Diario di una paranoica

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 22/12/2020, 23:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
50%
3 - si lascia leggere
1
17%
4 - è bello
2
33%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 6

Papergirl
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 20/11/2020, 15:24

Author's data

Diario di una paranoica

Messaggio da leggere da Papergirl »


Non ci credeva Lei non ci credeva. Non poteva essere così. Così libera. Libera di pensare, di amare, persino di immaginare. Poteva organizzare tutto quello che voleva. Adesso poteva. Chissà per quanto, pensò. Quando si sentiva così, eccole apparire una strana nube che le chiedeva, insistente: Per quanto ancora?
 Oggi non se lo chiedeva, o perlomeno cercava di non pensarci. Una casa, 4 mura in cui si sentiva protetta e libera, 2 lavori, non troppo, il giusto. Sì, la fatica non le pesava. La fatica non era mai stata un disastro per lei, anzi, nei momenti più accuratamente stressanti si sentiva invincibile, utile a se stessa, con uno scopo preciso o no, ma Viva. L'amore. Se lo sentiva dentro, scorrere, come fosse un liquido caldo, ardente, cercava di tenerne per sé quanto più possibile, cercava di sprigionarlo in ogni respiro. Le si leggeva nel volto, veniva fuori dai capelli, dalle mani, dalla pancia, da ogni suo movimento. Cercava di assaporare ogni granello di quella vita che aveva cercato dovunque. Sì, l'aveva desiderata, se l'era guadagnata, l'aveva bramata in ogni romanzo letto, in ogni racconto scritto o non ancora compiuto.
 Aveva viaggiato come un cavaliere errante in lungo e largo nella sua cameretta, convinta che da lì in fondo dovesse partire il suo viaggio. Aveva cercato in ogni tratto qualcosa che la ricollegasse alle sue origini. E infatti erano lì. Negli occhi di sua madre, nelle movenze di suo padre. Il suo volto, a vederlo da fuori, non aveva nulla di strano. Eppure la sua pelle era stata modellata come si fa con il materiale plastico, con i polpastrelli le avevano scavato gli zigomi alti, le labbra prominenti, il viso lungo e affusolato. Nel tempo aveva riconosciuto quella mano, quelle dita. Le lacrime l'avevano aiutata a scavarle le rughette che ora cominciavano a vedersi, le avevano assottigliato il viso, avevano scavato i pensieri come acqua che corrode la roccia. Quando aveva conosciuto quella mano se lo ricordava bene. Si sentiva così forte, indistruttibile, incorruttibile. Eppure lì, proprio quando doveva dar prova e sfoggio delle sue virtù, era crollato tutto. Acqua batteva roccia. Era fatta solo di materiale plastico, si era detta, forse anche di quello scadente, che a vederlo è malleabile e inscalfibile, ma a provarlo è debole, si sfalda, non possiede forza. Non era forte. Difficile accettarlo. E non fu facile capire che quelle mani avrebbero continuato a modellarle il viso in modo irreversibile. Nessuna crema antirughe, nessun miracoloso antidoto poteva vincere. Quelle mani continuavano a modellare, rimodellare, non distruggevano, ma modificavano. Inutile disperarsi. Quando lei cominciò a frugarsi dentro, a cercarsi, non lo sapeva ancora. Non sapeva che ogni tentativo di mandar via quelle mani e i segni che lasciavano sarebbero stati del tutto inutili, non sapeva che quelle mani l'avrebbero accompagnata per sempre. Oggi però ne era consapevole. Prenderne coscienza non era stato affatto facile.
 Considerate che per lei ogni cambiamento, in quella vita routinaria che con affanno si trascinava dietro, era da lei considerata come una minaccia alla sua incolumità. Si aggrappava ad una realtà che si era costruita, di cui non poteva fare a meno. Mi spiego meglio, non era folle. Al contrario, era completamente concreta. Vi starete chiedendo cosa può significare essere completamente concreti. Beh, non è poi così difficile. Basta cercare delle abitudini, delle attitudini, persino degli atteggiamenti, delle reazioni coerenti al contesto e all'immagine che si vuole dare. Ripetere il tutto, per tutti i giorni, le settimane, i mesi, gli anni della propria esistenza. Non fu un processo consapevole, ma certamente sapeva che era proprio così che si immaginava. La sua storia non era poi così particolare. Del resto, si era sempre considerata come un ingranaggio di un sistema, un filo di rame, se vogliamo, che insieme ad altri fili di rame componevano un circuito che si andava a collegare ad altri circuiti, in sistemi sempre più complessi. Questo era per lei l'intera società. Come darle torto! E dei tanti individui che compongono una società, lei aveva deciso di essere un individuo qualunque. Un individuo unico, certo. Tutti siamo unici. E per individuo qualunque non intendeva essere un omino senza significato che vagava nel mondo senza uno scopo. Voleva semplicemente stare bene. S'immaginava adulta, un lavoro, circondata dagli affetti, una vita ricca di serenità, un matrimonio, dei figli.
