Cielo nero

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
1
6%
2 - mi piace pochino
1
6%
3 - si lascia leggere
6
38%
4 - è bello
6
38%
5 - mi piace tantissimo
2
13%
 
Voti totali: 16

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 476
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Cielo nero

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »


«L’hai saputo?»
La voce, concitata, scuote Sergio dal torpore. Non l’ha neppure sentita entrare.
«Sì» risponde quasi con noncuranza.
«E non dici niente? Non fai niente? Te ne stai chiuso in casa a pensare? E cosa pensi, poi, cerchi una via di fuga che non esiste?»
È arrabbiata, delusa.
«Bimba…»
«Non chiamarmi bimba, non è il momento!»
«Va bene, Livia, scusami. Ma secondo te che dovrei fare? Disperarmi? A cosa servirebbe se non a nascondersi dietro la rabbia…»
Livia lo guarda, sorpresa; non è il Sergio che conosce lei, quello è combattivo, non cede, s’infuria, mentre questo è remissivo in maniera assoluta.
«Ma ci hanno tenuta nascosta la cosa fino a oggi, ti rendi conto? Dobbiamo andare a prenderli, giustiziarli in pubblico, devono pagare questo inganno con la vita, per la miseria.»
Si alza dalla poltrona, Sergio, le si mette di fronte e le prende le mani: «E poi? Una volta uccisi cosa abbiamo risolto? Niente, perché poco dopo toccherà a noi, quindi lo ritengo inutile, superfluo.»
Stupita che il suo uomo faccia simili ragionamenti, si stacca ed esplode: «In tutto il mondo si stanno ribellando, fanno saltare i governi e tu… tu diventi passivo in questo modo? Ma che ti è accaduto, Sergio, ti ha dato di volta il cervello o qualcosa di simile? Svegliati, andiamo anche noi!»
Un sorriso triste appare sul viso di Sergio: «Se vuoi possiamo andare, gioia, ma non nelle piazze, non ora. Prendiamo la moto e partiamo per un ultimo giro insieme. Abbiamo poco più di ventiquattr’ore tutte per noi. Vieni?»
Lei rimane spiazzata, sguardo stranito e bocca aperta. Vorrebbe dire qualcosa ma le parole non escono.
D’improvviso lo abbraccia ed esplode in un pianto liberatorio.
Sergio sente il corpo della donna scuotersi per i singhiozzi e viene colto a sua volta dall’emozione. La stringe a sé. Forte.
La moto corre lungo le deserte strade di campagna, provocando uno dei pochi rumori che spaccano la quiete del luogo.
Hanno scelto apposta l’entroterra, visto che la gente si sta riversando nelle grandi città, impaurita e inferocita al contempo, del tutto fuori controllo. Le forze dell’ordine neppure provano a fermare quei corpi impazziti, e spesso si mescolano a loro nella caccia ai governanti, i mentitori, “quelli che hanno nascosto tutto”.
Campi lavorati si alternano a radi boschetti e osservano passare la coppia. Una casa ogni tanto spezza il paesaggio, ma oltre a qualche gallina che scorrazza nei dintorni, gatti furtivi e cani che abbaiano, nessun segno di vita.
Rallenta, Sergio, fino a fermarsi in una stradina sterrata laterale. Scendono dalla moto e tenendosi per mano vanno verso gli alberi poco distanti, osservando i colori che li circondano: il verde dell’erba, il marrone delle piante, l’azzurro del cielo.
Senza dire una parola si spogliano e fanno l’amore, dolcemente, sotto il sole settembrino. Si appisolano.
È pomeriggio pieno quando Livia dice: «Torniamo, amore. Se quanto ci hanno detto è vero, tra poche ore sarà finita e voglio essere al mio paese.»
Sergio annuisce. Si vestono, salgono sul mezzo e partono. Verso casa, verso la fine.
Poco dopo sono nelle vie che conoscono bene, dove qualcuno corre, scappando da chissà cosa, altri sono a terra. Morti, forse. Livia piange mentre attraversano la strada principale, piange per quanto sta accadendo al mondo.
Passano indenni, ignorati da tutti, e arrivano alla loro abitazione.
Una volta dentro, Sergio stappa una bottiglia di vino e lo versa in due bicchieri, porgendone uno a lei.
«A noi» sussurra alzando il calice.
«A tutti» risponde Livia.
Bevono.
«Sergio, credo manchi meno di mezz’ora. Voglio andare in piazza.»
«Va bene, un posto vale l’altro.»
Non è grande la piazza del loro paese, ma pare enorme ora che è deserta.
«Sono scappati tutti…»
E invece, nel giro di pochi minuti arrivano una decina di persone e si uniscono a loro, guardandosi l’un l’altro senza parlare. Qualcuno alza gli occhi al cielo.
Senza quasi rendersene conto si prendono per mano e formano un cerchio. Da lontano arriva il nero a coprire un po’ di cielo. Sempre più.
«Dicono che bruci, che scotti tanto» esterna qualcuno, «ma sarà un attimo.»
