pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Tue 24 November, 16:29:00
logo


bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Un virus chiamato uomo

(racconto fantascienza, breve - per tutti)
Tempo di lettura: circa 10 minuti
577 visite dal 15/07/2016, l'ultima: 8 ore fa.
8 recensioni o commenti ricevuti

Autore di quest'opera:


Titoli simili:

Descrizione: nessuna...

Incipit: La Struttura stava collassando. Presto sarebbero stati spazzati tutti via. Era questa l'unica certezza che il dottor Martin aveva...


Un virus chiamato uomo
voce
file: un-virus-chiamato-uo_
mo.odt
size: 29,97 KB
Tempo di lettura: circa 10 minuti
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))



Elenco Tag dell'opera:
#apocalisse(15)    #struttura(2)



Recensioni: 8 di visitatori, 10 totali.

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.

Testo della recensione o del commento (min 30, max 5.000 battute)

Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: stai per confermare la recensione o il commento al lavoro dell'autore Anita Veln. Prima di proseguire, però, se hai necessità di discutere più a fondo di questa opera con l'autore, puoi iniziare una discussione più ampia e dettagliata usando la nwsezione apposita del nostro forum. Tale discussione, se non è già stata aperta, dovrà essere creata con il titolo:

"Un virus chiamato uomo - Anita Veln".

Le recensioni offensive, volgari o di chiacchiere saranno eliminate dallo Staff.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative.

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci/commenta nwun'opera a caso.

recensore:

Recensione o commento # 1, data 15/07/2016
Coinvolgente. E per un racconto tanto breve è un pregio notevole.
Le riflessioni del protagonista ti prendono per mano e ti guidano in questo futuro panorama quasi-apocalittico, spingendoti a pensare ed ipotizzare insieme a lui; carica di significato la contrapposizione natura-tecnologia... che dà da pensare.



recensore:
avatar di Alberto Tivoli
nwAlberto Tivoli
$ sostenitore 2017 (4 dal 2015)

Recensione o commento # 2, data 15/07/2016
Il racconto affronta la tematica dello sviluppo tecnologico incontrollato che affianca un necessario sfruttamento di risorse. Quest'ultimo aspetto assume una forma così esasperata da diventare sfruttamento dello spazio stesso. Così la creazione tecnologica più che invadere la natura, la assorbe.
L'idea è classica ma i concetti espressi sono molto interessanti. La narrazione è scorrevole ma manca un po' di azione o del confronto tra il protagonista e altri personaggi. Questo però non pesa più di tanto vista le dimesione ridotta del racconto e lo scenario che l'autrice mette in campo.



recensore:

risposta dell'autore, data 15/07/2016
Grazie per il commento e per i consigli... questo racconto è stato per me la prima prova con il genere fantascientifico, di solito mi muovo su altri campi, come l'horror o il fantasy... spero di migliorare in futuro!



recensore:

risposta dell'autore, data 15/07/2016
Grazie della recensione! Sono contenta che sia piaciuto, considerando che è un genere che amo, sì, molto, ma in cui non mi sono mai cimentata...



recensore:

Massimo T
Recensione o commento # 3, data 15/07/2016
Scenario fantascientifico davvero suggestivo, raccontato in un modo che trasmette al lettore quel Pathos necessario a rendere la storia avvincente, sebbene basata su un'idea molto classica. A me sono piaciuti 2 aspetti in particolare: caricare l'idea classica di questa dimensione apocalittica/planetaria che in qualche modo gli conferisce una certa potenza, sebbene non sia una novità; e il fatto che mentre lo leggevo mi sono sentito agitato come credo si sentisse il dottor Martin, quindi da questo punto di vista, per me, molto efficace. A tratti però mi è sembrato che il racconto ritornasse un po' troppo su concetti/sensazioni/riflessioni già introdotte in punti precedenti, ma visto gli aspetti positivi menzionati non mi ha disturbato la lettura più di tanto.



recensore:
avatar di Stefano Garino
nwStefano Garino
$ sostenitore 2016

Recensione o commento # 4, data 17/07/2016
Voi ragazze avete spesso un dono, quello della parola. E il racconto scorre, fruibile e leggero, quindi SAI SCRIVERE. Però ci sono imprecisioni. Ti sei accorta che 3/4 è sottolineato?

