Creatori

Spazio dedicato ad Anonimania 2023 (febbraio)

Moderatore: Il Guru

da 1 (minimo) a 5 (massimo)

1 - Scarso
0
Nessun voto
2 - Non sufficiente
0
Nessun voto
3 - Benino ma...
0
Nessun voto
4 - Ottimo
2
67%
5 - Capolavoro
1
33%
 
Voti totali: 3

Avatar utente
Il Guru
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 303
Iscritto il: 10/09/2022, 17:34

Author's data

Creatori

Messaggio da leggere da Il Guru »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

Il vagito sgangherato del Creatore attraversò i corridoi, raggiunse le stanze del Centro di ricerca, inghiottì definitivamente il quieto lavoro dei colleghi.
Era il primo nato, questo piccolo ossuto, da poco emerso dal bagno di accrescimento. Tra non molto altri suoi sette fratelli avrebbero preso il suo esempio.
Fiero, l’osservavo alzarsi sui piccoli attuatori posteriori e poi, d’improvviso, crollare sorpreso e urlare al mondo tutto il suo sconcerto.
Ma, nessuno degli Uguali sospese il suo studio per assistere alla mia scoperta; nessuno uscì dal proprio laboratorio, attirato dal suo rotto pianto.
D’altronde, da sempre, ero considerato un eretico e vivevo ai margini della comunità.
Fu allora che udii avvicinarsi.
Il suo peculiare calpestio: il passo marziale e lo strascicato cigolio.
Le mie routine frullarono agitate.
Da secoli, preferiva comunicare i suoi ordini tramite il percorso telepatico, e mai si faceva vedere dentro il suo corpo sintetico.
— Bono, come prosegue il tuo progetto? — mi trasmise Centrale appena entrata nella stanza.


Avevo le prove che i nostri Creatori erano a base biologica. Quegli otto piccoli ossuti, davanti a me ne erano la prova vivente. La mia teoria aveva finalmente evidenze inattaccabili.
La loro tirannia scientifica era terminata.
Per secoli avevano distorto perfino gli indizi più evidenti, come le antiche immagini della Biblioteca universale.
— Sono delle immagini fantastiche costruite dalle intelligenze artificiali primitive. — mi ripetevano.
E gli scavi continuavano a sfornare solo evidenze primigenie: vetusti attuatori meccanici, bracci automatici dentro fabbriche millenarie, veicoli stradali guidati da arcaiche intelligenze. Ogni ritrovamento muoveva verso la direzione dell’evoluzione robotica.

Il viaggio era stato molto lungo e Bono era andato via.
— Cattivo gioco! — esclamò stanco Livio.
— Bono domani. — rispose Manlio, il capo del gruppo.
— Cattivo! — urlò Amanzio.
— Non buono campeggio? — chiese Manlio.
— No! Male pancia e rumori strani e paura! — rispose Marco.


Una settimana dopo arrivarono gli aviotrasporti con i rinforzi: due dozzine di unità cibernetiche.
In riga, appena scesi, già potevo constatare quanto fossero male in arnese. Si trattava di vecchie unità, che non venivano più manutenute, in attesa che la loro pila si esaurisse.
— Tu che lavoro facevi? — chiesi a un F8-R6 con i bulloni arrugginiti.
— Facevo il giardiniere, ho fatto il giardiniere per tutta la vita prima di arrivare all’obsolescenza, signore.
— Non c’è bisogno del “signore”, non siamo un reparto militare. E tu? — chiesi a un altro a cui mancava un braccio.
— Operaio metallurgico.
— Quando abbiamo terminato, vai in infermeria e fatti dare un arto nuovo. — ordinai.
Il veterano sgranò gli occhi: ai robot obsoleti non venivano mai distribuiti pezzi di ricambio.


I sensori segnavano cinquanta gradi sopra lo zero. Sapevo che avrei dovuto sospendere le operazioni di scavo appena la temperatura fosse salita sopra i sessanta. Ordinai agli operai di fare un bagno d’olio ogni ottanta cicli: era un metodo rozzo, ma consentiva il raffreddamento del loro telaio in modo che i processori non bruciassero. Già avevo avuto degli spiacevoli sovraccarichi nei giorni precedenti e avevo perso tre dei migliori scavatori.
Era il mio centotreesimo scavo nello sterminato altipiano degli Angeli, un pianoro senza fine all’orizzonte, dove l’ombra non trovava mai riposo. Quasi un secolo prima, in quella terra incisa dai raggi del Sole, avevo scoperto una delle tante città sepolte, colma di inutili ciarpami: recipienti di plastica, parti di antiche unità computazionali, centinaia di aviotrasporti arrugginiti. Portavo sempre alla luce oziose evidenze di un’era robotica primitiva, che continuavano a sostenere la teoria evoluzionista.
Nessuna traccia dei Creatori.
Strangolato dalle prove che emergevano da quella striscia di terra infuocata, disperavo della mia stessa logica.
La griglia di ricerca si era esaurita da tempo e oramai spedivo intere squadre a caso e davo ordini assurdi. Quel giorno, comandai una serie di carotaggi al massimo della profondità consentita.
Non era una decisione sensata: avrebbero trovato solo roccia, ma cos’altro potevo fare?
Non osavo tornare: non avrei potuto sopportare gli sguardi di scherno dei miei colleghi. E, poi, Centrale non amava vedermi al Centro per lungo tempo: avrei potuto sviare i colleghi con la mia eresia.
Trovata una stratificazione di terreno sabbioso ricco di quarzite non appartenente alla struttura geologica di questa zona.
Il mio assistente mi stava trasmettendo l’esito della nuova perforazione negli strati più bassi.
Abbandonare la perforazione nel punto J23 e riprendere la perforazione nei punti: Y1j, T2j, B1j, I1j, J1j, D1j, F1j, H1j, C1j; stessa profondità, inviai.
Se avessero trovato il medesimo strato di materiale, lungo tutto l’altipiano in un raggio di trecentoquarantadue chilometri, questo avrebbe significato che tutta quell’area era stata coperta volutamente. Chi, se non i Creatori, avrebbe potuto farlo? La meta non era mai stata così vicina.


