Cielo nero

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 22/12/2020, 23:00

1 - non mi piace affatto
1
4%
2 - mi piace pochino
3
13%
3 - si lascia leggere
11
46%
4 - è bello
6
25%
5 - mi piace tantissimo
3
13%
 
Voti totali: 24

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 564
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Cielo nero

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »


«L’hai saputo?»
 La voce, concitata, scuote Sergio dal torpore. Non l’ha neppure sentita entrare.
 «Sì» risponde quasi con noncuranza.
 «E non dici niente? Non fai niente? Te ne stai chiuso in casa a pensare? E cosa pensi, poi, cerchi una via di fuga che non esiste?»
 È arrabbiata, delusa.
 «Bimba…»
 «Non chiamarmi bimba, non è il momento!»
 «Va bene, Livia, scusami. Ma secondo te che dovrei fare? Disperarmi? A cosa servirebbe se non a nascondersi dietro la rabbia…»
 Livia lo guarda, sorpresa; non è il Sergio che conosce lei, quello è combattivo, non cede, s’infuria, mentre questo è remissivo in maniera assoluta.
 «Ma ci hanno tenuta nascosta la cosa fino a oggi, ti rendi conto? Dobbiamo andare a prenderli, giustiziarli in pubblico, devono pagare questo inganno con la vita, per la miseria.»
 Si alza dalla poltrona, Sergio, le si mette di fronte e le prende le mani: «E poi? Una volta uccisi cosa abbiamo risolto? Niente, perché poco dopo toccherà a noi, quindi lo ritengo inutile, superfluo.»
 Stupita che il suo uomo faccia simili ragionamenti, si stacca ed esplode: «In tutto il mondo si stanno ribellando, fanno saltare i governi e tu… tu diventi passivo in questo modo? Ma che ti è accaduto, Sergio, ti ha dato di volta il cervello o qualcosa di simile? Svegliati, andiamo anche noi!»
 Un sorriso triste appare sul viso di Sergio: «Se vuoi possiamo andare, gioia, ma non nelle piazze, non ora. Prendiamo la moto e partiamo per un ultimo giro insieme. Abbiamo poco più di ventiquattr’ore tutte per noi. Vieni?»
 Lei rimane spiazzata, sguardo stranito e bocca aperta. Vorrebbe dire qualcosa ma le parole non escono.
 D’improvviso lo abbraccia ed esplode in un pianto liberatorio.
 Sergio sente il corpo della donna scuotersi per i singhiozzi e viene colto a sua volta dall’emozione. La stringe a sé. Forte.
 
 La moto corre lungo le deserte strade di campagna, provocando uno dei pochi rumori che spaccano la quiete del luogo.
 Hanno scelto apposta l’entroterra, visto che la gente si sta riversando nelle grandi città, impaurita e inferocita al contempo, del tutto fuori controllo. Le forze dell’ordine neppure provano a fermare quei corpi impazziti, e spesso si mescolano a loro nella caccia ai governanti, i mentitori, “quelli che hanno nascosto tutto”.
 Campi lavorati si alternano a radi boschetti e osservano passare la coppia. Una casa ogni tanto spezza il paesaggio, ma oltre a qualche gallina che scorrazza nei dintorni, gatti furtivi e cani che abbaiano, nessun segno di vita.
 Rallenta, Sergio, fino a fermarsi in una stradina sterrata laterale. Scendono dalla moto e tenendosi per mano vanno verso gli alberi poco distanti, osservando i colori che li circondano: il verde dell’erba, il marrone delle piante, l’azzurro del cielo.
 Senza dire una parola si spogliano e fanno l’amore, dolcemente, sotto il sole settembrino. Si appisolano.
 
 È pomeriggio pieno quando Livia dice: «Torniamo, amore. Se quanto ci hanno detto è vero, tra poche ore sarà finita e voglio essere al mio paese.»
 Sergio annuisce. Si vestono, salgono sul mezzo e partono. Verso casa, verso la fine.
 Poco dopo sono nelle vie che conoscono bene, dove qualcuno corre, scappando da chissà cosa, altri sono a terra. Morti, forse. Livia piange mentre attraversano la strada principale, piange per quanto sta accadendo al mondo.
 Passano indenni, ignorati da tutti, e arrivano alla loro abitazione.
 Una volta dentro, Sergio stappa una bottiglia di vino e lo versa in due bicchieri, porgendone uno a lei.
 «A noi» sussurra alzando il calice.
 «A tutti» risponde Livia.
 Bevono.
 
