qualche iniziativa del mondo economico in questo senso, ma cazzo… Con calma eh.
Niente presidenza, in effetti. Vabbè, ci faremo una ragione anche di questo. Grazie della lettura Andr. Buona giornata.



recensore:
avatar di Selene Barblan
nwSelene Barblan
$ sostenitore 2021 (7 dal 2019)

Recensione o commento # 2, data 00:00:00, 14/02/2020
È uno dei (tanti) argomenti che mi fanno molto incazzare; trovo incomprensibile la necessità degli umani a prevaricare i diritti altrui, siano essi umani/animali o vegetali, ambientali, ... . È avvenuto negli USA, in Sud America, Australia, Europa... anche nella “pulita” Svizzera. Avviene ancora, tutti i giorni, forse in maniera più subdola. Stimo molto le persone che, come anche nel racconto il piccolo Falco, trovano la forza di reagire e lottare per mantenere nonostante tutto la propria identità e dignità. Trovo bellissima l’immagine finale, simbolica, poetica; il racconto mi è piaciuto ovviamente molto, riesce a trattare l’argomento in modo efficace, spietato, mai scontato.

Mi permetto di inserire due link interessanti:

https://www.avvenire.it/agora/pagine/bambini-rubati-unombra-sulla-svizzera

http://www.agoravox.it/La-civilissima-svizzera-e-gli.html



recensore:
avatar di Roberto Ballardini
nwRoberto Ballardini
$ sostenitore 2020 (3 quest'anno)

risposta dell'autore, data 00:00:00, 15/02/2020
Ciao Selene. Molto interessanti, i link. Quante sono le cose terribili di cui non si sente parlare. Mi ha colpito nel secondo articolo, quello sugli Jenisch, come almeno un paio dei loro persecutori fossero pedofili e malgrado questo legittimati a decidere del destino di altri bambini. E poi ancora preti e altre suore, persone fallite (nello specifico, non in generale) che usano la fede per nascondercisi dietro e far valere un potere che non avrebbero nessun diritto d'avere. Che mondo assurdo, davvero.
Nel caso dei nativi d'America il motivo era logico. Logico per chi pensava e pensa che il proprio modo di vivere - basato sul costante bisogno di essere migliori degli altri (che spesso significa "avere di più"), migliori degli animali e della natura - sia più evoluto. Non avere mire di espansione, ma vivere il presente e la natura, era probabilmente considerato come sinonimo di passività. Questa era la giustificazione morale (noi ce la meritiamo questa terra e loro no) per le orde di immigrati (che sbandieravano la volontà di Dio, e molti americani lo fanno ancora, consumando nel frattempo 4, 5 volte il loro fabbisogno alimentare) per i quali la terra fertile non era mai abbastanza. Se poi cerchiamo un elemento comune che possa farci riagganciare ai tuoi link, possiamo dire che le culture diverse dalla propria (laddove la propria va per la maggiore) disturbano perché in primo luogo costituiscono spesso qualcosa che potenzialmente può mettere in dubbio la cultura maggioritaria. Eliminare o soggiogare le differenze, di conseguenza, funziona per i persecutori come una conferma della bontà dei propri principi. O perlomeno questa è la mia convinzione.



recensore:
avatar di Selene Barblan
nwSelene Barblan
$ sostenitore 2021 (7 dal 2019)

Recensione o commento # 3, data 00:00:00, 19/02/2020
Assolutamente... quanto dici mi ricorda anche quello che ho potuto vedere in Australia con le popolazioni aborigene e la Stolen Generation. Una gran vergogna.



recensore:
avatar di Giampiero
nwGiampiero
$ sostenitore 2020 (2 dal 2019)

