pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Sun 25 July, 10:55:08
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Levare l’ancora

(racconto altro, breve - per tutti)
Tempo di lettura: meno di 5 minuti
63 visite dal 16/02/2020, l'ultima: 6 mesi fa.
4 recensioni o commenti ricevuti

Autore di quest'opera:
avatar di Selene Barblan
nwSelene Barblan
$ sostenitore 2021 (7 dal 2019)


Incipit: Una cornice nera, di plastica, contorna una figura serena, la mano sinistra al petto, distesa, rilassata. La mano destra porge un libro, luminoso, come il viso, che non mi guarda.


Levare l’ancora
voce
file: opera.txt
size: 4,61 KB
Tempo di lettura: meno di 5 minuti



Elenco Tag dell'opera:
#distacco(2)    #infanzia(22)    #sogno(110)


Recensioni: 4 di visitatori, 8 totali.
recensisci/commenta

recensore:
avatar di Ida Dainese
nwIda Dainese
$ sostenitore 2021 (12 dal 2015)

Recensione o commento # 1, data 05/03/2020
Un racconto che mi ha colpito. Viene descritta così bene l'insofferenza della protagonista, costretta ad ascoltare parole che non la interessano, che il nostro sguardo vaga insieme al suo, lungo i ritratti, le pareti, gli oggetti, un'evasione disturbata ogni tanto da qualche frase che non riesce a riportare l'attenzione su quanto viene detto. Sono proprio così i pensieri, vagano liberi, senza sosta, saltando da considerazioni a ricordi, dal presente al passato, allacciando connessioni non sempre comprensibili ma forti. Quel che succede nel finale dà uno scossone al trascinarsi lento della realtà, riporta tutti al presente, anche chi era fuggito in altri luoghi mentali. Questa sì che è una vera fuga, un'evasione capace di cambiare anche la realtà di tutti gli altri. Un insolito, efficace modo di andarsene, di levare quell'ancora.



recensore:
avatar di Selene Barblan
nwSelene Barblan
$ sostenitore 2021 (7 dal 2019)

risposta dell'autore, data 05/03/2020
Sono molto felice di questo tuo commento, spiega molto bene quelle che erano le mie intenzioni, hai colto alla perfezione il senso di ciò che volevo raccontare!



recensore:

Recensione o commento # 2, data 07/03/2020
Un racconto molto realistico: anche a me capita spesso di fantasticare, quando assisto a relazioni particolarmente noiose. Il momento più problematico è verso le ore undici e, dopo pranzo, dalle quattordici e trenta fino alle sedici: in quei periodi, potrei abbioccarmi facilmente e, se morissi, non me ne accorgerei neppure.
Pertanto la defunta ha tutta la mia solidarietà.



recensore:
avatar di Selene Barblan
nwSelene Barblan
$ sostenitore 2021 (7 dal 2019)

risposta dell'autore, data 07/03/2020
Smile io devo avere un deficit d’attenzione... grazie per la lettura e per il commento!



recensore:
avatar di Roberto Ballardini
nwRoberto Ballardini
$ sostenitore 2020 (3 quest'anno)

Recensione o commento # 3, data 15/03/2020
Hai un modo di scrivere non facile, lo dico nel senso che io lo trovo molto distante dagli schemi narrativi più usuali, quelli che puntano in primo luogo a stimolare l'attenzione del lettore. Il punto di vista della tua scrittura non è rivolto all'esterno, ma all'interno, alle sensazioni, alla realtà più intima delle cose, laddove il silenzio, la solitudine, il distacco, non sono visti come sintomo di alienazione ma tutto il contrario, semmai segnali di un movimento più profondo, quello del mare che si muove incessantemente nella nostra testa. Laddove lo scopo è quello di conoscersi, di capire le sfumature dello spirito, ma anche di osservare il mondo che ci circonda senza pregiudizi di sorta, con tutta l'attenzione ai particolari necessaria della quale anche qui dimostri di essere dotata in buona misura. Una scrittura che si prende il tempo che le serve, senza farsi condizionare. Piaciuto molto.



