pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Mon 10 May, 03:49:17
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Blade Runner (The Baglione's cut)

(racconto fantascienza, breve - per tutti)
Tempo di lettura: meno di 5 minuti
3.705 visite dal 22/07/2010, l'ultima: 1 giorni fa.
14 recensioni o commenti ricevuti

Autore di quest'opera:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)


Descrizione: Questo racconto, scritto per Gara 5, è l'anello di congiunzione tra le Fondazioni di Isaac Asimov, il film Blade Runner (tratto da un libro di Philip K. Dick) e un personaggio del mio libro "L'Animo Spaziale".

Incipit: Los angeles, Terra - 2019 A.D. - Peccato però che lei non vivrà! Sempre che questo sia vivere... (Gaff) - Non sapevo per quanto tempo saremmo stati insieme. Ma chi è che lo sa? (Deckard) (Link all'ebook: ebooks#flag_ebook_87)


Blade Runner (The Baglione's cut)
voce
file: blade-runner.odt
size: 46,95 KB
Tempo di lettura: meno di 5 minuti
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))

* è tra i primi 10!
in opere commentate (Racconto, dal 2010)


Elenco Tag dell'opera:
#asimov(9)    #dick(3)    #fondazioni(6)    #isaac asimov(4)    #robot(30)    #sci fi(10)    #blade runner(1)



Recensioni: 14 di visitatori, 22 totali.

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci/commenta un'opera a caso.
(per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nella tipologia desiderata)

recensore:
avatar di Dixit
nwDixit
$ sostenitore 2015 (4 dal 2010)

Recensione o commento # 1, data 22/12/2009
Ah, che nostalgia! I bei tempi in cui i Nexus lavoravano senza stancarsi mai Smile



recensore:

Recensione o commento # 2, data 23/12/2009
Idea davvero interessante che, a mio avviso, andrebbe sviluppata. Probabilmente il limite dei caratteri imposti non l'ha reso possibile, ma ci proverei, al tuo posto.



recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

risposta dell'autore, data 23/12/2009
Grazie Diego!
Se conosci davvero bene sia Blade Runner che le Fondazioni, saprai che non sarebbe facile mettere d'accordo date e nozioni. Con questo breve scritto, che avevo già  in testa da anni, ho solo fatto un esperimento che, agli occhi dei più, può sembrare credibile. Però occorre anche far attenzione a chi è pignolo come me e che potrebbe storcere il naso eheheh
Però non è escluso che ci lavorerò.



recensore:
avatar di Arditoeufemismo
nwArditoeufemismo
$ sostenitore 2012 (2 dal 2011)

Recensione o commento # 3, data 23/12/2009
Al terzo "scion" che lo scrittore usa, facendo parlare la replicante, il lettore è colto dal vaghissimo sospetto che faccia riferimento al nome dell'attrice che interpreta Rachel nel film culto. Godibilissimo tentativo di riconciliazione di due futuri immaginari.



recensore:
avatar di Paolo Maccallini
nwPaolo Maccallini
$ sostenitore 2019 (2 dal 2009)

Recensione o commento # 4, data 23/12/2009
E' bello sapere che la storia di Rachel, lasciata nel finale un po' malinconico di Blade Runner, continua. E che la sua vita valicherà  i millenni... Il futuro che le riservi Massimo, nonostante l'inizio non molto allegro, è felice e luminoso.

I salti temporali vertiginosi e la presenza di personaggi cari, rendono questo racconto dolcemente poetico.



recensore:

Recensione o commento # 5, data 16/03/2010
Un'idea originale che unisce due universi narrativi. àˆ difficile relazionare storie di autori diversi, ma in questo caso è credibile uno sviluppo della storia futura in questa direzione.



recensore:
avatar di Alberto Tivoli
nwAlberto Tivoli
$ sostenitore 2017 (4 dal 2015)

Recensione o commento # 6, data 11/08/2015
Ogni riferimento a PKD mi trasforma in un orso bavoso davanti al miele, perciò mi sono fiondato a leggere questo racconto. Se poi aggiungiamo le Fondazioni e il Ciclo dei Robot di Asimov...
Progetto originale e difficile ma, devo dire, riuscito, soprattutto perché basato su Rachel che ritengo uno dei personaggi più rappresentativi del film e del romanzo di Dick.
Congiunzione e fusione di due grandi opere di SciFi che, come dice lo stesso Massimo, non sarà rigorosa ma è molto evocativa.