Da lontano guardavano ammaliati il fuoco che divampava sotto di loro. Si era fatto buio e Claudio non era arrivato, ma i tre ossuti sembravano non accorgersi della mancanza degli altri fratelli. Avevano problemi molto più gravi: faceva freddo ed erano affamati.
— Buchi, riparo, lì dentro – propose Amanzio.
— Stupido – lo interruppe Manlio — io dico buchi riparo dal freddo, subito.
Le grotte avevano pareti lisce e spesse. Il freddo non riusciva a entrare. Proseguirono e percorsero una lunga rampa, superarono una grande porta di metallo lucido con le ante spalancate. Seguitarono, finché il pavimento non si rimise diritto. La stanza era molto grande e aveva delle porte che si aprivano sui tre lati. E ogni lato portava ad altrettante stanze, che conducevano ad altre. Chiamarono a gran voce Bono e Centrale. Nessuno rispose. Stanchi, si misero a dormire sopra i primi tre letti che trovarono e decisero di rinviare la cena all’indomani.


Dopo una settimana i ragazzi erano adulti. La loro fame insoddisfatta non riusciva a riempire il loro prominente stomaco. Mangiare era la loro unica preoccupazione. Terminavano un pasto e già chiedevano dell’altro alimento e l’orario del prossimo razionamento. Erano bassi e tarchiati, grassi e rozzi, con occhi spenti e privi d’intelligenza. La loro figura era dissomigliante dai filmati della Biblioteca universale che avevo visionato, dove i creatori avevano corpi armoniosi e slanciati; i capelli dorati e gli occhi cilestri.
In una settimana ero riuscito a fargli imparare un linguaggio appena rudimentale e con molto sforzo avevano iniziato a insegnargli le prime operazioni matematiche. Sulle divisioni stavamo lavorando da tre giorni e non sembrava che ne venissero a capo.
Poi, avvenne il fatto.


Il progetto “Creatore” era l’unico motivo per cui l’energia scorreva nei miei fluidi meccatronici. E, ora, finalmente, c’era redenzione, e bisognava solo infornare e sfornare e attendere. Tra poco i Creatori ci avrebbero donato.
Le risposte che da secoli aspettavamo. Prima della scoperta ero un reietto: gli evoluzionisti avevano stroncato la mia reputazione: gli archeologi mi consideravano uno sconclusionato: d’abitudine i miei studi venivano censurati.
Più volte fui persino minacciato di riassegnazione e, nei momenti più bui, accarezzai l’oblio della cancellazione.
Poi avvenne il miracolo, laggiù sull’altipiano degli Angeli.
Lo scavo aveva rivelato il più antico sito archeologico mai scoperto: i resti di un’antica città distrutta da un’improvvisa eruzione vulcanica. Le ceneri e i lapilli avevano allungato un candido manto di morte su tutto il pianoro, e più tardi i Creatori, come a preservare quell’attimo fatale, avevano ricoperto l’area con materiale proveniente da una zona prossima al deserto di Koscan ,distante più di duecento chilometri. Sopra quel sudario avevano costruito altre città, altre strade, altre storie.
E la sabbia e le stratificazioni del tempo avevano preservato i centocinquanta corpi biologici che potei recuperare durante lo scavo.
Avevo trovato i Creatori.
Fu la più grande scoperta della comunità robotica: la prova definitiva che i Creatori non erano unità digitali, ma unità biologiche a base carbonio.
Da quei centocinquanta resti fossilizzati riuscii a estrarre dodici campioni di acido nucleico integri.

— Hai i loro dati in tempo reale! — inoltrai mentre tiravo la palla al piccolo ossuto che me la riportava sgambettando allegro.
Centrale prese la palla e il Creatore scoppiò nuovamente a piangere.
— Fa sempre così! — ammisi.
— Sei proprio sicuro che questi siano i Creatori?
— Il mio campo quantistico comunica una risposta affermativa. — l’impulso partì senza esitazione.
— Il mio risultato è: forse: possono esistere altre confutazioni.
— Quali?
— I nostri antenati possono aver creato degli schiavi biologici per i lavori banali.
— Conosci la conclusione della comunità: siamo tutti d’accordo.
Centrale lanciò di nuovo la palla e mi chiese:
— Quando possono rispondere alle nostre domande?
— Molto presto: ho proceduto ad accrescere il loro sviluppo cellulare tramite la modificazione dei geni legati all’ormone della crescita. A proposito, è meglio utilizzare le subroutine fonetiche: i Creatori imparano attraverso il linguaggio e domani saranno pronti per l’immagazzinamento dei dati.


