La metrica del dolore

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
4
29%
3 - si lascia leggere
2
14%
4 - è bello
6
43%
5 - mi piace tantissimo
2
14%
 
Voti totali: 14

Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Anna Gri »


Letizia era una bambina, un virgulto seminato da un destino un po’ distratto.
2014. Fabrizio e Sara si erano scontrati sulle automobili del luna park, tra luci psichedeliche e i bassi della techno che rimbombavano nei diaframmi delle casse toraciche e nelle loro gole secche assetate di poesia.
Ragazzi difettati senza, pezzi di ricambio, ingredienti del caos di un connubio di disgrazie. I due giovani, scappati di casa, si erano ubriacati alla fonte di un dolce e lieve sentimento. Afferrandosi l’un l’altro con le dita intrecciate si erano incamminati, ingannati dalla speranza di un futuro differente dal passato. Prima ancora di cogliere appieno il significato della parola amore, si erano intrappolati nella tela di una trama o nella trama di una tela, dipinta egregiamente da un artista assai dotato di macabro genio. Colpevoli e complici di un sentimento travolgente si erano uniti in una perfetta sintonia d’intenti. Fabrizio proteggeva Sara con tanta volontà e poco successo, Sara lo sosteneva manifestando comprensione alle sue debolezze.
Appena diciottenni, grazie a una scelta posta al centro tra obbligata e intelligente, avevano bussato all’uscio della nonna di Fabrizio che sinceramente lieta e allo stesso tempo commossa, li aveva fatti entrare: tutti e tre.
Sara aveva smesso di fumare e di nuotare nella birra e nel contempo Fabrizio si era messo a lavorare.
2015. Il trenta di settembre la cicogna aveva portato un candido fagotto che agitava le minuscole manine e che rubava a tutti quanti quel poco che avevano a disposizione. Letizia recava con se la beltà del proprio nome, donandola a coloro che ormai le appartenevano, totalmente disarmati dal suo incanto. La bimba era il cuore pulsante di una famiglia improvvisata che nutriva dolcemente con i suoi sorrisi grandi e innocenti. Concepita forse per troppa leggerezza, la piccina, sbatteva i suoi occhioni sulle facce dei presenti, come onde impazzite di acqua fresca che si infrangevano trascinando via con sé la sabbia cupa delle menti.
La mattina la mamma la svegliava avvolgendo il suo corpicino nel bozzolo di un tenero abbraccio. Il papà di consuetudine entrava nella sua stanza in punta di piedi, quasi senza sfiorare il pavimento, per posarle un lieve bacio sulla fronte, poi usciva dalla casa con il chiaro del sole che sorgeva nel livido del cielo violaceo.
Quei due ragazzi ribelli che si cercavano bramanti un anno prima si erano improvvisamente vestiti di un immagine convenzionale e le macchie che portavano negli animi le avevano dissolte.
2016. Il trenta di settembre Letizia aveva compiuto il primo anno e simultaneamente il primo passo. Sara e la nonna si sostenevano a vicenda a crescere e invecchiare. Fabrizio portava a casa il pane ed era divenuto senza sforzo un uomo capace di amare e di proteggere i suoi cari. I trascorsi sconsiderati dei ragazzi non erano che ricordi sbiaditi e insignificanti, ombre del passato prive di valore. La strada intrapresa aveva imboccato la giusta direzione e correva veloce e senza rischio di deragliamento. Letizia era identica alla madre: occhi azzurri come il cielo che guardavano curiosi e vivaci i colori del giardino, soggetti a nuove sfumature giorno dopo giorno.