Il cielo nero li avvolge. Per sempre.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Macrelli Piero
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Il tema è già stato visto con R. Matheson, F. Brown, J.G. Ballard e altri, ma non stanca mai di piacere e ben si presta per racconti brevi. Qui il testo è formalmente corretto e il cerchio si chiude bene. Si poteva, però, pensare ad un approfondimento, attraverso i dialoghi , della personalità dei personaggi, della loro interiorità, Bene, invece, la mancanza di informazioni sul disastro in atto.
Mauro Conti
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Componimento basato sullo sfondo di un fatto tragico. Mi associo a chi ha rilevato una poca enfasi nella descrizione dei personaggi. Sia il fatto in se che i personaggi si muovono su uno scenario non molto ben definito, non collocabile nello spazio temporale ma molto realistico. Se la cosa è voluta allora cambia tutto.
La nota secondo me positiva è la capacità dell'autore di tenere il lettore in apprensione, quel detto-non detto che fa continuare a leggere per cercare un numero maggiore di informazioni, di dettagli; che però non arrivano (volutamente? Ce lo dirà l'autore) e ci si ritrova alla fine della storia. Comunque sufficienza piena, crea una discreta tensione.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 476
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Macrelli Piero ha scritto: 22/09/2020, 13:23 Il tema è già stato visto con R. Matheson, F. Brown, J.G. Ballard e altri, ma non stanca mai di piacere e ben si presta per racconti brevi. Qui il testo è formalmente corretto e il cerchio si chiude bene. Si poteva, però, pensare ad un approfondimento, attraverso i dialoghi , della personalità dei personaggi, della loro interiorità, Bene, invece, la mancanza di informazioni sul disastro in atto.
il testo è volutamente scarno e con poche informazioni sul disastro in atto.
sì, forse si poteva approfondire la descrizione dei personaggi, ma mi è parso superfluo, in un testo così breve
grazie del commento
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 476
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Mauro Conti ha scritto: 22/09/2020, 13:37 Componimento basato sullo sfondo di un fatto tragico. Mi associo a chi ha rilevato una poca enfasi nella descrizione dei personaggi. Sia il fatto in se che i personaggi si muovono su uno scenario non molto ben definito, non collocabile nello spazio temporale ma molto realistico. Se la cosa è voluta allora cambia tutto.
La nota secondo me positiva è la capacità dell'autore di tenere il lettore in apprensione, quel detto-non detto che fa continuare a leggere per cercare un numero maggiore di informazioni, di dettagli; che però non arrivano (volutamente? Ce lo dirà l'autore) e ci si ritrova alla fine della storia. Comunque sufficienza piena, crea una discreta tensione.
sì, la cosa è voluta, Mauro
tutto il testo è volutamente scarno
grazie per il commento
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 403
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Un bel racconto, scorrevole e ben scritto. Ho letto i precedenti commenti e sono d'accordo che forse andavano sviluppati alcuni aspetti, ma concordo anche con l'autore per la scelta ragionata di aver concentrato l'attenzione su altro, sulla sciagura in atto non precisata. E forse, proprio perché non precisata, rende la storia narrata più intrigante.
Francesco Pino
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 89
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Mette una gran curiosità di scoprire cosa diavolo stia accadendo, dunque ti tiene incollato fino alla fine. Trovo anch'io che sia un punto forte il fatto che non si capisca bene la natura del disastro.
Personalmente trovo Sergio molto ragionevole. Un racconto ben fatto.
Lucia De Falco
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 74
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il testo è scorrevole ed il linguaggio è piano. Si scontrano, inizialmente, due mentalità diverse di fronte alla tragedia imminente: cercare di scappare, di fare qualcosa, e l'accettazione di ciò che sta accadendo, cercando di godere degli ultimi istanti. Mi ha fatto anche pensare al periodo che stiamo vivendo. Bello il finale col cerchio di persone.
Valerio Geraci
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 40
Iscritto il: 03/07/2016, 12:20
Località: Roma