recensore:
avatar di Selene Barblan
nwSelene Barblan
$ sostenitore 2021 (7 dal 2019)

risposta dell'autore, data 16/03/2020
Grazie Roberto, hai una bella capacità di analisi e riflessione, felice ti sia piaciuto. Sono curiosa di rileggerlo fra un po’ di tempo, quando ormai l’avrò dimenticato, per potermi vedere con uno sguardo, se non esterno, più distaccato. Grazie ancora per la lettura e per le tue parole.



recensore:
avatar di Namio Intile
nwNamio Intile
$ sostenitore 2021 (3 dal 2019)

Recensione o commento # 4, data 09/12/2020
Un racconto improbabile, che inizia come fosse un testo poetico ma poi s'allarga e cresce fino a diventare prosa, che conserva quell'impianto metaforico e simbolico proprio del linguaggio poetico.
La cornice nera di plastica (come fosse un involucro che contiene un viso, ma di plastica e quindi finto o imposto), il viso luminoso che non guarda (è l'inattenzione a cui siamo addestrati sin da piccoli per poter resistere agli sguardi degli estranei), la divisa nera (la cornice che si fa divisa, e quindi ancor più omologante e conformizzante e ancora il nero, il colore che annulla tutti i colori, come se il colore fosse la vita).
Un linguaggio metaforico, simbolico, non so fino a che punto pensato, voluto, dovrei conoscere l'autore meglio di come lo conosco per poterlo dire.
E quel titolo, il salpare l'ancora, come metafora del viaggio, della vita come viaggio per mare; vita come povero guscio che affronta i marosi senza l'aiuto di nessuno, di percorso che comunque ha come meta la morte, il non essere. Anzi, l'esistenza stessa che alla fine non esiste perché inizia con la non vita e deve terminare con la morte, di nuovo con il nulla, il ritornare al nulla come unico viaggio possibile e immaginabile e desiderabile.
La protagonista è una pallida voce narrante che sopporta sulle sue povere e giovani spalle il peso di una costruzione umana durata migliaia di anni che ha generato una società quasi non del tutto comunità che rende l'individuo una singolarità alle cui sole forze si deve il raggiungimento dell'unico obiettivo consentito: il successo. Successo che ha come controparte il fallimento.
Il successo a scuola, il successo nel lavoro, nella famiglia, il successo che offre quel riconoscimento sociale che permette di vivere, di affrontare il mondo senza guardare il mondo, il mare, senza dover salpare l'ancora.
Di contro il mancato raggiungimento degli obiettivi minimi, e quindi la riprovazione e l'isolamento, il senso di inadeguatezza personale, individuale, la perdita di senso della vita e di stima di sé.
Una società che non è comunità non aiuta i suoi membri, ma li giudica soltanto e li isola e marchia col sigillo della riprovazione chi non ce la fa o chi semplicemente si pone delle domande, chi non si conforma al pensiero e al sentire dominante. Chi non la pensa come gli altri, chi non si comporta come gli altri, chi si pone domande e cerca risposte.
Nel conformismo generale si perde l'individualità e arriva quella morte forse solo metaforica che coglie la tua voce narrante/protagonista.
L'unica soluzione al nulla è tornare nel nulla, levare l'ancora.
È questa un po' l'essenza del nichilismo in cui precipitiamo ogni giorno, stretti tra due nulla, tra il conformismo e la fuga verso il buio.
Ma si possono percorrere anche strade alternative, che in questo scritto io non vedo.
Forse la voce narrante/protagonista dovrebbe davvero guardare al mare, quello vero e non metaforico, la sua unità nella multiformità, la necessità di ogni ritorno, e considerare ciò che esiste, il mondo, con occhi nuovi, o forse antichissimi.
Difficile recensire qualcosa di tuo, eh, Selene.



recensore:
avatar di Selene Barblan
nwSelene Barblan
$ sostenitore 2021 (7 dal 2019)

risposta dell'autore, data 13/12/2020
Forse è difficile recensirmi, soprattutto quando scivolo nel “criptico”, ma tu ci riesci benissimo. Grazie Namio, tu riesci ad approfondire con molta sensibilità ciò che leggi. Hai colto bene ciò che volevo esprimere e probabilmente sei anche andato oltre, e questo non può che farmi piacere, significa che ho prodotto qualcosa che ha risuonato in qualcun altro.
Riguardo il finale, sì, il mare e ciò che simboleggia ci può ispirare a trovare alternative, una via che non sia il farsi soggiogare né il rinunciare a combattere.
Grazie infinite!