 Aveva organizzato le cose in grande. Aveva fatto le liste. Lei viveva di liste. Tassello per tassello, gradino dopo gradino, conquista dopo conquista, amava tirare linee come a dire sì, sì, l'ho fatto, questa è andata, dopo questa una in meno me ne manca. Ma poi mancava a cosa? Non lo sapeva nemmeno lei, se lo sapeva non osava dirlo, se le diceva non si avverava più. E dopo aver tirato una linea, gioiva, si definiva serena, si crogiolava nell'attesa. Sì, avete capito bene. Attesa. Che brutto era l'istante dopo aver tirato la linea. Sedersi all'angolo, guardare il bello, la fatica, con il traguardo tagliato e mettersi ad aspettare che qualcosa di brutto dovesse ancora capitare. Qualcosa deve sempre capitare. Qualcosa di inatteso, qualcosa di inaspettato. Inaspettato, ma che si aspetta. Chi lo sa cos'è? Nessuno. Tutti potevano solo immaginare, ma invano.
 Che strano concetto, quello della serenità. Una parola così bella, ma piena di contraddizioni. Cosa vi viene in mente quando parlate di serenità? La pace dei sensi, l'apoteosi del momento, il sudore con il quale si guadagna. La famosa luce in fondo al tunnel. Ma nessuno pensa all'istante immediatamente dopo in cui ci pronunciamo sereni? Lei ci pensava continuamente. A quel momento in cui tutto sarebbe svanito. Diceva che nell'istante esatto in cui qualcuno le chiedeva il suo stato in momenti sereni, non poteva più esserlo. La gente dovrebbe sempre stare attenta a fare certe esternazioni di serenità. Perché, pensava, esiste la serenità, in fondo?
 Andria, Istituto Secondario "Padre Nicolò Vaccina", 2004.
 Il prof di religione era davvero figo. Tutte lo bramavano. Ma lei non lo bramava in quel senso. Lei non avrebbe mai smesso di ascoltarlo. Quel giorno teneva una gran bella lezione. Nelle sue mani tanti fogli uscivano tutti scarabocchiati da una Moleskine nera, di quelle piene di cultura. Un giorno l'avrebbe avuta anche lei. Lo sapeva.
 Bene, la lezione era sui concetti di bene e male, per raccontare dell'occulto da un punto di vista filosofico.
 Pensiamo ai concetti di bene e male. Il bene esiste perché si può distinguere dal male. Se non ci fosse il male, che senso avrebbe il concetto di bene?!
 Quanto ricordava quella lezione. Quanto l'aveva assorbita. Mai più l'avrebbe dimenticata. Le tornava sempre in mente quando compiva un'azione sbagliata, le si ritorceva contro quando ne compiva una giusta.
 Da qui il concetto che tutto, ma proprio tutto ha delle conseguenze. Ed era proprio da qui che partiva nella sua testa la contrapposizione tra serenità e malessere. Da qui avevano origine i suoi problemi.
 Era questa la sua paranoia. Come poteva essere serena se la vita le aveva già lanciato degli spoiler, se sapeva che a quella serenità sarebbe sicuramente e perentoriamente seguita un malessere? E durante il malessere avrebbe maledetto il momento di serenità, chiedendosi il motivo per il quale non era riuscita a vivere il momento precedente in cui tutto andava bene. Andava sempre a finire così.
 Ci pensava come una disgraziata, affondando il suo sguardo in quella finestra, cercando di ricavare una poesia in quell'immagine di albero spoglio che dava sulla città in cui viveva adesso. Sulle sue gambe il suo Pc, fedele compagno, nelle mani una tazza bollente di tè, di quelle in ceramica fragile, come lei.
 Chissà se mai avrebbe sviluppato l'abilità di viversi il momento. Chissà se mai sarebbe stata serena.
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Bello e scritto molto bene. Ma non concorda il titolo perché, a mio avviso, non sono pagine di diario. Puoi spiegarci il titolo? Aspetto a votare per capire meglio. Nel mio racconto, per esempio, il titolo l'ho modificato già a concorso avanzato. In ogni caso, con le spiegazioni che mi convincono sul titolo o con un altro titolo, è un racconto da 5.
Papergirl
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 20/11/2020, 15:24