Recensione o commento # 4, data 00:00:00, 20/02/2020
Struggente racconto-denuncia in cui, considerate le psicologie rappresentate, la parola “razzismo” si riassume in un’enorme R maiuscola atta a spiattellarci la destinazione finale di una delle sue più spregevolissime forme: l’arido alveo in cui scorre e si auto incensa, alla grande, il male. Il punto di vista del racconto, del resto, è ben determinato a non fare sconti di sorta, tanto che riesce a ben rappresentare quella realtà grottesca che nell’immaginario collettivo troppo spesso si appalesa come un film dalla trama talmente rivista da non fare quasi più nemmeno tanto notizia – ma ciò attecchisce solo nelle menti più maleficamente bacate. Un punto di vista che, invece, per alcuni versi, ci informa non solo che fine ha fatto il sangue versato di certi poveri cristi ritrovatosi sulla strada di aguzzini “civilizzati”, ma anche del risultato che tale sangue versato ha assunto (assume) nelle nostre coscienze. Un risultato in cui in cui la banalità del male è l’unico valore assoluto, e fa purtroppo la voce grossa sottoforma di progresso. Supermercati! La nostra società è ormai solo un enorme supermercato in cui impera la pubblicità e tutto il contorno vuoto pianificato. Un supermercato intriso di sangue, sì, ma la sua storia non è affatto ignara, tanto che le persone che ci camminano sopra “come se niente fosse” dovrebbero scusarsi all’infinito periodico. Eppure c’è chi non riesce a cogliere gli aspetti più truci di questo odioso sopruso storico atto a depredare, ad abbattere popoli fieri relegandoli nel nulla del silenzio, laddove menti sofisticate cercano di far passare di sottobanco sotto il nome di “conquista”, di “progresso”, giustificando l’ingiustificabile. Sono temi scottanti, come il tema della pedofilia, laddove quando solo uno vi si cimenta per rammentare che in questa terra non ci sono santi ma diavolacci, troverà sempre quello che ti dirà di non fare di tutta l’erba un fascio. Io invece condivido in toto chi pone l’accento a certe questioni, soprattutto facendolo al ritmo di una scrittura efficace come questa. Perché alla fine, scriveva un saggio, solo l’approssimativo è falso.



recensore:
avatar di Roberto Ballardini
nwRoberto Ballardini
$ sostenitore 2020 (3 quest'anno)

risposta dell'autore, data 00:00:00, 20/02/2020
Grazie, Carlo. Mi fa piacere aver ricevuto dei commenti di questo tipo. Certo il racconto non sposta una virgola delle ingiustizie passate e presenti, ma credo sia giusto scriverne, se non altro per averne una certa consapevolezza, che non guasta mai. D'altra parte le immagini di questi giorni dei profughi siriani in fuga dalla guerra e intrappolati in mezzo alla neve, danno la misura di come certe atrocità si ripetano in continuazione. La prossima volta pubblico qualcosa di più allegro, giuro.



recensore:
avatar di Ida Dainese
Ida Dainese
$ sostenitore 2021 (12 dal 2015)

Recensione o commento # 5, data 00:00:00, 28/02/2020
Un racconto molto bello e molto triste, capace di toccare dentro quella parte di noi che di solito fa male. La scrittura perfetta trascina subito in mezzo alle ambientazioni della storia, nell'aula dove il piccolo disegna, nel cestino dove finisce il foglio, nell'autobus sotto la luna, sul crinale dove la visione del supermercato si alterna a quella del campo indiano. Gli sguardi cattivi, l'ignoranza che produce gesti meschini, le ingiustizie, i massacri, assomigliano a tanti, innumerevoli altri di cui abbiamo saputo, di cui sappiamo e di cui verremo a sapere. La vista di quelle stelle cadute dalla bandiera dovrebbe continuare a riverberare negli occhi di chi le ha guardate. La ripetizione nel tempo della cattiveria spietata è quella che dovrebbe ferire sempre ognuno di noi, finché ci vantiamo di avere un'anima.



recensore:
avatar di Roberto Ballardini
nwRoberto Ballardini
$ sostenitore 2020 (3 quest'anno)

risposta dell'autore, data 00:00:00, 08/03/2020
Ma non lo fa. Non si rimane feriti ogni volta. Non è nella natura delle cose, quando le atrocità si ripetono e noi si vive senza la reale possibilità di cambiare nulla o senza il reale desiderio di stravolgere la propria vita per votarsi idealmente a qualche causa (desiderio che io non nutro assolutamente). Si produce piuttosto una sottile ragnatela di rassegnazione e tristezza che ti spinge a scrivere racconti mesti e deprimenti come questo. E anche, spero, un naturale senso di insofferenza nei confronti dell'idiozia generalizzata a cui siamo sottoposti quotidianamente. Quella, per intenderci e per mantenerci nell'attualità degli eventi, di chi si indigna per un cinese col raffreddore e non gliene frega niente di un attivista incarcerato e torturato in Egitto, di un giornalista fatto a pezzi nel consolato saudita a Istanbul o di una colonna di profughi siriani abbandonati a sé stessi. Vabbè, sono cose già dette, mi rendo conto. Rimanendo nello specifico, grazie per il bel commento, Ida. Fa sempre piacere.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci/commenta un'opera a caso.
(per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nella tipologia desiderata)