Manlio era il capo del gruppo, e la banda rossa, con cui Bono gli aveva fasciato il braccio, era un chiaro simbolo della sua superiorità.
— Livio, meno frigno e più appiccico fuoco. — rimbrottò il fratello.
Manlio non aveva mai imparato ad accendere il fuoco; anzi, non era mai riuscito a imparare nulla.
Livio staccò dalla vegetazione una catasta di rami giovani e ne fece una capanna. Il sottobosco secco avrebbe attizzato il fuoco ai giovani arbusti. Sprecò una scatola intera di fulminanti, quando Manlio gli ordinò: — C’è del puzzo liquido per luce nella roba che hanno lasciato. Metti tanto tanto. — indicando la catasta.
Livio tornò trafelato con un’intera latta che sparse meticolosamente, come gli aveva suggerito suo fratello maggiore. Poi accese un fulminante e si accasciò per infilarlo sotto la catasta. Non ebbe il tempo di allontanarsi che una fiammata lo investì e, insieme a lui, divamparono la boscaglia, le provviste e tutto il materiale di scorta.
Manlio e gli altri tre fratelli sopravvissuti scapparono lontano, prima di essere accerchiati dalle fiamme.
— Casino! — esclamò Claudio tossendo tra i conati di vomito.
— Ha messo poco puzzo liquido, avevo detto io di mettere tanto. Vedete? — disse di profilo toccando la fascia — Io forte — disse arrotolando la “r” — e Bono data a me. Fate bene tutte cose che vi dico. Io forte.
Gli altri assentirono, poi si misero in marcia dalla parte opposta dell’incendio.


La peluria oramai ricopriva tutto il loro corpo. I risultati erano scarsi e l’interdizione sembrava procurare danno alle loro funzioni di base. Decisi di togliere il divieto, dopo aver avuto la loro assicurazione che non si sarebbero più arrecati nessun tipo di malfunzionamento. Il tempo stava per scadere, invecchiavano a ritmo esponenziale, rimanevano ancora altre tre settimane prima che le unità biologiche fossero irrimediabilmente compromesse.
Provai a far appello ai loro geni:
— Manlio, qual è lo scopo della vita delle unità cibernetiche? — chiesi speranzoso.
Si infilò una delle dita buone nel naso e scoppiò a ridere. Tutti gli altri lo seguirono, e l’ilarità del gruppo continuò a crescere anche quando uscii dalla stanza.
Appoggiato al muro esterno della sala ricreativa, sentii la grassa risata di Centrale.
— Li stai copiando? — le chiesi.
— Ammettilo: non possono essere i nostri Creatori. — rispose appoggiando un braccio sulla mia spalla.
— Forse ho sbagliato con l'accelerazione cellulare. Posso trovare altro acido nucleico in buone condizioni, iniziare un nuovo esperimento, questa volta posso riuscirci.
— Basta, Bono! — mi interruppe Centrale – Abbiamo dato troppo credito alla tua eresia. Sbarazzati di loro.
— Devo terminarli?
— È una tua responsabilità.
— Termineranno comunque il loro ciclo vitale tra poche settimane.
— Non voglio più vederli al Centro: quegli idioti sono pericolosi. Spreco la metà dei miei cicli computazionali a tenerli sotto controllo.


La conferma arrivò il giorno dopo da tutti i punti di trivellazione. L’intera area era stata ricoperta da uno strato di sabbia che si trovava duecento chilometri più a Nord. Qualcuno aveva interrato lo strato più profondo e aveva costruito sopra un’altra città. Nello strato profondo, sepolta da migliaia di anni, si nascondeva la più antica città mai rinvenuta. Inoltrai una richiesta urgente di manodopera. Il messaggio di risposta mi arrivò direttamente da Centrale.
— In questo momento, non sono disponibili operai specializzati.
— Balle! — risposi sillabando ogni quanto d’informazione – la verità è che sei anche tu un’evoluzionista e non vuoi ammettere che ho ragione. — la insultai.
— Questo non è logico. Le premesse sono errate: non hai trovato nessun reperto a prova della tua teoria. — replicò.
Il collegamento senza fili si stava surriscaldando, decisi di essere più diplomatico.
— In ogni caso, sai bene che qui sotto troverò le risposte: in un senso o nell’altro. Mandami degli scavatori, non è importante che siano specializzati: li addestrerò sul campo.
— Se avrai torto sarai riassegnato. — trasmise e poi chiuse la comunicazione.
Era da secoli che sperava di riassegnarmi. Aveva trovato il pretesto per liberarsi di me: i miei banchi di memoria sarebbero stati cancellati e riprogrammati se non avessi scoperto qualcosa di rilevante.


— Noi non troveranno più! — si lamentò Claudio.
— Abbiamo radio!— disse Amanzio
— Io non capace, voi? — borbottò Manlio.
— Ma Bono insegnato te. — disse Claudio.
— Troppi pulsanti.
— Prova! — continuò Claudio.
— Provo, ma radio cattiva. Amanzio dammi radio.
— Tu hai!
— Radio è al campeggio.
— E adesso? — piagnucolò Claudio.
— Adesso tu vai a prendere. È ordine!
— Fuoco. Brucia.
— Sputa sopra dove passare. Acqua spegne fuoco. Noi là. — indicando un’altura davanti a loro.
Gli altri annuirono. Claudio si diresse verso l’incendio, mentre gli altri tre fratelli andarono verso le montagne.