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Papergirl »

Marcello Rizza ha scritto: 23/11/2020, 14:14 Bello e scritto molto bene. Ma non concorda il titolo perché, a mio avviso, non sono pagine di diario. Puoi spiegarci il titolo? Aspetto a votare per capire meglio. Nel mio racconto, per esempio, il titolo l'ho modificato già a concorso avanzato. In ogni caso, con le spiegazioni che mi convincono sul titolo o con un altro titolo, è un racconto da 5.
Ha ragione, sig. Marcello, in questo concordo con lei. Ma in realtà mi piace raccontarmi in questo modo un po' impersonale, una specie di brainstorming con me stessa, che nonostante tutto non porta altro che alla consapevolezza dei miei limiti. Una cosa un po' pirandelliana, in effetti, ora che ci penso. Questo sarebbe stato il mio modo di scrivere il diario, solo che queste pagine ho scelto di destinarle a questo sito. Un modo un po' strano di intendere il diario personale, ma io sono anni che lo scrivo così, ahimè, seppur consapevole della diversità delle regole di un diario.

Comunque, la ringrazio per il suo apprezzamento. Buona giornata!
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattyManf »

Un vero e proprio flusso di coscienza in cui la protagonista si racconta per immagini a tratti psicotiche.
L'angoscia, l'ansia ed il panico sono resi molto bene e ci sentiamo realente imprigionati in queste quattro mura da cui potremmo uscire in qualunque momento. Ho gradito molto la parte delle "mani plasmatrici", originale e ben scritta.

Mi sento però di fare un appunto (oltre a quello sul titolo già citato): non è un racconto vero e proprio. Nel senso che non c'è una vicenda che si svolge e la situazione è statica. Tutto avviene nella mente di un personaggio che agisce molto poco.

Non è un problema in sé: sarebbe un ottimo incipit per un romanzo. Il personaggio è delineato alla perfezione e non c'è nulla da ridire nè sullo stile nè sulla resa. Semplicemente, arrivato alla fine, ho avuto la sensazione che nulla fosse finito o cominciato. Un peccato, perchè ormai mi ero affezionato alla protagonista ed alla sua mente frizzante!

Darò comunque un buon voto perchè mi hai intrattenuto non poco e perchè trovo che il tuo stile sia originale. Ma quel senso di incompletezza, non so... non va via.
Complimenti, e spero di rileggerti ancora!
Ultima modifica di MattyManf il 25/11/2020, 21:44, modificato 1 volta in totale.
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiata a "Rose Nere" in Concorso FLASH.