1)No, pensò tra sé e sé il dottor Martin ... lo toglierei
2)gelato il sangue nelle vene e fatto increspare la pelle in onde di terrore...poco appropriato
3)Ripensò con più intensità a quelle parole che gli erano sovvenute solo da poco... un registro aulico, meglio "ripensò con più intensità a quelle parole e a quanto fossero..."
4)(ma il capo preferiva chiamarlo debellamento, o, al massimo, disattivazione, perché faceva più scientifico)... inappropriato.
5) E forse, sotto sotto...inappropriato.
6)Si ritrovò a ripensare... o si trovò a ripensare o si ritrovò a pensare. Tra l'altro prima si era già trovato a pensare.
7) era un punto talmente tanto indietro nel tempo che nessuno di loro avrebbe potuto ricordarlo... talmente tanto, no! / avrebbe potuto ricordare.



recensore:
avatar di Fausto Scatoli
nwFausto Scatoli
$ sostenitore 2020 (9 dal 2018)

Recensione o commento # 5, data 19/07/2016
Uhm... la storia è classica, anche se affrontata in maniera abbastanza originale. onestamente l'avrei ridotta un poco e, soprattutto, avrei inserito qualche dialogo per vivacizzare (anche dialoghi con se stesso, per esempio) il racconto.
così com'è mi appare troppo raccontato e perde parecchio della vitalità che invece potrebbe esprimere.
sulla stesura non ho nulla da dire, forse solo qualche virgola di troppo.
avrei invece messo qualche a capo in più per ridurre l'impatto visivo.
in ogni caso il giudizio è positivo.



recensore:
avatar di Ida Dainese
nwIda Dainese
$ sostenitore 2019 (11 dal 2015)

Recensione o commento # 6, data 31/01/2017
Il racconto di una tragedia imminente, di un inferno che l'uomo si è costruito da solo. Si capisce bene dai pensieri di questo scienziato che sembra girare sperduto e spaventato tra i corridoi di quella che in fondo è la sua (e degli altri) creazione. In un paio di momenti si ha l'impressione che tu ripeta un concetto già detto in precedenza ma nell'insieme hai reso bene sia l'ansia crescente per il ricordo di quanto fu fatto, sia la rassegnazione per la catastrofe che sta incombendo. Senza dimenticare la speranza, tipico degli umani, di non ripetere gli stessi errori, la speranza che chi verrà dopo di noi possa fare meglio. Mi ha colpito il dettaglio del braccio meccanico che tenta di afferrare lo scienziato, quasi a chiedergli: "Padre, che mi sta succedendo?"



recensore:

Arcangelo Galante
Recensione o commento # 7, data 03/09/2017
Il lettore si diverte nel leggere la fantascientifica narrazione, scritta, oltretutto, molto bene dall'autrice, giacché viene guidato dai passaggi descrittivi, inerenti la vicenda, i quali assai incuriosiscono, sino a spingere l'attenzione verso la finale conclusione. Eppure, è proprio l'ultima osservazione manifestata, a donare senso ampio al messaggio emblematico, intenzionalmente ben costruito, a prescindere dalla dinamica dell'argomentazione intavolata: "Quello che avevano perso prima, in fondo-gli alberi, le foreste, gli animali, - era stato molto più importante". Null'altro da aggiungere e chi vuole intendere, ben intenda. Applausi meritati e complimenti sinceri ad Anita. Brava!



recensore:

Recensione o commento # 8, data 23/11/2020
Ben scritto, complimenti. E la storia, che s’inserisce nella lunga serie delle distopie, anche qui ci ricorda come l’arroganza di una certa scienza, purtroppo ormai dilagante, (non la scienza “autentica”, ben consapevole di come il dubbio ne sia fondamento) genera mostri su mostri che essa sola ha la forza per poter tentare di vincere. Ma quei mostri sono meccanismi talmente potenti da risultare altresì inarrestabili pure per la scienza stessa, dunque il disastro.




up - files - recensioni e commenti - opere correlate -
L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Un virus chiamato uomo di Anita Veln è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)

up - files - recensioni e commenti - opere correlate -


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(racconto narrativa, breve)  di nwSphinx

incipit: Non so se i Maya avessero in mente quello che poi è realmente accaduto, però in un modo o nell'altro avevano ragione. Il 21 Dicembre 2012 qualcosa è successo, ma in quel momento nessuno poteva pensare che avrebbe fatto finire il mondo, o per meglio dire il nostro mondo, quello formato dalla civiltà umana.