 «Sergio, credo manchi meno di mezz’ora. Voglio andare in piazza.»
 «Va bene, un posto vale l’altro.»
 Non è grande la piazza del loro paese, ma pare enorme ora che è deserta.
 «Sono scappati tutti…»
 E invece, nel giro di pochi minuti arrivano una decina di persone e si uniscono a loro, guardandosi l’un l’altro senza parlare. Qualcuno alza gli occhi al cielo.
 Senza quasi rendersene conto si prendono per mano e formano un cerchio. Da lontano arriva il nero a coprire un po’ di cielo. Sempre più.
 «Dicono che bruci, che scotti tanto» esterna qualcuno, «ma sarà un attimo.»
 Il cielo nero li avvolge. Per sempre.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Macrelli Piero
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 53
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Il tema è già stato visto con R. Matheson, F. Brown, J.G. Ballard e altri, ma non stanca mai di piacere e ben si presta per racconti brevi. Qui il testo è formalmente corretto e il cerchio si chiude bene. Si poteva, però, pensare ad un approfondimento, attraverso i dialoghi , della personalità dei personaggi, della loro interiorità, Bene, invece, la mancanza di informazioni sul disastro in atto.
Mauro Conti
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 85
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Componimento basato sullo sfondo di un fatto tragico. Mi associo a chi ha rilevato una poca enfasi nella descrizione dei personaggi. Sia il fatto in se che i personaggi si muovono su uno scenario non molto ben definito, non collocabile nello spazio temporale ma molto realistico. Se la cosa è voluta allora cambia tutto.
La nota secondo me positiva è la capacità dell'autore di tenere il lettore in apprensione, quel detto-non detto che fa continuare a leggere per cercare un numero maggiore di informazioni, di dettagli; che però non arrivano (volutamente? Ce lo dirà l'autore) e ci si ritrova alla fine della storia. Comunque sufficienza piena, crea una discreta tensione.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 564
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Macrelli Piero ha scritto: 22/09/2020, 13:23 Il tema è già stato visto con R. Matheson, F. Brown, J.G. Ballard e altri, ma non stanca mai di piacere e ben si presta per racconti brevi. Qui il testo è formalmente corretto e il cerchio si chiude bene. Si poteva, però, pensare ad un approfondimento, attraverso i dialoghi , della personalità dei personaggi, della loro interiorità, Bene, invece, la mancanza di informazioni sul disastro in atto.
il testo è volutamente scarno e con poche informazioni sul disastro in atto.
sì, forse si poteva approfondire la descrizione dei personaggi, ma mi è parso superfluo, in un testo così breve
grazie del commento
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 564
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Mauro Conti ha scritto: 22/09/2020, 13:37 Componimento basato sullo sfondo di un fatto tragico. Mi associo a chi ha rilevato una poca enfasi nella descrizione dei personaggi. Sia il fatto in se che i personaggi si muovono su uno scenario non molto ben definito, non collocabile nello spazio temporale ma molto realistico. Se la cosa è voluta allora cambia tutto.
La nota secondo me positiva è la capacità dell'autore di tenere il lettore in apprensione, quel detto-non detto che fa continuare a leggere per cercare un numero maggiore di informazioni, di dettagli; che però non arrivano (volutamente? Ce lo dirà l'autore) e ci si ritrova alla fine della storia. Comunque sufficienza piena, crea una discreta tensione.
sì, la cosa è voluta, Mauro
tutto il testo è volutamente scarno
grazie per il commento
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 458
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Un bel racconto, scorrevole e ben scritto. Ho letto i precedenti commenti e sono d'accordo che forse andavano sviluppati alcuni aspetti, ma concordo anche con l'autore per la scelta ragionata di aver concentrato l'attenzione su altro, sulla sciagura in atto non precisata. E forse, proprio perché non precisata, rende la storia narrata più intrigante.
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Mette una gran curiosità di scoprire cosa diavolo stia accadendo, dunque ti tiene incollato fino alla fine. Trovo anch'io che sia un punto forte il fatto che non si capisca bene la natura del disastro.
Personalmente trovo Sergio molto ragionevole. Un racconto ben fatto.
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 141
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il testo è scorrevole ed il linguaggio è piano. Si scontrano, inizialmente, due mentalità diverse di fronte alla tragedia imminente: cercare di scappare, di fare qualcosa, e l'accettazione di ciò che sta accadendo, cercando di godere degli ultimi istanti. Mi ha fatto anche pensare al periodo che stiamo vivendo. Bello il finale col cerchio di persone.
Valerio Geraci
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 46
Iscritto il: 03/07/2016, 12:20
Località: Roma

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Valerio Geraci »