sono FELICE perché...
:bicipit"Il Carillon di Absindaele" ,
si è piazzato al 3° posto su 45 concorrenti in Gara d'Autunno 2020!!!!
Fatemi sapere cosa ne pensate!
Illustrazioni: @chinevesperiane
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 306
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Benvenuta su Bravi Autori.
Qualche nota:
"Non ci credeva Lei non ci credeva." inserirei una virgola dopo credeva.
"Chissà per quanto, pensò." i pensieri li metterei a capo, dopo un punto fermo, per separarli dalla voce narrante in modo da porli in risalto e per non confondere il lettore quando sono lunghi e articolati.
"Una casa, 4 mura in cui si sentiva protetta e libera, 2 lavori, non troppo, il giusto."
I numeri vanno scritti in corsivo, solo le date sopportano e supportano le cifre.
"Se lo sentiva dentro, scorrere, come fosse un liquido caldo," una proposizione arzigogolata. Quel dentro è pleonastico, sgradevole la forma riflessiva e quello scorrere tra virgole.
"Le si leggeva nel volto," quel le è un errore. Il soggetto qui cessa di essere la protagonista e diventa l'amore. Io costruirei la frase in modo diverso.
"Considerate che per lei ogni cambiamento, in quella vita routinaria che con affanno si trascinava dietro, era da lei considerata come una minaccia alla sua incolumità. Si aggrappava ad una realtà che si era costruita, di cui non poteva fare a meno. Mi spiego meglio, non era folle. Al contrario, era completamente concreta. Vi starete chiedendo cosa può significare essere completamente concreti. Beh, non è poi così difficile. Basta cercare delle abitudini, delle attitudini, persino degli atteggiamenti, delle reazioni coerenti al contesto e all'immagine che si vuole dare."
In questo lungo periodo è l'autore che entra in scena e si rivolge ai suoi lettori cambiando tempo verbale, che dal passato vira al presente.
Quindi non solo abbandoni la voce narrante a se stessa, sostituendoti ad essa (come fosse cosa che riguarda l'autore in prima persona e non lei), ma lasci anche il tempo verbale scelto all'inizio della narrazione.
A mio avviso sono tutte cose da non fare. Dovresti fare in modo di lasciar sempre l'autore fuori la porta quando narri di modo che la voce narrante possa spiegare quanto si deve. Rivolgersi ai lettori è poi, per quanto mi riguarda, una pratica spiacevole perché sottintende una complicità, tra autore e lettore, che non esiste in realtà.
Insomma, spero tu abbia capito, e mi fermo qui.
Nel suo complesso questo flusso di coscienza, per esser tale, avrebbe bisogno di liberarsi da qualche incrostazione e, a mio avviso, dovrebbe rinunciare anche a quella forma metaforica che hai provato a dargli.
Spesso fuori dai giusti contesti le forme metaforiche si trasformano, si diluiscono e perdono efficacia, in lunghi periodi allusivi di cui il lettore farebbe volentieri a meno.
Mi pare però che tu abbia parecchia buona stoffa e ottime idee.
Papergirl
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 20/11/2020, 15:24

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Papergirl »