#fine del mondo(13)    #fumo(13)    #apocalisse(15)


(racconto narrativa, breve)  di nwStefano Pelleriti

descrizione: Racconto di un sogno di un'apocalisse annunciata in mondovisione. Angoscia e panico tra i popoli, ma...

incipit: Sogno di una preannunciata prossima apocalisse a reti unificate e in mondovisione, di una psicosi di massa e del chi si salvi chi può. Nel caos dei popoli i governi dei paesi sviluppati offrono un'effimera speranza di salvezza volando nei cieli. Nessuno sa o dice come si manifesterà il cataclisma. C'è chi parte su aerei, che sono fortezze volanti, sperando o non volendosi arrendere, chi rimane a casa rinchiuso per scelta o per rassegnazione, aspettando che il destino si compia.

#apocalisse(15)    #inganno(8)    #psicosi di massa(1)    #sogno(78)    #fine(18)


descrizione: I quattro cavalieri dell'Apocalisse rappresentano per me "l'essenza dell'umanità"

#bianco(23)    #cavalieri(11)    #cavalieri dell apocalisse(1)    #guerra(64)    #morte(175)    #nero(31)    #rosso(29)    #apocalisse(15)


descrizione: In un mondo misterioso e simbolico due ragazzi si fanno strada tra scenari apocalittici alla disperata ricerca del leggendario mondo delle idee. Tratto dal libro "Il ritorno dal mondo delle idee"

incipit: All'inizio ero molto solo di uomini. Quando sei solo in questo senso tendi a cercare qualcos'altro per cui valga la pena vivere. Io l'ho trovato. Eliah è il nome che mio padre mi attribuì, con tale appellativo invocò ogni momento della mia infanzia.

#platone(2)    #apocalisse(15)    #avventura(25)    #idee(3)    #iperuranio(1)    #mondo(31)    #ritorno(11)


descrizione: L'ultimo giorno dell'umanità. Ciò che accadde in quel giorno e le sue conseguenze

incipit: Alla fine dei tempi , alla fine della storia, alla fine di tutto ma proprio tutto, rimase solo più un uomo sulla Terra. E siccome l’unica altra specie rimasta in vita era quella dei ratti, ci fu un incredibile battaglia finale tra l’ultimo uomo e un orda di ratti affamati, nei pressi di una vecchissima capitale di quella che una volta era conosciuta come Europa. Nel frattempo.

#invasori(1)    #sopravvissuti(3)    #apocalisse(15)


descrizione: Sembrava una mattina come tutte le altre per Matt ma qualcosa stava succedendo, qualcosa che lo farà vivere nella paura e nel terrore. L'apocalisse è appena cominciata, sopravvivere è l'unica scelta.

incipit: Il primo capitolo di un breve romanzo dal titolo "apocalisse zombie".

#apocalisse(15)    #morte(175)    #morti viventi(1)    #orrore(15)    #paura(82)    #sangue(36)    #sopravvivere(5)    #terrore(13)    #zombie(7)


(racconto horror, breve)  di nwAlessandro Pesaresi

descrizione: Secondo capitolo del romanzo breve "Apocalisse zombie". Il primo capitolo "una mattina come tutte le altre" è già online

incipit: La sveglia suonò infrangendo il sogno di Kerry: si trovava in una nave da crociera, era a prua ad osservare l'orizzonte mentre il sole stava cominciando la sua lenta discesa verso l'oscurità. C'era un silenzio surreale, la nave andava spedita eppure intorno a lei c'era silenzio: non si udivano i potenti motori della nave, né le voci degli altri passeggeri e neanche un lontano richiamo di un qualche tipo di uccello. Niente.

#apocalisse(15)    #morte(175)    #orrore(15)    #paura(82)    #sangue(36)    #sopravvivenza(8)    #zombie(7)


(racconto fantascienza, breve)  di nwDaniele Ghilardini

descrizione: "Il narratore" è un breve racconto metaletterario vincitore della terza edizione del concorso di scrittura (2017) organizzato dal Progetto Adolescenza del Comune di Albino (BG).

incipit: CONSIGLIO DI LEGGERE IL FORMATO PDF! «La sua ignoranza non ha limiti, signorina!» Se non è riuscita a correggere la mia verifica direi che non sono l’unica qui ad essere ignorante. «E la sua mancanza di rispetto verrà presa in grande considerazione nel voto di questo trimestre!» Sì, il trimestre che conta poco o niente nella valutazione di fine anno. Non si preoccupi, mi sono divertita abbastanza per ora, da gennaio farò il necessario per non dover pensare a lei durante l’estate.

#apocalisse(15)

Elencate 10 relazioni su 16 -
 
10
20
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.

up - files - recensioni e commenti - opere correlate -




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!

up

vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.216.79.60


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2020
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,81 secondi.
up