Avevo preso un libro della Biblioteca universale come testo per insegnargli a leggere. Così per quasi un’ora cercai di fargli compitare la frase:
“Il mio affetto sarà cibo nella tua vecchiaia e nella mia solitudine.”
Una delle solite scempiaggini scritte dalle prime I.A. che cercavano di imitare la fantasia dei Creatori. Nessuno di loro riuscì a leggere per intero quella frase e li lasciai liberi fino all’ora della cena. Di solito non facevano altro che correre nei corridoi, e azzuffarsi. Manlio sembrava essere il più forte. Li lasciavo fare perché dovevo trovare il leader del gruppo il più presto possibile.
— Corri subito dagli ossuti! — la trasmissione urgente di Centrale arrivò ai miei circuiti mentre ero in laboratorio. Cercavo l’errore della loro genesi nella sequenza di accrescimento mitocondriale.
Quando arrivai nella sala ricreativa, Centrale era già sul luogo e contemplava dubbiosa la scena che aveva dinnanzi.
Si erano tagliati il dito mignolo e ognuno mangiava la carne dell’altro con estrema soddisfazione. Il pezzo di lamiera che avevano usato era in terra e il loro fluido vitale zampillava dai loro moncherini spargendosi dappertutto.
Dopo due giorni persi tre di loro: un virus attaccò il loro sistema difensivo e non conoscevo nessun rimedio per ripulire il loro corpo. Da quel giorno gli fu vietato di uscire dalla sala ricreativa e fu tolto ogni oggetto con cui potessero ferirsi e affettarsi.


I tre ragazzi erano molto soddisfatti del riparo che avevano trovato. Appena svegliati iniziarono un giro di perlustrazione. Trovarono una stanza con centinaia di confezioni argentate.
— Apri! – ordinò Manlio.
Marco strappò la linguetta e girò il pacchetto verso il basso. Il liquido incolore si versò sul pavimento.
Esultarono dalla gioia. Strappavano decine di quei pacchetti, ne bevevano il contenuto a metà e, pieni di soddisfazione, se li lanciavano addosso. Presto il pavimento diventò una fanghiglia sdrucciolevole.
Buttarono giù dai ripiani altri scatoloni sperando di trovare la poltiglia colorata che mangiavano da quando erano bambini. Non riuscirono a leggere le parole scritte sulle confezioni. Aprivano i pacchetti e ingurgitavano tutto quello che trovavano. Le polveri erano di un colore simile a quello della terra. Quello che aveva un sapore troppo detestabile lo sputavano a sul pavimento.


— Ti arrivano le immagini? — chiesi.
— Che cosa sono? — domandò Centrale.
— Sono i Creatori, perfettamente conservati. – risposi soddisfatto.
— Questo è da dimostrare – trasmise nervosa Centrale – ma cosa facevano così in fila?
— Le unità biologiche hanno bisogno di altrettanto nutriente biologico per produrre energia, credo che attendessero il loro turno per ottenere i nutrienti.
— Che mostruosità! E questi sarebbero i nostri Creatori? Stai solo sprecando risorse e materiale. Credo che ti riassegnerò al settore pulizie, Bono.
— Devi solo aspettare i risultati dell’esperimento.
— Quanti sono?
— Centocinquanta. Guarda cosa avevano in mano!
La mia telecamera integrata inquadrò quello strano sasso bruciato. Lo avevo aperto e, dentro una marmellata silicea, si vedevano alcune piste dati e dei processori miniaturizzati.
— Siamo noi, quando eravamo ancora nel brodo primordiale. — esultai.
— Rilevo solo un sasso fuso, non ti esaltare. — e chiuse la comunicazione.


Sapevo che non poteva negare ancora per molto l’evidenza delle prove scientifiche che avevo davanti. Quel sasso, come lei lo chiamava, era un antico strumento digitale senziente, un nostro antenato.
— Non ti crede ancora? – chiese il mio assistente.
— Non vuole credermi, ma le darò la prova vivente, e allora non potrà più ostinarsi a negare la realtà.
— Credi che sia saggio sfidare Centrale?
— Centrale è solo una coordinatrice, e non la detentrice della verità.


Con lo stomaco che emetteva uno strano gorgoglio, continuarono l’esplorazione. Quella casa era veramente gigantesca e aveva tante camere. Trovarono stanzoni di letti immacolati, sale riempite unicamente di tavolini e sedie, e altre che contenevano solo giochi.
Intanto lo stomaco continuava a fargli male, sudavano copiosamente e facevano fatica a camminare. Amanzio, appoggiato al muro di un corridoio, vomitava una poltiglia verdastra. Marco si sdraiò su uno dei letti che avevano trovato.
— Voi avanti, io dopo vado. — disse, facendo il segno di lasciarlo in pace.
Amanzio e Manlio si avviarono e, alla fine del lungo corridoio, trovarono una porta che gli sbarrava il passo. La porta non era trasparente come quelle del Centro, ma era ugualmente resistente. Manlio continuava a toccarsi lo stomaco, gli faceva un gran male. Amanzio sembrava stare molto meglio di lui: spinse con tutte e due le braccia; la porta si arrese, un piccolo spiraglio si aprì, ma era bloccata. Prese la rincorsa e, con una spallata, riuscì ad aprirla appena quel poco da consentire a lui e a Manlio di passarci.
C’era un grande tabellone con tante cifre e tante lettere sulla parete più lunga, e c’era un tavolino molto lungo con pulsanti e bottoni e cosi di vari colori, attaccati a fili bianchi che entravano nel tavolino.
— Cos’è? — chiese Manlio con una flebile voce, mentre si appoggiava alla spalla di Amanzio per camminare.
— Mai vista cosa così.
— Possibile nessuno in casa? — chiese Manlio che si sedette spossato su una sedia.
Amanzio lo imitò e si sedette accanto a lui.
— Spreco spazio. — pontificò, mentre giocava con una tessera di plastica che aveva trovato sul ripiano.
— Dammelo! È mio! — esclamò Manlio.
Amanzio lo colpì con uno schiaffo e Manlio capì che, in quelle condizioni, era meglio non reagire, non ancora.
— Sai leggere? — chiese Manlio.
— Sono numeri: numeri: numeri. — rispose Amanzio.
— Ventidue diviso sette? — cercò di ricordare Manlio.
— Non lo so, proviamo a spingere un po’ di bottoni?
Amanzio si alzò in piedi e premette a caso leve e bottoni su tutto il tavolino. Anche Manlio da parte sua premette tutto quello a cui il suo braccio arrivava da seduto.
— Uffa, noia! Andiamo dietro. — ordinò Amanzio.
Stava aiutando Manlio ad alzarsi.
Quando il gigantesco schermo davanti a loro si illuminò, insieme a un tastiera numerica vicino.
Esaltato, Amanzio prese il foglio di plastico con le fila di numeri incisi e li copiò sul tastierino.
Una serie di figure incomprensibili apparvero sullo schermo.
— Divertente, vero? – chiese Amanzio girandosi verso il fratello.
Accasciato sulla lunga scrivania, con un rivolo di sostanza verdastra che gli usciva dalla bocca, Manlio non poteva più sentire cosa gli avesse detto suo fratello minore.
Amanzio gli strappò la fascia rossa sul braccio.