Namio Intile ha scritto: 24/11/2020, 11:24 Benvenuta su Bravi Autori.
Qualche nota:
"Non ci credeva Lei non ci credeva." inserirei una virgola dopo credeva.
"Chissà per quanto, pensò." i pensieri li metterei a capo, dopo un punto fermo, per separarli dalla voce narrante in modo da porli in risalto e per non confondere il lettore quando sono lunghi e articolati.
"Una casa, 4 mura in cui si sentiva protetta e libera, 2 lavori, non troppo, il giusto."
I numeri vanno scritti in corsivo, solo le date sopportano e supportano le cifre.
"Se lo sentiva dentro, scorrere, come fosse un liquido caldo," una proposizione arzigogolata. Quel dentro è pleonastico, sgradevole la forma riflessiva e quello scorrere tra virgole.
"Le si leggeva nel volto," quel le è un errore. Il soggetto qui cessa di essere la protagonista e diventa l'amore. Io costruirei la frase in modo diverso.
"Considerate che per lei ogni cambiamento, in quella vita routinaria che con affanno si trascinava dietro, era da lei considerata come una minaccia alla sua incolumità. Si aggrappava ad una realtà che si era costruita, di cui non poteva fare a meno. Mi spiego meglio, non era folle. Al contrario, era completamente concreta. Vi starete chiedendo cosa può significare essere completamente concreti. Beh, non è poi così difficile. Basta cercare delle abitudini, delle attitudini, persino degli atteggiamenti, delle reazioni coerenti al contesto e all'immagine che si vuole dare."
In questo lungo periodo è l'autore che entra in scena e si rivolge ai suoi lettori cambiando tempo verbale, che dal passato vira al presente.
Quindi non solo abbandoni la voce narrante a se stessa, sostituendoti ad essa (come fosse cosa che riguarda l'autore in prima persona e non lei), ma lasci anche il tempo verbale scelto all'inizio della narrazione.
A mio avviso sono tutte cose da non fare. Dovresti fare in modo di lasciar sempre l'autore fuori la porta quando narri di modo che la voce narrante possa spiegare quanto si deve. Rivolgersi ai lettori è poi, per quanto mi riguarda, una pratica spiacevole perché sottintende una complicità, tra autore e lettore, che non esiste in realtà.
Insomma, spero tu abbia capito, e mi fermo qui.
Nel suo complesso questo flusso di coscienza, per esser tale, avrebbe bisogno di liberarsi da qualche incrostazione e, a mio avviso, dovrebbe rinunciare anche a quella forma metaforica che hai provato a dargli.
Spesso fuori dai giusti contesti le forme metaforiche si trasformano, si diluiscono e perdono efficacia, in lunghi periodi allusivi di cui il lettore farebbe volentieri a meno.
Mi pare però che tu abbia parecchia buona stoffa e ottime idee.
Ti ringrazio, farò tesoro dei tuoi appunti. In realtà molta della punteggiatura non mi sono resa conto che sia stata spazzata via (forse non ho ottimizzato il testo in fase di inserimento dello stesso per la partecipazione della gara). La prossima volta sarà mia premura essere più attenta!
P.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9422
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Papergirl ha scritto: 24/11/2020, 12:12In realtà molta della punteggiatura non mi sono resa conto che sia stata spazzata via (forse non ho ottimizzato il testo in fase di inserimento dello stesso per la partecipazione della gara). La prossima volta sarà mia premura essere più attenta!
Scusa, ma mi preme precisare che quello che si pubblica qui nel forum (e nel sito in generale) non viene in alcun modo modificato da nessuno. L'opzione di ottimizzazione del testo, qui, si limita a ottimizzare le spaziature e poco altro, e deve essere un'azione volontaria di chi pubblica il post.
Giusto per non lasciarti in testa dei fraintesi, dato che sei nuova :-)
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 551
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

ci sono svariati errori, peraltro già segnalati, e non mancano le ripetizioni.
l'idea è buona e lo svolgimento non è male, ma probabilmente sei alle prime armi e tanti particolari possono sfuggire.
le descrizioni sono buone, pur non eccellendo, ma nel complesso la storia si fa pesante.
la si legge senza problemi, però con alcune correzioni e modifiche diventerebbe molto più scorrevole.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 138
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Io, a differenza degli altri commentatori, anche se scritta in terza persona, questa la considero una pagina di diario vera e propria per le emozioni che esprime. È un testo scritto di getto, secondo me vero, non inventato. Riflette un momento di passaggio dall'adolescenza all'età adulta, pieno di dubbi, insicurezze. Sono espressi sentimenti opposti: desiderio di libertà, voglia di concretezza, sofferenza se non si ha un obiettivo. Diciamo che la protagonista è alla ricerca di un equilibrio, come spesso accade in un'età così delicata.
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 160
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Un flusso di coscienza con spunti riflessivi interessanti, ammetto però di essermi perso a tratti durante la lettura, immagino che sia per una questione mia di affinità a ciò che si legge. Forse avrei alleggerito un po' il tutto, molto bello invece il titolo. Buona scrittura
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”



Ci sono 4 concorsi attivi



Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

bando di concorso per la realizzazione di un'antologia di opere ispirate alla paura dell’ignoto.