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Valerio Geraci »

Ciao Fausto, il tuo racconto mi è piaciuto e come tema rientra molto nelle mie corde. Il tuo stile, come ti dissi già in un'altra occasione, mi piace molto, e stavolta il racconto mi è parso conciso e d'impatto. Non ho particolari critiche, forse si poteva descrivere di più la situazione generale oltre a quella intima, ma va bene anche così. 4 stelle per me!
Roberto Virdo'
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Complimenti Fausto, ben fatto. Una tensione narrativa notevole concentrata in poche righe. Secondo me hai fatto benissimo a non distogliere l'attenzione dalla tragedia incombente rincorrendo altri aspetti. Da leggere veloce tutto d'un fiato. Forma impeccabile e funzionale alla trama. Perfetto per me. Molto bravo, e al di là di tutto questo giro di parole vuoi sapere una cosa? Mi è piaciuto!
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 391
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Buon racconto, sia nei dialoghi che nelle descrizioni. Emerge il rapporto umano, anche se ne sa poco da come si comportano, dal fatto che preferiscono vivere gli ultimi momenti assieme, facendo qualcosa di bello, per poi andare insieme incontro al destino, che, come sempre, è sconosciuto.
Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 115
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Come sempre, un buon racconto, ben scritto e ben gestito.
Personalmente avrei preferito una maggiore contestualizzazione dei personaggi (e della loro caratterizzazione psicologica) e, soprattuttoto, dell'accadimento atteso. Hai voluto essere parco di informazioni, ed è l'autore che sceglie cosa dire e non dire: secondo me, però, qualche dettaglio che facesse lambiccare il cervello al lettore nel tentativo di capire/indovinare avrebbe reso più interessante la lettura. Certo, il testo era corto e si poteva star lì ad aspettare la conclusione, ma in questo modo la mia lettura è stata per forza passiva.
Marcello Rizza
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Bel racconto che mi ha trasportato nel climax di uno dei miei film preferiti, Melancholia. Nel film si saprà subito quale sarà l'evento ma qui sta bene anche questa voluta mancanza di informazioni. Forse manca quel sentire la disperazione di chi sta per affrontare la fine di un mondo, credo poco che in un frangente come quello descritto si riesca a fare l'amore, nel senso mi permetto di consigliarti appunto la visione di Melancholia. Comunque mi ha coinvolto quindi lo premio nel sondaggio.
Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 244
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Sei un amante delle apocalissi, Fausto. Io, come sai, non amo i cambiamenti e adoro la routine, la ripetizione, il ritorno, l'alternarsi sempre uguale delle stagioni. Mi dà un senso di pace assoluta sapere che centomila anni dopo la mia morte la vita continuerà più o meno identica a oggi come a un milione di anni prima.
A ogni modo, il racconto è un ottimo racconto, merito di quel lasciare il cielo nero sullo sfondo e di concentrarsi su Livia e Sergio. Soprattutto Sergio, il quale affronta la fine con la calma con cui si affronta un evento comune della vita. Forse perché la morte è sempre e comunque l'epilogo della vita.
Mi piace questo Fausto malinconico e introspettivo.
Avatar utente
Carol Bi
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 59
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Carol Bi »

Un testo inpeccabile, scritto molto bene. Contenuto che ho apprezzato, sono un'amante del genere, anche se mi angoscia e mi spaventa e, nonostante la leggerezza con cui hai trattato soprattutto l'ultima parte, a me il senso di angoscia è rimasto attaccato come la colla. Quindi davvero bravo!
Mariovaldo
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Come già scritto da altri, il tema certamente non è nuovo, anzi, molto letto in decine di versioni. La mancanza di originalità si riscatta ampiamente nella scrittura, efficace e senza fronzoli e nella impostazione generale del racconto che ha una sua forza e un suo pathos. Complimenti sinceri
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 42 - Elogio della follia