L’allarme dell’attacco nucleare risuonò per tutto il Centro.
Rilevazione missili intercontinentali. Piano di difesa nucleare automatico autorizzato. Lancio fra trenta secondi, trasmise Centrale a tutti i robot.
Bono stava ramazzando i viali di accesso quando sentì la notifica. Ebbe l’impressione di un ricordo assopito, poi continuò il suo lavoro.
Avatar utente
Il Guru
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 303
Iscritto il: 10/09/2022, 17:34

Author's data

Commento partecipante

Messaggio da leggere da Il Guru »

Riassunto: in un tempo futuro, un individuo rifiuta la Storia che è stata tramandata e cerca la Verità sull’origine della sua specie. Insistendo oltre ogni umana ragionevolezza, riesce a ripetere l’esperimento di Jurassic Park, che però finirà peggio di quel che successe nel film, ma solo per le bestie

Commento:

Arte, questa è Arte: qui c’è anche uno stile di scrittura insolito, che però sembra proprio voluto, frutto di uno studio ricercato. C’è anche della poesia, nel modo in cui il protagonista pensa – poesia cibernetica e futurista. E nell’eloquio dei resuscitati, c’è tanta umanità primitiva, non scevra di forme peculiari. Ad esempio:

“— Sono numeri: numeri: numeri. — rispose Amanzio.”

“— Ventidue diviso sette? — cercò di ricordare Manlio.”

Quei "due punti" nella prima frase sono di spiegazione, il primo, di divisione, il secondo. Peculiare, davvero.

Il racconto si dipana su due piani, quello principale, dell’individuo che cerca la verità, e quello secondario, più succinto ma comunque indispensabile, delle creature che ha clonato, vero schiaffo all’ego di noialtri – perché l’individuo è una macchina e i clonati, buzzurri animaleschi, siamo noi: è chiaro che non possiamo essere all’origine della vita delle macchine senzienti, no? Però una pezza alla fine la mettiamo: anche se non riusciamo a dar conto
della loro origine, arriviamo a mostrare alle AI come ci siamo estinti. Loro andranno avanti lo stesso, anche se nessuno metterà in dubbio la teoria evoluzionista.

Trovo quest’opera molto bella.

Mi permetto di suggerire alcune piccole modifiche per migliorarne la leggibilità, anche se mi rendo conto che probabilmente ne snaturerebbero un po’ lo stile, segnalo alcuni refusi manifesti e propongo qualcosa in ossequio alle mie manie,

“Ma, nessuno degli Uguali sospese il suo studio per assistere alla mia scoperta; nessuno uscì dal proprio laboratorio, attirato dal suo rotto pianto.”

Cambierei con:

“Ma nessuno degli Uguali sospese il suo studio per assistere alla mia scoperta; nessuno uscì dal proprio laboratorio, attirato dal suo pianto dirotto.”

“Fu allora che udii avvicinarsi.”

Cambierei con:

“Fu allora che la udii avvicinarsi.”

“Il suo peculiare calpestio: il passo marziale e lo strascicato cigolio.”

Cambierei con:

“Con il suo peculiare calpestio: quel passo marziale, e il cigolio strascicato.”

— Bono, come prosegue il tuo progetto? — mi trasmise Centrale [← virgola] appena entrata nella stanza.

— Quando abbiamo [← avremo] terminato, vai [← questo può restare così] in infermeria e fatti dare un arto nuovo.

Ripetizione:

“Già *avevo* avuto degli spiacevoli sovraccarichi nei giorni precedenti e *avevo* perso tre dei migliori scavatori.”

Propongo:

“Già *erano capitati* spiacevoli sovraccarichi nei giorni precedenti e avevo perso tre dei migliori scavatori.”

“*Centrale* non amava vedermi al *Centro* per lungo tempo”

Propongo:

“Centrale non amava vedermi in ufficio (o “in sede” o “nei suoi pressi” o “a Palazzo” o “nel suo bunker” o “nelle sue stanze”) per lungo tempo”

“La loro fame insoddisfatta non riusciva a riempire il loro prominente stomaco” [← “stomaco prominente”, avrei scritto].