- (attivo) - bando e commenti.

a cura di Roberto Virdò per BraviAutori.it

L'ignoto ci aspetta al varco, silenzioso e paziente, per catapultarci nello strapiombo degli incubi o nel vortice di ansie e desideri repressi. Amori contrastati e spettri, buie segrete, ma anche improvvisi impeti di violenza o l'inconfessabile desiderio della morte dell'altro.

È in quest'ultimo termine che si nasconde il vero senso di quest'antologia, dove potremo sì trovare vampiri ed esseri soprannaturali, ma nella quale i veri mostri saranno, molto più spesso, dei comuni mortali, gli stessi che incrociamo sulle strade di ogni giorno, i cui volti ed espressioni riconosciamo ambiguamente familiari, tanto da non poter respingere con assoluta fermezza il sospetto che essi restituiscano, in definitiva, la nostra immagine speculare.

Per racconti, poesie, disegni ed elaborazioni grafiche digitali.



Metropolis

Metropolis

bando di concorso per la realizzazione di un'antologia di opere ispirate da un ambiente metropolitano.

- (attivo) - bando e commenti.

a cura di BraviAutori.it

Si dovranno immaginare delle storie che si svolgano in città, in un ambiente metropolitano con tanta gente, grattacieli e condomini, metropolitane e tram, smog e traffico. Non ha importanza se in una città del passato, del presente o del futuro.

Pensate anche agli animali che sono costretti a vivere lì con i loro padroni.

Insomma, buttatevi nel convulso traffico della megalopoli in cerca di avventure e incontri originali, inquietanti, comici o amorosi.

Per storie intendiamo qualsiasi tipo di componimento, scritto o grafico, che parli allo spettatore, quindi vanno bene racconti, poesie, disegni ed elaborazioni grafiche digitali.

Genere libero.



Scene da CoronaVirus

Scene da CoronaVirus

Bando per la realizzazione di una antologia di racconti, testi teatrali brevi e sceneggiature di cortometraggi di carattere umoristico e satirico che raccontano la permanenza in casa legata alla pandemia del Covid-19..

- (attivo) - bando e commenti.

a cura di Lorenzo Pompeo

Descrivete scene di vita quotidiana ambientate in un appartamento nel quale un nucleo familiare è costretto a fronteggiare problemi legati alla lunga convivenza forzata dovuta alle limitazioni e ai divieti dettati dalle autorità. Verranno privilegiati testi di carattere comico, umoristico e fantastico.

NB: l'eventuale libro cartaceo derivato dal presente concorso sarà messo in vendita al solo prezzo di costo, e l'ebook sarà gratuito.



Le Gare Stagionali

Le Gare Stagionali

Concorso stagionale con pubblicazione in ebook gratuito trimestrale e antologia cartacea annuale

a scadenza stagionale - (attivo) - bando e commenti.

a cura dello Staff di BraviAutori.it
Hai un racconto breve che vuoi mettere alla prova?

Le Gare letterarie stagionali sono concorsi a partecipazione libera, gratuiti, dove chiunque può mettersi alla prova divertendosi, conoscendosi e, perché no, anche imparando qualcosa. I migliori testi di ogni Gara saranno pubblicati in un ebook gratuito e a ogni ciclo di stagioni pubblicheremo una antologia annuale.

Nota: può votare e commentare anche chi non partecipa come autore.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


BReVI AUTORI - volume 4

BReVI AUTORI - volume 4

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Angela Catalini, Mirta D, Umberto Pasqui, Verdiana Maggiorelli, Francesco Gallina, Francesca Santucci, Sandra Ludovici, Antonio Mattera, Francesca Paolucci, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Romina Bramanti, Alberto Tivoli, Fausto Scatoli, Cinzia Iacono, Marilina Daniele, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Isabella Galeotti, Arcangelo Galante, Massimo Tivoli, Giuseppe Patti, SmilingRedSkeleton, Alessio Del Debbio, Marco Bertoli, Simone Volponi, Tiziano Legati, Francesco Foddis, Maurizio Donazzon, Giovanni Teresi, Sandro Pellerito, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (730,53 KB scaricato 70 volte).
info e commenti compralo su   amazon