Ciao Fausto, il tuo racconto mi è piaciuto e come tema rientra molto nelle mie corde. Il tuo stile, come ti dissi già in un'altra occasione, mi piace molto, e stavolta il racconto mi è parso conciso e d'impatto. Non ho particolari critiche, forse si poteva descrivere di più la situazione generale oltre a quella intima, ma va bene anche così. 4 stelle per me!
Roberto Virdo'
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 208
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Complimenti Fausto, ben fatto. Una tensione narrativa notevole concentrata in poche righe. Secondo me hai fatto benissimo a non distogliere l'attenzione dalla tragedia incombente rincorrendo altri aspetti. Da leggere veloce tutto d'un fiato. Forma impeccabile e funzionale alla trama. Perfetto per me. Molto bravo, e al di là di tutto questo giro di parole vuoi sapere una cosa? Mi è piaciuto!
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 515
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Buon racconto, sia nei dialoghi che nelle descrizioni. Emerge il rapporto umano, anche se ne sa poco da come si comportano, dal fatto che preferiscono vivere gli ultimi momenti assieme, facendo qualcosa di bello, per poi andare insieme incontro al destino, che, come sempre, è sconosciuto.
Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 132
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Come sempre, un buon racconto, ben scritto e ben gestito.
Personalmente avrei preferito una maggiore contestualizzazione dei personaggi (e della loro caratterizzazione psicologica) e, soprattuttoto, dell'accadimento atteso. Hai voluto essere parco di informazioni, ed è l'autore che sceglie cosa dire e non dire: secondo me, però, qualche dettaglio che facesse lambiccare il cervello al lettore nel tentativo di capire/indovinare avrebbe reso più interessante la lettura. Certo, il testo era corto e si poteva star lì ad aspettare la conclusione, ma in questo modo la mia lettura è stata per forza passiva.
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 252
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Bel racconto che mi ha trasportato nel climax di uno dei miei film preferiti, Melancholia. Nel film si saprà subito quale sarà l'evento ma qui sta bene anche questa voluta mancanza di informazioni. Forse manca quel sentire la disperazione di chi sta per affrontare la fine di un mondo, credo poco che in un frangente come quello descritto si riesca a fare l'amore, nel senso mi permetto di consigliarti appunto la visione di Melancholia. Comunque mi ha coinvolto quindi lo premio nel sondaggio.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 310
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Sei un amante delle apocalissi, Fausto. Io, come sai, non amo i cambiamenti e adoro la routine, la ripetizione, il ritorno, l'alternarsi sempre uguale delle stagioni. Mi dà un senso di pace assoluta sapere che centomila anni dopo la mia morte la vita continuerà più o meno identica a oggi come a un milione di anni prima.
A ogni modo, il racconto è un ottimo racconto, merito di quel lasciare il cielo nero sullo sfondo e di concentrarsi su Livia e Sergio. Soprattutto Sergio, il quale affronta la fine con la calma con cui si affronta un evento comune della vita. Forse perché la morte è sempre e comunque l'epilogo della vita.
Mi piace questo Fausto malinconico e introspettivo.
Avatar utente
Carol Bi
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 59
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Carol Bi »

Un testo inpeccabile, scritto molto bene. Contenuto che ho apprezzato, sono un'amante del genere, anche se mi angoscia e mi spaventa e, nonostante la leggerezza con cui hai trattato soprattutto l'ultima parte, a me il senso di angoscia è rimasto attaccato come la colla. Quindi davvero bravo!
Mariovaldo
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 64
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Come già scritto da altri, il tema certamente non è nuovo, anzi, molto letto in decine di versioni. La mancanza di originalità si riscatta ampiamente nella scrittura, efficace e senza fronzoli e nella impostazione generale del racconto che ha una sua forza e un suo pathos. Complimenti sinceri
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 225
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Lo stile, asciutto e lineare, mi piace. I dialoghi funzionano. Però è tutto molto indefinito. Non c'è un prima, un perchè un cosa. Non si capisce chi sono, cosa sta per succedere e perchè. Mancano un po' troppi dettagli perchè possa catturare il lettore. Se fosse un capitolo di un libro allora il mio giudizio cambierebbe, perchè come ho già detto lo stile mi piace.
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 132
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

L'attesa di un disastro inevitabile tiene il lettore col fiato sospeso fino alla fine. Sapendo che ribellarsi la coppia si ritaglia un momento di vita da vivere intensamente, corrono sulla moto, fanno l'amore sul prato, assaporano con dolcezza quelli che sanno essere i loro ultimi istanti. Il lettore scopre tutto alla fine del testo e riesce ad assaporarne la particolarità. Scritto bene come sempre. Un ottimo lavoro.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattyManf »

Difficile scrivere un buon finale per qualcosa, pensare poi al finale dei finali.
Uno stile curato ci accompagna verso questo breve epilogo di cui sappiamo poco (e proprio per questo ci racconta tanto).