2017. Il trenta di settembre Letizia aveva compiuto due anni. La festa della vita si ripeteva trasformando le note di tristezza in gioia e la piccolina correva scalza attraverso le piaghe del tempo. I suoi occhietti color del mare brillavano come stelle dentro quelli della nonna che giocava con lei senza tener conto del passare degli anni, ignara e indifferente di fronte alle leggi di madre natura. Letizia deliziava l’udito dell’anziana signora con frasi composte dall’arrangiamento di qualche parola, la sua vocina risuonava allegramente attraverso le stanze di quella umile dimora, conferendo a esse un aspetto regale.
2018. Il trenta di settembre Letizia aveva compiuto tre anni. Le foglie del giardino danzavano leggiadre nella brezza, prima di capitolare al suolo a formare un tappeto sulla tomba riempita delle sacre spoglie della nonna.
Fabrizio e Sara sopportavano gli stenti dei macigni della povertà grazie alla leggerezza che Letizia dispensava. La bimba era la gioia spensierata che fungeva da coperta, seppur troppo corta, agli ostacoli della quotidianità. Nonostante la nonna avesse lasciato loro la propria casa, il pane non bastava a pascere il futuro di Letizia e Sara decise di adeguarsi a lavorare in cambio di un po’ di denaro. Maia era una vecchia conoscenza di Sara, una brava ragazza con il piccolo vizio di rubare oggetti. Data la situazione che imponeva l’esigenza, barattando un tetto e un accenno di sostentamento, Maia si prestava ad accudire Letizia quando la mamma era assente. Fabrizio non approvava a prescindere la presenza di Maia, ma grazie a una decisione posta al centro tra obbligata e intelligente non vi aveva manifestato alcuna opposizione. Le scelte responsabili non bastavano a pagare la retta dell’asilo. Maia giocava volentieri con la bimba e provava sollievo ai sensi di colpa in sua compagnia. Lasciava fuori dall’uscio i cattivi esempi. La gratitudine verso la fiducia riposta in lei era sincera. Senza rendersene conto Maia era coinvolta in un processo di abbandono delle abitudini tossiche.
2019. Il trenta di settembre Letizia aveva compiuto quattro anni. La mamma quella mattina l’aveva agghindata con un abitino bianco e aveva posto una coroncina di margherite tra le ciocche dei suoi capelli biondi. Letizia si vantava esternando la sua gioia infantile che provava nell’immaginarsi principessa. La mamma e il papà nei giorni precedenti erano stati immersi nel turbinio dei preparativi per organizzare la festa di compleanno. La piccina in preda all’entusiasmo non stava più nella pelle e non vedeva l’ora che arrivasse quel momento per calarsi nei panni di reginetta della festa.
Maia era andata a prenderla all’asilo con un palloncino rosso. Sara quel giorno era rimasta a casa a ultimare gli allestimenti per accogliere gli amichetti della figlia. La tavola era imbandita di leccornie variopinte, i festoni colorati e cangianti erano disposti con cura e da una parte all’altra della stanza correva, sospesa a un filo, una serie di lettere di cartone rosse riportante la scritta “Buon compleanno”.
Maia teneva la piccola mano della bimba riposta nella sua, allo stesso tempo reggeva il capo del filo del palloncino per evitare che volasse via. Letizia inciampava a destra e a manca per non distogliere gli occhi dal palloncino rosso a forma di cuore, così Maia per attraversare la strada decise di prenderla in braccio. Ma quel trenta di settembre anche Maia inciampava di continuo. Assorta totalmente nei propri pensieri che la rapivano senza darle tregua, affannando il suo respiro con un prepotente senso di colpevolezza. Letizia gioiva innocente e Maia fingeva di assecondarla con tutte le sue forze. La ragazza aveva smesso di sottrarre oggetti, ma aveva commesso un atto assai peggiore: aveva rubato amore questa volta.
