pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Sun 20 June, 08:05:41
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

A day in the life

(racconto narrativa, breve - per tutti)
Tempo di lettura: meno di 5 minuti
20 visite dal 08/03/2021, l'ultima: 2 mesi fa.
4 recensioni o commenti ricevuti

Autore di quest'opera:

Descrizione: Un giorno non qualunque nella vita di un gruppo musicale.

Incipit: - Buon giorno, Signora Harrington. Aspettate che vi aiuto con quei pacchetti. - Oh, grazie, Phil. Sei sempre così gentile, non so come farei senza di te. Cos'è tutta quella confusione? - Niente, signora. Si tratta di quei musicisti. Sapete, quelli dell'ultimo piano; pare che oggi saranno ricevuti dalla Regina. - Nientemeno? E per quale motivo? - Non chiedetelo a me, signora. Dipendesse da me, quelli starebbero ancora strimpellando nella loro cantina.


A day in the life
voce
file: a-day-in-the-life.odt
size: 25,54 KB
Tempo di lettura: meno di 5 minuti
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))

* è tra i primi 10!
in opere commentate (dal 2021)


Elenco Tag dell'opera:


Recensioni: 4 di visitatori, 5 totali.
recensisci/commenta

recensore:
avatar di Ida Dainese
Ida Dainese
$ sostenitore 2021 (12 dal 2015)

Recensione o commento # 1, data 08/03/2021
Ovviamente ho capito alla terza riga di chi si trattava e mi sono goduta tutto il resto. Mi è piaciuto osservare la situazione da un altro punto di vista, con gli occhi di chi ancora non sa e non può prevedere come andrà a finire. Il racconto lo mostra con la semplicità del tempo che cambia piano ma inesorabile, con lo scontrarsi delle generazioni e, nel finale, con un po' di malinconia nel sentire quelle parole sugli Stati Uniti pronunciate da Lennon, perché noi sappiamo la sorte che lo attende.



recensore:

Visitatore
Recensione o commento # 2, data 08/03/2021
Cara Ida, ti ringrazio della lettura. Sì, il portinaio non si spiega il successo del gruppo, ma in fondo penso che nemmeno gli interessi granché. Per lui, la "vera musica" è un'altra, non quelle chitarre strimpellanti.
Da fan dei Beatles, ti posso dire che provo le stesse cose per la musica rap, oggi il genere più in voga: ottima per per un antifurto, molesta nel complesso. Questione di gusti, o forse è solo perché ho la stessa età del portinaio dei Beatles.



recensore:
avatar di Roberto Virdo'
nwRoberto Virdo'
$ sostenitore 2020 (5 quest'anno)

Recensione o commento # 3, data 08/03/2021
Te lo devo dire, mi hai fatto commuovere. Veramente uno splendido approccio nella musica e oltre. C'è una bellissima raccolta dei Beatles, la 62-66, in cui The Fab vengono fotografati dal basso sul pianerottolo di quello che credevo essere un condominio. In realtà è la la sede londinese della EMI, ma da oggi lo nomino ufficialmente il palazzo del tuo racconto, e così resterà stampato per sempre nella mia memoria. Bellissimo l'incontro con il Signor Starr, è vero dei quattro il più abbordabile e colui che maggiormente ha patito per essere realmente accettato dal gruppo. Il personaggio del "figlio" ribelle ci sta tutto, sia nella trama che nella storia del gruppo che musicalmente ha rappresentato un vero "salto di paradigma". Il riferimento a Cole Porter non credo sia stato un caso.
Non so come tu abbia ideato questo quadro così significativo, astratto e realista al contempo. Hai scelto un titolo giusto, è vero, sei riuscito a inquadare i Fab in un giorno di vita quotidiana e poi vista da un uomo comune. Un titolo che è del 1967 e quindi non presente nella mia raccolta, ma mi basterà spostarmi di appena qualche centimentro per frugare tra la decina di restanti dischi dei mitici. Non ce li hai messi, eppure io ho comunque visto i celebri capelli a caschetto e le fan in minigonna che si catapultavano nel portone. Il tocco sensibile del Lennon finale mi fa capire quanto tu possa amare sia la musica che i Beatles stessi. Per causa tua ho già davanti la raccolta di cui ti parlavo. Tra tutte, sarà anche banale ma di fronte a questo tuo tuffo nel passato: Yesterday.
Bravo, bravo, bravissimo. Sarà che mi hai colpito al cuore.



recensore:

risposta dell'autore, data 08/03/2021
Contento che ti sia piaciuto, e che anche per altri siano importanti. Il "giorno nella vita", cioè il giorno in cui i quattro furono insigniti del titolo di baronetti, è nel 1965, e mi è piaciuto ambientare la storia proprio in quel punto delle vicende del gruppo.
Nato nel '60, sono cresciuto con le canzoni dei Beatles in testa (alla radio, la Hit Parade di Lelio Luttazzi), tre note mi bastano per evocare i ricordi delle elementari, le partite di pallone, la nonna che mi prepara la cioccolata calda…
Basta, sennò mi commuovo anch'io.



recensore:
avatar di Roberto Virdo'
nwRoberto Virdo'
$ sostenitore 2020 (5 quest'anno)

Recensione o commento # 4, data 08/03/2021
… ! Senza parole. Non erano solo gli anni della gioventù: erano altri anni, diversi. Se pensiamo che magari nello studio accanto a quello dei Beatles incidevano i Pink Floyd, improvvisamente ci rendiamo conto di quanto quell'epoca fosse vibrante, scintillante. Un riverbero che in qualche modo abbiamo ritrovato negli anni '80 dove l'innovazione di MTV ha definitivamente creato e portato nelle case il connubio musica/immagini. Credo di poter dire, non senza rammarico, che oggi ci possiamo rendere conto di come questo connubio sia probabilmente al primo minimo storico in termini di qualità. Chiedo scusa se ho rubato ancora spazio, ma se parlare dei Beatles oggi è meravigliosamente anacronistico un motivo ci sarà pure. Guardiamo a quegli anni con la stessa distanza con cui probabilmente potremmo vedere dei rappresentanti dell'illuminismo o anche del Rinascimento. Insomma Andr mi trovi così d'accordo nel tuffarci in quel periodo che era bello perchė c'erano i Beatles e soprattutto perché il pensiero della gente comune era così differente e distante da quello odierno. La smetto qui, promesso. Grazie ancora.





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci/commenta un'opera a caso.
(per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nella tipologia desiderata)


L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
A day in the life di Andr60 è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(poesia narrativa, medio)  di nwPietro1968

descrizione: "Il Goya degli emigranti a Hendaya" [Cristina Annino, Il paesaggista, Madrid (1987)]

incipit: Creature di simpatia termostatica, di allegria pneumatica, come il nome stesso suggerisce sono atterrati qui da paesi dove il sole ferisce.

tags: #appartenenza(1)    #esilio(2)    #immigrazione(3)    #origini(3)    #patria(2)    #emigrazione(2)

Elencate 2 relazioni su 2 -

Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.235.179.79


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2021
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,24 secondi.