Ma non abbiamo il tempo di affezionarci a nessuno davvero. Ci sono letteralemnte tutti in queste piazze, ma non li conosciamo... e forse per questo non ci immedesiamo come dvoremmo.

Un buon racconto, che mette angoscia e timore per la vicenda narrata. Complimenti.
Ultima modifica di MattyManf il 25/11/2020, 21:43, modificato 1 volta in totale.
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiata a "Rose Nere" in Concorso FLASH.

sono FELICE perché...
:bicipit"Il Carillon di Absindaele" ,
si è piazzato al 3° posto su 45 concorrenti in Gara d'Autunno 2020!!!!
Fatemi sapere cosa ne pensate!
Illustrazioni: @chinevesperiane
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
MattQuagliata
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 15/11/2020, 17:39

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattQuagliata »

Un racconto formalmente ben scritto senza dubbio, ma avrei preferito avere più informazione sul disastro in atto, che mancando di descrizioni o di contestualizzazione non mi ha catturato, come nemmeno la fine dei personaggi - protagonisti, per la quale non ho provato empatia. Qualche rigo in più qua e là sul contesto e sull'introspezione almeno dei protagonisti avrebbe aiutato molto, a mio parere.
M.perrella
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/03/2020, 19:22

Author's data

Re: Cielo nero

Messaggio da leggere da M.perrella »

Il lettore già dalle prime battute viene agganciato alla storia che lascia presagire qualcosa di tragico e ineluttabile che solo alla fine sarà rivelato.
La brevità delle frasi contribuisce a rendere drammatica l'atmosfera del racconto che si dipana in modo lineare.
Non è chiara la collocazione spazio-temporale, tuttavia si può immaginare che la fine coinvolga l'intero universo.
Scritto molto bene. Bravo.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9455
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Cielo nero

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ricordatevi di specificare esattamente "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara (senza prefissi come "Re:" o altro), altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
GioriF
rank (info):

Author's data

Re: Cielo nero

Messaggio da leggere da GioriF »

Racconto che tiene incollato il lettore dalla prima riga. Non ci sono momenti di stanca, la tensione e la curiosità di sapere come va a finire sono costanti. Il finale è all'altezza del resto, con la spiegazione concentrata in poche parole all'ultima riga. È scritto molto bene; grammatica e punteggiatura sono curate meticolosamente come al solito. A mio parere un ottimo lavoro.
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 160
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Racconto scritto bene che, se pur trattando un tema visto più volte, riesce a lasciare al lettore una riflessione importante su ciò che davvero conti negli attimi più decisivi, dove l'istinto urla e la ragione trova un ultima isola felice. Buona scrittura
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 44 - Il potere della parola

La Gara 44 - Il potere della parola

(gennaio 2014, 33 pagine, 948,65 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Lodovico, Eddie1969, Anto Pigy, Skyla74, Scrittore 97, Daniela Rossi, Marina Paolucci, Silvia Torre,
A cura di Marino Maiorino.
Scarica questo testo in formato PDF (948,65 KB) - scaricato 214 volte.
oppure in formato EPUB (312,42 KB) (vedi anteprima) - scaricato 256 volte..
Lascia un commento.

La Gara 58 - A volte ritornano

La Gara 58 - A volte ritornano

(marzo/aprile 2016, 18 pagine, 500,19 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Laura Chi, Alberto Tivoli, Annamaria Vernuccio,
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (500,19 KB) - scaricato 40 volte.
oppure in formato EPUB (1,03 MB) (vedi anteprima) - scaricato 78 volte..
Lascia un commento.

La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

(luglio/agosto 2012, 42 pagine, 720,59 KB)

Autori partecipanti: Nathan, Umberto Pasqui, Ardito Eufemismo, Lodovico, Ser Stefano, Maria92, Lorella15, Alhelì, Mastronxo, Monica Porta may bee, Exlex, Tuarag, Licetti, Angela Di Salvo,
A cura di Mastronxo.
Scarica questo testo in formato PDF (720,59 KB) - scaricato 128 volte.
oppure in formato EPUB (936,83 KB) (vedi anteprima) - scaricato 232 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Downgrade