Il furto commesso andava ben oltre allo sconsiderato, in quanto la vittima di esso si era vista portar via il suo uomo, avvezzo a batterla e umiliarla a ogni occasione che si presentava. La donna aveva perso sia il bene che il male della propria esistenza in un istante, e accecata da un odio malato non aveva perso tempo per presentare il conto. Dall’altra parte della strada, sudicia di lacrime, tremava di rabbia nel puntare una pistola verso Maia. Ebbe l’occasione di sparare un solo colpo prima di essere bloccata a faccia a terra sulla strada. Il palloncino volò in cielo, e il sorriso di Letizia si spense, mentre una macchia color porpora si diffondeva nel candore del suo abitino. Il palloncino era ormai sparito dietro la coltre di nuvole pannose, portando con se l’ultimo innocente respiro di Letizia.
Letizia era una bambina: un virgulto calpestato, da un destino un po’ distratto.
Ultima modifica di Anna Gri il 10/10/2020, 7:41, modificato 4 volte in totale.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9330
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ah ok, nel tuo post di presentazione ti avevo appena invitata a dare un'occhiata alle Gare ma vedo che hai già fatto tutto da te, molto bene :-)
Buona continuazione.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Grazie Massimo! Buona continuazione anche a te!
Roberto Virdo'
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 100
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Cara Anna, te la devo questa prima recensione. Penso di essere il meno indicato, vedrai che ne riceverai molte altre, e da quanto ho letto, di molto molto positive. Il meno indicato perchè a volte mi lancio in "sconsiderazioni". Confido nella tua grande pazienza.
Saper scrivere è qualcosa di più che saper scrivere. Da questa parte, dal lettore, arrivano messaggi, sensazioni, emozioni. C'è chi lo sa fare benissimo, eppure non ci aggancia. Come se mancasse un ingrediente fondamentale. Posso dire che, per la mia modesta opinione, tu hai uno stile bello, pulito, elegante. Ma c'è qualcosa di particolare: anime. Tu parli di anime. Come un filtro quello che arriva da te, in una parola, sono i sentimenti: ci metti il cuore. Ecco la parolina magica. Bravissima!
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Grazie con tutto il cuore! Non so che dire… io scrivo per piacere, mi diverte, mi fa stare bene: il resto viene da sé. Mi rende molto felice che tu scorga le anime dentro le mie parole, perché è proprio lì che vorrei arrivare.
Grazie di nuovo.
Marcello Rizza
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ciao Anna. Il tuo racconto è bello. La punteggiatura, che non corrisponde alla facilità di scrittura che ti attiene, non la capisco, probabilmente è un mio limite. Questo non deve scoraggiarti, ho letto che non scrivi da molto, ma soprattutto l'uso del punto e virgola e il troppo ricorso alla virgola appesantiscono un brano che vale certamente una piacevole lettura.
Ultima modifica di Marcello Rizza il 26/09/2020, 8:05, modificato 2 volte in totale.
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Ciao Marcello, non credo proprio che sia un tuo limite, la mia punteggiatura.
Ci litigo continuamente, sono fuori allenamento. Grazie per avermelo fatto notare, vedrò di mettere ordine al mio testo.
Speranza
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 22
Iscritto il: 18/01/2020, 19:02