La Gara 42 - Elogio della follia

(novembre 2013, 30 pagine, 763,20 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Anto pigy, Pessimo autore, Eddie1969, Scrittore97, Alessandro D, Eliseo Palumbo, Luciallievi, Verity Hunt, Kaipirissima, Desiree Ferrarese.
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (763,20 KB) - scaricato 196 volte.
oppure in formato EPUB (390,15 KB) (vedi anteprima) - scaricato 195 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 49 - La contrapposizione

La Gara 49 - La contrapposizione

(novembre/dicembre 2014, 34 pagine, 560,91 KB)

Autori partecipanti: Umberto Pasqui, Nembo13, Nunzio Campanelli, Annamaria Vernuccio, Patrizia Chini, Milicianto, Ser Stefano, Francesca Santamaria, Lodovico, Giorgio Leone, Cladinoro, Silvia Torre.
a cura di Maddalena Cafaro.
Scarica questo testo in formato PDF (560,91 KB) - scaricato 162 volte.
oppure in formato EPUB (319,02 KB) (vedi anteprima) - scaricato 209 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013 -  (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013 - (in bianco e nero)

(edizione 2013, 7,12 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra)
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (7,12 MB) - scaricato 316 volte..

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Le radici del Terrore

Le radici del Terrore

Antologia di opere ispirate agli scritti e all'universo lovecraftiano

Questa antologia nasce dalla sinergia tra le associazioni culturali BraviAutori ed Electric Sheep Comics con lo scopo di rendere omaggio alle opere e all'universo immaginifico di Howard Phillips Lovecraft. Le ventitrì opere selezionate hanno come riferimento la narrativa "lovecraftiana" incentrata sui racconti del ciclo di Cthulhu, già fonte di ispirazione non solo per scrittori affermati come Stephen King, ma anche in produzioni cinematografiche, musicali e fumettistiche. Il motivo di tanto successo è da ricercare in quell'universo incredibile e "indicibile", fatto di personaggi e creature che trascendono il Tempo e sono una rappresentazione dell'Essere umano e delle paure che lo circondano: l'ignoto e l'infinito, entrambi letti come metafore dell'inconscio.
A cura di Massimo Baglione e Roberto Napolitano.
Copertina di Gino Andrea Carosini.

Contiene opere di: Silvano Calligari, Enrico Teodorani, Rona, Lellinux, Marcello Colombo, Sonja Radaelli, Pasquale Aversano, Adrio the boss, Benedetta Melandri, Roberta Lilliu, Umberto Pasqui, Eliseo Palumbo, Carmine Cantile, Andrea Casella, Elena Giannottu, Andrea Teodorani, Sandra Ludovici, Eva Bassa, Angela Catalini, Francesca Di Silvio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Arianna Restelli.
Special guests: gli illustratori americani e spagnolo Harry O. Morris, Joe Vigil and Enrique Badìa Romero.
Vedi ANTEPRIMA (2,02 MB scaricato 181 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 53 volte).
info e commenti compralo su   amazon

IperStore - il lato oscuro dello Shopping

IperStore - il lato oscuro dello Shopping

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
È il giorno dell'inaugurazione di un supermercato, uno davvero grande, uno iper, uno dei tanti che avrete voi stessi frequentato e arricchito. Durante questa giornata di festa e di aggregazione sociale, qualcuno leggerà un dattiloscritto ancora inedito il cui contenuto trasformerà l'impossibile in normalità.
"...come se dal cielo fosse calata la mano divina di un Dio stanco e dispiaciuto dei propri errori, o come se tutte le altre grandi divinità fin'ora inventate dal Genere umano per compensare la propria inconsapevole ignoranza tribale e medievale verso i misteri della Natura e della Vita, si rivoltassero ai propri Creatori e decidessero di governare le loro fantasie".
La storia è leggermente erotica, vagamente fantasy, macchiata di horror e forse un po' comica.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (166,68 KB scaricato 41 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.