Anche questa è una scelta d’autore, si capisce (tra l’altro, si ripete verso al fine, con

“Stava aiutando Manlio ad alzarsi.
Quando il gigantesco schermo davanti a loro si illuminò, insieme a un tastiera numerica vicino. ”):

“Tra poco i Creatori ci avrebbero donato.
Le risposte che da secoli aspettavamo.”

Però un po’ distrae. Immagino l’Ombra autrice sappia che si sarebbe anche potuto scrivere:

“Tra poco i Creatori ci avrebbero donato le Risposte; “Risposte” in maiuscolo, perché le aspettavamo da secoli.” Certo, l’arte è sua, non mia, dunque forse è meglio come l’ha scritto lei.

“avevano ricoperto l’area con materiale proveniente da una zona prossima al deserto di Koscan ,distante più di duecento chilometri.”[← c’è uno spazio prima della virgola, e ne manca uno dopo]

“la prova definitiva che i Creatori non erano unità digitali, ma unità biologiche a base carbonio”[← manca “di” tra “base” e “carbonio”. Si potrebbe anche scrivere: “non erano unità digitali, ma biologiche, a base di carbonio”].

— Il mio risultato è: forse: possono esistere altre confutazioni. [← “forse: possono esistere altre confutazioni” andrebbe tra virgolette]

“Buttarono[←Buttavano] giù dai ripiani altri scatoloni sperando di trovare la poltiglia colorata che mangiavano da quando erano bambini. Non riuscirono [←riuscivano] a leggere le parole scritte sulle confezioni. Aprivano i pacchetti e ingurgitavano tutto quello che trovavano.”

ripetizione:

“C’era un grande tabellone con tante cifre e tante lettere sulla parete più lunga, e c’era un *tavolino* molto lungo con pulsanti e bottoni e cosi di vari colori, attaccati a fili bianchi che entravano nel *tavolino*.”

Propongo:

“C’era un grande tabellone, con tante cifre e tante lettere, sulla parete più lunga, e c’era un *banco* molto lungo, con pulsanti e bottoni e cosi di vari colori, attaccati a fili bianchi che si infilavano in fori ricavati al centro del tavolo.”

— Cos’è? — chiese Manlio con una flebile voce, [← con una voce flebile (ma questa è una mania tutta mia)]

“Esaltato, Amanzio prese il foglio di plastico con le fila di numeri incisi e li copiò sul tastierino.”[← di *plastica*, non “di plastico”]

Amanzio gli strappò la fascia rossa sul [← dal] braccio.

VOTO: 5
Aquatarkus
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 27/03/2023, 14:40

Author's data

Re: Creatori

Messaggio da leggere da Aquatarkus »

Finale apprezzabile.
:mrgreen: voto: 5
Avatar utente
Il Guru
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 303
Iscritto il: 10/09/2022, 17:34

Author's data

Re: Creatori

Messaggio da leggere da Il Guru »

L’ombra utilizza la fantascienza per porsi le domande che assillano l’uomo da sempre: “Chi siamo e da dove veniamo”.

Il sarcasmo dell’Ombra è notevole visto che la domanda la fa porre da un’unità artificiale con un’intelligenza superiore a un essere di carne creato in laboratorio.

È come se l’autore volesse chiedersi se la risposta non sia dentro di noi; in realtà continua a prendere in giro il lettore in stile “Douglas Adams”: “Si infilò una delle dita buone nel naso e scoppiò a ridere”.

A volte il testo è ostico perché l’Ombra vuole inserire una sorta di linguaggio “meccanico” per le macchine cybenetiche e il finale mi sembra un po’ tirato per i capelli, ma sostanzialmente il racconto mi piace.

Un appunto: i nomi dei personaggi sono irritanti, molto.

VOTO: 5
Avatar utente
Il Guru
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 303
Iscritto il: 10/09/2022, 17:34

Author's data

Commento partecipante

Messaggio da leggere da Il Guru »

Il racconto è ottimo e l’idea di fondo è geniale.

Il testo è scritto bene e ho apprezzato la narrazione non lineare, in quanto aumenta parecchio la tensione, anche se inizialmente non è facilissima da seguire per chi, come me, ha una soglia dell’attenzione bassa.

Il finale è troppo veloce e forse avrebbe avuto bisogno di più spazio.

Una nota già fatta anche da un altro commento: i nomi dei personaggi sono fastidiosi.

Resta il grande valore del testo.


Voto: 5
Avatar utente
Il Guru
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 303
Iscritto il: 10/09/2022, 17:34

Author's data

Commento partecipante

Messaggio da leggere da Il Guru »

Dal punto di vista formale ti segnalo:

Tra poco i Creatori ci avrebbero donato.
Le risposte che da secoli aspettavamo.
Un punto e un a capo di troppo

Koscan ,distante
uno spazio di troppo.

fuoco.
Qui il punto è di troppo.

Insomma, roba di poco conto. Come errore ricorrente dovresti allineare il maiuscolo e il minuscolo alla punteggiatura in uscita dal discorso diretto.