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Speranza »

Anch'io non riesco proprio a capire la punteggiatura. Scrivi molto bene, quindi non posso proprio credere che sia un errore. Probabilmente c'era l'intenzione di voler creare un qualcosa che però non ho capito e non mi ha raggiunta. Ti prego di darmi qualche delucidazione. Grazie.
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Ciao speranza. Ahimè ti devo confermare che negli ultimi otto anni ho scritto solo mail.
Evidentemente non l’ho revisionato a sufficienza. Provvederò al più presto.
Marcello Rizza
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Comunque il titolo è bellissimo.
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Grazie! È sempre un punto di partenza!
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 418
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Ho letto il racconto con interesse crescente e con l'attesa di una tragedia, annunciata tra le righe, circa la sorte dei suoi personaggi, soprattutto di Letizia: infatti il nefasto si è poi manifestato in tutta la sua tragicità. Sei stata assai brava a ideare questa storia, a raccontarla in modo particolare, suddividendola in periodi di vita densi di ben tratteggiate emozioni. Voto alto
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Grazie Laura! Sono felice che tu l’abbia apprezzata!
Mauro Conti
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 85
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Ciao. Devo con rammarico confessare che ho fatto una discreta fatica a fare "scorrere" questo componimento, non è decisamente il mio genere. Le descrizioni a mio avviso vanno a frenare lo scorrimento degli avvenimenti. Ripeto forse perché non amo il genere. A mio parere tutto abbastanza "ingessato" fino alla conclusione. In ogni caso apprezzo molto l'impegno e anche l'idea. Non hai certo nascosto di saperci fare. Sono sicuro che se ci metterai un po' più di "verve" nella trama in moda rendere il pezzo più dinamico e troverai un'idea altrettanto buona non potrò esimermi dal darti un voto alto. Quindi a rileggerti.
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Grazie per il tuo commento Mauro, sono intenzionata a fare di meglio e faccio tesoro di ogni consiglio.
Spero che mi rileggerai.
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 416
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Gli anni si srotolano come un metro a nastro in questo racconto; più passa il tempo, più cresce l’amore è quindi il dolore di chi, alla fine, deve affrontare la perdita. Una scrittura interessante, molto diversa dai racconti divertenti con i quali ti sei presentata, ma che trovo bello. Qua e là ci starebbe qualche correzione, niente di grave però, mi sembra.
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Grazie Selene. Ho revisionato nuovamente il racconto, con il tuo commento mi confermi che le correzioni apportate lo rendono più scorrevole.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 505
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

sinceramente, la storia in sé sarebbe davvero bella e meritevole, anche se l'esposizione è piuttosto confusa, però ci sono parecchie cose che non vanno.
la punteggiatura credo sia da rivedere in toto, spesso è errata.
ci sono delle d eufoniche da eliminare.
all'inizio ci sono tempi verbali diversi.
e poi in alcuni punti ho l'impressione che manchi una parola o più, ma forse è solo il tuo modo di scrivere.
però, ripeto, l'idea è meritevole.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 127
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Concordo con Fausto Scatoli (e con i commenti precedenti) sui problemi di punteggiatura che peggiorano una esposizione di per sé già un pochino confusa che obbliga a rileggere alcune frasi per comprenderne bene il senso, come nel finale, ad esempio, quando il punto di vista narrativo cambia repentinamente passando dalla baby-sitter alla donna.
La frase "una decisione posta al centro tra obbligata ed intelligente" è troppo particolare per ripeterla due volte in un testo così breve.
In questa frase "dipinta egregiamente da un’artista assai dotato di macabro genio" c'è un apostrofo che proprio non doveva esserci, mentre in "portando con se l’ultimo innocente" il sé riflessivo va accentato.
L'idea della storia in sé non è male ma è inficiata da errori e imperfezioni stilistiche che abbassano il voto.
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Grazie a Fausto e a Ida, farò tesoro di ogni Vostra parola. Concordo sull’apostrofo, dato che per “artista” ho sottinteso il destino. Ho corso troppo nel cimentarmi in questo testo e per certi versi mi sono schiantata. Farò più attenzione.
Grazie comunque, trovo sempre costruttive le critiche.
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 100
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Sono d'accordo con Ida, il passaggio dalla baby-sitter alla donna l'ho dovuto leggere più volte per capire bene l'accaduto.
C'è poi un'altra cosa che a me personalmente non piace: "il trenta di settembre Letizia aveva compiuto…". Va certamente bene nel 2015 e nel 2019, ma per gli altri anniversari avresti fatto meglio a cambiare, secondo me.
Di positivo nel racconto c'è che sai da quasi subito che prima o poi alla bambina accadrà qualcosa e ti vien voglia di leggere per scoprire il finale.
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Grazie Francesco per la tua recensione, dopo il commento di Ida ho corretto la punteggiatura due volte, ma evidentemente non riesco a venirne a capo. Ad ogni modo apprezzo le critiche e le colgo come spunti per migliorare.
Mi fa piacere che tu abbia tratto anche un risvolto positivo.
Avatar utente
Carol Bi
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 59
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Carol Bi »