Downgrade

Riduzione di complessità - il libro Downpunk

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
è probabilmente il primo libro del genere Downpunk, ma forse è meglio dire che il genere Downpunk è nato con questo libro. Sam L. Basie, autore ingiustamente sconosciuto, presenta una visione dell'immediato futuro che ci lascerà a bocca aperta. In un futuro dove l'individuo è perennemente connesso alla globalità tanto da renderlo succube grazie alla sua immediatezza, è l'Umanità intera a operare su se stessa una "riduzione di complessità", operazione resa necessaria per riportare l'Uomo a una condizione di vita più semplice, più naturale e più... umana. Nel libro, l'autore afferma che "anche solo una volta all'anno, l'Essere umano ha bisogno di arrangiarsi, per sentirsi vivo e per dare un senso alla propria vita", ma in un mondo dove tutto ciò gli è negato dall'estremo benessere e dall'estrema tecnologia, le menti si sviluppano in maniera assai precaria e desolante, e qualsiasi inconveniente possa capitare diventerà un dramma esistenziale.
Di Sam L. Basie
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (2,50 MB scaricato 232 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Human Takeaway

Human Takeaway

(english version)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
What if we were cattles grazing for someone who needs a lot of of food? How would we feel if it had been us to be raised for the whole time waiting for the moment to be slaughtered? This is the spark that gives the authors a chance to talk about the human spirit, which can show at the same time great love and indiscriminate, ruthless selfishness. In this original parody of an alien invasion, we follow the short story of a couple bound by deep love, and of the tragic decision taken by the heads of state to face the invasion. Two apparently unconnected stories that will join in the end for the good of the human race. So, this is a story to be read in one gulp, with many ironic and paradoxical facets, a pinch of sadness and an ending that costed dearly to the two authors. (review by Cosimo Vitiello)
Authors: Massimo Baglione and Alessandro Napolitano.
Cover artist: Roberta Guardascione.
Translation from Italian: Carmelo Massimo Tidona.
Vedi ANTEPRIMA (494,48 KB scaricato 172 volte).
info e commenti compralo su   amazon

77, le gambe delle donne

77, le gambe delle donne

ovvero: donne in gamba!

Antologia di 77 opere e 10 illustrazioni per esplorare, conoscere e rappresentare la complessità e la varietà dell'universo femminile. Ognuno dei testi presenti in questa antologia riesce a cogliere tanti aspetti, anche contrastanti, di questa creatura affascinante e sorprendente che assieme agli uomini per millenni ha contribuito, nell'ombra o sul palco della storia, all'evoluzione della civiltà così come la conosciamo oggi. è inutile aggiungere che 77 opere soltanto non hanno la presunzione di fornire una rappresentazione esaustiva, ma lasciamo che la parte di questo "iceberg" femminile ancora sommerso rimanga pronto per emergere in prossime indagini e, perchì no, per costituire ancora la materia prima di altre future opere di ingegno.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Tullio Aragona, Maria Basilicata, Mara Bomben, Alessandro Borghesi, Emanuela Bosisio, Nunzio Campanelli, Paolo Caponnetto, Alessandro Carnier, Gino Centofante, Polissena Cerolini, Antonio Ciervo, Luigi Andrea Cimini, Giacomo Colosio, Cristina Cornelio, Marika Davoli, Stella Demaris, Maria Rosaria De Simone, Cetta de Luca, Cristoforo De Vivo, Roberta Eman, Luca Fadda, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Raffaella Ferrari, Virginia Fiorucci, Anna Rita Foschini, Franco Frainetti, Manuela Furlan, Nicola Gaggelli, Isabella Galeotti, Rebecca Gamucci, Lucilla Gattini, Michela Giudici, Antonino R. Giuffrè, Alessandro Kabon, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Greta Leder, Silvia Leuzzi, Yuleisy Cruz Lezcano, Libero, Marina Li Volsi, Rosalia Maria Lo Bue, Diego Luci, Sandra Ludovici, Verdiana Maggiorelli, Marino Maiorino, Angelo Manarola, Myriam Mantegazza, Germana Meli (geMadame), Roberta Michelini, Samuele Mocellin, Maurizio Nequio, Teresa Pace, Marina Paolucci, Roberto Paradiso, Umberto Pasqui, Viviana Picchiarelli, Daniela Piccoli, Anna Pisani, Luciano Poletto, Monica Porta, Pietro Rainero, Gianluigi Redaelli, Maria Rejtano, Stefania Resanfi, Franca Riso, Massimo Rosa, Francesca Santucci, Libera Schiano Lomoriello, Daniele Schito, Veronica Sequi, Salvatore Stefanelli, Stella Stollo, Paola Tomasello, Sonia Tortora, Liliana Tuozzo, Alessandro Zanacchi.
Vedi ANTEPRIMA (317,09 KB scaricato 345 volte).
info e commenti compralo su   amazon