pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Wed 12 August, 02:26:31
logo


bookmark Metti nei segnalibri
qr code

L'albero del sorriso

(racconto narrativa, breve - per tutti)
Tempo di lettura: meno di 10 minuti
4.713 visite dal 17/07/2010, l'ultima: 2 settimane fa.
13 recensioni ricevute


Autore di quest'opera:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)



Descrizione: Breve storia della mia infanzia.

Incipit: Ogni paese ha le sue leggende. Nel mio, tanto tempo fa, c'era quella dell'albero dell'impiccato. Non credo che la sua antica funzione fosse esattamente quella di dare un appiglio a una corda, ma sta di fatto che la sua forma era quella. Era ormai morto e sulla sua cima c'era il nido scavato da un picchio, o almeno così mi disse un vecchio. Quell'albero era cresciuto sulla riva di un ruscello, all'inizio di un bosco, ai piedi del monte Serva, la mia montagna p…


L'albero del sorriso
voce
file: l-albero-del-sorriso_
.odt
size: 71,70 KB
Tempo di lettura: meno di 10 minuti
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))

* è tra i primi 10!
10° dal 2010 (opere commentate)


Elenco Tag dell'opera:
#albero(51)    #fatica(5)    #fratello(10)    #impiccato(1)    #legna(6)    #mamma(21)    #sangue(33)    #sorella(10)    #sorriso(21)    #dolore(84)



Recensioni: 13 di visitatori, 19 totali.

Nota: Scrivere recensioni alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.

Testo della recensione (min 30, max 5.000 battute)

Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: stai per confermare la recensione del lavoro dell'autore Massimo Baglione. Se hai necessità di discutere più a fondo di questa opera con l'autore, puoi iniziare una discussione più ampia e dettagliata usando la nwsezione apposita del nostro forum. Tale discussione, se non è già stata aperta, dovrà essere creata con il titolo:

"L'albero del sorriso - Massimo Baglione".

Le recensioni offensive, volgari o di chiacchiere saranno eliminate dallo Staff.

Nota: le recensioni devono essere lunghe almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche e collaborative.

Nota: le recensioni sono tue e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventano di proprietà dell'autore che hai recensito.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci nwun'opera a caso.

recensore:
avatar di Sphinx
nwSphinx
$ sostenitore 2011

Recensione # 1, data 27/01/2007
Veramente carino. Non so quanto ci sia di autobiografico, ma l'idea di scriverlo come una piccola fiaba mi è piaciuta.
Non si vive di sola fantascienza...



recensore:

Bonnie
Recensione # 2, data 04/04/2008
Sigh... troppo corto Max
si iniziava appena a chiudere gli occhi... e... puffSad

...non si fà 



recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

risposta dell'autore, data 04/04/2008
E' per darti il tempo di leggere altro!
PS: Grazie!



recensore:

Dino
Recensione # 3, data 04/04/2008
Condivido l'opinione di Bonnie congratulandomi però con Max che mi fatto rivivere i vecchi tempi delle scoutismo con uno scritto di facile lettura, trascinante, armonico, giovanile.



recensore:

Bettarm37
Recensione # 4, data 05/04/2008
lo conoscevo già , letto in un altro sito... fiaba o ricordo, è comunque piacevole immergersi in queste parole che fanno riaffiorare altri ricordi, e l'ho riletto con piacere. io avevo un albero di mimose...



recensore:

user deleted
Recensione # 5, data 23/10/2008
Una narrazione, la tua, che viene dalla pancia, oltre che dalla memoria... e sembra scorrere sotto gli occhi così come scorre dal tuo vissuto. Gradevole lettura Smile Nostalgiche sensazioni...tutte mie...grazie.



recensore:

AldaTV
Recensione # 6, data 29/03/2009
Come vedi sto leggendoti per conoscere, e capire! una narrazione che senti reale, con vissuti che lasciano ricordi indelebili, che si rielaborano nel tempo.



recensore:

Recensione # 7, data 28/01/2010
Sono subito andata a vederlo e leggerlo, non ho davvero parole, è ancora più bello dell'altro e non poteva esserci titolo più appropriato e significativo. Complimenti, sei veramente bravo, quando qualcuno, con un semplice scritto, riesce a entrare nel cuore del lettore e attraverso descrizioni e sfumature lo fa vivere in prima persona nello stesso ambiente, lo sprofonda negli stessi luoghi quasi li vedesse coi propri occhi, quando sa arrivare anche e soprattutto ai più semplici, si può dire che ha un dono speciale che non si studia e non s'impara da nessuna parte, gli appartiene e basta. Si può alimentare e curare, affinare, ma di base resta ciò che è: un valore immenso!



recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

risposta dell'autore, data 28/01/2010
Bene. Anche oggi ho assunto la mia dose di complimenti e farò tanti bei sogni colorati. Grazie, Roberta!



recensore:

Pia
Recensione # 8, data 30/01/2010
incredibile, non l'avevo letto ancora! Uno dei più bei pezzi, anche di vita direi, mi era sfuggito ed è stato grazie a Roberta che l'ha commentato. Mi sono un pò commossa, lo racconti in maniera così sentita che non si può non entrarci dentro e vedere quei ragazzini vivaci ma già  armati di buoni sentimenti come se si fossero materializzati davanti agli occhi. Sono bellissimi ricordi che non passeranno mai.



recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

risposta dell'autore, data 17/07/2010
L'opera è stata aggiornata, corretta e reimpaginata.
Buona lettura!



recensore:
avatar di Angela Di Salvo
Angela Di Salvo
$ sostenitore 2015 (3 dal 2011)

Recensione # 9, data 30/09/2010
Anche questa piacevole storia la vedrei molto bene in una antologia per ragazzi. A quell'età  tutti hanno compiuto le loro marachelle, si sono cimentati nelle loro avventure più o meno pericolose e soprattutto hanno fatto qualcosa di nascosto, sottraendosi all'occhio vigile dei loro genitori. Ci si rispecchierebbero, anche se il loro contesto oramai è contrito fra i grandi palazzoni della città  dove l'aria buona non si respira più da un pezzo. Qui c'è una mamma che s'affanna,poverina, a crescer da sola i suoi tre figli, e il papà  è lontano a lavorare. L'albero dell'impiccato acquista nell'immaginario fanciullesco uno strano e oscuro fascino. Perchè proprio quell'albero per appenderci i condannati a morte che si sono macchiati di chissà  quali immondi delitti? Ecco che a un certo punto scatta nella mente del ragazzo l'idea di sdradicarlo: cesserà  di fungere da spaventoso relitto e diventerà  ottima legna per riscaldare le giornate fredde dell'inverno. Piacevole e amena lettura, è bello ripensare al passato e raccontarlo con gli occhi del fanciullo. Tutto acquista il sapore delle cose fatte in casa e alla buona, quando il contatto con la natura e l'ambiente non era stato ancora compromesso per sempre.
Il periodo predilige la struttura paratattica, meno complessa ma più incisiva.



recensore:

Giuseppe Novellino
Recensione # 10, data 14/11/2010
Beati quei bambini che possono avere ricordi di questo tipo! Per quelli della mia generazione era più facile. Basta vivere in campagna, oggi, per fare esperienze simili? Oggi come oggi ne dubito, o comunque sarà  sempre più raro. Il racconto è impeccabile nel presentare un'impresa fanciullesca carica di simbologia. L'albero è la metafora di tutto ciò che fa paura al bambino, lo paralizza e gli impedisce di crescere. Bella l'ambientazione che si affida ai ricordi della fanciullezza. La forma espressiva è piacevole ed elegante. Mi ha particolarmente toccato il personaggio della madre, così dolce e ferma, pronta a capire ciò che in quel momento è più importante per i suoi bambini.



recensore:

Recensione # 11, data 11/03/2011
Bellissimo racconto, mi ha fatto ricordare le infinite e stremanti avventure di quando ero piccola, trascinavo in montagna con me i miei cugini più grandi. Li guidavo per impervi sentieri, facendo loro strada con un bastone con il quale abbattevo roghi ed erbacce per farli passare. Erano i tempi dell accampamento. In montagna avevamo un nostro rifugio, ci riunivamo imitando gli indiani, costruendo lance e coltelli fatti con il legno di castagno. Avevamo naturalmente i nostri alberi di riferimento. C'era il gelso bianco e rosso. Naturalmente preferivamo il rosso… Ci conciavamo in una maniera che è difficile a descriversi. Lascio immaginare l'effetto che alla nostra vista facevamo alle nostre mamme. Questo racconto fresco e ben scritto mi ha riportato indietro di molti anni… mi sono ritrovata ragazzina a rivivere le avventure di un tempo. Ti ringrazio di cuore. Questa l'efficacia del racconto.



recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

risposta dell'autore, data 11/03/2011
Bei tempi quelli, eh?
Pure noi avevamo le nostre capanne eheh
Se vuoi, leggi anche l-incendio.html , che probabilmente apprezzerai anche di più



recensore:

user deleted
Recensione # 12, data 29/11/2012
Un bel racconto, ben articolato e anche ben scritto. Non da meno la poesia finale e questo fatto mi ha fatto molto piacere perchè è anche una mia piccola mania quella di chiudere alcuni racconti autobiografici (non so se anche questo lo sia) con una poesia riassuntiva del cuore del racconto. Come dicevo anche ben scritto: ecco perchè mi permetto di segnalare quelle che a mio avviso sono due imprecisioni. Ecco il peridodo che vorrei segnalarti: Prima di addormentarmi ripensai all'albero dell'impiccato: "era lì da chissà  quanto tempo e noi siamo riusciti a buttarlo giù. Pensavo anche come mai, tra centinaia di alberi secchi in mezzo a un bosco, ho scelto proprio quello."
beh, io avrei scritto... e noi eravamo riusciti a buttarli giù...e poi l'altro...avevo scelto proprio quello.
per usare la forma al presente che hai usato tu avresti dovuto, e sarebbe stato anche carino, aprire le virgolette per rendere dialogo un pensiero.
Esempio...
Prima di addormentarmi mi ritrovai a rimuginare un pensiero: " Chissà  da quanto tempo era lì quell'albero e noi siamo riusciti a buttarlo giù "
vabbè, scusa la precisazione antipatica...ognuno ha il proprio modo di scrivere...insomma, il brano mi è piaciuto anche per quell'alone di ricordi dei bei tempi andati nel quale è immerso. ciaociao



recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

risposta dell'autore, data 29/11/2012
Grazie mille per la segnalazione, Giacomo, ne terrò certamente conto e appena possibilie procederò a una revisione.
Personalmente faccio parte del nucleo duro di autori che vanno in cerca di questo tipo di segnalazioni, le bramo, quindi sentiti libero di bastonarmi come, dove e quanto vuoi!
Ti confermo che è tutto autobiografico, quasi alla lettera.



recensore:
avatar di Ida Dainese
nwIda Dainese
$ sostenitore 2019 (11 dal 2015)

Recensione # 13, data 01/07/2018
Un racconto che si lascia vedere e sentire, una scena dopo l'altra, il paesaggio montano, il freddo del ghiaccio, il calore del fuoco. Un ragazzino che trova avventuroso anche il cercar legna, che tra una pausa e l'altra del gioco alza gli occhi e si fa domande su un albero senza vita. Il suo essere primogenito con un padre lontano lo porta a sentirsi responsabile in casa, a farsi riconoscere come leader dai fratelli, a voler compiere qualche impresa, sopportando stoicamente le conseguenze. Bella l'atmosfera di questa infanzia, teneri i gesti silenziosi della mamma. Si può sorridere alle faticose gesta del bambino sbruffoncello ma si deve ammirare quel suo fondersi armonico con l'ambiente, e quell'inconsapevole crescere che gli fa tagliare l'albero dedicandogli poi un ricordo e una poesia.