L'Altro

L'Altro

antologia AA.VV. sulle diversità del Genere Umano

Attraverso il concorso "L'Altro - antologia sulle diversità del Genere Umano", gli autori erano stati chiamati a esprimersi sulle contrapposizioni fra identità, in conflitto o meno, estendibili anche a quelle diversità in antitesi fra di loro come il terreste e l'alieno, l'Uomo e l'animale, l'Uomo e la macchina, il normale e il diversamente abile, il cristiano e il musulmano, l'uomo e la donna, il buono e il cattivo, il bianco e il nero eccetera. La redazione cercava testi provocatori (purché nei limiti etici del bando), senza falsi moralismi, variegati, indagatori e introspettivi. Ebbene, eccoli qua! La selezione è stata dura e laboriosa, ma alla fine il risultato è questo ottimo libro.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Furio Bomben.

Contiene opere di: Furio Bomben, Antonio Mattera, Maria Letizia Amato, Massimo Tivoli, Vespina Fortuna, Thomas M. Pitt, Laura Massarotto, Pasquale Aversano, Ida Dainese, Iunio Marcello Clementi, Federico Pavan, Francesca Paolucci, Enrico Teodorani, Giorgio Leone, Giovanna Evangelista, Alberto Tivoli, Anna Rita Foschini, Francesco Zanni Bertelli, Gabriele Ludovici, Laura Traverso, Luca Valmont, Massimo Melis, Abraham Tiberius Wayne, Stefania Fiorin.
Vedi ANTEPRIMA (312,10 KB scaricato 88 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Kriminal.e - racconti gialli evoluti

Kriminal.e - racconti gialli evoluti

Kriminal.e è una raccolta di testi gialli "evoluti", che contengono cioè elementi tecnologici legati all'elettronica moderna.
Copertina di Diego Capani.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Tullio Aragona, Nunzio Campanelli, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Emanuele Finardi, Concita Imperatrice, Angelo Manarola, Francesca Paolucci, Umberto Pasqui, Antonella Pighin, Alessandro Renna, Enrico Teodorani.
Vedi ANTEPRIMA (172,07 KB scaricato 155 volte).
info e commenti compralo su   amazon




Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Gara d'estate 2019 - La madre del prescelto, e gli altri racconti

Gara d'estate 2019 - La madre del prescelto, e gli altri racconti

(estate 2019, 49 pagine, 841,96 KB)

Autori partecipanti: Marco Daniele, Lorenzo Scattini, Roberto Bonfanti, Carol Bi, Daniele Missiroli, L.Grisolia, Gabriele Ludovici, Isabella Galeotti, Draper, Angelo Ciola, Slifer, Stefyp, Alessandro Mazzi, Massimo Centorame,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (841,96 KB) - scaricato 43 volte.
oppure in formato EPUB (388,81 KB) (vedi anteprima) - scaricato 41 volte..
Lascia un commento.

La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

(luglio/agosto 2012, 42 pagine, 720,59 KB)

Autori partecipanti: Nathan, Umberto Pasqui, Ardito Eufemismo, Lodovico, Ser Stefano, Maria92, Lorella15, Alhelì, Mastronxo, Monica Porta may bee, Exlex, Tuarag, Licetti, Angela Di Salvo,
A cura di Mastronxo.
Scarica questo testo in formato PDF (720,59 KB) - scaricato 128 volte.
oppure in formato EPUB (936,83 KB) (vedi anteprima) - scaricato 232 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it 2012 -  (a colori)

Calendario BraviAutori.it 2012 - (a colori)

(edizione 2012, 6,33 MB)

Autori partecipanti: Marina, Paul Olden, Maurizio Vicedomini, Lady Rugiada, Andrea Leonelli, Angela Di Salvo, Celeste Borrelli, yami iume, Recenso, Simone Guidi, Mariadele, Tullio Aragona,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (6,33 MB) - scaricato 423 volte..
Lascia un commento.