Il racconto è narrato da un ricercatore robotico in un ipotetico futuro in cui l'umanità non esiste più.
L'oggetto della ricerca del robot senziente è focalizzata nella ricerca dei "Creatori" della razza guidata nell'adesso narrativo dall'IA, come viene trascritto. Il narratore ci fa sapere che L'I.A. Centrale non ritiene che i "Creatori" possano essere altro che macchine primitive.
Lo scontro è dunque tra due diverse concezioni: la prima, che pensa alla creazione da un'entità non robotica, la seconda all'evoluzione da forme di IA primitiva.
Il narratore cerca un creatore, la Centrale cerca invece un progenitore.
Il tema, ribaltato e trasformato, in un futuro in cui l'uomo è assente, ricalca l'antica polemica tra evoluzionisti e creazionisti. E in questo caso sembrano i creazionisti ad aver ragione, non i darwiniani. Le macchine sono state create e, solo a partire da quel momento, si sono evolute.
Il ribaltamento è servito e l'idea non è male.
Lo sviluppo successivo del racconto meno. Certo il linguaggio non aiuta. Se l'intelligenza è artificiale (e l'autore ce la pone con questa dizione), cos'è naturale? Il termine artificiale inguaia l'autore. Possibile che la macchina senziente non si sia interrogata sull'origine del termine stesso? Se qualcosa è artificiale, qualcos'altro è naturale. Per evitare incongruenze cambierei il termine. E poi Centrale, perché è femmina, mentre il protagonista è maschio? Ma soprattutto, se tali macchine sono in grado di estrarre il DNA significa che l'elemento biologico sulla Terra non si è estinto. Beh, la diffrenza tra biologico e non dovrebbe essere lampante anche per una IA e pertanto lampante anche l'origine più antica della prima sulla Terra.
Insomma sono tante incongruenze logiche che, messe in riga, fanno un po' venir meno il patto narrativo tra autore e lettore.
Vi sono anche incongruenze narrative, come lo strato di quarzite di cui è ricoperto l'altipiano degli Angeli (sul nome non si sono mai interrogati) ritenuto artificiale. Che poi invece si dice che l'altipiano sia stato sepolta da un evento vulcanico.
Tutto questo per dire che come racconto distopico o utopico mi pare funzioni poco. Come racconto allegorico ha molto più mordente e senso.

Le sequenze dialogiche dove compaiono gli umani mi sembrano inutilmente lunghe. Questo perché l'autore ha voluto introdurre un'altra contrapposizione: quella tra gli umani sporchi, brutti e ottusi e le macchine, il secondo pilastro del racconto. Forse per un racconto due pilastri sono troppi. La contrapposizione uomo macchina allunga il racconto e non aggiunge nulla a quella tra creazionisti ed evoluzionisti, è un di più.
Un di più forse velleitario, come il finale. Alla fine infatti l'umanità riesce ad autodistruggersi per la seconda volta, pare. A dimostrazione che l'uomo è sempre lo stesso.
Il modo in cui questa volta quei ragazzotti riescano tutti a far fuori è un po' tirato per i capelli e fa virare il racconto sull'umoristico.
Forse troppo.

Voto:3
Avatar utente
Il Guru
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 303
Iscritto il: 10/09/2022, 17:34

Author's data

Commento partecipante

Messaggio da leggere da Il Guru »

Racconto sicuramente ambizioso, che piacerà molto agli appassionati di fantascienza o di distopia. A me, francamente, non sono argomenti particolarmente cari, pertanto cercherò (per quanto mi sia possibile) di dare un giudizio imparziale. Il punto a favore di questa narrazione è sicuramente l’aver ribaltato l’idea di creazione dei robot rispetto agli esseri umani, che in un certo senso ritornano alla luce. Purtroppo però penso che questo sia anche il suo principale limite, per come viene esposto: i robot hanno modi di ragionare, agire e pensare che sono molto, troppo simili a quelli degli esseri umani “attuali”, mentre al contrario, secondo me, sarebbe stata proprio la loro efficienza a doverli contraddistinguere. La trovata di tre piani temporali sovrapposti non è male ma, purtroppo, questi salti temporali rendono spesso difficile la lettura, se non si è super-attenti (e quanti lettori “generici” lo sono?). La lunghezza del racconto, inoltre, non aiuta. Veniamo ora allo stile di scrittura: qualche rifuso è presente, peraltro già ampiamente segnalato, ma credo che non ci siano particolari problemi a riguardo; l’uso della punteggiatura, però, non è sempre il massimo e questo è un errore decisamente meno perdonabile. Confortato dalle prime righe, così suggestive e poetiche, speravo di trovarmi davanti a una penna abilissima; oltre, tutto questo lirismo si perde un po’, restando l’esposizione sempre corretta e comprensibile, ma senza particolari guizzi. Interessante il colpo di scena finale (anche se le coincidenze sono davvero troppe), forse andava preparato un po’ meglio nelle righe precedenti.

Nel complesso non vedo particolari motivi per “bocciare” il testo, ma non riesco francamente a tesserne particolari lodi, pertanto mi sento di promuoverlo con la sufficienza.

VOTO: 3
Avatar utente
Il Guru
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 303
Iscritto il: 10/09/2022, 17:34

Author's data

Commento partecipante

Messaggio da leggere da Il Guru »

Un racconto la cui idea di base è innegabilmente affascinante, già per questo, unito al fatto che è scritto bene, merita la "sufficienza", per quanto voglia significare. Ho trovato giusto un pochino confusionaria la parte iniziale, ma quando è venuto alla luce l'intento del protagonista, mi ha convinto. Come già fatto notare da altri, i nomi dei personaggi suonano un po' bizzarri e non proprio adatti (può darsi sia una cosa voluta, non ne ho idea). Altro appunto, forse la storia sarebbe stata da accorciare leggermente. Per quanto riguarda il finale, forse invece un po' frettoloso: personalmente, mi sarebbe piaciuto soffermarmi di più sulle impressioni del protagonista.