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci/commenta un'opera a caso.
(per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nella tipologia desiderata)


L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Levare l’ancora di Selene Barblan è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(racconto fantascienza, breve)  di nwVihio

descrizione: Non pare intelligente ma ha pilotato una astronave che non pare intelligente.

incipit: – Ha accettato la serie dei controlli medici sempre senza protestare? – – Docile quanto un cucciolo. Pronuncia la solita frase unita a qualche aggiunta banale estemporanea, mangia, dorme e si sottopone alle visite placidamente. – – E cosa dicono i referti? – – Dicono quello che già sappiamo in due casi su tre. Uno: ha una fisiologia ragionevolmente compatibile con quella degli esseri terrestri. Due: è effettivamente ermafrodita. Ma, tre: non ha subito danni cerebrali riscontrabili. –

tags: #alieni(52)    #alieno(52)    #astronavi(15)    #contatto(3)    #distacco(2)    #domande(8)    #indifferenza(7)    #sonnolenza(1)    #stupidita(2)    #superiorita(1)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwPaolo Maccallini

tags: #infanzia(22)    #ricordi(134)


(racconto narrativa, breve)  di nwStefano di Stasio

descrizione: Racconto breve, ricordo d'infanzia, affetti

incipit: Era l'estate del 1992, St. Malò, Bretagna.

tags: #affetti(10)    #infanzia(22)    #ricordo(134)    #famiglia(48)


(racconto narrativa, breve)  di nwMassimo Baglione

descrizione: Avevo scritto questo breve raccontino per un'antologia, ma quel progetto poi è saltato e quindi lo pubblico qui.

incipit: La vita di Eriberto era piuttosto strana. Sin da ragazzino lui era il genio della compagnia, ma al contempo ne era anche il guastafeste, colui cioè bullo ma con la testa sulle spalle, quello che "no, dai, lasciamo stare, non ne vale la pena" ma che poco prima aveva rubato una bicicletta; sempre pronto a

tags: #anziana(18)    #assassinio(1)    #chat(9)    #facebook(5)    #infanzia(22)    #infarto(4)    #omicidio(20)    #scale(11)    #silenzio(30)    #amore(592)


(racconto narrativa, breve)  di nwRoberta Michelini

incipit: Ci sono strade, luoghi del mio paese, che non sono cambiati molto dalla mia infanzia. Eppure a volte, quando sono assorta, li rivedo nella mia mente come li vedevo allora. È questione di pochi attimi, poi, il tempo di uno scatto fotografico, torno a vederli come sono ora, e percepisco uno sfasamento netto: non sono gli stessi luoghi.

tags: #anima(82)    #infanzia(22)    #luoghi(1)    #memoria(28)    #ricordi(134)    #impressioni(2)


(racconto noir, brevissimo)  di nwMatteo Caffettani

descrizione: Due gemelli. Due vite rovinate. Un'altra che sta per esserlo.

incipit: Mattia e Giordana si presero per mano.

tags: #coltellata(2)    #contessa(1)    #depressione(15)    #gemelli(6)    #infanzia(22)    #ingresso(1)    #incubi(16)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwPatrizia Chini

tags: #infanzia(22)    #nostalgia(29)


descrizione: Roma, 1998. Gianmatteo è un bambino sensibile, intelligente al punto da ritrovarsi confuso nelle mille contraddizioni del suo piccolo mondo familiare e scolastico. Sarà un gruppo di coetanei speciali ad aiutarlo. (Nota: L'opera è divisa in tre parti)

incipit: La percezione del calore del latte, e il profumo esageratamente dolce dei cornetti preconfezionati, a Gianmatteo davano spesso la nausea. Peraltro aprile si annunciava umido e afoso, minacciosa anticamera di ciò che avrebbero dovuto patire i cittadini senza ferie in piena estate.

tags: #amicizia(77)    #infanzia(22)    #rispetto(8)    #scuola(30)    #diversita(6)

Elencate 10 relazioni su 132 -
 
10
20
 ... 
140
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.229.137.68


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2021
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,38 secondi.