PS: sarebbe stata mitica se Daneel avesse tenuto in ufficio il rospo di Deckard



recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

risposta dell'autore, data 11/08/2015
Io ho amato e amerò sempre Rachel (sia il "lavoro in pelle" che l'attrice che lo interpretava)
Ho aggiornato il testo.



recensore:

Arcangelo Galante
Recensione o commento # 7, data 21/08/2016
"Peccato però che lei non vivrà! Sempre che questo sia vivere... ". E Rachel rivive invece in questo racconto, degno di un sequel. Chissà quante altre cose avranno visto i replicanti della Tyrell Corp. che noi umani nemmeno riusciamo ad immaginare, come le famose navi da combattimento al largo dei bastioni di Orione. Ma ogni cosa giunge al suo termine: "e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia". Un bell'omaggio ad un vero e proprio cult, che ho molto apprezzato.



recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

risposta dell'autore, data 23/08/2016
Grazie, Arcangelo, lieto che ti sia piaciuto!



recensore:
avatar di Daniele Missiroli
nwDaniele Missiroli
$ sostenitore 2020 (5 dal 2017)

Recensione o commento # 8, data 02/01/2019
Bella idea collegare Blade Runner ai romanzi di Asimov. Anch'io preferisco il finale della prima edizione, con la voce di Harrison Ford in sottofondo. Non solo perchè è positivo, ma soprattutto perchè è più aperto. Infatti è grazie a quello che hanno fatto il sequel ambientato 30 anni dopo. Un Nexus 6 non può avere la data di scadenza, che diamine! ^_^



recensore:

Recensione o commento # 9, data 31/12/2020
Sul sequel di Blade Runner dico semplicemente che sarebbe un buon film se non fosse appunto il sequel di Blade Runner. Se un regista vuole cimentarsi con quella storia, al massimo può fare una propria nuova versione del romanzo originale di Dick; quella di Scott è talmente emblematica da rimanere per sempre intoccabile. Almeno secondo me. Infine, i replicanti devono avere una durata di vita limitata, altrimenti nessuna nazione ne consentirebbe il commercio. Ricordiamoci che sono esseri umani, non robot, ma con capacità fisiche e mentali superiori: concedendo loro una vita normale il rischio che si impadroniscano del potere come fece la genia di Khan sarebbe per i governi insostenibile. E se poi questa loro limitatezza ne rende le vite terribili, al potere costituito interessa ben poco, no?



recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

risposta dell'autore, data 31/12/2020
Per come la vedo io, e per come la narro nei miei romanzi, chi dovesse possedere "capacità fisiche e mentali superiori" ha tutto il diritto di affermare e difendere la propria esistenza. La Selelezione naturale opera in tal senso da milioni di anni, lenta e implacabile. Di fronte a ciò, come possiamo, noi, comuni esseri umani, dire che un'essere più intelligente e più forte di noi è una minaccia da fermare sul nascere?
Noi, ovviamente, difenderemo in tutti i modi il "nostro" diritto di esistere, finché esisteremo, ma prima o poi la musica cambierà. E' la Vita.



recensore:

Recensione o commento # 10, data 05/01/2021
Io non facevo un discorso etico: sia giusto o meno lasciare "libera" una specie che ci fosse in qualsiasi modo superiore, dubito che se venisse alla luce (per una mutazione umana, costruita, clonata, eccetera, è indifferente) le si permetterebbe di prosperare. Le tre leggi della robotica di Asimov vanno in quella direzione e così la durata di vita limitata dei replicanti in Blade Runner. Ciò non toglie, comunque, che per convenienze varie si potrebbero invece evitare simili limitazioni.



recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

risposta dell'autore, data 05/01/2021
Concordo, tuttavia dobbiamo anche considerare che potrebbe darsi che il nostro controllo potrebbe non essere sufficiente. Alla fine, l'Intelligenza migliore prevarrà sulla precedente, esattamente come è sempre stato e sempre sarà. Tra l'altro, non ci vedo neppure nulla di male in ciò



recensore:

Visitatore
Recensione o commento # 11, data 05/01/2021
Darwin parla di sopravvivenza del più adatto, non del più forte o del più intelligente. In natura sono più frequenti le retrogressioni che le progressioni.
E a proposito mi viene in mente Forrest Gump: "scemo è chi lo scemo fa."
Ho letto il tuo brano, Massimo, ma ho un dubbio: come colleghi le tre leggi della robotica, più la zero di Olivaw, di Asimov, con i lavori in pelle adoperati in guerra di Dick?
La filosofia che regge i due universi è totalmente divergente. In Asimov i robot sono tali e non possono fare a meno di esserlo. La loro necessità di non violare le tre leggi diventa alla fine teleologica.
In Dick essi sono indistinguibili dagli umani fino a sentirsi tali, a non cogliere differenze, e non sono tenuti a seguire regole stringenti dal punto di vista del funzionamento quanto impalpabili e non vincolanti norme etiche e morali, né più né meno come gli umani.
L'unico punto di contatto tra i due universi mi sembra la necessità di nascondere la loro reale essenza. Sia Daneel che i Nexus fingono di essere umani per poter conservare la loro specificità non umana.
Che è quello che poi un po' fa ciascuno di noi ogni giorno, se ci pensi bene. Fingiamo di conformarci per mantenere la nostra individualità, la nostra difformità, adottiamo una maschera che non permetta di distinguerci dagli altri per rimanere noi stessi.
Ma spesso a furia di fingere...



recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

risposta dell'autore, data 06/01/2021
Forse è più corretto dire che in Natura sono più frequenti le mutazioni fallimentari ma che solo quelle che offrono un vantaggio e che fanno compiere un passo in avanti alla specie che la subisce vengono trasmesse. Per me, forza (intesa in senso generale, anche come resistenza ecc) e intelligenza sono senza dubbio frutto di mutazioni casuali vantaggiose, altrimenti saremmo rimasti a livello di scimmiette dispettose.
Per rispondere alla tua domanda: perché pensi che la Rachel del mio esperimento narrativo debba sottostare alle tre leggi della robotica? Non viene da quel mondo, e non è un robot. Ovviamente ho dovuto prendermi una licenza poetica per unire BladeRunner a Daneel (vedi note finali).



recensore:
avatar di Namio Intile
nwNamio Intile
$ sostenitore 2021 (3 dal 2019)

Recensione o commento # 12, data 06/01/2021
Darwin scrive di sopravvivenza del più adatto. Il più adatto può essere il più stupido e il meno forte, per questo mi è venuto in mente Forrest Gump. Mentre tu dai per scontato che le variazioni vantaggiose siano dei miglioramenti. Invece possono benissimo essere dei peggioramenti, basta che servano alla sopravvivenza. Se la stupidità e la cattiveria servono meglio la sopravvivenza della specie di intelligenza e bontà, saranno gli stupidi cattivi a prosperare e non il contrario.
Rispetto agli altri animali gli uomini non hanno forza, non hanno mezzi per offendere o difendersi, non sono veloci, non hanno sensi sviluppati, non hanno capacità di proteggersi dal caldo o dal freddo. Sono inermi nudi nel mondo naturale. I cuccioli di uomo non sono autonomi per lunghi anni in cui necessitano di cure e attenzioni particolari. L'uomo ha accumulato una serie infinita di svantaggi evolutivi per poter sviluppare un solo vantaggio: il pensiero razionale e astratto.
Quanto ai cicli di Asimov e al Blade Runner di Dick. Il mio intervento sottolineava soltanto l'impossibilità di fondere i due universi, la loro impermeabilità reciproca. Perché se Rachel non è sottoposta alle tre leggi, non può esserlo neanche Daneel. Ma se Daneel non è sottoposto alle tre leggi l'intero suo universo svanisce. Infatti deve inventarsi una legge zero per poter operare con più libertà anche nel suo di universo.
Nel primo libro del ciclo dei robot perché Bailey viene invitato su Aurora? Per indagare su di un fatto impossibile, come poi dimostrerà lui stesso. Impossibile perché non permesso dalle tre leggi.
Ma possibilissimo per i Nexus che non devono sottostare ad esse e infatti relegati fuori dalla Terra.
Quindi a mio avviso i due universi non sono amalgamabili, pure se la legge zero di Daneel lo consentirebbe. Ma solo a lui.
E tu mi risponderai, e infatti solo lui c'era.



recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

risposta dell'autore, data 06/01/2021
Io però non ho capito cosa c'entrino le Tre leggi con il testo che ho scritto io. In questo particolare testo, dico, non nel mondo asimoviano in generale.
Però, a parte questo, grazie per l'ottima interazione



recensore:

Recensione o commento # 13, data 07/01/2021
Il dibattito si è complicato, non voglio appesantirlo oltre. Dunque questa mia aggiunta riguarda solo l'evoluzione darwiniana: e sono d'accordo con Namio Intile, non è una questione di valore, il "migliore" può essere "peggiore" dal punto di vista umano, la sua qualità è unicamente di essere più adatto all'ambiente nel momento in cui lo abita. Per il resto, il fatto che gli umani intendano difendersi da altri esseri che secondo loro possano minacciarne l'esistenza, anche fa parte dell'evoluzione e poco conta se tale timore sia giustificato o meno; allora, il potere costituito fa sempre tutto il possibile per eliminare chi ne intralci l'esistenza, dunque, molto probabilmente cercherà di imporre dei limiti pesanti alle sue creazioni minacciose, a meno che lo eviti per usarle ad esempio in campo militare. Ho trattato la questione in tanti racconti, penso non sia il caso di annoiare oltre con le mie opinioni e ora mi taccio .



recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

risposta dell'autore, data 07/01/2021
Ci macherebbe, è sempre interessante e costruttivo dibattere con persone della vostra levatura. Io, almeno, son qui anche per questo. Il sito stesso è qui per questo.



recensore:

Recensione o commento # 14, data 16/01/2021
Temo che riguardo alla mia levatura tu mi sopravvaluti.;–)




L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Blade Runner (The Baglione's cut) di Massimo Baglione è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(racconto fantascienza, lungo)  di nwJormungaard

descrizione: Il secondo impero era nato. Dopo mille anni dalla caduta del primo impero galattico il Piano Seldon sembrava essere giunto a conclusione. Ma sarà compito di Derek Jorgaard indagare su eventi del passato di cui neanche la Fondazione ne è…

tags: #asimov(9)    #psicostoria(2)    #radiante(1)    #robot(30)    #space(5)    #spazio(37)    #fondazione(6)


(racconto fantascienza, medio)  di nwJormungaard

descrizione: Un Oratore della Seconda Fondazione intraprende un viaggio alla ricerca della Terra. Non può però sapere che questo sarà l'inizio di... tutto ciò che sarà.

tags: #asimov(9)    #fondazione(6)    #psicostoria(2)    #space(5)    #spazio(37)    #astronave(15)


(racconto fantascienza, breve)  di nwJormungaard

descrizione: In un asettico laboratorio del pianeta Aurora viene attivato il primo robot-umanoide. Un evento per certi versi normale ma che si rivelerà essere determinante per il destino futuro della galassia.

tags: #asimov(9)    #fantasia(31)    #robot(30)    #daneel(3)


(saggio altro, breve)  di nwCarlocelenza

tags: #asimov(9)    #futuro(45)    #meteorite(2)    #pianeta(25)    #terra(39)    #uomo(58)    #destino(33)


(grafica digitale altro)  di nwJormungaard

descrizione: Piccolo tributo per un grande maestro.

tags: #asimov(9)    #fondazione(6)    #robot(30)    #sci fi(10)


(grafica digitale altro)  di nwJormungaard

descrizione: Uno sfondo che vuole rendere un tributo a tutti coloro che frequentano il forum di Nuovi Autori Science Fiction e che si ritengono dei paladini in difesa della Sci-Fi. https://www.assonuoviautori.org/NASF/NASF.htm

incipit: La Sci-Fi non morirà mai.

tags: #asimov(9)    #clarke(1)    #dick(3)    #nasf(23)    #nasfer(4)    #sci fi(10)    #vonnegut(1)    #bradbury(1)


(racconto fantascienza, medio)  di nwJormungaard

incipit: Un uomo si risveglia privo di memoria in un'astronave. Chi è stato a fargli questo? E sopratutto perchè la sue conoscenze sono diventate importanti per la sicurezza del pianeta Trantor?

tags: #daneel(3)    #fondazione(6)    #robot(30)    #trantor(1)    #asimov(9)


(racconto fantascienza, medio)  di nwDaniele Missiroli

descrizione: Una storia alternativa che spiega come mai furono scelti proprio certi nomi per i protagonisti dei principali romanzi di Isaac Asimov. Un doveroso omaggio a 25 anni dalla sua prematura scomparsa.

incipit: – Buona giornata a tutti, gente. Qui è Bob Fire della vostra Galactic Television, che vi brucerà le sinapsi con l'evento del secolo. Ma che dico del secolo: del millennio! Pensate che mi trovo all'interno del Galactic Stadium di Trantor City per intervistare degli eroi. Sì, dei veri eroi che partiranno fra poco per il viaggio più, più, più. Sì gente, il viaggio più incredibile di tutti i tempi, e voi lo vedrete in diretta!

tags: #asimov(9)    #astoundings stories(1)    #buon dottore(1)    #daneel(3)    #daneel olivaw(1)    #elijah baley(1)    #fondazione(6)    #golan trevize(1)    #hari seldon(1)    #isaac asimov(4)

Elencate 10 relazioni su 43 -
 
10
20
 ... 
50
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.


Il server è sovraccarico. Alcune porzioni del sito e alcune funzioni di aggiornamento automatico sono state momentaneamente soppresse per velocizzare il sistema. Ti invitiamo ad attendere qualche istante prima di effettuare operazioni importanti.
Ci scusiamo per il disagio.
PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


Pagina caricata in 6,29 secondi.