recensore:
avatar di Massimo Baglione
nwMassimo Baglione
(amministratore)

risposta dell'autore, data 30/06/2018
Grazie, Ida, il tuo commento mi fa davvero piacere. E' uno dei miei primi testi, e sai come sono gelosi gli autori delle loro prime opere...




up - files - recensioni - opere correlate -
L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
L'albero del sorriso di Massimo Baglione è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)
(nwClicca qui per info sulla protezione delle opere)

up - files - recensioni - opere correlate -


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(pittura altro)  di nwDalila

descrizione: Olio su tela (la dove il fuoco convive con l'acqua e la natura libera nuove forme...)

#acqua(46)    #colori(48)    #fuoco(24)    #sole(73)    #albero(51)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwPaolo Maccallini

#alberi(48)    #malinconia(31)    #morte(166)    #ricordi(129)    #tempo(66)    #vita(191)    #lacrime(24)


(poesia narrativa, breve)  di nwBludoor

descrizione: Poesia ispirata a un testo letterario che circola in rete.

incipit: Pensavan d'esser di tutte le più belle la mela lassù in alto e le sue dolci sorelle

#albero(51)    #mela(4)    #sorelle(10)    #bella(5)


(pittura altro)  di nwBaffon

#alberi(48)    #argine(2)    #fiume(22)    #passeggiata(5)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwGiovanni Minio

incipit: C'è un albero nel mio giardino...

#albero(51)


(scultura altro)  di nwMike

descrizione: Alberello realizzato con fili di rame intrecciati e galvanizzati. Altezza: 40cm.

#albero(51)    #natale(54)    #rame(4)    #metallo(8)


(racconto narrativa, breve)  di nwLorenzo Pompeo

descrizione: Luigi, in viaggio di nozze, scende un attimo alla reception a prendere un documento. Al suo ritorno troverà una misteriosa sorpresa, sotto forma di Viola, una sua ex. Ma da un improbabile scioglimento di questo enigma ne sorgerà uno nuovo.

incipit: Luigi trasalì. - Ma... sei tu? - Fece a quella donna che sfogliava una rivista illustrata sdraiata seminuda sul letto, indossando solo una vestaglietta nera quasi invisibile. Lei invece inarcò le sopracciglia e ammutolì per qualche lunghissimo istante. - Così pare. Se tu sei tu, anche io dovrei essere proprio io, - e dopo un lungo sospiro, aggiunse - non ti pare? - Ormai lei sembrava essere tornata pienamente padrona di se stessa, dopo la sorpresa per quell'incontro inatteso.

#albergo(38)    #viaggio di nozze(1)


(grafica digitale altro)  di nwBludoor

descrizione: Prove realizzata con Bryce 7 e alcune immagini utilizzate dalla squadra per le Olimpiadi 2012

#isola(15)    #albero(51)

Elencate 10 relazioni su 223 -
 
10
20
 ... 
230
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.

up - files - recensioni - opere correlate -

Utenti iscritti che hanno visitato questa opera


nwPecoraNera, nwPaolo Maccallini, nwForlani Roberta, nwBiancaspina, nwStefano1, nwGiacomo Scotti, nwSkyla74, nwAnmsAnms, nwAngela Di Salvo, nwMariella Vallesi, nwBludoor, nwNina Moon, nwStefano di Stasio, nwCeleste Borrelli, nwLinomario, nwSimone Pelatti, nwFrancesca, nwMarino Maiorino, nwSphinx, nwScrittore 97, nwGuidod, nwAntonio Seleni, nwArturo Bandini, nwDaniela kiss, nwF. T. Leo, nwNicola98, nwAntonia, nwIda Dainese, nwMassimo Baglione, nwLaura Caputo, e altri 4683 visitatori non iscritti.

4.713 visite in totale tra iscritti e visitatori.

up - files - recensioni - opere correlate -



PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!

up

vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 18.207.98.97


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Contatti e informazioni


© 2006-2020
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,66 secondi.
up