Punteggiatura a parte, in cui concordo con i commenti precedenti, devo ammettere che la storia è stata trattata in modo coinvolgente e il fatto che nel finale mi sia portata una mano alla bocca sussurrando un "Noooooo" dimostra che hai centrato l'obiettivo, coinvolgere e sconvolgere.
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Grazie Carol per il tuo commento. Mi fa molto piacere che il testo sia riuscito a emozionarti.
Lucia De Falco
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 94
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Complimenti per il tuo lavoro. Innanzitutto mi ha molto colpita il linguaggio che utilizzi, poetico, soprattutto nella presentazione iniziale dei personaggi, ma non solo. Credo che tu abbia il dono di raccontare in modo non semplice e banale la vita, ma di andare oltre, di esprimere ciò che si nasconde dietro ogni persona e dietro ogni decisione con un linguaggio non banale, ma lirico. Ti viene naturale o c'è un lavoro di rielaborazione formale per raggiungere questo linguaggio? Inoltre ho apprezzato la scansione temporale della narrazione, che accompagna la vita della bambina e che crea un crescendo di aspettative. Spero di rileggerti presto.
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Grazie di cuore Lucia per il tuo commento. Sinceramente scrivo perché adoro scrivere e lo faccio in modo del tutto spontaneo. Sinceramente rielaboro solo la punteggiatura che spesso mi riesce difficile.
Sono felice che tu abbia apprezzato il mio racconto.
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 107
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Visto che anch'io ho un debole per i finali tragici, non posso che apprezzare questo racconto. Alcuni tempi verbali e la punteggiatura sarebbero da rivedere un po', ma la sostanza è che due anime perse riescono a trovarsi e a generare una nuova vita.
A volte, però, l'eccessiva generosità verso chi è inaffidabile (o ha un passato pesante) intercetta il Destino, che ti presenta il conto.
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Grazie Andrea per il tuo commento. Hai ragione devo fare un’ulteriore revisione.
Liliana Tuozzo
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 82
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Mi è piaciuto questo tuo raccontare la storia di Letizia dal concepimento fino alla fine. Una storia triste fatta di dolore che sei riuscita a comunicare. Alcune parti sono molto poetiche e mi sono piaciute molto. Solo una parte ho dovuto rileggere per capire chi fosse la persona che spara contro la donna per il resto una scrittura fluida e un racconto triste, ma bello.
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Re: La metrica del dolore

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Grazie Liliana, mi fa piacere che nel complesso il mio racconto ti sia piaciuto.
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Blue Bull

Blue Bull

Poliziesco ambientato a Chicago e Nuovo Messico

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Un poliziesco vecchio stile, cazzuto, ambientato un po' a Chicago e un po' in New Mexico, dove un poliziotto scopre di avere un figlio già adulto e, una volta deciso di conoscerlo, si accorgerà che non sarà così semplice. Una storia dura e forse anche vera.
Frank Malick, attempato sergente della polizia di Chicago, posto finalmente di fronte alle conseguenze d'una sua mancanza commessa molti anni prima, intraprende un viaggio fino in Nuovo Messico alla ricerca di qualcosa a metà tra il perdono delle persone che aveva fatto soffrire e la speranza di un'improbabile redenzione.
Di Massimo Baglione e Cataldo Balducci.
Vedi ANTEPRIMA (482,65 KB scaricato 217 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Le radici del Terrore

Le radici del Terrore

Antologia di opere ispirate agli scritti e all'universo lovecraftiano

Questa antologia nasce dalla sinergia tra le associazioni culturali BraviAutori ed Electric Sheep Comics con lo scopo di rendere omaggio alle opere e all'universo immaginifico di Howard Phillips Lovecraft. Le ventitrì opere selezionate hanno come riferimento la narrativa "lovecraftiana" incentrata sui racconti del ciclo di Cthulhu, già fonte di ispirazione non solo per scrittori affermati come Stephen King, ma anche in produzioni cinematografiche, musicali e fumettistiche. Il motivo di tanto successo è da ricercare in quell'universo incredibile e "indicibile", fatto di personaggi e creature che trascendono il Tempo e sono una rappresentazione dell'Essere umano e delle paure che lo circondano: l'ignoto e l'infinito, entrambi letti come metafore dell'inconscio.
A cura di Massimo Baglione e Roberto Napolitano.
Copertina di Gino Andrea Carosini.