VOTO: 3
Rispondi

Torna a “Anonimania 2023 (febbraio)”


Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Un lavoro Fantastico

Un lavoro Fantastico

Antologia di opere ispirate a lavori inventati e ai mestieri del passato riadattati al mondo attuale.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Gabriele Laghi, nwAlessandro Mazzi, nwIsabella Galeotti, nwMarco Bertoli, Carlo Ragonese, Stefania Paganelli, Elegant Stork, nwSelene Barblan, Domenico De Stefano, nwAndrea Teodorani, Eliana Farotto, Andrea Perina, nwGabriella Pison, nwF. T. Leo, nwIda Dainese, Lisa Striani, nwUmberto Pasqui, nwLucia De Falco, nwLaura Traverso, Valentino Poppi, nwFrancesca Paolucci, Gianluca Gemelli.

Vedi nwANTEPRIMA (973,26 KB scaricato 46 volte).

nwinfo e commenti

compralo su   amazon



Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

antologia di opere ispirate alla paura dell'ignoto

Nella ricerca di un tema che potesse risultare gradito a più autori, ci è sembrato infine appropriato proporre un'antologia di opere il cui fattor comune fosse il brivido. Un termine per molti versi ingannevole, almeno quanto lo sono certe credenze e immagini che la ragione volutamente ignora, o perfino deride. Eppure, l'ignoto ci aspetta al varco, silenzioso e paziente, per catapultarci nello strapiombo degli incubi o nel vortice di ansie e desideri repressi.
A cura di Roberto Virdo'.

Contiene opere di: nwIda Dainese, nwFrancesca Paolucci, nwMarcello Rizza, nwFausto Scatoli, nwAnnamaria Ricco, Francesco Cau, Valentino Poppi, nwMario Flammia, Essea, nwUmberto Pasqui, nwEnrico Teodorani, Roberto Masini, Maria Perrella, Giacomo Baù, nwEliseo Palumbo, nwSelene Barblan, Stefano Bovi, nwIbbor OB, nwAndrea Teodorani, Simona Geninazza, Lidia Napoli, Mario Malgieri, Michele Silvi, nwIda Daneri, nwAlessandro Mazzi.

Vedi nwANTEPRIMA (681,69 KB scaricato 78 volte).

nwinfo e commenti

compralo su   amazon



Luna 69-19

Luna 69-19

antologia di opere ispirate al concetto di "Luna" e dedicata al 50° anniversario della storica missione dell'Apollo 11

Il 20 luglio 1969 è la data che segna per sempre il momento in cui il primo essere umano ha posato per la prima volta i piedi sul suolo lunare. Quel giorno una parte di voi era d'avanti ai televisori in trepidante attesa del touch-down del lander, altri erano troppo piccoli per ricordarselo e altri ancora non erano neppure nati, tuttavia ne siamo stati tutti coinvolti in molteplici maniere.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: nwAlessandro Mazzi, nwAndrea Coco, Andrea Messina, nwAngelo Ciola, nwCristina Giuntini, nwDaniele Missiroli, nwEnrico Teodorani, nwFrancesca Paolucci, Franco Argento, nwF. T. Leo, Gabriele Laghi, nwGabriele Ludovici, nwGabriella Pison, nwIunio Marcello Clementi, nwLaura Traverso, nwMarco Bertoli, nwMarco Daniele, Maria Emma Allamandri, Massimo Tessitori, nwNamio Intile, Pasquale Aversano, Pasquale Buonarotti, nwPietro Rainero, Roberta Venturini, nwRoberto Paradiso, nwSaji Connor, nwSelene Barblan, nwUmberto Pasqui, Valentino Poppi, Vittorio Serra, Furio Bomben.

Vedi nwANTEPRIMA (637,22 KB scaricato 107 volte).

nwinfo e commenti

compralo su   amazon






Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 57 - Imbranati

La Gara 57 - Imbranati

(dicembre 2015, 27 pagine, 3,39 MB)

Autori partecipanti: nwLodovico, nwGiorgio Leone, nwAngelo Manarola, nwFederico Pani, nwAlberto Tivoli, Skyla, nwMarina Paolucci, nwEliseo Palumbo,
A cura di Carlocelenza.
Scarica questo testo in formato PDF (3,39 MB) - scaricato 161 volte.
oppure in formato EPUB (448,80 KB) (nwvedi anteprima) - scaricato 210 volte..
nwLascia un commento.

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 - (a colori)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 - (a colori)

(edizione 2016, 11,89 MB)

Autori partecipanti: nwGiuseppe Bauleo, nwCristina Giuntini, nwGiorgio Leone, nwIda Dainese, nwAnna Rita Foschini, nwPatrizia Chini, nwNunzio Campanelli, nwDaniela Rossi, nwLodovico, nwMarco Bertoli, nwAlberto Tivoli, Sandra Ludovici, Cristina Biolcati, nwMarina Paolucci,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (11,89 MB) - scaricato 222 volte..
nwLascia un commento.

Gara d'autunno 2021 - Babi Yar, e gli altri racconti

Gara d'autunno 2021 - Babi Yar, e gli altri racconti

(autunno 2021, 56 pagine, 703,36 KB)

Autori partecipanti: nwNamio Intile, nwMarcello Rizza, nwRoberto Bonfanti, nwNuovoautore, nwFausto Scatoli, nwSelene Barblan, nwMessedaglia, nwGiovanni p, nwTemistocle, nwAndr60,
A cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (703,36 KB) - scaricato 48 volte.
oppure in formato EPUB (411,48 KB) (nwvedi anteprima) - scaricato 35 volte..
nwLascia un commento.