L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
God Bless America di Roberto Ballardini è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(racconto narrativa, medio)  di nwAlessandro Napolitano

descrizione: Questa è la storia di Bert.

incipit: La palestra della scuola era illuminata solo in parte, la luce cadeva perpendicolare sulle sette sedie disposte in circolo. Il locale sapeva di lucido da parquet, le tribune erano vuote e il segnapunti elettronico spento. Le finestre, arrampicate sulle alte pareti, erano bersagliate da una fitta e insistente nevicata. Bert occupava una delle sedie, calzava un berretto di lana, era avvolto in uno sporco giubbotto e teneva le gambe accavallate. Aveva le mani una dentro l'altra e il suo ...

tags: #america(6)    #psicologia(11)    #solitudine(60)    #suicidio(15)    #neve(40)


(disegno altro)  di nwRoberto Ballardini

tags: #coppia americana(1)    #usa(7)    #west(1)    #america(6)


(racconto narrativa, breve)  di nwRoberto Ballardini

descrizione: Esistono numerose canzoni intitolate al supereroe in questione ma, per quello che può valere, il brano che ho associato a questo racconto fin dall'inizio è indubbiamente il classico di Elton John, "Rocket man".

incipit: «Lois era davvero così bella, l’altra sera?» «Non era bella, Jimmy. Era uno schianto.» «Me la descriva, la prego.» No, io prego. Prego che la cantante, laggiù, la smetta con Billie Holiday. Vuole forse vedermi morto? Non lo sa che era la preferita di Lois? Non lo sa che Lois mi ha piantato? È uscita con Lex indossando il vestito verde. Io odio il verde, ma le stava d’incanto sopra le gambe abbronzate e lucenti come il rame, le braccia e la vita sottili da silfide, il collo lungo e flessuoso…

tags: #america(6)    #mare(154)    #tempesta(15)    #superman(4)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwRoberto Ballardini

tags: #america(6)    #bambini(85)    #denaro(5)    #potere(12)    #politica(39)


(racconto narrativa, breve)  di nwFedericoBisto

descrizione: L'elevazione e allo stesso tempo lo sprofondamento, di un fantasioso ragazzo americano,in una vita diversa, lontana dal mondo terrestre. Che in qualche modo era già scritta nel suo destino.

incipit: William Haggerty, nato a Seattle nel 1938 era un bambino timido e silenzioso. Il padre, Arthur, lavorava come meccanico in un’officina a Piooner square. La madre Linda invece, nella fabbrica Filson. Tra la quinta e la settima strada di Utah Ave, entrambi per dieci ore al giorno, sei volte la settimana. Per questo durante l’infanzia vedeva molto poco i genitori e la passò quasi esclusivamente con i nonni.

tags: #alienazione(6)    #america(6)    #americano(1)    #fantastico(23)    #grottesco(10)    #immaginazione(12)    #liberazione(11)    #liberta(45)    #mitologia(11)    #moderno(7)


(racconto horror, breve)  di nwAlessandro Mazzi

tags: #collina(3)    #evocazione(3)    #mistero(51)    #notte(79)    #orrore(14)    #paura(87)    #rituali(3)    #evocazioni(3)


(racconto horror, breve)  di nwAlessandro Mazzi

tags: #demoni(17)    #evocazione(3)    #orrore(14)    #rituale(3)    #valpurga(1)    #notte(79)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwAngelo Antonio Ciola

descrizione: Per la celebrazione del Giorno della Memoria

tags: #genocidio(2)    #nazismo(2)    #olocausto(5)

Elencate 10 relazioni su 15 -
 
10
20
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 18.205.192.201


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2021
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,25 secondi.