Contiene opere di: Silvano Calligari, Enrico Teodorani, Rona, Lellinux, Marcello Colombo, Sonja Radaelli, Pasquale Aversano, Adrio the boss, Benedetta Melandri, Roberta Lilliu, Umberto Pasqui, Eliseo Palumbo, Carmine Cantile, Andrea Casella, Elena Giannottu, Andrea Teodorani, Sandra Ludovici, Eva Bassa, Angela Catalini, Francesca Di Silvio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Arianna Restelli.
Special guests: gli illustratori americani e spagnolo Harry O. Morris, Joe Vigil and Enrique Badìa Romero.
Vedi ANTEPRIMA (2,02 MB scaricato 183 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Mai Più

Mai Più

Antologia di opere grafiche e letterarie aventi per tema il concetto del MAI PIÙ in memoria del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, di AA.VV.

Nel 2018 cade il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, perciò abbiamo voluto celebrare quella follia del Genere umano con un'antologia di opere grafiche e letterarie di genere libero aventi per tema il concetto del "mai più".

Copertina di Pierluigi Sferrella.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Alessandro Carnier, Romano Lenzi, Francesca Paolucci, Pasquale Aversano, Luisa Catapano, Massimo Melis, Alessandro Zanacchi, Furio Bomben, Pierluigi Sferrella, Enrico Teodorani, Laura Traverso, F. T. Leo, Cristina Giuntini, Gabriele Laghi e Mara Bomben.
info e commenti compralo su   amazon




Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 5 - A modo mio

La Gara 5 - A modo mio

(giugno 2009, 40 pagine, 758,80 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Pia, Massimo Baglione, Bonnie, Miriam, DaFank, Rona, Manuela, Massimo, Clali, Alessandro Napolitano, Gio, Snuff, Aigor, Yle,
A cura di Pia.
Scarica questo testo in formato PDF (758,80 KB) - scaricato 328 volte.
oppure in formato EPUB (555,57 KB) (vedi anteprima) - scaricato 194 volte..
Lascia un commento.

Haiku - il giro del mondo in 17 sillabe

Haiku - il giro del mondo in 17 sillabe

(40 pagine, 589,41 KB)

Autori partecipanti: Antonio Amodio, Marco Belocchi, Giuseppe Gianpaolo Casarini, Osvaldo Crotti, Marco Daniele, Mariagrazia Dessi, Lodovico Ferrari, Fiorenero, Isabella Galeotti, Valentino Poppi, Glauco Saba, Luigi Siviero,
a cura di Lorenzo Pompeo.
Scarica questo testo in formato PDF (589,41 KB) - scaricato 80 volte.
oppure in formato EPUB (230,92 KB) (vedi anteprima) - scaricato 19 volte..
Lascia un commento.

La Gara 49 - La contrapposizione

La Gara 49 - La contrapposizione

(novembre/dicembre 2014, 34 pagine, 560,91 KB)

Autori partecipanti: Umberto Pasqui, Nembo13, Nunzio Campanelli, Annamaria Vernuccio, Patrizia Chini, Milicianto, Ser Stefano, Francesca Santamaria, Lodovico, Giorgio Leone, Cladinoro, Silvia Torre,
a cura di Maddalena Cafaro.
Scarica questo testo in formato PDF (560,91 KB) - scaricato 162 volte.
oppure in formato EPUB (319,02 KB) (vedi anteprima) - scaricato 209 volte..
Lascia un commento.